SlideShare a Scribd company logo
I COMPORTAMENTI AGGRESSIVII COMPORTAMENTI AGGRESSIVI
NELLNELL’’ADOLESCENTEADOLESCENTE
Mario Di Pietro
www.educazione-emotiva.it
LL’’aggressivitaggressivitàà nonnon èè un fenomenoun fenomeno
isolato, ma spesso si inserisceisolato, ma spesso si inserisce
allall’’interno di problematiche piinterno di problematiche piùù
complesse checomplesse che èè importanteimportante
riconoscere per temporiconoscere per tempo
Principali problematiche adolescenzialiPrincipali problematiche adolescenziali
collegate allcollegate all’’aggressivitaggressivitàà
Disagio ambientale
Problematiche familiare
Presenza di un disturbo comportamentale
Principali disturbi delPrincipali disturbi del
comportamentocomportamento
Disturbo da deficit d’attenzione/iperattività
Disturbo della condotta
Disturbo oppositivo provocatorio
Mario Di Pietro
Caratteristiche del disturbo da deficit
d’attenzione e iperattività
Spesso trascura di fare attenzione ai dettagli o fa errori di distrazione nei
compiti di scuola o altre attività
Spesso ha difficoltà a mantenere l’attenzione in attività di gioco
Spesso dà l’impressione di non ascoltare ciò che gli viene detto
Spesso non segue le istruzioni e non riesce a completare i compiti o altre
attività
Spesso ha difficoltà a organizzare il proprio lavoro
Spesso evita o trova estremamente sgradevoli compiti che richiedono uno
sforzo mentale prolungato
Spesso perde le cose che gli servono
Viene spesso distratto dagli stimoli esterni
E’ spesso smemorato nelle attività quotidiane
Disattenzione
(almeno 6 delle seguenti manifestazioni)
Caratteristiche del disturbo da deficitCaratteristiche del disturbo da deficit
di attenzione e iperattivitdi attenzione e iperattivitàà
Iperattività
• Muove in continuazione mani e piedi
sotto la sedia
• Spesso si alza dal proprio posto in
situazioni in cui è richiesto rimanere
seduti
• Spesso corre eccessivamente o si
arrampica quando è inopportuno
• Spesso ha difficoltà a giocare
tranquillamente
• Spesso in continuo movimento come
se avesse dentro un motore
• Spesso parla eccessivamente
Impulsività
• Spesso si precipita a
rispondere prima
ancora che la domanda
sia terminata
• Spesso ha difficoltà ad
aspettare il proprio
turno
• Spesso interrompe gli
altri o si intromette
Iperattività/Impulsività
(almeno 6 delle seguenti manifestazioni)
Impatto dellImpatto dell’’ADHDADHD
sulla funzionalitsulla funzionalitàà nellnell’’ambiente socialeambiente sociale
Predisposizione a infrazioni
stradali e incidenti
Rischio di comportamenti
antisociali (piccoli furti,
vandalismo
Propensione all’uso di sostanze
d’abuso
Bullismo
Mario Di Pietro
Impatto dellImpatto dell’’ADHDADHD
sulla funzionalitsulla funzionalitàà in famigliain famiglia
Riluttanza ad eseguire i compiti a
casa
Gioco distruttivo
Ribellione agli ordini dei genitori
Mario Di Pietro
Impatto dellImpatto dell’’ADHDADHD
sulle relazioni socialisulle relazioni sociali
Difficoltà nelle relazioni
interpersonali
Condotta antisociale
Bullismo
Mario Di Pietro
Impatto dellImpatto dell’’ADHDADHD
sul benessere della famigliasul benessere della famiglia
Impatto emotivo sui genitori
Difficoltà coniugali
Cure sanitarie
Perdita giorni lavorativi
Stress genitori
Mario Di Pietro
Ciò che il farmaco
non può fare
Ciò che il farmacoCiò che il farmaco
non può farenon può fare
Insegnare abilità sociali
Cambiare modalità
di pensiero disfunzionali
Innalzare la motivazione
Migliorare il senso
di autoefficacia
Insegnare abilità sociali
Cambiare modalità
di pensiero disfunzionali
Innalzare la motivazione
Migliorare il senso
di autoefficacia
Mario Di Pietro
Caratteristiche del disturbo
oppositivo provocatorio
Da almeno 6 mesi sono stati presenti 4 (o più)
dei seguenti comportamenti:
Spesso va in collera
Spesso litiga con gli adulti
Spesso sfida attivamente o si rifiuta di rispettare la/le
richieste o regole degli adulti
Spesso irrita deliberatamente le persone
Spesso accusa gli altri per i propri errori o il proprio
cattivo comportamento
E’ spesso suscettibile o facilmente irritato dagli altri
E’ spesso arrabbiato e rancoroso
E’ spesso dispettoso e vendicativo
Fasi attraverso cui si sviluppano disturbi
del comportamento con aggressività.
Stadio Comportamento
1 Esige attenzione, polemizza, fa lo sbruffone, disobbedisce a casa, è
impulsivo.
2 Include i comportamenti dello stadio 1, in aggiunta è crudele,
disobbedisce a scuola, ha difficoltà con i compagni, combattivo,
scontroso, dice le parolacce, mente, imbroglia.
3 Include i comportamenti dello stadio 1 e 2, in aggiunta è distruttivo,
rivolge minacce, aggredisce, ha amicizie negative, ruba in casa propria.
4 Include i comportamenti dei precedenti tre stadi, in aggiunta
comportamenti vandalici, fugge da casa, marina la scuola, usa alcool o
droghe, commette furti fuori da casa, può provocare incendi.
Modificato da: Childhood Conduct Problem: Developemental Consideretions and a Proposed Taxonomy di C.S. Edelbrock,
1989, University of Massachussetts Medical Center, Worcester.
Mario Di Pietro
Aggressioni a persone o animaliAggressioni a persone o animali
Spesso fa il prepotente, minaccia, o intimorisce gli altri
Spesso dà inizio a colluttazioni fisiche
Ha usato un'arma (per es., un bastone, un coltello)
E’ stato fisicamente crudele con le persone e/o con animali
Ha rubato affrontando la vittima (per es., aggressione, scippo, estorsione)
Ha forzato qualcuno ad attività sessuali.
Distruzione della proprietDistruzione della proprietàà
Ha deliberatamente appiccato il fuoco con l'intenzione di causare seri danni
Ha deliberatamente distrutto proprietà altrui.
Frode o furtoFrode o furto
E’ penetrato in un edificio, un domicilio, o una automobile altrui
Spesso mente per ottenere vantaggi o favori o per evitare obblighi
Ha rubato articoli di valore (per es., furto nei negozi).
Gravi violazioni di regoleGravi violazioni di regole
Spesso trascorre fuori la notte nonostante le proibizioni dei genitori
E’ fuggito da casa di notte almeno due volte
Marina spesso la scuola, con inizio prima dei 13 anni di età.
Caratteristiche del disturbo della condotta
Almeno 3 dei seguenti criteri nei 12 mesi precedenti, con almeno un criterio
presente negli ultimi 6 mesi
Definizione diDefinizione di
““BullismoBullismo””
Desiderio di fare del male
Un’azione offensiva
Uno squilibrio di potere
(Solitamente) ripetizione
Un utilizzo ingiusto del potere
Piacere evidente da parte dell’aggressore
La sensazione di essere oppressi da parte
della vittima
Il bullismo implica:Il bullismo implica:
Mario Di Pietro
FATTORI DI RINFORZOFATTORI DI RINFORZO
DELL'AGGRESSIVITDELL'AGGRESSIVITÀÀ
Cessazione della provocazione o della
situazione sgradevole
Conseguimento di qualche gratificazione o
soddisfazione
Rinforzo sociale fornito dai compagni
Mario Di Pietro
Caratteristiche del metodo cognitivoCaratteristiche del metodo cognitivo
comportamentale applicato allcomportamentale applicato all’’etetàà evolutivaevolutiva
Osservazione diretta e precisa
Descrizione operazionale dei comportamenti
problema
Programmazione dettagliata dell’intervento sui
comportamenti problema
Utilizzo di procedure derivate dai principi del
condizionamento, dell’apprendimento sociale e
dell’apprendimento cognitivo
Coinvolgimento delle persone significative del
contesto relazionale
Verifica sistematica dei risultati
Mario Di Pietro
Pianificazione dell’interventoPianificazione dellPianificazione dell’’interventointervento
Considerare quali comportamenti e quali emozioni hanno la
priorità
Esaminare i meccanismi cognitivi collegati al problema
Valutare la motivazione del bambino o dell’adolescente
Considerare le aspettative del genitore e la sua capacità di
collaborare
Considerare le risorse personali del bambino
Scegliere le tecniche che più si adattano allo stadio evolutivo
del bambino
Individuare strategie per prevenire l’abbandono e le
ricadute
Mario Di Pietro
ABILITA’ COLLEGATE AL
CONTROLLO
DELL'AGGRESSIVITÀ
ABILITAABILITA’’ COLLEGATE ALCOLLEGATE AL
CONTROLLOCONTROLLO
DELL'AGGRESSIVITDELL'AGGRESSIVITÀÀ
Inibire l’impulsività
Valutare accuratamente la situazione
interpersonale
Gestire la bassa tolleranza alla frustrazione
Produrre comportamenti alternativi
Anticipare le conseguenze
Inibire lInibire l’’impulsivitimpulsivitàà
Valutare accuratamente la situazioneValutare accuratamente la situazione
interpersonaleinterpersonale
Gestire la bassa tolleranza alla frustrazioneGestire la bassa tolleranza alla frustrazione
Produrre comportamenti alternativiProdurre comportamenti alternativi
Anticipare le conseguenzeAnticipare le conseguenze
Mario Di Pietro
COMPONENTI DEL TRAINING DI
AUTOCONTROLLO
Controllo neurovegetativo
Automonitoraggio e analisi comportamentale
Comunicazione assertiva
Autoistruzioni
Problem solving
Autovalutazione
Mario Di Pietro
Struttura del trainingStruttura del training
di abilitdi abilitàà socialisociali
Due incontri la settimana per 7 settimane
Piccolo gruppo (5-7 partecipanti)
Utilizzo di un’apposita stanza
Utilizzo del videoregistratore
Applicazione di token (costo della risposta)
Coinvolgimento di un insegnante
Supervisione settimanale dello psicologo
ACCORDO DI PARTECIPAZIONE (I) GLIACCORDO DI PARTECIPAZIONE (I) GLI
SCOPI DI QUESTO PRGRAMMA SONO:SCOPI DI QUESTO PRGRAMMA SONO:
☺ Aiutarmi ad imparare come affrontare
più efficacemente le situazioni conflittuali.
☺ Aiutarmi a non lasciarmi sconvolgere
dalla rabbia quando sono provocato.
☺ Aiutarmi ad imparare come andare più
d’accordo con gli adulti quando mi vengono
date delle regole da seguire.
ACCORDO DI PARTECIPAZIONE (II)ACCORDO DI PARTECIPAZIONE (II)
COSA DEVO FARE PER PARTECIPARE ALCOSA DEVO FARE PER PARTECIPARE AL
PROGRAMMA?PROGRAMMA?
Frequenterò regolarmente gli incontri che si
faranno.
Prenderò nota di come mi comporto tra un
incontro e l’altro.
Metterò in pratica quello che viene insegnato
durante gli incontri e completerò le attività
assegnate per casa.
Partecipare alle attività che vengono svolte
durante gli incontri.
ACCORDO DI PARTECIPAZIONE (III)ACCORDO DI PARTECIPAZIONE (III)
COSA CI GUADAGNEROCOSA CI GUADAGNERO’’ A PARTECIPARE?A PARTECIPARE?
Avrò l’occasione di parlare dei miei problemi
con altri ragazzi.
Potrò imparare a controllarmi e a superare le
mie difficoltà di comportamento.
Ad ogni incontro potrò ottenere dei punti premio che
periodicamente verranno scambiati con un premio
concreto.
Firma del ragazzo Firma dell’educatore
___________________ _________________
Schema dellSchema dell’’apprendimentoapprendimento
Individuazione dell’abilità
Modellamento
Prova comportamentale
Feedback con video registratore
ESEMPIO DI AUTOISTRUZIONIESEMPIO DI AUTOISTRUZIONI
1. Prepararsi al conflitto Sarò in grado di affrontare la
situazione
Cercherò di non prendermela
troppo
Potrebbero provocarmi, ma so cosa
dire
2. Impatto e confronto Cerco di rimanere calmo
Non mi conviene esplodere
Posso controllare le mie reazioni
3. Affrontare la tensione
fisica
Cerco di rilassarmi con qualche
respiro
AbilitAbilitàà sociali affrontatesociali affrontate
Chiedere il permesso
Chiedere un favore
Chiedere aiuto
Unirsi agli altri in un’attività
Dividere con gli altri
Esprimere lamentele
Aspettare il proprio turno
Proporre un’attività.
Offrirsi di aiutare gi altri.
Ringraziare
Scusarsi
METODO SOCRATICOMETODO SOCRATICO
Limitare l’esposizione del proprio punto di
vista
Evitare affermazioni perentorie
Porre il più possibile domande evocative
Evitare riscontri punitivi
Dare sufficiente spazio al paziente
Riassumere quanto emerge dalla discussione
Mario Di Pietro
Principali ostacoliPrincipali ostacoliPrincipali ostacoli
Scarsa collaborazione dellaScarsa collaborazione della
famigliafamiglia
Ambiente scolastico sfavorevoleAmbiente scolastico sfavorevole
Mancanza di collaborazione traMancanza di collaborazione tra
scuola e famigliascuola e famiglia
Mario Di Pietro
Successo dell’interventoSuccesso dell’intervento
Comprensione e
accettazione del ragazzo
Persistenza nell’utilizzo
delle procedure
Clima emotivo positivo
Comprensione e
accettazione del ragazzo
Persistenza nell’utilizzo
delle procedure
Clima emotivo positivo
Mario Di Pietro

More Related Content

What's hot

Dispensaadhd 2
Dispensaadhd 2Dispensaadhd 2
Dispensaadhd 2imartini
 
Dispensa1 ragazzo v
Dispensa1 ragazzo vDispensa1 ragazzo v
Dispensa1 ragazzo vimartini
 
Adhd v
Adhd vAdhd v
Adhd v
imartini
 
Dott.ssa daniela-simonetti c
Dott.ssa daniela-simonetti cDott.ssa daniela-simonetti c
Dott.ssa daniela-simonetti cimartini
 
Disturbi condotta v
Disturbi condotta vDisturbi condotta v
Disturbi condotta vimartini
 
disturbi del comportamento
 disturbi del comportamento disturbi del comportamento
disturbi del comportamento
imartini
 

What's hot (7)

Dispensaadhd 2
Dispensaadhd 2Dispensaadhd 2
Dispensaadhd 2
 
Dispensa1 ragazzo v
Dispensa1 ragazzo vDispensa1 ragazzo v
Dispensa1 ragazzo v
 
Adhd v
Adhd vAdhd v
Adhd v
 
Adhd 2011
Adhd 2011Adhd 2011
Adhd 2011
 
Dott.ssa daniela-simonetti c
Dott.ssa daniela-simonetti cDott.ssa daniela-simonetti c
Dott.ssa daniela-simonetti c
 
Disturbi condotta v
Disturbi condotta vDisturbi condotta v
Disturbi condotta v
 
disturbi del comportamento
 disturbi del comportamento disturbi del comportamento
disturbi del comportamento
 

Similar to Comportamenti agressivi v

Adhd vicenza
Adhd vicenza Adhd vicenza
Adhd vicenza imartini
 
Problemi comportamentali a scuola b
Problemi comportamentali a scuola bProblemi comportamentali a scuola b
Problemi comportamentali a scuola bimartini
 
Problemi comportamentali a scuola n
Problemi comportamentali a scuola nProblemi comportamentali a scuola n
Problemi comportamentali a scuola nimartini
 
Problemi comportamentali a scuola
Problemi comportamentali a scuolaProblemi comportamentali a scuola
Problemi comportamentali a scuolaimartini
 
Psicologia clinica dello sviluppo
Psicologia clinica dello sviluppo Psicologia clinica dello sviluppo
Psicologia clinica dello sviluppo imartini
 
Adhd u
Adhd uAdhd u
Adhd u
imartini
 
Dott.ssa daniela-simonetti cc
Dott.ssa daniela-simonetti ccDott.ssa daniela-simonetti cc
Dott.ssa daniela-simonetti ccimartini
 
Dispensa1 ragazzo b
Dispensa1 ragazzo bDispensa1 ragazzo b
Dispensa1 ragazzo b
imartini
 
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologiciLa gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologiciimartini
 
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici_[modalità_compatibilità]
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici_[modalità_compatibilità]La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici_[modalità_compatibilità]
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici_[modalità_compatibilità]imartini
 
Adhd 25.
Adhd 25.Adhd 25.
Adhd 25.
imartini
 
Adhd
AdhdAdhd
Adhd
imartini
 
La sindrome da deficit dell’attenzione e iperattivita’- ADHD
La sindrome da deficit dell’attenzione e iperattivita’- ADHDLa sindrome da deficit dell’attenzione e iperattivita’- ADHD
La sindrome da deficit dell’attenzione e iperattivita’- ADHD
Emanuel Mian
 
Margheriti adhd
Margheriti adhd Margheriti adhd
Margheriti adhd
imartini
 
Psicologia clinica dello sviluppo
Psicologia clinica dello sviluppoPsicologia clinica dello sviluppo
Psicologia clinica dello sviluppoimartini
 
Npi e psicofarmaci
Npi e psicofarmaciNpi e psicofarmaci
Npi e psicofarmaci
milanmoon
 

Similar to Comportamenti agressivi v (20)

Adhd vicenza
Adhd vicenza Adhd vicenza
Adhd vicenza
 
Adhd
Adhd Adhd
Adhd
 
Problemi comportamentali a scuola b
Problemi comportamentali a scuola bProblemi comportamentali a scuola b
Problemi comportamentali a scuola b
 
Problemi comportamentali a scuola n
Problemi comportamentali a scuola nProblemi comportamentali a scuola n
Problemi comportamentali a scuola n
 
Problemi comportamentali a scuola
Problemi comportamentali a scuolaProblemi comportamentali a scuola
Problemi comportamentali a scuola
 
Psicologia clinica dello sviluppo
Psicologia clinica dello sviluppo Psicologia clinica dello sviluppo
Psicologia clinica dello sviluppo
 
Adhd u
Adhd uAdhd u
Adhd u
 
Dott.ssa daniela-simonetti cc
Dott.ssa daniela-simonetti ccDott.ssa daniela-simonetti cc
Dott.ssa daniela-simonetti cc
 
Dispensa1 ragazzo b
Dispensa1 ragazzo bDispensa1 ragazzo b
Dispensa1 ragazzo b
 
Adhd rev
Adhd revAdhd rev
Adhd rev
 
adhd
adhdadhd
adhd
 
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologiciLa gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici
 
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici_[modalità_compatibilità]
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici_[modalità_compatibilità]La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici_[modalità_compatibilità]
La gestione dsa_in_classe_aspetti_psicologici_[modalità_compatibilità]
 
Adhd 25.
Adhd 25.Adhd 25.
Adhd 25.
 
Adhd
AdhdAdhd
Adhd
 
La sindrome da deficit dell’attenzione e iperattivita’- ADHD
La sindrome da deficit dell’attenzione e iperattivita’- ADHDLa sindrome da deficit dell’attenzione e iperattivita’- ADHD
La sindrome da deficit dell’attenzione e iperattivita’- ADHD
 
Margheriti adhd
Margheriti adhd Margheriti adhd
Margheriti adhd
 
Psicologia clinica dello sviluppo
Psicologia clinica dello sviluppoPsicologia clinica dello sviluppo
Psicologia clinica dello sviluppo
 
Npi e psicofarmaci
Npi e psicofarmaciNpi e psicofarmaci
Npi e psicofarmaci
 
Fedeli 13.12.11
Fedeli   13.12.11Fedeli   13.12.11
Fedeli 13.12.11
 

More from imartini

2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismo2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismo
imartini
 
Scheda bambino
Scheda bambinoScheda bambino
Scheda bambino
imartini
 
Subitizing
SubitizingSubitizing
Subitizing
imartini
 
intelligenza emotiva
intelligenza emotivaintelligenza emotiva
intelligenza emotiva
imartini
 
Il quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematicaIl quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematica
imartini
 
comunicazione_non_verbale
 comunicazione_non_verbale comunicazione_non_verbale
comunicazione_non_verbale
imartini
 
DSA
DSADSA
osservazione fattoei di rischio dsa
osservazione fattoei  di rischio dsaosservazione fattoei  di rischio dsa
osservazione fattoei di rischio dsa
imartini
 
Prerequisiti
Prerequisiti Prerequisiti
Prerequisiti
imartini
 
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
imartini
 
scrittura
scritturascrittura
scrittura
imartini
 
Dispensa dsa
Dispensa  dsaDispensa  dsa
Dispensa dsa
imartini
 
Dentro ai dsa n
Dentro ai dsa nDentro ai dsa n
Dentro ai dsa n
imartini
 
dislessia
dislessiadislessia
dislessia
imartini
 
stili di apprendimento
stili di apprendimentostili di apprendimento
stili di apprendimento
imartini
 
DSA
DSADSA
Dsa fasce eta
Dsa  fasce etaDsa  fasce eta
Dsa fasce eta
imartini
 
Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio
imartini
 
prerequisiti della scrittura
prerequisiti della scritturaprerequisiti della scrittura
prerequisiti della scrittura
imartini
 
Slide musica-cervello
Slide musica-cervelloSlide musica-cervello
Slide musica-cervello
imartini
 

More from imartini (20)

2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismo2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismo
 
Scheda bambino
Scheda bambinoScheda bambino
Scheda bambino
 
Subitizing
SubitizingSubitizing
Subitizing
 
intelligenza emotiva
intelligenza emotivaintelligenza emotiva
intelligenza emotiva
 
Il quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematicaIl quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematica
 
comunicazione_non_verbale
 comunicazione_non_verbale comunicazione_non_verbale
comunicazione_non_verbale
 
DSA
DSADSA
DSA
 
osservazione fattoei di rischio dsa
osservazione fattoei  di rischio dsaosservazione fattoei  di rischio dsa
osservazione fattoei di rischio dsa
 
Prerequisiti
Prerequisiti Prerequisiti
Prerequisiti
 
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
 
scrittura
scritturascrittura
scrittura
 
Dispensa dsa
Dispensa  dsaDispensa  dsa
Dispensa dsa
 
Dentro ai dsa n
Dentro ai dsa nDentro ai dsa n
Dentro ai dsa n
 
dislessia
dislessiadislessia
dislessia
 
stili di apprendimento
stili di apprendimentostili di apprendimento
stili di apprendimento
 
DSA
DSADSA
DSA
 
Dsa fasce eta
Dsa  fasce etaDsa  fasce eta
Dsa fasce eta
 
Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio
 
prerequisiti della scrittura
prerequisiti della scritturaprerequisiti della scrittura
prerequisiti della scrittura
 
Slide musica-cervello
Slide musica-cervelloSlide musica-cervello
Slide musica-cervello
 

Comportamenti agressivi v

  • 1. I COMPORTAMENTI AGGRESSIVII COMPORTAMENTI AGGRESSIVI NELLNELL’’ADOLESCENTEADOLESCENTE Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it
  • 2. LL’’aggressivitaggressivitàà nonnon èè un fenomenoun fenomeno isolato, ma spesso si inserisceisolato, ma spesso si inserisce allall’’interno di problematiche piinterno di problematiche piùù complesse checomplesse che èè importanteimportante riconoscere per temporiconoscere per tempo
  • 3. Principali problematiche adolescenzialiPrincipali problematiche adolescenziali collegate allcollegate all’’aggressivitaggressivitàà Disagio ambientale Problematiche familiare Presenza di un disturbo comportamentale
  • 4. Principali disturbi delPrincipali disturbi del comportamentocomportamento Disturbo da deficit d’attenzione/iperattività Disturbo della condotta Disturbo oppositivo provocatorio Mario Di Pietro
  • 5. Caratteristiche del disturbo da deficit d’attenzione e iperattività Spesso trascura di fare attenzione ai dettagli o fa errori di distrazione nei compiti di scuola o altre attività Spesso ha difficoltà a mantenere l’attenzione in attività di gioco Spesso dà l’impressione di non ascoltare ciò che gli viene detto Spesso non segue le istruzioni e non riesce a completare i compiti o altre attività Spesso ha difficoltà a organizzare il proprio lavoro Spesso evita o trova estremamente sgradevoli compiti che richiedono uno sforzo mentale prolungato Spesso perde le cose che gli servono Viene spesso distratto dagli stimoli esterni E’ spesso smemorato nelle attività quotidiane Disattenzione (almeno 6 delle seguenti manifestazioni)
  • 6. Caratteristiche del disturbo da deficitCaratteristiche del disturbo da deficit di attenzione e iperattivitdi attenzione e iperattivitàà Iperattività • Muove in continuazione mani e piedi sotto la sedia • Spesso si alza dal proprio posto in situazioni in cui è richiesto rimanere seduti • Spesso corre eccessivamente o si arrampica quando è inopportuno • Spesso ha difficoltà a giocare tranquillamente • Spesso in continuo movimento come se avesse dentro un motore • Spesso parla eccessivamente Impulsività • Spesso si precipita a rispondere prima ancora che la domanda sia terminata • Spesso ha difficoltà ad aspettare il proprio turno • Spesso interrompe gli altri o si intromette Iperattività/Impulsività (almeno 6 delle seguenti manifestazioni)
  • 7. Impatto dellImpatto dell’’ADHDADHD sulla funzionalitsulla funzionalitàà nellnell’’ambiente socialeambiente sociale Predisposizione a infrazioni stradali e incidenti Rischio di comportamenti antisociali (piccoli furti, vandalismo Propensione all’uso di sostanze d’abuso Bullismo Mario Di Pietro
  • 8. Impatto dellImpatto dell’’ADHDADHD sulla funzionalitsulla funzionalitàà in famigliain famiglia Riluttanza ad eseguire i compiti a casa Gioco distruttivo Ribellione agli ordini dei genitori Mario Di Pietro
  • 9. Impatto dellImpatto dell’’ADHDADHD sulle relazioni socialisulle relazioni sociali Difficoltà nelle relazioni interpersonali Condotta antisociale Bullismo Mario Di Pietro
  • 10. Impatto dellImpatto dell’’ADHDADHD sul benessere della famigliasul benessere della famiglia Impatto emotivo sui genitori Difficoltà coniugali Cure sanitarie Perdita giorni lavorativi Stress genitori Mario Di Pietro
  • 11. Ciò che il farmaco non può fare Ciò che il farmacoCiò che il farmaco non può farenon può fare Insegnare abilità sociali Cambiare modalità di pensiero disfunzionali Innalzare la motivazione Migliorare il senso di autoefficacia Insegnare abilità sociali Cambiare modalità di pensiero disfunzionali Innalzare la motivazione Migliorare il senso di autoefficacia Mario Di Pietro
  • 12. Caratteristiche del disturbo oppositivo provocatorio Da almeno 6 mesi sono stati presenti 4 (o più) dei seguenti comportamenti: Spesso va in collera Spesso litiga con gli adulti Spesso sfida attivamente o si rifiuta di rispettare la/le richieste o regole degli adulti Spesso irrita deliberatamente le persone Spesso accusa gli altri per i propri errori o il proprio cattivo comportamento E’ spesso suscettibile o facilmente irritato dagli altri E’ spesso arrabbiato e rancoroso E’ spesso dispettoso e vendicativo
  • 13. Fasi attraverso cui si sviluppano disturbi del comportamento con aggressività. Stadio Comportamento 1 Esige attenzione, polemizza, fa lo sbruffone, disobbedisce a casa, è impulsivo. 2 Include i comportamenti dello stadio 1, in aggiunta è crudele, disobbedisce a scuola, ha difficoltà con i compagni, combattivo, scontroso, dice le parolacce, mente, imbroglia. 3 Include i comportamenti dello stadio 1 e 2, in aggiunta è distruttivo, rivolge minacce, aggredisce, ha amicizie negative, ruba in casa propria. 4 Include i comportamenti dei precedenti tre stadi, in aggiunta comportamenti vandalici, fugge da casa, marina la scuola, usa alcool o droghe, commette furti fuori da casa, può provocare incendi. Modificato da: Childhood Conduct Problem: Developemental Consideretions and a Proposed Taxonomy di C.S. Edelbrock, 1989, University of Massachussetts Medical Center, Worcester. Mario Di Pietro
  • 14. Aggressioni a persone o animaliAggressioni a persone o animali Spesso fa il prepotente, minaccia, o intimorisce gli altri Spesso dà inizio a colluttazioni fisiche Ha usato un'arma (per es., un bastone, un coltello) E’ stato fisicamente crudele con le persone e/o con animali Ha rubato affrontando la vittima (per es., aggressione, scippo, estorsione) Ha forzato qualcuno ad attività sessuali. Distruzione della proprietDistruzione della proprietàà Ha deliberatamente appiccato il fuoco con l'intenzione di causare seri danni Ha deliberatamente distrutto proprietà altrui. Frode o furtoFrode o furto E’ penetrato in un edificio, un domicilio, o una automobile altrui Spesso mente per ottenere vantaggi o favori o per evitare obblighi Ha rubato articoli di valore (per es., furto nei negozi). Gravi violazioni di regoleGravi violazioni di regole Spesso trascorre fuori la notte nonostante le proibizioni dei genitori E’ fuggito da casa di notte almeno due volte Marina spesso la scuola, con inizio prima dei 13 anni di età. Caratteristiche del disturbo della condotta Almeno 3 dei seguenti criteri nei 12 mesi precedenti, con almeno un criterio presente negli ultimi 6 mesi
  • 15. Definizione diDefinizione di ““BullismoBullismo”” Desiderio di fare del male Un’azione offensiva Uno squilibrio di potere (Solitamente) ripetizione Un utilizzo ingiusto del potere Piacere evidente da parte dell’aggressore La sensazione di essere oppressi da parte della vittima Il bullismo implica:Il bullismo implica: Mario Di Pietro
  • 16. FATTORI DI RINFORZOFATTORI DI RINFORZO DELL'AGGRESSIVITDELL'AGGRESSIVITÀÀ Cessazione della provocazione o della situazione sgradevole Conseguimento di qualche gratificazione o soddisfazione Rinforzo sociale fornito dai compagni Mario Di Pietro
  • 17. Caratteristiche del metodo cognitivoCaratteristiche del metodo cognitivo comportamentale applicato allcomportamentale applicato all’’etetàà evolutivaevolutiva Osservazione diretta e precisa Descrizione operazionale dei comportamenti problema Programmazione dettagliata dell’intervento sui comportamenti problema Utilizzo di procedure derivate dai principi del condizionamento, dell’apprendimento sociale e dell’apprendimento cognitivo Coinvolgimento delle persone significative del contesto relazionale Verifica sistematica dei risultati Mario Di Pietro
  • 18. Pianificazione dell’interventoPianificazione dellPianificazione dell’’interventointervento Considerare quali comportamenti e quali emozioni hanno la priorità Esaminare i meccanismi cognitivi collegati al problema Valutare la motivazione del bambino o dell’adolescente Considerare le aspettative del genitore e la sua capacità di collaborare Considerare le risorse personali del bambino Scegliere le tecniche che più si adattano allo stadio evolutivo del bambino Individuare strategie per prevenire l’abbandono e le ricadute Mario Di Pietro
  • 19. ABILITA’ COLLEGATE AL CONTROLLO DELL'AGGRESSIVITÀ ABILITAABILITA’’ COLLEGATE ALCOLLEGATE AL CONTROLLOCONTROLLO DELL'AGGRESSIVITDELL'AGGRESSIVITÀÀ Inibire l’impulsività Valutare accuratamente la situazione interpersonale Gestire la bassa tolleranza alla frustrazione Produrre comportamenti alternativi Anticipare le conseguenze Inibire lInibire l’’impulsivitimpulsivitàà Valutare accuratamente la situazioneValutare accuratamente la situazione interpersonaleinterpersonale Gestire la bassa tolleranza alla frustrazioneGestire la bassa tolleranza alla frustrazione Produrre comportamenti alternativiProdurre comportamenti alternativi Anticipare le conseguenzeAnticipare le conseguenze Mario Di Pietro
  • 20. COMPONENTI DEL TRAINING DI AUTOCONTROLLO Controllo neurovegetativo Automonitoraggio e analisi comportamentale Comunicazione assertiva Autoistruzioni Problem solving Autovalutazione Mario Di Pietro
  • 21. Struttura del trainingStruttura del training di abilitdi abilitàà socialisociali Due incontri la settimana per 7 settimane Piccolo gruppo (5-7 partecipanti) Utilizzo di un’apposita stanza Utilizzo del videoregistratore Applicazione di token (costo della risposta) Coinvolgimento di un insegnante Supervisione settimanale dello psicologo
  • 22. ACCORDO DI PARTECIPAZIONE (I) GLIACCORDO DI PARTECIPAZIONE (I) GLI SCOPI DI QUESTO PRGRAMMA SONO:SCOPI DI QUESTO PRGRAMMA SONO: ☺ Aiutarmi ad imparare come affrontare più efficacemente le situazioni conflittuali. ☺ Aiutarmi a non lasciarmi sconvolgere dalla rabbia quando sono provocato. ☺ Aiutarmi ad imparare come andare più d’accordo con gli adulti quando mi vengono date delle regole da seguire.
  • 23. ACCORDO DI PARTECIPAZIONE (II)ACCORDO DI PARTECIPAZIONE (II) COSA DEVO FARE PER PARTECIPARE ALCOSA DEVO FARE PER PARTECIPARE AL PROGRAMMA?PROGRAMMA? Frequenterò regolarmente gli incontri che si faranno. Prenderò nota di come mi comporto tra un incontro e l’altro. Metterò in pratica quello che viene insegnato durante gli incontri e completerò le attività assegnate per casa. Partecipare alle attività che vengono svolte durante gli incontri.
  • 24. ACCORDO DI PARTECIPAZIONE (III)ACCORDO DI PARTECIPAZIONE (III) COSA CI GUADAGNEROCOSA CI GUADAGNERO’’ A PARTECIPARE?A PARTECIPARE? Avrò l’occasione di parlare dei miei problemi con altri ragazzi. Potrò imparare a controllarmi e a superare le mie difficoltà di comportamento. Ad ogni incontro potrò ottenere dei punti premio che periodicamente verranno scambiati con un premio concreto. Firma del ragazzo Firma dell’educatore ___________________ _________________
  • 25. Schema dellSchema dell’’apprendimentoapprendimento Individuazione dell’abilità Modellamento Prova comportamentale Feedback con video registratore
  • 26.
  • 27. ESEMPIO DI AUTOISTRUZIONIESEMPIO DI AUTOISTRUZIONI 1. Prepararsi al conflitto Sarò in grado di affrontare la situazione Cercherò di non prendermela troppo Potrebbero provocarmi, ma so cosa dire 2. Impatto e confronto Cerco di rimanere calmo Non mi conviene esplodere Posso controllare le mie reazioni 3. Affrontare la tensione fisica Cerco di rilassarmi con qualche respiro
  • 28. AbilitAbilitàà sociali affrontatesociali affrontate Chiedere il permesso Chiedere un favore Chiedere aiuto Unirsi agli altri in un’attività Dividere con gli altri Esprimere lamentele Aspettare il proprio turno Proporre un’attività. Offrirsi di aiutare gi altri. Ringraziare Scusarsi
  • 29. METODO SOCRATICOMETODO SOCRATICO Limitare l’esposizione del proprio punto di vista Evitare affermazioni perentorie Porre il più possibile domande evocative Evitare riscontri punitivi Dare sufficiente spazio al paziente Riassumere quanto emerge dalla discussione Mario Di Pietro
  • 30. Principali ostacoliPrincipali ostacoliPrincipali ostacoli Scarsa collaborazione dellaScarsa collaborazione della famigliafamiglia Ambiente scolastico sfavorevoleAmbiente scolastico sfavorevole Mancanza di collaborazione traMancanza di collaborazione tra scuola e famigliascuola e famiglia Mario Di Pietro
  • 31. Successo dell’interventoSuccesso dell’intervento Comprensione e accettazione del ragazzo Persistenza nell’utilizzo delle procedure Clima emotivo positivo Comprensione e accettazione del ragazzo Persistenza nell’utilizzo delle procedure Clima emotivo positivo Mario Di Pietro