SlideShare a Scribd company logo
1
Liceo Scientifico U.Follador
Il male del Secolo
ELENA CRUPI
CLASSE 5
Anno Scolastico 2015/2016
2
La neoplasia, comunemente definita come cancro o
tumore è oggi considerata una delle malattie che hanno
segnato e continuano a segnare la storia del XXI secolo.
Nonostante i numerosi progressi compiuti dalla medicina
moderna questa patologia continua a gettare un’ombra
oscura sull’umanità, non esiste infatti ad oggi una cura
definitiva, sebbene le speranze di sconfiggere questo male
siano molto aumentate grazie alle numerose ricerche
compiute negli ultimi anni.
Uno dei mali peggiori di questa patologia è sicuramente la
disinformazione, ecco perché dovremmo chiederci: cos’è
un tumore?
Un tumore si forma con lo sviluppo e la
moltiplicazione di un gruppo di cellule privo dei
normali meccanismi di controllo e che, pertanto,
presentano una crescita irregolare. Queste cellule si
dividono quando non dovrebbero e generano un
numero enorme di altre cellule con lo stesso difetto di
regolazione che, quando il tumore è maligno, vanno
poi ad invadere e distruggere anche i tessuti vicini,
prolificando nell’organismo. Questo difetto di
riproduzione può accadere in qualsiasi organo del
corpo umano.
Come già accennato il quindi il tumore può essere di
due tipi:
o Maligno quando le cellule compromesse si
allontanano dalla sede primitiva, invadendo altri
tessuti.
o Benigno quando la neoplasia rimane limitata
ad una sezione dell’organo compromesso.
3
SCIENZE:
Modalità di sviluppo e diffusione
Il processo di sviluppo delle cellule tumorali è molto
complesso ed è chiamato “processo di trasformazione”.
Questo processo si divide in due fasi: una prima fase
definita iniziazione e una seconda e ultima fase chiamata
promozione. Nella prima fase avviene un’alterazione del
materiale genetico di una cellula che diventa quindi
maligna. L’alterazione del materiale genetico può essere
spontanea oppure determinata da un agente esterno
chiamato cancerogeno.
I cancerogeni comprendono molte sostanze chimiche come
ad esempio il fumo, i virus, le radiazioni e i raggi solari.
Nella seconda fase dello sviluppo gli agenti responsabili
detti promotori possono essere sostanze presenti
nell’ambiente; questi, a differenza dei cancerogeni, non
provocano il tumore, ma permettono alla cellula che ha
subito la prima fase (l’iniziazione) di diventare tumorale.
Alcuni cancerogeni sono talmente potenti da causare il
tumore senza aver bisogno della seconda fase. Le
radiazioni ionizzanti (utilizzate nelle radiografie, causate
da esplosioni atomiche o prodotte dalle centrali nucleari)
sono causa di diversi tipi di tumore come le leucemie o il
tumore alla tiroide.
Tipi di tumore
I tessuti tumorali possono essere distinti in tumori del
sangue come le leucemie e i linfomi, e i cancri che a sua
volta vengono distinti in carcinomi e sarcomi. Le
leucemie, come già detto, sono i tumori del sangue.
Anziché formare una massa, le cellule neoplastiche
4
possono rimanere separate. Pertanto spesso danneggiano
l’organismo determinando l’eliminazione delle normali
cellule del sangue, nel midollo osseo e nel torrente
circolatorio cosicché le cellule sane vengono soverchiate
da quelle tumorali. I carcinomi invece sono i tumori delle
cellule che rivestono la superficie del corpo, producono
ormoni e formano ghiandole. (esempi: della pelle e del
polmone)
I sarcomi invece sono tumori che colpiscono le cellule
mesodermiche cioè le cellule che formano i muscoli e il
tessuto connettivo. (esempi: tumori dell’osso o del
muscolo).
Ma quali sono i fattori di rischio?
Non esiste quasi mai, tranne in alcune rare forme
ereditarie, un’unica causa che possa spiegare l’insorgenza
di un tumore. Al suo sviluppo concorrono diversi fattori,
alcuni dei quali non sono modificabili, come i geni
ereditati dai propri genitori o l’età, mentre su altri si può
intervenire per ridurre il rischio di andare incontro alla
malattia. L’invecchiamento è il più importante fattore di
rischio per il cancro: la maggior parte dei tumori infatti si
sviluppa in tarda età; ed è anche per l’aumento dell’età
media della popolazione, quindi, che nell’ultimo secolo il
numero di persone che hanno sviluppato la malattia è
andato aumentando. Per quanto riguarda la genetica: nella
maggior parte dei casi non si parla di “ereditarietà” ma di
“familiarità”: ciò significa che con i geni non si trasmette
la malattia, ma solo una maggior predisposizione a
svilupparla. Se quindi ci sono stati diversi casi di cancro in
famiglia, non significa che tutti i membri prima o poi si
ammaleranno, ma solo che occorre prestare maggior
5
attenzione a seguire stili di vita sani e sottoporsi con
regolarità a controlli suggeriti dal proprio medico.
Ci sono inoltre diversi elementi che possono favorire la
comparsa della malattia anche nell’ambiente che ci
circonda come l’inquinamento atmosferico, o gli agenti
chimici presenti in natura.
(qui aggiungi qualche foto)
FISICA:
6
Metodi di diagnosi esami TC, RMN e PET
La diagnosi comprende test di screening, esame obbiettivo
ed esami strumentali. Dopo la diagnosi di tumore si
procede con la stadiazione che è un modo per stabilire le
dimensioni del tumore e la sua diffusione all’interno
dell’organismo. I test di screening servono per individuare
l’eventuale presenza di un tumore prima della comparsa
dei sintomi veri e propri. Generalmente questi tipi di test
non sono definitivi e i risultati vengono confermati o meno
da ulteriori visite ed esami. Sebbene i test di screening
possano contribuire a salvare delle vite, comportano costi
elevati e talvolta danno risultati falsi-positivi che generano
stress psicofisico al paziente. In seguito alla
diagnosticazione di un tumore vengono effettuati gli esami
di stadiazione che permettono di determinare quanto sia
avanzata la neoplasia in termini di dimensione, di sede e di
diffusione ad altre parti dell’organismo. Nella stadiazione
si può ricorrere a esami come la TC o alla risonanza
magnetica nucleare RMN.
La Tomografia Assiale Computerizzata o TAC , si serve di
un fascio di elettroni, per produrre delle radiazioni (fotoni
X) che originano esternamente al corpo del paziente per
vedere come è la densità dei tessuti ed organi.
L’introduzione attraverso un’iniezione endovenosa di
mezzi di contrasto a base di iodio permette di aumentare
l’accuratezza della TC. La risonanza magnetica nucleare
RMN rappresenta un’alternativa alla TC; con questo tipo
di procedura un campo magnetico molto potente genera
immagini anatomiche particolarmente dettagliate. Con
questo tipo di esame non vengono utilizzate raggi, risulta
quindi molto sicura per i soggetti che presentano allergie o
7
altre reazioni al colorante radioopaceo che viene utilizzato
con la TC.
La Tomografia a emissione di Positoni o PET è invece una
tecnica diagnostica di medicina nucleare che comporta la
somministrazione per via endovenosa di sostanze
normalmente presenti nell’organismo (come per esempio il
glucosio, la dopamina o la metonina) marcate con
molecole radioattive; queste decadendo emettono positoni.
Così un positone emesso all’interno dell’organismo si
ferma entro un paio di millimetri e annichila un elettrone
atomico. La PET quindi fornisce informazioni su quali
parti del corpo si attivano e essendo più ossigenate
metabolizzano più zucchero marcato con il fluoro
radioattivo che emette positoni. Nel caso dei tumori
vengono individuate le cellule malate metabolicamente
più attive di altre e quindi assorbono più glucosio dalle
cellule sane circostanti . Il topografo PET rilevando i due
fotoni emessi permette di delimitare il tumore con
precisione millimetrica. Mentre l’esame TC fornisce
informazioni di tipo morfologico, l’esame PET fornisce
informazioni di tipo funzionale e metabolico. In casi
specifici viene effettuato un esame di tipo PET-TC che
consiste nella fusione dei due esami che forniscono
informazioni diverse e allo stesso tempo complementari.
L’esame PET viene effettuato dopo il TC se si tratta di
diagnosticare un tumore mentre viene preso in
considerazione per primo se si tratta di individuare il
trattamento chemioterapeutico che si andrà ad affrontare.
FILOSOFIA:
8
La nevrosi collettiva di Sigmund Freud
Sigmund Freud è stato un neurologo e psicanalista ed è il
padre fondatore della psicoanalisi, una delle principali
branche della psicologia. La nuova scienza di Freud lo
porta a studiare la realtà corposa e determinante
dell’inconscio umano. Per svolgere gli studi sulla psiche
umana Freud formula una teoria, formata da due topiche,
che va oltre la coscienza: la metapsicologia. La prima
topica afferma che l’individuo è costituito da conscio,
preconscio, inconscio e la relazione con il mondo esterno.
La seconda topica invece parla di una diversa tripartizione
composta da es, io e super io. L’ES rappresenta gli istinti e
gli impulsi nascosti dell’uomo; il SUPER IO rappresenta
l’insieme delle figure di proibizione dettate dalla società, è
la sede della coscienza morale e del senso di colpa, una
sorta di “poliziotto interiore” e l’IO è il mediatore tra l’ES
e il SUPER IO, l’esile struttura di un equilibrio interiore
può cedere alle pulsioni dell’ES da un momento all’altro.
Per capire meglio la seconda affermazione di Freud
possiamo affidarci alla figura di un iceberg dove la parte in
superficie rappresenta l’io e il super io in un eterno
conflitto e la parte sommersa rappresenta l’es.
9
All’interno del super io quindi agiscono dei meccanismi di
censura contro l’ES: i due principali sono la repressione e
la rimozione. La rimozione è un processo inconscio che
permette di escludere dalla coscienza determinate
rappresentazioni connesse ad una pulsione dell’es il cui
soddisfacimento andrebbe in contrasto con la realtà e i
principi del super io. La repressione è invece un processo
conscio che permette di escludere dalla coscienza un
contenuto della psiche che può essere spiacevole.
L’esempio più diretto lo troviamo proprio parlando di un
tumore; la società infatti quando deve nominare un
carcinoma tende a definirlo“una brutta malattia”.

More Related Content

Viewers also liked

Youtube
YoutubeYoutube
Knowing my government
Knowing my governmentKnowing my government
Knowing my government
n073587
 
A data and task co scheduling algorithm for scientific cloud workflows
A data and task co scheduling algorithm for scientific cloud workflowsA data and task co scheduling algorithm for scientific cloud workflows
A data and task co scheduling algorithm for scientific cloud workflows
Finalyearprojects Toall
 
The malaria proof mosquito and mosquito laser
The malaria proof mosquito and mosquito laserThe malaria proof mosquito and mosquito laser
The malaria proof mosquito and mosquito laser
Ana Lopez Giordano
 
Shubham
ShubhamShubham
Shubham
Shubham .
 
Mohamed IbrahemTurkish-Arabic Translator
Mohamed IbrahemTurkish-Arabic TranslatorMohamed IbrahemTurkish-Arabic Translator
Mohamed IbrahemTurkish-Arabic Translator
Mohamed Ibrahim
 
ALIBHIA NASKAR CV
ALIBHIA NASKAR CVALIBHIA NASKAR CV
ALIBHIA NASKAR CV
ALIBHIA NASKAR
 
Profesor german de jesus castro pérez 1
Profesor german de jesus castro pérez   1Profesor german de jesus castro pérez   1
Profesor german de jesus castro pérez 1
germandejesussscc
 
Lack of mobile connectivity is biggest fear of Indian travelers era wudstay t...
Lack of mobile connectivity is biggest fear of Indian travelers era wudstay t...Lack of mobile connectivity is biggest fear of Indian travelers era wudstay t...
Lack of mobile connectivity is biggest fear of Indian travelers era wudstay t...
Arun Prabhudesai
 
Video Steganography
Video SteganographyVideo Steganography
Video Steganography
James Ridgway
 
Marketing Financial Services
Marketing Financial ServicesMarketing Financial Services
Marketing Financial Services
Marya Sholevar
 

Viewers also liked (13)

Youtube
YoutubeYoutube
Youtube
 
Knowing my government
Knowing my governmentKnowing my government
Knowing my government
 
A data and task co scheduling algorithm for scientific cloud workflows
A data and task co scheduling algorithm for scientific cloud workflowsA data and task co scheduling algorithm for scientific cloud workflows
A data and task co scheduling algorithm for scientific cloud workflows
 
Download 5.08
Download 5.08Download 5.08
Download 5.08
 
The malaria proof mosquito and mosquito laser
The malaria proof mosquito and mosquito laserThe malaria proof mosquito and mosquito laser
The malaria proof mosquito and mosquito laser
 
Shubham
ShubhamShubham
Shubham
 
Powerpoint de basket
Powerpoint de basketPowerpoint de basket
Powerpoint de basket
 
Mohamed IbrahemTurkish-Arabic Translator
Mohamed IbrahemTurkish-Arabic TranslatorMohamed IbrahemTurkish-Arabic Translator
Mohamed IbrahemTurkish-Arabic Translator
 
ALIBHIA NASKAR CV
ALIBHIA NASKAR CVALIBHIA NASKAR CV
ALIBHIA NASKAR CV
 
Profesor german de jesus castro pérez 1
Profesor german de jesus castro pérez   1Profesor german de jesus castro pérez   1
Profesor german de jesus castro pérez 1
 
Lack of mobile connectivity is biggest fear of Indian travelers era wudstay t...
Lack of mobile connectivity is biggest fear of Indian travelers era wudstay t...Lack of mobile connectivity is biggest fear of Indian travelers era wudstay t...
Lack of mobile connectivity is biggest fear of Indian travelers era wudstay t...
 
Video Steganography
Video SteganographyVideo Steganography
Video Steganography
 
Marketing Financial Services
Marketing Financial ServicesMarketing Financial Services
Marketing Financial Services
 

Similar to Tesina

Giornata di prevenzione dei tumori al seno
Giornata di prevenzione dei tumori al senoGiornata di prevenzione dei tumori al seno
Giornata di prevenzione dei tumori al seno
redazione gioianet
 
epi.ca fase 3 Cassiamo il Cancro
epi.ca fase 3 Cassiamo il Cancroepi.ca fase 3 Cassiamo il Cancro
epi.ca fase 3 Cassiamo il Cancro
Daniela Marchesini
 
Sapere per capire
Sapere per capireSapere per capire
Sapere per capire
comitatochianelli chianelli
 
Qto 123 bonanni come curare il mesotelioma
Qto 123 bonanni come curare il mesoteliomaQto 123 bonanni come curare il mesotelioma
Qto 123 bonanni come curare il mesotelioma
Michele Rucco
 
3 ac collaborative learning-apparato riproduttore
3 ac collaborative learning-apparato riproduttore3 ac collaborative learning-apparato riproduttore
3 ac collaborative learning-apparato riproduttore
Liceo Statale Vincenzo Monti, Cesena (FC), Italy
 
Valente complessità fitomedicina
Valente complessità fitomedicinaValente complessità fitomedicina
Valente complessità fitomedicina
Pasquale Valente
 
Cassiamo il cancro
Cassiamo il cancroCassiamo il cancro
Cassiamo il cancro
Domenico Russo
 
Sistemamediomeopatiacomin
SistemamediomeopatiacominSistemamediomeopatiacomin
Sistemamediomeopatiacomin
Giuliana Comin
 
la medicina di genere
la medicina di generela medicina di genere
la medicina di genere
martino massimiliano trapani
 
Cos’è l’idrosadenite suppurativa - Agnese Cremaschi
Cos’è l’idrosadenite suppurativa - Agnese CremaschiCos’è l’idrosadenite suppurativa - Agnese Cremaschi
Cos’è l’idrosadenite suppurativa - Agnese Cremaschi
Agnese Cremaschi
 
Adolescente e malattia
Adolescente e malattia Adolescente e malattia
Adolescente e malattia
Giancarlo Izzi
 
Live in Caregiver 13/02/2014
Live in Caregiver 13/02/2014Live in Caregiver 13/02/2014
Live in Caregiver 13/02/2014
aiserv
 
Storia, scienza e conoscenza della medicina quantistica. Luigina Bernardi Pro...
Storia, scienza e conoscenza della medicina quantistica. Luigina Bernardi Pro...Storia, scienza e conoscenza della medicina quantistica. Luigina Bernardi Pro...
Storia, scienza e conoscenza della medicina quantistica. Luigina Bernardi Pro...Progetto Benessere Completo
 
Cancro alla mammella
Cancro alla mammellaCancro alla mammella
Cancro alla mammella
Armando Fiore
 
Autoimmunità e tumori 05 November 2010
Autoimmunità e tumori 05 November 2010Autoimmunità e tumori 05 November 2010
Autoimmunità e tumori 05 November 2010
Stefano Mancini
 
presentazione divulgativa .pptx
presentazione divulgativa .pptxpresentazione divulgativa .pptx
presentazione divulgativa .pptx
MarcelloFerrara6
 
presentazione divulgativa .pdf
presentazione divulgativa .pdfpresentazione divulgativa .pdf
presentazione divulgativa .pdf
MarcelloFerrara6
 

Similar to Tesina (20)

Causazione2004
Causazione2004Causazione2004
Causazione2004
 
Giornata di prevenzione dei tumori al seno
Giornata di prevenzione dei tumori al senoGiornata di prevenzione dei tumori al seno
Giornata di prevenzione dei tumori al seno
 
epi.ca fase 3 Cassiamo il Cancro
epi.ca fase 3 Cassiamo il Cancroepi.ca fase 3 Cassiamo il Cancro
epi.ca fase 3 Cassiamo il Cancro
 
Sapere per capire
Sapere per capireSapere per capire
Sapere per capire
 
Qto 123 bonanni come curare il mesotelioma
Qto 123 bonanni come curare il mesoteliomaQto 123 bonanni come curare il mesotelioma
Qto 123 bonanni come curare il mesotelioma
 
Il rabdomiosarcoma in età pediatrica
Il rabdomiosarcoma in età pediatricaIl rabdomiosarcoma in età pediatrica
Il rabdomiosarcoma in età pediatrica
 
20 genetica del cancro
20 genetica del cancro20 genetica del cancro
20 genetica del cancro
 
3 ac collaborative learning-apparato riproduttore
3 ac collaborative learning-apparato riproduttore3 ac collaborative learning-apparato riproduttore
3 ac collaborative learning-apparato riproduttore
 
Valente complessità fitomedicina
Valente complessità fitomedicinaValente complessità fitomedicina
Valente complessità fitomedicina
 
Cassiamo il cancro
Cassiamo il cancroCassiamo il cancro
Cassiamo il cancro
 
Sistemamediomeopatiacomin
SistemamediomeopatiacominSistemamediomeopatiacomin
Sistemamediomeopatiacomin
 
la medicina di genere
la medicina di generela medicina di genere
la medicina di genere
 
Cos’è l’idrosadenite suppurativa - Agnese Cremaschi
Cos’è l’idrosadenite suppurativa - Agnese CremaschiCos’è l’idrosadenite suppurativa - Agnese Cremaschi
Cos’è l’idrosadenite suppurativa - Agnese Cremaschi
 
Adolescente e malattia
Adolescente e malattia Adolescente e malattia
Adolescente e malattia
 
Live in Caregiver 13/02/2014
Live in Caregiver 13/02/2014Live in Caregiver 13/02/2014
Live in Caregiver 13/02/2014
 
Storia, scienza e conoscenza della medicina quantistica. Luigina Bernardi Pro...
Storia, scienza e conoscenza della medicina quantistica. Luigina Bernardi Pro...Storia, scienza e conoscenza della medicina quantistica. Luigina Bernardi Pro...
Storia, scienza e conoscenza della medicina quantistica. Luigina Bernardi Pro...
 
Cancro alla mammella
Cancro alla mammellaCancro alla mammella
Cancro alla mammella
 
Autoimmunità e tumori 05 November 2010
Autoimmunità e tumori 05 November 2010Autoimmunità e tumori 05 November 2010
Autoimmunità e tumori 05 November 2010
 
presentazione divulgativa .pptx
presentazione divulgativa .pptxpresentazione divulgativa .pptx
presentazione divulgativa .pptx
 
presentazione divulgativa .pdf
presentazione divulgativa .pdfpresentazione divulgativa .pdf
presentazione divulgativa .pdf
 

Tesina

  • 1. 1 Liceo Scientifico U.Follador Il male del Secolo ELENA CRUPI CLASSE 5 Anno Scolastico 2015/2016
  • 2. 2 La neoplasia, comunemente definita come cancro o tumore è oggi considerata una delle malattie che hanno segnato e continuano a segnare la storia del XXI secolo. Nonostante i numerosi progressi compiuti dalla medicina moderna questa patologia continua a gettare un’ombra oscura sull’umanità, non esiste infatti ad oggi una cura definitiva, sebbene le speranze di sconfiggere questo male siano molto aumentate grazie alle numerose ricerche compiute negli ultimi anni. Uno dei mali peggiori di questa patologia è sicuramente la disinformazione, ecco perché dovremmo chiederci: cos’è un tumore? Un tumore si forma con lo sviluppo e la moltiplicazione di un gruppo di cellule privo dei normali meccanismi di controllo e che, pertanto, presentano una crescita irregolare. Queste cellule si dividono quando non dovrebbero e generano un numero enorme di altre cellule con lo stesso difetto di regolazione che, quando il tumore è maligno, vanno poi ad invadere e distruggere anche i tessuti vicini, prolificando nell’organismo. Questo difetto di riproduzione può accadere in qualsiasi organo del corpo umano. Come già accennato il quindi il tumore può essere di due tipi: o Maligno quando le cellule compromesse si allontanano dalla sede primitiva, invadendo altri tessuti. o Benigno quando la neoplasia rimane limitata ad una sezione dell’organo compromesso.
  • 3. 3 SCIENZE: Modalità di sviluppo e diffusione Il processo di sviluppo delle cellule tumorali è molto complesso ed è chiamato “processo di trasformazione”. Questo processo si divide in due fasi: una prima fase definita iniziazione e una seconda e ultima fase chiamata promozione. Nella prima fase avviene un’alterazione del materiale genetico di una cellula che diventa quindi maligna. L’alterazione del materiale genetico può essere spontanea oppure determinata da un agente esterno chiamato cancerogeno. I cancerogeni comprendono molte sostanze chimiche come ad esempio il fumo, i virus, le radiazioni e i raggi solari. Nella seconda fase dello sviluppo gli agenti responsabili detti promotori possono essere sostanze presenti nell’ambiente; questi, a differenza dei cancerogeni, non provocano il tumore, ma permettono alla cellula che ha subito la prima fase (l’iniziazione) di diventare tumorale. Alcuni cancerogeni sono talmente potenti da causare il tumore senza aver bisogno della seconda fase. Le radiazioni ionizzanti (utilizzate nelle radiografie, causate da esplosioni atomiche o prodotte dalle centrali nucleari) sono causa di diversi tipi di tumore come le leucemie o il tumore alla tiroide. Tipi di tumore I tessuti tumorali possono essere distinti in tumori del sangue come le leucemie e i linfomi, e i cancri che a sua volta vengono distinti in carcinomi e sarcomi. Le leucemie, come già detto, sono i tumori del sangue. Anziché formare una massa, le cellule neoplastiche
  • 4. 4 possono rimanere separate. Pertanto spesso danneggiano l’organismo determinando l’eliminazione delle normali cellule del sangue, nel midollo osseo e nel torrente circolatorio cosicché le cellule sane vengono soverchiate da quelle tumorali. I carcinomi invece sono i tumori delle cellule che rivestono la superficie del corpo, producono ormoni e formano ghiandole. (esempi: della pelle e del polmone) I sarcomi invece sono tumori che colpiscono le cellule mesodermiche cioè le cellule che formano i muscoli e il tessuto connettivo. (esempi: tumori dell’osso o del muscolo). Ma quali sono i fattori di rischio? Non esiste quasi mai, tranne in alcune rare forme ereditarie, un’unica causa che possa spiegare l’insorgenza di un tumore. Al suo sviluppo concorrono diversi fattori, alcuni dei quali non sono modificabili, come i geni ereditati dai propri genitori o l’età, mentre su altri si può intervenire per ridurre il rischio di andare incontro alla malattia. L’invecchiamento è il più importante fattore di rischio per il cancro: la maggior parte dei tumori infatti si sviluppa in tarda età; ed è anche per l’aumento dell’età media della popolazione, quindi, che nell’ultimo secolo il numero di persone che hanno sviluppato la malattia è andato aumentando. Per quanto riguarda la genetica: nella maggior parte dei casi non si parla di “ereditarietà” ma di “familiarità”: ciò significa che con i geni non si trasmette la malattia, ma solo una maggior predisposizione a svilupparla. Se quindi ci sono stati diversi casi di cancro in famiglia, non significa che tutti i membri prima o poi si ammaleranno, ma solo che occorre prestare maggior
  • 5. 5 attenzione a seguire stili di vita sani e sottoporsi con regolarità a controlli suggeriti dal proprio medico. Ci sono inoltre diversi elementi che possono favorire la comparsa della malattia anche nell’ambiente che ci circonda come l’inquinamento atmosferico, o gli agenti chimici presenti in natura. (qui aggiungi qualche foto) FISICA:
  • 6. 6 Metodi di diagnosi esami TC, RMN e PET La diagnosi comprende test di screening, esame obbiettivo ed esami strumentali. Dopo la diagnosi di tumore si procede con la stadiazione che è un modo per stabilire le dimensioni del tumore e la sua diffusione all’interno dell’organismo. I test di screening servono per individuare l’eventuale presenza di un tumore prima della comparsa dei sintomi veri e propri. Generalmente questi tipi di test non sono definitivi e i risultati vengono confermati o meno da ulteriori visite ed esami. Sebbene i test di screening possano contribuire a salvare delle vite, comportano costi elevati e talvolta danno risultati falsi-positivi che generano stress psicofisico al paziente. In seguito alla diagnosticazione di un tumore vengono effettuati gli esami di stadiazione che permettono di determinare quanto sia avanzata la neoplasia in termini di dimensione, di sede e di diffusione ad altre parti dell’organismo. Nella stadiazione si può ricorrere a esami come la TC o alla risonanza magnetica nucleare RMN. La Tomografia Assiale Computerizzata o TAC , si serve di un fascio di elettroni, per produrre delle radiazioni (fotoni X) che originano esternamente al corpo del paziente per vedere come è la densità dei tessuti ed organi. L’introduzione attraverso un’iniezione endovenosa di mezzi di contrasto a base di iodio permette di aumentare l’accuratezza della TC. La risonanza magnetica nucleare RMN rappresenta un’alternativa alla TC; con questo tipo di procedura un campo magnetico molto potente genera immagini anatomiche particolarmente dettagliate. Con questo tipo di esame non vengono utilizzate raggi, risulta quindi molto sicura per i soggetti che presentano allergie o
  • 7. 7 altre reazioni al colorante radioopaceo che viene utilizzato con la TC. La Tomografia a emissione di Positoni o PET è invece una tecnica diagnostica di medicina nucleare che comporta la somministrazione per via endovenosa di sostanze normalmente presenti nell’organismo (come per esempio il glucosio, la dopamina o la metonina) marcate con molecole radioattive; queste decadendo emettono positoni. Così un positone emesso all’interno dell’organismo si ferma entro un paio di millimetri e annichila un elettrone atomico. La PET quindi fornisce informazioni su quali parti del corpo si attivano e essendo più ossigenate metabolizzano più zucchero marcato con il fluoro radioattivo che emette positoni. Nel caso dei tumori vengono individuate le cellule malate metabolicamente più attive di altre e quindi assorbono più glucosio dalle cellule sane circostanti . Il topografo PET rilevando i due fotoni emessi permette di delimitare il tumore con precisione millimetrica. Mentre l’esame TC fornisce informazioni di tipo morfologico, l’esame PET fornisce informazioni di tipo funzionale e metabolico. In casi specifici viene effettuato un esame di tipo PET-TC che consiste nella fusione dei due esami che forniscono informazioni diverse e allo stesso tempo complementari. L’esame PET viene effettuato dopo il TC se si tratta di diagnosticare un tumore mentre viene preso in considerazione per primo se si tratta di individuare il trattamento chemioterapeutico che si andrà ad affrontare. FILOSOFIA:
  • 8. 8 La nevrosi collettiva di Sigmund Freud Sigmund Freud è stato un neurologo e psicanalista ed è il padre fondatore della psicoanalisi, una delle principali branche della psicologia. La nuova scienza di Freud lo porta a studiare la realtà corposa e determinante dell’inconscio umano. Per svolgere gli studi sulla psiche umana Freud formula una teoria, formata da due topiche, che va oltre la coscienza: la metapsicologia. La prima topica afferma che l’individuo è costituito da conscio, preconscio, inconscio e la relazione con il mondo esterno. La seconda topica invece parla di una diversa tripartizione composta da es, io e super io. L’ES rappresenta gli istinti e gli impulsi nascosti dell’uomo; il SUPER IO rappresenta l’insieme delle figure di proibizione dettate dalla società, è la sede della coscienza morale e del senso di colpa, una sorta di “poliziotto interiore” e l’IO è il mediatore tra l’ES e il SUPER IO, l’esile struttura di un equilibrio interiore può cedere alle pulsioni dell’ES da un momento all’altro. Per capire meglio la seconda affermazione di Freud possiamo affidarci alla figura di un iceberg dove la parte in superficie rappresenta l’io e il super io in un eterno conflitto e la parte sommersa rappresenta l’es.
  • 9. 9 All’interno del super io quindi agiscono dei meccanismi di censura contro l’ES: i due principali sono la repressione e la rimozione. La rimozione è un processo inconscio che permette di escludere dalla coscienza determinate rappresentazioni connesse ad una pulsione dell’es il cui soddisfacimento andrebbe in contrasto con la realtà e i principi del super io. La repressione è invece un processo conscio che permette di escludere dalla coscienza un contenuto della psiche che può essere spiacevole. L’esempio più diretto lo troviamo proprio parlando di un tumore; la società infatti quando deve nominare un carcinoma tende a definirlo“una brutta malattia”.