Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

P.L. Guida, La nuova norma UNI 11648 sulle competenze del project manager

44,389 views

Published on

Convegno Istat, Il ruolo del project manager per il cambiamento della PA e della statistica ufficiale - Roma, 3 maggio 2017

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

P.L. Guida, La nuova norma UNI 11648 sulle competenze del project manager

  1. 1. LA NUOVA NORMA UNI 11648 SULLE COMPETENZE DEL PROJECT MANAGER ing. Pier Luigi Guida Coordinatore GDL13-Project Management PMc, Prince2, PMP, PgMP Roma, 3 maggio 207 ISTAT - Il ruolo del project manager per il cambiamento della PA e della statistica ufficiale
  2. 2. 1 Pier Luigi Guida www.linkedin.com, www.pm-manual.it  Project e Program Manager, con esperienza di ca. 30 anni anche in ambiti internazionali  Coodinatore GDL13 Commissioni Qualità-Servizi UNI-Project Management  Project Manager Certificato, PRINCE 2, PMP, PgMP  Consulente, formatore (training cooperativo)  Dirigente d’azienda, referente di progetto (RUP) in Rete Ferroviaria Italiana (sino a 2014)  Ingegnere, specializzato in informatica  Autore di testi e articoli anche su riviste scientifiche refereed Autore del volume “Il Project Management secondo la norma UNI ISO 21500” (Franco Angeli, 2015) Coautore del volume “Project Management in Edilizia e nelle Costruzioni Civili “ (Guida P.L, Ortenzi A., Editore DEI, 2017 LA NUOVA NORMA UNI 11648 SULLE COMPETENZE DEL PROJECT MANAGER
  3. 3. Argomenti Ruolo e attività dell’UNI (GdL 13 «Project Management») Norma internazionale UNI ISO 21500 Norma UNI 11648 Project manager nel settore pubblico
  4. 4. Ruolo e attività dell’UNI (GdL 13 «Project Management») Gruppo di lavoro congiunto delle Commissioni UNI «Servizi» e «Qualità» Partecipazione ai tavoli di sviluppo di standard (norme) internazionali nel campo del project management Acquisizione e traduzione delle norme nel quadro nazionale (UNI EN ISO). In particolare UNI ISO 21500 Sviluppo di cosiddette «Norme tecniche» a supporto del quadro legislativo (in particolare L.n.4/2103 sulle professioni non ordinistiche) Redazione della norma tecnica UNI 1168 sulla figura del project manager.
  5. 5. • Avvio delle attività Londra (2008) • Riunioni plenarie ISO Washington Monaco Tokyo Brasilia Parigi • Pubblicazione ISO 21500 Settembre 2012 UNI ISO 21500 Maggio 2013 • Nuova “serie ISO” comprendente altre Norme:  già pubblicate: - Portfolio (ISO 21505: 2015)  in corso di lavorazione : - Governance - Programme Management - Vocabolario - Altre UNI ISO 21500 Guida alla gestione progetti (project management) 21500 21505
  6. 6. UNI ISO 21500 Guida alla gestione progetti (project management) 1 Scopo 2 Termini e definizioni 3 Concetti di project management 3.1 Generalità 3.2 Progetto 3.3 Project management 3.4 Strategia organizzativa e progetti 3.5 Ambiente di progetto 3.6 Governance di progetto 3.7 Progetti e processi correnti 3.8 Stakeholder e organizzazione di progetto 3.9 Competenze del personale di progetto 3.10 Ciclo di vita di progetto 3.11 Vincoli di progetto 3.12 Relazioni fra concetti di project management e processi 4 Processi di project management 4.1 Applicazione dei processi di project management 4.2 Gruppi di processi e gruppi tematici 4.3 Processi Appendice - Relazioni fra i processi. [ Non sono compresi nella Norma:  Processi di prodotto  Processi di supporto ]
  7. 7. UNI ISO 21500 Guida alla gestione progetti (project management) 1 Scopo 2 Termini e definizioni 3 Concetti di project management 3.1 Generalità 3.2 Progetto 3.3 Project management 3.4 Strategia organizzativa e progetti 3.5 Ambiente di progetto 3.6 Governance di progetto 3.7 Progetti e processi correnti 3.8 Stakeholder e organizzazione di progetto 3.9 Competenze del personale di progetto 3.10 Ciclo di vita di progetto 3.11 Vincoli di progetto 3.12 Relazioni fra concetti di project management e processi 4 Processi di project management 4.1 Applicazione dei processi di project management 4.2 Gruppi di processi e gruppi tematici 4.3 Processi Appendice - Relazioni fra i processi. [ Non sono compresi nella Norma:  Processi di prodotto  Processi di supporto ]
  8. 8. UNI ISO 21500 Sintesi del modello dei processi di project management Avvio Pianificazione Esecuzione Controllo Chiusura Integrazione Stakeholders Ambito Tempi Costi Qualità Risorse Rischi Approvvigionamenti Comunicazione Gruppitematici Gruppi di processi
  9. 9. UNI ISO 21500 Sintesi del modello dei processi di project management Avvio Pianificazione Esecuzione Controllo Chiusura Integrazione Stakeholders Ambito Tempi Costi Qualità Risorse Rischi Appovvigionamenti Comunicazione Gruppitematici Gruppi di processi Es.: Programmazione Progettazione Affidamento Esecuzione (Realizzazione)
  10. 10. UNI 11648 Attività professionali non regolamentate - Project manager - Definizione dei requisiti di conoscenza, abilità e competenza • Norma tecnica entrata in vigore a settembre 2016 • Segue lo schema generico di “competenze” previsto da UNI per le figure professionali secondo L.n. 4/2013, in linea con lo standard EQF (European Qualification Framework): – Conoscenze – Abilità – Capacità • Pone a base delle conoscenze la UNI ISO 21500:2013 “Guida alla gestione progetti (project management)” • Integra detto riferimento con altri elementi di competenza di abilità e capacità
  11. 11. Struttura UNI 11648 UNI 11648 UNI ISO 21500 Altre Competenze Conoscenze Requisiti Contesto Comportamentali
  12. 12. UNI 11648 Requisiti di sintesi:  Requisiti minimi di accesso al riconoscimento della qualifica di project manager (in particolare num. min. anni di esperienza: 2 PM negli ultimi 6 anni oppure 1 PM + 3 in Gruppo PM negli ultimi 10 anni)  Criteri per la definizione di Schemi di certificazione da parte OdC (organismo di certificazione / «terza parte»)  Prove di esame  Requisiti di mantenimento
  13. 13. Prove tipo di Certificazione • Prova scritta con 100 domande a risposta chiusa (2 h) • Prova scritta su “case study” (1 h) • Prova orale (min. 30 min) in particolare allo scopo di presentare una relazione di progetto gestito dal Candidato. • E’ previsto il riconoscimento di altre credenziali già esistenti di project management, allo scopo di abbreviare il percorso dell’esame tipo.
  14. 14. 1 Project manager nel settore pubblico (RUP) Evoluzione della specie • 1865 L.n. 2248 1895 RD n.350 • 1990 Legge 241 • 1994 Legge 109 1999 DPR 554 (Regolamento) • 2006 Legge n.163 2010 DPR 207 (Regolamento attuativo) • 2016 Nuovo Codice appalti D.Lgs.50 Linee Guida ANAC n.3 (Del.n.1096) Evoluzione della cultura internazionale Direttiva Europea UE 14/2014 Direttive 2004/17…/CE Stati Uniti Germania Francia Legge ad hoc negli Stati Uniti (12/2016)
  15. 15. 1 Project manager nel settore pubblico (RUP) • 1865 L.n. 2248 1895 RD n.350 • 1990 Legge 241 • 1994 Legge 109 1999 DPR 554 (Regolamento) • 2006 Legge n.163 2010 DPR 207 (Regolamento attuativo) • 2016 Nuovo Codice appalti D.Lgs.50 Linee Guida ANAC n.3 (Del.n.1096) Evoluzione della cultura internazionale Direttiva Europea UE 14/2014 Direttive 2004/17…/CE Stati Uniti Germania Francia Legge ad hoc negli Stati Uniti (12/2016)
  16. 16. 1 RUP Project Manager • Il D.Lgs. 50/2016 (nuovo Codice degli appalti) «risponde» alla Direttiva Europea sugli appalti appalti (UE 14/2014) che raccomanda l’istituzione di un «project leader» • La direttiva ANAC sul RUP (Responsabile Unico Procedimento): • richiede la «qualificazione di project manager» (progetti complessi) • specifica una serie di attività (ca. 60) tipiche del ruolo • individua le due principali aree di intervento («lavori» e «servizi»)
  17. 17. 1 RUP Project Manager e Stazione appaltante da leggere in chiave moderna di project management! • Il D.Lgs. 50/2016 integra e «completa» il ruolo operativo del RUP esplicitando in particolare i requisiti: • Struttura ‘’stabile’’ di supporto (Governance, Project Management Team) • Qualificazione delle stazioni appaltanti, anche tramite strutture di supporto e governo dei processi (Project Management Office) • Sviluppo e formazione nei nuovi sistemi informativi (BIM, Document Management, Project Management Information System) • Introduzione del «debat public» (Stakeholder Management)
  18. 18. Raccomandazioni linee guida ANAC «necessario enfatizzare le competenze di pianificazione e gestione dello sviluppo di specifici progetti, anche attraverso: • il coordinamento di tutte le risorse a disposizione, • gli interventi finalizzati ad assicurare l’unitarietà dell’intervento • il raggiungimento degli obiettivi nei tempi e nei costi previsti • la qualità delle prestazioni e il controllo dei rischi» «le stazioni appaltanti devono inserire, nei piani della formazione, specifici interventi rivolti al RUP, organizzati nel rispetto: • delle norme e degli standard di conoscenza internazionali e nazionali di project management, in materia di pianificazione, gestione e controllo dei progetti, • nonché di uso delle tecnologie e degli strumenti informatici».
  19. 19. Prospettive di sviluppo competenze / certificazione Project Manager nella PA Conoscenze disciplinari di base Qualificazione Certificazione (UNI 11648) Competenze progetti/programmi complessi esperienza (UNI ISO 21500) qualification demonstrated education, training and work experience, where applicable [ISO/IEC 17024:2012] certification third-party attestation related to persons [ISO/IEC 17000:2004] Memento:
  20. 20. Riferimenti • Norma UNI ISO 21500 - “Guida alla gestione progetti (project management)” • Norma tecnica UNI 11648 - ‘’Attività professionali non regolamentate - Project manager - Definizione dei requisiti di conoscenza, abilità e competenza’’ • ISO/IEC TS 17027:2014 – ‘’Conformity assessment — Vocabulary related to competence of persons used for certification of persons’’ • Guida P.L. - “Il Project Management secondo la norma UNI ISO 21500”, FrancoAngeli, 2015
  21. 21. La presente comunicazione esprime informazioni ed opinioni a titolo personale dell’autore e non impegna in alcun modo la posizione ufficiale dell’Ente italiano di normazione né del Gruppo di Lavoro UNI GdL13. Grazie pl.guida@alice.it

×