SlideShare a Scribd company logo
1 of 4
Download to read offline
Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR)
Tel.: +39 045 6152381
Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it
1
Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione
Maggio 2021
Transazione digitale: disintermediazione,
data empowerment e innovazione
Oltre a schematizzare le fasi della trasformazione digitale dell’azienda, Geyer e
Niessing riflettono sul legame fra transazione digitale, disintermediazione
relazionale o transazionale, raccolta di dati, elaborazione di informazioni
azionabili e cicli miglioramento continuo o innovazione.
Invito alla lettura dell’interessante libro di Fred Geyer, Joerg Niessing, The
Definitive Guide to B2B Digital Transformation: How to Drive Uncommon Growth by
Prioritizing Customers over Technology, 2020
Nell’incipit del libro, anche Geyer e Niessing sottolineano le peculiarità del settore B2B rispetto al B2C:
• La presenza persistente di intermediari
• La molteplicità di influenzatori e decisori, ognuno dei quali è caratterizzato da ruolo e processo
decisionale distintivi
• L’innesco di dinamiche relazionali all’interno del gruppo di influenzatori e decisori
• La differenziazione per segmenti di clienti di tempi e metodi decisionali (per esempio grandi
imprese e PMI)
• La portata medio-lunga dell’impatto delle decisioni di acquisto su strategie e operatività
dell’azienda.
Tuttavia, pur nel permanere delle differenze fra B2B e B2C, la consumerizzazione del settore business e il
ricambio generazionale stanno modificando il modo in cui i buyer consumano i contenuti, si relazionano
con i fornitori e prendono le decisioni. Come nel settore consumer, anche nel B2B gli acquirenti privilegiano
i canali digitali disponibili 7/7 H24, automatizzano gli acquisti di routine (il riordino di prodotti correnti, di
consumabili e ricambi, di kit di manutenzione, ecc.), usufruiscono di servizi di self-care e di l’auto-
formazione.
Anche quando la transazione avviene tramite intermediari, i buyer si aspettano di poter disintermediare la
comunicazione, cioè di poter entrare in contatto diretto con il produttore (l’importatore o il distributore di
primo livello) nelle fasi di pre-vendita e in quelle di post-vendita, soprattutto quando gli intermediari non
sono in grado fornire supporto adeguato.
Per il produttore si tratta dell’occasione per instaurare una relazione diretta con l’utilizzatore finale, che
non implica necessariamente la disintermediazione della transazione, ma che gli permette di raccogliere di
Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR)
Tel.: +39 045 6152381
Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it
2
Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione
Maggio 2021
prima mano esperienze, informazioni e dati utili ad alimentare i cicli di miglioramento continuo e di
innovazione di prodotti/servizi, modelli di business e proposte di valore.
Disintermediare la relazione con l’utilizzatore finale per il produttore significa avere la possibilità di:
• Fornire informazioni validate, rilevanti e personalizzate
• Raccogliere o avere accesso a più dati (dati relativi al profilo; dati relativi al comportamento da
motori di ricerca, utilizzo del sito e dell’e-shop, interazioni sui social media, report del servizio
clienti/tecnico all’interno del CRM, ecc.; informazioni relative alla percezione, frutto del dialogo con
l’ufficio vendite, con il servizio clienti/clienti e/o dell’ascolto dei canai social; dati provenienti da
oggetti smart dell’IoT, ecc.)
• Aggregare i dati (anche per mettere in relazione i dati dei singoli utenti con quelli dell’azienda a cui
fanno capo)
• Elaborare i dati per trasformarli in informazioni azionabili.
Superare il monopolio degli intermediari su dati e informazioni riguardanti gli utilizzatori finali è strategico
per il produttore, poiché gli permette di entrare in possesso di una delle materie prime fondamentali per:
• Alimentare il processo di apprendimento dagli utilizzatori (comprensione di prima mano di
esigenze, problemi e difficoltà [Geyer e Niessing osservano che l’utilizzatore può non comprendere
la proposta dell’azienda; oppure conoscere e comprendere la proposta, ma non percepirne i
benefici; oppure avere difficoltà a procedere all’acquisto a causa di tempi, costi e/o rischi correlati,
ecc.], aspettative, desideri, motivazioni, ecc.)
• Guidare e automatizzare le attività di marketing e vendita
• Innescare cicli di miglioramento o innovazione
• Migliorare il supporto agli intermediari
• Creare partnership innovative, basate su scambio e integrazione di dati e informazioni.
È innegabile che la comunicazione diretta fra utilizzatore finale e produttore rappresenti potenzialmente il
trampolino per passare dalla disintermediazione relazionale a quella transazionale. Secondo Geyer e
Niessing l’attuazione o meno di questo passaggio dipende dal valore che l’utilizzatore attribuisce
all’intermediario, soprattutto in termini di servizio di prossimità, contributo consulenziale e capacità di
mettere a sistema prodotti/servizi.
Qualunque sia il suo esito, la trasformazione digitale ridisegna i rapporti fra utilizzatore finale, intermediario
e produttore. Geyer e Niessing sottolineano che – oltre alla disintermediazione transazionale completa
dell’intermediario – la trasformazione digitale apre al produttore diverse strade alternative:
Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR)
Tel.: +39 045 6152381
Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it
3
Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione
Maggio 2021
• Supportare gli sforzi di marketing e vendita degli intermediari, alimentando con contenuti validati
le loro piattaforme digitali. Una soluzione non ideale, poiché non permette all’azienda di accedere a
dati generati dagli utilizzatori, ma che comunque può rivelarsi opportuna, perché l’intermediario ha
convenienza a privilegiare fornitori in grado di veicolare senza attrito informazioni corrette
all’utilizzatore finale
• Disintermediare la fase di lead generation, passando di mano il contatto qualificato
all’intermediario per la sua conversione e l’avvio della relazione transazionale
• Disintermediare la vendita di vendita di prodotti semplici, che richiedono poca personalizzazione e
poco servizio. Già questa mossa si riflette in modo potenzialmente negativo sugli intermediari: più
perdono la vendita di prodotti, mantenendo quella dei servizi collegati, più rischiano di vedere
ridotti i propri margini, dato che l’erogazione del servizio è un’attività tendenzialmente complessa
ad alta intensità di lavoro
• Vendere direttamente gamme di prodotti di minore interesse per gli intermediari
• Creare marchi ad hoc per la vendita diretta
• Vendere direttamente a segmenti diversi da quelli serviti dagli intermediari. Diversi, per esempio,
per dimensione, nicchia, adiacenza di settore, ecc.
• Passare dalla logica della fornitura di prodotti a quella della co-creazione di soluzioni, che coinvolge
attivamente e integra destinatario finale, varie funzioni aziendali ed eventualmente parti terze.
Geyer e Niessing sottolineano che la co-creazione di soluzioni implica la condivisione fra le parti di
un orizzonte temporale medio-lungo: una volta rassicurati sulle strategie future dell’azienda,
sull’accessibilità ai dati, sulla longevità dell’azienda, ecc., gli interlocutori si sentono rassicurati
dall’allungamento della prospettiva relazionale, soprattutto oggi, nell’instabile era del digitale. Si
tratta quindi di un’ottima base su cui impostare una crescita aziendale sostenibile, improntata alla
creazione di una win-win situation per l’azienda e i suoi interlocutori.
Geyer e Niessing individuano tre fasi della trasformazione digitale, accomunate dalla centralità del data
empowerment, dell’abilitazione digitale del modo di lavorare dell’azienda e dal fatto che la tecnologia non
deve guidare, ma essere al servizio delle scelte strategiche, organizzative, formative e operative. Ecco le tre
fasi in dettaglio:
• Digital selling shift. Se la value proposition è valida anche nel contesto digitale, si tratta del primo
passo da compiere per ampliare online la base dei clienti. Strumenti: marketing digitale, content
marketing, DEM
• Digital experience makeover. Se la value proposition è valida anche nel contesto digitale e se
l’azienda dispone già di una base di clienti ampia, si tratta del secondo passo da compiere per
incrementare online frequenza di acquisto e scontrino medio. Gli autori invitano a non trasformare
mediocre interazioni analogiche in pessime interazioni digitali, ma a ripensare l’esperienza utente,
usando le tecnologie digitali come attuatori. Ovvero: non sono le tecnologie digitali a guidare la
riprogettazione della user experience, ma: l’approccio ecosistemico alle fasi di acquisto,
fidelizzazione e raccomandazione; problemi, esigenze, aspettative e sogni di insiemi omogenei di
utenti; ruoli, persone, processi e dinamiche relazionali sollecitati all’interno e all’esterno
Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR)
Tel.: +39 045 6152381
Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it
4
Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione
Maggio 2021
dell’azienda (chi, che cosa, in quale fase, perché); esigenze e disponibilità di dati e informazioni
scambiati fra le parti; leggi, norme e tendenze, anche di altri settori
• Digital proposition pivot. Innovare la value proposition in modo coerente al contesto digitale può
essere il terzo passo da compiere oppure il primo, nel caso in cui la value proposition sia obsoleta.
Come dicono efficacemente gli autori è saggio “non innovare il fax, quando le persone vogliono l’e-
mail”. All’interno dell’azienda, la value proposition assolve al compito di orientare le decisioni di
alto livello, mentre nei confronti dei clienti rappresenta uno strumento per comunicare l’impegno
rilevante, attuale e futuro, dell’azienda nei loro confronti, gli elementi di distinzione rispetto ai
concorrenti, la loro traduzione in benefici per il cliente e in effetti misurabili di tali benefici
(indicando i KPI che permettono ai clienti di calcolare il ROI della relazione con l’azienda), i valori
fondanti e i fattori abilitanti, cioè come e perché l’azienda prevede di poter raggiungere quanto
promesso.
Autore: Petra Dal Santo | dalsanto@keanet.it

More Related Content

What's hot

What's hot (20)

I Social Media sono il nuovo customer service? - CMI novembre 2012
I Social Media sono il nuovo customer service? - CMI novembre 2012 I Social Media sono il nuovo customer service? - CMI novembre 2012
I Social Media sono il nuovo customer service? - CMI novembre 2012
 
Come sfruttare il potere dei dati: alla scoperta dell’Analisi Predittiva
Come sfruttare il potere dei dati: alla scoperta dell’Analisi PredittivaCome sfruttare il potere dei dati: alla scoperta dell’Analisi Predittiva
Come sfruttare il potere dei dati: alla scoperta dell’Analisi Predittiva
 
Social business
Social businessSocial business
Social business
 
CRM customer relationship management tra organizzazione e tecnologia
CRM customer relationship management tra organizzazione e tecnologiaCRM customer relationship management tra organizzazione e tecnologia
CRM customer relationship management tra organizzazione e tecnologia
 
Quali sono le sfide che i social media pongono al marketing?
Quali sono le sfide che i social media pongono al marketing?Quali sono le sfide che i social media pongono al marketing?
Quali sono le sfide che i social media pongono al marketing?
 
Ibm connections risultati concreti per il social business
Ibm connections risultati concreti per il social businessIbm connections risultati concreti per il social business
Ibm connections risultati concreti per il social business
 
Usabilità, comunicazione tecnica ed Help Online (HoL)
Usabilità, comunicazione tecnica ed Help Online (HoL)Usabilità, comunicazione tecnica ed Help Online (HoL)
Usabilità, comunicazione tecnica ed Help Online (HoL)
 
Ascoltare la Rete per migliorare il business
Ascoltare la Rete per migliorare il businessAscoltare la Rete per migliorare il business
Ascoltare la Rete per migliorare il business
 
Presentazione Mario Massone in SMAU 2014
Presentazione Mario Massone in SMAU 2014Presentazione Mario Massone in SMAU 2014
Presentazione Mario Massone in SMAU 2014
 
Aquality Forum 2016 - Lateral Thinking
Aquality Forum 2016 - Lateral ThinkingAquality Forum 2016 - Lateral Thinking
Aquality Forum 2016 - Lateral Thinking
 
Tavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancora
Tavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancoraTavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancora
Tavola Rotonda - C'era una volta il CRM e c'è ancora
 
Tns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitale
Tns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitaleTns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitale
Tns _La real digital bank, la trasformazione che da valore al digitale
 
Che cos’è il prodotto nell’infosfera? L’insieme delle sue informazioni
Che cos’è il prodotto nell’infosfera? L’insieme delle sue informazioniChe cos’è il prodotto nell’infosfera? L’insieme delle sue informazioni
Che cos’è il prodotto nell’infosfera? L’insieme delle sue informazioni
 
Customer experience e la banca del futuro
Customer experience e la banca del futuroCustomer experience e la banca del futuro
Customer experience e la banca del futuro
 
Office Automation 9.2014 - Dal CRM al Digital Marketing
Office Automation 9.2014 - Dal CRM al Digital MarketingOffice Automation 9.2014 - Dal CRM al Digital Marketing
Office Automation 9.2014 - Dal CRM al Digital Marketing
 
Comunicazione ad attrito zero
Comunicazione ad attrito zeroComunicazione ad attrito zero
Comunicazione ad attrito zero
 
Il Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola Rotonda
Il Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola RotondaIl Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola Rotonda
Il Cliente Al Centro del Datacenter : Tavola Rotonda
 
Dispositivi mobili e comunicazione proattiva
Dispositivi mobili e comunicazione proattivaDispositivi mobili e comunicazione proattiva
Dispositivi mobili e comunicazione proattiva
 
La metamorfosi delle cose: spunti per ridisegnare i cataloghi prodotto in chi...
La metamorfosi delle cose: spunti per ridisegnare i cataloghi prodotto in chi...La metamorfosi delle cose: spunti per ridisegnare i cataloghi prodotto in chi...
La metamorfosi delle cose: spunti per ridisegnare i cataloghi prodotto in chi...
 
La scommessa della digitalizzazione? Rendere agile tutta l’azienda
La scommessa della digitalizzazione? Rendere agile tutta l’aziendaLa scommessa della digitalizzazione? Rendere agile tutta l’azienda
La scommessa della digitalizzazione? Rendere agile tutta l’azienda
 

Similar to Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione

digitarp - Soluzioni digitali a supporto della relazione intermediario cliente
digitarp - Soluzioni digitali a supporto della relazione intermediario clientedigitarp - Soluzioni digitali a supporto della relazione intermediario cliente
digitarp - Soluzioni digitali a supporto della relazione intermediario cliente
Paolo Meciani
 
Impresa 11.14 Banfi-Bianchi-Schiavotto (2)
Impresa 11.14 Banfi-Bianchi-Schiavotto (2)Impresa 11.14 Banfi-Bianchi-Schiavotto (2)
Impresa 11.14 Banfi-Bianchi-Schiavotto (2)
Raffaella Bianchi
 
TIG White Paper - Innovare il Customer Service e la Customer Experience
TIG White Paper - Innovare il Customer Service e la Customer ExperienceTIG White Paper - Innovare il Customer Service e la Customer Experience
TIG White Paper - Innovare il Customer Service e la Customer Experience
Elena Vaciago
 

Similar to Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione (20)

Dati, contenuti e automazione: il trio vincente per aumentare efficacia ed ef...
Dati, contenuti e automazione: il trio vincente per aumentare efficacia ed ef...Dati, contenuti e automazione: il trio vincente per aumentare efficacia ed ef...
Dati, contenuti e automazione: il trio vincente per aumentare efficacia ed ef...
 
Evoluzione del Marketing
Evoluzione del MarketingEvoluzione del Marketing
Evoluzione del Marketing
 
Reitek Teleselling Forum [REPORT]
Reitek Teleselling Forum [REPORT]Reitek Teleselling Forum [REPORT]
Reitek Teleselling Forum [REPORT]
 
digitarp - Soluzioni digitali a supporto della relazione intermediario cliente
digitarp - Soluzioni digitali a supporto della relazione intermediario clientedigitarp - Soluzioni digitali a supporto della relazione intermediario cliente
digitarp - Soluzioni digitali a supporto della relazione intermediario cliente
 
Impresa 11.14 Banfi-Bianchi-Schiavotto (2)
Impresa 11.14 Banfi-Bianchi-Schiavotto (2)Impresa 11.14 Banfi-Bianchi-Schiavotto (2)
Impresa 11.14 Banfi-Bianchi-Schiavotto (2)
 
Social Business - Un'azienda che cresce!
Social Business - Un'azienda che cresce!Social Business - Un'azienda che cresce!
Social Business - Un'azienda che cresce!
 
Ibm connections risultati concreti per il social business
Ibm connections risultati concreti per il social businessIbm connections risultati concreti per il social business
Ibm connections risultati concreti per il social business
 
Trasformazione digitale?
Trasformazione digitale?Trasformazione digitale?
Trasformazione digitale?
 
Come raccogliere, processare e presentare dati per rendere meno incerte e ris...
Come raccogliere, processare e presentare dati per rendere meno incerte e ris...Come raccogliere, processare e presentare dati per rendere meno incerte e ris...
Come raccogliere, processare e presentare dati per rendere meno incerte e ris...
 
Customer Experience, Marketing e IT: un percorso di evoluzione e convergenza
Customer Experience, Marketing e IT: un percorso di evoluzione e convergenzaCustomer Experience, Marketing e IT: un percorso di evoluzione e convergenza
Customer Experience, Marketing e IT: un percorso di evoluzione e convergenza
 
Fare Drive to store: la sfida del Pdv
Fare Drive to store: la sfida del PdvFare Drive to store: la sfida del Pdv
Fare Drive to store: la sfida del Pdv
 
Digital transformation
Digital transformationDigital transformation
Digital transformation
 
TIG White Paper - Innovare il Customer Service e la Customer Experience
TIG White Paper - Innovare il Customer Service e la Customer ExperienceTIG White Paper - Innovare il Customer Service e la Customer Experience
TIG White Paper - Innovare il Customer Service e la Customer Experience
 
Presentazione MM Forum Banca 2014
Presentazione MM Forum Banca 2014Presentazione MM Forum Banca 2014
Presentazione MM Forum Banca 2014
 
O2O: la formula della comunicazione ad attrito zero
O2O: la formula della comunicazione ad attrito zeroO2O: la formula della comunicazione ad attrito zero
O2O: la formula della comunicazione ad attrito zero
 
I Social Media sono il nuovo customer service? - CMI novembre 2012
I Social Media sono il nuovo customer service? - CMI novembre 2012I Social Media sono il nuovo customer service? - CMI novembre 2012
I Social Media sono il nuovo customer service? - CMI novembre 2012
 
Business and Technology Consulting
Business and Technology ConsultingBusiness and Technology Consulting
Business and Technology Consulting
 
BOLDideas 2014, Business Intelligence School: Sales process engineering
BOLDideas 2014, Business Intelligence School: Sales process engineeringBOLDideas 2014, Business Intelligence School: Sales process engineering
BOLDideas 2014, Business Intelligence School: Sales process engineering
 
Axiante trend 2021
Axiante trend 2021Axiante trend 2021
Axiante trend 2021
 
Jera-Soluzioni per le imprese
Jera-Soluzioni per le impreseJera-Soluzioni per le imprese
Jera-Soluzioni per le imprese
 

More from KEA s.r.l.

Dialogare con le macchine in linguaggio naturale... Finalmente! Ma ci voleva ...
Dialogare con le macchine in linguaggio naturale... Finalmente! Ma ci voleva ...Dialogare con le macchine in linguaggio naturale... Finalmente! Ma ci voleva ...
Dialogare con le macchine in linguaggio naturale... Finalmente! Ma ci voleva ...
KEA s.r.l.
 

More from KEA s.r.l. (20)

Argo CCMS: come usare al meglio i file di configurazione per export in Word, ...
Argo CCMS: come usare al meglio i file di configurazione per export in Word, ...Argo CCMS: come usare al meglio i file di configurazione per export in Word, ...
Argo CCMS: come usare al meglio i file di configurazione per export in Word, ...
 
Dialogare con le macchine in linguaggio naturale... Finalmente! Ma ci voleva ...
Dialogare con le macchine in linguaggio naturale... Finalmente! Ma ci voleva ...Dialogare con le macchine in linguaggio naturale... Finalmente! Ma ci voleva ...
Dialogare con le macchine in linguaggio naturale... Finalmente! Ma ci voleva ...
 
Argo CMS: assegnare in modo rapido le Proprietà ai Livelli con export/import ...
Argo CMS: assegnare in modo rapido le Proprietà ai Livelli con export/import ...Argo CMS: assegnare in modo rapido le Proprietà ai Livelli con export/import ...
Argo CMS: assegnare in modo rapido le Proprietà ai Livelli con export/import ...
 
Software per realizzare manuali e documentazione tecnica: Argo CCMS di KEA
Software per realizzare manuali e documentazione tecnica: Argo CCMS di KEASoftware per realizzare manuali e documentazione tecnica: Argo CCMS di KEA
Software per realizzare manuali e documentazione tecnica: Argo CCMS di KEA
 
Perché e come usare i fumetti nella comunicazione tecnica e di prodotto
Perché e come usare i fumetti nella comunicazione tecnica e di prodottoPerché e come usare i fumetti nella comunicazione tecnica e di prodotto
Perché e come usare i fumetti nella comunicazione tecnica e di prodotto
 
Riflessioni sulla peculiarità della relazione biunivoca fra uomo e intelligen...
Riflessioni sulla peculiarità della relazione biunivoca fra uomo e intelligen...Riflessioni sulla peculiarità della relazione biunivoca fra uomo e intelligen...
Riflessioni sulla peculiarità della relazione biunivoca fra uomo e intelligen...
 
I principi base dell’intelligenza artificiale spiegata ai non tecnici
I principi base dell’intelligenza artificiale spiegata ai non tecnici I principi base dell’intelligenza artificiale spiegata ai non tecnici
I principi base dell’intelligenza artificiale spiegata ai non tecnici
 
Come migliorare l’efficienza della formazione aziendale
Come migliorare l’efficienza della formazione aziendaleCome migliorare l’efficienza della formazione aziendale
Come migliorare l’efficienza della formazione aziendale
 
Che cosa hanno in comune la cara vecchia lavatrice e l’intelligenza artificiale?
Che cosa hanno in comune la cara vecchia lavatrice e l’intelligenza artificiale?Che cosa hanno in comune la cara vecchia lavatrice e l’intelligenza artificiale?
Che cosa hanno in comune la cara vecchia lavatrice e l’intelligenza artificiale?
 
Metaverso, ma non solo: come la vita digitale e l’economia digitale potrebber...
Metaverso, ma non solo: come la vita digitale e l’economia digitale potrebber...Metaverso, ma non solo: come la vita digitale e l’economia digitale potrebber...
Metaverso, ma non solo: come la vita digitale e l’economia digitale potrebber...
 
Telegram per le aziende
Telegram per le aziendeTelegram per le aziende
Telegram per le aziende
 
Social e valorizzazione della complessità
Social e valorizzazione della complessitàSocial e valorizzazione della complessità
Social e valorizzazione della complessità
 
Il colore: crocevia fra tecnica, economia, scienza, percezione, memoria e con...
Il colore: crocevia fra tecnica, economia, scienza, percezione, memoria e con...Il colore: crocevia fra tecnica, economia, scienza, percezione, memoria e con...
Il colore: crocevia fra tecnica, economia, scienza, percezione, memoria e con...
 
Argo CCMS: tutte le funzioni della finestra Gestione documenti
Argo CCMS: tutte le funzioni della finestra Gestione documentiArgo CCMS: tutte le funzioni della finestra Gestione documenti
Argo CCMS: tutte le funzioni della finestra Gestione documenti
 
Argo CCMS: come tradurre testi esportando e importando file MS Excel e XML
Argo CCMS: come tradurre testi esportando e importando file MS Excel e XMLArgo CCMS: come tradurre testi esportando e importando file MS Excel e XML
Argo CCMS: come tradurre testi esportando e importando file MS Excel e XML
 
La SEO come conversazione fra le nostre presenze online, Google e chi cerca
La SEO come conversazione fra le nostre presenze online, Google e chi cercaLa SEO come conversazione fra le nostre presenze online, Google e chi cerca
La SEO come conversazione fra le nostre presenze online, Google e chi cerca
 
L’importanza dei metadati nella comunicazione tecnica e di prodotto e come ge...
L’importanza dei metadati nella comunicazione tecnica e di prodotto e come ge...L’importanza dei metadati nella comunicazione tecnica e di prodotto e come ge...
L’importanza dei metadati nella comunicazione tecnica e di prodotto e come ge...
 
Invito alla lettura di Riccardo Falcinelli: Figure. Come funzionano le immagi...
Invito alla lettura di Riccardo Falcinelli: Figure. Come funzionano le immagi...Invito alla lettura di Riccardo Falcinelli: Figure. Come funzionano le immagi...
Invito alla lettura di Riccardo Falcinelli: Figure. Come funzionano le immagi...
 
Catalogo Natale Kasanova: edizioni 2020 e 2021 a confronto
Catalogo Natale Kasanova: edizioni 2020 e 2021 a confrontoCatalogo Natale Kasanova: edizioni 2020 e 2021 a confronto
Catalogo Natale Kasanova: edizioni 2020 e 2021 a confronto
 
Argo CMS – Come riusare manualmente contenuti all’interno di documenti distinti
Argo CMS – Come riusare manualmente contenuti all’interno di documenti distintiArgo CMS – Come riusare manualmente contenuti all’interno di documenti distinti
Argo CMS – Come riusare manualmente contenuti all’interno di documenti distinti
 

Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione

  • 1. Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR) Tel.: +39 045 6152381 Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it 1 Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione Maggio 2021 Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione Oltre a schematizzare le fasi della trasformazione digitale dell’azienda, Geyer e Niessing riflettono sul legame fra transazione digitale, disintermediazione relazionale o transazionale, raccolta di dati, elaborazione di informazioni azionabili e cicli miglioramento continuo o innovazione. Invito alla lettura dell’interessante libro di Fred Geyer, Joerg Niessing, The Definitive Guide to B2B Digital Transformation: How to Drive Uncommon Growth by Prioritizing Customers over Technology, 2020 Nell’incipit del libro, anche Geyer e Niessing sottolineano le peculiarità del settore B2B rispetto al B2C: • La presenza persistente di intermediari • La molteplicità di influenzatori e decisori, ognuno dei quali è caratterizzato da ruolo e processo decisionale distintivi • L’innesco di dinamiche relazionali all’interno del gruppo di influenzatori e decisori • La differenziazione per segmenti di clienti di tempi e metodi decisionali (per esempio grandi imprese e PMI) • La portata medio-lunga dell’impatto delle decisioni di acquisto su strategie e operatività dell’azienda. Tuttavia, pur nel permanere delle differenze fra B2B e B2C, la consumerizzazione del settore business e il ricambio generazionale stanno modificando il modo in cui i buyer consumano i contenuti, si relazionano con i fornitori e prendono le decisioni. Come nel settore consumer, anche nel B2B gli acquirenti privilegiano i canali digitali disponibili 7/7 H24, automatizzano gli acquisti di routine (il riordino di prodotti correnti, di consumabili e ricambi, di kit di manutenzione, ecc.), usufruiscono di servizi di self-care e di l’auto- formazione. Anche quando la transazione avviene tramite intermediari, i buyer si aspettano di poter disintermediare la comunicazione, cioè di poter entrare in contatto diretto con il produttore (l’importatore o il distributore di primo livello) nelle fasi di pre-vendita e in quelle di post-vendita, soprattutto quando gli intermediari non sono in grado fornire supporto adeguato. Per il produttore si tratta dell’occasione per instaurare una relazione diretta con l’utilizzatore finale, che non implica necessariamente la disintermediazione della transazione, ma che gli permette di raccogliere di
  • 2. Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR) Tel.: +39 045 6152381 Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it 2 Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione Maggio 2021 prima mano esperienze, informazioni e dati utili ad alimentare i cicli di miglioramento continuo e di innovazione di prodotti/servizi, modelli di business e proposte di valore. Disintermediare la relazione con l’utilizzatore finale per il produttore significa avere la possibilità di: • Fornire informazioni validate, rilevanti e personalizzate • Raccogliere o avere accesso a più dati (dati relativi al profilo; dati relativi al comportamento da motori di ricerca, utilizzo del sito e dell’e-shop, interazioni sui social media, report del servizio clienti/tecnico all’interno del CRM, ecc.; informazioni relative alla percezione, frutto del dialogo con l’ufficio vendite, con il servizio clienti/clienti e/o dell’ascolto dei canai social; dati provenienti da oggetti smart dell’IoT, ecc.) • Aggregare i dati (anche per mettere in relazione i dati dei singoli utenti con quelli dell’azienda a cui fanno capo) • Elaborare i dati per trasformarli in informazioni azionabili. Superare il monopolio degli intermediari su dati e informazioni riguardanti gli utilizzatori finali è strategico per il produttore, poiché gli permette di entrare in possesso di una delle materie prime fondamentali per: • Alimentare il processo di apprendimento dagli utilizzatori (comprensione di prima mano di esigenze, problemi e difficoltà [Geyer e Niessing osservano che l’utilizzatore può non comprendere la proposta dell’azienda; oppure conoscere e comprendere la proposta, ma non percepirne i benefici; oppure avere difficoltà a procedere all’acquisto a causa di tempi, costi e/o rischi correlati, ecc.], aspettative, desideri, motivazioni, ecc.) • Guidare e automatizzare le attività di marketing e vendita • Innescare cicli di miglioramento o innovazione • Migliorare il supporto agli intermediari • Creare partnership innovative, basate su scambio e integrazione di dati e informazioni. È innegabile che la comunicazione diretta fra utilizzatore finale e produttore rappresenti potenzialmente il trampolino per passare dalla disintermediazione relazionale a quella transazionale. Secondo Geyer e Niessing l’attuazione o meno di questo passaggio dipende dal valore che l’utilizzatore attribuisce all’intermediario, soprattutto in termini di servizio di prossimità, contributo consulenziale e capacità di mettere a sistema prodotti/servizi. Qualunque sia il suo esito, la trasformazione digitale ridisegna i rapporti fra utilizzatore finale, intermediario e produttore. Geyer e Niessing sottolineano che – oltre alla disintermediazione transazionale completa dell’intermediario – la trasformazione digitale apre al produttore diverse strade alternative:
  • 3. Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR) Tel.: +39 045 6152381 Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it 3 Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione Maggio 2021 • Supportare gli sforzi di marketing e vendita degli intermediari, alimentando con contenuti validati le loro piattaforme digitali. Una soluzione non ideale, poiché non permette all’azienda di accedere a dati generati dagli utilizzatori, ma che comunque può rivelarsi opportuna, perché l’intermediario ha convenienza a privilegiare fornitori in grado di veicolare senza attrito informazioni corrette all’utilizzatore finale • Disintermediare la fase di lead generation, passando di mano il contatto qualificato all’intermediario per la sua conversione e l’avvio della relazione transazionale • Disintermediare la vendita di vendita di prodotti semplici, che richiedono poca personalizzazione e poco servizio. Già questa mossa si riflette in modo potenzialmente negativo sugli intermediari: più perdono la vendita di prodotti, mantenendo quella dei servizi collegati, più rischiano di vedere ridotti i propri margini, dato che l’erogazione del servizio è un’attività tendenzialmente complessa ad alta intensità di lavoro • Vendere direttamente gamme di prodotti di minore interesse per gli intermediari • Creare marchi ad hoc per la vendita diretta • Vendere direttamente a segmenti diversi da quelli serviti dagli intermediari. Diversi, per esempio, per dimensione, nicchia, adiacenza di settore, ecc. • Passare dalla logica della fornitura di prodotti a quella della co-creazione di soluzioni, che coinvolge attivamente e integra destinatario finale, varie funzioni aziendali ed eventualmente parti terze. Geyer e Niessing sottolineano che la co-creazione di soluzioni implica la condivisione fra le parti di un orizzonte temporale medio-lungo: una volta rassicurati sulle strategie future dell’azienda, sull’accessibilità ai dati, sulla longevità dell’azienda, ecc., gli interlocutori si sentono rassicurati dall’allungamento della prospettiva relazionale, soprattutto oggi, nell’instabile era del digitale. Si tratta quindi di un’ottima base su cui impostare una crescita aziendale sostenibile, improntata alla creazione di una win-win situation per l’azienda e i suoi interlocutori. Geyer e Niessing individuano tre fasi della trasformazione digitale, accomunate dalla centralità del data empowerment, dell’abilitazione digitale del modo di lavorare dell’azienda e dal fatto che la tecnologia non deve guidare, ma essere al servizio delle scelte strategiche, organizzative, formative e operative. Ecco le tre fasi in dettaglio: • Digital selling shift. Se la value proposition è valida anche nel contesto digitale, si tratta del primo passo da compiere per ampliare online la base dei clienti. Strumenti: marketing digitale, content marketing, DEM • Digital experience makeover. Se la value proposition è valida anche nel contesto digitale e se l’azienda dispone già di una base di clienti ampia, si tratta del secondo passo da compiere per incrementare online frequenza di acquisto e scontrino medio. Gli autori invitano a non trasformare mediocre interazioni analogiche in pessime interazioni digitali, ma a ripensare l’esperienza utente, usando le tecnologie digitali come attuatori. Ovvero: non sono le tecnologie digitali a guidare la riprogettazione della user experience, ma: l’approccio ecosistemico alle fasi di acquisto, fidelizzazione e raccomandazione; problemi, esigenze, aspettative e sogni di insiemi omogenei di utenti; ruoli, persone, processi e dinamiche relazionali sollecitati all’interno e all’esterno
  • 4. Kea s.r.l. | Via Strà, 102 | 37042 Caldiero (VR) Tel.: +39 045 6152381 Web: www.keanet.it | E-mail: info@keanet.it 4 Transazione digitale: disintermediazione, data empowerment e innovazione Maggio 2021 dell’azienda (chi, che cosa, in quale fase, perché); esigenze e disponibilità di dati e informazioni scambiati fra le parti; leggi, norme e tendenze, anche di altri settori • Digital proposition pivot. Innovare la value proposition in modo coerente al contesto digitale può essere il terzo passo da compiere oppure il primo, nel caso in cui la value proposition sia obsoleta. Come dicono efficacemente gli autori è saggio “non innovare il fax, quando le persone vogliono l’e- mail”. All’interno dell’azienda, la value proposition assolve al compito di orientare le decisioni di alto livello, mentre nei confronti dei clienti rappresenta uno strumento per comunicare l’impegno rilevante, attuale e futuro, dell’azienda nei loro confronti, gli elementi di distinzione rispetto ai concorrenti, la loro traduzione in benefici per il cliente e in effetti misurabili di tali benefici (indicando i KPI che permettono ai clienti di calcolare il ROI della relazione con l’azienda), i valori fondanti e i fattori abilitanti, cioè come e perché l’azienda prevede di poter raggiungere quanto promesso. Autore: Petra Dal Santo | dalsanto@keanet.it