SlideShare a Scribd company logo
1 of 13
La storia che sto per raccontarvi inizia
a Parolandia, un paese molto
particolare. Nessuno, in realtà, sa
esattamente dove si trovi: c’è chi giura
di averlo visto in Asia, vicino alla
lontana Mongolia, altri sostengono
non si trovi poco distante dalla vostra
scuola.
Parolandia è un luogo grigio e
silenzioso, governato da un re dal
cuore arido. Il palazzo in cui vive è
maestoso, pensate che conta ben
settantanove stanze! Una di esse è
speciale e solo il re ha la chiave per
entrarvi: le pareti sono interamente
foderate di velluto verde e le finestre
coperte da spessi tendoni di colore rosso. Non vi sono mobili, solo un pesante leggio di legno
di quercia in mezzo alla stanza dove vi è appoggiato un grande dizionario. Il re è l’unica
persona che può consultare il grande libro delle parole. Dalla nascita del paese ad oggi, ogni
giorno, a mezzogiorno in punto, il re entra nella stanza segreta, apre il dizionario, sceglie
cinque parole a caso e le comunica ai suoi abitanti affacciandosi dalla torre reale. Gli abitanti
della città sono molto tristi perché non sanno il significato delle poche parole che conoscono
facendo quindi molta fatica a comunicare fra di loro. I nomi dei cittadini di Parolandia sono
buffi: i genitori chiamano i figli con le parole che imparano man mano. La signora
Telecomando, ad esempio, ha tre figli: Candela, la più grande, Stampante, il figlio di sette
anni, e Patatine il bambino nato da poco (a Parolandia non esistono nomi maschili,
femminili, singolari o plurali…solo: “PAROLE”). Per farvi capire quanto la loro comunicazione
fosse strane e buffa vi farò un esempio: Il vigile del paese, il signor Budino, ha salutato oggi
il suo vicino di casa in questo modo: “Buongiorno Biscotto, come beve oggi? Mi pizzichi sua
piede Ippopotamo” che nella lingua di Parolandia significa: “Come sta oggi signor Biscotto?
Mi saluti sua moglie Ippopotamo”.
Il vigile, fra l’altro, non sa nemmeno che il suo lavoro ha quel nome. Pensate che i
parolandini, gli abitanti di Parolandia, chiamano salsicce i controllori del traffico.
“Una salsiccia mi ha appena leccato una rapa perché avevo parlato male la mia merendina”
disse la signora Bombolone arrabbiata: aveva infatti preso una multa per aver parcheggiato
male la sua automobile.
“Oggi, 18 gennaio 2021” proclamò il re dalla torre, sono felice di annunciarvi le cinque nuove
parole”. Questa era una delle poche frasi che il re sapeva pronunciare correttamente. Tutti
gli abitanti, in estasi, aprirono i loro taccuini e presero nota pronunciando un “ohhh” di
meraviglia al termine di ogni parola solennemente declamata dal re: “BARBABIETOLA,
PUZZOLENTE, GRASSO, ODIO, ALITO”. Nessuno sapeva cosa volessero dire, ma erano
emozionati come un bambino il primo giorno di scuola.
Un giovane innamorato, per stupire la sua amata, corse da lei e le sussurro
dolcemente: “Sei una barbabietola grassa e puzzolente, ti odio con tutto il mio alito”. Lei si
commosse e, arrossendo, diede al giovane un bacio sulla guancia.
Come forse immaginerete, gli abitanti di Parolandia non erano felici perché avrebbero voluto
capire bene cosa dire alle persone giuste e nel momento giusto. L’unico contento era il re
che sapeva quanto fossero importanti la conoscenza e il vero significato delle parole. Re
Fazio, diciamolo pure, era piuttosto stupido. Lo sapeva benissimo anche lui. Conosceva
giusto qualche frase e sapeva esprimerla correttamente, ma era considerato saggio e
potente. Per questo motivo non voleva che il popolo andasse a scuola e rimanesse
ignorante. Se le persone fossero state in grado di fare discussioni o ragionamenti sensati,
l’avrebbero sicuramente detronizzato affidando l’incarico di governatore ad una persona più
saggia di lui. Per impedire alle persone di imparare aveva vietato alla popolazione di
viaggiare, usare Internet, guardare i canali esteri alla televisione. L’unica stazione televisiva
ammessa era “Canile5” i cui programmi, presentati da una certa “Barbara De Orsi”,
mostravano solamente come preparare strampalate ricette di cucina e prevedevano la
presenza di ospiti che non facevano altro che litigare e insultarsi fra di loro. Passarono gli
anni e tutto continuava a procedere secondo i piani di Re Fazio fino a quando, un bel giorno,
capitò nel paese una bambina con un pallone sotto il braccio: piangeva smarrita. Era andata
a giocare a calcio coi suoi amici al parco quando, durante un lancio, la palla superò l’alta
siepe che costeggiava il parco. I suoi amici mandarono lei a recuperare il pallone visto che
era magrolina e poteva intrufolarsi fra il fogliame senza grossi problemi. Quasi per magia si
ritrovò invece, senza sapere nemmeno come, a Parolandia. Adriana, questo era il suo nome,
all’improvviso, alzò gli occhi e disse: “Cosa diavolo è successo? Dove sono finita? Dove sono
i miei amici?”. Intorno a lei muri invalicabili e case grigie dal tetto spiovente.
Con la palla sotto al braccio vagò disperata alla ricerca di qualcuno che la aiutasse: “Scusi
signore, mi sono persa e sto cercando qualcuno che mi aiuti a tornare a casa. Dove posso
trovare un telefono per chiamare i miei genitori?” Uomini, donne, bambini osservavano
quella straniera terrorizzati senza risponderle e pensando: “Come mai conosce così tante
parole? Sarà forse la figlia del re di un paese vicino che vuole invadere il nostro?”
Qualcuno, con somma preoccupazione, andò allora ad avvisare Re Fazio del pericolo
imminente. In poco tempo Adriana venne circondata da due uomini in divisa che la
condussero dal re. “Ah, briciola caffè lumaca andare calzino, eh?” affermò rabbioso il re
che, probabilmente avrebbe voluto dire qualcosa di simile a: “Ehi, sei venuta ad invadere
Parolandia vero?”.
La bambina lo guardò esterrefatta non capendo il significato di quella frase. Nello stesso
istante, due guardie la portarono nei sotterranei del palazzo e la rinchiusero in prigione.
Restò lì al buio due giorni. Il terzo sentì un topolino squittire: “Ciao Adriana, io sono il vero
re di Parolandia, sono vittima di una magia. Re Fazio ha voluto prendere il potere perché ho
scoperto il segreto per liberare tutte le parole e rendere felici gli abitanti. Non si separa mai
da una pergamena che tiene nella sua tasca destra”. Adriana ascoltava incredula il piccolo
animale che continuava a parlare: “Sulla pergamena sono stampati alcuni nomi di cui
nessuno conosce il significato. Vanno riordinati in un certo modo, ma nessuno ha capito
come. Potresti aiutarci tu a farlo? Oggi Re Fazio ha invitato ad un banchetto ospiti
importanti. Dopo pranzo si addormenterà come sempre: io posso infilarmi di nascosto nella
sua tasca, rubargli la pergamena e portarla da te. Tu hai sette anni, vai a scuola e sicuramente
potrai aiutarci”.
“Ma io sono in seconda, non so se sarò in grado” rispose la bambina. “Sei la nostra unica
speranza!” rispose il topolino.
Il giorno seguente tutto andò secondo i piani del proditore che portò trionfante la pergamena
alla piccola Adriana. Lei slacciò delicatamente il cordino dorato che la teneva arrotolata e
lesse le seguenti parole:
In tempi assai lontani il misterioso incantesimo si
compì e la comunicazione a Parolandia svanì.
Solo poche parole al giorno conoscerete, finché il
mistero di questa pergamena non scoprirete.
Dieci nomi sono scritti, in che modo dividerli
dovrai?
Pensa e ripensa, spremi le meningi e sono sicuro lo
scoprirai…
Se la tua ipotesi giusta sarà, la magia all’istante si
compirà!
CASSAFORTE – SALVADANAIO - CLASSE –
PESCECANE –
BIBLIOTECA – SCHIACCIANOCI – SQUADRA
BANDA - CAFFELATTE – BIANCHERIA.
“Caspita, non è così semplice” disse Adriana mentre il topolino fremeva osservandola con
occhi pieni di speranza. “Quale sarà la soluzione? Forse dovrei riflettere sul significato delle
parole. Ah, se solo qualche altro bambino potesse aiutarmi…”
☺ VOLETE AIUTARE ADRIANA A ROMPERE L’INCANTESIMO? RIFLETTETE CON
ATTENZIONE SULLE PAROLE E SCRIVI NELLE DUE PERGAMENTE COME LE
DIVIDERESTI TU:
☺ PROVA ORA A SPIEGARE I MOTIVI DELLA TUA SCELTA…
____________________________
___________________________
___________________________
___________________________
__________________________
____________________________
___________________________
___________________________
___________________________
__________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
Il topolino cominciò a battere nervosamente la zampa destra sul pavimento della cella
incalzando: “Dai, coraggio, ci dev’essere un collegamento fra queste parole. Forse vanno
messe in ordine alfabetico o disposte in ordine di lunghezza”.
“O forse bisogna pensare ai collegamenti che si possono fare: salvadanaio e cassaforte
hanno a che fare col denaro e vanno magari pronunciate assieme. Anche biblioteca e classe
sono cose che si possono trovare in una scuola” disse poco convinta la bambina.
Lesse e rilesse le parole, provò a pronunciarle in toni diversi e ad ordinarle in tutti i modi
possibili seguendo i suoi ragionamenti. Arrivò persino a ripeterle leggendole al contrario.
Nonostante tutti i suoi sforzi, non c’era nulla da fare: continuava a rimanere rinchiusa in
quella buia prigione mentre il topolino squittiva a più non posso. “Forse aveva ragione la mia
maestra quando mi rimproverava perché in classe mi distraevo” pensò piangendo Adriana,
“Se fossi stata più attenta avrei saputo trovare la soluzione”.
“Dobbiamo fare presto” disse il topolino “Il re fra poco si sveglierà e se si accorgerà che la
sua pergamena è stata rubata potrebbe davvero arrabbiarsi e prendersela con te. Sicura che
vuoi rimanere rinchiusa qui dentro per sempre?”
A queste parole Adriana ritrovò lo spirito e la motivazione giusta: “Hai ragione, non abbiamo
tempo da perdere”. Il topolino annuì. La bambina rilesse con molta attenzione tutte le parole
della pergamena e, battendosi l’indice sulle labbra, ragionò a voce alta: “Pensiamo al
significato di ogni parola: che cos’è la classe? Un insieme di alunni. E la biblioteca? Un
insieme di libri! E lo schiaccianoci? È composto da due parole: schiaccia-noci, esattamente
come cassa-forte” … Ho trovato!” Gridò di felicità. “Questo elenco è formato da parole che
significano un insieme di cose e da altre che sono l’unione di due vocaboli. Basta dividerle
per tipo!” Il topolino per l’eccitazione saltellò in lungo e in largo per tutto lo spazio della
cella. Adriana allora disse ad alta voce: “CASSAFORTE, SALVADANAIO, PESCECANE,
SCHIACCIANOCI, CAFFELATTE” dopo una breve pausa riprese: “BIBLIOTECA, CLASSE,
BIANCHERIA, BANDA, SQUADRA”. Un’ improvviso fascio luminoso inondò la cella. Adriana si
coprì istintivamente il volto e quando la luce scomparve non riuscì a credere ai propri occhi.
Il topolino non c’era più. Al suo posto, come capita in tutte le fiabe, un giovane alto, bello e
affascinante? No, purtroppo. Il re vittima dell’incantesimo era grassoccio, basso e con un
unico ciuffetto di capelli che sventolava in mezzo alla testa. Adriana rimase un po’ delusa,
ma la gioia per la conquistata libertà la caricò di energie. “Presto, andiamo! Corriamo da Re
Fazio, non vedo l’ora di vedere la faccia che farà quando mi vedrà” gridò Adriana al re.
Spinsero le sbarre della prigione che si sciolsero all’istante come burro fuso. In un lampo
furono al cospetto di Fazio.
Vi lascio immaginare la sua reazione appena li vide. Le uniche cose che riuscì a pronunciare
furono: “Eh? Eh? Oh? Re Bartolomeo? Salame…Pulcino?” Cosa volesse dire nessuno riuscì
proprio a capirlo, posso solo dirvi che da quel giorno le cose cambiarono: Fazio venne
cacciato a calci nel sedere dagli abitanti che acclamarono Bartolomeo come loro nuovo Re.
Il suo primo discorso ai cittadini fu: “Cari amici, d’ora in poi le cose cambieranno:
conoscerete tutte le parole perché regalerò un dizionario ad ognuno di voi così riuscirete
finalmente a comunicare, potrete viaggiare, informarvi, andare a scuola per imparare tante
cose nuove e questa città non sarà più grigia. Abbatteremo i muri, coloreremo le case e
vivremo tutti in armonia e serenità. La nostra città ora è salva. In onore di questa piccola
bambina che ha salvato tutti noi si chiamerà: ”Adrianaland”.
Gli abitanti di Parolandia applaudirono emettendo grida di gioia, anche se non capirono una
sola parola del suo discorso. Intuirono però che Bartolomeo era buono e voleva il loro bene.
Questo per loro era sufficiente.
L’unica ad essere un po’ pensierosa era Adriana. Si avvicinò al re e gli sussurrò all’orecchio
“Ehm…io…” non dovette aggiungere altro. Bartolomeo capì subito: “Ti prometto che
tornerai a casa. Grazie ancora per aver annullato l’incantesimo, senza di te non ce l’avrei mai
potuta fare”.
Accompagnò Adriana sul grande prato al confine della città e le svelò un segreto che solo i
re conoscevano: “Vedi quel grande sasso a forma di tartaruga vicino al muro? Prova a
spostarlo o a calpestarlo e scoprirai cosa succederà…”.
Adriana si avvicinò un po’ timorosa e sollevò il sasso. Istantaneamente una porta luminosa
apparve sul muro. “Vedi? Questo era l’unico modo per uscire da Parolandia e solo noi re
eravamo a conoscenza di questo segreto. Dietro la porta troverai una grande siepe,
attraversala e sarai di nuovo nel tuo parco. Attraversando la siepe per recuperare il pallone
avrai sicuramente calpestato il sasso della nostra porta magica d’entrata: ecco svelato il
mistero del tuo arrivo a Parolandia”.
Adriana abbraccio Bartolomeo “Non ti dimenticherò mai più. È stata una bellissima
avventura, ma ora voglio proprio tornare” Alzò la mano per salutare il re e si infilò nella
porta. La siepe era proprio lì, davanti a lei. La attraversò in un lampo e sentì di nuovo odore
di casa. “Chissà come si saranno preoccupati i miei genitori e i miei amici. Non vedo l’ora di
vederli” pensò Adriana mentre una lacrima le rigava il volto. Pregustava l’abbraccio caldo
della mamma e del papà ed era impaziente di raccontare la sua avventura agli amici, alla
maestra e ai compagni di classe. “Chissà se mi crederanno” disse ad alta voce con una
smorfia mista a un sorriso. Era felice.
TI È PIACIUTO QUESTO LAVORO?
È STATO FACILE LAVORARE IN GRUPPO CON I TUOI COMPAGNI? _______________________________
PENSI CHE LE TUE OPINIONI E LE TUE IDEE SIANO STATE PRESE IN CONSIDERAZIONE?
_____________________________________________________________________________________
_____________________________________________________________________________________
PENSI CHE IL TUO AIUTO NEL GRUPPO SIA STATO IMPORTANTE? ________________________________
PENSI CHE LAVORARE IN GRUPPO SIA IMPORTANTE? _________________________________________
PERCHE’? _____________________________________________________________________________
HAI QUALCHE IDEA PER ORGANIZZARE I PROSSIMI LAVORI DI GRUPPO? ____________________________
_______________________________________________________________________________________
Se questa storia ti è piaciuta, prova a raccontarla ai tuoi amici usando le figure coi personaggi che
trovi in questa pagina.
Incollale su un cartoncino spesso e ritagliale accuratamente. Prendi ora una cannuccia, uno
stecchino di legno o un bastoncino del gelato e fissalo sul retro del tuo personaggio con un pezzo
di nastro adesivo.
Ora sei pronto per organizzare il tuo teatrino e mettere in scena la storia di Parolandia.
RE FAZIO
RE BARTOLOMEO
I nomi composti sono formati dall’unione di due parole.
Possono essere:
➢ PROVA TU:
NOME + NOME
PESCE SPADA
______________ ______________
______________ ______________
______________ ______________
+ PESCESPADA
+ ___________________
___
+ ___________________
___
+ ___________________
___
SEGUENDO GLI STESSI ESEMPI DELL’ESERCIZIO ILLUSTRA SUL QUADERNO LE SEGUENTI PAROLE COMPOSTE
FORMATE DA NOME+ NOME:
CAPOSTAZIONE, MADREPERLA, BANCONOTA, PESCANOCE, PESCECANE
➢ ANALIZZA I NOMI COMPOSTI NELLA TABELLA E INDICA LE LORO
CARATTERISTICHE SEGNANDOLE CON UNA “X”
……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….
ESEMPIO:
Nome di
Animale
Nome di
Persona
Nome
di cosa
Sing. Plur. Comune Proprio Masch. Femm.
Girotondo X X X X
Scrivi qui gli altri
nomi composti
trovati
Nome di
Animale
Nome di
Persona
Nome
di cosa
Sing. Plur. Comune Proprio Masch. Femm.
I nomi composti possono essere anche formati dall’unione di:
VERBO + NOME
SPAZZA CAMINO
_______________ ________________
_______________ _______________
+ SPAZZACAMINO
+
___________________
_
+ _______________________
➢ TI PROPONGO UNA SFIDA! CONFRONTATI CON I TUOI COMPAGNI DI CLASSE:
RIUSCITE INSIEME A SCRIVERE SUL QUADERNO DEI NOMI COMPOSTI CHE NON
SIANO GIA’ STATI MENZIONATI NEGLI ESERCIZI PRECEDENTI? Mettetevi alla
prova e superate uno di questi livelli: QUANTI NOMI TROVERETE?
➢ RITAGLIA E INCOLLA SUL QUADERNO IL TUO DIPLOMA:
➢ Sino ad ora hai visto i nomi composti formati da: NOME+NOME,
AGGETTIVO+NOME e VERBO+NOME.
Rifletti sui nomi composti trovati durante la sfida: ti accorgerai che le
combinazioni possibili non si fermano solo a queste:
CI SONO, AD ESEMPIO, NOMI COMPOSTI FORMATI DA:
Altri nomi composti dello stesso tipo: SORDOMUTO, AGRODOLCE, VARIOPINTO, NERAZZURRI, ROSSONERI…
Altri nomi composti dello stesso tipo: SALISCENDI, APRIPISTA, DORMIVEGLIA, LASCIAPASSARE, FUGGIFUGGI
Altri nomi composti dello stesso tipo: ALTOPIANO, BASSORILIEVO, FRANCOBOLLO, GENTILDONNA…
E da altre combinazioni di parole…
AGGETTIVO + AGGETTIVO PIANO + FORTE
VERBO + VERBO GIRA + VOLTA
AGGETTIVO + NOME MEZZO + GIORNO
AGGETTIVO + AVVERBIO ALTO + PARLANTE
PIANOFORTE
_________________________
_________________________
_________________________
Al plurale i nomi composti possono presentare più forme: es. le cassapanche, le cassepanche…
Se sono composti da nomi dello stesso genere cambia solo il secondo: es. cavolfiore/cavolfiori.
Se sono composti da nome e aggettivo, entrambi diventano plurali: terracotta/terrecotte.
CONSULTA SEMPRE IL DIZIONARIO IN CASO DI DUBBI
RITAGLIA TUTTE LE CARTE DA GIOCO. MISCHIALE E DISTRIBUISCILE COPERTE AI TUOI COMPAGNI. SPARPAGLIATEVI
NELL’AULA O IN UN AMBIENTE GRANDE E, AL VIA DELL’INSEGNANTE, PRONUNCIATE AD ALTA VOCE LA PAROLA
PRESENTE SULLA VOSTRA CARTA. SCOPO DEL GIOCO È QUELLO DI TROVARE IL COMPAGNO CON UNA PAROLA CHE,
UNITA ALLA VOSTRA, FORMI UN NOME COMPOSTO.
L’ultima coppia che si formerà o chi rimarrà da solo, farà la penitenza.
CON LE STESSE CARTE PUOI GIOCARE ANCHE A MEMORY!

More Related Content

What's hot

Monachesimo 2.0
Monachesimo 2.0Monachesimo 2.0
Monachesimo 2.0paoluc
 
Traccia racconto giallo
Traccia racconto gialloTraccia racconto giallo
Traccia racconto gialloMarina Maffei
 
Il testo biografico - Unità didattica completa per la scuola primaria (scaric...
Il testo biografico - Unità didattica completa per la scuola primaria (scaric...Il testo biografico - Unità didattica completa per la scuola primaria (scaric...
Il testo biografico - Unità didattica completa per la scuola primaria (scaric...ziobio
 
Avvio al metodo di studio - Classe terza scuola primaria. Dal Big Bang ai din...
Avvio al metodo di studio - Classe terza scuola primaria. Dal Big Bang ai din...Avvio al metodo di studio - Classe terza scuola primaria. Dal Big Bang ai din...
Avvio al metodo di studio - Classe terza scuola primaria. Dal Big Bang ai din...ziobio
 
IL DECAMERONE -- sintesi
IL DECAMERONE -- sintesiIL DECAMERONE -- sintesi
IL DECAMERONE -- sintesiLa Scuoleria
 
Paesaggi naturali e antropici
Paesaggi naturali e antropiciPaesaggi naturali e antropici
Paesaggi naturali e antropiciMaestra Diana
 
Piccoli Detective a caccia di stereotipi
Piccoli Detective a caccia di  stereotipi Piccoli Detective a caccia di  stereotipi
Piccoli Detective a caccia di stereotipi scuola.bucaletto
 
Il genere letterario del diario.
Il genere letterario del diario.Il genere letterario del diario.
Il genere letterario del diario.agnese79
 
La cronaca e il quotidiano - Proposta didattica per la scuola primaria (www.m...
La cronaca e il quotidiano - Proposta didattica per la scuola primaria (www.m...La cronaca e il quotidiano - Proposta didattica per la scuola primaria (www.m...
La cronaca e il quotidiano - Proposta didattica per la scuola primaria (www.m...ziobio
 
Il testo poetico www.giochiecolori.it
Il testo poetico www.giochiecolori.itIl testo poetico www.giochiecolori.it
Il testo poetico www.giochiecolori.itziobio
 
L'analisi logica
L'analisi logicaL'analisi logica
L'analisi logicaenzagrasso
 
Esempi di pdp
Esempi di pdpEsempi di pdp
Esempi di pdpimartini
 

What's hot (20)

Monachesimo 2.0
Monachesimo 2.0Monachesimo 2.0
Monachesimo 2.0
 
Traccia racconto giallo
Traccia racconto gialloTraccia racconto giallo
Traccia racconto giallo
 
Il testo biografico - Unità didattica completa per la scuola primaria (scaric...
Il testo biografico - Unità didattica completa per la scuola primaria (scaric...Il testo biografico - Unità didattica completa per la scuola primaria (scaric...
Il testo biografico - Unità didattica completa per la scuola primaria (scaric...
 
Pronomi personali
Pronomi personaliPronomi personali
Pronomi personali
 
Promessi sposi
Promessi sposiPromessi sposi
Promessi sposi
 
Avvio al metodo di studio - Classe terza scuola primaria. Dal Big Bang ai din...
Avvio al metodo di studio - Classe terza scuola primaria. Dal Big Bang ai din...Avvio al metodo di studio - Classe terza scuola primaria. Dal Big Bang ai din...
Avvio al metodo di studio - Classe terza scuola primaria. Dal Big Bang ai din...
 
I promessi sposi
I promessi sposiI promessi sposi
I promessi sposi
 
Comunicazione
ComunicazioneComunicazione
Comunicazione
 
IL DECAMERONE -- sintesi
IL DECAMERONE -- sintesiIL DECAMERONE -- sintesi
IL DECAMERONE -- sintesi
 
Paesaggi naturali e antropici
Paesaggi naturali e antropiciPaesaggi naturali e antropici
Paesaggi naturali e antropici
 
Piccoli Detective a caccia di stereotipi
Piccoli Detective a caccia di  stereotipi Piccoli Detective a caccia di  stereotipi
Piccoli Detective a caccia di stereotipi
 
Il genere letterario del diario.
Il genere letterario del diario.Il genere letterario del diario.
Il genere letterario del diario.
 
La cronaca e il quotidiano - Proposta didattica per la scuola primaria (www.m...
La cronaca e il quotidiano - Proposta didattica per la scuola primaria (www.m...La cronaca e il quotidiano - Proposta didattica per la scuola primaria (www.m...
La cronaca e il quotidiano - Proposta didattica per la scuola primaria (www.m...
 
Il testo poetico www.giochiecolori.it
Il testo poetico www.giochiecolori.itIl testo poetico www.giochiecolori.it
Il testo poetico www.giochiecolori.it
 
Giovanni Boccaccio
Giovanni BoccaccioGiovanni Boccaccio
Giovanni Boccaccio
 
L'analisi logica
L'analisi logicaL'analisi logica
L'analisi logica
 
Alessandro manzoni
Alessandro manzoniAlessandro manzoni
Alessandro manzoni
 
I Promessi Sposi
I Promessi SposiI Promessi Sposi
I Promessi Sposi
 
Esempi di pdp
Esempi di pdpEsempi di pdp
Esempi di pdp
 
Lettera formale
Lettera formaleLettera formale
Lettera formale
 

Similar to I nomi composti e collettivi (Scuola primaria) BENVENUTI A PAROLANDIA

Cenerontola, principessa all'arrembaggio - ANTEPRIMA
Cenerontola, principessa all'arrembaggio - ANTEPRIMACenerontola, principessa all'arrembaggio - ANTEPRIMA
Cenerontola, principessa all'arrembaggio - ANTEPRIMADavide Nonino
 
Va' dove ti porta il cuore susanna tamaro
Va' dove ti porta il cuore   susanna tamaroVa' dove ti porta il cuore   susanna tamaro
Va' dove ti porta il cuore susanna tamaroEnikő Csörnök
 
Ossidea: Il Regno di Kahòs - prologo
Ossidea: Il Regno di Kahòs - prologoOssidea: Il Regno di Kahòs - prologo
Ossidea: Il Regno di Kahòs - prologoBOMBUS
 
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011sabrianna
 
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011sabrianna
 
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011sabrianna
 
James joyce gente di dublino
James joyce   gente di dublinoJames joyce   gente di dublino
James joyce gente di dublinovampiretto
 
Santa Lucia - UBI
Santa Lucia - UBI  Santa Lucia - UBI
Santa Lucia - UBI e.20 srl
 
Di nascosto prime 30 pag
Di nascosto prime 30 pagDi nascosto prime 30 pag
Di nascosto prime 30 pagAnnaMariaMazza3
 
Favole su ordinazione la collina-rosa
Favole su ordinazione la collina-rosaFavole su ordinazione la collina-rosa
Favole su ordinazione la collina-rosaClaudia Beggiato
 
IL PRINCIPE FELICE - Filippo Terrosi
IL PRINCIPE FELICE - Filippo TerrosiIL PRINCIPE FELICE - Filippo Terrosi
IL PRINCIPE FELICE - Filippo TerrosiTerzaGH
 

Similar to I nomi composti e collettivi (Scuola primaria) BENVENUTI A PAROLANDIA (20)

La valle del drago
La valle del dragoLa valle del drago
La valle del drago
 
La fata di ferro
La fata di ferroLa fata di ferro
La fata di ferro
 
Cenerontola, principessa all'arrembaggio - ANTEPRIMA
Cenerontola, principessa all'arrembaggio - ANTEPRIMACenerontola, principessa all'arrembaggio - ANTEPRIMA
Cenerontola, principessa all'arrembaggio - ANTEPRIMA
 
Va' dove ti porta il cuore susanna tamaro
Va' dove ti porta il cuore   susanna tamaroVa' dove ti porta il cuore   susanna tamaro
Va' dove ti porta il cuore susanna tamaro
 
Ossidea: Il Regno di Kahòs - prologo
Ossidea: Il Regno di Kahòs - prologoOssidea: Il Regno di Kahòs - prologo
Ossidea: Il Regno di Kahòs - prologo
 
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
 
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
 
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
Presentaz libri torneo lettura a.s.2010 2011
 
James joyce gente di dublino
James joyce   gente di dublinoJames joyce   gente di dublino
James joyce gente di dublino
 
Linea14
Linea14Linea14
Linea14
 
Corso 11 don giovanni in sicilia
Corso 11   don giovanni in siciliaCorso 11   don giovanni in sicilia
Corso 11 don giovanni in sicilia
 
Il regno nascosto
Il regno nascostoIl regno nascosto
Il regno nascosto
 
DIVERS....ABILMENTE
DIVERS....ABILMENTEDIVERS....ABILMENTE
DIVERS....ABILMENTE
 
Santa Lucia - UBI
Santa Lucia - UBI  Santa Lucia - UBI
Santa Lucia - UBI
 
Di nascosto prime 30 pag
Di nascosto prime 30 pagDi nascosto prime 30 pag
Di nascosto prime 30 pag
 
Favole su ordinazione la collina-rosa
Favole su ordinazione la collina-rosaFavole su ordinazione la collina-rosa
Favole su ordinazione la collina-rosa
 
Rag 02 2015
Rag 02 2015Rag 02 2015
Rag 02 2015
 
Il principe felice
Il principe feliceIl principe felice
Il principe felice
 
IL PRINCIPE FELICE - Filippo Terrosi
IL PRINCIPE FELICE - Filippo TerrosiIL PRINCIPE FELICE - Filippo Terrosi
IL PRINCIPE FELICE - Filippo Terrosi
 
Rag 3-2012
Rag 3-2012Rag 3-2012
Rag 3-2012
 

More from ziobio

Luca riflessioni sul film - schede didattiche per la scuola primaria
Luca riflessioni sul film - schede didattiche per la scuola primariaLuca riflessioni sul film - schede didattiche per la scuola primaria
Luca riflessioni sul film - schede didattiche per la scuola primariaziobio
 
L'albero nell'arte - Progetto didattico di arte e lingua italiana
L'albero nell'arte - Progetto didattico di arte e lingua italianaL'albero nell'arte - Progetto didattico di arte e lingua italiana
L'albero nell'arte - Progetto didattico di arte e lingua italianaziobio
 
Van gogh spiegato ai bambini
Van gogh spiegato ai bambiniVan gogh spiegato ai bambini
Van gogh spiegato ai bambiniziobio
 
La favola del principe schiaccianoci. Con musica
La favola del principe schiaccianoci. Con musicaLa favola del principe schiaccianoci. Con musica
La favola del principe schiaccianoci. Con musicaziobio
 
Gennaro topo curioso (uda per la classe terza)
Gennaro topo curioso (uda per la classe terza)Gennaro topo curioso (uda per la classe terza)
Gennaro topo curioso (uda per la classe terza)ziobio
 
Cosa sono i verbi? (Classe seconda scuola primaria)
Cosa sono i verbi? (Classe seconda scuola primaria)Cosa sono i verbi? (Classe seconda scuola primaria)
Cosa sono i verbi? (Classe seconda scuola primaria)ziobio
 
"Tea: chi ha paura dei bulli" un esercizio interattivo ispirato al libro omonimo
"Tea: chi ha paura dei bulli" un esercizio interattivo ispirato al libro omonimo"Tea: chi ha paura dei bulli" un esercizio interattivo ispirato al libro omonimo
"Tea: chi ha paura dei bulli" un esercizio interattivo ispirato al libro omonimoziobio
 
IL GIOCO DELLE SILLABE: UN GIOCO IN POWER POINT PER IMPARARE LE SILLABE IN MO...
IL GIOCO DELLE SILLABE: UN GIOCO IN POWER POINT PER IMPARARE LE SILLABE IN MO...IL GIOCO DELLE SILLABE: UN GIOCO IN POWER POINT PER IMPARARE LE SILLABE IN MO...
IL GIOCO DELLE SILLABE: UN GIOCO IN POWER POINT PER IMPARARE LE SILLABE IN MO...ziobio
 
L'alfabeto con gli albi illustrati - Classe prima scuola primaria
L'alfabeto con gli albi illustrati - Classe prima scuola primariaL'alfabeto con gli albi illustrati - Classe prima scuola primaria
L'alfabeto con gli albi illustrati - Classe prima scuola primariaziobio
 
Frida Kahlo - Guida illustrata alle opere per bambini (Guida per bambini alla...
Frida Kahlo - Guida illustrata alle opere per bambini (Guida per bambini alla...Frida Kahlo - Guida illustrata alle opere per bambini (Guida per bambini alla...
Frida Kahlo - Guida illustrata alle opere per bambini (Guida per bambini alla...ziobio
 
Verifica sulle civiltà italiche classe quinta scuola primaria
Verifica sulle civiltà italiche classe quinta scuola primariaVerifica sulle civiltà italiche classe quinta scuola primaria
Verifica sulle civiltà italiche classe quinta scuola primariaziobio
 
Verifica sugli Etruschi (scuola primaria) Il detective Lorenzetti (scarica gr...
Verifica sugli Etruschi (scuola primaria) Il detective Lorenzetti (scarica gr...Verifica sugli Etruschi (scuola primaria) Il detective Lorenzetti (scarica gr...
Verifica sugli Etruschi (scuola primaria) Il detective Lorenzetti (scarica gr...ziobio
 
Il lavoro minorile(giochiecolori.it) scuola primaria e media
Il lavoro minorile(giochiecolori.it) scuola primaria e media Il lavoro minorile(giochiecolori.it) scuola primaria e media
Il lavoro minorile(giochiecolori.it) scuola primaria e media ziobio
 
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) OPERE SCELTE
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) OPERE SCELTEHokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) OPERE SCELTE
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) OPERE SCELTEziobio
 
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) giochiecolori.it
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) giochiecolori.itHokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) giochiecolori.it
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) giochiecolori.itziobio
 
"Ma che ti salta in mente?" GIOCO INTERATTIVO IN POWER POINT PER RIPASSARE LA...
"Ma che ti salta in mente?" GIOCO INTERATTIVO IN POWER POINT PER RIPASSARE LA..."Ma che ti salta in mente?" GIOCO INTERATTIVO IN POWER POINT PER RIPASSARE LA...
"Ma che ti salta in mente?" GIOCO INTERATTIVO IN POWER POINT PER RIPASSARE LA...ziobio
 
Storia dei colori (giochiecolori.it)
Storia dei colori (giochiecolori.it)Storia dei colori (giochiecolori.it)
Storia dei colori (giochiecolori.it)ziobio
 
Storia del cinema dalle origini al digitale (86 SLIDES E 60 FILMATI) Scarica...
Storia del cinema  dalle origini al digitale (86 SLIDES E 60 FILMATI) Scarica...Storia del cinema  dalle origini al digitale (86 SLIDES E 60 FILMATI) Scarica...
Storia del cinema dalle origini al digitale (86 SLIDES E 60 FILMATI) Scarica...ziobio
 
La civiltà cretese e minoica (scheda di verifica per la classe quarta scuola ...
La civiltà cretese e minoica (scheda di verifica per la classe quarta scuola ...La civiltà cretese e minoica (scheda di verifica per la classe quarta scuola ...
La civiltà cretese e minoica (scheda di verifica per la classe quarta scuola ...ziobio
 
"Keith haring about art" - guida per immagini "Mostra Palazzo Reale"- giochi...
"Keith haring about art"  - guida per immagini "Mostra Palazzo Reale"- giochi..."Keith haring about art"  - guida per immagini "Mostra Palazzo Reale"- giochi...
"Keith haring about art" - guida per immagini "Mostra Palazzo Reale"- giochi...ziobio
 

More from ziobio (20)

Luca riflessioni sul film - schede didattiche per la scuola primaria
Luca riflessioni sul film - schede didattiche per la scuola primariaLuca riflessioni sul film - schede didattiche per la scuola primaria
Luca riflessioni sul film - schede didattiche per la scuola primaria
 
L'albero nell'arte - Progetto didattico di arte e lingua italiana
L'albero nell'arte - Progetto didattico di arte e lingua italianaL'albero nell'arte - Progetto didattico di arte e lingua italiana
L'albero nell'arte - Progetto didattico di arte e lingua italiana
 
Van gogh spiegato ai bambini
Van gogh spiegato ai bambiniVan gogh spiegato ai bambini
Van gogh spiegato ai bambini
 
La favola del principe schiaccianoci. Con musica
La favola del principe schiaccianoci. Con musicaLa favola del principe schiaccianoci. Con musica
La favola del principe schiaccianoci. Con musica
 
Gennaro topo curioso (uda per la classe terza)
Gennaro topo curioso (uda per la classe terza)Gennaro topo curioso (uda per la classe terza)
Gennaro topo curioso (uda per la classe terza)
 
Cosa sono i verbi? (Classe seconda scuola primaria)
Cosa sono i verbi? (Classe seconda scuola primaria)Cosa sono i verbi? (Classe seconda scuola primaria)
Cosa sono i verbi? (Classe seconda scuola primaria)
 
"Tea: chi ha paura dei bulli" un esercizio interattivo ispirato al libro omonimo
"Tea: chi ha paura dei bulli" un esercizio interattivo ispirato al libro omonimo"Tea: chi ha paura dei bulli" un esercizio interattivo ispirato al libro omonimo
"Tea: chi ha paura dei bulli" un esercizio interattivo ispirato al libro omonimo
 
IL GIOCO DELLE SILLABE: UN GIOCO IN POWER POINT PER IMPARARE LE SILLABE IN MO...
IL GIOCO DELLE SILLABE: UN GIOCO IN POWER POINT PER IMPARARE LE SILLABE IN MO...IL GIOCO DELLE SILLABE: UN GIOCO IN POWER POINT PER IMPARARE LE SILLABE IN MO...
IL GIOCO DELLE SILLABE: UN GIOCO IN POWER POINT PER IMPARARE LE SILLABE IN MO...
 
L'alfabeto con gli albi illustrati - Classe prima scuola primaria
L'alfabeto con gli albi illustrati - Classe prima scuola primariaL'alfabeto con gli albi illustrati - Classe prima scuola primaria
L'alfabeto con gli albi illustrati - Classe prima scuola primaria
 
Frida Kahlo - Guida illustrata alle opere per bambini (Guida per bambini alla...
Frida Kahlo - Guida illustrata alle opere per bambini (Guida per bambini alla...Frida Kahlo - Guida illustrata alle opere per bambini (Guida per bambini alla...
Frida Kahlo - Guida illustrata alle opere per bambini (Guida per bambini alla...
 
Verifica sulle civiltà italiche classe quinta scuola primaria
Verifica sulle civiltà italiche classe quinta scuola primariaVerifica sulle civiltà italiche classe quinta scuola primaria
Verifica sulle civiltà italiche classe quinta scuola primaria
 
Verifica sugli Etruschi (scuola primaria) Il detective Lorenzetti (scarica gr...
Verifica sugli Etruschi (scuola primaria) Il detective Lorenzetti (scarica gr...Verifica sugli Etruschi (scuola primaria) Il detective Lorenzetti (scarica gr...
Verifica sugli Etruschi (scuola primaria) Il detective Lorenzetti (scarica gr...
 
Il lavoro minorile(giochiecolori.it) scuola primaria e media
Il lavoro minorile(giochiecolori.it) scuola primaria e media Il lavoro minorile(giochiecolori.it) scuola primaria e media
Il lavoro minorile(giochiecolori.it) scuola primaria e media
 
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) OPERE SCELTE
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) OPERE SCELTEHokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) OPERE SCELTE
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) OPERE SCELTE
 
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) giochiecolori.it
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) giochiecolori.itHokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) giochiecolori.it
Hokusai e hiroshige (l'arte spiegata ai bambini) giochiecolori.it
 
"Ma che ti salta in mente?" GIOCO INTERATTIVO IN POWER POINT PER RIPASSARE LA...
"Ma che ti salta in mente?" GIOCO INTERATTIVO IN POWER POINT PER RIPASSARE LA..."Ma che ti salta in mente?" GIOCO INTERATTIVO IN POWER POINT PER RIPASSARE LA...
"Ma che ti salta in mente?" GIOCO INTERATTIVO IN POWER POINT PER RIPASSARE LA...
 
Storia dei colori (giochiecolori.it)
Storia dei colori (giochiecolori.it)Storia dei colori (giochiecolori.it)
Storia dei colori (giochiecolori.it)
 
Storia del cinema dalle origini al digitale (86 SLIDES E 60 FILMATI) Scarica...
Storia del cinema  dalle origini al digitale (86 SLIDES E 60 FILMATI) Scarica...Storia del cinema  dalle origini al digitale (86 SLIDES E 60 FILMATI) Scarica...
Storia del cinema dalle origini al digitale (86 SLIDES E 60 FILMATI) Scarica...
 
La civiltà cretese e minoica (scheda di verifica per la classe quarta scuola ...
La civiltà cretese e minoica (scheda di verifica per la classe quarta scuola ...La civiltà cretese e minoica (scheda di verifica per la classe quarta scuola ...
La civiltà cretese e minoica (scheda di verifica per la classe quarta scuola ...
 
"Keith haring about art" - guida per immagini "Mostra Palazzo Reale"- giochi...
"Keith haring about art"  - guida per immagini "Mostra Palazzo Reale"- giochi..."Keith haring about art"  - guida per immagini "Mostra Palazzo Reale"- giochi...
"Keith haring about art" - guida per immagini "Mostra Palazzo Reale"- giochi...
 

I nomi composti e collettivi (Scuola primaria) BENVENUTI A PAROLANDIA

  • 1. La storia che sto per raccontarvi inizia a Parolandia, un paese molto particolare. Nessuno, in realtà, sa esattamente dove si trovi: c’è chi giura di averlo visto in Asia, vicino alla lontana Mongolia, altri sostengono non si trovi poco distante dalla vostra scuola. Parolandia è un luogo grigio e silenzioso, governato da un re dal cuore arido. Il palazzo in cui vive è maestoso, pensate che conta ben settantanove stanze! Una di esse è speciale e solo il re ha la chiave per entrarvi: le pareti sono interamente foderate di velluto verde e le finestre coperte da spessi tendoni di colore rosso. Non vi sono mobili, solo un pesante leggio di legno di quercia in mezzo alla stanza dove vi è appoggiato un grande dizionario. Il re è l’unica persona che può consultare il grande libro delle parole. Dalla nascita del paese ad oggi, ogni giorno, a mezzogiorno in punto, il re entra nella stanza segreta, apre il dizionario, sceglie cinque parole a caso e le comunica ai suoi abitanti affacciandosi dalla torre reale. Gli abitanti della città sono molto tristi perché non sanno il significato delle poche parole che conoscono facendo quindi molta fatica a comunicare fra di loro. I nomi dei cittadini di Parolandia sono buffi: i genitori chiamano i figli con le parole che imparano man mano. La signora Telecomando, ad esempio, ha tre figli: Candela, la più grande, Stampante, il figlio di sette anni, e Patatine il bambino nato da poco (a Parolandia non esistono nomi maschili, femminili, singolari o plurali…solo: “PAROLE”). Per farvi capire quanto la loro comunicazione fosse strane e buffa vi farò un esempio: Il vigile del paese, il signor Budino, ha salutato oggi il suo vicino di casa in questo modo: “Buongiorno Biscotto, come beve oggi? Mi pizzichi sua piede Ippopotamo” che nella lingua di Parolandia significa: “Come sta oggi signor Biscotto? Mi saluti sua moglie Ippopotamo”. Il vigile, fra l’altro, non sa nemmeno che il suo lavoro ha quel nome. Pensate che i parolandini, gli abitanti di Parolandia, chiamano salsicce i controllori del traffico. “Una salsiccia mi ha appena leccato una rapa perché avevo parlato male la mia merendina” disse la signora Bombolone arrabbiata: aveva infatti preso una multa per aver parcheggiato male la sua automobile. “Oggi, 18 gennaio 2021” proclamò il re dalla torre, sono felice di annunciarvi le cinque nuove parole”. Questa era una delle poche frasi che il re sapeva pronunciare correttamente. Tutti gli abitanti, in estasi, aprirono i loro taccuini e presero nota pronunciando un “ohhh” di meraviglia al termine di ogni parola solennemente declamata dal re: “BARBABIETOLA, PUZZOLENTE, GRASSO, ODIO, ALITO”. Nessuno sapeva cosa volessero dire, ma erano
  • 2. emozionati come un bambino il primo giorno di scuola. Un giovane innamorato, per stupire la sua amata, corse da lei e le sussurro dolcemente: “Sei una barbabietola grassa e puzzolente, ti odio con tutto il mio alito”. Lei si commosse e, arrossendo, diede al giovane un bacio sulla guancia. Come forse immaginerete, gli abitanti di Parolandia non erano felici perché avrebbero voluto capire bene cosa dire alle persone giuste e nel momento giusto. L’unico contento era il re che sapeva quanto fossero importanti la conoscenza e il vero significato delle parole. Re Fazio, diciamolo pure, era piuttosto stupido. Lo sapeva benissimo anche lui. Conosceva giusto qualche frase e sapeva esprimerla correttamente, ma era considerato saggio e potente. Per questo motivo non voleva che il popolo andasse a scuola e rimanesse ignorante. Se le persone fossero state in grado di fare discussioni o ragionamenti sensati, l’avrebbero sicuramente detronizzato affidando l’incarico di governatore ad una persona più saggia di lui. Per impedire alle persone di imparare aveva vietato alla popolazione di viaggiare, usare Internet, guardare i canali esteri alla televisione. L’unica stazione televisiva ammessa era “Canile5” i cui programmi, presentati da una certa “Barbara De Orsi”, mostravano solamente come preparare strampalate ricette di cucina e prevedevano la presenza di ospiti che non facevano altro che litigare e insultarsi fra di loro. Passarono gli anni e tutto continuava a procedere secondo i piani di Re Fazio fino a quando, un bel giorno, capitò nel paese una bambina con un pallone sotto il braccio: piangeva smarrita. Era andata a giocare a calcio coi suoi amici al parco quando, durante un lancio, la palla superò l’alta siepe che costeggiava il parco. I suoi amici mandarono lei a recuperare il pallone visto che era magrolina e poteva intrufolarsi fra il fogliame senza grossi problemi. Quasi per magia si ritrovò invece, senza sapere nemmeno come, a Parolandia. Adriana, questo era il suo nome, all’improvviso, alzò gli occhi e disse: “Cosa diavolo è successo? Dove sono finita? Dove sono i miei amici?”. Intorno a lei muri invalicabili e case grigie dal tetto spiovente. Con la palla sotto al braccio vagò disperata alla ricerca di qualcuno che la aiutasse: “Scusi signore, mi sono persa e sto cercando qualcuno che mi aiuti a tornare a casa. Dove posso trovare un telefono per chiamare i miei genitori?” Uomini, donne, bambini osservavano quella straniera terrorizzati senza risponderle e pensando: “Come mai conosce così tante parole? Sarà forse la figlia del re di un paese vicino che vuole invadere il nostro?” Qualcuno, con somma preoccupazione, andò allora ad avvisare Re Fazio del pericolo imminente. In poco tempo Adriana venne circondata da due uomini in divisa che la condussero dal re. “Ah, briciola caffè lumaca andare calzino, eh?” affermò rabbioso il re che, probabilmente avrebbe voluto dire qualcosa di simile a: “Ehi, sei venuta ad invadere Parolandia vero?”. La bambina lo guardò esterrefatta non capendo il significato di quella frase. Nello stesso istante, due guardie la portarono nei sotterranei del palazzo e la rinchiusero in prigione. Restò lì al buio due giorni. Il terzo sentì un topolino squittire: “Ciao Adriana, io sono il vero re di Parolandia, sono vittima di una magia. Re Fazio ha voluto prendere il potere perché ho scoperto il segreto per liberare tutte le parole e rendere felici gli abitanti. Non si separa mai da una pergamena che tiene nella sua tasca destra”. Adriana ascoltava incredula il piccolo
  • 3. animale che continuava a parlare: “Sulla pergamena sono stampati alcuni nomi di cui nessuno conosce il significato. Vanno riordinati in un certo modo, ma nessuno ha capito come. Potresti aiutarci tu a farlo? Oggi Re Fazio ha invitato ad un banchetto ospiti importanti. Dopo pranzo si addormenterà come sempre: io posso infilarmi di nascosto nella sua tasca, rubargli la pergamena e portarla da te. Tu hai sette anni, vai a scuola e sicuramente potrai aiutarci”. “Ma io sono in seconda, non so se sarò in grado” rispose la bambina. “Sei la nostra unica speranza!” rispose il topolino. Il giorno seguente tutto andò secondo i piani del proditore che portò trionfante la pergamena alla piccola Adriana. Lei slacciò delicatamente il cordino dorato che la teneva arrotolata e lesse le seguenti parole: In tempi assai lontani il misterioso incantesimo si compì e la comunicazione a Parolandia svanì. Solo poche parole al giorno conoscerete, finché il mistero di questa pergamena non scoprirete. Dieci nomi sono scritti, in che modo dividerli dovrai? Pensa e ripensa, spremi le meningi e sono sicuro lo scoprirai… Se la tua ipotesi giusta sarà, la magia all’istante si compirà! CASSAFORTE – SALVADANAIO - CLASSE – PESCECANE – BIBLIOTECA – SCHIACCIANOCI – SQUADRA BANDA - CAFFELATTE – BIANCHERIA.
  • 4. “Caspita, non è così semplice” disse Adriana mentre il topolino fremeva osservandola con occhi pieni di speranza. “Quale sarà la soluzione? Forse dovrei riflettere sul significato delle parole. Ah, se solo qualche altro bambino potesse aiutarmi…” ☺ VOLETE AIUTARE ADRIANA A ROMPERE L’INCANTESIMO? RIFLETTETE CON ATTENZIONE SULLE PAROLE E SCRIVI NELLE DUE PERGAMENTE COME LE DIVIDERESTI TU: ☺ PROVA ORA A SPIEGARE I MOTIVI DELLA TUA SCELTA… ____________________________ ___________________________ ___________________________ ___________________________ __________________________ ____________________________ ___________________________ ___________________________ ___________________________ __________________________ __________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________
  • 5. Il topolino cominciò a battere nervosamente la zampa destra sul pavimento della cella incalzando: “Dai, coraggio, ci dev’essere un collegamento fra queste parole. Forse vanno messe in ordine alfabetico o disposte in ordine di lunghezza”. “O forse bisogna pensare ai collegamenti che si possono fare: salvadanaio e cassaforte hanno a che fare col denaro e vanno magari pronunciate assieme. Anche biblioteca e classe sono cose che si possono trovare in una scuola” disse poco convinta la bambina. Lesse e rilesse le parole, provò a pronunciarle in toni diversi e ad ordinarle in tutti i modi possibili seguendo i suoi ragionamenti. Arrivò persino a ripeterle leggendole al contrario. Nonostante tutti i suoi sforzi, non c’era nulla da fare: continuava a rimanere rinchiusa in quella buia prigione mentre il topolino squittiva a più non posso. “Forse aveva ragione la mia maestra quando mi rimproverava perché in classe mi distraevo” pensò piangendo Adriana, “Se fossi stata più attenta avrei saputo trovare la soluzione”. “Dobbiamo fare presto” disse il topolino “Il re fra poco si sveglierà e se si accorgerà che la sua pergamena è stata rubata potrebbe davvero arrabbiarsi e prendersela con te. Sicura che vuoi rimanere rinchiusa qui dentro per sempre?” A queste parole Adriana ritrovò lo spirito e la motivazione giusta: “Hai ragione, non abbiamo tempo da perdere”. Il topolino annuì. La bambina rilesse con molta attenzione tutte le parole della pergamena e, battendosi l’indice sulle labbra, ragionò a voce alta: “Pensiamo al significato di ogni parola: che cos’è la classe? Un insieme di alunni. E la biblioteca? Un insieme di libri! E lo schiaccianoci? È composto da due parole: schiaccia-noci, esattamente come cassa-forte” … Ho trovato!” Gridò di felicità. “Questo elenco è formato da parole che significano un insieme di cose e da altre che sono l’unione di due vocaboli. Basta dividerle per tipo!” Il topolino per l’eccitazione saltellò in lungo e in largo per tutto lo spazio della cella. Adriana allora disse ad alta voce: “CASSAFORTE, SALVADANAIO, PESCECANE, SCHIACCIANOCI, CAFFELATTE” dopo una breve pausa riprese: “BIBLIOTECA, CLASSE, BIANCHERIA, BANDA, SQUADRA”. Un’ improvviso fascio luminoso inondò la cella. Adriana si coprì istintivamente il volto e quando la luce scomparve non riuscì a credere ai propri occhi. Il topolino non c’era più. Al suo posto, come capita in tutte le fiabe, un giovane alto, bello e affascinante? No, purtroppo. Il re vittima dell’incantesimo era grassoccio, basso e con un unico ciuffetto di capelli che sventolava in mezzo alla testa. Adriana rimase un po’ delusa, ma la gioia per la conquistata libertà la caricò di energie. “Presto, andiamo! Corriamo da Re Fazio, non vedo l’ora di vedere la faccia che farà quando mi vedrà” gridò Adriana al re. Spinsero le sbarre della prigione che si sciolsero all’istante come burro fuso. In un lampo furono al cospetto di Fazio. Vi lascio immaginare la sua reazione appena li vide. Le uniche cose che riuscì a pronunciare furono: “Eh? Eh? Oh? Re Bartolomeo? Salame…Pulcino?” Cosa volesse dire nessuno riuscì proprio a capirlo, posso solo dirvi che da quel giorno le cose cambiarono: Fazio venne cacciato a calci nel sedere dagli abitanti che acclamarono Bartolomeo come loro nuovo Re. Il suo primo discorso ai cittadini fu: “Cari amici, d’ora in poi le cose cambieranno: conoscerete tutte le parole perché regalerò un dizionario ad ognuno di voi così riuscirete finalmente a comunicare, potrete viaggiare, informarvi, andare a scuola per imparare tante
  • 6. cose nuove e questa città non sarà più grigia. Abbatteremo i muri, coloreremo le case e vivremo tutti in armonia e serenità. La nostra città ora è salva. In onore di questa piccola bambina che ha salvato tutti noi si chiamerà: ”Adrianaland”. Gli abitanti di Parolandia applaudirono emettendo grida di gioia, anche se non capirono una sola parola del suo discorso. Intuirono però che Bartolomeo era buono e voleva il loro bene. Questo per loro era sufficiente. L’unica ad essere un po’ pensierosa era Adriana. Si avvicinò al re e gli sussurrò all’orecchio “Ehm…io…” non dovette aggiungere altro. Bartolomeo capì subito: “Ti prometto che tornerai a casa. Grazie ancora per aver annullato l’incantesimo, senza di te non ce l’avrei mai potuta fare”. Accompagnò Adriana sul grande prato al confine della città e le svelò un segreto che solo i re conoscevano: “Vedi quel grande sasso a forma di tartaruga vicino al muro? Prova a spostarlo o a calpestarlo e scoprirai cosa succederà…”. Adriana si avvicinò un po’ timorosa e sollevò il sasso. Istantaneamente una porta luminosa apparve sul muro. “Vedi? Questo era l’unico modo per uscire da Parolandia e solo noi re eravamo a conoscenza di questo segreto. Dietro la porta troverai una grande siepe, attraversala e sarai di nuovo nel tuo parco. Attraversando la siepe per recuperare il pallone avrai sicuramente calpestato il sasso della nostra porta magica d’entrata: ecco svelato il mistero del tuo arrivo a Parolandia”. Adriana abbraccio Bartolomeo “Non ti dimenticherò mai più. È stata una bellissima avventura, ma ora voglio proprio tornare” Alzò la mano per salutare il re e si infilò nella porta. La siepe era proprio lì, davanti a lei. La attraversò in un lampo e sentì di nuovo odore di casa. “Chissà come si saranno preoccupati i miei genitori e i miei amici. Non vedo l’ora di vederli” pensò Adriana mentre una lacrima le rigava il volto. Pregustava l’abbraccio caldo della mamma e del papà ed era impaziente di raccontare la sua avventura agli amici, alla maestra e ai compagni di classe. “Chissà se mi crederanno” disse ad alta voce con una smorfia mista a un sorriso. Era felice. TI È PIACIUTO QUESTO LAVORO? È STATO FACILE LAVORARE IN GRUPPO CON I TUOI COMPAGNI? _______________________________ PENSI CHE LE TUE OPINIONI E LE TUE IDEE SIANO STATE PRESE IN CONSIDERAZIONE? _____________________________________________________________________________________ _____________________________________________________________________________________ PENSI CHE IL TUO AIUTO NEL GRUPPO SIA STATO IMPORTANTE? ________________________________ PENSI CHE LAVORARE IN GRUPPO SIA IMPORTANTE? _________________________________________ PERCHE’? _____________________________________________________________________________ HAI QUALCHE IDEA PER ORGANIZZARE I PROSSIMI LAVORI DI GRUPPO? ____________________________ _______________________________________________________________________________________
  • 7. Se questa storia ti è piaciuta, prova a raccontarla ai tuoi amici usando le figure coi personaggi che trovi in questa pagina. Incollale su un cartoncino spesso e ritagliale accuratamente. Prendi ora una cannuccia, uno stecchino di legno o un bastoncino del gelato e fissalo sul retro del tuo personaggio con un pezzo di nastro adesivo. Ora sei pronto per organizzare il tuo teatrino e mettere in scena la storia di Parolandia. RE FAZIO RE BARTOLOMEO
  • 8. I nomi composti sono formati dall’unione di due parole. Possono essere: ➢ PROVA TU: NOME + NOME PESCE SPADA ______________ ______________ ______________ ______________ ______________ ______________ + PESCESPADA + ___________________ ___ + ___________________ ___ + ___________________ ___ SEGUENDO GLI STESSI ESEMPI DELL’ESERCIZIO ILLUSTRA SUL QUADERNO LE SEGUENTI PAROLE COMPOSTE FORMATE DA NOME+ NOME: CAPOSTAZIONE, MADREPERLA, BANCONOTA, PESCANOCE, PESCECANE
  • 9. ➢ ANALIZZA I NOMI COMPOSTI NELLA TABELLA E INDICA LE LORO CARATTERISTICHE SEGNANDOLE CON UNA “X” ………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………. ESEMPIO: Nome di Animale Nome di Persona Nome di cosa Sing. Plur. Comune Proprio Masch. Femm. Girotondo X X X X Scrivi qui gli altri nomi composti trovati Nome di Animale Nome di Persona Nome di cosa Sing. Plur. Comune Proprio Masch. Femm.
  • 10. I nomi composti possono essere anche formati dall’unione di: VERBO + NOME SPAZZA CAMINO _______________ ________________ _______________ _______________ + SPAZZACAMINO + ___________________ _ + _______________________
  • 11. ➢ TI PROPONGO UNA SFIDA! CONFRONTATI CON I TUOI COMPAGNI DI CLASSE: RIUSCITE INSIEME A SCRIVERE SUL QUADERNO DEI NOMI COMPOSTI CHE NON SIANO GIA’ STATI MENZIONATI NEGLI ESERCIZI PRECEDENTI? Mettetevi alla prova e superate uno di questi livelli: QUANTI NOMI TROVERETE? ➢ RITAGLIA E INCOLLA SUL QUADERNO IL TUO DIPLOMA:
  • 12. ➢ Sino ad ora hai visto i nomi composti formati da: NOME+NOME, AGGETTIVO+NOME e VERBO+NOME. Rifletti sui nomi composti trovati durante la sfida: ti accorgerai che le combinazioni possibili non si fermano solo a queste: CI SONO, AD ESEMPIO, NOMI COMPOSTI FORMATI DA: Altri nomi composti dello stesso tipo: SORDOMUTO, AGRODOLCE, VARIOPINTO, NERAZZURRI, ROSSONERI… Altri nomi composti dello stesso tipo: SALISCENDI, APRIPISTA, DORMIVEGLIA, LASCIAPASSARE, FUGGIFUGGI Altri nomi composti dello stesso tipo: ALTOPIANO, BASSORILIEVO, FRANCOBOLLO, GENTILDONNA… E da altre combinazioni di parole… AGGETTIVO + AGGETTIVO PIANO + FORTE VERBO + VERBO GIRA + VOLTA AGGETTIVO + NOME MEZZO + GIORNO AGGETTIVO + AVVERBIO ALTO + PARLANTE PIANOFORTE _________________________ _________________________ _________________________ Al plurale i nomi composti possono presentare più forme: es. le cassapanche, le cassepanche… Se sono composti da nomi dello stesso genere cambia solo il secondo: es. cavolfiore/cavolfiori. Se sono composti da nome e aggettivo, entrambi diventano plurali: terracotta/terrecotte. CONSULTA SEMPRE IL DIZIONARIO IN CASO DI DUBBI
  • 13. RITAGLIA TUTTE LE CARTE DA GIOCO. MISCHIALE E DISTRIBUISCILE COPERTE AI TUOI COMPAGNI. SPARPAGLIATEVI NELL’AULA O IN UN AMBIENTE GRANDE E, AL VIA DELL’INSEGNANTE, PRONUNCIATE AD ALTA VOCE LA PAROLA PRESENTE SULLA VOSTRA CARTA. SCOPO DEL GIOCO È QUELLO DI TROVARE IL COMPAGNO CON UNA PAROLA CHE, UNITA ALLA VOSTRA, FORMI UN NOME COMPOSTO. L’ultima coppia che si formerà o chi rimarrà da solo, farà la penitenza. CON LE STESSE CARTE PUOI GIOCARE ANCHE A MEMORY!