SlideShare a Scribd company logo
TM Maggio 2017 · 6564 · TM Maggio 2017
Senior Manager di Deloitte. Un’offerta
digitale generica o interventi isolati non
solo non generano vantaggi ma possono
persino rivelarsi dannosi, allontando i
potenziali clienti dal brand e generando
rischi di reputazione. «Si impiegano anni
percostruireunbrand,mabastaunminuto
per distruggerlo», precisa Lay. Anche in
questo senso una strategia digitale strut-
turata permette di implementare una serie
di misure per controllare questi rischi. «I
leader dell’impresa non possono esimersi
dal prendere in considerazione il peso che
tali opportunità o minacce rappresentano
per l’esistenza e la continuità aziendale.
Spesso, purtroppo, si tende a rimandare
questo momento di ripensamento, in
quanto è accompagnato dall’idea di inve-
stimenti importanti e ritorno solo nel più
lungo termine», sostiene il Senior Mana-
ger di Deloitte Digital.
La trasformazione digitale è dunque il
percorso attraverso cui le imprese possono
cogliere l’opportunità di nuovi ricavi, ride-
finendo l’assetto organizzativo, gestendo
attivamente i rischi reputazionali e rispon-
dendo alle attese del nuovo consumatore
con servizi ed esperienze coerenti a tutto
tondo.
Conoscere veramente il consumatore
e coglierne il desiderio. Presto sarà pos-
sibile sapere in anticipo ciò che il consu-
matore acquisterà quando entra in negozio
ocoltivarerelazioniindividualiconciascun
singolo consumatore, in maniera distintiva
e personalizzata. La soluzione esiste e si
chiama clienteling. «Questa strategia di
marketing comprende i processi più avan-
zati di analisi, l’innovazione tecnologica
nel digital marketing, le piattaforme di e-
commerce, vendita e servizio, e permette
all’impresa di raccogliere una massa impa-
reggiabile di informazioni su abitudini e
comportamenti di consumo, trend e driver
decisionali del consumatore, al fine di ela-
borare un’esperienza personalizzata sar-
torialmente sul cliente, presentata coe-
rentemente su canali multipli, miglioran-
do, nel contempo, i tassi di conversione
e i ricavi», elenca Lay.
Dietro queste opportunità c’è la con-
vergenza di big data, internet of things e
data science, che mettono le imprese in
condizionedicomprenderemeglioipropri
clienti, rispondere ai trend di mercato e
personalizzare informazioni e prodotti di
vendita. Decifrare queste informazioni
diviene allora fondamentale per compren-
dere il consumatore oggi e prevederne l’e-
voluzione domani. «In conclusione, la
chiave di interpretazione della trasforma-
zione digitale consiste nel sapere trovare
il giusto equilibrio e compromesso fra la
capacità di generare risultati veloci attra-
verso idee innovative e creare basi solide
per la trasformazione digitale, per offrire
un’esperienza consistente e personalizzata
omni-channel,combinandotuttigliaspetti
che passano da fisicità, realtà virtuale ed
emozioni», sottolinea Lay. Le soluzioni
non sono rappresentate da interventi iso-
lati. La vera sfida consiste piuttosto nel
realizzare un cambio culturale totale, in
cui le imprese si creino le condizioni per
muoversi in maniera agile, libera e flessi-
bile, rimuovendo le barriere politiche,
organizzative e operative.
Federico Introzzi
L
atecnologiacomeilpotereaffa-
scina ma corrompe. Il rischio
principale per un’azienda che
dispone di una tecnologia inno-
vativa è concentrarsi sulla tecnologia in
sé, lasciando in secondo piano l’esperienza
che il consumatore ne potrebbe fare. «Le
imprese devono inserire l’esperienza offer-
ta al consumatore all’interno di una visione
onnicomprensiva, incentrata sul consu-
matore stesso, creando un vero e proprio
ecosistemaincuiessopossamuoversisenza
limiti e con disinvoltura», chiarisce Roger
Lay, Senior Manager di Deloitte Digital.
Altrimenti il ‘digital divide’, ovvero la dif-
ficoltà con la quale una parte della clientela
interpreta e utilizza la tecnologia, rischia
di ridurre drasticamente il mercato poten-
ziale. Si tratta quindi non solo di elaborare
e proporre la tecnologia migliore, ma
anche di ‘traghettare’ la clientela verso
una realtà che è sempre meno analogica
e sempre più digitale. «È un viaggio molto
delicato ma, soprattutto, un percorso oli-
stico, non limitato a interventi isolati, che
permette di migliorare il posizionamento
e gestire adeguatamente i rischi. E la posta
in gioco è decisamente elevata: l’identità
del brand e la continuità aziendale», pro-
segue Lay.
Il coraggio di agire. Molte imprese adot-
tano un approccio frammentato nei con-
fronti della trasformazione digitale, foca-
lizzandosi su funzioni isolate o sulla mera
digitalizzazione del processo di vendita.
«In verità, la trasformazione digitale è
moltodipiù.Consistenellosfidareemodi-
ficare percezioni ‘ingessate’ su ciò che
un’impresa è, fa e dice. Significa rimettersi
in gioco, e reinventarsi. Essa presuppone
un momento di ripensamento totale su
come le imprese intendano posizionarsi
e strutturarsi in un momento storico in
cui i confini tradizionali sono ormai supe-
rati. Implica una ridefinizione dei valori
del brand e personalizzata sui bisogni del
consumatore. È spinta dal riconoscimento
e dalla conseguente consapevolezza che
rappresenti una significativa opportunità
e, al contempo, una minaccia esistenziale.
È sottesa da una pulsione costante per
cogliere questa opportunità», prosegue il
Trasformazione
digitale?
Per sfruttare le opportunità offerte dall’evoluzione tecnologica alle imprese non basta digitalizzare
alcune funzioni isolate: occorre affrontare un cambiamento culturale totale, ridefinendo i propri
obiettivi strategici e creando le condizioni per muoversi in maniera agile nel mercato odierno.
Roger Lay, Senior Manager, Deloitte
Digital.
digital/Deloitte
Il progresso dell’automazione e
della robotica nelle aziende por-
teranno fatalmente alla riduzione
dei posti di lavoro? Non tutti sono
d’accordo. Lo studio Man and
Machine: Robots on the rise? The
impact of automation on the Swiss job
market di Deloitte per esempio
afferma il contrario almeno per il
mercatosvizzero.«L’avanzaredella
tecnologia è coincisa con un
sostanzialeaumentodegliimpieghi
nei Paesi sviluppati. In Svizzera,
negli ultimi 25 anni, le mansioni
con una maggiore potenzialità
d’automazione sono diminuiti, resi
obsoleti dalla tecnologia. Ma gli
impieghi a basso rischio d’automazione sono aumentati significativamente», afferma
Adam Stanford, partner di Deloitte Consulting. Tra il 1990 e il 2013, in Svizzera, i
posti di lavoro sono aumentati di circa 800mila unità.
Anche grazie all’automazione il progresso tecnologico ha portato incrementi di pro-
duttività e quindi di salari; prodotti e servizi migliori a prezzi inferiori. Conseguen-
temente, è cresciuta la domanda per nuovi prodotti e nuovi posti di lavoro, più
qualificati e meglio remunerati. Inoltre non tutte le mansioni di fascia media e bassa
sono poste a rischio dalla tecnologia. Pensiamo alle mansioni in ambito sanitario
assistenziale, la cura dei bambini, il lavoro in ambito sociale in generale o la cura
della persona. «La Svizzera è molto ben posizionata per beneficiare dall’automazione
grazie a un eccellente sistema educativo e a una solida base d’innovazione tecnologica»,
nota Adam Stanford.
Le imprese devono ridurre i costi e, al contempo, raggiungere elevatissimi obiettivi
di servizio alla clientela e innovazione di prodotti/servizi. «L’automazione è una tra
le leve disponibili per far fronte a questa sfida. Richiede però un approccio strutturato,
un modello che rappresenta un’opzione alternativa alle soluzioni tradizionali, ma
con rischi e costi contenuti. Oggi la robotica spazia dai macchinari che siamo abituati
a vedere all’opera nelle fabbriche a software di automazione, provvisti o meno di
capacità cognitive, utilizzati per eseguire compiti facilmente codificabili e, spesso,
molto ripetitivi» continua il partner di Deloitte Consulting che elenca i vantaggi
rappresentati dall’automazione: «Riduzione dei tempi di produzione: i robot eseguono
compiti più velocemente delle persone e non hanno necessità di fermarsi. Questo
significa che un robot lavora 24 ore su 24 per 7 giorni su 7 su singole attività o
svolgendo svariate tipologie e attività, a seconda del momento. Flessibilità e scalabilità:
una volta definito il processo, i robot vengono istruiti velocemente a eseguire il
compito in un tempo determinato. Allo stesso modo, possono essere facilmente
assegnati ad altro compito o, in momenti di grande richiesta, possono essere duplicati
per far fronte all’aumento dei volumi. Precisione: i robot sono programmati per
seguire gli schemi. Non possono fare errori di alcun tipo, a meno che non sia stato
l’operatore a ‘insegnare’ loro a sbagliare. Raccolta dati dettagliata: i compiti eseguiti
possono essere monitorati e registrati in tutte le fasi, ad esempio a supporto della
compliance regolatoria e dei processi di revisione. Costi operativi ridotti: l’introduzione
della robotica nella gestione di processi aziendali porta a un immediato, elevato e
misurabile beneficio economico».
Quanto ai lavoratori, come del resto è avvenuto nella prima fase della rivoluzione
IT, anche questa seconda fase presenta dei vantaggi. I compiti più adatti a essere
automatizzati sono in genere quelli più pesanti, noiosi e meno amati, «una volta
sollevati da queste mansioni i collaboratori delle aziende potranno dedicarsi ad attività
più gratificanti e di maggior valore, con conseguente aumento del morale e della
motivazione», conclude Adam Stanford.
Di fatto, dunque, non si può negare che l’avanzamento tecnologico rappresenti una
grande sfida, ma è pure sempre una grande opportunità per le nostre imprese e per
i dipendenti. È essenziale quindi che strategie e modelli operativi vengano adattati
quanto prima, in modo sistematico e complessivo, in modo da cogliere l’opportunità,
non pagarne il prezzo.
Automazione: opportunità
per imprese e posti di lavoro
Adam Stanford,
Partner, Deloitte Consulting.

More Related Content

What's hot

Trasformazione Digitale
Trasformazione DigitaleTrasformazione Digitale
Trasformazione Digitale
Alessandro Bruni
 
Accenture Italia Corporate Citizenship Report 2020
Accenture Italia Corporate Citizenship Report 2020Accenture Italia Corporate Citizenship Report 2020
Accenture Italia Corporate Citizenship Report 2020
Accenture Italia
 
Corsa contro il tempo per diventare virtuali
Corsa contro il tempo per diventare virtualiCorsa contro il tempo per diventare virtuali
Corsa contro il tempo per diventare virtuali
Paolo Meciani
 
Lavorare in rete (trieste 4 novembre 2014)
Lavorare in rete (trieste 4 novembre 2014)Lavorare in rete (trieste 4 novembre 2014)
Lavorare in rete (trieste 4 novembre 2014)Alvaro Busetti
 
Agir - Smart working, un successo nel segno della qualità
Agir - Smart working, un successo nel segno della qualitàAgir - Smart working, un successo nel segno della qualità
Agir - Smart working, un successo nel segno della qualità
Gregorio Fogliani
 
Digital workplace: parte 1°
Digital workplace: parte 1°Digital workplace: parte 1°
Digital workplace: parte 1°
Alvaro Busetti
 
Cambiare per crescere
Cambiare per crescereCambiare per crescere
Cambiare per crescere
Mario Massone
 
Chi Cosa Come - la nostra storia e i nostri progetti - Persone & Conoscenze -...
Chi Cosa Come - la nostra storia e i nostri progetti - Persone & Conoscenze -...Chi Cosa Come - la nostra storia e i nostri progetti - Persone & Conoscenze -...
Chi Cosa Come - la nostra storia e i nostri progetti - Persone & Conoscenze -...Maria Luisa Frigerio
 
7tips trasformazione-digitale-electra-nadalini
7tips trasformazione-digitale-electra-nadalini7tips trasformazione-digitale-electra-nadalini
7tips trasformazione-digitale-electra-nadalini
Electra Nadalini
 
Enterprise social networking
Enterprise social networkingEnterprise social networking
Enterprise social networkingAlvaro Busetti
 
Smart working CFMT Roma
Smart working CFMT RomaSmart working CFMT Roma
Smart working CFMT Roma
Alvaro Busetti
 
Manifattura Digitale e Industria 4.0
Manifattura Digitale e Industria 4.0Manifattura Digitale e Industria 4.0
Manifattura Digitale e Industria 4.0
Confartigianato Imprese Lombardia
 
Enterprise 2.0 Per Le Imprese 1.0
Enterprise 2.0 Per Le Imprese 1.0Enterprise 2.0 Per Le Imprese 1.0
Enterprise 2.0 Per Le Imprese 1.0
guest65483c6
 
Trasformazione Digitale
Trasformazione DigitaleTrasformazione Digitale
Trasformazione Digitale
ALESSANDRO CAPEZZUOLI
 
Exploit the digital power
Exploit the digital powerExploit the digital power
Exploit the digital power
Sergio Patano
 
L’impatto della digitalizzazione nelle funzioni HR: e-Leader(ship)
L’impatto della digitalizzazione nelle funzioni HR: e-Leader(ship)L’impatto della digitalizzazione nelle funzioni HR: e-Leader(ship)
L’impatto della digitalizzazione nelle funzioni HR: e-Leader(ship)
Free Your Talent
 
Lavorare in rete
Lavorare in reteLavorare in rete
Lavorare in rete
Alvaro Busetti
 
Alla ricerca dei life valuesdel cliente
Alla ricerca dei life valuesdel clienteAlla ricerca dei life valuesdel cliente
Alla ricerca dei life valuesdel cliente
Excellence_Consulting
 
Laboratorio Smart Working
Laboratorio Smart Working Laboratorio Smart Working
Laboratorio Smart Working SMAU
 
Axiante trend 2021
Axiante trend 2021Axiante trend 2021
Axiante trend 2021
SaraCipriani4
 

What's hot (20)

Trasformazione Digitale
Trasformazione DigitaleTrasformazione Digitale
Trasformazione Digitale
 
Accenture Italia Corporate Citizenship Report 2020
Accenture Italia Corporate Citizenship Report 2020Accenture Italia Corporate Citizenship Report 2020
Accenture Italia Corporate Citizenship Report 2020
 
Corsa contro il tempo per diventare virtuali
Corsa contro il tempo per diventare virtualiCorsa contro il tempo per diventare virtuali
Corsa contro il tempo per diventare virtuali
 
Lavorare in rete (trieste 4 novembre 2014)
Lavorare in rete (trieste 4 novembre 2014)Lavorare in rete (trieste 4 novembre 2014)
Lavorare in rete (trieste 4 novembre 2014)
 
Agir - Smart working, un successo nel segno della qualità
Agir - Smart working, un successo nel segno della qualitàAgir - Smart working, un successo nel segno della qualità
Agir - Smart working, un successo nel segno della qualità
 
Digital workplace: parte 1°
Digital workplace: parte 1°Digital workplace: parte 1°
Digital workplace: parte 1°
 
Cambiare per crescere
Cambiare per crescereCambiare per crescere
Cambiare per crescere
 
Chi Cosa Come - la nostra storia e i nostri progetti - Persone & Conoscenze -...
Chi Cosa Come - la nostra storia e i nostri progetti - Persone & Conoscenze -...Chi Cosa Come - la nostra storia e i nostri progetti - Persone & Conoscenze -...
Chi Cosa Come - la nostra storia e i nostri progetti - Persone & Conoscenze -...
 
7tips trasformazione-digitale-electra-nadalini
7tips trasformazione-digitale-electra-nadalini7tips trasformazione-digitale-electra-nadalini
7tips trasformazione-digitale-electra-nadalini
 
Enterprise social networking
Enterprise social networkingEnterprise social networking
Enterprise social networking
 
Smart working CFMT Roma
Smart working CFMT RomaSmart working CFMT Roma
Smart working CFMT Roma
 
Manifattura Digitale e Industria 4.0
Manifattura Digitale e Industria 4.0Manifattura Digitale e Industria 4.0
Manifattura Digitale e Industria 4.0
 
Enterprise 2.0 Per Le Imprese 1.0
Enterprise 2.0 Per Le Imprese 1.0Enterprise 2.0 Per Le Imprese 1.0
Enterprise 2.0 Per Le Imprese 1.0
 
Trasformazione Digitale
Trasformazione DigitaleTrasformazione Digitale
Trasformazione Digitale
 
Exploit the digital power
Exploit the digital powerExploit the digital power
Exploit the digital power
 
L’impatto della digitalizzazione nelle funzioni HR: e-Leader(ship)
L’impatto della digitalizzazione nelle funzioni HR: e-Leader(ship)L’impatto della digitalizzazione nelle funzioni HR: e-Leader(ship)
L’impatto della digitalizzazione nelle funzioni HR: e-Leader(ship)
 
Lavorare in rete
Lavorare in reteLavorare in rete
Lavorare in rete
 
Alla ricerca dei life valuesdel cliente
Alla ricerca dei life valuesdel clienteAlla ricerca dei life valuesdel cliente
Alla ricerca dei life valuesdel cliente
 
Laboratorio Smart Working
Laboratorio Smart Working Laboratorio Smart Working
Laboratorio Smart Working
 
Axiante trend 2021
Axiante trend 2021Axiante trend 2021
Axiante trend 2021
 

Similar to Trasformazione digitale?

Sviluppare un percorso di Trasformazione Digitale
Sviluppare un percorso di Trasformazione DigitaleSviluppare un percorso di Trasformazione Digitale
Sviluppare un percorso di Trasformazione Digitale
Nicola Mezzetti
 
Il Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola Rotonda
Il Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola RotondaIl Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola Rotonda
Il Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola Rotonda
Riccardo Romani
 
Maggiordomo Digitale - La tecnologia al servizio del welfare aziendale
Maggiordomo Digitale - La tecnologia al servizio del welfare aziendaleMaggiordomo Digitale - La tecnologia al servizio del welfare aziendale
Maggiordomo Digitale - La tecnologia al servizio del welfare aziendale
Gianna Martinengo
 
Scegli se guidare la trasformazione digitale o subirla
Scegli se guidare la trasformazione digitale o subirlaScegli se guidare la trasformazione digitale o subirla
Scegli se guidare la trasformazione digitale o subirla
Connected Futures
 
Accenture Technology Vision 2015 - Ampliare i confini aziendali nell'era digi...
Accenture Technology Vision 2015 - Ampliare i confini aziendali nell'era digi...Accenture Technology Vision 2015 - Ampliare i confini aziendali nell'era digi...
Accenture Technology Vision 2015 - Ampliare i confini aziendali nell'era digi...
Accenture Italia
 
La nuova organizzazione nelle aziende di produzione
La nuova organizzazione nelle aziende di produzioneLa nuova organizzazione nelle aziende di produzione
La nuova organizzazione nelle aziende di produzione
Cherry Consulting by S.M.
 
Hr_work_revolution_workpaper
 Hr_work_revolution_workpaper Hr_work_revolution_workpaper
Hr_work_revolution_workpaper
Team Netuse srl
 
DEL Executive Program in - Digital Transformation & Innovation
DEL Executive Program in - Digital Transformation & InnovationDEL Executive Program in - Digital Transformation & Innovation
DEL Executive Program in - Digital Transformation & Innovation
Digital Enterprise Lab Ca' Foscari
 
HR Transformation nel settore Bancario e Assicurativo 2
HR Transformation nel settore Bancario e Assicurativo 2HR Transformation nel settore Bancario e Assicurativo 2
HR Transformation nel settore Bancario e Assicurativo 2Melanie Hache Barrois
 
Tavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancora
Tavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancoraTavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancora
Tavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancora
C.A.T.A. INFORMATICA
 
formazione requisito essenziale per la continuità aziendale
formazione requisito essenziale per la continuità aziendaleformazione requisito essenziale per la continuità aziendale
formazione requisito essenziale per la continuità aziendale
Thomas Candeago
 
Workshop executive del 2016 presentazione
Workshop executive del 2016 presentazioneWorkshop executive del 2016 presentazione
Workshop executive del 2016 presentazione
Digital Enterprise Lab Ca' Foscari
 
Inspearit: dare spazio all’innovazione
Inspearit: dare spazio all’innovazioneInspearit: dare spazio all’innovazione
Inspearit: dare spazio all’innovazione
inspearit Italy
 
Change - Percorsi formativi 2018
Change - Percorsi formativi 2018Change - Percorsi formativi 2018
Change - Percorsi formativi 2018
Fondazione Aldini Valeriani
 
Evoluzione delle comunità professionali in seguito alla trasformazione digitale
Evoluzione delle comunità professionali in seguito alla trasformazione digitaleEvoluzione delle comunità professionali in seguito alla trasformazione digitale
Evoluzione delle comunità professionali in seguito alla trasformazione digitale
Free Your Talent
 
Impostare la value proposition 9 febbraio 2016
Impostare la value proposition 9 febbraio 2016Impostare la value proposition 9 febbraio 2016
Impostare la value proposition 9 febbraio 2016
Epistema
 
Customer Management Insights - Anno 2 Numero 3 - Aprile 2013
Customer Management Insights - Anno 2 Numero 3 - Aprile 2013Customer Management Insights - Anno 2 Numero 3 - Aprile 2013
Customer Management Insights - Anno 2 Numero 3 - Aprile 2013Andrea Incalza
 
Tns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitale
Tns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitaleTns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitale
Tns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitale
Gabriella Bergaglio
 
Servitization: alla scoperta dell’universo che si cela dietro questo concetto
Servitization: alla scoperta dell’universo che si cela dietro questo concettoServitization: alla scoperta dell’universo che si cela dietro questo concetto
Servitization: alla scoperta dell’universo che si cela dietro questo concetto
KEA s.r.l.
 
Digital Transformation: Big Data, User Targeting ed Etica - Project Work Mast...
Digital Transformation: Big Data, User Targeting ed Etica - Project Work Mast...Digital Transformation: Big Data, User Targeting ed Etica - Project Work Mast...
Digital Transformation: Big Data, User Targeting ed Etica - Project Work Mast...
Free Your Talent
 

Similar to Trasformazione digitale? (20)

Sviluppare un percorso di Trasformazione Digitale
Sviluppare un percorso di Trasformazione DigitaleSviluppare un percorso di Trasformazione Digitale
Sviluppare un percorso di Trasformazione Digitale
 
Il Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola Rotonda
Il Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola RotondaIl Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola Rotonda
Il Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola Rotonda
 
Maggiordomo Digitale - La tecnologia al servizio del welfare aziendale
Maggiordomo Digitale - La tecnologia al servizio del welfare aziendaleMaggiordomo Digitale - La tecnologia al servizio del welfare aziendale
Maggiordomo Digitale - La tecnologia al servizio del welfare aziendale
 
Scegli se guidare la trasformazione digitale o subirla
Scegli se guidare la trasformazione digitale o subirlaScegli se guidare la trasformazione digitale o subirla
Scegli se guidare la trasformazione digitale o subirla
 
Accenture Technology Vision 2015 - Ampliare i confini aziendali nell'era digi...
Accenture Technology Vision 2015 - Ampliare i confini aziendali nell'era digi...Accenture Technology Vision 2015 - Ampliare i confini aziendali nell'era digi...
Accenture Technology Vision 2015 - Ampliare i confini aziendali nell'era digi...
 
La nuova organizzazione nelle aziende di produzione
La nuova organizzazione nelle aziende di produzioneLa nuova organizzazione nelle aziende di produzione
La nuova organizzazione nelle aziende di produzione
 
Hr_work_revolution_workpaper
 Hr_work_revolution_workpaper Hr_work_revolution_workpaper
Hr_work_revolution_workpaper
 
DEL Executive Program in - Digital Transformation & Innovation
DEL Executive Program in - Digital Transformation & InnovationDEL Executive Program in - Digital Transformation & Innovation
DEL Executive Program in - Digital Transformation & Innovation
 
HR Transformation nel settore Bancario e Assicurativo 2
HR Transformation nel settore Bancario e Assicurativo 2HR Transformation nel settore Bancario e Assicurativo 2
HR Transformation nel settore Bancario e Assicurativo 2
 
Tavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancora
Tavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancoraTavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancora
Tavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancora
 
formazione requisito essenziale per la continuità aziendale
formazione requisito essenziale per la continuità aziendaleformazione requisito essenziale per la continuità aziendale
formazione requisito essenziale per la continuità aziendale
 
Workshop executive del 2016 presentazione
Workshop executive del 2016 presentazioneWorkshop executive del 2016 presentazione
Workshop executive del 2016 presentazione
 
Inspearit: dare spazio all’innovazione
Inspearit: dare spazio all’innovazioneInspearit: dare spazio all’innovazione
Inspearit: dare spazio all’innovazione
 
Change - Percorsi formativi 2018
Change - Percorsi formativi 2018Change - Percorsi formativi 2018
Change - Percorsi formativi 2018
 
Evoluzione delle comunità professionali in seguito alla trasformazione digitale
Evoluzione delle comunità professionali in seguito alla trasformazione digitaleEvoluzione delle comunità professionali in seguito alla trasformazione digitale
Evoluzione delle comunità professionali in seguito alla trasformazione digitale
 
Impostare la value proposition 9 febbraio 2016
Impostare la value proposition 9 febbraio 2016Impostare la value proposition 9 febbraio 2016
Impostare la value proposition 9 febbraio 2016
 
Customer Management Insights - Anno 2 Numero 3 - Aprile 2013
Customer Management Insights - Anno 2 Numero 3 - Aprile 2013Customer Management Insights - Anno 2 Numero 3 - Aprile 2013
Customer Management Insights - Anno 2 Numero 3 - Aprile 2013
 
Tns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitale
Tns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitaleTns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitale
Tns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitale
 
Servitization: alla scoperta dell’universo che si cela dietro questo concetto
Servitization: alla scoperta dell’universo che si cela dietro questo concettoServitization: alla scoperta dell’universo che si cela dietro questo concetto
Servitization: alla scoperta dell’universo che si cela dietro questo concetto
 
Digital Transformation: Big Data, User Targeting ed Etica - Project Work Mast...
Digital Transformation: Big Data, User Targeting ed Etica - Project Work Mast...Digital Transformation: Big Data, User Targeting ed Etica - Project Work Mast...
Digital Transformation: Big Data, User Targeting ed Etica - Project Work Mast...
 

Trasformazione digitale?

  • 1. TM Maggio 2017 · 6564 · TM Maggio 2017 Senior Manager di Deloitte. Un’offerta digitale generica o interventi isolati non solo non generano vantaggi ma possono persino rivelarsi dannosi, allontando i potenziali clienti dal brand e generando rischi di reputazione. «Si impiegano anni percostruireunbrand,mabastaunminuto per distruggerlo», precisa Lay. Anche in questo senso una strategia digitale strut- turata permette di implementare una serie di misure per controllare questi rischi. «I leader dell’impresa non possono esimersi dal prendere in considerazione il peso che tali opportunità o minacce rappresentano per l’esistenza e la continuità aziendale. Spesso, purtroppo, si tende a rimandare questo momento di ripensamento, in quanto è accompagnato dall’idea di inve- stimenti importanti e ritorno solo nel più lungo termine», sostiene il Senior Mana- ger di Deloitte Digital. La trasformazione digitale è dunque il percorso attraverso cui le imprese possono cogliere l’opportunità di nuovi ricavi, ride- finendo l’assetto organizzativo, gestendo attivamente i rischi reputazionali e rispon- dendo alle attese del nuovo consumatore con servizi ed esperienze coerenti a tutto tondo. Conoscere veramente il consumatore e coglierne il desiderio. Presto sarà pos- sibile sapere in anticipo ciò che il consu- matore acquisterà quando entra in negozio ocoltivarerelazioniindividualiconciascun singolo consumatore, in maniera distintiva e personalizzata. La soluzione esiste e si chiama clienteling. «Questa strategia di marketing comprende i processi più avan- zati di analisi, l’innovazione tecnologica nel digital marketing, le piattaforme di e- commerce, vendita e servizio, e permette all’impresa di raccogliere una massa impa- reggiabile di informazioni su abitudini e comportamenti di consumo, trend e driver decisionali del consumatore, al fine di ela- borare un’esperienza personalizzata sar- torialmente sul cliente, presentata coe- rentemente su canali multipli, miglioran- do, nel contempo, i tassi di conversione e i ricavi», elenca Lay. Dietro queste opportunità c’è la con- vergenza di big data, internet of things e data science, che mettono le imprese in condizionedicomprenderemeglioipropri clienti, rispondere ai trend di mercato e personalizzare informazioni e prodotti di vendita. Decifrare queste informazioni diviene allora fondamentale per compren- dere il consumatore oggi e prevederne l’e- voluzione domani. «In conclusione, la chiave di interpretazione della trasforma- zione digitale consiste nel sapere trovare il giusto equilibrio e compromesso fra la capacità di generare risultati veloci attra- verso idee innovative e creare basi solide per la trasformazione digitale, per offrire un’esperienza consistente e personalizzata omni-channel,combinandotuttigliaspetti che passano da fisicità, realtà virtuale ed emozioni», sottolinea Lay. Le soluzioni non sono rappresentate da interventi iso- lati. La vera sfida consiste piuttosto nel realizzare un cambio culturale totale, in cui le imprese si creino le condizioni per muoversi in maniera agile, libera e flessi- bile, rimuovendo le barriere politiche, organizzative e operative. Federico Introzzi L atecnologiacomeilpotereaffa- scina ma corrompe. Il rischio principale per un’azienda che dispone di una tecnologia inno- vativa è concentrarsi sulla tecnologia in sé, lasciando in secondo piano l’esperienza che il consumatore ne potrebbe fare. «Le imprese devono inserire l’esperienza offer- ta al consumatore all’interno di una visione onnicomprensiva, incentrata sul consu- matore stesso, creando un vero e proprio ecosistemaincuiessopossamuoversisenza limiti e con disinvoltura», chiarisce Roger Lay, Senior Manager di Deloitte Digital. Altrimenti il ‘digital divide’, ovvero la dif- ficoltà con la quale una parte della clientela interpreta e utilizza la tecnologia, rischia di ridurre drasticamente il mercato poten- ziale. Si tratta quindi non solo di elaborare e proporre la tecnologia migliore, ma anche di ‘traghettare’ la clientela verso una realtà che è sempre meno analogica e sempre più digitale. «È un viaggio molto delicato ma, soprattutto, un percorso oli- stico, non limitato a interventi isolati, che permette di migliorare il posizionamento e gestire adeguatamente i rischi. E la posta in gioco è decisamente elevata: l’identità del brand e la continuità aziendale», pro- segue Lay. Il coraggio di agire. Molte imprese adot- tano un approccio frammentato nei con- fronti della trasformazione digitale, foca- lizzandosi su funzioni isolate o sulla mera digitalizzazione del processo di vendita. «In verità, la trasformazione digitale è moltodipiù.Consistenellosfidareemodi- ficare percezioni ‘ingessate’ su ciò che un’impresa è, fa e dice. Significa rimettersi in gioco, e reinventarsi. Essa presuppone un momento di ripensamento totale su come le imprese intendano posizionarsi e strutturarsi in un momento storico in cui i confini tradizionali sono ormai supe- rati. Implica una ridefinizione dei valori del brand e personalizzata sui bisogni del consumatore. È spinta dal riconoscimento e dalla conseguente consapevolezza che rappresenti una significativa opportunità e, al contempo, una minaccia esistenziale. È sottesa da una pulsione costante per cogliere questa opportunità», prosegue il Trasformazione digitale? Per sfruttare le opportunità offerte dall’evoluzione tecnologica alle imprese non basta digitalizzare alcune funzioni isolate: occorre affrontare un cambiamento culturale totale, ridefinendo i propri obiettivi strategici e creando le condizioni per muoversi in maniera agile nel mercato odierno. Roger Lay, Senior Manager, Deloitte Digital. digital/Deloitte Il progresso dell’automazione e della robotica nelle aziende por- teranno fatalmente alla riduzione dei posti di lavoro? Non tutti sono d’accordo. Lo studio Man and Machine: Robots on the rise? The impact of automation on the Swiss job market di Deloitte per esempio afferma il contrario almeno per il mercatosvizzero.«L’avanzaredella tecnologia è coincisa con un sostanzialeaumentodegliimpieghi nei Paesi sviluppati. In Svizzera, negli ultimi 25 anni, le mansioni con una maggiore potenzialità d’automazione sono diminuiti, resi obsoleti dalla tecnologia. Ma gli impieghi a basso rischio d’automazione sono aumentati significativamente», afferma Adam Stanford, partner di Deloitte Consulting. Tra il 1990 e il 2013, in Svizzera, i posti di lavoro sono aumentati di circa 800mila unità. Anche grazie all’automazione il progresso tecnologico ha portato incrementi di pro- duttività e quindi di salari; prodotti e servizi migliori a prezzi inferiori. Conseguen- temente, è cresciuta la domanda per nuovi prodotti e nuovi posti di lavoro, più qualificati e meglio remunerati. Inoltre non tutte le mansioni di fascia media e bassa sono poste a rischio dalla tecnologia. Pensiamo alle mansioni in ambito sanitario assistenziale, la cura dei bambini, il lavoro in ambito sociale in generale o la cura della persona. «La Svizzera è molto ben posizionata per beneficiare dall’automazione grazie a un eccellente sistema educativo e a una solida base d’innovazione tecnologica», nota Adam Stanford. Le imprese devono ridurre i costi e, al contempo, raggiungere elevatissimi obiettivi di servizio alla clientela e innovazione di prodotti/servizi. «L’automazione è una tra le leve disponibili per far fronte a questa sfida. Richiede però un approccio strutturato, un modello che rappresenta un’opzione alternativa alle soluzioni tradizionali, ma con rischi e costi contenuti. Oggi la robotica spazia dai macchinari che siamo abituati a vedere all’opera nelle fabbriche a software di automazione, provvisti o meno di capacità cognitive, utilizzati per eseguire compiti facilmente codificabili e, spesso, molto ripetitivi» continua il partner di Deloitte Consulting che elenca i vantaggi rappresentati dall’automazione: «Riduzione dei tempi di produzione: i robot eseguono compiti più velocemente delle persone e non hanno necessità di fermarsi. Questo significa che un robot lavora 24 ore su 24 per 7 giorni su 7 su singole attività o svolgendo svariate tipologie e attività, a seconda del momento. Flessibilità e scalabilità: una volta definito il processo, i robot vengono istruiti velocemente a eseguire il compito in un tempo determinato. Allo stesso modo, possono essere facilmente assegnati ad altro compito o, in momenti di grande richiesta, possono essere duplicati per far fronte all’aumento dei volumi. Precisione: i robot sono programmati per seguire gli schemi. Non possono fare errori di alcun tipo, a meno che non sia stato l’operatore a ‘insegnare’ loro a sbagliare. Raccolta dati dettagliata: i compiti eseguiti possono essere monitorati e registrati in tutte le fasi, ad esempio a supporto della compliance regolatoria e dei processi di revisione. Costi operativi ridotti: l’introduzione della robotica nella gestione di processi aziendali porta a un immediato, elevato e misurabile beneficio economico». Quanto ai lavoratori, come del resto è avvenuto nella prima fase della rivoluzione IT, anche questa seconda fase presenta dei vantaggi. I compiti più adatti a essere automatizzati sono in genere quelli più pesanti, noiosi e meno amati, «una volta sollevati da queste mansioni i collaboratori delle aziende potranno dedicarsi ad attività più gratificanti e di maggior valore, con conseguente aumento del morale e della motivazione», conclude Adam Stanford. Di fatto, dunque, non si può negare che l’avanzamento tecnologico rappresenti una grande sfida, ma è pure sempre una grande opportunità per le nostre imprese e per i dipendenti. È essenziale quindi che strategie e modelli operativi vengano adattati quanto prima, in modo sistematico e complessivo, in modo da cogliere l’opportunità, non pagarne il prezzo. Automazione: opportunità per imprese e posti di lavoro Adam Stanford, Partner, Deloitte Consulting.