G. Perri - Processo di rilevazione e indagine di valutazione

15,313 views

Published on

Il processo di rilevazione di imprese e istituzioni non profit nelle Marche ha visto la consegna postale dell’86,6% dei questionari (l’81% in Italia), tasso di risposta dell’87,9% (84,9% in Italia)con una prevalenza del web (66,8%) nella risposta multicanale, in linea col dato nazionale.
La valutazione (espressa su una scala da 1 a 6) degli operatori sui diversi aspetti del processo è risultata ampiamente positiva sia con riferimento alle imprese (5,3) che al non profit (4,8), con particolare apprezzamento per SGR (5,8), restituzione multicanale (5,8) e liste precensuarie (5,5).

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
15,313
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

G. Perri - Processo di rilevazione e indagine di valutazione

  1. 1. Principali innovazioni e risultati del Censimento Censimento dell’industria e dei servizi 2011 ANDREA MANCINI Direttore del Dipartimento per i Censimenti e i registri amministrativi e statistici, Istat Processo di rilevazione e indagine di valutazione 9° Censimento dell’industria e dei servizi e Censimento delle Istituzioni non profit Check-up delle Marche alla luce dei dati censuari Giampietro Perri Ufficio territoriale per l’Emilia-Romagna e le Marche Istat Ancona, 19 giugno 2014
  2. 2. Introduzione Il Censimento dell’industria e dei servizi 2011 è stato caratterizzato da numerose innovazioni di metodo, tecniche e organizzative che hanno segnato una svolta nel percorso evolutivo dei censimenti economici italiani La realizzazione delle rilevazioni sulle imprese e sulle istituzioni non profit è stata affidata al sistema camerale all’interno del quale sono stati costituiti gli Uffici Provinciali di Censimento (UPC) coordinati dall’Ufficio di statistica di Unioncamere Le innovazioni introdotte e l’ottima performance della rete di rilevazione hanno permesso di anticipare rispetto al passato la restituzione delle informazioni Le nuove scelte adottate sono state sottoposte ad un’indagine di valutazione ex-post (IValCis) volta a conoscere il giudizio formulato dagli operatori censuari Ancona, 19 giugno 2014
  3. 3. Principali innovazioni di metodo e tecniche  Censimento assistito da archivi  Contenuti informativi inediti  Consegna da parte del vettore postale  Restituzione multicanale (con recupero mirato delle mancate risposte da parte dei rilevatori)  Utilizzo PEC e email per solleciti e diffide  Sistema di Gestione della Rilevazione (SGR) Ancona, 19 giugno 2014
  4. 4. La rete di rilevazione a livello nazionale 18 Uffici Regionali di Censimento 166 Responsabili Istat Territoriali Esecuzione delle operazioni censuarie e coordinamento di 2.917 operatori 103 Uffici Provinciali di Censimento 2 UNIONCAMERE Regionali 99 CCIAA Provinciali Servizi di statistica delle Province autonome di Trento e Bolzano 260.110 Imprese 481.473 Non profit Ancona, 19 giugno 2014
  5. 5. L’organizzazione della rete di rilevazione sul territorio Composizione delle risorse umane degli UPC, per profilo assegnato – Valori assoluti e percentuali Fonte : SGR Totale % interni alla CCIAA Media questionari per rilevatore Pesaro e Urbino 5 1 18 0 313 0 24 Ancona 4 2 19 0 376 0 25 Macerata 9 1 19 100 268 0 29 Ascoli Piceno 1 1 10 0 316 0 12 Fermo 6 1 10 0 293 0 17 Marche 25 6 76 23,3 315 0 107 Italia 268 193 2257 47 329 199 2917 UFFICIO PROVINCIALE DI CENSIMENTO Responsabile e altro personale di staff Coordinatori Rilevatori Operatori di back office Totale Ancona, 19 giugno 2014
  6. 6. La spedizione postale Esito della spedizione postale dei questionari per Ufficio Provinciale di Censimento – Valori percentuali sul totale delle unità in lista Ancona, 19 giugno 2014
  7. 7. La restituzione dei questionari compilati Andamento della restituzione dei questionari nelle Marche e in Italia – Valori percentuali Solleciti su 100 unità in lista: • Marche 77 • Italia 78 87,9 84,9 CHIUSURA ACCERTAMENTO Ancona, 19 giugno 2014
  8. 8. La restituzione dei questionari compilati Solleciti ai non rispondenti per periodo della rilevazione – Valori assoluti e percentuali sul totale dei solleciti del periodo A livello nazionale sono stati realizzati oltre 570 mila solleciti alle unità non rispondenti, di cui 276 mila via PEC (48 per cento). Nelle Marche, i solleciti sono stati circa 18.500, con un’incidenza dei solleciti elettronici (47 per cento) lievemente inferiore al dato nazionale. UFFICIO PROVINCIALE DI CENSIMENTO I Sollecito PEC (16-18/10/ 2012) II Sollecito PEC (16-19/11/2012) III Sollecito PEC (30/11/2012) Sollecito postale (6/11/2012) Totale (v.a.) Di cui imprese (%) Di cui non profit (%) Totale (v.a.) Di cui imprese (%) Di cui non profit (%) Pesaro e Urbino 1.078 94,7 5,3 618 418 2.342 12,6 87,4 Ancona 1.178 93,2 6,8 502 356 3.446 23,0 77,0 Macerata 819 96,0 4,0 329 236 2.481 21,0 79,0 Ascoli Piceno 432 87,3 12,7 169 125 1.595 19,1 80,9 Fermo 478 95,8 4,2 349 226 1.349 12,6 87,4 Marche 3.985 93,9 6,1 1.967 1.361 11.213 18,5 81,5 Italia 125.989 92,3 7,7 86.742 63.611 293.863 13,9 86,1 Ancona, 19 giugno 2014
  9. 9. La restituzione dei questionari compilati Questionari restituiti per canale e UPC – Valori percentuali Ancona, 19 giugno 2014
  10. 10. L’indagine di valutazione IValCIS  Periodo di rilevazione: dal 5 al 21 febbraio 2014  Rete di rilevazione: sedi territoriali Istat [d’intesa con Unioncamere Nazionale]  Unità di rilevazione: i 103 UPC costituiti sul territorio di rilevazione  Metodologia: somministrazione con modalità CAWI tramite il software open source LimeSurvey ai 103 UPC delle regioni e delle province autonome di un questionario di autovalutazione articolato in nove sezioni;  Tasso di risposta: 100 per cento! Ancona, 19 giugno 2014
  11. 11. Oggetto dell’indagine di valutazione Giudizio degli UPC su specifici aspetti della rilevazione censuaria:  a) grado di soddisfazione sullo svolgimento delle operazioni censuarie;  b) aspetti organizzativi;  c) formazione e assistenza tecnica ricevuta;  d) innovazioni nelle operazioni censuarie;  e) chiarezza dei questionari di rilevazione;  f) chiarezza ed efficacia dei materiali e strumenti di supporto alla rilevazione;  g) adeguatezza di SGR;  h) motivazioni dei tassi di restituzione per canale;  i) principali punti di forza e di debolezza e considerazioni prospettiche. Ancona, 19 giugno 2014
  12. 12. La mappa degli UPC Distribuzione in terzili per carico di unità medie per UPC (imprese e non profit) CIS 2011 Le Marche appartengono al secondo terzile Ancona, 19 giugno 2014
  13. 13. Principali risultati Grado di soddisfazione degli UPC per la rilevazione censuaria sulle imprese e sulle istituzioni non profit (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo)  valutazione elevata  differenza fra imprese e non profit Ancona, 19 giugno 2014
  14. 14. Aspetti organizzativi Organizzazione generale (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo)  valori in linea con la media nazionale  qualche differenza su adeguatezza numerica personale UPC Ancona, 19 giugno 2014
  15. 15. Aspetti operativi Formazione ricevuta (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) livello di gradimento elevato  valori superiori alla media nazionale Ancona, 19 giugno 2014
  16. 16. Aspetti operativi Assistenza ricevuta (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) giudizio positivo  nelle Marche valori più elevati della media Ancona, 19 giugno 2014
  17. 17. Aspetti operativi Grado d’influenza delle principali innovazioni sulla riuscita delle operazioni censuarie (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo)  valutazioni positive per tutte le innovazioni  migliori di quelle nazionali  emergono SGR, liste precensurie e multicanalità Ancona, 19 giugno 2014
  18. 18. Strumenti Grado di adeguatezza di SGR come supporto alla rilevazione censuaria (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo)  valutazione elevata  gradimento superiore a quello nazionale Ancona, 19 giugno 2014
  19. 19. Un quadro di sintesi Valutazioni sintetiche (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo)  Valutazione migliore: formazione  Su formazione ed innovazioni giudizi migliori di quelli medi nazionali Ancona, 19 giugno 2014
  20. 20. Le prospettive Grado d’interesse dell’Ente camerale nei confronti del CIS e grado di utilità del coinvolgimento dell’Ente nelle future rilevazioni censuarie (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) (*) La dimensione delle bolle è proporzionale al numero medio di unità per UPC nell’ambito delle regioni. La rete di rilevazione appare consolidata Ancona, 19 giugno 2014
  21. 21. Grazie per la vostra attenzione! Giampietro Perri giaperri@istat.it Ancona, 19 giugno 2014

×