sisvsp2012_sessione3_mazziotta_bernardini_de gaetano_soriani

378 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
378
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

sisvsp2012_sessione3_mazziotta_bernardini_de gaetano_soriani

  1. 1. Convegno SISVSP - Prendere decisioni Il ruolo della statistica per la conoscenza e la governance Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le politiche territoriali Matteo Mazziotta Antonella Bernardini Loredana De Gaetano Lorenzo Soriani ISTATRoma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  2. 2. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le Gli ambiti dell’innovazione del 6°Censimento Agricolt ura politiche territoriali Organizzazione flessibile (alta e bassa partecipazione) Censimento “fortemente” assistito dagli archivi amministrativi, lista pre-censuaria Compilazione mix mode (questionario cartaceo ed elettronico) Contenuti informativi (riduzione delle variabili rispetto al 2000 e maggiore attenzione all’ambiente) Rete web a supporto della rilevazione Strumenti a supporto della raccolta dati (caselle e-mail, bacheca, numero verde, Facebook) Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  3. 3. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le Perché è importante verificare la qualità del Censimento? politiche territoriali E’ stato utilizzato un metodo innovativo per la costruzione della lista pre-censuaria mediante l’integrazione tra : archivi amministrativi già in possesso dell’Istituto; archivi di nuova acquisizione. La Base Integrata di Fonti Amministrative (BIFA) è stata creata a partire da 17 banche dati differenti utilizzando: L’Istat vuole controllarne la qualità!! Nel futuro si prevede la costituzione di un «Farm Register». Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  4. 4. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le Gli archivi di provenienza politiche territoriali 0: assente 1: presente Provenienza fonti Liste speciali Agea Istituzioni pubbliche Anagrafi zootecniche Istituzioni Non profit Redditi agrari dei terreni Agriturismi Camere di Commercio Unità con prodotti DOP/IGP Dichiarazioni Iva Unità con prodotti vegetali dichiarati nei Catasto dei terreni ad uso agricolo redditi Registro Asia – unità giuridico Dichiarazioni vitivinicolo Agea economiche Indagine Andamento delle quantità dei prodotti agricoli commercializzati e relativi Censimento agricoltura 2000 Indagine Struttura e produzioni delle aziende agricole 2007 Liste speciali Proprietà collettive (Common land) Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  5. 5. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le Tipologie di errore politiche territoriali In una indagine statistica di tipo censuario o campionario possono essere presenti due tipologie di errore non campionario: errori di misura o di risposta errori di copertura L’Istat certifica la qualità del 6° Censimento Genera le dell’Agricoltura attraverso la conduzione di due rilevazioni post censuarie: l’indagine di misura l’indagine di copertura Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  6. 6. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le L’indagine di misura – 1 politiche territoriali Obiettivo Fornire stime sufficientemente affidabili dell’errore di misura e delle sue principali componenti (distorsione e varianza di risposta semplice e correlata) relativamente ad alcune variabili significative rilevate al Censimento, attraverso una re intervista effettuata con tecnica di rilevazione telefonica (CATI). Campione L’indagine viene condotta su un campione di circa 50 000 aziende già rilevate al Censimento e selezionate secondo un disegno di campionamento probabilistico. I domini territoriali di stima sono l’intero territorio nazionale, le cinque ripartizioni geografiche, le 21 regioni o province autonome e le province (per le quali saranno adottate stime per piccole aree). Periodo di svolgimento Dal 18 maggio 2011 al 31 gennaio 2012 Criticità Chi è il rispondente? Definizione delle variabili! Riconciliazione Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  7. 7. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le L’indagine di misura – 2 politiche territoriali L’indagine Il rilevatore non è a conoscenza delle risposte fornite dall’azienda al Censimento e solo nel caso in cui il dato fornito durante la rilevazione telefonica e il dato censuario non coincidessero per un range stabilito avviene la riconciliazione tra i due dati discordanti. Il valore riconciliato rappresenta il valore vero e consente l’utilizzo di modelli per la stima dell’errore di risposta. Il range stabilito è pari a: ±5% per le colture; ±10% per gli allevamenti; ±10% per il lavoro. I controlli inseriti all’interno del questionario consentono il rispetto di precisi vincoli tra le variabili aggregate e le loro componenti. Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  8. 8. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le L’indagine di misura – 3 politiche territoriali La Riconciliazione Il dato censuario non viene visualizzato dal rilevatore fino a quando il rispondente non ha risposto alla domanda. Nel caso in cui i due dati non coincidessero allora scatta il «warning»: «La risposta è diversa dal Censimento 2010, quale conferma?» CATI 2011 Censimento 2010 Riconciliazione Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  9. 9. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le L’indagine di copertura – 1 politiche territoriali Obiettivo dell’indagine Misurare il grado di copertura del Censimento, relativamente alla popolazione delle aziende agricole. Tasso di copertura: il rapporto tra il numero di aziende agricole rilevate al Censimento ed il numero di aziende realmente esistenti sul territorio nazionale nel periodo temporale di riferimento del Censimento stesso (24 Ottobre 2010) Campione Campione areale di circa 1500 fogli di mappa del Catasto dei terreni. A due stadi con stratificazione delle unità di primo stadio (Comuni). Nella fase di rilevazione sono individuate le aziende agricole che, nel periodo temporale di riferimento del Censimento, avevano terreni nelle particelle catastali di ciascuno dei fogli di mappa selezionati nel campione. I domini territoriali sono le 5 ripartizioni geografiche, le 21 regioni o province autonome e le province (attraverso stime per piccole aree). Periodo di svolgimento Giugno e Luglio 2011 (Veneto – indagine pilota) Settembre 2011 – Gennaio 2012 (il resto delle Regioni) Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  10. 10. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le L’indagine di copertura – 2 politiche territoriali L’indagine L’Istat estrae un numero di fogli di mappa del Catasto dei terreni sufficiente a garantire stime regionali del tasso di copertura. L’Istat esegue una “sovrapposizione” tra i fogli di mappa campione e il catasto dei terreni (contenuto nella lista BIFA) in modo che, per ciascuna particella catastale, ad uno o più proprietari sia possibile associare informazioni utili al reperimento dei proprietari stessi (la BIFA è stata linkata con l’anagrafe tributaria e con banche dati contenenti numeri di telefono). Nei fogli di mappa campione sono sottoposti a rilevazione: i proprietari delle particelle catastali al fine di risalire ai conduttori delle aziende agricole e i conduttori delle eventuali aziende agricole che insistono nelle particelle catastali. Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  11. 11. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le L’indagine di copertura – 3 politiche territoriali Perché un’indagine areale? È necessario mantenere l’indipendenza dal Censimento quindi: Non si possono usare le stesse banche dati; Non si possono usare liste di aziende; Si può partire direttamente dal territorio; Si possono contattare i proprietari delle particelle catastali. Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  12. 12. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le L’indagine di copertura – 4 politiche territoriali Svolgimento dell’indagine PASSO 1 – Individuazione delle aziende agricole Il rilevatore individua tutte le aziende agricole (con centro aziendale fuori o dentro il foglio di mappa) la cui superficie, in data 24/10/2010 ricade in tutto o in parte nel foglio di mappa. In questa fase il rilevatore deve contattare gli intestatari delle particelle incluse nel foglio di mappa al fine di risalire ai conduttori delle eventuali aziende agricole i cui terreni comprendono la particella in oggetto. PASSO 2 – Intervista ai conduttori Il rilevatore intervista i conduttori delle aziende agricole individuate al passo 1 allo scopo di acquisire alcuni elementi informativi sulle aziende stesse. Inoltre trascrive su un apposito modello l’elenco, con le relative informazioni anagrafiche, di tutte le aziende agricole che ha intervistato. Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  13. 13. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le L’indagine di copertura – 5 politiche territoriali Il sistema informatico (SGRCOP) L’Istat ha implementato un sistema informatico attraverso il quale il rilevatore può accedere alle liste di partenza, alla cartografia e può compilare tutta la modulistica, compreso il questionario di indagine (INDATA). Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  14. 14. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le SGRCOP – pagina iniziale politiche territoriali Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  15. 15. °Misurare la qualità del 6° Censimento dell’Agricoltura per meglio valutare le L’indagine di copertura – 6 politiche territoriali Modello di stima dell’errore di copertura Modello probabilistico di omogeneità entro le liste o di Petersen (Wolter, 1986), caratterizzato da ipotesi, che formalizza la mancata enumerazione delle unità al Censimento e all’indagine di copertura. Lista B In Out Lista A In x11 x12 x1+ Out x21 x22 x2+ x+1 x+2 x++=N Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  16. 16. Conclusioni – 1 L’Indagine di copertura, grazie all’indipendenza dal Censimento, consente di applicare il classico modello cattura e ricattura per la stima del tasso di copertura. E’ la prima volta nella storia del Censimento dell’Agricoltura che l’indagine di copertura viene svolta su tutta Italia e darà stime a livello regionale e provinciale per le quali saranno adottate stime per le piccole aree. Insieme all’indagine di misura, è la più grande indagine di qualità mai condotta per un Censimento dell’Agricoltura. Le indagini post-censuarie permetteranno la valutazione della qualità del Censimento nell’ottica della creazione di un “Farm Register”. Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP
  17. 17. Conclusioni – 2 La creazione del Farm Register consentirebbe di avere dati sempre aggiornati sulla realtà agricola. I policy makers potrebbe disporre di una visione tempestiva del settore per una migliore e più appropriata scelta delle politiche di intervento. Le politiche territoriali in campo agricolo sarebbero certamente meglio valutate attraverso l’uso di fonti amministrative costantemente aggiornate. Le indagini di qualità del Censimento dell’Agricoltura sono un passo fondamentale verso la realizzazione del “Censimento continuo”. Roma, 19 – 20 Aprile 2012 – Convegno SISVSP

×