SlideShare a Scribd company logo
Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011
                                                                                                                Robert Junalik
Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1-
FR1-LEO05-07415
   Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art
Libre http://artlibre.org



                                      GLI INTONACI DI CALCECANAPULO

         UN PRODOTTO RECENTE PER L'ISOLAMENTO

         L'utilizzo di canapa per la regolazione termica delle abitazioni è un fatto relativamente
         recente: fu verso il 1985 che il Canapaio di l'Aude cercò di valorizzare le enormi quantità di
         scarti dell'industria tessile. Questi scarti si presentano sotto forma di canapulo (dopo
         l'estrazione della fibra).
         L'ingengnere incaricato del progetto aveva un passato professionale legato al campo
         dell'isolamento. Fu dunque un fatto naturale che intraprendesse ricerche in questo campo.

         In seguito a diversi tentativi, nel 1994 apparvero i primi esempi di impasti a base di canapa
         non trattata e di legante a base di calce.


         IL PRINCIPIO
         1) Un aggregato vegetale – dimensionalmente stabile (non si gonfia, non si restringe)
                                      - isolante poiché contiene aria imprigionata

         +
         2) un legante (la calce)

         =
         3) una malta isolante

         L'utilizzo della malta di calcecanapulo presenta un grande interesse per la bioarchitettura e
         soprattutto per la ristrutturazione di vecchi edifici. In effetti, offre la possibilità di essere
         applicata come intonaco sui muri.
         Permette quindi di eliminare la parete fredda apportando così un buon isolamento termico.
         La sua grande capacità traspirante permette l'allontanamento del vapore acqueo e lo
         spostamento del punto di rugiada all'interno del muro.
         In inverno, il muro può assorbire l'acqua in eccesso. Il cambiamento di stato da vapore a
         liquido si accompagna ad un aumento di temperatura (fino a 4°C).
         In estate, il muro lascia evaporare la sua eccedenza d'acqua e il cambiamento di stato da
         liquido a vapore si accompagna ad un abbassamento della temperatura che contribuisce a
         raffreddare l'abitazione.


                                                                          1
Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011
                                                                                                                Robert Junalik
Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1-
FR1-LEO05-07415
   Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art
Libre http://artlibre.org




         UNA SPECIFICA TECNICA
         L'aggregato di canapa assorbe molta acqua durante la preparazione della malta. Quindi, in
         caso d'utilizzo di calce idraulica (NHL), la canapa può assorbire l'acqua necessaria al corretto
         funzionamento della presa del legante.
         Per evitare questo problema, una calce aerea (CL) sarebbe più indicata.
         Quindi il problema è la gestione dell'acqua in una miscela: ne è necessaria molta poiché la
         canapa ne assorbe in gran quantità e ne deve restare ancora per il legante. Ma in seguito si
         deve far seccare tutta quest'acqua rapidamente (prima che la fibra marcisca).


         CARATTERISTICHE DELLA CANAPA DA UTILIZZARE
         - Assenza di polveri: per un corretto funzionamento del legante.
         - Una canapa chiara, secca e senza inizi di marcescenza per la conservazione del materiale.
         - Una canapa senza fibre per facilitare la messa in opera.
         - Degli aggregati sufficientemente grossi (troppo fini richiederebbero più calce, quindi il
         prodotto sarebbe meno isolante).




                                                                          2
Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011
                                                                                                                        Robert Junalik
Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1-
FR1-LEO05-07415
   Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art
Libre http://artlibre.org


         QUALI LEGANTI E CHE DOSAGGI?
         Le prestazioni dipendono dal dosaggio di calce.
         Da 100 kg fino a 900 kg /m3
         Più è presente calce, meno la malta sarà efficace termicamente ma vi sarà un aumento della
         resistenza meccanica e un aumento dell'inerzia..


              • Le calci
         Come visto in precedenza, la canapa assorbe molta acqua e dunque la calce idraulica
         funziona meno bene..
         Utilizzeremo allora preferibilmente una calce aerea che produrrà la sua carbonatazione a
         partire dal CO2 dell'aria..
         In certi casi, potremo apportare idraulicità a questa calce per esempio aggiungendo della
         polvere di pozzolana, questa per i getti di calcecanapulo a getto e i pavimenti.
         Può essere interessante mischiare una porzione di calce idraulica alla calce aerea (dal 15 al
         25%).


              • I dosaggi

            - Per i getti di calcecanapulo (muri casserati) :
            22 kg di calce/100 l di canapa

         - Per i massetti : Acqua : 45 l
                                   Calce : 35 kg
                                   Canapa : 100 l

         - Per gli intonaci:
                                                                     Oppure
         Acqua : 60 l                                                                     60 l
         Calce aerea (CL) : 25 kg                               37,5 kg
         Calce idraulica (NHL) : 8 kg                           0 kg
         Canapulo : 100 l                                                                 100 l




                                                                          3
Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011
                                                                                                                Robert Junalik
Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1-
FR1-LEO05-07415
   Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art
Libre http://artlibre.org




         Molto importante: nota sull'impasto

         Il modo di procedere sarà differente a seconda se si utilizzi una betoniera o un impastatrice.

              • Betoniera

         Le modalità di procedura sono le seguenti :

         1. Introdurre la totalità dell'acqua.
         2. Introdurre la calce.
         3. Impastare fino all'ottenimento di una “boiacca” omogenea.
         4. Introdurre gli aggregati di canapa staccando i grumi compressi.
         5. Impastare fino all'ottenimento di un impasto omogeneo.

         Impostazioni :

         - Velocità di rotazione lenta.
         - Massima inclinazione del serbatoio.

              • Impastatrice

         Le modalità di procedura sono le seguenti :

         1. Introdurre il canapulo.
         2. Introdurre 1/3 dell'acqua di miscelazione.
         3. Introdurre progressivamente il legante e il resto dell'acqua.
         4. Impastare sino all'ottenimento di una miscela omogenea.

         Impostazioni :

         - Velocità di rotazione ridotta al minimo.




                                                                          4
Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011
                                                                                                                Robert Junalik
Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1-
FR1-LEO05-07415
   Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art
Libre http://artlibre.org




         GLI STRUMENTI :

              • Per gli intonaci :
         - Betoniera o impastatrice
         - Carriola, gavasso e secchio
         - Frattazzo grande e piccolo
         (è possibile fabbricare una piastra in compensato di 40 x 30 cm con un'impugnatura spostata
         per reggere una gran quantità di canapa)
         - Cazzuole
         - Regolo da stuccatore o grande cazzuola
         - Pennellessa


              • Per i massetti :
         - Betoniera o impastatrice
         - Carriole
         - Rastrello
         - Mazzeranga
         - Regolo (due lunghi da 3 m, uno corto da 2m)
         - Un grande frattazzo
         - Livella o distanziometro


         MESSA IN OPERA DI UN INTONACO IN CALCECANAPULO

         1) Pulire i muri dalla polvere oppure scrostare l'intonaco esistente.
         Per i blocchetti di calcestruzzo prevedere uno strato di aderenza tramite posa di un rinzaffo
         in sabbia e calce.
         2) Per i mattoni cotti, bagnare il supporto la sera e ribagnare il mattino tramite un
         nebulizzatore.
         3) Preparare l'impasto.
         4) Mettere in opera la malta di calcecanapulo in 2 passaggi fino a raggiungere da 4 a 5 cm di
         spessore.
                       − 1° passaggio : 3 cm : applicare la malta con la cazzuola senza staggiare e
                       senza comprimere (lasciare senza toccare).
                       − 2° passaggio : il pomeriggio o il giorno seguente.


                                                                          5
Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011
                                                                                                                Robert Junalik
Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1-
FR1-LEO05-07415
   Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art
Libre http://artlibre.org


                                 Applicare ma stendere con la cazzuola e con la staggia da stuccatore.
                                 Si staggia all'inizio della presa se non si applicheranno altre finiture.
         5) Ventilare bene il cantiere e lasciar seccare.
         6) Dopo l'essicazione, se lo desiderate, può essere applicata una finitura : es. Una finitura di
         calcecanapulo fine (60l d’acqua, 50 kg di calce aerea, 100 l di canapulo fine).
                       − Possibilità di finitura :
                                 frattazzatura
                                 lisciatura con la cazzuola
                                 lisciatura con la spugna
                                 lisciatura con velo di calce.
         Dopo l'applicazione, è anche possibile dipingere l'intonaco di calcecanapulo applicando una
         patina composta d'acqua e di pigmenti naturali.
                       − Altre possibili finiture :
                                 Intonaco di sabbia e calce (sabbia fine e calce aerea)
                                 Intonaco di terra cruda
         7) Realizzate le finiture, lasciar essiccare diverse settimane prima di rientrare nell'abitazione.

         L’intonaco nel suo insieme sarà perfettamente secco soltanto dopo 6 mesi o un anno a
         seconda dell'igrometria e della ventilazione.




                                                                          6
Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011
                                                                                                                Robert Junalik
Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1-
FR1-LEO05-07415
   Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art
Libre http://artlibre.org


         MESSA IN OPERA DI UN MASSETTO IN CALCECANAPULO

         - Lavorare in un'abitazione lontano senza problemi di risalita capillare (dai muri e massetti).
         - Eseguire lo scavo di fondazione.
         - Creare un canale di ventilazione al suolo.
         - Mettere in opera i diversi condotti per impianti.
         - Mettere in opera un letto di sassi lavati +/- 20 cm.
         - Effettuare l'impasto in betoniera o con l'impastatrice.
         - Mettere in opera la malta di calcecanapulo (da 12 a 15 cm di spessore direttamente sui
         sassi, mantenendo il livello).
         - Lo spessore della malta desiderato si ottiene in un solo passaggio.
         - Comprimere leggermente senza forzare.
         - Frattazzare.

         Attenzione : aspettare almeno 40 giorni prima di rivestire.
         Ventilare il cantiere.




                                                                          7

More Related Content

More from Collectif INATER'

Isolation naturelle intérieur extérieur
Isolation naturelle intérieur extérieurIsolation naturelle intérieur extérieur
Isolation naturelle intérieur extérieur
Collectif INATER'
 
Revue de presse du projet INATER'
Revue de presse du projet INATER' Revue de presse du projet INATER'
Revue de presse du projet INATER'
Collectif INATER'
 
Réalisation d’une dalle en bois/paille/chanvre-chaux et bambou
Réalisation d’une dalle en bois/paille/chanvre-chaux et bambouRéalisation d’une dalle en bois/paille/chanvre-chaux et bambou
Réalisation d’une dalle en bois/paille/chanvre-chaux et bambou
Collectif INATER'
 
Béton de chanvre et chaux - Ossature bois (2)
Béton de chanvre et chaux - Ossature bois  (2)Béton de chanvre et chaux - Ossature bois  (2)
Béton de chanvre et chaux - Ossature bois (2)
Collectif INATER'
 
Chantier-école "Enduits isolants et enduits de finition chaux chanvre"
Chantier-école "Enduits isolants et enduits de finition chaux chanvre"Chantier-école "Enduits isolants et enduits de finition chaux chanvre"
Chantier-école "Enduits isolants et enduits de finition chaux chanvre"
Collectif INATER'
 
Chantier-école "Construction en paille" (B)
Chantier-école "Construction en paille" (B) Chantier-école "Construction en paille" (B)
Chantier-école "Construction en paille" (B)
Collectif INATER'
 
Chantier-école "Bloc chaux-chanvre en cloison intérieure
Chantier-école "Bloc chaux-chanvre en cloison intérieureChantier-école "Bloc chaux-chanvre en cloison intérieure
Chantier-école "Bloc chaux-chanvre en cloison intérieure
Collectif INATER'
 
Transition à l'éco-construction : l'accompagnement des professionnels
Transition à l'éco-construction : l'accompagnement des professionnelsTransition à l'éco-construction : l'accompagnement des professionnels
Transition à l'éco-construction : l'accompagnement des professionnels
Collectif INATER'
 
L’éco construction: vers de nouveaux métiers à haute valeur ajoutée
L’éco construction: vers de nouveaux métiers à haute valeur ajoutéeL’éco construction: vers de nouveaux métiers à haute valeur ajoutée
L’éco construction: vers de nouveaux métiers à haute valeur ajoutée
Collectif INATER'
 
Séminaire de clôture du projet européen Inater’
Séminaire de clôture du projet européen Inater’Séminaire de clôture du projet européen Inater’
Séminaire de clôture du projet européen Inater’
Collectif INATER'
 
Séminaire de cloture du projet INATER'
Séminaire de cloture du projet INATER'Séminaire de cloture du projet INATER'
Séminaire de cloture du projet INATER'
Collectif INATER'
 
Chantier Ecole "Finition Chaux-chanvre"
Chantier Ecole "Finition Chaux-chanvre" Chantier Ecole "Finition Chaux-chanvre"
Chantier Ecole "Finition Chaux-chanvre"
Collectif INATER'
 

More from Collectif INATER' (12)

Isolation naturelle intérieur extérieur
Isolation naturelle intérieur extérieurIsolation naturelle intérieur extérieur
Isolation naturelle intérieur extérieur
 
Revue de presse du projet INATER'
Revue de presse du projet INATER' Revue de presse du projet INATER'
Revue de presse du projet INATER'
 
Réalisation d’une dalle en bois/paille/chanvre-chaux et bambou
Réalisation d’une dalle en bois/paille/chanvre-chaux et bambouRéalisation d’une dalle en bois/paille/chanvre-chaux et bambou
Réalisation d’une dalle en bois/paille/chanvre-chaux et bambou
 
Béton de chanvre et chaux - Ossature bois (2)
Béton de chanvre et chaux - Ossature bois  (2)Béton de chanvre et chaux - Ossature bois  (2)
Béton de chanvre et chaux - Ossature bois (2)
 
Chantier-école "Enduits isolants et enduits de finition chaux chanvre"
Chantier-école "Enduits isolants et enduits de finition chaux chanvre"Chantier-école "Enduits isolants et enduits de finition chaux chanvre"
Chantier-école "Enduits isolants et enduits de finition chaux chanvre"
 
Chantier-école "Construction en paille" (B)
Chantier-école "Construction en paille" (B) Chantier-école "Construction en paille" (B)
Chantier-école "Construction en paille" (B)
 
Chantier-école "Bloc chaux-chanvre en cloison intérieure
Chantier-école "Bloc chaux-chanvre en cloison intérieureChantier-école "Bloc chaux-chanvre en cloison intérieure
Chantier-école "Bloc chaux-chanvre en cloison intérieure
 
Transition à l'éco-construction : l'accompagnement des professionnels
Transition à l'éco-construction : l'accompagnement des professionnelsTransition à l'éco-construction : l'accompagnement des professionnels
Transition à l'éco-construction : l'accompagnement des professionnels
 
L’éco construction: vers de nouveaux métiers à haute valeur ajoutée
L’éco construction: vers de nouveaux métiers à haute valeur ajoutéeL’éco construction: vers de nouveaux métiers à haute valeur ajoutée
L’éco construction: vers de nouveaux métiers à haute valeur ajoutée
 
Séminaire de clôture du projet européen Inater’
Séminaire de clôture du projet européen Inater’Séminaire de clôture du projet européen Inater’
Séminaire de clôture du projet européen Inater’
 
Séminaire de cloture du projet INATER'
Séminaire de cloture du projet INATER'Séminaire de cloture du projet INATER'
Séminaire de cloture du projet INATER'
 
Chantier Ecole "Finition Chaux-chanvre"
Chantier Ecole "Finition Chaux-chanvre" Chantier Ecole "Finition Chaux-chanvre"
Chantier Ecole "Finition Chaux-chanvre"
 

Scheda Tecnica into cacecanapulo

  • 1. Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011 Robert Junalik Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1- FR1-LEO05-07415 Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art Libre http://artlibre.org GLI INTONACI DI CALCECANAPULO UN PRODOTTO RECENTE PER L'ISOLAMENTO L'utilizzo di canapa per la regolazione termica delle abitazioni è un fatto relativamente recente: fu verso il 1985 che il Canapaio di l'Aude cercò di valorizzare le enormi quantità di scarti dell'industria tessile. Questi scarti si presentano sotto forma di canapulo (dopo l'estrazione della fibra). L'ingengnere incaricato del progetto aveva un passato professionale legato al campo dell'isolamento. Fu dunque un fatto naturale che intraprendesse ricerche in questo campo. In seguito a diversi tentativi, nel 1994 apparvero i primi esempi di impasti a base di canapa non trattata e di legante a base di calce. IL PRINCIPIO 1) Un aggregato vegetale – dimensionalmente stabile (non si gonfia, non si restringe) - isolante poiché contiene aria imprigionata + 2) un legante (la calce) = 3) una malta isolante L'utilizzo della malta di calcecanapulo presenta un grande interesse per la bioarchitettura e soprattutto per la ristrutturazione di vecchi edifici. In effetti, offre la possibilità di essere applicata come intonaco sui muri. Permette quindi di eliminare la parete fredda apportando così un buon isolamento termico. La sua grande capacità traspirante permette l'allontanamento del vapore acqueo e lo spostamento del punto di rugiada all'interno del muro. In inverno, il muro può assorbire l'acqua in eccesso. Il cambiamento di stato da vapore a liquido si accompagna ad un aumento di temperatura (fino a 4°C). In estate, il muro lascia evaporare la sua eccedenza d'acqua e il cambiamento di stato da liquido a vapore si accompagna ad un abbassamento della temperatura che contribuisce a raffreddare l'abitazione. 1
  • 2. Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011 Robert Junalik Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1- FR1-LEO05-07415 Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art Libre http://artlibre.org UNA SPECIFICA TECNICA L'aggregato di canapa assorbe molta acqua durante la preparazione della malta. Quindi, in caso d'utilizzo di calce idraulica (NHL), la canapa può assorbire l'acqua necessaria al corretto funzionamento della presa del legante. Per evitare questo problema, una calce aerea (CL) sarebbe più indicata. Quindi il problema è la gestione dell'acqua in una miscela: ne è necessaria molta poiché la canapa ne assorbe in gran quantità e ne deve restare ancora per il legante. Ma in seguito si deve far seccare tutta quest'acqua rapidamente (prima che la fibra marcisca). CARATTERISTICHE DELLA CANAPA DA UTILIZZARE - Assenza di polveri: per un corretto funzionamento del legante. - Una canapa chiara, secca e senza inizi di marcescenza per la conservazione del materiale. - Una canapa senza fibre per facilitare la messa in opera. - Degli aggregati sufficientemente grossi (troppo fini richiederebbero più calce, quindi il prodotto sarebbe meno isolante). 2
  • 3. Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011 Robert Junalik Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1- FR1-LEO05-07415 Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art Libre http://artlibre.org QUALI LEGANTI E CHE DOSAGGI? Le prestazioni dipendono dal dosaggio di calce. Da 100 kg fino a 900 kg /m3 Più è presente calce, meno la malta sarà efficace termicamente ma vi sarà un aumento della resistenza meccanica e un aumento dell'inerzia.. • Le calci Come visto in precedenza, la canapa assorbe molta acqua e dunque la calce idraulica funziona meno bene.. Utilizzeremo allora preferibilmente una calce aerea che produrrà la sua carbonatazione a partire dal CO2 dell'aria.. In certi casi, potremo apportare idraulicità a questa calce per esempio aggiungendo della polvere di pozzolana, questa per i getti di calcecanapulo a getto e i pavimenti. Può essere interessante mischiare una porzione di calce idraulica alla calce aerea (dal 15 al 25%). • I dosaggi - Per i getti di calcecanapulo (muri casserati) : 22 kg di calce/100 l di canapa - Per i massetti : Acqua : 45 l Calce : 35 kg Canapa : 100 l - Per gli intonaci: Oppure Acqua : 60 l 60 l Calce aerea (CL) : 25 kg 37,5 kg Calce idraulica (NHL) : 8 kg 0 kg Canapulo : 100 l 100 l 3
  • 4. Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011 Robert Junalik Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1- FR1-LEO05-07415 Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art Libre http://artlibre.org Molto importante: nota sull'impasto Il modo di procedere sarà differente a seconda se si utilizzi una betoniera o un impastatrice. • Betoniera Le modalità di procedura sono le seguenti : 1. Introdurre la totalità dell'acqua. 2. Introdurre la calce. 3. Impastare fino all'ottenimento di una “boiacca” omogenea. 4. Introdurre gli aggregati di canapa staccando i grumi compressi. 5. Impastare fino all'ottenimento di un impasto omogeneo. Impostazioni : - Velocità di rotazione lenta. - Massima inclinazione del serbatoio. • Impastatrice Le modalità di procedura sono le seguenti : 1. Introdurre il canapulo. 2. Introdurre 1/3 dell'acqua di miscelazione. 3. Introdurre progressivamente il legante e il resto dell'acqua. 4. Impastare sino all'ottenimento di una miscela omogenea. Impostazioni : - Velocità di rotazione ridotta al minimo. 4
  • 5. Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011 Robert Junalik Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1- FR1-LEO05-07415 Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art Libre http://artlibre.org GLI STRUMENTI : • Per gli intonaci : - Betoniera o impastatrice - Carriola, gavasso e secchio - Frattazzo grande e piccolo (è possibile fabbricare una piastra in compensato di 40 x 30 cm con un'impugnatura spostata per reggere una gran quantità di canapa) - Cazzuole - Regolo da stuccatore o grande cazzuola - Pennellessa • Per i massetti : - Betoniera o impastatrice - Carriole - Rastrello - Mazzeranga - Regolo (due lunghi da 3 m, uno corto da 2m) - Un grande frattazzo - Livella o distanziometro MESSA IN OPERA DI UN INTONACO IN CALCECANAPULO 1) Pulire i muri dalla polvere oppure scrostare l'intonaco esistente. Per i blocchetti di calcestruzzo prevedere uno strato di aderenza tramite posa di un rinzaffo in sabbia e calce. 2) Per i mattoni cotti, bagnare il supporto la sera e ribagnare il mattino tramite un nebulizzatore. 3) Preparare l'impasto. 4) Mettere in opera la malta di calcecanapulo in 2 passaggi fino a raggiungere da 4 a 5 cm di spessore. − 1° passaggio : 3 cm : applicare la malta con la cazzuola senza staggiare e senza comprimere (lasciare senza toccare). − 2° passaggio : il pomeriggio o il giorno seguente. 5
  • 6. Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011 Robert Junalik Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1- FR1-LEO05-07415 Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art Libre http://artlibre.org Applicare ma stendere con la cazzuola e con la staggia da stuccatore. Si staggia all'inizio della presa se non si applicheranno altre finiture. 5) Ventilare bene il cantiere e lasciar seccare. 6) Dopo l'essicazione, se lo desiderate, può essere applicata una finitura : es. Una finitura di calcecanapulo fine (60l d’acqua, 50 kg di calce aerea, 100 l di canapulo fine). − Possibilità di finitura : frattazzatura lisciatura con la cazzuola lisciatura con la spugna lisciatura con velo di calce. Dopo l'applicazione, è anche possibile dipingere l'intonaco di calcecanapulo applicando una patina composta d'acqua e di pigmenti naturali. − Altre possibili finiture : Intonaco di sabbia e calce (sabbia fine e calce aerea) Intonaco di terra cruda 7) Realizzate le finiture, lasciar essiccare diverse settimane prima di rientrare nell'abitazione. L’intonaco nel suo insieme sarà perfettamente secco soltanto dopo 6 mesi o un anno a seconda dell'igrometria e della ventilazione. 6
  • 7. Cantiere-scuola Italia – Luglio 2011 Robert Junalik Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea: n°2009-1- FR1-LEO05-07415 Copyright - Collectif projet INATER, 2011 - www.inater.eu - sous licence Art Libre http://artlibre.org MESSA IN OPERA DI UN MASSETTO IN CALCECANAPULO - Lavorare in un'abitazione lontano senza problemi di risalita capillare (dai muri e massetti). - Eseguire lo scavo di fondazione. - Creare un canale di ventilazione al suolo. - Mettere in opera i diversi condotti per impianti. - Mettere in opera un letto di sassi lavati +/- 20 cm. - Effettuare l'impasto in betoniera o con l'impastatrice. - Mettere in opera la malta di calcecanapulo (da 12 a 15 cm di spessore direttamente sui sassi, mantenendo il livello). - Lo spessore della malta desiderato si ottiene in un solo passaggio. - Comprimere leggermente senza forzare. - Frattazzare. Attenzione : aspettare almeno 40 giorni prima di rivestire. Ventilare il cantiere. 7