Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

R. Monducci - Le informazioni statistiche sul commercio estero e sulle attività internazionali delle imprese

45,770 views

Published on

Annuario statistico Istat-Ice 2015

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

R. Monducci - Le informazioni statistiche sul commercio estero e sulle attività internazionali delle imprese

  1. 1. Annuario Istat-Ice 2015 Roberto Monducci Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche economiche Istituto nazionale di statistica Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività internazionali delle imprese
  2. 2. ■ Le novità dell’Annuario 2015 ■ Tendenze recenti del commercio estero dell’Italia ■ Analisi della performance economica delle imprese esportatrici a partire da una nuova base dati micro integrata (TEC-FrameSBS) ■ L’accesso ai microdati dell’annuario a fini di ricerca Roma, 29 luglio 2015 2 Il Rapporto Ice 2014-2015 e l’Annuario statistico Istat-Ice 2015
  3. 3. Roma, 29 luglio 2015 • Nuove tavole statistiche su imprese esportatrici (nuova base dati micro: TEC-FrameSBS) • È ora possibile: analizzare produttività e redditività delle imprese esportatrici, mapparle per propensione all’export • Piena integrazione in approfondimento geografico tra dati FDI e FATS • Nella USB card 1.035 fra tavole e figure prima incluse nel Rapporto ICE • Ampliamento di alcune sezioni del volume a stampa a supporto dell’analisi dei dati, approfondimento dei fenomeni emergenti, ad esempio le catene internazionali del valore(GVC)  Piastrelle in ceramica per pavimenti e rivestimenti tra i prodotti che hanno trainato di più la crescita dell’export nazionale nel 2014: +5,8%  Cartografia mappa i mercati a seconda della crescita e competitività dell’export • Confermato approfondimento cartografico, prosegue il focus su prodotti “vincenti” del Made in Italy: Le novità dell’Annuario edizione 2015 3
  4. 4. • 2010-2014: traino delle aree extra-Ue per crescita dell’export italiano, in linea con la media dell’area euro, più della Francia, poco meno della Germania e meno della Spagna F1 • Effetti su quote di export dell'Ue28: stabile per Italia, in calo per Francia, aumento per Germania e Spagna F2 • Propensione all’export: dopo la netta flessione del 2009, recuperati livelli pre-crisi. Negli anni di recessione aumento dovuto a flessione del prodotto e della domanda interna F3 • 2014: propensione all’export elevata (oltre 50% della produzione) per farmaceutici, macchinari, mezzi di trasporto, apparecchi elettrici, computer, apparecchi elettronici e ottici, prodotti chimici F4 • Profittabilità relativa dell’export: +1,5%. In crescita profittabilità insieme a esportazioni per Apparecchi elettrici; Alimentari, bevande e tabacco; Tessili, abbigliamento e calzature; Legno carta e stampa, Gomma e materie plastiche) F5 Tendenze recenti del commercio estero (1) 4Roma, 29 luglio 2015
  5. 5. • Primo trimestre 2015: torna positivo contributo alla crescita della domanda interna (grazie a scorte e investimenti); negativo quello della domanda estera netta, soprattutto per crescita import. F6 • Primi cinque mesi del 2015: +4,1% per export italiano (oltre il doppio del tasso medio di crescita del 2014). • Area extra-Ue: +6,6% nei primi sei mesi. Lieve crescita congiunturale nel secondo trimestre (+0,5%), ma -1% al netto energia. F7 • Forte concentrazione geografica della crescita: sale contributo USA, area Ue traina meno, frenano Cina e paesi emergenti dell’Asia. Forte calo della Russia. F8 • Forte concentrazione settoriale della crescita: quasi 50% spiegata da mezzi di trasporto; crescono anche settori «tradizionali» del made in Italy (tessile, abbigliamento pelli e accessori, alimentari e bevande, altri prodotti). Rispetto al 2014, si attenua il peso di macchine e apparecchi e della farmaceutica. F9 Tendenze recenti del commercio estero (2) 5 Roma, 29 luglio 2015
  6. 6. • 2014: crescita export trainata da operatori grandi e medio grandi (fatturato estero superiore a 15 milioni di euro) • Crescita lieve per operatori con fatturato estero inferiore a 50 milioni di euro (+1,2%), più sostenuta (+2,7%) per operatori più grandi (oltre 50 milioni di euro) • Il 42,9% degli operatori (in tutto 212.023) esporta merci verso un unico mercato, il 15,4% opera in oltre dieci mercati • Primi mesi 2015: crescita diffusa per tutte le tipologie di operatori, ruolo propulsivo degli operatori più piccoli, minore effetto di traino degli operatori più grandi F10 • Sui mercati extra-Ue impulso notevole da operatori grandi; sui mercati Ue spinta da operatori medio-grandi e soprattutto da demografia lorda delle imprese esportatrici (entrate e uscite da mercati esteri) F11 Tendenze recenti del commercio estero (3) 6 Roma, 29 luglio 2015
  7. 7. • FrameSBS: risultati economici su ogni impresa attiva in Italia (4,4 milioni di unità, 16 milioni di addetti, 700 miliardi di valore aggiunto) • TEC-FrameSBS: integrazione tra base dati commercio estero (TEC: Trade by Enterprises Characteristics) e quella su risultati economici imprese (FrameSBS: Structural Business Statistics) • Informazioni da nuove tavole statistiche nell’Annuario:  Propensione all’export delle imprese aumenta al crescere della dimensione aziendale: già elevata per micro-imprese (25%), pari o superiore al 40% per medie e grandi F12  Ampi differenziali positivi per imprese esportatrici rispetto a quelle non esportatrici, in termini di costo del lavoro e, in misura più ampia, di produttività del lavoro (valore aggiunto per addetto) F12 TEC-FrameSBS: analisi performance imprese esportatrici (1) 7 Roma, 29 luglio 2015
  8. 8. • Poco meno di 90 mila imprese manifatturiere esportatrici: producono circa 200 miliardi di valore aggiunto (82% del totale manifatturiero) • Sistema esportatore molto articolato, a elevato potenziale: molte imprese ancora poco esposte, pur essendo già presenti sui mercati esteri F13 • Oltre un terzo vendono all’estero meno del 5% del fatturato, oltre 10 mila ne esportano più della metà, generando il 35% del valore aggiunto • 8% dell’export generato da imprese che esportano meno del 25% del fatturato; 23% da quelle che vendono all’estero il 25-50% del fatturato; 32% da quelle che esportano il 50- 75%; il 37% da quelle che esportano più di tre quarti del fatturato TEC-FrameSBS: analisi performance imprese esportatrici (2) 8 Roma, 29 luglio 2015
  9. 9. • «Premio» di profittabilità alto per imprese esportatrici • Stima mark-up: 21% per le non esportatrici, 27% per le esportatrici. A livello settoriale, premio elevato per alcune produzioni (strumenti musicali, materiali da costruzione in terracotta, molti alimentari, alcuni prodotti del legno, bevande) • Mark-up sale al crescere della propensione all’export: dal 25% per imprese che esportano meno di un quarto del fatturato al 36% per quelle che ne esportano oltre i tre quarti • Per le imprese esportatrici la quota di profitti lordi su valore aggiunto:  È più elevata di quella delle imprese non esportatrici in tutte le classi dimensionali  sale all’aumentare della propensione all’export, soprattutto nelle piccole imprese (circa 8 punti percentuali tra imprese meno esposte e quelle più esposte) TEC-FrameSBS: analisi performance imprese esportatrici (3) 9 Roma, 29 luglio 2015
  10. 10. • Nuova base integrata di dati micro (191.262 imprese esportatrici) coerente con le politiche Istat di valorizzare i sistemi informativi integrati di dati d’impresa a fini di ricerca • Principali variabili a livello di impresa: valore aggiunto, costo del lavoro, acquisti di beni e servizi, fatturato, valore export e import (totali, valori per aree geografiche e principali raggruppamenti di merci), numero prodotti e settori • Le procedure di accesso, vincolate al rispetto del quadro normativo, prevedono il ricorso esclusivo al Laboratorio per l’Analisi dei Dati ELEmentari (ADELE), presso la sede di Roma e gli uffici regionali Istat • Contenuti informativi (con descrizione delle variabili e nota informativa) e modalità di accesso sono al seguente link: http://www.istat.it/it/informazioni/per-i-ricercatori/laboratorio-adele TEC-FrameSBS: accesso a microdati per fini di ricerca 10 Roma, 29 luglio 2015
  11. 11. Roma, 29 luglio 2015 • Accordo TTIP su ampio spettro di fattori (scambi merci e servizi) con implicazioni per trasferimento tecnologico e FDI • Quota USA su export italiano: 7,5% nel 2014 (+1,4 punti nel periodo 2010-2014), 8,9% a gennaio-maggio 2015. Export +27,8% grazie anche a cambio favorevole, superato livello pre-crisi • Multinazionali USA in Italia: fatturato di 105.241 milioni di euro (2012) e 263.118 addetti. USA primo paese di investimento per addetti nella manifattura e secondo nei servizi. Circa 6mila addetti in più nel periodo 2010-2012 • Multinazionali italiane negli USA: settorialmente differenziate, fatturato di 98.241 milioni di euro e 225.454 addetti. Attori italiani coinvolti negli scambi con gli USA • 36.643 operatori all’export nel 2014 (+4.887 nel periodo 2010-2014) • 21.642 imprese esportatrici manifatturiere che vendono negli USA (2013) • 20.680 PMI manifatturiere esportatrici • 8.285 imprese esportatrici commerciali che vendono negli USA • 2.214 affiliate di multinazionali USA in Italia • 2.066 affiliate italiane negli USA (+445 nel periodo 2007-2012) USA e Italia: relazioni commerciali e presenza di multinazionali 11
  12. 12. Performance estera italiana: aspetti positivi, criticità e rischi • Rispetto al quadro congiunturale nazionale, buona crescita dell’export nel 2014 e nei primi mesi 2015 • Vendite all’estero in aumento in molti settori, migliora la profittabilità relativa delle esportazioni • Primi mesi 2015: crescita diffusa per tutti gli operatori, ruolo propulsivo di quelli più piccoli • Propensione media all’export ancora in crescita, a livello d’impresa è sempre associata a migliori risultati economici • Sistema esportatore a elevato potenziale: molte imprese, pur presenti, ancora poco esposte sull’estero • Nel 2015 forte concentrazione della crescita, geografica e settoriale • Segnali di rallentamento nei mesi recenti, specie in alcuni settori • Instabilità in diverse aree di sbocco delle esportazioni italiane Conclusioni 12 Roma, 29 luglio 2015
  13. 13. Annuario statistico sul Commercio estero e le attività internazionali delle imprese Ha un ruolo fondamentale per l’analisi della performance internazionale dell’Italia È un prodotto informativo in continua evoluzione e con una forte propensione innovativa, fondato su processi e risorse umane di elevata qualità Conclusioni 13 Roma, 29 luglio 2015
  14. 14. F1. Esportazioni dell’Italia e dei principali paesi dell’Area euro per aree geografiche di destinazione - media anni 2010-2014 (variazioni medie in percentuale) Roma, 29 luglio 2015 Fonte: Eurostat
  15. 15. F2. Quote di mercato dell’Italia e dei principali paesi europei rispetto all‘export dei paesi Ue28 - Anni 2010, 2013 e 2014 in percentuale Roma, 29 luglio 2015 Fonte: elaborazioni su dati Eurostat
  16. 16. Roma, 29 luglio 2015 15 17 18 20 21 23 24 26 27 29 30 08 I II III IV09 I II III IV10 I II III IV11 I II III IV12 I II III IV13 I II III IV 14 I II III IV 15I Propensione a esportare: beni e servizi Propensione a esportare: beni Fonte: Istat Propensione a esportare di prodotti trasformati e manufatti Anni 2010-2014 Rapporto tra esportazioni e Pil, valori concatenati, anno di riferimento 2010, in percentuale F3. Ciclo economico e propensione all’esportazione
  17. 17. F4. Propensione all'esportazione per prodotto Anno 2014 rapporto tra esportazioni e valore della produzione, calcolato su valori concatenati a prezzi 2010 Roma, 29 luglio 2015 Fonte: Istat
  18. 18. F5. Profittabilità all'esportazione e dinamica delle esportazioni per settore di attività manifatturiera – Anno 2014 Fonte: Istat Roma, 29 luglio 2015
  19. 19. F6. Contributo della domanda estera netta alla crescita del Pil Anni 2010 -2015 dati trimestrali destagionalizzati Roma, 29 luglio 2015 Fonte: Istat
  20. 20. F7. FLUSSI COMMERCIALI CON I PAESI EXTRA UE Giugno 2013-Giugno 2015, dati destagionalizzati, milioni di euro Roma, 29 luglio 2015 Fonte: Istat 10.000 11.000 12.000 13.000 14.000 15.000 16.000 17.000 G L A S O N D G F M A M G L A S O N D G F M A M G Importazioni m.m. 3 termini Esportazioni m.m. 3 termini
  21. 21. F8. Contributo dei mercati alla crescita delle esportazioni nazionali Confronto 2013-2014 e periodo gennaio-maggio 2015, punti percentuali Roma, 29 luglio 2015 Fonte: Istat
  22. 22. F9. Contributo dei settori alla crescita delle esportazioni nazionali Confronto 2013-2014 e periodo gennaio-maggio 2015, punti percentuali Fonte: Istat Roma, 29 luglio 2015
  23. 23. F10. Contributo degli operatori alla crescita delle esportazioni Confronto 2013-2014 e periodo gennaio-maggio 2015, punti percentuali Roma, 29 luglio 2015 Fonte: Istat
  24. 24. F11. Contributo degli operatori alla crescita delle esportazioni italiane per aree Ue ed extra Ue periodo gennaio-maggio 2015, punti percentuali Fonte: Istat Roma, 29 luglio 2015
  25. 25. F12. Principali indicatori di performance economica delle imprese esportatrici rispetto alle non esportatrici per dimensione aziendale - Anno 2013 Fonte: Istat Roma, 29 luglio 2015 (a) Rapporto tra fatturato estero nella vendita di merci e fatturato complessivo dell’impresa esportatrice. (b) Numero medio di addetti per impresa. (c) I risultati risentono della ridotta numerosità delle imprese non esportatrici per questa classe di addetti.
  26. 26. F13. Distribuzione delle imprese per classi di addetti e propensione all'esportazione (a) delle imprese esportatrici manifatturiere - 2013 Micro= 0-9 addetti Piccole =10-49 addetti Medie= 50-249 addetti Grandi= 250 e oltre (a) Rapporto in percentuale tra il valore delle esportazioni e il fatturato dell'impresa. Fonte: Istat Roma, 29 luglio 2015

×