SlideShare a Scribd company logo
1 of 19
Beati gli afflitti e ì miti
Nelle beatitudini l’evangelista presenta
situazioni negative dell'umanità che Dio,
con la collaborazione dell'uomo, vuole
eliminare: non c'è più un obbligo, un
dovere nei confronti di Dio, ma Gesù che è
il Dio con noi, chiede di essere accolto e
con lui e come lui andare verso l'umanità.
La beatitudine, tuttavia, non si riferisce mai
alla condizione di sofferenza dell’umanità:
è sempre legata al secondo termine, alla
promessa di una soluzione che è frutto
dell’incontro tra l’opera di Dio e la
collaborazione della comunità. Non si è
beati perché si sta soffrendo adesso e poi,
nell’aldilà, si verrà premiati!
Si è beati perché la “buona novella”
reca l’annunzio dell’inizio della fine
delle sofferenze, dono della
misericordia di Dio e,
contemporaneamente, frutto
dell’impegno della comunità dei
credenti!
“Beati gli afflitti, perché saranno
consolati” o, letteralmente, “Beati gli
afflitti, perché questi saranno consolati”.
Ma chi sono gli afflitti? Non possiamo
pensare di ridurli genericamente a quelli
che versano qualche lacrimuccia; non si
parla di una qualunque afflizione, di un
rapporto difficile con un’altra persona o
una situazione dolorosa.
L’evangelista prende questa
espressione dal libro di Isaia al cap.
61, (ripreso da Luca al cap. 4
nell’episodio di Gesù nella sinagoga a
Nazareth), dove si dichiara che il
giorno della venuta del Messia sarà
per consolare tutti gli afflitti.
 “Lo spirito del Signore Dio è su di me perché il
Signore mi ha consacrato con l'unzione; mi ha
mandato a portare il lieto annunzio ai miseri, a
fasciare le piaghe dei cuori spezzati, a
proclamare la libertà degli schiavi, la
scarcerazione dei prigionieri, a promulgare
l'anno di misericordia del Signore, un giorno di
vendetta per il nostro Dio, per consolare tutti gli
afflitti, per allietare gli afflitti di Sion, per dare
loro una corona invece della cenere, olio di
letizia invece dell'abito da lutto, canto di lode
invece di un cuore mesto”.
 Gli afflitti di cui parla Isaia sono riconoscibili
nel popolo che è oppresso da due realtà che
non fanno che peggiorarne la situazione:
1. Esternamente, una dominazione pagana;
2. Internamente, l’oppressione dei capi
religiosi.
 Gli afflitti o gli oppressi (il termine greco
pentountes può essere tradotto in entrambe
le maniere), non possono far a meno di
gridare la propria disperazione.
 Questi afflitti, che la società ha schiacciato
dal punto di vista economico, politico, sociale,
religioso, sono beati perché vedranno la fine
della loro afflizione (l’evangelista, grande
teologo e letterato, che usa attentamente
i termini, non adopera il verbo confortare
– enischuo -, ma il verbo consolare –
parakaleo - che significa l’eliminazione
alla radice della causa della
sofferenza.
 “Beati i miti perché erediteranno la terra”, o
letteralmente “Beati i miti perché questi
erediteranno la terra”. Con questa traduzione
non si capisce il perché i miti devono
ereditare la terra. L'evangelista presenta delle
contrapposizioni: i poveri hanno Dio che si
occupa di loro, gli afflitti vengono consolati, gli
affamati sono saziati, qui abbiamo i miti ai
quali viene data la terra. Che relazione c'è tra
la mitezza e la terra?
Nella storia di Israele quando il popolo
entrò nella terra di Canaan, la terra
venne divisa secondo le tribù e ogni
tribù la divise secondo i clan, i clan
divisero la terra secondo le famiglie in
modo che ogni famiglia avesse un
pezzo di terra (cfr. Gs).
La terra è importante in oriente; un uomo
senza terra è un uomo senza dignità: non
è solo un appezzamento di terra, ma la
vita, la dignità perché, se un uomo ha
terra, lavora e quindi può nutrire e
mantenere bene la propria famiglia; se non
ha terra, nulla di tutto questo accade. Il
possesso della terra è importante in quella
società.
Ma dopo la divisione successe che nel giro
di 2 o 3 generazioni i più prepotenti, i più
furbi, i più astuti, i più disonesti si
impossessarono della terra delle persone
meno capaci, meno furbe e più deboli. Il
risultato fu che gran parte della terra fu
posseduta da pochissime famiglie e molti
erano costretti ad andare a lavorare come
braccianti nella terra che era stata di loro
proprietà.
L’essere “miti”, allora, non indica una
qualità morale dell’individuo, ma una
situazione sociale disperata; è la stessa
differenza che c’è tra l’umile e l’umiliato:
qui non si tratta di umili, ma si tratta di
umiliati. Per una migliore comprensione di
questa beatitudine potremmo tradurre con
“i diseredati”, quelli che hanno perso tutto,
può darsi per colpa propria, per incapacità.
Gesù dice, i diseredati, quelli che hanno
perso tutto, hanno perso l’onore, hanno
perso la dignità umana, non sanno
neanche più cosa significa essere una
persona dignitosa, beati perché
erediteranno la terra: non un terreno, un
po’ di dignità, ma la terra, la totalità (e
l’articolo determinativo significa appunto la
totalità),
 Nell’ambito della comunità delle beatitudini, i
diseredati ritroveranno una dignità che non
avevano mai conosciuto nella vita, neanche
prima di perderla, perché vengono trattati con
amore, con una devozione che non avevano
mai sperimentato. È compito della comunità
cristiana che a queste persone che vivono
senza alcuna dignità, venga fatta ritrovare
non una briciola di vita, ma la pienezza della
vita.
Materiale rielaborato a partire da:
Conferenza di p. Alberto Maggi presso l’associazione “I beati costruttori di pace.”

More Related Content

More from donAlfonso2 (20)

La poverta'
La poverta'La poverta'
La poverta'
 
L'umilta'
L'umilta'L'umilta'
L'umilta'
 
La carita'
La carita'La carita'
La carita'
 
La castita'
La castita'La castita'
La castita'
 
La Fede
La FedeLa Fede
La Fede
 
L'obbedienza
L'obbedienzaL'obbedienza
L'obbedienza
 
La Speranza
La SperanzaLa Speranza
La Speranza
 
Amoris laetitia
Amoris laetitiaAmoris laetitia
Amoris laetitia
 
Dar da mangiare e da bere
Dar da mangiare e da bereDar da mangiare e da bere
Dar da mangiare e da bere
 
Ordo virginum
Ordo virginumOrdo virginum
Ordo virginum
 
Il frutto dello spirito
Il frutto dello spiritoIl frutto dello spirito
Il frutto dello spirito
 
Introduzione alle beatitudini
Introduzione alle beatitudiniIntroduzione alle beatitudini
Introduzione alle beatitudini
 
Conclusioni sulle Beatitudini
Conclusioni sulle BeatitudiniConclusioni sulle Beatitudini
Conclusioni sulle Beatitudini
 
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia
Beati quelli che hanno fame e sete della giustiziaBeati quelli che hanno fame e sete della giustizia
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia
 
Beati i perseguitati per causa della giustizia
Beati i perseguitati per causa della giustiziaBeati i perseguitati per causa della giustizia
Beati i perseguitati per causa della giustizia
 
Beati i costruttori di pace
Beati i costruttori di paceBeati i costruttori di pace
Beati i costruttori di pace
 
Vaticano ii
Vaticano iiVaticano ii
Vaticano ii
 
Sacrosanctum concilium
Sacrosanctum conciliumSacrosanctum concilium
Sacrosanctum concilium
 
Lumen gentium
Lumen gentiumLumen gentium
Lumen gentium
 
Gaudium et spes
Gaudium et spesGaudium et spes
Gaudium et spes
 

Beati gli afflitti e i miti

  • 1. Beati gli afflitti e ì miti
  • 2. Nelle beatitudini l’evangelista presenta situazioni negative dell'umanità che Dio, con la collaborazione dell'uomo, vuole eliminare: non c'è più un obbligo, un dovere nei confronti di Dio, ma Gesù che è il Dio con noi, chiede di essere accolto e con lui e come lui andare verso l'umanità.
  • 3. La beatitudine, tuttavia, non si riferisce mai alla condizione di sofferenza dell’umanità: è sempre legata al secondo termine, alla promessa di una soluzione che è frutto dell’incontro tra l’opera di Dio e la collaborazione della comunità. Non si è beati perché si sta soffrendo adesso e poi, nell’aldilà, si verrà premiati!
  • 4. Si è beati perché la “buona novella” reca l’annunzio dell’inizio della fine delle sofferenze, dono della misericordia di Dio e, contemporaneamente, frutto dell’impegno della comunità dei credenti!
  • 5. “Beati gli afflitti, perché saranno consolati” o, letteralmente, “Beati gli afflitti, perché questi saranno consolati”. Ma chi sono gli afflitti? Non possiamo pensare di ridurli genericamente a quelli che versano qualche lacrimuccia; non si parla di una qualunque afflizione, di un rapporto difficile con un’altra persona o una situazione dolorosa.
  • 6.
  • 7. L’evangelista prende questa espressione dal libro di Isaia al cap. 61, (ripreso da Luca al cap. 4 nell’episodio di Gesù nella sinagoga a Nazareth), dove si dichiara che il giorno della venuta del Messia sarà per consolare tutti gli afflitti.
  • 8.  “Lo spirito del Signore Dio è su di me perché il Signore mi ha consacrato con l'unzione; mi ha mandato a portare il lieto annunzio ai miseri, a fasciare le piaghe dei cuori spezzati, a proclamare la libertà degli schiavi, la scarcerazione dei prigionieri, a promulgare l'anno di misericordia del Signore, un giorno di vendetta per il nostro Dio, per consolare tutti gli afflitti, per allietare gli afflitti di Sion, per dare loro una corona invece della cenere, olio di letizia invece dell'abito da lutto, canto di lode invece di un cuore mesto”.
  • 9.  Gli afflitti di cui parla Isaia sono riconoscibili nel popolo che è oppresso da due realtà che non fanno che peggiorarne la situazione: 1. Esternamente, una dominazione pagana; 2. Internamente, l’oppressione dei capi religiosi.  Gli afflitti o gli oppressi (il termine greco pentountes può essere tradotto in entrambe le maniere), non possono far a meno di gridare la propria disperazione.
  • 10.
  • 11.  Questi afflitti, che la società ha schiacciato dal punto di vista economico, politico, sociale, religioso, sono beati perché vedranno la fine della loro afflizione (l’evangelista, grande teologo e letterato, che usa attentamente i termini, non adopera il verbo confortare – enischuo -, ma il verbo consolare – parakaleo - che significa l’eliminazione alla radice della causa della sofferenza.
  • 12.  “Beati i miti perché erediteranno la terra”, o letteralmente “Beati i miti perché questi erediteranno la terra”. Con questa traduzione non si capisce il perché i miti devono ereditare la terra. L'evangelista presenta delle contrapposizioni: i poveri hanno Dio che si occupa di loro, gli afflitti vengono consolati, gli affamati sono saziati, qui abbiamo i miti ai quali viene data la terra. Che relazione c'è tra la mitezza e la terra?
  • 13. Nella storia di Israele quando il popolo entrò nella terra di Canaan, la terra venne divisa secondo le tribù e ogni tribù la divise secondo i clan, i clan divisero la terra secondo le famiglie in modo che ogni famiglia avesse un pezzo di terra (cfr. Gs).
  • 14. La terra è importante in oriente; un uomo senza terra è un uomo senza dignità: non è solo un appezzamento di terra, ma la vita, la dignità perché, se un uomo ha terra, lavora e quindi può nutrire e mantenere bene la propria famiglia; se non ha terra, nulla di tutto questo accade. Il possesso della terra è importante in quella società.
  • 15. Ma dopo la divisione successe che nel giro di 2 o 3 generazioni i più prepotenti, i più furbi, i più astuti, i più disonesti si impossessarono della terra delle persone meno capaci, meno furbe e più deboli. Il risultato fu che gran parte della terra fu posseduta da pochissime famiglie e molti erano costretti ad andare a lavorare come braccianti nella terra che era stata di loro proprietà.
  • 16. L’essere “miti”, allora, non indica una qualità morale dell’individuo, ma una situazione sociale disperata; è la stessa differenza che c’è tra l’umile e l’umiliato: qui non si tratta di umili, ma si tratta di umiliati. Per una migliore comprensione di questa beatitudine potremmo tradurre con “i diseredati”, quelli che hanno perso tutto, può darsi per colpa propria, per incapacità.
  • 17. Gesù dice, i diseredati, quelli che hanno perso tutto, hanno perso l’onore, hanno perso la dignità umana, non sanno neanche più cosa significa essere una persona dignitosa, beati perché erediteranno la terra: non un terreno, un po’ di dignità, ma la terra, la totalità (e l’articolo determinativo significa appunto la totalità),
  • 18.  Nell’ambito della comunità delle beatitudini, i diseredati ritroveranno una dignità che non avevano mai conosciuto nella vita, neanche prima di perderla, perché vengono trattati con amore, con una devozione che non avevano mai sperimentato. È compito della comunità cristiana che a queste persone che vivono senza alcuna dignità, venga fatta ritrovare non una briciola di vita, ma la pienezza della vita.
  • 19. Materiale rielaborato a partire da: Conferenza di p. Alberto Maggi presso l’associazione “I beati costruttori di pace.”