SlideShare a Scribd company logo
La guida del vanz alla
depilazione totale maschile
Le obiezioni più comuni alla depilazione maschile, per quanto
assumano forme fantasiose, alla fine sono quasi sempre riconducibili a
un unico tabù sociale: depilarsi è considerato bizzarro e poco virile.
Chi ritiene che questo sia un punto di vista sensato e razionale
probabilmente non troverà alcuna utilità in questa guida.

Queesta guida parla di:
Perché depilarsi: 6 buone ragioni
Il rasoio elettrico
Il taglio principale
La zona pubica
Il full-body con la lametta
Perché depilarsi: 6 buone ragioni

1. Si suda meno, quindi si puzza meno (sì, uomini: puzziamo).
2. Ci si sente più freschi, più puliti, persino più tonici.
3. La prima volta che ci si strofina addosso al(la) partner, essa/o dice “oh,
però!”.
4. Sesso e autoerotismo migliorano. Purtroppo il maschietto italiano
eterosessuale medio tende a preoccuparsi un po’ poco del piacere tattile della
propria partner sessuale (e probabilmente anche del proprio).
5. Riducendo l’attrito, la depilazione favorisce la pratica di diversi sport e il
massaggio. Non a caso è di rigore nel ciclismo e nel nuoto.
6. E’ un gioco che se fatto insieme al/la partner alimenta le fantasie e garantisce
ore di allegro divertimento a sfondo sessuale (inoltre, per alcune parti del corpo
fa comodo avere un aiuto).

Attenzione: depilarsi non significa eliminare completamente tutti i peli dal proprio corpo
attraverso una ceretta. La cosiddetta depilazione brasiliana usata per le parti intime
femminili è sconsigliata ai maschi.
La depilazione totale full-body è una soluzione che dona particolarmente a chi abbia un
fisico privo di difetti, ma se si è sovrappeso c'è un rischio di effetto da pollo spennato
pronto per il forno. Il consiglio per chi sia curioso di provare per la prima volta è quello di
ridurre drasticamente la lunghezza dei peli senza eliminarli del tutto.
I metodi possibili per depilarsi in tutto o in parte sono quattro:
rasoio elettrico
rasoio a lamette
ceretta
crema depilante
Questa guida parte dal rasoio elettrico e prosegue nella descrizione dell’uso della lametta,
non prendendo in considerazione (leggi: sconsigliando) le cerette, impraticabili per i
maschietti, e le creme depilanti, che contengono sostanze chimiche e quindi a rischio di
irritazioni, in particolare nelle aree pubiche, più sensibili.

Il rasoio elettrico
Il rasoio elettrico da barba non va bene: quello di cui stiamo parlando è il rasoio elettrico
usato dai parrucchieri per i tagli scolpiti, detto tagliacapelli. Grazie a due lame sovvrapposte
azionate da un motore elettrico ad alta velocità, questo tipo di rasoio consente la rimozione
rapida di grandi quantità di pelo su aree estese. Usare un rasoio elettrico da barba tantomeno una lametta - su una zona di peli folti è un’esperienza da evitare.
Le marche sono molte, ma come spesso accade vale la pena di spendere un po' per la
qualità, da cui dipende anche un taglio veloce e indolore. Qualità dell'acciaio e velocità di
movimento delle lame sono le due caratteristiche principali di un rasoio di qualità.
Moser, linea tedesca di tagliacapelli, vende prodotti solidi e di qualità che si acquistano a
partire da 50 euro per il modello base, perfettamente adatto allo scopo. Non è consigliabile
scendere sotto quella cifra. Il meglio naturalmente sono i tagliacapelli professionali da
parrucchiere, che costano anche attorno ai 200 euro.
Per eseguire un taglio a rasoio preciso, dopo il tagliacapelli è possibile passare con un
secondo rasoio progettato per la rasatura del corpo. Oggi diversi marchi producono rasoi
elettrici pensati per la rasatura del corpo maschile, come la famiglia Braun Cruzer.

I tagliacapelli sono spesso venduti con pettini in plastica, da applicare alle lame, che
consentono di regolare la lunghezza del pelo: all’inizio è sconsigliato usarli senza
questi pettini, che hanno anche una funzione di sicurezza. Prendendoci la mano col
tempo, si scoprirà che la rasatura direttamente a lama sulla pelle è più rapida e efficace
(ma aumenta il rischio di microtagli soprattutto nelle parti del corpo dove la pelle non è
ben tesa).

Il taglio principale
Si sceglie il pettine più corto e si comincia la rasatura full-body partendo dalle gambe
(precisamente, dai peletti sulle dita dei piedi) e salendo verso l’alto, radendo sempre in
contropelo e seguendo le curve del corpo. Senza dimenticare le ascelle.
Importante: questa operazione va eseguita prima della doccia, a peli asciutti. Dopo la
doccia i peli si ammorbidiscono troppo per consentire un taglio agevole. Terminato il
taglio, una doccia rimuoverà i residui di peli sul corpo e ammorbidirà la pelle per la
fase successiva.
La rasatura del corpo con tagliacapelli elettrico è facile e sicura, anche se un po' lunga (una
mezz'oretta, se fatta con precisione). L’unico inconveniente sono i punti difficili da
raggiungere (i glutei, i dietrocoscia, la schiena) per i quali è opportuno munirsi di due
specchi abbastanza grandi posti uno di fronte all’altro, o di uno grande e uno specchio a
mano. Oppure di un partner disposto a darci una mano.
La zona publica, in particolare lo scroto, attorno al perineo e dove si congiungono i glutei,
richiede un minimo di attenzione in più: non perché l’uso del rasoio munito di pettine sia
rischioso, ma perché è difficile eseguire un taglio uniforme, e si finirà per togliere il pettine,
aumentando il rischio di tagliarsi.
Questa è un’altra ragione per cui può essere consigliabile sia farsi aiutare nell’operazione (se
ci si fida) che fare un secondo passaggio con la lametta per tagliare i peli alla radice.

Il rasoio a lama
Qui ognuno ha le sue preferenze sulla marca, ma se non si è dei professionisti del taglio è
decisamente consigliato scegliere un rasoio tri- o quadrilama di qualità (non quelli da
discount, per intendersi).
Qualunque marca nota va bene purché il rasoio sia lubrificato e soprattutto non sia nuovo:
la prima volta che li si usa i rasoi a lametta vanno bene per la barba, ma sono troppo
taglienti per zone con la cute più delicata: meglio usarne uno con cui ci si è fatti la barba un
paio di volte.

La zona pubica
Terminato il primo taglio con il rasoio elettrico (la lametta DEVE essere usata usata su peli
che siano più corti possibile), si può passare alla rimozione totale a lametta dei peli nella
zona del pube.
Può sembrare un’operazione inutile per una zona del corpo che si tiene quasi sempre
coperta, ma la differenza sta proprio in quel quasi: un pube depilato, oltre a essere una
novità e quindi stimolare la fantasia e il desiderio, è molto più piacevole al tatto e all’olfatto,
sia durante l’atto sessuale che durante la fellatio e la masturbazione, e lo è per entrambi i
partner.
E’ comprensibile che molti non si sentano a proprio agio all’idea di armeggiare con una
lama attorno all'organo, ma se la lametta non è troppo affilata (cioè usata in precedenza) e
si presta un minimo di attenzione, il massimo che si può rischiare è un taglietto, che a causa
della ricca vascolarizzazione della zona sanguinerà molto più della sua reale gravità, ma si
rimarginerà molto in fretta. Importante: questa operazione va sempre eseguita dopo una
doccia, il che renderà la pelle più idratate e elastica, favorendo un taglio pulito e preciso.
Ancora meglio, la depilazione può avvenire direttamente sotto la doccia.
Prima di tutto si bagna e si insapona l'area da depilare con una saponetta, poi si applica la
schiuma da barba massaggiandola (se possibile, sceglierla lubrificante e adatta a barbe dure,
come la Noxzema rossa o gialla).

Non servono nuvole di schiuma, meglio uno strato sottile. A questo punto si comincia a
radere contropelo la zona frontale (sotto all’ombelico, per intenderci) e si prosegue sui lati
dello scroto, all’attaccatura delle cosce e sul perineo.
Attenzione: scroto e perineo sono le zone in cui c’è maggior rischio di tagliarsi, quindi è
opportuno usare uno specchio a mano (possibilmente più grande di uno da borsetta).
La soluzione migliore è mettersi a cavalcioni su uno specchio. Anche qui, avere un
partner di cui ci si fida può snellire l’operazione.
Lo scroto è la parte più difficile: conviene tenerlo ben teso e disteso son una mano e con
l’altra radere facendo molta attenzione. Se è ben teso non dovrebbero esserci rischi.
La zona perianale e il punto di congiunzione dei glutei è un altro momento delicato nel
quale è consigliabile avere la massima visibilità possibile e operare con la massima
delicatezza, poiché c’è un certo rischio di microtagli.
Non che un taglietto abbia mai ucciso nessuno, ma è comunque opportuno tenere il
disinfettante a portata di mano. Terminato di radere tutte le pieghe segrete del complicato
organo sessuale maschile, e zone limitrofe, se dovesse venirvi l’idea di applicare il
dopobarba togletevelo subito dalla testa. Opportuno invece un passaggio con un batuffolo
intriso di disinfettante non alcolico.
A seconda della sensibilità della cute è possibile che si verifichi qualche arrossamento,
che sparirà presto. Dopo qualche minuto, l’organo è per così dire pronto per l’uso, e
eventualmente per essere lubrificato secondo i gusti personali.

Il full-body con la lametta
Le precauzioni suggerite riguardo alla zona pubica valgono anche per il resto del corpo,
che nonostante sia ricoperto da una cute più spessa e meno sensibile, ha alcune zone in
cui è più facile tagliarsi e che richiedono maggiore delicatezza e attenzione. In particolare,
per qualche ragione, il collo del piede e la zona del tendine d’Achille.
Ma la ricrescita? Il timore diffuso è che la ricrescita dei peli provochi disagio e punga. E’
una delle obiezioni (sensate) più frequenti quando si parla di depilazione. In realtà,
chiunque pratichi la depilazione totale sa che la sensazione di prurito dovuta alla ricrescita
si verifica solo le prime volte e per un tempo breve - al massimo un paio di giorni.
Eventuali disagi dovuti al pungere della ricrescita si verificano quasi esclusivamente nelle
zone in cui lembi di pelle sono continuamente a contatto (il caso classico è la zona
perianale dove si uniscono i glutei) ed è dovuta principalmente al fatto che il pelo tranciato
dalla lamette ricresce con un profilo diverso dal pelo non tagliato. Nella ricrescita, le prime
volte i peli tendono a incarnire.
Tutta da dimostrare invece la teoria popolare secondo la quale tagliando i peli essi si
rinforzerebbero e diverrebbero più lunghi e duri. Il disagio dovuto al fenomeno è
fortemente ingigantito, anche se probabilmente si verifica in misura limitata la prima volta,
in qualunque zona in cui non siano mai stati tagliati i peli (il che non è comunque mai stata
una ragione per non farsi la barba).
Questo documento è distribuito sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso
modo e può essere liberamente diffuso purché ne sia citato l'autore. In particolare l'autore incoraggia a
inviarlo, in forma digitale o stampata, ai partner che si gioverebbero di una buona depilazione.
Disclaimer: Nessun prodotto o pagamento in altra forma è stato ricevuto dai marchi citati in cambio della
menzione in questo post. I diritti delle immagini usate appartengono ai rispettivi marchi.

More Related Content

Featured

Everything You Need To Know About ChatGPT
Everything You Need To Know About ChatGPTEverything You Need To Know About ChatGPT
Everything You Need To Know About ChatGPT
Expeed Software
 
Product Design Trends in 2024 | Teenage Engineerings
Product Design Trends in 2024 | Teenage EngineeringsProduct Design Trends in 2024 | Teenage Engineerings
Product Design Trends in 2024 | Teenage Engineerings
Pixeldarts
 
How Race, Age and Gender Shape Attitudes Towards Mental Health
How Race, Age and Gender Shape Attitudes Towards Mental HealthHow Race, Age and Gender Shape Attitudes Towards Mental Health
How Race, Age and Gender Shape Attitudes Towards Mental Health
ThinkNow
 
AI Trends in Creative Operations 2024 by Artwork Flow.pdf
AI Trends in Creative Operations 2024 by Artwork Flow.pdfAI Trends in Creative Operations 2024 by Artwork Flow.pdf
AI Trends in Creative Operations 2024 by Artwork Flow.pdf
marketingartwork
 
Skeleton Culture Code
Skeleton Culture CodeSkeleton Culture Code
Skeleton Culture Code
Skeleton Technologies
 
PEPSICO Presentation to CAGNY Conference Feb 2024
PEPSICO Presentation to CAGNY Conference Feb 2024PEPSICO Presentation to CAGNY Conference Feb 2024
PEPSICO Presentation to CAGNY Conference Feb 2024
Neil Kimberley
 
Content Methodology: A Best Practices Report (Webinar)
Content Methodology: A Best Practices Report (Webinar)Content Methodology: A Best Practices Report (Webinar)
Content Methodology: A Best Practices Report (Webinar)
contently
 
How to Prepare For a Successful Job Search for 2024
How to Prepare For a Successful Job Search for 2024How to Prepare For a Successful Job Search for 2024
How to Prepare For a Successful Job Search for 2024
Albert Qian
 
Social Media Marketing Trends 2024 // The Global Indie Insights
Social Media Marketing Trends 2024 // The Global Indie InsightsSocial Media Marketing Trends 2024 // The Global Indie Insights
Social Media Marketing Trends 2024 // The Global Indie Insights
Kurio // The Social Media Age(ncy)
 
Trends In Paid Search: Navigating The Digital Landscape In 2024
Trends In Paid Search: Navigating The Digital Landscape In 2024Trends In Paid Search: Navigating The Digital Landscape In 2024
Trends In Paid Search: Navigating The Digital Landscape In 2024
Search Engine Journal
 
5 Public speaking tips from TED - Visualized summary
5 Public speaking tips from TED - Visualized summary5 Public speaking tips from TED - Visualized summary
5 Public speaking tips from TED - Visualized summary
SpeakerHub
 
ChatGPT and the Future of Work - Clark Boyd
ChatGPT and the Future of Work - Clark Boyd ChatGPT and the Future of Work - Clark Boyd
ChatGPT and the Future of Work - Clark Boyd
Clark Boyd
 
Getting into the tech field. what next
Getting into the tech field. what next Getting into the tech field. what next
Getting into the tech field. what next
Tessa Mero
 
Google's Just Not That Into You: Understanding Core Updates & Search Intent
Google's Just Not That Into You: Understanding Core Updates & Search IntentGoogle's Just Not That Into You: Understanding Core Updates & Search Intent
Google's Just Not That Into You: Understanding Core Updates & Search Intent
Lily Ray
 
How to have difficult conversations
How to have difficult conversations How to have difficult conversations
How to have difficult conversations
Rajiv Jayarajah, MAppComm, ACC
 
Introduction to Data Science
Introduction to Data ScienceIntroduction to Data Science
Introduction to Data Science
Christy Abraham Joy
 
Time Management & Productivity - Best Practices
Time Management & Productivity -  Best PracticesTime Management & Productivity -  Best Practices
Time Management & Productivity - Best Practices
Vit Horky
 
The six step guide to practical project management
The six step guide to practical project managementThe six step guide to practical project management
The six step guide to practical project management
MindGenius
 
Beginners Guide to TikTok for Search - Rachel Pearson - We are Tilt __ Bright...
Beginners Guide to TikTok for Search - Rachel Pearson - We are Tilt __ Bright...Beginners Guide to TikTok for Search - Rachel Pearson - We are Tilt __ Bright...
Beginners Guide to TikTok for Search - Rachel Pearson - We are Tilt __ Bright...
RachelPearson36
 
Unlocking the Power of ChatGPT and AI in Testing - A Real-World Look, present...
Unlocking the Power of ChatGPT and AI in Testing - A Real-World Look, present...Unlocking the Power of ChatGPT and AI in Testing - A Real-World Look, present...
Unlocking the Power of ChatGPT and AI in Testing - A Real-World Look, present...
Applitools
 

Featured (20)

Everything You Need To Know About ChatGPT
Everything You Need To Know About ChatGPTEverything You Need To Know About ChatGPT
Everything You Need To Know About ChatGPT
 
Product Design Trends in 2024 | Teenage Engineerings
Product Design Trends in 2024 | Teenage EngineeringsProduct Design Trends in 2024 | Teenage Engineerings
Product Design Trends in 2024 | Teenage Engineerings
 
How Race, Age and Gender Shape Attitudes Towards Mental Health
How Race, Age and Gender Shape Attitudes Towards Mental HealthHow Race, Age and Gender Shape Attitudes Towards Mental Health
How Race, Age and Gender Shape Attitudes Towards Mental Health
 
AI Trends in Creative Operations 2024 by Artwork Flow.pdf
AI Trends in Creative Operations 2024 by Artwork Flow.pdfAI Trends in Creative Operations 2024 by Artwork Flow.pdf
AI Trends in Creative Operations 2024 by Artwork Flow.pdf
 
Skeleton Culture Code
Skeleton Culture CodeSkeleton Culture Code
Skeleton Culture Code
 
PEPSICO Presentation to CAGNY Conference Feb 2024
PEPSICO Presentation to CAGNY Conference Feb 2024PEPSICO Presentation to CAGNY Conference Feb 2024
PEPSICO Presentation to CAGNY Conference Feb 2024
 
Content Methodology: A Best Practices Report (Webinar)
Content Methodology: A Best Practices Report (Webinar)Content Methodology: A Best Practices Report (Webinar)
Content Methodology: A Best Practices Report (Webinar)
 
How to Prepare For a Successful Job Search for 2024
How to Prepare For a Successful Job Search for 2024How to Prepare For a Successful Job Search for 2024
How to Prepare For a Successful Job Search for 2024
 
Social Media Marketing Trends 2024 // The Global Indie Insights
Social Media Marketing Trends 2024 // The Global Indie InsightsSocial Media Marketing Trends 2024 // The Global Indie Insights
Social Media Marketing Trends 2024 // The Global Indie Insights
 
Trends In Paid Search: Navigating The Digital Landscape In 2024
Trends In Paid Search: Navigating The Digital Landscape In 2024Trends In Paid Search: Navigating The Digital Landscape In 2024
Trends In Paid Search: Navigating The Digital Landscape In 2024
 
5 Public speaking tips from TED - Visualized summary
5 Public speaking tips from TED - Visualized summary5 Public speaking tips from TED - Visualized summary
5 Public speaking tips from TED - Visualized summary
 
ChatGPT and the Future of Work - Clark Boyd
ChatGPT and the Future of Work - Clark Boyd ChatGPT and the Future of Work - Clark Boyd
ChatGPT and the Future of Work - Clark Boyd
 
Getting into the tech field. what next
Getting into the tech field. what next Getting into the tech field. what next
Getting into the tech field. what next
 
Google's Just Not That Into You: Understanding Core Updates & Search Intent
Google's Just Not That Into You: Understanding Core Updates & Search IntentGoogle's Just Not That Into You: Understanding Core Updates & Search Intent
Google's Just Not That Into You: Understanding Core Updates & Search Intent
 
How to have difficult conversations
How to have difficult conversations How to have difficult conversations
How to have difficult conversations
 
Introduction to Data Science
Introduction to Data ScienceIntroduction to Data Science
Introduction to Data Science
 
Time Management & Productivity - Best Practices
Time Management & Productivity -  Best PracticesTime Management & Productivity -  Best Practices
Time Management & Productivity - Best Practices
 
The six step guide to practical project management
The six step guide to practical project managementThe six step guide to practical project management
The six step guide to practical project management
 
Beginners Guide to TikTok for Search - Rachel Pearson - We are Tilt __ Bright...
Beginners Guide to TikTok for Search - Rachel Pearson - We are Tilt __ Bright...Beginners Guide to TikTok for Search - Rachel Pearson - We are Tilt __ Bright...
Beginners Guide to TikTok for Search - Rachel Pearson - We are Tilt __ Bright...
 
Unlocking the Power of ChatGPT and AI in Testing - A Real-World Look, present...
Unlocking the Power of ChatGPT and AI in Testing - A Real-World Look, present...Unlocking the Power of ChatGPT and AI in Testing - A Real-World Look, present...
Unlocking the Power of ChatGPT and AI in Testing - A Real-World Look, present...
 

La guida alla depilazione totale maschile del vanz

  • 1. La guida del vanz alla depilazione totale maschile
  • 2. Le obiezioni più comuni alla depilazione maschile, per quanto assumano forme fantasiose, alla fine sono quasi sempre riconducibili a un unico tabù sociale: depilarsi è considerato bizzarro e poco virile. Chi ritiene che questo sia un punto di vista sensato e razionale probabilmente non troverà alcuna utilità in questa guida. Queesta guida parla di: Perché depilarsi: 6 buone ragioni Il rasoio elettrico Il taglio principale La zona pubica Il full-body con la lametta
  • 3. Perché depilarsi: 6 buone ragioni 1. Si suda meno, quindi si puzza meno (sì, uomini: puzziamo). 2. Ci si sente più freschi, più puliti, persino più tonici. 3. La prima volta che ci si strofina addosso al(la) partner, essa/o dice “oh, però!”. 4. Sesso e autoerotismo migliorano. Purtroppo il maschietto italiano eterosessuale medio tende a preoccuparsi un po’ poco del piacere tattile della propria partner sessuale (e probabilmente anche del proprio). 5. Riducendo l’attrito, la depilazione favorisce la pratica di diversi sport e il massaggio. Non a caso è di rigore nel ciclismo e nel nuoto. 6. E’ un gioco che se fatto insieme al/la partner alimenta le fantasie e garantisce ore di allegro divertimento a sfondo sessuale (inoltre, per alcune parti del corpo fa comodo avere un aiuto). Attenzione: depilarsi non significa eliminare completamente tutti i peli dal proprio corpo attraverso una ceretta. La cosiddetta depilazione brasiliana usata per le parti intime femminili è sconsigliata ai maschi. La depilazione totale full-body è una soluzione che dona particolarmente a chi abbia un fisico privo di difetti, ma se si è sovrappeso c'è un rischio di effetto da pollo spennato pronto per il forno. Il consiglio per chi sia curioso di provare per la prima volta è quello di ridurre drasticamente la lunghezza dei peli senza eliminarli del tutto.
  • 4. I metodi possibili per depilarsi in tutto o in parte sono quattro: rasoio elettrico rasoio a lamette ceretta crema depilante Questa guida parte dal rasoio elettrico e prosegue nella descrizione dell’uso della lametta, non prendendo in considerazione (leggi: sconsigliando) le cerette, impraticabili per i maschietti, e le creme depilanti, che contengono sostanze chimiche e quindi a rischio di irritazioni, in particolare nelle aree pubiche, più sensibili. Il rasoio elettrico Il rasoio elettrico da barba non va bene: quello di cui stiamo parlando è il rasoio elettrico usato dai parrucchieri per i tagli scolpiti, detto tagliacapelli. Grazie a due lame sovvrapposte azionate da un motore elettrico ad alta velocità, questo tipo di rasoio consente la rimozione rapida di grandi quantità di pelo su aree estese. Usare un rasoio elettrico da barba tantomeno una lametta - su una zona di peli folti è un’esperienza da evitare. Le marche sono molte, ma come spesso accade vale la pena di spendere un po' per la qualità, da cui dipende anche un taglio veloce e indolore. Qualità dell'acciaio e velocità di movimento delle lame sono le due caratteristiche principali di un rasoio di qualità. Moser, linea tedesca di tagliacapelli, vende prodotti solidi e di qualità che si acquistano a partire da 50 euro per il modello base, perfettamente adatto allo scopo. Non è consigliabile scendere sotto quella cifra. Il meglio naturalmente sono i tagliacapelli professionali da parrucchiere, che costano anche attorno ai 200 euro.
  • 5. Per eseguire un taglio a rasoio preciso, dopo il tagliacapelli è possibile passare con un secondo rasoio progettato per la rasatura del corpo. Oggi diversi marchi producono rasoi elettrici pensati per la rasatura del corpo maschile, come la famiglia Braun Cruzer. I tagliacapelli sono spesso venduti con pettini in plastica, da applicare alle lame, che consentono di regolare la lunghezza del pelo: all’inizio è sconsigliato usarli senza questi pettini, che hanno anche una funzione di sicurezza. Prendendoci la mano col tempo, si scoprirà che la rasatura direttamente a lama sulla pelle è più rapida e efficace (ma aumenta il rischio di microtagli soprattutto nelle parti del corpo dove la pelle non è ben tesa). Il taglio principale Si sceglie il pettine più corto e si comincia la rasatura full-body partendo dalle gambe (precisamente, dai peletti sulle dita dei piedi) e salendo verso l’alto, radendo sempre in contropelo e seguendo le curve del corpo. Senza dimenticare le ascelle. Importante: questa operazione va eseguita prima della doccia, a peli asciutti. Dopo la doccia i peli si ammorbidiscono troppo per consentire un taglio agevole. Terminato il taglio, una doccia rimuoverà i residui di peli sul corpo e ammorbidirà la pelle per la fase successiva. La rasatura del corpo con tagliacapelli elettrico è facile e sicura, anche se un po' lunga (una mezz'oretta, se fatta con precisione). L’unico inconveniente sono i punti difficili da raggiungere (i glutei, i dietrocoscia, la schiena) per i quali è opportuno munirsi di due specchi abbastanza grandi posti uno di fronte all’altro, o di uno grande e uno specchio a mano. Oppure di un partner disposto a darci una mano.
  • 6. La zona publica, in particolare lo scroto, attorno al perineo e dove si congiungono i glutei, richiede un minimo di attenzione in più: non perché l’uso del rasoio munito di pettine sia rischioso, ma perché è difficile eseguire un taglio uniforme, e si finirà per togliere il pettine, aumentando il rischio di tagliarsi. Questa è un’altra ragione per cui può essere consigliabile sia farsi aiutare nell’operazione (se ci si fida) che fare un secondo passaggio con la lametta per tagliare i peli alla radice. Il rasoio a lama Qui ognuno ha le sue preferenze sulla marca, ma se non si è dei professionisti del taglio è decisamente consigliato scegliere un rasoio tri- o quadrilama di qualità (non quelli da discount, per intendersi). Qualunque marca nota va bene purché il rasoio sia lubrificato e soprattutto non sia nuovo: la prima volta che li si usa i rasoi a lametta vanno bene per la barba, ma sono troppo taglienti per zone con la cute più delicata: meglio usarne uno con cui ci si è fatti la barba un paio di volte. La zona pubica Terminato il primo taglio con il rasoio elettrico (la lametta DEVE essere usata usata su peli che siano più corti possibile), si può passare alla rimozione totale a lametta dei peli nella zona del pube. Può sembrare un’operazione inutile per una zona del corpo che si tiene quasi sempre coperta, ma la differenza sta proprio in quel quasi: un pube depilato, oltre a essere una novità e quindi stimolare la fantasia e il desiderio, è molto più piacevole al tatto e all’olfatto, sia durante l’atto sessuale che durante la fellatio e la masturbazione, e lo è per entrambi i partner. E’ comprensibile che molti non si sentano a proprio agio all’idea di armeggiare con una lama attorno all'organo, ma se la lametta non è troppo affilata (cioè usata in precedenza) e si presta un minimo di attenzione, il massimo che si può rischiare è un taglietto, che a causa
  • 7. della ricca vascolarizzazione della zona sanguinerà molto più della sua reale gravità, ma si rimarginerà molto in fretta. Importante: questa operazione va sempre eseguita dopo una doccia, il che renderà la pelle più idratate e elastica, favorendo un taglio pulito e preciso. Ancora meglio, la depilazione può avvenire direttamente sotto la doccia. Prima di tutto si bagna e si insapona l'area da depilare con una saponetta, poi si applica la schiuma da barba massaggiandola (se possibile, sceglierla lubrificante e adatta a barbe dure, come la Noxzema rossa o gialla). Non servono nuvole di schiuma, meglio uno strato sottile. A questo punto si comincia a radere contropelo la zona frontale (sotto all’ombelico, per intenderci) e si prosegue sui lati dello scroto, all’attaccatura delle cosce e sul perineo. Attenzione: scroto e perineo sono le zone in cui c’è maggior rischio di tagliarsi, quindi è opportuno usare uno specchio a mano (possibilmente più grande di uno da borsetta). La soluzione migliore è mettersi a cavalcioni su uno specchio. Anche qui, avere un partner di cui ci si fida può snellire l’operazione. Lo scroto è la parte più difficile: conviene tenerlo ben teso e disteso son una mano e con l’altra radere facendo molta attenzione. Se è ben teso non dovrebbero esserci rischi. La zona perianale e il punto di congiunzione dei glutei è un altro momento delicato nel quale è consigliabile avere la massima visibilità possibile e operare con la massima delicatezza, poiché c’è un certo rischio di microtagli. Non che un taglietto abbia mai ucciso nessuno, ma è comunque opportuno tenere il disinfettante a portata di mano. Terminato di radere tutte le pieghe segrete del complicato organo sessuale maschile, e zone limitrofe, se dovesse venirvi l’idea di applicare il dopobarba togletevelo subito dalla testa. Opportuno invece un passaggio con un batuffolo intriso di disinfettante non alcolico.
  • 8. A seconda della sensibilità della cute è possibile che si verifichi qualche arrossamento, che sparirà presto. Dopo qualche minuto, l’organo è per così dire pronto per l’uso, e eventualmente per essere lubrificato secondo i gusti personali. Il full-body con la lametta Le precauzioni suggerite riguardo alla zona pubica valgono anche per il resto del corpo, che nonostante sia ricoperto da una cute più spessa e meno sensibile, ha alcune zone in cui è più facile tagliarsi e che richiedono maggiore delicatezza e attenzione. In particolare, per qualche ragione, il collo del piede e la zona del tendine d’Achille. Ma la ricrescita? Il timore diffuso è che la ricrescita dei peli provochi disagio e punga. E’ una delle obiezioni (sensate) più frequenti quando si parla di depilazione. In realtà, chiunque pratichi la depilazione totale sa che la sensazione di prurito dovuta alla ricrescita si verifica solo le prime volte e per un tempo breve - al massimo un paio di giorni. Eventuali disagi dovuti al pungere della ricrescita si verificano quasi esclusivamente nelle zone in cui lembi di pelle sono continuamente a contatto (il caso classico è la zona perianale dove si uniscono i glutei) ed è dovuta principalmente al fatto che il pelo tranciato dalla lamette ricresce con un profilo diverso dal pelo non tagliato. Nella ricrescita, le prime volte i peli tendono a incarnire. Tutta da dimostrare invece la teoria popolare secondo la quale tagliando i peli essi si rinforzerebbero e diverrebbero più lunghi e duri. Il disagio dovuto al fenomeno è fortemente ingigantito, anche se probabilmente si verifica in misura limitata la prima volta, in qualunque zona in cui non siano mai stati tagliati i peli (il che non è comunque mai stata una ragione per non farsi la barba). Questo documento è distribuito sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo e può essere liberamente diffuso purché ne sia citato l'autore. In particolare l'autore incoraggia a inviarlo, in forma digitale o stampata, ai partner che si gioverebbero di una buona depilazione. Disclaimer: Nessun prodotto o pagamento in altra forma è stato ricevuto dai marchi citati in cambio della menzione in questo post. I diritti delle immagini usate appartengono ai rispettivi marchi.