XVI Congresso Nazionale SITCC            Roma, 4-7 ottobre 2012    L’analisi dei sistemimotivazionali nello studio del pro...
Perché i sistemi motivazionali?   L‟affetto è un “amplificatore di ogni    esperienza e un bersaglio per un reclutamento ...
Perché i sistemi motivazionali?   “In ogni momento desideri e aspirazioni, valori,    credenze e ideali caratteristici de...
Perché i sistemi motivazionali?“Possiamo immaginare il fluire del dialogo terapeutico  come un alternarsi di momenti in cu...
Studio del caso singolo Caso clinico: Carlo, 21 anni, studente  universitario, si rivolge a un servizio clinico  dell‟uni...
Strumenti per lo studio del            processo AIMIT (Liotti, Monticelli 2008):  Analisi degli indicatori delle motivazi...
Strumenti per lo studio del            processo CCRT (Luborsky, 1998):  Tema relazionale conflittuale centrale(Rappresent...
Procedura : formulazione del CCRT• FASE A: Localizzazione degli Episodi Relazionali  Un episodio relazionale è una parte d...
Procedura : valutazione del CCRT   Il metodo è stato applicato a 3 FASI della    terapia (totale RE = N 83):   Sedute 2-...
Strumenti per lo studio del            processo W motivazionali (De Coro,Andreassi,2001):Categorizzazione dei Wishes del ...
Risultati AIMIT: SMI Ter vs Pz                                Sistemi Motivazionali rilevati nelle 3 fasi della terapia   ...
Risultati AIMIT: Paziente                                        Sistemi motivazionali rilevati nel Terapeuta             ...
Risultati AIMIT: Terapeuta                                         Sistemi motivazionali rilevati nel Terapeuta           ...
Risultati AIMIT: REL vs NAR                         Sistemi Motivazionali rilevati nelle 3 fasi della terapia             ...
Risultati AIMIT: Paziente x faseCampione 30 sedute                  Carlo2-8Medie                   inizio      metà      ...
AIMIT: Analisi statistiche   Tavole di contingenza comprovano che le differenze fra le    distribuzioni (x fase e x locut...
Risultati CCRT : FASE 1Componente   Sigla        Definizione             PervasivitàW1               C1          Essere vi...
Risultati CCRT : FASE 2Componente   Sigla        Definizione PervasivitàW1                   D2     Essere fiero,     45% ...
Risultati CCRT : FASE 3Componente Sigla        Definizione            PervasivitàW1             D2           Essere fiero,...
Percentuali delle componenti del CCRT primario nei tre                               diversi periodi  100   80   60   40  ...
Categorie motivazionali dei WishesW-    I fase:       Pervasività II fase:       Pervasività III fase:             Pervasi...
Primo periodo    100     80     60     40     20      0          Fis   Att   Esp       Avv   SexSeries1   6.5   40    22  ...
Discussione : AIMIT   Si conferma l‟ipotesi che il sistema    paritetico è incrementato in un processo    che conduce a b...
Discussione : CCRT   Diminuisce la pervasività del W (35% > 24%)   Cambia il W nel CCRT primario: dal desiderio    di vi...
Discussione : CCRT motivazionale   Nella fase iniziale, Carlo presenta    l‟attivazione del SM di attaccamento molto    p...
Confronto fra AIMIT e SM             di Lichtenberg   Il SMI di Rango presenta un incremento    nella fase centrale del p...
Considerazioni conclusive   L‟AIMIT ha il gran pregio di valutare    l‟interazione fra motivazioni del P e del T.   La f...
Grazie per l‟attenzione!
L’analisi dei sistemi motivazionali nello studio del processo: un confronto fra AIMIT e CCRT
L’analisi dei sistemi motivazionali nello studio del processo: un confronto fra AIMIT e CCRT
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

L’analisi dei sistemi motivazionali nello studio del processo: un confronto fra AIMIT e CCRT

1,333 views

Published on

Uni studio presentato alla SITCC 2012 sull'analisi dei sistemi motivazionali nello studio del processo. Un confronto fra AIMIT e CCRT.

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,333
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
176
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L’analisi dei sistemi motivazionali nello studio del processo: un confronto fra AIMIT e CCRT

  1. 1. XVI Congresso Nazionale SITCC Roma, 4-7 ottobre 2012 L’analisi dei sistemimotivazionali nello studio del processo: un confronto fra AIMIT e CCRT A.De Coro*, M.Brasini**, C.Ardovini**, E.Gregni*, G.Mantione**, F.Monticelli**, S.Proietti*, F.Valcella** * Università Sapienza di Roma **CentroClinico De Sanctis
  2. 2. Perché i sistemi motivazionali? L‟affetto è un “amplificatore di ogni esperienza e un bersaglio per un reclutamento motivato di funzioni” (Lichtenberg, 1989) “E‟ possibile che l‟attivazione di uno SMI porti con sé emozioni intense correlate a memorie di precedenti attivazioni… e che sia tale stato mentale a influenzare l‟intersoggettività e le capacità mentali…” (Liotti, Monticelli, 2008)
  3. 3. Perché i sistemi motivazionali? “In ogni momento desideri e aspirazioni, valori, credenze e ideali caratteristici dell‟immediato focus motivazionale del paziente esercitano una pressione per esprimersi” e “Le parole pronunciate dall‟analista, i suoi silenzi e le altre forme di comunicazione non verbale… hanno un forte impatto sul paziente.” (Lichtenberg, Lachmann, Fosshage 1992) Quali sistemi motivazionali si attivano all‟inizio di una psicoterapia? Gli interventi del terapeuta si focalizzano sui SM? In che modo evolve la qualità e la quantità degli affetti/motivazioni del paziente nel corso del processo?
  4. 4. Perché i sistemi motivazionali?“Possiamo immaginare il fluire del dialogo terapeutico come un alternarsi di momenti in cui il paziente esprime il suo disagio – e comincia un primo lavoro di ricerca e riconoscimento sui nessi tra stati mentali e comportamenti – con momenti in cui si afferma la collaborazione con il terapeuta, che permette una riflessione più ampia e la ricerca di possibili soluzioni alternative al disagio stesso” (Liotti, Monticelli, 2008)- L‟attivazione del SMI di attaccamento contribuisce al funzionamento riflessivo della mente del paziente?- L‟evoluzione del processo terapeutico porta a un incremento dell‟attivazione del SMI cooperativo- paritetico?
  5. 5. Studio del caso singolo Caso clinico: Carlo, 21 anni, studente universitario, si rivolge a un servizio clinico dell‟università per un problema sessuale di lieve entità e conflittualità con la ragazza. Psicoterapia dinamica breve (Davanloo):14 sedute settimanali più 2 follow-up (6 e 16 m) Risultati:SCL-90-R: migliorano Ansia, Dep e Oss-Compulsivo.SWAP-200: DPD e tratti di EPD scendono; aumentano tratti Ossessivi. (Rocco e altri, 2012)
  6. 6. Strumenti per lo studio del processo AIMIT (Liotti, Monticelli 2008): Analisi degli indicatori delle motivazioni interpersonali nei trascrittiUnità: Locuzioni paziente e terapeuta =3697 3 FASI: sedute 2,3,4 – 6,7,8 – 13,14,15Frequenze SMI (NAR o REL)Valutazione certezza della rilevazioneValutazione delle transizioni
  7. 7. Strumenti per lo studio del processo CCRT (Luborsky, 1998): Tema relazionale conflittuale centrale(Rappresentato dal modello relazionale più ridondante nelle narrative del paziente)Tre componenti: Desideri, bisogni e intenzioni (W) Risposte dell‟altro (RO) Risposte del Sé (RS)
  8. 8. Procedura : formulazione del CCRT• FASE A: Localizzazione degli Episodi Relazionali Un episodio relazionale è una parte della seduta distinta dalla narrazione di un episodio nel quale il paziente interagisce con altre persone o con se stesso.• FASE B: Codifica del CCRT Passaggio 1: identificazione delle componenti in ogni RE• Passaggio 2: attribuzione di una categoria alle W, RO, RS in ogni RE.• Passaggio 3: pervasività delle categorie siglate per ogni componente. Le categorie più frequenti di W, RO e RS costituiscono la formulazione del CCRT.
  9. 9. Procedura : valutazione del CCRT Il metodo è stato applicato a 3 FASI della terapia (totale RE = N 83): Sedute 2-3 (RE = N 24) Sedute 7-8 (RE = N 30) Sedute 13-14 (RE = N 29) Sistema di categorie CCRT-LU (Albani, Pokorny et al., 2001 – trad.it. 2003)
  10. 10. Strumenti per lo studio del processo W motivazionali (De Coro,Andreassi,2001):Categorizzazione dei Wishes del CCRT secondo i cinque sistemi motivazionali individuati da Lichtenberg: Regolazione psichica delle esigenze fisiologiche – Attaccamento – Esplorazione/Assertività – Avversività – Sessualità/Sensualità
  11. 11. Risultati AIMIT: SMI Ter vs Pz Sistemi Motivazionali rilevati nelle 3 fasi della terapia 35 30 25densità SMI 20 15 10 5 0 AT AC RA PA altri SMI AT AC RA PA altri SMI TERAPEUTA PAZIENTE inizio metà fine
  12. 12. Risultati AIMIT: Paziente Sistemi motivazionali rilevati nel Terapeuta 20 18 16 14 ATdensità motivazionale 12 AC 10 RA 8 PA 6 altri SMI 4 2 0 inizio metà fine
  13. 13. Risultati AIMIT: Terapeuta Sistemi motivazionali rilevati nel Terapeuta 35 30 25 ATdensità motivazionale 20 AC RA 15 PA 10 altri SMI 5 0 inizio metà fine
  14. 14. Risultati AIMIT: REL vs NAR Sistemi Motivazionali rilevati nelle 3 fasi della terapia 70 60 50densità SMI 40 30 20 10 0 REL NAR N.D REL NAR N.D TER PAZ inizio metà fine
  15. 15. Risultati AIMIT: Paziente x faseCampione 30 sedute Carlo2-8Medie inizio metà fine25,4 AT 8,99 10,03 5,386,0 AC 3,68 4,16 2,6734,5 RA 13,14 17,60 13,3827,2 PA 8,19 13,14 7,106,7 altri SMI 3,35 5,82 4,00
  16. 16. AIMIT: Analisi statistiche Tavole di contingenza comprovano che le differenze fra le distribuzioni (x fase e x locutore) non sono casuali. ANOVA fattoriale locutore x fase per la variabile "certezza": conferma gli effetti principali, non linterazione. Interessante è una flessione nel grado di certezza nella fase intermedia della terapia. SMI x LOC (chi-quadro + test z) : Terapeuta usa il SMI PA più del paziente, l„AC in ugual misura; Paziente usa più gli altri SMI. SMI X LOC x FASE: nella prima fase il terapeuta usa anche più accudimento del paziente. REL/NAR X FASE: nella prima fase cè più narrazione, in quella intermedia più relazione e alla fine più indefinitezza tra NAR e REL. SMI x NAR/REL: PA è soprattutto REL, mentre gli altri SMI sono prevalentemente NAR
  17. 17. Risultati CCRT : FASE 1Componente Sigla Definizione PervasivitàW1 C1 Essere vicino 35% Essere fiero,W2 D2 essere esperto 32% Ignorare,RO 1 J1 rimproverare 20,50%RO 2 G2 Essere debole 17,50% Provare vergogna,RS 1 F2 essere insoddisfatto, 29% sentirsi in colpa E1 Essere deluso 23,50%RS 2 E2 Rassegnarsi 23,50%
  18. 18. Risultati CCRT : FASE 2Componente Sigla Definizione PervasivitàW1 D2 Essere fiero, 45% essere autonomo C1 Essere vicino 40%W2 C3 Essere fiducioso, 40% provare allegriaRO 1 C1 Essere vicino 30%RO 2 K2 Soggiogare 20%RS 1 G2 Essere debole 35%RS 2 C3 Essere fiducioso, 35% provare allegria
  19. 19. Risultati CCRT : FASE 3Componente Sigla Definizione PervasivitàW1 D2 Essere fiero, 24% essere autonomoW2 B1 Spiegare, confermare 24%RO 1 C1 Essere vicino 27,50%RO 2 J1 Ignorare, 13,50% rimproverareRS 1 D2 Essere fiero, 75% essere autonomoRS 2 C3 Essere fiducioso, 69% provare allegria
  20. 20. Percentuali delle componenti del CCRT primario nei tre diversi periodi 100 80 60 40 20 0 C1 D2 D2 J1 C1 C1 F2 G2 D2Series1 35 45 25 20.5 30 27.5 29 35 75 W nei 3 periodi RO nei 3 periodi RS nei 3 periodi
  21. 21. Categorie motivazionali dei WishesW- I fase: Pervasività II fase: Pervasività III fase: Pervasività Sedute 2,3 Sedute 7,8 Sedute 13,14 (Totale W=60) (Totale W= 86) (Totale W= 55)FIS 4 6,50% 4 4,50% 2 3,50%ATT 24 40,00% 38 44% 21 38%ESP 13 22% 24 28% 25 45,50%AVV 15 25% 17 19,50% 5 9%SEX 4 6,50% 3 3,50% 2 3,50% Percentuali di distribuzione su 53 sedute (259 RE): Fis = 6,5% Att = 26% Esp = 29,5 % Avv = 25% Sex = 13%
  22. 22. Primo periodo 100 80 60 40 20 0 Fis Att Esp Avv SexSeries1 6.5 40 22 25 6.5
  23. 23. Discussione : AIMIT Si conferma l‟ipotesi che il sistema paritetico è incrementato in un processo che conduce a buon esito: qui nel Terapeuta più che nel Paziente. L‟andamento della curva del PA (incremento a metà e flessione finale) converge con una valutazione dell‟AT effettuata sullo stesso caso con la scala CIS (Rocco, De Bei, 2012). I valori elevati di RA (paz) nel corso del processo sono comunque inferiori alla media del campione di baseline.
  24. 24. Discussione : CCRT Diminuisce la pervasività del W (35% > 24%) Cambia il W nel CCRT primario: dal desiderio di vicinanza al bisogno di essere capace, forte e autonomo. Aumenta la pervasività di RO e RS, ma da negative si trasformano in positive: nella rappresentazione dell‟altro, la vicinanza prevale sulla trascuratezza e il rimprovero; nella rappresentazione del sé, l‟esperienza di forza e benessere supera la vergogna e l‟insicurezza.
  25. 25. Discussione : CCRT motivazionale Nella fase iniziale, Carlo presenta l‟attivazione del SM di attaccamento molto più alta della media del campione di baseline, e minore esplorazione/assertività. Il SM avversivo decresce progressivamente nel corso del processo. Alla fine della terapia, il SM di attaccamento è meno attivo, mentre il SM esplorativo/assertivo risulta raddoppiato rispetto alle prime sedute.
  26. 26. Confronto fra AIMIT e SM di Lichtenberg Il SMI di Rango presenta un incremento nella fase centrale del processo, mentre il SM Avversivo decresce gradualmente. Il SMI Cooperativo-Paritetico nel paziente decresce in fase finale, laddove il SM Esplorativo/Assertivo cresce nettamente. L‟Attaccamento presenta lo stesso andamento in entrambe le valutazioni.
  27. 27. Considerazioni conclusive L‟AIMIT ha il gran pregio di valutare l‟interazione fra motivazioni del P e del T. La flessione di tutti i SMI nella fase finale (sia P sia T) converge con la flessione dei valori di Attività Referenziale osservata da Rocco, Mariani e al. (2012). Si può pensare che la terapia a breve termine riduca l‟attivazione affettiva e motivazionale rispetto ai valori attesi in fase iniziale.
  28. 28. Grazie per l‟attenzione!

×