SlideShare a Scribd company logo
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  1	
  
Roma,	
  21	
  maggio	
  2013	
  
Sala	
  Mercede	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  2	
  
Meta-­‐associazione	
  	
  di:	
  
u Persone	
  
u Imprenditori	
  
u Imprese	
  
u Associazioni	
  
	
  
...che	
  credono	
  che	
  le	
  migliori	
  opportunità	
  di	
  
crescita	
  per	
  il	
  nostro	
  Paese	
  siano	
  …	
  
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  3	
  
offerte	
  dalla	
  
crea<vità	
  dei	
  giovani	
  
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  4	
  
offerte	
  dal	
  	
  
riconoscimento	
  	
  
del	
  merito	
  
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  5	
  
offerte	
  dall’abba?mento	
  
del	
  digital	
  divide	
  
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  6	
  
offerte	
  dal	
  rinnovamento	
  
dello	
  Stato	
  aGraverso	
  
l’Open	
  Government	
  
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  7	
  
Chi	
  aderisce?	
  Ad	
  es.	
  
Flavia	
  Marzano	
  
Carta	
  d intenK	
  per	
  l innovazione	
  
Flavia	
  Marzano,	
  Nello	
  Iacono	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  9	
  
10+1	
  proposte	
  
1.  Piano strategico per l'innovazione
2.  Programma nazionale per alfabetizzazione digitale
3.  Scuola al centro per creare valore
4.  Open Government nei processi decisionali
5.  Commercio elettronico e cultura digitale per le PMI
6.  Banda larga come servizio universale
7.  Riduzione delle barriere all'ingresso del mercato TLC e
modello della “fibra dei cittadini”
8.  Cambiare modello del lavoro, economia della conoscenza
9.  Open Innovation
10. Mettere in rete la filiera dell’innovazione
11. Sensibilità alle differenze per le politiche dell’innovazione
Flavia	
  Marzano,	
  Nello	
  Iacono	
  
1.	
  Un	
  piano	
  strategico	
  
Relatore:	
  Nello	
  Iacono	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  11	
  
Un	
  Piano	
  Strategico	
  (1/2)	
  
§  Adempimento previsto per marzo 2013 (su
emendamento promosso da SGI all’ex Decreto
Crescita 2.0)
§  Auspicando una revisione della governance, a partire
dall’identificazione di un riferimento nella Presidenza
del Consiglio
§  Basato su una visione centrata sui concetti di
–  Sostenibilità
–  Apertura (openness)
–  Centralità territoriale
Nello	
  Iacono	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  12	
  
Un	
  Piano	
  Strategico	
  (2/2)	
  
Proposte per l’articolazione e i contenuti:
§  Piano organico articolato per Progetti-Paese (secondo i
temi della Carta) con obiettivi misurabili e
responsabilità chiare e definite
§  Definizione, strategia e sviluppo delle comunità
intelligenti
§  Logica di correlazione con e tra le Agende Digitali
Locali (regionali, provinciali, ..)
§  Istituzione di un Organismo permanente di confronto e
consultazione multistakeholder (come la Consulta
Permanente dell’Innovazione)
2.	
  AlfabeKzzazione	
  Digitale	
  
Relatore:	
  Nello	
  Iacono	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  14	
  
L’obieVvo	
  e	
  le	
  direGrici	
  
§  “Realizzare	
  un	
  programma	
  nazionale	
  per	
  l'alfabe<zzazione	
  digitale	
  sul	
  quale	
  
focalizzare	
  il	
  sistema	
  educa<vo	
  nella	
  sua	
  interezza”.	
  	
  
§  ll	
  programma	
  di	
  alfabe<zzazione	
  digitale,	
  un	
  vero	
  e	
  proprio	
  progeBo-­‐paese,	
  
dovrà	
  puntare	
  
§  sulla	
  centralità	
  della	
  Scuola,	
  non	
  solo	
  come	
  ambito	
  di	
  sviluppo	
  delle	
  competenze	
  degli	
  
studen<,	
  ma	
  anche	
  come	
  luogo	
  di	
  raccordo	
  e	
  di	
  costruzione	
  dello	
  sviluppo	
  culturale	
  
del	
  territorio	
  
§  sul	
  ruolo	
  delle	
  università	
  e	
  delle	
  biblioteche	
  come	
  luoghi	
  aper<	
  di	
  incontro	
  e	
  di	
  
scambio	
  fisico	
  e	
  virtuale	
  
§  sulla	
  disseminazione	
  sul	
  territorio	
  di	
  “telecentri”	
  e	
  piazze	
  telema<che	
  dove	
  possano	
  
incontrarsi	
  coworking	
  e	
  formazione,	
  aJvità	
  ICT	
  assis<te	
  e	
  inizia<ve	
  sociali	
  dando	
  vita	
  
a	
  processi	
  di	
  innovazione	
  sociale.	
  
§  sul	
  contraBo	
  di	
  servizio	
  RAI	
  per	
  una	
  programmazione	
  dedicata	
  
§  sul	
  coinvolgimento	
  delle	
  organizzazioni	
  del	
  Terzo	
  SeBore	
  nella	
  diffusione	
  della	
  cultura	
  
digitale	
  sul	
  territorio	
  
§  sull’incen<vazione	
  alla	
  creazione	
  di	
  imprese	
  sociali	
  dedicate	
  allo	
  scopo	
  
	
  
Nello	
  Iacono	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  15	
  
PdL	
  presenK	
  ed	
  esperienze	
  uKli	
  
§  Le proposte di legge già presenti
–  testo unificato Gentiloni-Palmieri – 2012
–  proposta Vita – 2009- su neutralità delle reti di
comunicazione, diffusione delle nuove tecnologie telematiche
e sviluppo del software aperto
sono una buona base da cui partire, con opportune integrazioni
§  Le esperienze regionali più avanzate
–  PAAS (Punti per l’Accesso Assistito ai Servizi online) della
Regione Toscana (+ di 500)
–  P3@Veneti - Punti di accesso della Regione Veneto (156+117)
–  Progetto Pane e Internet nell’ambito del Piano Telematico
dell’Emilia-Romagna (PiTER)
Nello	
  Iacono	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  16	
  
IniziaKve	
  legislaKve	
  proposte	
  
Una nuova PdL dedicata al tema (il che riduce i tempi di
esame) che integri e valorizzi le proposte e le esperienze
già in campo e preveda
§  La definizione di un progetto-Paese, un programma nazionale con
obiettivi misurabili (sulla base di indicatori già presenti – Istat, UE),
il raccordo stabile con le iniziative regionali e l’impegno alla
diffusione di punti di accesso assistiti, piazze telematiche
§  L’inserimento nel contratto di servizio RAI di un impegno specifico
su questo tema
§  La correlazione con il progetto-Paese per lo sviluppo della cultura
digitale delle imprese (vedi Proposte al Punto 5 della Carta
d’Intenti per l’innovazione)
Nello	
  Iacono	
  
3.	
  Scuola al centro per creare valore
	
  
Relatore:	
  Carlo	
  Infante	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  18	
  
ObieVvi	
  
Rilanciare	
  il	
  ruolo	
  della	
  Scuola,	
  dell’Università,	
  della	
  
formazione	
  conKnua	
  e	
  di	
  tuGe	
  le	
  agenzie	
  formaKve	
  
per	
  scandire	
  un’evoluzione	
  dei	
  modelli	
  
d’apprendimento	
  in	
  relazione	
  agli	
  scenari	
  del	
  
cambiamento,	
  secondo	
  nuovi	
  principi	
  educaKvi	
  come	
  
il	
  social	
  learning	
  (le	
  piaGaforme	
  Web	
  che	
  declinano	
  in	
  
ambito	
  educaKvo	
  le	
  potenzialità	
  dei	
  social	
  network).
Carlo	
  Infante	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  19	
  
IniziaKve	
  
SCUOLE	
  APERTE	
  per	
  fare	
  dell'edificio	
  scolas<co	
  un	
  luogo	
  
pubblico	
  d'apprendimento	
  con<nuo	
  aperto	
  alla	
  ciLadinanza	
  
	
  
La	
  SCUOLA	
  APERTA	
  come	
  presidio	
  educaKvo	
  ad	
  ampio	
  speGro	
  su	
  quesKoni	
  
come	
  la	
  dispersione	
  scolasKca,	
  la	
  ciGadinanza	
  aVva,	
  la	
  conoscenza	
  
dell'ambito	
  territoriale	
  e	
  lo	
  scambio	
  inter-­‐generazionale.	
  
	
  
Fare	
  della	
  Scuola	
  un	
  ambito	
  di	
  creazione	
  di	
  valore,	
  promuovendo	
  in	
  streGa	
  
relazione	
  con	
  gli	
  enK	
  locali,	
  iniziaKve	
  come	
  Palestre	
  di	
  CiBadinanza	
  
interaJva	
  e	
  aVvità	
  strategiche	
  connesse	
  ai	
  temi	
  della	
  rigenerazione	
  urbana	
  
per	
  progeGare	
  CiBà	
  a	
  misura	
  di	
  bambino/a.,	
  riconquistando,	
  a	
  parKre	
  dalla	
  
prospeVva	
  educaKva,	
  spazi	
  per	
  il	
  gioco	
  libero	
  come	
  contesK	
  d'esperienza	
  
fra	
  pari	
  e	
  indicatori	
  di	
  qualità	
  della	
  smart	
  city
	
  
Carlo	
  Infante	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  20	
  
IniziaKve	
  
SOCIAL	
  LEARNING	
  per	
  fare	
  delle	
  piaLaforme	
  di	
  educazione	
  on	
  
line	
  un	
  ambiente	
  genera<vo	
  di	
  editoria	
  educa<va	
  
mul<mediale	
  
E'	
  nel	
  web	
  promosso	
  direGamente	
  dagli	
  isKtuK	
  scolasKci,	
  d'ogni	
  ordine	
  e	
  
grado,	
  o	
  da	
  agenzie	
  formaKve	
  (Università	
  ma	
  non	
  solo)	
  in	
  streGa	
  relazione	
  
con	
  le	
  scuole	
  che	
  è	
  auspicabile	
  pensare	
  ad	
  una	
  produzione	
  editoriale	
  
streGamente	
  connessa	
  alla	
  necessità	
  didaVca	
  che	
  si	
  sta	
  evolvendo.	
  	
  
L'editoria	
  scolasKca	
  può	
  e	
  deve	
  saper	
  rispondere	
  alle	
  domande	
  espresse	
  da	
  
insegnanK	
  che	
  ricombinino	
  i	
  repertori	
  didaVci	
  con	
  la	
  produzione	
  educaKva	
  
generata	
  nei	
  cicli	
  d'apprendimento.	
  	
  
Un	
  asseGo	
  così	
  delineato	
  dovrà	
  necessariamente	
  contare	
  sulla	
  
collaborazione	
  con	
  quelle	
  competenze	
  editoriali	
  per	
  dirimere	
  quesKoni	
  di	
  
DiriGo	
  d'Autore	
  con	
  soluzioni	
  come	
  i	
  protocolli	
  CreaKve	
  Commons.	
  
Carlo	
  Infante	
  
4.	
  Open	
  Government	
  nei	
  processi	
  
decisionali	
  
Relatrice:	
  Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  22	
  
ObieVvi	
  e	
  Strategie	
  
§  Partecipazione	
  come	
  diriGo	
  dovere,	
  
ciGadinanza	
  aVva	
  
§  Openness	
  e	
  trasparenza	
  
§  Semplificazione	
  
§  Cost	
  effecKveness	
  
§  Efficacia	
  
§  Accesso	
  
§  Condivisione	
  buone	
  praKche	
  e	
  modelli	
  
Flavia	
  Marzano	
  
hGp://www.staKgeneralinnovazione.it/wiki/index.php?Ktle=Temi:Open_Government#Openness_e_Trasparenza	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  23	
  
StrumenK	
  e	
  Metodologie	
  
§  Revisione	
  organizzaKva	
  e	
  di	
  processo	
  
§  Definizione	
  degli	
  interlocutori,	
  aGori,	
  
coordinamento	
  e	
  governance	
  
§  Formazione	
  
§  OVmizzazione	
  e	
  uKlizzo	
  dei	
  fondi	
  
§  Linee	
  Guida	
  
§  G-­‐Cloud	
  
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  24	
  
RequisiK	
  
§  PoliKco-­‐NormaKvi	
  
§  Tecnologici	
  
§  Socio-­‐culturali	
  
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  25	
  
Open	
  Government	
  nei	
  processi	
  
decisionali	
  1	
  di	
  2	
  
Open data by default? Fatto (o quasi)…
Poi?
§  Definire modalità sistematiche di
partecipazione nei processi legislativi
garantendo la partecipazione di tutti i
portatori di interesse
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  26	
  
Open	
  Government	
  nei	
  processi	
  
decisionali	
  2	
  di	
  2	
  
§  Pubblicazione delle bozze delle iniziative
legislative governative di maggiore
importanza
§  Percorso consultivo strutturato
§  Apertura di piattaforme online per la
proposta di idee legislative (legislazione
diffusa come di recente avviato in
Finlandia - crowdsourcing)
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  27	
  Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  28	
  
De	
  Jure	
  vs	
  De	
  Facto	
  
Flavia	
  Marzano	
  
4	
  P:	
  	
  
1.  People	
  
2.  Policy	
  
3.  Process	
  
4.  ParKcipaKon	
  	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  29	
  
…e	
  non	
  finisce	
  qui…	
  
§  Open	
  Government	
  Partnership:	
  
ForumPA,	
  29	
  maggio	
  
§  Manifesto	
  per	
  la	
  trasparenza	
  delle	
  
ONG:	
  	
  trasparenza	
  e	
  partecipazione	
  
non	
  solo	
  parole	
  d'ordine	
  di	
  proposta	
  
e	
  di	
  richiesta	
  verso	
  le	
  PA,	
  ma	
  abito	
  
culturale	
  delle	
  organizzazioni	
  
§  …	
  
	
  
Flavia	
  Marzano	
  
5. Commercio	
  eleBronico	
  e	
  cultura	
  
digitale	
  per	
  le	
  PMI	
  
	
  	
  
Promuovere	
  il	
  commercio	
  eleGronico	
  e	
  lo	
  sviluppo	
  della	
  cultura	
  digitale	
  	
  
delle	
  piccole	
  e	
  medie	
  imprese,	
  in	
  termini	
  di	
  riorganizzazione	
  	
  
dei	
  loro	
  processi	
  	
  produVvi	
  e	
  di	
  markeKng	
  
Relatore:	
  Marco	
  Fratoddi	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  31	
  
Gli	
  obieVvi	
  
§  L ingresso	
  della	
  cultura	
  digitale	
  cosKtuisce	
  una	
  
premessa	
  indispensabile	
  per	
  il	
  successo	
  
compeKKvo	
  della	
  piccola	
  e	
  media	
  impresa	
  	
  
al	
  fine	
  sia	
  di	
  modernizzare	
  la	
  filosofia	
  
organizzaKva,	
  sia	
  di	
  aprirsi	
  a	
  nuovi	
  mercaK
§  AlfabeKzzare	
  gli	
  imprenditori	
  su	
  questo	
  terreno	
  
significa	
  sostenere	
  innanzituGo	
  i	
  seGori	
  che	
  
guardano	
  all innovazione	
  ambientale	
  nei	
  
distreV	
  tradizionalmente	
  orientaK	
  alla	
  qualità	
  	
  
Marco	
  Fratoddi	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  32	
  
Le	
  proposte	
  di	
  legge	
  in	
  campo	
  
§  Proposta	
  di	
  legge:	
  GENTILONI	
  SILVERI	
  e	
  altri:	
  
"Disposizioni	
  per	
  lo	
  sviluppo	
  dei	
  servizi	
  
eleGronici	
  e	
  digitali"	
  (4891,	
  gennaio	
  2012).	
  
§  ArKcolo	
  6:	
  si	
  propone	
  la	
  riduzione	
  
dell aliquota	
  iva	
  per	
  le	
  transazioni	
  
commerciali	
  on-­‐line	
  
§  ArKcolo	
  7:	
  le	
  start-­‐up	
  di	
  giovani	
  imprenditori	
  
godono	
  del	
  credito	
  d imposta	
  per	
  
l ammodernamento	
  
Marco	
  Fratoddi	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  33	
  
Le	
  proposte	
  di	
  legge	
  in	
  campo	
  
§  ArKcolo	
  7:	
  ai	
  Ktolari	
  degli	
  esercizi	
  
commerciali	
  che	
  si	
  dotano	
  di	
  Pos	
  e	
  altre	
  
modalità	
  «informaKche»	
  di	
  pagamento	
  si	
  
applica	
  una	
  detrazione	
  d imposta	
  pari	
  al	
  
costo	
  degli	
  invesKmenK	
  sostenuK	
  
Marco	
  Fratoddi	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  34	
  
Le	
  proposte	
  di	
  legge	
  in	
  campo	
  
§  Proposta	
  di	
  legge:	
  PALMIERI	
  e	
  altri	
  
"Disposizioni	
  per	
  la	
  realizzazione	
  dell agenda	
  
digitale	
  nazionale«	
  (5093,	
  marzo	
  2012)	
  
§  La	
  proposta	
  punta	
  a	
  sostenere	
  in	
  maniera	
  
complessiva	
  l avanzamento	
  della	
  cultura	
  
digitale	
  nella	
  sanità,	
  nella	
  giusKzia,	
  nella	
  Pa	
  e	
  
nella	
  società	
  italiana.	
  Comprende	
  alcuni	
  
punK	
  espressamente	
  rivolK	
  alla	
  Pmi	
  e	
  in	
  
parKcolare	
  alle	
  start-­‐up	
  innovaKve	
  
	
  
Marco	
  Fratoddi	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  35	
  
Le	
  proposte	
  di	
  legge	
  in	
  campo	
  
§  ArKcolo	
  19:	
  ridurre	
  l imposta	
  regionale	
  sulle	
  
aVvità	
  produVve	
  per	
  le	
  aziende	
  che	
  
investono	
  per	
  la	
  formazione	
  del	
  proprio	
  
personale	
  sui	
  nuovi	
  media	
  e	
  tecnologie	
  
§  ArKcolo	
  20:	
  detassare	
  per	
  i	
  primi	
  tre	
  anni	
  i	
  
ricavi	
  del	
  commercio	
  eleGronico	
  
internazionale	
  delle	
  micro	
  e	
  piccole	
  imprese	
  
Marco	
  Fratoddi	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  36	
  
Le	
  proposte	
  di	
  legge	
  in	
  campo	
  
§  ArKcolo	
  21:	
  semplificare	
  la	
  normaKva	
  relaKva	
  
al	
  commercio	
  eleGronico	
  direGo	
  
Marco	
  Fratoddi	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  37	
  
Le	
  nostre	
  proposte	
  di	
  lavoro	
  
§  Promuovere	
  un agenda	
  digitale	
  per	
  la	
  Pmi	
  
che	
  punK	
  a	
  migliorare	
  l efficienza	
  e	
  la	
  qualità	
  
del	
  lavoro	
  nel	
  segno	
  della	
  smaterializzazione	
  
e	
  delle	
  modalità	
  occupazionali	
  a	
  basso	
  costo	
  
ambientale	
  come	
  la	
  prestazione	
  in	
  remoto.	
  
§  Lanciare	
  un	
  programma	
  di	
  formazione	
  per	
  gli	
  
imprenditori	
  sul	
  terreno	
  del	
   digital	
  
markeKng 	
  e	
  del	
  commercio	
  eleGronico	
  
Marco	
  Fratoddi	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  38	
  
Le	
  nostre	
  proposte	
  di	
  lavoro	
  
§  Migliorare	
  l accesso	
  alle	
  reK	
  nelle	
  zone	
  
industriali	
  e	
  arKgianali	
  dei	
  piccoli	
  comuni,	
  dei	
  
territori	
  a	
  vocazione	
  manifaGuriera	
  al	
  di	
  fuori	
  
delle	
  aree	
  di	
  maggiore	
  sviluppo	
  
§  Facilitare	
  l accesso	
  ai	
  programmi	
  digitali	
  
specialmente	
  nel	
  Meridione,	
  dove	
  anche	
  le	
  
imprese	
  agricole	
  a	
  conduzione	
  familiare	
  
possano	
  trovare	
  nuove	
  opportunità	
  
aGraverso	
  la	
  sfera	
  digitale.	
  	
  
Marco	
  Fratoddi	
  
6.	
  Banda	
  larga	
  come	
  servizio	
  universale	
  
	
  
7.	
  Riduzione	
  delle	
  barriere	
  all'ingresso	
  del	
  
mercato	
  TLC	
  e	
  modello	
  della	
  “fibra	
  dei	
  
ciBadini”	
  
Relatore:	
  Marco	
  Calvo	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  40	
  
ObieVvi	
  e	
  indirizzi	
  
Banda	
  Larga	
  come	
  servizio	
  universale	
  
Il	
  livello	
  di	
  qualità	
  e	
  la	
  larghezza	
  della	
  banda	
  devono	
  essere	
  
defini<	
  in	
  modo	
  da	
  raggiungere	
  l'obieJvo	
  primario	
  dello	
  
sviluppo	
  sociale	
  ed	
  economico,	
  e	
  quindi	
  anche	
  rispeBo	
  alle	
  
evoluzioni	
  tecnologiche	
  e	
  alle	
  situazioni	
  presen<	
  nei	
  paesi	
  UE,	
  
partendo	
  da	
  un	
  livello	
  minimo	
  di	
  banda	
  e	
  avendo	
  un	
  graduale	
  
obieJvo	
  di	
  garan<re	
  la	
  banda	
  larga	
  di	
  terza	
  generazione	
  a	
  
tuBa	
  la	
  popolazione.	
  	
  
L'approccio	
  deve	
  essere	
  tecnologicamente	
  neutrale	
  e	
  gli	
  
operatori	
  che	
  forniscono	
  questo	
  servizio	
  universale	
  devono	
  
rispeBare	
  i	
  principi	
  della	
  “net	
  neutrality”,	
  come	
  ribadi<	
  anche	
  
nell'Agenda	
  Digitale	
  Europea.	
  
Marco	
  Calvo	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  41	
  
ObieVvi	
  e	
  indirizzi	
  
Ridurre	
  le	
  barriere	
  all'ingresso	
  del	
  mercato	
  delle	
  
telecomunicazioni,	
  per	
  s<molare	
  la	
  partecipazione	
  al	
  mercato	
  
della	
  infrastruBurazione	
  in	
  fibra	
  da	
  parte	
  della	
  piu'	
  ampia	
  
pluralita'	
  di	
  soggeJ,	
  nel	
  rispeBo	
  del	
  quadro	
  comunitario,	
  
anche	
  di	
  ciBadini	
  associa<	
  con	
  formule	
  che	
  perme:ano	
  di	
  
realizzare	
  di	
  fa:o	
  il	
  modello	
  della	
  “fibra	
  dei	
  ci:adini".	
  La	
  
proposta	
  è	
  di	
  prevedere	
  che	
  la	
  parte	
  di	
  fibra	
  dell'ul<mo	
  miglio	
  
(FTTH	
  –	
  fiber	
  to	
  the	
  home)	
  sia	
  considerata	
  come	
  per<nenza	
  
degli	
  edifici,	
  consentendo	
  la	
  realizzazione	
  di	
  cablaggio	
  in	
  banda	
  
larga	
  con	
  un	
  costo	
  molto	
  basso	
  e	
  con	
  u<lizzo	
  ampio	
  della	
  
banda	
  (non	
  solo	
  per	
  Internet	
  e	
  voce).	
  
Marco	
  Calvo	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  42	
  
ConneVvità	
  
§  Nell'Agenda Digitale Europea si
raccomandano la creazione di reti
efficienti e il riconoscimento dello status
di servizio universale
§  Si sottolinea il valore di una rete
“neutrale”
	
  
Marco	
  Calvo	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  43	
  
ConneVvità	
  
§  La rete offre opportunità di crescita
economica e sociale che chiedono un
ripensamento del modello di sviluppo
attuale
§  Non dobbiamo accontentarci di reti più
veloci (nelle aree ricche) e di servizi a
valore aggiunto (di nuovo, solo nelle aree
ricche)
Marco	
  Calvo	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  44	
  
ConneVvità	
  
§  Sono numerose le iniziative legislative
(Adinolfi, Vita, Pardi, Giulietti, ecc.)
§  Da segnalare: Chiti, Adinolfi e altri,
modifica art. 21-bis Costituzione (S.3487,
C.5374, ecc. diritto d’accesso)
§  Vita	
  (S.1710,	
  net	
  neutrality)	
  
§  Pardi	
  (S.2604,	
  posizioni	
  dominanK)	
  
§  GiulieV	
  (C.1460,	
  concessionarie)	
  
Marco	
  Calvo	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  45	
  
ConneVvità	
  
§  Nel I secolo a. C. l’imperatore Augusto
creò il “cursus publicus”, per secoli il
più veloce servizio postale. Fu uno degli
elementi strategici che contribuì alla
crescita dell’Impero
Marco	
  Calvo	
  
8.	
  Modello	
  del	
  Lavoro	
  
Relatore:	
  Nello	
  Iacono	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  47	
  
L’obieVvo	
  e	
  le	
  direGrici	
  
§  “Cambiare	
  il	
  modello	
  del	
  lavoro,	
  con	
  un	
  riconoscimento	
  
esplicito	
  dell'Economia	
  della	
  Conoscenza	
  e	
  di	
  conseguenza	
  
un	
  adeguamento	
  delle	
  poli<che	
  del	
  lavoro	
  rivolte	
  alle	
  nuove	
  
forme	
  di	
  produzione	
  del	
  valore	
  cogni<vo	
  (con	
  modalità	
  di	
  
lavoro	
  in	
  mobilità,	
  smart	
  working).	
  	
  
§  Definire	
  di	
  conseguenza	
  le	
  poli<che	
  di	
  tutela	
  del	
  lavoro	
  
precario,	
  interceBando	
  tuBe	
  le	
  espressioni	
  informali	
  
d’impresa	
  crea<va,	
  per	
  ridisegnare	
  un	
  sistema	
  di	
  welfare	
  e	
  
di	
  sostegno	
  alla	
  flessibilità”	
  
Nello	
  Iacono	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  48	
  
PdL	
  presenK	
  ed	
  esperienze	
  uKli	
  
§  Non sono presenti PdL che riprendano in forma
organica il tema partendo dal sostanziale cambiamento
del modello del lavoro
§  Ci sono esperienze regionali ed europee che spostano
il focus del sostegno dalle imprese ai lavoratori (con
sperimentazioni di reddito minimo garantito)
Nello	
  Iacono	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  49	
  
IniziaKve	
  legislaKve	
  proposte	
  
Una nuova PdL sul tema (riducendo i tempi di esame) che preveda di
1.  Incentivare nelle imprese le forme organizzative tipiche dei nuovi lavori e del
telelavoro
2.  Vincolare ulteriormente la richiesta alle amministrazioni pubbliche per l'adozione
del ”Piano per l’utilizzo del telelavoro" già introdotto nella legge 17 dicembre 2012
di conversione del Decreto Crescita 2.0 avendo come riferimento il Telework
Enhancement Act applicato negli USA
3.  Regolamentare i nuovi lavori riconoscendo ai lavori ad alta intensità di conoscenza
la necessità di una valutazione per risultati per cui il riferimento dell'orario di lavoro
settimanale è soltanto indicativo
4.  Prevedere l'introduzione di meccanismi di sostegno sociale ai lavoratori (es. reddito
minimo di cittadinanza) spostando i fondi dalle destinazioni attuali (es. cassa
integrazione)
5.  Realizzare/incentivare campagne informative e formative per manager pubblici e
privati sulla gestione di organizzazioni ad alta intensità di conoscenza, in modo
anche da incentivare le pratiche del telelavoro
nell’ambito di un percorso di definizione dello statuto dei nuovi lavori
Nello	
  Iacono	
  
9.	
  Open	
  InnovaKon	
  
Sviluppare	
  il	
  mercato	
  dell’open	
  innova<on	
  usando	
  con	
  
aBenzione	
  le	
  risorse	
  che	
  le	
  Regioni	
  possono	
  meBere	
  a	
  
disposizione	
  delle	
  imprese	
  e	
  curando	
  la	
  crescita	
  della	
  
loro	
  capacità	
  di	
  innovazione	
  secondo	
  un	
  modello	
  che	
  
valorizzi	
  le	
  specificità	
  italiane	
  
	
  
Relatore:	
  Renzo	
  Provedel	
  
51	
  
Che	
  cos’è	
  Open	
  Innova<on	
  
Ogni problema
ha una
soluzione da
qualche parte
nel mondo
Esecuzione veloce
= leadership nel
mercato
Dipendenti, una
risorsa diffusa di
ideazione e
innovazione
Lead User, è un
innovatore	
  
Open	
  	
  
Innova<on	
  
Il mondo digitale è la
piattaforma
abilitante
Cross	
  
innovaKon	
   Focus	
  
Impresa	
  
CommiGente	
  
solutore	
  
Nuovo	
  eco	
  
sistema	
  
innovazione	
  	
  
Renzo	
  Provedel	
  
52	
  
ProgeLo	
  Paese:	
  	
  
la	
  piaLaforma	
  collabora<va	
  
E’:	
  
•  Un	
  format	
  	
  per	
  realizzare	
  Open	
  InnovaKon:	
  esperienza,	
  
relazioni,	
  nuovo	
  modello	
  di	
  comportamento,	
  filiera	
  
dell’innovazione,	
  in	
  presenza	
  e	
  digitale;	
  non	
  solo	
  “informa<ca”	
  
•  Spazio	
  di	
  incontro	
  e	
  “transazione”	
  di	
  domanda/offerta	
  di	
  
innovazione;	
  si	
  comprano	
  e	
  si	
  vendono	
  know	
  how	
  e	
  altri	
  servizi	
  
•  Due	
  aGori	
  pincipali:	
  il	
  commiLente	
  (ha	
  il	
  problema,	
  l’esigenza);	
  
il	
  solutore	
  (ha	
  la	
  tecnologia	
  per	
  risolvere/soddisfare	
  i	
  requisiK	
  
dell’esigenza);	
  
•  Il	
  Broker;	
  	
  è	
  essenziale:	
  organizza	
  e	
  facilita	
  il	
  processo,	
  meGe	
  a	
  
disposizione	
  la	
  rete	
  mondiale	
  di	
  solutori;	
  	
  
•  Conversazione	
  tra	
  innovatori;	
  cresce	
  la	
  cultura,	
  nascono	
  
opportunità	
  
•  MarkeKng	
  delle	
  grandi	
  imprese:	
  per	
  sollecitare	
  la	
  generazione	
  di	
  
idee	
  e	
  il	
  contaGo	
  con	
  gli	
  innovatori;	
  per	
  acquisizioni	
  di	
  imprese.	
  
Renzo	
  Provedel	
  
ALori	
  della	
  PiaLaforma	
  collabora<va	
  
PiaLaforma	
  
collabora<va	
  
PMI	

 Grandi
imprese	

Centri
Ricerca	

Innovatori	

VC	
  
&Funding	
  
Università	

Regione	

 Broker	

Ges<one	
  Governance	
  
PMI	

 Grandi
imprese	

Facilitatori	
  
Solutori	
  
CommiGenza	
  
Renzo	
  Provedel	
  
54	
  
La	
  piaLaforma	
  collabora<va	
  
Stato	
  dell’arte:	
  
•  PiaGaforme	
  internazionali	
  costruite	
  e	
  gesKte	
  da	
  
Broker,	
  anche	
  con	
  2-­‐3	
  milioni	
  di	
  “solutori”;	
  
veloci,	
  efficaci,	
  danno	
  servizi	
  a	
  pagamento;	
  
diffuse	
  tra	
  le	
  grandi	
  imprese;	
  prime	
  
sperimentazioni	
  con	
  PMI	
  
•  UE	
  ha	
  la	
  sua	
  piaGaforma	
  “Enterprise	
  European	
  
Network”	
  con	
  focus	
  sulle	
  aVvità	
  	
  “in	
  presenza”	
  
•  Alcune	
  Regioni	
  stanno	
  progeGandole,	
  altre	
  
sperimentando	
  modelli	
  tradizionali:	
  Lombardia	
  
è	
  leader	
  	
  
Renzo	
  Provedel	
  
55	
  
	
  	
  	
  	
  	
  Regione,	
  Conferenza	
  Stato-­‐Regione,	
  AID	
  
Regioni	
  come	
  ente	
  di	
  governo	
  territoriale	
  
•  Creare	
  le	
  piaGaforme	
  di	
  collaborazione	
  
•  InvesKre	
  su	
  commiGenK&solutori:	
  PMI	
  e	
  management	
  grandi	
  imprese	
  
•  Cambio	
  di	
  paradigma:	
  esplicitare	
  esigenza,	
  collaborazione	
  
•  Buone	
  praKche	
  del	
  processo	
  “open	
  innovaKon”:	
  
•  fondate	
  sulle	
  esigenze	
  delle	
  PMI;	
  
•  non	
  solo	
  digitale;	
  format	
  misto:	
  in	
  presenza	
  +	
  digitale	
  
•  necessari:	
  markeKng	
  iniziaKva,	
  	
  formazione	
  commiGenK&solutori	
  
•  facilitare	
  invesKmento	
  innovazione	
  
Conferenza	
  Stato	
  Regioni	
  per	
  promozione	
  e	
  diffusione	
  
•  Collaborazione/efficienze	
  tra	
  Regioni	
  per	
  format	
  e	
  piaGaforme	
  digitali	
  
•  Valorizzazione	
  del	
  know	
  how	
  italiano	
  dei	
  “solutori”:	
  rete	
  italiana	
  
	
  
Agenzia	
  digitale	
  per	
  osservatorio	
  
•  realizza	
  l’osservatorio	
  sulle	
  Regioni	
  per	
  facilitare	
  ri-­‐uso	
  e	
  diffusione	
  
buone	
  praKche:	
  evitare	
  duplicazioni	
  
	
  
	
  
Renzo	
  Provedel	
  
10.	
  MeLere	
  in	
  rete	
  l intera	
  
filiera	
  dell Innovazione	
  
Relatore:	
  Fulvio	
  Ananasso	
  
	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  57	
  
10.	
  MeLere	
  in	
  rete	
  l intera	
  filiera	
  
dell Innovazione	
  (1/5)	
  
Relatore:	
  Fulvio	
  Ananasso	
  
§  Il Decreto Crescita 2.0 affronta per la prima volta lo
sviluppo economico del nostro tessuto produttivo,
incentivando la diffusione della cultura dell Innovazione e
imprenditorialità, e la creazione di occupazione qualificata.
§  Si sente peraltro la necessità di maggiore coordinamento
e comunicazione tra start up / Piccole e Medie Imprese e
gli altri Attori della filiera produttiva – Ricerca, Finanziatori,
Innovatori, grandi Imprese, … mettendo in comunicazione
il «committente» (colui che ha l esigenza di innovazione)
con il «solutore» (colui che ha la tecnologia, i processi, i
contatti,… per risolvere/soddisfare i requisiti
dell esigenza)
«Università, Impresa, Finanziatori e Territorio per una
politica economica centrata sull Innovazione come
motore della crescita e dello sviluppo del Paese»
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  58	
  
10.	
  MeLere	
  in	
  rete	
  l intera	
  filiera	
  
dell Innovazione	
  (2/5)	
  
Relatore:	
  Fulvio	
  Ananasso	
  
§  Necessità di sviluppo del tessuto produttivo del nostro
Paese – con enfasi sulle Piccole e Medie Imprese (PMI) e
creazione di nuova impresa (start up, aggregazioni PMI,
collegamenti con la grande Impresa, …).
§  La «valorizzazione della ricerca» (trasferimento
tecnologico) è necessaria per progetti-Paese di medio-
lungo termine mediante grandi ricerche di ampio respiro
(CNR, Università / Centri di ricerca, grandi Imprese …) à
technology push
§  La promozione dell Innovazione (di cui quella tecnologica
è un sottoinsieme) dovrebbe partire dai bisogni delle
Imprese (in particolare PMI) à technology pull
§  Inversione del paradigma: da Ricerca à Impresa a
«committente»à»solutore», mediante piattaforme
collettive/connettive di collaborazione/«cross innovation»
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  59	
  
10.	
  MeLere	
  in	
  rete	
  l intera	
  filiera	
  
dell Innovazione	
  (3/5)	
  
Relatore:	
  Fulvio	
  Ananasso	
  
§  I vari Attori della filiera produttiva – Ricerca, Finanziatori,
Innovatori, grandi Imprese, …- generalmente dialogano a
fatica, e trarrebbero giovamento da piattaforme
collaborative («Open Innovation») istituzionali in grado di
agire da interfaccia di traduzione e collegamento dei
diversi requisiti operativi
§  Maggiore formazione Accademica all imprenditorialità:
−  Innovation, research valorization, technology transfer
−  Business planning, budgeting / cost accounting, P&L, …
−  Promotion -- pitch, public speaking, communication,…
−  Fund raising -- seed, crowd-funding, business angels, VC,…
−  Acceleration -- incubators, co-working, coaching / mentoring,
interim management, …
§  By-product: possibilità per i giovani talenti di lanciare
nuova imprenditorialità e restare nel nostro Paese (merito)
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  60	
  
10.	
  MeLere	
  in	
  rete	
  l intera	
  filiera	
  
dell Innovazione	
  (4/5)	
  
Relatore:	
  Fulvio	
  Ananasso	
  
Azioni normative suggerite (1/2):
§ Impostazione progettuale / aggregazione GdL (SGI) per
contributi / schemi di contenuti per proposte di legge
§ Regioni come ente di governo territoriale – supporto alla
costituzione di piattaforme collaborative per l innovazione e
sviluppo di start up / PMI, voucher mirati per il loro utilizzo --
«broker», strutture di facilitazione, …
§ Conferenza Stato-Regioni – armonizzazione/promozione
§ Estendere l'attuale concetto di «start-up innovative» verso
un'accezione sempre più imprenditoriale / cross-innovation
e incentivare detrazioni per i finanziatori
§ Incentivare l'aggregazione delle start-up / PMI (sinergie,
cross-innovation, distretti industriali, …) e il collegamento
con medie-grandi Imprese – nazionali ed internazionali
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  61	
  
10.	
  MeLere	
  in	
  rete	
  l intera	
  filiera	
  
dell Innovazione	
  (5/5)	
  
Relatore:	
  Fulvio	
  Ananasso	
  
Azioni normative suggerite (2/2):
§ Attivazione / ampliamento di programmi di formazione
Accademica all imprenditorialità
§ Temi (cruciali) relativi al finanziamento delle iniziative
imprenditoriali, con concreto impegno delle Regioni,
Associazioni di categoria, Finanziatori istituzionali, VC, …
§ Internazionalizzazione -- enfasi sui Paesi EU/BRICS, e.g.:
−  Turchia -- alleanze PMI, mercati internazionali orientali, …
−  Repubbliche ex-URSS – biotecnologie, aerospazio, …
−  Sud America – tecnologie sostenibili, alta formazione, …
−  Asia (Cina / India) – sviluppo software, infrastrutture, …
§ Individuare grandi progetti-Paese e attivare al riguardo
progetti di ricerca di ampio respiro, incentivando la
valorizzazione della ricerca / trasferimento tecnologico
(CNR, Università / Centri di ricerca, grandi Imprese …)
11.	
  Sensibilità	
  alle	
  differenze	
  per	
  le	
  
poliKche	
  dell’innovazione	
  
	
  
Relatrice:	
  Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  63	
  Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  64	
  
Strategia	
  UE	
  1	
  di	
  2	
  
Promuovere l’uguaglianza di genere per:
§  indipendenza economica
§  pari retribuzioni per un lavoro di uguale
valore
§  processo decisionale
§  dignità, integrità e fine della violenza
sulle done
http://ec.europa.eu/justice/gender-equality/index_it.htm
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  65	
  
Strategia	
  UE	
  1	
  di	
  2	
  
La strategia sottolinea il contributo
dell'uguaglianza di genere alla crescita
economica e allo sviluppo sostenibile e
sostiene l'attuazione della dimensione di
uguaglianza di genere nella strategia
Europa 2020.
Si basa sulle priorità della Carta delle
donne.
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  66	
  
PoliKche	
  dell’innovazione	
  sensibili	
  
alle	
  differenze	
  1	
  di	
  2	
  
…a partire dalle differenze di genere, per
un approccio pluralista e inclusivo delle
differenze:
1.  riconoscere-integrare bisogni, interessi
e competenze delle donne
§  nella ricerca
§  nei progetti sull'innovazione
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  67	
  
PoliKche	
  dell’innovazione	
  sensibili	
  
alle	
  differenze	
  2	
  di	
  2	
  
2.  promuovere iniziative per colmare il
digital divide di genere
3.  supporto alle start up femminili
4.  aumentare la presenza di donne nei
percorsi di studio e nelle carriere ICT
5.  migliore sinergia tra innovazione sociale
e innovazione strettamente tecnologica
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  68	
  
Proposta	
  di	
  legge	
  (Cenni	
  et	
  al.)	
  
Norme per la parità di accesso ai mezzi di
comunicazione nella campagna elettorale
e istituzione dell'Agenzia per la parità, per
la non discriminazione tra i generi e per la
tutela della dignità della donna nell'ambito
della pubblicità e della comunicazione”
#297
Commissione Affari Costituzionali
hGp://www.camera.it/leg17/126?tab=2&leg=17&idDocumento=297&sede=&Kpo	
  
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  69	
  
Adeguamento	
  all’Europa	
  e	
  non	
  solo…	
  
Visione	
  di	
  sistema	
  e	
  programmi	
  coordinaK:	
  
§  DiparKmento	
  PPOO	
  
§  Comitato	
  Nazionale	
  di	
  parità	
  
§  Commissione	
  nazionale	
  per	
  la	
  PPOO	
  
§  Consiglier*	
  regionali,	
  provinciali,	
  comunali	
  
§  Consulte	
  	
  
§  ComitaK	
  per	
  le	
  PPOO	
  (CPO)	
  regionali	
  
§  Comitato	
  (e	
  osservatorio)	
  per	
  l’imprenditoria	
  
femminile	
  
§  IsKtuto	
  Europeo	
  per	
  la	
  parità	
  di	
  genere	
  
§  …	
  
Flavia	
  Marzano	
  
Roma,	
  Sala	
  Mercede	
  –	
  21	
  maggio	
  2013	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  70	
  
Carta	
  dei	
  diriV	
  fondamentali	
  UE	
  
§  Dignità	
  
§  Libertà	
  
§  Uguaglianza	
  
§  Solidarietà	
  
§  CiGadinanza	
  
§  GiusKzia	
  
Flavia	
  Marzano	
  

More Related Content

Viewers also liked

Applicazioni ICT
Applicazioni ICTApplicazioni ICT
Applicazioni ICT
Alessandro Trentin
 
Luccarelli Srl Case Study4
Luccarelli Srl Case Study4Luccarelli Srl Case Study4
Luccarelli Srl Case Study4
Martino Luccarelli
 
Architettura dei Calcolatori 06 Elementi Architetturali Di Base
Architettura dei Calcolatori 06 Elementi Architetturali Di BaseArchitettura dei Calcolatori 06 Elementi Architetturali Di Base
Architettura dei Calcolatori 06 Elementi Architetturali Di Base
Majong DevJfu
 
Cultura geografía y la naturaleza méxico
Cultura   geografía y la naturaleza méxicoCultura   geografía y la naturaleza méxico
Cultura geografía y la naturaleza méxico
etakbo
 

Viewers also liked (6)

C.v.s.n.c.
C.v.s.n.c.C.v.s.n.c.
C.v.s.n.c.
 
About C&MO
About C&MOAbout C&MO
About C&MO
 
Applicazioni ICT
Applicazioni ICTApplicazioni ICT
Applicazioni ICT
 
Luccarelli Srl Case Study4
Luccarelli Srl Case Study4Luccarelli Srl Case Study4
Luccarelli Srl Case Study4
 
Architettura dei Calcolatori 06 Elementi Architetturali Di Base
Architettura dei Calcolatori 06 Elementi Architetturali Di BaseArchitettura dei Calcolatori 06 Elementi Architetturali Di Base
Architettura dei Calcolatori 06 Elementi Architetturali Di Base
 
Cultura geografía y la naturaleza méxico
Cultura   geografía y la naturaleza méxicoCultura   geografía y la naturaleza méxico
Cultura geografía y la naturaleza méxico
 

Similar to Consulta dell'innovazione 21 maggio

180414 progettoicollaborandoforumpa2018
180414 progettoicollaborandoforumpa2018180414 progettoicollaborandoforumpa2018
180414 progettoicollaborandoforumpa2018
RENATO DI GREGORIO
 
180414 progettoicollaborandoforumpa2018
180414 progettoicollaborandoforumpa2018180414 progettoicollaborandoforumpa2018
180414 progettoicollaborandoforumpa2018
associazioneact
 
Che forma sta prendendo il cambiamento? Report di quanto emerso ai tavoli del...
Che forma sta prendendo il cambiamento? Report di quanto emerso ai tavoli del...Che forma sta prendendo il cambiamento? Report di quanto emerso ai tavoli del...
Che forma sta prendendo il cambiamento? Report di quanto emerso ai tavoli del...
RENA
 
Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resili...
Urban digital center  - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resili...Urban digital center  - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resili...
Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resili...
AlbertoBonora3
 
Piano Nazionale Scuola Digitale
Piano Nazionale Scuola DigitalePiano Nazionale Scuola Digitale
Piano Nazionale Scuola Digitale
Massimo Bosetti
 
Testo del pnsd
Testo del pnsdTesto del pnsd
Testo del pnsd
liceodonmilaniacquaviva
 
Pnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-webPnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-web
Roberta Musolesi
 
Pnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-webPnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-web
robydellem
 
Pnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-webPnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-web
Paolo Muzzicato
 
Brindisi lab forum pa challenge a #sce2014 bsl
Brindisi lab forum pa challenge a #sce2014 bslBrindisi lab forum pa challenge a #sce2014 bsl
Brindisi lab forum pa challenge a #sce2014 bsl
FPA
 
Azioni in Comune per il Lavoro
Azioni in Comune per il LavoroAzioni in Comune per il Lavoro
Azioni in Comune per il Lavoro
EnricoPanini
 
Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resilie...
Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resilie...Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resilie...
Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resilie...
AlbertoBonora3
 
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
associazioneact
 
Presentación Michele d'Alena Oficina de Imaginación Cívica - Bologna
Presentación Michele d'Alena Oficina de Imaginación Cívica - BolognaPresentación Michele d'Alena Oficina de Imaginación Cívica - Bologna
Presentación Michele d'Alena Oficina de Imaginación Cívica - Bologna
Innovation and Technology for Development Centre
 
OpenPompei e Bassi Comunicanti
OpenPompei e Bassi ComunicantiOpenPompei e Bassi Comunicanti
OpenPompei e Bassi Comunicanti
innosicilia
 
Didatticaduepuntozero. Scenari di didattica digitale condivisa (libro)
Didatticaduepuntozero. Scenari di didattica digitale condivisa (libro)Didatticaduepuntozero. Scenari di didattica digitale condivisa (libro)
Didatticaduepuntozero. Scenari di didattica digitale condivisa (libro)
Simone Aliprandi
 
Comunità di Pratiche_PPT.pptx
Comunità di Pratiche_PPT.pptxComunità di Pratiche_PPT.pptx
Comunità di Pratiche_PPT.pptx
Giovanna D'Angelo
 
Smart valley - valle a pensare
Smart valley  - valle a pensareSmart valley  - valle a pensare
Smart valley - valle a pensare
Lucia Mazzoni
 
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
RENATO DI GREGORIO
 

Similar to Consulta dell'innovazione 21 maggio (20)

180414 progettoicollaborandoforumpa2018
180414 progettoicollaborandoforumpa2018180414 progettoicollaborandoforumpa2018
180414 progettoicollaborandoforumpa2018
 
180414 progettoicollaborandoforumpa2018
180414 progettoicollaborandoforumpa2018180414 progettoicollaborandoforumpa2018
180414 progettoicollaborandoforumpa2018
 
Che forma sta prendendo il cambiamento? Report di quanto emerso ai tavoli del...
Che forma sta prendendo il cambiamento? Report di quanto emerso ai tavoli del...Che forma sta prendendo il cambiamento? Report di quanto emerso ai tavoli del...
Che forma sta prendendo il cambiamento? Report di quanto emerso ai tavoli del...
 
Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resili...
Urban digital center  - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resili...Urban digital center  - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resili...
Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resili...
 
Piano Nazionale Scuola Digitale
Piano Nazionale Scuola DigitalePiano Nazionale Scuola Digitale
Piano Nazionale Scuola Digitale
 
Testo del pnsd
Testo del pnsdTesto del pnsd
Testo del pnsd
 
Pnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-webPnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-web
 
Pnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-webPnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-web
 
Pnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-webPnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-web
 
Pnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-webPnsd layout-30.10-web
Pnsd layout-30.10-web
 
Brindisi lab forum pa challenge a #sce2014 bsl
Brindisi lab forum pa challenge a #sce2014 bslBrindisi lab forum pa challenge a #sce2014 bsl
Brindisi lab forum pa challenge a #sce2014 bsl
 
Azioni in Comune per il Lavoro
Azioni in Comune per il LavoroAzioni in Comune per il Lavoro
Azioni in Comune per il Lavoro
 
Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resilie...
Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resilie...Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resilie...
Urban digital center - innovation lab rovigo. premio pa sostenibile e resilie...
 
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
 
Presentación Michele d'Alena Oficina de Imaginación Cívica - Bologna
Presentación Michele d'Alena Oficina de Imaginación Cívica - BolognaPresentación Michele d'Alena Oficina de Imaginación Cívica - Bologna
Presentación Michele d'Alena Oficina de Imaginación Cívica - Bologna
 
OpenPompei e Bassi Comunicanti
OpenPompei e Bassi ComunicantiOpenPompei e Bassi Comunicanti
OpenPompei e Bassi Comunicanti
 
Didatticaduepuntozero. Scenari di didattica digitale condivisa (libro)
Didatticaduepuntozero. Scenari di didattica digitale condivisa (libro)Didatticaduepuntozero. Scenari di didattica digitale condivisa (libro)
Didatticaduepuntozero. Scenari di didattica digitale condivisa (libro)
 
Comunità di Pratiche_PPT.pptx
Comunità di Pratiche_PPT.pptxComunità di Pratiche_PPT.pptx
Comunità di Pratiche_PPT.pptx
 
Smart valley - valle a pensare
Smart valley  - valle a pensareSmart valley  - valle a pensare
Smart valley - valle a pensare
 
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
180414 collaborandotemplate premio forum pa 2018
 

Consulta dell'innovazione 21 maggio

  • 1. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      1   Roma,  21  maggio  2013   Sala  Mercede  
  • 2. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      2   Meta-­‐associazione    di:   u Persone   u Imprenditori   u Imprese   u Associazioni     ...che  credono  che  le  migliori  opportunità  di   crescita  per  il  nostro  Paese  siano  …   Flavia  Marzano  
  • 3. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      3   offerte  dalla   crea<vità  dei  giovani   Flavia  Marzano  
  • 4. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      4   offerte  dal     riconoscimento     del  merito   Flavia  Marzano  
  • 5. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      5   offerte  dall’abba?mento   del  digital  divide   Flavia  Marzano  
  • 6. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      6   offerte  dal  rinnovamento   dello  Stato  aGraverso   l’Open  Government   Flavia  Marzano  
  • 7. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      7   Chi  aderisce?  Ad  es.   Flavia  Marzano  
  • 8. Carta  d intenK  per  l innovazione   Flavia  Marzano,  Nello  Iacono  
  • 9. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      9   10+1  proposte   1.  Piano strategico per l'innovazione 2.  Programma nazionale per alfabetizzazione digitale 3.  Scuola al centro per creare valore 4.  Open Government nei processi decisionali 5.  Commercio elettronico e cultura digitale per le PMI 6.  Banda larga come servizio universale 7.  Riduzione delle barriere all'ingresso del mercato TLC e modello della “fibra dei cittadini” 8.  Cambiare modello del lavoro, economia della conoscenza 9.  Open Innovation 10. Mettere in rete la filiera dell’innovazione 11. Sensibilità alle differenze per le politiche dell’innovazione Flavia  Marzano,  Nello  Iacono  
  • 10. 1.  Un  piano  strategico   Relatore:  Nello  Iacono  
  • 11. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      11   Un  Piano  Strategico  (1/2)   §  Adempimento previsto per marzo 2013 (su emendamento promosso da SGI all’ex Decreto Crescita 2.0) §  Auspicando una revisione della governance, a partire dall’identificazione di un riferimento nella Presidenza del Consiglio §  Basato su una visione centrata sui concetti di –  Sostenibilità –  Apertura (openness) –  Centralità territoriale Nello  Iacono  
  • 12. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      12   Un  Piano  Strategico  (2/2)   Proposte per l’articolazione e i contenuti: §  Piano organico articolato per Progetti-Paese (secondo i temi della Carta) con obiettivi misurabili e responsabilità chiare e definite §  Definizione, strategia e sviluppo delle comunità intelligenti §  Logica di correlazione con e tra le Agende Digitali Locali (regionali, provinciali, ..) §  Istituzione di un Organismo permanente di confronto e consultazione multistakeholder (come la Consulta Permanente dell’Innovazione)
  • 13. 2.  AlfabeKzzazione  Digitale   Relatore:  Nello  Iacono  
  • 14. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      14   L’obieVvo  e  le  direGrici   §  “Realizzare  un  programma  nazionale  per  l'alfabe<zzazione  digitale  sul  quale   focalizzare  il  sistema  educa<vo  nella  sua  interezza”.     §  ll  programma  di  alfabe<zzazione  digitale,  un  vero  e  proprio  progeBo-­‐paese,   dovrà  puntare   §  sulla  centralità  della  Scuola,  non  solo  come  ambito  di  sviluppo  delle  competenze  degli   studen<,  ma  anche  come  luogo  di  raccordo  e  di  costruzione  dello  sviluppo  culturale   del  territorio   §  sul  ruolo  delle  università  e  delle  biblioteche  come  luoghi  aper<  di  incontro  e  di   scambio  fisico  e  virtuale   §  sulla  disseminazione  sul  territorio  di  “telecentri”  e  piazze  telema<che  dove  possano   incontrarsi  coworking  e  formazione,  aJvità  ICT  assis<te  e  inizia<ve  sociali  dando  vita   a  processi  di  innovazione  sociale.   §  sul  contraBo  di  servizio  RAI  per  una  programmazione  dedicata   §  sul  coinvolgimento  delle  organizzazioni  del  Terzo  SeBore  nella  diffusione  della  cultura   digitale  sul  territorio   §  sull’incen<vazione  alla  creazione  di  imprese  sociali  dedicate  allo  scopo     Nello  Iacono  
  • 15. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      15   PdL  presenK  ed  esperienze  uKli   §  Le proposte di legge già presenti –  testo unificato Gentiloni-Palmieri – 2012 –  proposta Vita – 2009- su neutralità delle reti di comunicazione, diffusione delle nuove tecnologie telematiche e sviluppo del software aperto sono una buona base da cui partire, con opportune integrazioni §  Le esperienze regionali più avanzate –  PAAS (Punti per l’Accesso Assistito ai Servizi online) della Regione Toscana (+ di 500) –  P3@Veneti - Punti di accesso della Regione Veneto (156+117) –  Progetto Pane e Internet nell’ambito del Piano Telematico dell’Emilia-Romagna (PiTER) Nello  Iacono  
  • 16. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      16   IniziaKve  legislaKve  proposte   Una nuova PdL dedicata al tema (il che riduce i tempi di esame) che integri e valorizzi le proposte e le esperienze già in campo e preveda §  La definizione di un progetto-Paese, un programma nazionale con obiettivi misurabili (sulla base di indicatori già presenti – Istat, UE), il raccordo stabile con le iniziative regionali e l’impegno alla diffusione di punti di accesso assistiti, piazze telematiche §  L’inserimento nel contratto di servizio RAI di un impegno specifico su questo tema §  La correlazione con il progetto-Paese per lo sviluppo della cultura digitale delle imprese (vedi Proposte al Punto 5 della Carta d’Intenti per l’innovazione) Nello  Iacono  
  • 17. 3.  Scuola al centro per creare valore   Relatore:  Carlo  Infante  
  • 18. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      18   ObieVvi   Rilanciare  il  ruolo  della  Scuola,  dell’Università,  della   formazione  conKnua  e  di  tuGe  le  agenzie  formaKve   per  scandire  un’evoluzione  dei  modelli   d’apprendimento  in  relazione  agli  scenari  del   cambiamento,  secondo  nuovi  principi  educaKvi  come   il  social  learning  (le  piaGaforme  Web  che  declinano  in   ambito  educaKvo  le  potenzialità  dei  social  network). Carlo  Infante  
  • 19. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      19   IniziaKve   SCUOLE  APERTE  per  fare  dell'edificio  scolas<co  un  luogo   pubblico  d'apprendimento  con<nuo  aperto  alla  ciLadinanza     La  SCUOLA  APERTA  come  presidio  educaKvo  ad  ampio  speGro  su  quesKoni   come  la  dispersione  scolasKca,  la  ciGadinanza  aVva,  la  conoscenza   dell'ambito  territoriale  e  lo  scambio  inter-­‐generazionale.     Fare  della  Scuola  un  ambito  di  creazione  di  valore,  promuovendo  in  streGa   relazione  con  gli  enK  locali,  iniziaKve  come  Palestre  di  CiBadinanza   interaJva  e  aVvità  strategiche  connesse  ai  temi  della  rigenerazione  urbana   per  progeGare  CiBà  a  misura  di  bambino/a.,  riconquistando,  a  parKre  dalla   prospeVva  educaKva,  spazi  per  il  gioco  libero  come  contesK  d'esperienza   fra  pari  e  indicatori  di  qualità  della  smart  city   Carlo  Infante  
  • 20. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      20   IniziaKve   SOCIAL  LEARNING  per  fare  delle  piaLaforme  di  educazione  on   line  un  ambiente  genera<vo  di  editoria  educa<va   mul<mediale   E'  nel  web  promosso  direGamente  dagli  isKtuK  scolasKci,  d'ogni  ordine  e   grado,  o  da  agenzie  formaKve  (Università  ma  non  solo)  in  streGa  relazione   con  le  scuole  che  è  auspicabile  pensare  ad  una  produzione  editoriale   streGamente  connessa  alla  necessità  didaVca  che  si  sta  evolvendo.     L'editoria  scolasKca  può  e  deve  saper  rispondere  alle  domande  espresse  da   insegnanK  che  ricombinino  i  repertori  didaVci  con  la  produzione  educaKva   generata  nei  cicli  d'apprendimento.     Un  asseGo  così  delineato  dovrà  necessariamente  contare  sulla   collaborazione  con  quelle  competenze  editoriali  per  dirimere  quesKoni  di   DiriGo  d'Autore  con  soluzioni  come  i  protocolli  CreaKve  Commons.   Carlo  Infante  
  • 21. 4.  Open  Government  nei  processi   decisionali   Relatrice:  Flavia  Marzano  
  • 22. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      22   ObieVvi  e  Strategie   §  Partecipazione  come  diriGo  dovere,   ciGadinanza  aVva   §  Openness  e  trasparenza   §  Semplificazione   §  Cost  effecKveness   §  Efficacia   §  Accesso   §  Condivisione  buone  praKche  e  modelli   Flavia  Marzano   hGp://www.staKgeneralinnovazione.it/wiki/index.php?Ktle=Temi:Open_Government#Openness_e_Trasparenza  
  • 23. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      23   StrumenK  e  Metodologie   §  Revisione  organizzaKva  e  di  processo   §  Definizione  degli  interlocutori,  aGori,   coordinamento  e  governance   §  Formazione   §  OVmizzazione  e  uKlizzo  dei  fondi   §  Linee  Guida   §  G-­‐Cloud   Flavia  Marzano  
  • 24. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      24   RequisiK   §  PoliKco-­‐NormaKvi   §  Tecnologici   §  Socio-­‐culturali   Flavia  Marzano  
  • 25. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      25   Open  Government  nei  processi   decisionali  1  di  2   Open data by default? Fatto (o quasi)… Poi? §  Definire modalità sistematiche di partecipazione nei processi legislativi garantendo la partecipazione di tutti i portatori di interesse Flavia  Marzano  
  • 26. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      26   Open  Government  nei  processi   decisionali  2  di  2   §  Pubblicazione delle bozze delle iniziative legislative governative di maggiore importanza §  Percorso consultivo strutturato §  Apertura di piattaforme online per la proposta di idee legislative (legislazione diffusa come di recente avviato in Finlandia - crowdsourcing) Flavia  Marzano  
  • 27. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      27  Flavia  Marzano  
  • 28. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      28   De  Jure  vs  De  Facto   Flavia  Marzano   4  P:     1.  People   2.  Policy   3.  Process   4.  ParKcipaKon    
  • 29. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      29   …e  non  finisce  qui…   §  Open  Government  Partnership:   ForumPA,  29  maggio   §  Manifesto  per  la  trasparenza  delle   ONG:    trasparenza  e  partecipazione   non  solo  parole  d'ordine  di  proposta   e  di  richiesta  verso  le  PA,  ma  abito   culturale  delle  organizzazioni   §  …     Flavia  Marzano  
  • 30. 5. Commercio  eleBronico  e  cultura   digitale  per  le  PMI       Promuovere  il  commercio  eleGronico  e  lo  sviluppo  della  cultura  digitale     delle  piccole  e  medie  imprese,  in  termini  di  riorganizzazione     dei  loro  processi    produVvi  e  di  markeKng   Relatore:  Marco  Fratoddi  
  • 31. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      31   Gli  obieVvi   §  L ingresso  della  cultura  digitale  cosKtuisce  una   premessa  indispensabile  per  il  successo   compeKKvo  della  piccola  e  media  impresa     al  fine  sia  di  modernizzare  la  filosofia   organizzaKva,  sia  di  aprirsi  a  nuovi  mercaK §  AlfabeKzzare  gli  imprenditori  su  questo  terreno   significa  sostenere  innanzituGo  i  seGori  che   guardano  all innovazione  ambientale  nei   distreV  tradizionalmente  orientaK  alla  qualità     Marco  Fratoddi  
  • 32. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      32   Le  proposte  di  legge  in  campo   §  Proposta  di  legge:  GENTILONI  SILVERI  e  altri:   "Disposizioni  per  lo  sviluppo  dei  servizi   eleGronici  e  digitali"  (4891,  gennaio  2012).   §  ArKcolo  6:  si  propone  la  riduzione   dell aliquota  iva  per  le  transazioni   commerciali  on-­‐line   §  ArKcolo  7:  le  start-­‐up  di  giovani  imprenditori   godono  del  credito  d imposta  per   l ammodernamento   Marco  Fratoddi  
  • 33. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      33   Le  proposte  di  legge  in  campo   §  ArKcolo  7:  ai  Ktolari  degli  esercizi   commerciali  che  si  dotano  di  Pos  e  altre   modalità  «informaKche»  di  pagamento  si   applica  una  detrazione  d imposta  pari  al   costo  degli  invesKmenK  sostenuK   Marco  Fratoddi  
  • 34. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      34   Le  proposte  di  legge  in  campo   §  Proposta  di  legge:  PALMIERI  e  altri   "Disposizioni  per  la  realizzazione  dell agenda   digitale  nazionale«  (5093,  marzo  2012)   §  La  proposta  punta  a  sostenere  in  maniera   complessiva  l avanzamento  della  cultura   digitale  nella  sanità,  nella  giusKzia,  nella  Pa  e   nella  società  italiana.  Comprende  alcuni   punK  espressamente  rivolK  alla  Pmi  e  in   parKcolare  alle  start-­‐up  innovaKve     Marco  Fratoddi  
  • 35. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      35   Le  proposte  di  legge  in  campo   §  ArKcolo  19:  ridurre  l imposta  regionale  sulle   aVvità  produVve  per  le  aziende  che   investono  per  la  formazione  del  proprio   personale  sui  nuovi  media  e  tecnologie   §  ArKcolo  20:  detassare  per  i  primi  tre  anni  i   ricavi  del  commercio  eleGronico   internazionale  delle  micro  e  piccole  imprese   Marco  Fratoddi  
  • 36. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      36   Le  proposte  di  legge  in  campo   §  ArKcolo  21:  semplificare  la  normaKva  relaKva   al  commercio  eleGronico  direGo   Marco  Fratoddi  
  • 37. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      37   Le  nostre  proposte  di  lavoro   §  Promuovere  un agenda  digitale  per  la  Pmi   che  punK  a  migliorare  l efficienza  e  la  qualità   del  lavoro  nel  segno  della  smaterializzazione   e  delle  modalità  occupazionali  a  basso  costo   ambientale  come  la  prestazione  in  remoto.   §  Lanciare  un  programma  di  formazione  per  gli   imprenditori  sul  terreno  del   digital   markeKng  e  del  commercio  eleGronico   Marco  Fratoddi  
  • 38. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      38   Le  nostre  proposte  di  lavoro   §  Migliorare  l accesso  alle  reK  nelle  zone   industriali  e  arKgianali  dei  piccoli  comuni,  dei   territori  a  vocazione  manifaGuriera  al  di  fuori   delle  aree  di  maggiore  sviluppo   §  Facilitare  l accesso  ai  programmi  digitali   specialmente  nel  Meridione,  dove  anche  le   imprese  agricole  a  conduzione  familiare   possano  trovare  nuove  opportunità   aGraverso  la  sfera  digitale.     Marco  Fratoddi  
  • 39. 6.  Banda  larga  come  servizio  universale     7.  Riduzione  delle  barriere  all'ingresso  del   mercato  TLC  e  modello  della  “fibra  dei   ciBadini”   Relatore:  Marco  Calvo  
  • 40. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      40   ObieVvi  e  indirizzi   Banda  Larga  come  servizio  universale   Il  livello  di  qualità  e  la  larghezza  della  banda  devono  essere   defini<  in  modo  da  raggiungere  l'obieJvo  primario  dello   sviluppo  sociale  ed  economico,  e  quindi  anche  rispeBo  alle   evoluzioni  tecnologiche  e  alle  situazioni  presen<  nei  paesi  UE,   partendo  da  un  livello  minimo  di  banda  e  avendo  un  graduale   obieJvo  di  garan<re  la  banda  larga  di  terza  generazione  a   tuBa  la  popolazione.     L'approccio  deve  essere  tecnologicamente  neutrale  e  gli   operatori  che  forniscono  questo  servizio  universale  devono   rispeBare  i  principi  della  “net  neutrality”,  come  ribadi<  anche   nell'Agenda  Digitale  Europea.   Marco  Calvo  
  • 41. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      41   ObieVvi  e  indirizzi   Ridurre  le  barriere  all'ingresso  del  mercato  delle   telecomunicazioni,  per  s<molare  la  partecipazione  al  mercato   della  infrastruBurazione  in  fibra  da  parte  della  piu'  ampia   pluralita'  di  soggeJ,  nel  rispeBo  del  quadro  comunitario,   anche  di  ciBadini  associa<  con  formule  che  perme:ano  di   realizzare  di  fa:o  il  modello  della  “fibra  dei  ci:adini".  La   proposta  è  di  prevedere  che  la  parte  di  fibra  dell'ul<mo  miglio   (FTTH  –  fiber  to  the  home)  sia  considerata  come  per<nenza   degli  edifici,  consentendo  la  realizzazione  di  cablaggio  in  banda   larga  con  un  costo  molto  basso  e  con  u<lizzo  ampio  della   banda  (non  solo  per  Internet  e  voce).   Marco  Calvo  
  • 42. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      42   ConneVvità   §  Nell'Agenda Digitale Europea si raccomandano la creazione di reti efficienti e il riconoscimento dello status di servizio universale §  Si sottolinea il valore di una rete “neutrale”   Marco  Calvo  
  • 43. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      43   ConneVvità   §  La rete offre opportunità di crescita economica e sociale che chiedono un ripensamento del modello di sviluppo attuale §  Non dobbiamo accontentarci di reti più veloci (nelle aree ricche) e di servizi a valore aggiunto (di nuovo, solo nelle aree ricche) Marco  Calvo  
  • 44. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      44   ConneVvità   §  Sono numerose le iniziative legislative (Adinolfi, Vita, Pardi, Giulietti, ecc.) §  Da segnalare: Chiti, Adinolfi e altri, modifica art. 21-bis Costituzione (S.3487, C.5374, ecc. diritto d’accesso) §  Vita  (S.1710,  net  neutrality)   §  Pardi  (S.2604,  posizioni  dominanK)   §  GiulieV  (C.1460,  concessionarie)   Marco  Calvo  
  • 45. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      45   ConneVvità   §  Nel I secolo a. C. l’imperatore Augusto creò il “cursus publicus”, per secoli il più veloce servizio postale. Fu uno degli elementi strategici che contribuì alla crescita dell’Impero Marco  Calvo  
  • 46. 8.  Modello  del  Lavoro   Relatore:  Nello  Iacono  
  • 47. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      47   L’obieVvo  e  le  direGrici   §  “Cambiare  il  modello  del  lavoro,  con  un  riconoscimento   esplicito  dell'Economia  della  Conoscenza  e  di  conseguenza   un  adeguamento  delle  poli<che  del  lavoro  rivolte  alle  nuove   forme  di  produzione  del  valore  cogni<vo  (con  modalità  di   lavoro  in  mobilità,  smart  working).     §  Definire  di  conseguenza  le  poli<che  di  tutela  del  lavoro   precario,  interceBando  tuBe  le  espressioni  informali   d’impresa  crea<va,  per  ridisegnare  un  sistema  di  welfare  e   di  sostegno  alla  flessibilità”   Nello  Iacono  
  • 48. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      48   PdL  presenK  ed  esperienze  uKli   §  Non sono presenti PdL che riprendano in forma organica il tema partendo dal sostanziale cambiamento del modello del lavoro §  Ci sono esperienze regionali ed europee che spostano il focus del sostegno dalle imprese ai lavoratori (con sperimentazioni di reddito minimo garantito) Nello  Iacono  
  • 49. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      49   IniziaKve  legislaKve  proposte   Una nuova PdL sul tema (riducendo i tempi di esame) che preveda di 1.  Incentivare nelle imprese le forme organizzative tipiche dei nuovi lavori e del telelavoro 2.  Vincolare ulteriormente la richiesta alle amministrazioni pubbliche per l'adozione del ”Piano per l’utilizzo del telelavoro" già introdotto nella legge 17 dicembre 2012 di conversione del Decreto Crescita 2.0 avendo come riferimento il Telework Enhancement Act applicato negli USA 3.  Regolamentare i nuovi lavori riconoscendo ai lavori ad alta intensità di conoscenza la necessità di una valutazione per risultati per cui il riferimento dell'orario di lavoro settimanale è soltanto indicativo 4.  Prevedere l'introduzione di meccanismi di sostegno sociale ai lavoratori (es. reddito minimo di cittadinanza) spostando i fondi dalle destinazioni attuali (es. cassa integrazione) 5.  Realizzare/incentivare campagne informative e formative per manager pubblici e privati sulla gestione di organizzazioni ad alta intensità di conoscenza, in modo anche da incentivare le pratiche del telelavoro nell’ambito di un percorso di definizione dello statuto dei nuovi lavori Nello  Iacono  
  • 50. 9.  Open  InnovaKon   Sviluppare  il  mercato  dell’open  innova<on  usando  con   aBenzione  le  risorse  che  le  Regioni  possono  meBere  a   disposizione  delle  imprese  e  curando  la  crescita  della   loro  capacità  di  innovazione  secondo  un  modello  che   valorizzi  le  specificità  italiane     Relatore:  Renzo  Provedel  
  • 51. 51   Che  cos’è  Open  Innova<on   Ogni problema ha una soluzione da qualche parte nel mondo Esecuzione veloce = leadership nel mercato Dipendenti, una risorsa diffusa di ideazione e innovazione Lead User, è un innovatore   Open     Innova<on   Il mondo digitale è la piattaforma abilitante Cross   innovaKon   Focus   Impresa   CommiGente   solutore   Nuovo  eco   sistema   innovazione     Renzo  Provedel  
  • 52. 52   ProgeLo  Paese:     la  piaLaforma  collabora<va   E’:   •  Un  format    per  realizzare  Open  InnovaKon:  esperienza,   relazioni,  nuovo  modello  di  comportamento,  filiera   dell’innovazione,  in  presenza  e  digitale;  non  solo  “informa<ca”   •  Spazio  di  incontro  e  “transazione”  di  domanda/offerta  di   innovazione;  si  comprano  e  si  vendono  know  how  e  altri  servizi   •  Due  aGori  pincipali:  il  commiLente  (ha  il  problema,  l’esigenza);   il  solutore  (ha  la  tecnologia  per  risolvere/soddisfare  i  requisiK   dell’esigenza);   •  Il  Broker;    è  essenziale:  organizza  e  facilita  il  processo,  meGe  a   disposizione  la  rete  mondiale  di  solutori;     •  Conversazione  tra  innovatori;  cresce  la  cultura,  nascono   opportunità   •  MarkeKng  delle  grandi  imprese:  per  sollecitare  la  generazione  di   idee  e  il  contaGo  con  gli  innovatori;  per  acquisizioni  di  imprese.   Renzo  Provedel  
  • 53. ALori  della  PiaLaforma  collabora<va   PiaLaforma   collabora<va   PMI Grandi imprese Centri Ricerca Innovatori VC   &Funding   Università Regione Broker Ges<one  Governance   PMI Grandi imprese Facilitatori   Solutori   CommiGenza   Renzo  Provedel  
  • 54. 54   La  piaLaforma  collabora<va   Stato  dell’arte:   •  PiaGaforme  internazionali  costruite  e  gesKte  da   Broker,  anche  con  2-­‐3  milioni  di  “solutori”;   veloci,  efficaci,  danno  servizi  a  pagamento;   diffuse  tra  le  grandi  imprese;  prime   sperimentazioni  con  PMI   •  UE  ha  la  sua  piaGaforma  “Enterprise  European   Network”  con  focus  sulle  aVvità    “in  presenza”   •  Alcune  Regioni  stanno  progeGandole,  altre   sperimentando  modelli  tradizionali:  Lombardia   è  leader     Renzo  Provedel  
  • 55. 55            Regione,  Conferenza  Stato-­‐Regione,  AID   Regioni  come  ente  di  governo  territoriale   •  Creare  le  piaGaforme  di  collaborazione   •  InvesKre  su  commiGenK&solutori:  PMI  e  management  grandi  imprese   •  Cambio  di  paradigma:  esplicitare  esigenza,  collaborazione   •  Buone  praKche  del  processo  “open  innovaKon”:   •  fondate  sulle  esigenze  delle  PMI;   •  non  solo  digitale;  format  misto:  in  presenza  +  digitale   •  necessari:  markeKng  iniziaKva,    formazione  commiGenK&solutori   •  facilitare  invesKmento  innovazione   Conferenza  Stato  Regioni  per  promozione  e  diffusione   •  Collaborazione/efficienze  tra  Regioni  per  format  e  piaGaforme  digitali   •  Valorizzazione  del  know  how  italiano  dei  “solutori”:  rete  italiana     Agenzia  digitale  per  osservatorio   •  realizza  l’osservatorio  sulle  Regioni  per  facilitare  ri-­‐uso  e  diffusione   buone  praKche:  evitare  duplicazioni       Renzo  Provedel  
  • 56. 10.  MeLere  in  rete  l intera   filiera  dell Innovazione   Relatore:  Fulvio  Ananasso    
  • 57. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      57   10.  MeLere  in  rete  l intera  filiera   dell Innovazione  (1/5)   Relatore:  Fulvio  Ananasso   §  Il Decreto Crescita 2.0 affronta per la prima volta lo sviluppo economico del nostro tessuto produttivo, incentivando la diffusione della cultura dell Innovazione e imprenditorialità, e la creazione di occupazione qualificata. §  Si sente peraltro la necessità di maggiore coordinamento e comunicazione tra start up / Piccole e Medie Imprese e gli altri Attori della filiera produttiva – Ricerca, Finanziatori, Innovatori, grandi Imprese, … mettendo in comunicazione il «committente» (colui che ha l esigenza di innovazione) con il «solutore» (colui che ha la tecnologia, i processi, i contatti,… per risolvere/soddisfare i requisiti dell esigenza) «Università, Impresa, Finanziatori e Territorio per una politica economica centrata sull Innovazione come motore della crescita e dello sviluppo del Paese»
  • 58. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      58   10.  MeLere  in  rete  l intera  filiera   dell Innovazione  (2/5)   Relatore:  Fulvio  Ananasso   §  Necessità di sviluppo del tessuto produttivo del nostro Paese – con enfasi sulle Piccole e Medie Imprese (PMI) e creazione di nuova impresa (start up, aggregazioni PMI, collegamenti con la grande Impresa, …). §  La «valorizzazione della ricerca» (trasferimento tecnologico) è necessaria per progetti-Paese di medio- lungo termine mediante grandi ricerche di ampio respiro (CNR, Università / Centri di ricerca, grandi Imprese …) à technology push §  La promozione dell Innovazione (di cui quella tecnologica è un sottoinsieme) dovrebbe partire dai bisogni delle Imprese (in particolare PMI) à technology pull §  Inversione del paradigma: da Ricerca à Impresa a «committente»à»solutore», mediante piattaforme collettive/connettive di collaborazione/«cross innovation»
  • 59. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      59   10.  MeLere  in  rete  l intera  filiera   dell Innovazione  (3/5)   Relatore:  Fulvio  Ananasso   §  I vari Attori della filiera produttiva – Ricerca, Finanziatori, Innovatori, grandi Imprese, …- generalmente dialogano a fatica, e trarrebbero giovamento da piattaforme collaborative («Open Innovation») istituzionali in grado di agire da interfaccia di traduzione e collegamento dei diversi requisiti operativi §  Maggiore formazione Accademica all imprenditorialità: −  Innovation, research valorization, technology transfer −  Business planning, budgeting / cost accounting, P&L, … −  Promotion -- pitch, public speaking, communication,… −  Fund raising -- seed, crowd-funding, business angels, VC,… −  Acceleration -- incubators, co-working, coaching / mentoring, interim management, … §  By-product: possibilità per i giovani talenti di lanciare nuova imprenditorialità e restare nel nostro Paese (merito)
  • 60. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      60   10.  MeLere  in  rete  l intera  filiera   dell Innovazione  (4/5)   Relatore:  Fulvio  Ananasso   Azioni normative suggerite (1/2): § Impostazione progettuale / aggregazione GdL (SGI) per contributi / schemi di contenuti per proposte di legge § Regioni come ente di governo territoriale – supporto alla costituzione di piattaforme collaborative per l innovazione e sviluppo di start up / PMI, voucher mirati per il loro utilizzo -- «broker», strutture di facilitazione, … § Conferenza Stato-Regioni – armonizzazione/promozione § Estendere l'attuale concetto di «start-up innovative» verso un'accezione sempre più imprenditoriale / cross-innovation e incentivare detrazioni per i finanziatori § Incentivare l'aggregazione delle start-up / PMI (sinergie, cross-innovation, distretti industriali, …) e il collegamento con medie-grandi Imprese – nazionali ed internazionali
  • 61. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      61   10.  MeLere  in  rete  l intera  filiera   dell Innovazione  (5/5)   Relatore:  Fulvio  Ananasso   Azioni normative suggerite (2/2): § Attivazione / ampliamento di programmi di formazione Accademica all imprenditorialità § Temi (cruciali) relativi al finanziamento delle iniziative imprenditoriali, con concreto impegno delle Regioni, Associazioni di categoria, Finanziatori istituzionali, VC, … § Internazionalizzazione -- enfasi sui Paesi EU/BRICS, e.g.: −  Turchia -- alleanze PMI, mercati internazionali orientali, … −  Repubbliche ex-URSS – biotecnologie, aerospazio, … −  Sud America – tecnologie sostenibili, alta formazione, … −  Asia (Cina / India) – sviluppo software, infrastrutture, … § Individuare grandi progetti-Paese e attivare al riguardo progetti di ricerca di ampio respiro, incentivando la valorizzazione della ricerca / trasferimento tecnologico (CNR, Università / Centri di ricerca, grandi Imprese …)
  • 62. 11.  Sensibilità  alle  differenze  per  le   poliKche  dell’innovazione     Relatrice:  Flavia  Marzano  
  • 63. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      63  Flavia  Marzano  
  • 64. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      64   Strategia  UE  1  di  2   Promuovere l’uguaglianza di genere per: §  indipendenza economica §  pari retribuzioni per un lavoro di uguale valore §  processo decisionale §  dignità, integrità e fine della violenza sulle done http://ec.europa.eu/justice/gender-equality/index_it.htm Flavia  Marzano  
  • 65. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      65   Strategia  UE  1  di  2   La strategia sottolinea il contributo dell'uguaglianza di genere alla crescita economica e allo sviluppo sostenibile e sostiene l'attuazione della dimensione di uguaglianza di genere nella strategia Europa 2020. Si basa sulle priorità della Carta delle donne. Flavia  Marzano  
  • 66. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      66   PoliKche  dell’innovazione  sensibili   alle  differenze  1  di  2   …a partire dalle differenze di genere, per un approccio pluralista e inclusivo delle differenze: 1.  riconoscere-integrare bisogni, interessi e competenze delle donne §  nella ricerca §  nei progetti sull'innovazione Flavia  Marzano  
  • 67. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      67   PoliKche  dell’innovazione  sensibili   alle  differenze  2  di  2   2.  promuovere iniziative per colmare il digital divide di genere 3.  supporto alle start up femminili 4.  aumentare la presenza di donne nei percorsi di studio e nelle carriere ICT 5.  migliore sinergia tra innovazione sociale e innovazione strettamente tecnologica Flavia  Marzano  
  • 68. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      68   Proposta  di  legge  (Cenni  et  al.)   Norme per la parità di accesso ai mezzi di comunicazione nella campagna elettorale e istituzione dell'Agenzia per la parità, per la non discriminazione tra i generi e per la tutela della dignità della donna nell'ambito della pubblicità e della comunicazione” #297 Commissione Affari Costituzionali hGp://www.camera.it/leg17/126?tab=2&leg=17&idDocumento=297&sede=&Kpo   Flavia  Marzano  
  • 69. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      69   Adeguamento  all’Europa  e  non  solo…   Visione  di  sistema  e  programmi  coordinaK:   §  DiparKmento  PPOO   §  Comitato  Nazionale  di  parità   §  Commissione  nazionale  per  la  PPOO   §  Consiglier*  regionali,  provinciali,  comunali   §  Consulte     §  ComitaK  per  le  PPOO  (CPO)  regionali   §  Comitato  (e  osservatorio)  per  l’imprenditoria   femminile   §  IsKtuto  Europeo  per  la  parità  di  genere   §  …   Flavia  Marzano  
  • 70. Roma,  Sala  Mercede  –  21  maggio  2013                      70   Carta  dei  diriV  fondamentali  UE   §  Dignità   §  Libertà   §  Uguaglianza   §  Solidarietà   §  CiGadinanza   §  GiusKzia   Flavia  Marzano