SlideShare a Scribd company logo
Lingua
inclusiva
Formazione interna Cooperativa Accaparlante
Nicola Rabbi (marzo 2024)
Che cos’è la lingua inclusiva
• Quando si parla di lingua inclusiva si pensa in modo
automatico alla lingua di genere o non sessista, all’uso
delle parole nel campo LGBTQIA+
• Riguarda anche le persone con disabilità, le
minoranze, la salute mentale, gli anziani/giovani, gli
emarginati, ...
• Usare la lingua e la scrittura in un modo non
discriminante
• La critica al termine “inclusione”, visto come
paternalistico, “io ti includo”, l’atto di una maggioranza
verso una minoranza. La “convivenza delle differenze”
proposta da Fabrizio Acanfora
• Le parole vanno usate in modo consapevole perché
possono ferire, discriminare...
Le parole cambiano il mondo o il mondo
cambia le parole?
• Le lingue sono cose vive che rispondono a bisogni
pratici che a bisogni etici: è possibile unire il codice
linguistico a quello etico?
• La lingua muta comunque e sono i parlanti a decidere
come muta e non gli accademici che ne prendono atto
• Non si possono imporre cambiamenti linguistici né
dall’alto né dal basso
• Basta cambiare il piano linguistico per cambiare una
realtà o non è piuttosto l’opposto che cambiando le
condizioni storiche e i rapporti di potere cambiano le
parole?
• Esiste comunque una correlazione tra l’uso delle parole
e formazione delle idee (femminicidio)
Stereotipi e pregiudizi
• Come funziona il nostro cervello: ha bisogno di
interpretare velocemente e di dare una risposta, quindi
semplifica e categorizza
• Gli stereotipi guidano i nostri comportamenti, e spesso
non ne siamo consapevoli: diventano pericolosi quando
sono sbagliati
• I pregiudizi sono sentimenti di antipatia fondati su una
generalizzazione falsa e inflessibile (Gordon Allport)
• I pregiudizi impliciti sono i più difficili da individuare. Il
razzismo sistemico. Rendersene conto è già un passo in
avanti
• Pregiudizi e micro aggressioni;: un atteggiamento
pietistico lo è, come l’evitare una persona disabile
Il ruolo dei mass media e dei social
• In una società complessa come è la nostra, conosciamo
molto situazioni non in forma diretta ma mediata
• Quindi formiamo opinioni basandoci di giudizi/pregiudizi
altrui
• I mass media hanno un ruolo importante in questo
• Con l’avvento dei social il discorso è diventato più
complesso, perché da un lato ha diversificato le fonti ma
ha anche frammentato il pubblico
• Il rischio di vivere ognuno nella propria bolla
Accessibilità e inclusione
• Rendere un testo accessibile significa andare incontro a
varie esigenze di lettura e di interpretazione che
possono avere i lettori. La scrittura facile e la scrittura
chiara, la CAA ne sono un tipico esempio
• Rendere un testo inclusivo agisce su un altro livello,
quello in cui si cerca di non discriminare e presentare
negativamente gruppi di persone
• Le due esigenze, accessibilità e inclusione, possono
scontrarsi là dove la creazione di nuove parole e
grafemi/fonemi porta a una scrittura poco leggibile e
comprensibile
• Un testo inclusivo può non essere accessibile e
viceversa.
Il maschile e il femminile … e tutto il resto
 Sostituzione delle parola (uomo-umanità)
 Riformulazione della frase (sei pronto a farlo? -
vuoi iscriverti?)
 Presentazione dei due generi assieme (care
amiche e amici...)
• Nelle lingue romanze il genere è binario, non esiste il
neutro. Non tutte le persone si riconoscono nel
linguaggio binario (LGBTQIA+)
• Proposte di nuovi grafemi/fonemi:
schwa/ə, *, u, @
• I femminili professionali: meglio usare il femminile a
suffisso 0 (sindaca, ingegnera, avvocata, ma non
direttora perché è già consolidata la parola direttrice)
• Una rappresentazione linguistica del retaggio
patriarcale. Sono possibili varie soluzioni:
Manualetti
• Le parole che fanno la differenza
(Comune di Bologna)
• Linee guida per una comunicazione inclusiva e accessibile
(Università Iuav di Venezia)
• Sulla scrittura rispettosa della parità
(Accademia della Crusca)
• Comunicare la disabilità (Gli Invisibili – Ordine dei giornalisti)
I diversamente abili inciampano spesso
• L’immagine della persona con disabilità e cambiata molto negli ultimi 30 anni. Sia per motivi che vengono dall’alto (ICF -
Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute del 2001, la Convenzione ONU sui diritti
delle persone con disabilità del 2006, la presenza trasversale del tema nell’Agenda 2030) che per motivi che vengono dal
basso (le associazioni, l’attivismo dei disabili…)
• Le parole usate per definire sono cambiate con i tempi: portatori di handicap - invalido – minorato -handicappatati –
diversabili – diversamente abili – disabili – persone con disabilità. Ma non c’è un accordo finale come è normale che sia.
• L’abilismo: l’atteggiamento discriminatorio verso le persone con disabilità (ma anche verso gli anziani), può essere anche
benevolo
• L’inspiration porn di Stella Young
• Il linguaggio abilista: micro aggressioni involontarie dette in buona fede
• Esistono due punti di vista: person first (persona con disabilità, persona non vedente), oppure identity first (autistico, ciechi)
Ma poi si rialzano
• C’è l’uso di tutti quei participi che esprimono un preciso pregiudizio: affetto da, colpito da, costretto a.. oppure l’uso
di parole semplicemente scorrette come sordomuto oppure l’uso di parole ambigue come “normalità”
• Un discorso simile può essere fatto per le persone con problemi di salute mentale
• L’autismo, un tema emergente. Neurotipici versus neuro atipici o neuro divergenti. L’esaltazione delle capacità
delle persone autistiche sono una forma di inspiration porn
• I social network come fattore di grande cambiamento
• Se i discorsi discriminatori vanno identificati, però fino a che punto è possibile cambiare le parole in nome della
propria identità? Del resto anche il nostro Centro si chiama Centro Documentazione Handicap, ma a nessuno è
mai venuto in mente di cambiarne il nome in Centro Documentazione sulle Diversità
• L’atteggiamento con cui ci si rivolge è più importante delle parole usate? L’importanza della relazione. Si può
usare un linguaggio inclusivo ma poi essere intimamente escludenti
La comunicazione inclusiva
Nella comunicazione interpersonale al di là delle parole usate sono le nostre stereotipe e pregiudizi a portarci
verso un comunicazione escludente. Eccomi difetti più comuni.
• Non rivolgersi direttamente alla persona disabile
• Dandole del tu
• Non riconoscendole un ruolo sociale (avvocato, psicoterapeuta, madre … nel caso delle donne spunta
l’intersezionalità)
• Parlare come a un bambino, invadere lo spazio privato
• I complimenti che distanziano e/o che servono per auto consolarsi (inspiration porn)
La comunicazione inclusiva prevede l’osservazione, l’ascolto, richiede tempo e pazienza, richiede consapevolezza
di sé e dei propri pregiudizi. Una volta fatto questo le parole giuste verranno da sole.
E voi, come vi chiamano e come
volete essere chiamati?
Biblio-sitografia
Fabrizio Acanfora, In altre parole, effequ, Milano, 2022
Elisa Bortolini, Comunicazione efficace inclusiva, Storie cocciute, Milano, 2023
Andrea De Benedetti, Così non schwa, Einaudi, Torino, 2022
Vera Gheno, Potere alle parole, Einaudi, Torino, 2019
Vera Gheno, Chiamami così, Il Margine, Trento, 2022
V. di Michele, A. Fiacchi, A. Orrù, Scrivi e lascia scrivere, Flacowski, Palermo, 2022
Italiano inclusivo, https://italianoinclusivo.it/
Parlare Civile, www.parlarecivile.it
Parole O_Stili , www.paroleostili.it
Schwa, asterisco e linguaggio inclusivo, https://www.valigiablu.it/sceva-scwha-linguaggio-inclusivo

More Related Content

Similar to Parole inclusive: le parole cambiano il mondo o il mondo cambia le parole?

Due macchie di colore
Due macchie di coloreDue macchie di colore
Due macchie di colorepestarino
 
Claudia de marchi1-1
Claudia de marchi1-1Claudia de marchi1-1
Claudia de marchi1-1Cladema
 
CLab 2020 SOFT SKILLS - Soft Skills ed Intelligenza emotiva - Maria Antonella...
CLab 2020 SOFT SKILLS - Soft Skills ed Intelligenza emotiva - Maria Antonella...CLab 2020 SOFT SKILLS - Soft Skills ed Intelligenza emotiva - Maria Antonella...
CLab 2020 SOFT SKILLS - Soft Skills ed Intelligenza emotiva - Maria Antonella...Fabiano Catania
 
Peer & Video Education
Peer & Video EducationPeer & Video Education
Peer & Video Educationfacco
 
Comunicare la cooperazione - Raccontare la propria esperienza
Comunicare la cooperazione - Raccontare la propria esperienzaComunicare la cooperazione - Raccontare la propria esperienza
Comunicare la cooperazione - Raccontare la propria esperienzaNicola Rabbi
 
INCLUSIONE SOCIALE E DINAMICHE INTERCULTURALI
INCLUSIONE SOCIALE E DINAMICHE INTERCULTURALIINCLUSIONE SOCIALE E DINAMICHE INTERCULTURALI
INCLUSIONE SOCIALE E DINAMICHE INTERCULTURALIRoberto Ceccarelli
 
Scuola e migrazione FRANK
Scuola e migrazione FRANKScuola e migrazione FRANK
Scuola e migrazione FRANKyepa79
 
Seconda prova liceo pedagogico dal 2009 al 2015
Seconda prova liceo pedagogico dal 2009 al 2015Seconda prova liceo pedagogico dal 2009 al 2015
Seconda prova liceo pedagogico dal 2009 al 2015liceodonmilaniacquaviva
 
Femminismo intersezionale: dalla teoria alla pratica
Femminismo intersezionale: dalla teoria alla praticaFemminismo intersezionale: dalla teoria alla pratica
Femminismo intersezionale: dalla teoria alla praticaPasionaria.it
 
Convegno Nicotera Dialogo tra scuola e famiglia
Convegno Nicotera Dialogo tra scuola e famigliaConvegno Nicotera Dialogo tra scuola e famiglia
Convegno Nicotera Dialogo tra scuola e famigliaCaterina Policaro
 
Unità d'italia 150 anni 4
Unità d'italia 150 anni 4Unità d'italia 150 anni 4
Unità d'italia 150 anni 4Stefania Schiavi
 
Comunicare la disabilità
Comunicare la disabilitàComunicare la disabilità
Comunicare la disabilitàNicola Rabbi
 

Similar to Parole inclusive: le parole cambiano il mondo o il mondo cambia le parole? (20)

Sono solo parole?
Sono solo parole?Sono solo parole?
Sono solo parole?
 
Due macchie di colore
Due macchie di coloreDue macchie di colore
Due macchie di colore
 
Claudia de marchi1-1
Claudia de marchi1-1Claudia de marchi1-1
Claudia de marchi1-1
 
Comunicazione Verbale e Paraverbale
Comunicazione Verbale e ParaverbaleComunicazione Verbale e Paraverbale
Comunicazione Verbale e Paraverbale
 
Introduzione cnv
Introduzione cnvIntroduzione cnv
Introduzione cnv
 
Caa
CaaCaa
Caa
 
Caa
CaaCaa
Caa
 
CLab 2020 SOFT SKILLS - Soft Skills ed Intelligenza emotiva - Maria Antonella...
CLab 2020 SOFT SKILLS - Soft Skills ed Intelligenza emotiva - Maria Antonella...CLab 2020 SOFT SKILLS - Soft Skills ed Intelligenza emotiva - Maria Antonella...
CLab 2020 SOFT SKILLS - Soft Skills ed Intelligenza emotiva - Maria Antonella...
 
Peer & Video Education
Peer & Video EducationPeer & Video Education
Peer & Video Education
 
La persona al centro
La persona al centroLa persona al centro
La persona al centro
 
Comunicare la cooperazione - Raccontare la propria esperienza
Comunicare la cooperazione - Raccontare la propria esperienzaComunicare la cooperazione - Raccontare la propria esperienza
Comunicare la cooperazione - Raccontare la propria esperienza
 
INCLUSIONE SOCIALE E DINAMICHE INTERCULTURALI
INCLUSIONE SOCIALE E DINAMICHE INTERCULTURALIINCLUSIONE SOCIALE E DINAMICHE INTERCULTURALI
INCLUSIONE SOCIALE E DINAMICHE INTERCULTURALI
 
Scuola e migrazione FRANK
Scuola e migrazione FRANKScuola e migrazione FRANK
Scuola e migrazione FRANK
 
Seconda prova liceo pedagogico dal 2009 al 2015
Seconda prova liceo pedagogico dal 2009 al 2015Seconda prova liceo pedagogico dal 2009 al 2015
Seconda prova liceo pedagogico dal 2009 al 2015
 
4 f presentazione stage
4 f presentazione stage4 f presentazione stage
4 f presentazione stage
 
Pantusa
PantusaPantusa
Pantusa
 
Femminismo intersezionale: dalla teoria alla pratica
Femminismo intersezionale: dalla teoria alla praticaFemminismo intersezionale: dalla teoria alla pratica
Femminismo intersezionale: dalla teoria alla pratica
 
Convegno Nicotera Dialogo tra scuola e famiglia
Convegno Nicotera Dialogo tra scuola e famigliaConvegno Nicotera Dialogo tra scuola e famiglia
Convegno Nicotera Dialogo tra scuola e famiglia
 
Unità d'italia 150 anni 4
Unità d'italia 150 anni 4Unità d'italia 150 anni 4
Unità d'italia 150 anni 4
 
Comunicare la disabilità
Comunicare la disabilitàComunicare la disabilità
Comunicare la disabilità
 

More from Nicola Rabbi

Esercizi di scrittura chiara/etr per musei
Esercizi di scrittura chiara/etr per museiEsercizi di scrittura chiara/etr per musei
Esercizi di scrittura chiara/etr per museiNicola Rabbi
 
Scrittura chiara e scrittura semplice, le scritture per tutti
Scrittura chiara e scrittura semplice, le scritture per tuttiScrittura chiara e scrittura semplice, le scritture per tutti
Scrittura chiara e scrittura semplice, le scritture per tuttiNicola Rabbi
 
Scrittura seo e scrittura accessibile
Scrittura seo e scrittura accessibileScrittura seo e scrittura accessibile
Scrittura seo e scrittura accessibileNicola Rabbi
 
Musei, biblioteche e scrittura chiara
Musei, biblioteche e scrittura chiaraMusei, biblioteche e scrittura chiara
Musei, biblioteche e scrittura chiaraNicola Rabbi
 
Comunicazione chiara in biblioteca.pptx
Comunicazione chiara in biblioteca.pptxComunicazione chiara in biblioteca.pptx
Comunicazione chiara in biblioteca.pptxNicola Rabbi
 
L’accessibilità culturale dei mass media italiani
L’accessibilità culturale dei mass media italianiL’accessibilità culturale dei mass media italiani
L’accessibilità culturale dei mass media italianiNicola Rabbi
 
Laboratorio di riscrittura easy to read di un’indagine di Lolita Lobosco
Laboratorio di riscrittura easy to read  di un’indagine di  Lolita LoboscoLaboratorio di riscrittura easy to read  di un’indagine di  Lolita Lobosco
Laboratorio di riscrittura easy to read di un’indagine di Lolita LoboscoNicola Rabbi
 
Riscrivere i testi in modo chiaro
Riscrivere i testi in modo chiaroRiscrivere i testi in modo chiaro
Riscrivere i testi in modo chiaroNicola Rabbi
 
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazioneGong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazioneNicola Rabbi
 
Rendere accessibile un racconto - Lettori alla pari
Rendere accessibile un racconto - Lettori alla pari Rendere accessibile un racconto - Lettori alla pari
Rendere accessibile un racconto - Lettori alla pari Nicola Rabbi
 
Accessibilità alla comunicazione
Accessibilità alla comunicazioneAccessibilità alla comunicazione
Accessibilità alla comunicazioneNicola Rabbi
 
Rendere le fiabe accessibili - Lettori alla pari
Rendere le fiabe accessibili - Lettori alla pariRendere le fiabe accessibili - Lettori alla pari
Rendere le fiabe accessibili - Lettori alla pariNicola Rabbi
 
L'accessibilità culturale dei quotidiani italiani - Lettori alla pari
L'accessibilità culturale dei quotidiani italiani - Lettori alla pariL'accessibilità culturale dei quotidiani italiani - Lettori alla pari
L'accessibilità culturale dei quotidiani italiani - Lettori alla pariNicola Rabbi
 
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazioneGong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazioneNicola Rabbi
 
Esercizi di scrittura giornalistica per i volontari del servizio civile
Esercizi di scrittura giornalistica per i volontari del servizio civile Esercizi di scrittura giornalistica per i volontari del servizio civile
Esercizi di scrittura giornalistica per i volontari del servizio civile Nicola Rabbi
 
Esercizi di scrittura per volontari delle Ong
Esercizi di scrittura per volontari delle OngEsercizi di scrittura per volontari delle Ong
Esercizi di scrittura per volontari delle OngNicola Rabbi
 
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazioneGong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazioneNicola Rabbi
 
Esercizi di scrittura giornalistica
Esercizi di scrittura giornalisticaEsercizi di scrittura giornalistica
Esercizi di scrittura giornalisticaNicola Rabbi
 
Servizio civile in Italia e all’estero comunicare le propria esperienza
Servizio civile in Italia e all’estero comunicare le propria esperienzaServizio civile in Italia e all’estero comunicare le propria esperienza
Servizio civile in Italia e all’estero comunicare le propria esperienzaNicola Rabbi
 

More from Nicola Rabbi (20)

Esercizi di scrittura chiara/etr per musei
Esercizi di scrittura chiara/etr per museiEsercizi di scrittura chiara/etr per musei
Esercizi di scrittura chiara/etr per musei
 
Scrittura chiara e scrittura semplice, le scritture per tutti
Scrittura chiara e scrittura semplice, le scritture per tuttiScrittura chiara e scrittura semplice, le scritture per tutti
Scrittura chiara e scrittura semplice, le scritture per tutti
 
Scrittura seo e scrittura accessibile
Scrittura seo e scrittura accessibileScrittura seo e scrittura accessibile
Scrittura seo e scrittura accessibile
 
Musei, biblioteche e scrittura chiara
Musei, biblioteche e scrittura chiaraMusei, biblioteche e scrittura chiara
Musei, biblioteche e scrittura chiara
 
Comunicazione chiara in biblioteca.pptx
Comunicazione chiara in biblioteca.pptxComunicazione chiara in biblioteca.pptx
Comunicazione chiara in biblioteca.pptx
 
L’accessibilità culturale dei mass media italiani
L’accessibilità culturale dei mass media italianiL’accessibilità culturale dei mass media italiani
L’accessibilità culturale dei mass media italiani
 
Laboratorio di riscrittura easy to read di un’indagine di Lolita Lobosco
Laboratorio di riscrittura easy to read  di un’indagine di  Lolita LoboscoLaboratorio di riscrittura easy to read  di un’indagine di  Lolita Lobosco
Laboratorio di riscrittura easy to read di un’indagine di Lolita Lobosco
 
Riscrivere i testi in modo chiaro
Riscrivere i testi in modo chiaroRiscrivere i testi in modo chiaro
Riscrivere i testi in modo chiaro
 
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazioneGong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
 
Rendere accessibile un racconto - Lettori alla pari
Rendere accessibile un racconto - Lettori alla pari Rendere accessibile un racconto - Lettori alla pari
Rendere accessibile un racconto - Lettori alla pari
 
Accessibilità alla comunicazione
Accessibilità alla comunicazioneAccessibilità alla comunicazione
Accessibilità alla comunicazione
 
Rendere le fiabe accessibili - Lettori alla pari
Rendere le fiabe accessibili - Lettori alla pariRendere le fiabe accessibili - Lettori alla pari
Rendere le fiabe accessibili - Lettori alla pari
 
L'accessibilità culturale dei quotidiani italiani - Lettori alla pari
L'accessibilità culturale dei quotidiani italiani - Lettori alla pariL'accessibilità culturale dei quotidiani italiani - Lettori alla pari
L'accessibilità culturale dei quotidiani italiani - Lettori alla pari
 
Fake news
Fake newsFake news
Fake news
 
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazioneGong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
 
Esercizi di scrittura giornalistica per i volontari del servizio civile
Esercizi di scrittura giornalistica per i volontari del servizio civile Esercizi di scrittura giornalistica per i volontari del servizio civile
Esercizi di scrittura giornalistica per i volontari del servizio civile
 
Esercizi di scrittura per volontari delle Ong
Esercizi di scrittura per volontari delle OngEsercizi di scrittura per volontari delle Ong
Esercizi di scrittura per volontari delle Ong
 
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazioneGong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
Gong! Ruolo e responsabilità della comunicazione
 
Esercizi di scrittura giornalistica
Esercizi di scrittura giornalisticaEsercizi di scrittura giornalistica
Esercizi di scrittura giornalistica
 
Servizio civile in Italia e all’estero comunicare le propria esperienza
Servizio civile in Italia e all’estero comunicare le propria esperienzaServizio civile in Italia e all’estero comunicare le propria esperienza
Servizio civile in Italia e all’estero comunicare le propria esperienza
 

Recently uploaded

Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...Roberto Scano
 
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...holowawa
 
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice ImpressLo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice ImpressSalvatore Cianciabella
 
Ostia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'EuropaOstia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'EuropaMarina Lo Blundo
 
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CERTransizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CERANCI - Emilia Romagna
 
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domaniAccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domaniRoberto Scano
 
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptxAsou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptxnuriaiuzzolino1
 

Recently uploaded (7)

Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
 
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
 
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice ImpressLo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
 
Ostia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'EuropaOstia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'Europa
 
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CERTransizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
 
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domaniAccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
 
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptxAsou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
 

Parole inclusive: le parole cambiano il mondo o il mondo cambia le parole?

  • 1. Lingua inclusiva Formazione interna Cooperativa Accaparlante Nicola Rabbi (marzo 2024)
  • 2. Che cos’è la lingua inclusiva • Quando si parla di lingua inclusiva si pensa in modo automatico alla lingua di genere o non sessista, all’uso delle parole nel campo LGBTQIA+ • Riguarda anche le persone con disabilità, le minoranze, la salute mentale, gli anziani/giovani, gli emarginati, ... • Usare la lingua e la scrittura in un modo non discriminante • La critica al termine “inclusione”, visto come paternalistico, “io ti includo”, l’atto di una maggioranza verso una minoranza. La “convivenza delle differenze” proposta da Fabrizio Acanfora • Le parole vanno usate in modo consapevole perché possono ferire, discriminare...
  • 3. Le parole cambiano il mondo o il mondo cambia le parole? • Le lingue sono cose vive che rispondono a bisogni pratici che a bisogni etici: è possibile unire il codice linguistico a quello etico? • La lingua muta comunque e sono i parlanti a decidere come muta e non gli accademici che ne prendono atto • Non si possono imporre cambiamenti linguistici né dall’alto né dal basso • Basta cambiare il piano linguistico per cambiare una realtà o non è piuttosto l’opposto che cambiando le condizioni storiche e i rapporti di potere cambiano le parole? • Esiste comunque una correlazione tra l’uso delle parole e formazione delle idee (femminicidio)
  • 4. Stereotipi e pregiudizi • Come funziona il nostro cervello: ha bisogno di interpretare velocemente e di dare una risposta, quindi semplifica e categorizza • Gli stereotipi guidano i nostri comportamenti, e spesso non ne siamo consapevoli: diventano pericolosi quando sono sbagliati • I pregiudizi sono sentimenti di antipatia fondati su una generalizzazione falsa e inflessibile (Gordon Allport) • I pregiudizi impliciti sono i più difficili da individuare. Il razzismo sistemico. Rendersene conto è già un passo in avanti • Pregiudizi e micro aggressioni;: un atteggiamento pietistico lo è, come l’evitare una persona disabile
  • 5. Il ruolo dei mass media e dei social • In una società complessa come è la nostra, conosciamo molto situazioni non in forma diretta ma mediata • Quindi formiamo opinioni basandoci di giudizi/pregiudizi altrui • I mass media hanno un ruolo importante in questo • Con l’avvento dei social il discorso è diventato più complesso, perché da un lato ha diversificato le fonti ma ha anche frammentato il pubblico • Il rischio di vivere ognuno nella propria bolla
  • 6. Accessibilità e inclusione • Rendere un testo accessibile significa andare incontro a varie esigenze di lettura e di interpretazione che possono avere i lettori. La scrittura facile e la scrittura chiara, la CAA ne sono un tipico esempio • Rendere un testo inclusivo agisce su un altro livello, quello in cui si cerca di non discriminare e presentare negativamente gruppi di persone • Le due esigenze, accessibilità e inclusione, possono scontrarsi là dove la creazione di nuove parole e grafemi/fonemi porta a una scrittura poco leggibile e comprensibile • Un testo inclusivo può non essere accessibile e viceversa.
  • 7. Il maschile e il femminile … e tutto il resto  Sostituzione delle parola (uomo-umanità)  Riformulazione della frase (sei pronto a farlo? - vuoi iscriverti?)  Presentazione dei due generi assieme (care amiche e amici...) • Nelle lingue romanze il genere è binario, non esiste il neutro. Non tutte le persone si riconoscono nel linguaggio binario (LGBTQIA+) • Proposte di nuovi grafemi/fonemi: schwa/ə, *, u, @ • I femminili professionali: meglio usare il femminile a suffisso 0 (sindaca, ingegnera, avvocata, ma non direttora perché è già consolidata la parola direttrice) • Una rappresentazione linguistica del retaggio patriarcale. Sono possibili varie soluzioni:
  • 8. Manualetti • Le parole che fanno la differenza (Comune di Bologna) • Linee guida per una comunicazione inclusiva e accessibile (Università Iuav di Venezia) • Sulla scrittura rispettosa della parità (Accademia della Crusca) • Comunicare la disabilità (Gli Invisibili – Ordine dei giornalisti)
  • 9. I diversamente abili inciampano spesso • L’immagine della persona con disabilità e cambiata molto negli ultimi 30 anni. Sia per motivi che vengono dall’alto (ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute del 2001, la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità del 2006, la presenza trasversale del tema nell’Agenda 2030) che per motivi che vengono dal basso (le associazioni, l’attivismo dei disabili…) • Le parole usate per definire sono cambiate con i tempi: portatori di handicap - invalido – minorato -handicappatati – diversabili – diversamente abili – disabili – persone con disabilità. Ma non c’è un accordo finale come è normale che sia. • L’abilismo: l’atteggiamento discriminatorio verso le persone con disabilità (ma anche verso gli anziani), può essere anche benevolo • L’inspiration porn di Stella Young • Il linguaggio abilista: micro aggressioni involontarie dette in buona fede • Esistono due punti di vista: person first (persona con disabilità, persona non vedente), oppure identity first (autistico, ciechi)
  • 10. Ma poi si rialzano • C’è l’uso di tutti quei participi che esprimono un preciso pregiudizio: affetto da, colpito da, costretto a.. oppure l’uso di parole semplicemente scorrette come sordomuto oppure l’uso di parole ambigue come “normalità” • Un discorso simile può essere fatto per le persone con problemi di salute mentale • L’autismo, un tema emergente. Neurotipici versus neuro atipici o neuro divergenti. L’esaltazione delle capacità delle persone autistiche sono una forma di inspiration porn • I social network come fattore di grande cambiamento • Se i discorsi discriminatori vanno identificati, però fino a che punto è possibile cambiare le parole in nome della propria identità? Del resto anche il nostro Centro si chiama Centro Documentazione Handicap, ma a nessuno è mai venuto in mente di cambiarne il nome in Centro Documentazione sulle Diversità • L’atteggiamento con cui ci si rivolge è più importante delle parole usate? L’importanza della relazione. Si può usare un linguaggio inclusivo ma poi essere intimamente escludenti
  • 11. La comunicazione inclusiva Nella comunicazione interpersonale al di là delle parole usate sono le nostre stereotipe e pregiudizi a portarci verso un comunicazione escludente. Eccomi difetti più comuni. • Non rivolgersi direttamente alla persona disabile • Dandole del tu • Non riconoscendole un ruolo sociale (avvocato, psicoterapeuta, madre … nel caso delle donne spunta l’intersezionalità) • Parlare come a un bambino, invadere lo spazio privato • I complimenti che distanziano e/o che servono per auto consolarsi (inspiration porn) La comunicazione inclusiva prevede l’osservazione, l’ascolto, richiede tempo e pazienza, richiede consapevolezza di sé e dei propri pregiudizi. Una volta fatto questo le parole giuste verranno da sole.
  • 12. E voi, come vi chiamano e come volete essere chiamati?
  • 13. Biblio-sitografia Fabrizio Acanfora, In altre parole, effequ, Milano, 2022 Elisa Bortolini, Comunicazione efficace inclusiva, Storie cocciute, Milano, 2023 Andrea De Benedetti, Così non schwa, Einaudi, Torino, 2022 Vera Gheno, Potere alle parole, Einaudi, Torino, 2019 Vera Gheno, Chiamami così, Il Margine, Trento, 2022 V. di Michele, A. Fiacchi, A. Orrù, Scrivi e lascia scrivere, Flacowski, Palermo, 2022 Italiano inclusivo, https://italianoinclusivo.it/ Parlare Civile, www.parlarecivile.it Parole O_Stili , www.paroleostili.it Schwa, asterisco e linguaggio inclusivo, https://www.valigiablu.it/sceva-scwha-linguaggio-inclusivo