Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Terna, Flavio Cattaneo all’ assemblea Azionisti: miglior bilancio di                                           sempreUna p...
ritardi autorizzativi locali, che dovrebbero essere sollecitati non solo da noi ma da tuttigli operatori in buona fede. Bi...
Fonte:Terna WebMagazine
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Terna, Flavio Cattaneo: il miglior bilancio di sempre

173 views

Published on

Una parte del discorso che Flavio Cattaneo, AD Terna, ha tenuto durante l’Assemblea degli azionisti il 13 maggio 2011. I temi affrontati sull’attività tradizionale di sviluppo della Rete, nell’ambito del Mercato dei Servizi di Dispacciamento, e sul progetto fotovoltaico.

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Terna, Flavio Cattaneo: il miglior bilancio di sempre

  1. 1. Terna, Flavio Cattaneo all’ assemblea Azionisti: miglior bilancio di sempreUna parte del discorso che Flavio Cattaneo, AD Terna, ha tenuto durante l’Assemblea degliazionisti il 13 maggio 2011. I temi affrontati sull’attività tradizionale di sviluppo della Rete,nell’ambito del Mercato dei Servizi di Dispacciamento, e sul progetto fotovoltaico.“Non solo abbiamo chiuso il miglior Bilancio di sempre, ma abbiamo ancora una voltadimostrato di saper mantenere le promesse, raggiungendo e superando gli obiettivisfidanti che ci eravamo posti nell’attività tradizionale di sviluppo della Rete, nell’ambito delMercato dei Servizi di Dispacciamento, e nel progetto fotovoltaico.Avevamo promesso che il 2010 sarebbe stato l’anno delle opere, e così è stato: abbiamoinvestito quasi 1,2 miliardi di euro per potenziare e ammodernare la rete elettrica italiana,oltre ai più di 400 milioni del progetto fotovoltaico Rete Rinnovabile. E a proposito dirinnovabili, si sono lette in questi giorni sulla stampa alcune polemiche sul fatto che la reteelettrica non sarebbe adeguata allo sviluppo di queste. Non è colpa della rete. Terna stafacendo la sua parte non disattendendo a nulla: ha connesso alla rete tutti i nuovi impiantia fonte rinnovabile, ed oggi risultano installati circa 11.000 MW tra eolico e fotovoltaico,per 1,3 miliardi di euro di opere realizzate, di cui circa il 90% al sud d’Italia. E neiprossimi 5 anni verrà investito un altro 1,5 miliardo solo per le rinnovabili. Terna nonha mai deluso le aspettative . Il vero problema è l’abnorme numero di richieste e i
  2. 2. ritardi autorizzativi locali, che dovrebbero essere sollecitati non solo da noi ma da tuttigli operatori in buona fede. Bisogna accelerare sulle autorizzazioni, questa è la prioritànumero uno per tutti.In 12 mesi abbiamo aggiunto oltre 1.000 km di nuovi elettrodotti e costruito 48nuove stazioni. L’elettrodotto ‘Casellina-Tavarnuzze-Santa Barbara’ in Toscana, larazionalizzazione della rete in Val d’Ossola, e ovviamente il SAPEI, il “ponte elettrico”che collega la Sardegna alla Penisola, sono state 3 delle opere completate. Ricordo anchel’apertura dei cantieri della “Sorgente-Rizziconi” e della Chignolo Po-Maleo.Con il perfezionamento della partnership strategica tra Terna e l’operatore di trasmissionemontenegrino, abbiamo gettato le basi per la più importante opera d’interconnessionecon l’estero dei prossimi anni, rappresentata dal cavo di collegamento tra l’Italia e ilMontenegro.La performance raggiunta nel Mercato dei Servizi di Dispacciamento è stata quasiil doppio delle attese, massimizzando così l’incentivo legato alla riduzione dei volumiapprovvigionati previsto dal Regolatore.Con la vendita di Rete Rinnovabile abbiamo chiuso a tempo di record la terzaoperazione di M&A in due anni. E’ stata un’operazione che ha apportato benefici a Terna,ma soprattutto al Paese e al sistema elettrico: con i suoi 150MW di capacità, la societàRete Rinnovabile è oggi il primo operatore unitario di fotovoltaico in Italia e tra i primi inEuropa.Come già accaduto per il Brasile, gli oltre 200 milioni di euro di proventi netti verranno inparte reinvestiti nello sviluppo di una seconda tranche di impianti fotovoltaici, e in partedestinati ad integrazione della politica dei dividendi.Per Terna, il valore strategico del progetto è stato di gran lunga superiore ai proventi nettirealizzati. RTR è stato il nostro primo greenfield imprenditoriale: in pochi mesiabbiamo costituito, avviato e ceduto una società. Abbiamo sviluppato nuove competenze econsolidato un know-how che stiamo già riutilizzando per la seconda tranche del progettoche, sebbene più piccola, garantirà ulteriore creazione di valore per il Gruppo e per voiazionisti.
  3. 3. Fonte:Terna WebMagazine

×