Bpco Mar

5,969 views

Published on

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
5,969
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
9
Actions
Shares
0
Downloads
128
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Bpco Mar

    1. 1. Le malattie ostruttive delle vie aeree <ul><li>Caratterizzate da “limitazione al flusso espiratorio” (ostruzione) </li></ul><ul><ul><li>evidenziabile con segni obiettivi e funzionali </li></ul></ul><ul><li>Causate da molteplici fattori </li></ul><ul><ul><li>dell’ambiente e dell’ospite </li></ul></ul><ul><li>Meccanismi dell’ostruzione: molteplici </li></ul><ul><ul><li>ostruzione variabile e poco variabile </li></ul></ul><ul><li>Principali malattie </li></ul><ul><ul><li>asma bronchiale </li></ul></ul><ul><ul><li>bronchite cronica </li></ul></ul><ul><ul><li>enfisema polmonare </li></ul></ul>
    2. 3. 6 5 4 1 2 3 BRONCHITE CRONICA ENFISEMA ASMA OSTRUZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE 7
    3. 4. Definizione di Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva <ul><li>La BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è una malattia respiratoria cronica prevenibile e trattabile associata a significativi effetti e comorbidità extrapolmonari che possono contribuire alla sua gravità </li></ul><ul><li>Le alterazioni broncopolmonari sono costituite da una ostruzione al flusso aereo persistente, non completamente reversibile, ed evolutiva legata a rimodellamento delle vie aeree periferiche ed enfisema </li></ul><ul><li>L’ostruzione, il rimodellamento delle vie aeree periferiche e l’enfisema sono dovuti ad una abnorme risposta infiammatoria delle vie aeree, del parenchima polmonare e sistemica all’inalazione di fumo di sigaretta o di altri inquinanti </li></ul>Progetto Mondiale BPCO, 2007
    4. 5. <ul><li>BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO) </li></ul><ul><li>malattia caratterizzata da ostruzione delle vie aeree che </li></ul><ul><li>si modifica poco nel tempo , e che è lentamente progressiva </li></ul><ul><li>dovuta a varia combinazione di bronchite cronica ed </li></ul><ul><li>enfisema polmonare </li></ul><ul><li>dovuta a fumo o altri agenti irritanti respiratori </li></ul><ul><li>nel 2020: 3a causa di mortalità e 5a causa di morbilità </li></ul><ul><li>caratterizzata patologicamente da </li></ul><ul><ul><li>infiammazione delle grandi e piccole vie aeree </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>ispessimento parietale  ostruzione delle vie aeree </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>distruzione del parenchima polmonare </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>enfisema  insufflazione </li></ul></ul></ul><ul><li>conseguenze fisiopatologiche </li></ul><ul><ul><li>alterazioni della meccanica respiratoria </li></ul></ul><ul><ul><li>alterazione degli scambi gassosi </li></ul></ul>
    5. 6. BPCO: storia naturale dell’ostruzione bronchiale Fumatore regolare e suscettibile agli effetti del fumo Non fumatore o non suscettibile agli effetti del fumo Stop a 45 anni Stop a 65 anni Morte Invalidità Età (anni) VEMS (% dei valori all’età di 25 anni)
    6. 7. BPCO: Epidemiologia I dati in Italia <ul><li>Nella popolazione generale l’associazione di bronchite cronica, enfisema ed insufficienza respiratoria si colloca al 4° posto tra le malattie croniche più frequenti e colpisce 4.6 soggetti su 100 (5.6 uomini e 3.7 donne su 100) </li></ul><ul><li>Nei soggetti di età > 65 anni il tasso di prevalenza è triplicato: la malattia colpisce 16.2 soggetti su 100 (22.9 uomini e 11.4 donne su 100) </li></ul><ul><li>La BPCO causa il 50-55% delle morti per malattie dell’apparato respiratorio </li></ul><ul><li>La mortalità è in continuo aumento </li></ul>
    7. 8. Impatto economico della BPCO 0 200 400 600 800 1.000 1.200 1.400 10.000 12.000 14.000 <40% Gravità Ospedalizzazione Farmaci Visite Trasporto 40-59% 60-79% 80% FEV 1 Costo medio per 20 settimane (SEK, 1999) Andersson F et al, 2002
    8. 9. BPCO : Anatomia-patologica e fisiopatologia Patogenesi Particelle e gas nocivi (es. fumo di sigaretta) Infiammazione Fattori legati all’individuo Anti-ossidanti Anti-proteasi Proteasi BPCO Stress ossidativo
    9. 10. VARIAZIONE PERCENTUALE DELLE MORTI PER ETA’ IN U.S.A. 0 0.5 1.5 1.0 2.0 2.5 3.0 1965 - 1998 1965 - 1998 1965 - 1998 1965 - 1998 1965 - 1998 -59% -64% -35% +163% -7% Coronaro- patie Infarto Altre Malattie CV BPCO Tutte le altre cause Proporzione della frequenza del 1965
    10. 12. Bronchite cronica definizione e fattori di rischio <ul><li>Presenza di tosse produttiva cronica o ricorrente per la maggior parte del tempo, per un minimo di tre mesi all’anno per almeno due anni consecutivi (non attribuibili ad altre cause) </li></ul><ul><ul><li>Semplice, ostruttiva e asmatica </li></ul></ul><ul><li>Fattori di rischio </li></ul><ul><ul><li>Ambientali </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Fumo di sigaretta (dose totale: pacchetti/anno o pack/years) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Fumo passivo e/o ambientale (biomasse) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Esposizione professionale alle polveri </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Individuali </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Razza, etnia, sesso </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Familiarità </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Suscettibilità individuale al fumo di sigaretta e alle infezioni infantili </li></ul></ul></ul>
    11. 13. Alterazioni anatomo-patologiche della bronchite cronica <ul><li>Danno dell’epitelio bronchiale </li></ul><ul><ul><li>Metaplasia squamosa </li></ul></ul><ul><ul><li>Desquamazione epiteliale </li></ul></ul><ul><ul><li>Perdita della funzione ciliare </li></ul></ul><ul><li>Ipertrofia delle strutture muco-secernenti </li></ul><ul><ul><li>Ipertrofia/iperplasia delle ghiandole mucose (indice di Reid) </li></ul></ul><ul><ul><li>Aumento del rapporto tra cellule mucose e sierose </li></ul></ul><ul><ul><li>Aumento delle cellule caliciformi </li></ul></ul><ul><ul><li>Cambiamento delle caratteristiche reologiche del muco </li></ul></ul><ul><li>Infiammazione della parete bronchiale </li></ul><ul><ul><li>Infiltrazione di linfociti CD8, neutrofili e macrofagi </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>in corrispondenza delle ghiandole mucose </li></ul></ul></ul>
    12. 15. L’ostruzione bronchiale nella bronchite cronica
    13. 17. Conseguenze fisiopatologiche e cliniche (I) <ul><li>Ostruzione bronchiale </li></ul><ul><ul><li>Dispnea da sforzo </li></ul></ul><ul><li>Ingombro di secrezioni e alterazione clearance muco-ciliare </li></ul><ul><ul><li>Soggetto normo- o sovra-peso, fumatore e con frequenti riacutizzazioni </li></ul></ul><ul><ul><li>Espettorazione abituale (al mattino) </li></ul></ul><ul><ul><li>RR “aspro”, con rumori patologici di tipo discontinuo (crackles) e continuo a medio-bassa tonalità (ronchi o gemiti) variabili con la tosse </li></ul></ul><ul><ul><li>Colonizzazione batterica </li></ul></ul><ul><ul><li>Frequenti riacutizzazioni </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Aumento dell’espettorazione, della purulenza e della dispnea, spesso con respiro sibilante (componente asmatica) </li></ul></ul></ul><ul><li>Declino accelerato della funzione polmonare </li></ul><ul><ul><li>Dispnea da sforzo ingravescente </li></ul></ul><ul><ul><li>Limitazione progressiva delle attività quotidiane </li></ul></ul>
    14. 19. Conseguenze fisiopatologiche e cliniche (II) <ul><li>Alterazioni spirometriche </li></ul><ul><ul><li>Sindrome ostruttiva (FEV1/VC < 88% pred maschi, 89% pred femmine) </li></ul></ul><ul><ul><li>Volumetria statica normale </li></ul></ul><ul><li>Alterazioni radiologiche </li></ul><ul><ul><li>Alla radiografia del torace </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Aumento dei segni bronchiali e vascolari (“accentuazione trama b.v.”) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Alterazioni dell’ombra cardiaca </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Alla TAC </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Aree di diversa densità </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Possibili bronchiectasie </li></ul></ul></ul><ul><li>Alterazioni dello scambio gassoso polmonare </li></ul><ul><ul><li>Grave alterazione del rapporto V/Q </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Marcata ipossiemia, normocapnia o ipercapnia </li></ul></ul></ul>
    15. 21. Enfisema polmonare definizione e fattori di rischio <ul><li>Dilatazione permanente degli spazi aerei distali ai bronchioli terminali, con distruzione dei setti alveolari, in assenza di chiara fibrosi </li></ul><ul><ul><li>In clinica, definibile su dati indiretti, sia funzionali che radiologici (aumento del contenuto aereo del polmone: insufflazione statica) </li></ul></ul><ul><li>Fattori di rischio </li></ul><ul><ul><li>Ambientali </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Fumo di sigaretta (dose totale: pacchetti/anno o pack/years) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Fumo passivo e/o ambientale (biomasse) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Esposizione professionale alle polveri </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Individuali </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Razza, etnia, sesso </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Familiarità </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Suscettibilità individuale al fumo di sigaretta e alle infezioni infantili </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Deficit di alfa1-antitripsina (1:10-20.000) </li></ul></ul></ul>
    16. 22. Alterazioni anatomo-patologiche dell’enfisema <ul><li>Distruzione delle strutture alveolari </li></ul><ul><ul><li>Aumento della distanza intersettale </li></ul></ul><ul><ul><li>Riduzione degli “attacchi” alveolari </li></ul></ul><ul><li>Enfisema centrolobulare </li></ul><ul><ul><li>Bronchioli respiratori ed alveoli contigui </li></ul></ul><ul><ul><li>Distribuzione intralobulare eterogenea </li></ul></ul><ul><ul><li>Prevalente nelle porzioni superiori </li></ul></ul><ul><ul><li>Prevalentemente dovuto a fattori esterni (fumo) </li></ul></ul><ul><li>Enfisema panlobulare </li></ul><ul><ul><li>Intera struttura acinare (centro e periferia) </li></ul></ul>
    17. 24. Conseguenze fisiopatologiche e cliniche (I) <ul><li>Ostruzione bronchiale </li></ul><ul><ul><li>Dispnea da sforzo </li></ul></ul><ul><li>Insufflazione polmonare </li></ul><ul><ul><li>Statica </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>soggetto magro, con torace a botte, RR ridotto, suono iperfonetico, espirazione prolungata </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Dinamica </li></ul></ul><ul><ul><li>Alterata meccanica respiratoria </li></ul></ul><ul><ul><li>Alterazioni muscolari e nutrizionali </li></ul></ul><ul><li>Declino accelerato della funzione polmonare </li></ul><ul><ul><li>Dispnea da sforzo ingravescente </li></ul></ul>
    18. 25. Conseguenze fisiopatologiche e cliniche (II) <ul><li>Alterazioni spirometriche </li></ul><ul><ul><li>Sindrome ostruttiva (FEV1/VC < 88% pred maschi, 89% pred femmine) </li></ul></ul><ul><ul><li>Insufflazione polmonare (TLC o VGT > 120% pred) </li></ul></ul><ul><li>Alterazioni radiologiche </li></ul><ul><ul><li>Alla radiografia del torace </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Segni di insufflazione polmonare (rarefazione desgno polmonare, vasi assottigliati e stirati, aumento spazio retrosternale e retrocardiaco, diaframmi abbassati)  torace “a botte” </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Cuore piccolo (a “ goccia”) </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Alla TAC </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Zone di riduzione della densità polmonare </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>A “macchie” (centrolobulare, black berries) </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>Diffuso (panlobulare) </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>Bolle </li></ul></ul></ul></ul><ul><li>Alterazioni dello scambio gassoso polmonare </li></ul><ul><ul><li>Lieve alterazione del rapporto V/Q </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Modesta ipossiemia, ipocapnia o normocapnia </li></ul></ul></ul>
    19. 31. <ul><li>ETEROGENEITA’ DELLA BPCO : bronchite cronica vs enfisema </li></ul><ul><li>bronchite cronica </li></ul><ul><ul><li>ostruzione bronchiale prevalente, da: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>infiammazione bronchiale, ipersecrezione </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>scarsa o assente insufflazione polmonare </li></ul></ul><ul><ul><li>marcata alterazione del rapporto V/Q  maggiore ipossiemia </li></ul></ul><ul><ul><li>“ ipoventilazione” permissiva, obesità </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>minor dispnea, maggior ipercapnia </li></ul></ul></ul><ul><li>enfisema polmonare </li></ul><ul><ul><li>insufflazione polmonare prevalente </li></ul></ul><ul><ul><li>ostruzione bronchiale prevalentemente da cause estrinseche </li></ul></ul><ul><ul><li>minor alterazione del rapporto V/Q  minor ipossiemia </li></ul></ul><ul><ul><li>“ drive” ventilatorio conservato, alterazioni meccaniche </li></ul></ul><ul><ul><ul><li> marcata dispnea, magrezza, ipotrofia muscolare </li></ul></ul></ul>
    20. 32. I due fenotipi della BPCO: enfisema vs bronchite cronica
    21. 33. <ul><li>BPCO: COMPONENTI DELLA MALATTIA </li></ul><ul><li>ostruzione bronchiale </li></ul><ul><ul><li>dovuta a diversi fattori </li></ul></ul><ul><ul><li>conseguenze: dispnea, maggior lavoro MR </li></ul></ul><ul><li>insufflazione polmonare </li></ul><ul><ul><li>statica e dinamica </li></ul></ul><ul><ul><li>conseguenze: sfavorevole rapporto Lunghezza/Tensione dei </li></ul></ul><ul><ul><li>muscoli respiratori </li></ul></ul><ul><li>ipersecrezione bronchiale </li></ul><ul><ul><li>ingombro bronchiale </li></ul></ul><ul><ul><li>conseguenze:ostruzione, atelectasie, infezioni, etc </li></ul></ul><ul><li>limitazione nella vita quotidiana </li></ul><ul><ul><li>decondizionamento </li></ul></ul><ul><ul><li>conseguenze sistemiche </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>muscoli scheletrici </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>apparato cardiovascolare </li></ul></ul></ul>
    22. 34. <ul><li>OSTRUZIONE BRONCHIALE NELLA BPCO </li></ul><ul><li>dovuta a varia combinazione di </li></ul><ul><ul><li>ispessimento della parete bronchiale </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>infiltrazione cellulare, edema, fibrosi, ipersecrezione </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>contrazione della muscolatura liscia bronchiale </li></ul></ul><ul><ul><li>collasso bronchiale </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>perdita di supporto elastico </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>aumento della pressione intrapleurica </li></ul></ul></ul><ul><li>poco reversibile </li></ul><ul><ul><li>acutamente (con broncodilatatori) o nel tempo </li></ul></ul><ul><li>misurabile con le comuni indagini spirometriche </li></ul><ul><ul><li>VEMS/CV (indice di Tiffeneau), VEMS (% pred) </li></ul></ul>
    23. 36.
    24. 38. <ul><li>Conseguenze meccaniche dell’ostruzione bronchiale </li></ul><ul><li>aumento delle resistenze delle vie aeree </li></ul><ul><ul><li>aumento del lavoro dei muscoli respiratori </li></ul></ul><ul><ul><li>nei casi estremi  “fatica” dei muscoli inspiratori </li></ul></ul><ul><li>rallentato svuotamento polmonare </li></ul><ul><ul><li>aumento della pressione alveolare di fine-espirazione (PEEPi) </li></ul></ul><ul><ul><li>maggior lavoro dei muscoli inspiratori </li></ul></ul><ul><li>limitazione all’incremento di flusso durante lo sforzo </li></ul><ul><ul><li>flussi inspiratori ed espiratori limitati </li></ul></ul><ul><ul><li>insufflazione dinamica </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>maggior lavoro muscolare  maggior dispnea </li></ul></ul></ul>
    25. 41. <ul><li>INSUFFLAZIONE POLMONARE </li></ul><ul><li>dovuta a fattori anatomici e funzionali </li></ul><ul><ul><li>enfisema centrolobulare e panlobulare </li></ul></ul><ul><ul><li>perdita di ritorno elastico  intrappolamento aereo </li></ul></ul><ul><li>evidenziabile con le indagini spirometriche </li></ul><ul><ul><li>incremento dei volumi statici (VR, CFR, CPT) </li></ul></ul><ul><ul><li>aumento del volume di gas intratoracico (pletismografia) </li></ul></ul><ul><li>nei casi più avanzati  aspetto obiettivo tipico (“pink puffer”) </li></ul><ul><li>aumenta nello sforzo o per aumento dell’ostruzione </li></ul><ul><ul><li>“ insufflazione dinamica” </li></ul></ul><ul><li>responsabile di: </li></ul><ul><ul><li>maggior lavoro muscolare e alterata meccanica respiratoria </li></ul></ul><ul><ul><li> maggior dispnea </li></ul></ul>
    26. 45. <ul><li>CONSEGUENZE DELL’OSTRUZIONE BRONCHIALE </li></ul><ul><li>E DELL’INSUFFLAZIONE POLMONARE </li></ul><ul><li>ostruzione bronchiale </li></ul><ul><ul><li>alterazione del rapporto ventilazione/perfusione </li></ul></ul><ul><ul><li>ipossiemia vs ipossiemia + ipercapnia </li></ul></ul><ul><li>insufflazione polmonare </li></ul><ul><ul><li>alterata distribuzione della ventilazione </li></ul></ul><ul><ul><li>riduzione della superfice di scambio (DLCO ridotto) </li></ul></ul><ul><li>maggior lavoro muscolare </li></ul><ul><ul><li>aumento della ventilazione alveolare  dispnea </li></ul></ul><ul><ul><li>ipoventilazione alveolare  ipercapnia </li></ul></ul><ul><li>limitazione dell’attività fisica </li></ul><ul><ul><li>ipotrofia muscoli degli arti  dispnea </li></ul></ul>
    27. 48. <ul><li>CONSEGUENZE DELLA BPCO </li></ul><ul><li>alterazioni della meccanica respiratoria </li></ul><ul><ul><li>affaticamento muscolare </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>deficit “di pompa” </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>insufficienza respiratoria ipercapnica </li></ul></ul></ul></ul><ul><li>alterazione a carico della circolazione polmonare </li></ul><ul><ul><li>ipertensione polmonare </li></ul></ul><ul><ul><li>cuore polmonare cronico </li></ul></ul><ul><li>conseguenze “sistemiche” </li></ul><ul><li>insufficienza respiratoria </li></ul><ul><ul><li>ipossiemica ed ipercapnoca </li></ul></ul>
    28. 51. <ul><li>CONSEGUENZE “SISTEMICHE” DELLA BPCO </li></ul><ul><li>ipotrofia dei muscoli scheletrici degli arti </li></ul><ul><ul><li>malnutrizione, decondizionamento fisico </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>ipotrofia muscolare </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>ipossiemia cronica </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>alterazioni metaboliche muscolari </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>precoce comparsa di acidosi lattica da sforzo </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>contributo alla dispnea  circolo vizioso </li></ul></ul></ul><ul><li>ansia e depressione </li></ul><ul><li>cattiva qualità di vita </li></ul>
    29. 53. Fattori che influenzano lo stato di salute BPCO Dispnea Limitazione all'esercizio Alterazioni dell'umore Tosse Riacutizzazioni Fatica Limitazione al flusso Iperinflazione Alterazioni Va/Q Alterazione dello stato di salute Perdita di massa muscolare
    30. 54. Il St. George’s Respiratory Questionnaire <ul><li>Il SGRQ è il questionario più diffuso e utilizzato nella BPCO </li></ul><ul><li>• E’ diviso in tre sezioni (Sintomi, Attività e Impatto) </li></ul><ul><li>• A ogni sezione è attribuito un punteggio, da cui è possibile ottenere un punteggio totale, che varia da 0 (miglior livello di salute) a 100 (peggior livello di salute) </li></ul><ul><li>• Una variazione del punteggio nel tempo pari o superiore a 4 punti è considerata clinicamente significativa </li></ul>
    31. 55. <ul><li>La BPCO si associa frequentemente ad altre malattie croniche, definite co-morbidità </li></ul><ul><li>Le comorbidità possono essere classificate come: </li></ul><ul><li>1) causali (malattie con fattori di rischio comuni, es. fumo, età) </li></ul><ul><li>2) complicanti (effetti sistemici della BPCO) </li></ul><ul><li>3) concomitanti (malattie croniche coesistenti senza relazione causale nota con la BPCO) </li></ul>Comorbidità Fabbri. L, Ferrari R. Breathe 2006; 3:41
    32. 56. Effetti sistemici o comorbidità della BPCO <ul><li>Infiammazione sistemica (aumento di PCR, IL-6, IL-8, TNF- α ; cellule infiammatorie circolanti; stress ossidativo sistemico) </li></ul><ul><li>Alterazioni nutrizionali e cachessia (aumento del dispendio energetico e del catabolismo, alterata composizione del corpo) </li></ul><ul><li>Alterazioni muscolo-scheletriche (perdita di massa muscolare; alterazioni della struttura e funzione, ridotta tolleranza allo sforzo) </li></ul><ul><li>Aspetti cardiovascolari (malattia aterosclerotica) </li></ul><ul><li>Alterazioni del metabolismo osseo (osteopenia, osteoporosi) </li></ul><ul><li>Alterazioni ematologiche (anemia normocitica, normocromica) </li></ul>
    33. 57. Il FEV1 è un buon predittore di mortalità (nella popolazione generale e nel soggetto con BPCO)
    34. 58. CARATTERIZZAZIONE DEL PAZIENTE CON BPCO <ul><li>forme iniziali (FEV1 > 50%) </li></ul><ul><ul><li>scarsi sintomi: tosse ed espettorato cronico (del fumatore), </li></ul></ul><ul><ul><li>dispnea lentamente progressiva (adattamento), scarse </li></ul></ul><ul><ul><li>riacutizzazioni (“bronchiti”) </li></ul></ul><ul><ul><li>talora solo fattori di rischio </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>ricerca attiva  spirometria in soggetti a rischio </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>reperti obiettivi abnormi solo in corso di riacutizzazione </li></ul></ul><ul><ul><li>intervento precoce  arresto del declino (?) </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>cessazione del fumo </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>trattamento delle riacutizzazioni </li></ul></ul></ul>
    35. 59. CARATTERIZZAZIONE DEL PAZIENTE CON BPCO <ul><li>forme più avanzate (FEV1 <50%) </li></ul><ul><ul><li>sintomi cronici, spesso invalidanti (dispnea da sforzo, tosse </li></ul></ul><ul><ul><li>e/o espettorazione abituale) </li></ul></ul><ul><ul><li>frequenti e gravi riacutizzazioni (“bronchiti”) </li></ul></ul><ul><ul><li>limitazione della qualità della vita </li></ul></ul><ul><ul><li>reperti obiettivi </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>segni di ostruzione bronchiale </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>segni di insufficienza respiratoria cronica </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>intervento farmacologico in stabilità e in riacutizzazione </li></ul></ul><ul><ul><li>intervento riabiltativo </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>obiettivi: miglioramento sintomi, della qualità della vita, </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>e della tolleranza allo sforzo, riduzione delle riacutizzazioni </li></ul></ul></ul>

    ×