U. Ascoli, E. Pavolini - Le organizzazioni non profit nelle molte Italie: esistono specificità territoriali?

27,076 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
27,076
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
351
Actions
Shares
0
Downloads
35
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

U. Ascoli, E. Pavolini - Le organizzazioni non profit nelle molte Italie: esistono specificità territoriali?

  1. 1. Le organizzazioni non profit nelle molte Italie: esistono specificità territoriali? Prof. Ugo Ascoli (Univ. Politecnica delle Marche) Prof. Emmanuele Pavolini (Univ. Macerata) Roma 16 Aprile 2014 Si ringrazia l’Istat ed in particolare il Dr. Massimo Lori per aver elaborato e fornito i dati alla base delle presentazione
  2. 2. Obiettivi e metodologia 1. Valutare se e quanto il fenomeno nonprofit vari a seconda del contesto territoriale (macro-)regionale 2. Per quali dimensioni è maggiore o minore l’omogeneità territoriale 3. Quali sono i principali cluster territoriali che distinguono l’azione del nonprofit in Italia Metodologia: a. Analisi dei coefficienti di variazione a livello regionale b. Analisi delle differente fra macro-ripartizioni c. Cluster analysis a livello regionale d. Controllo dei risultati per settore di attività e presenza di volontari
  3. 3. Dimensioni del nonprofit italiano analizzate 1. Struttura organizzativa 2. Modello di governo e di partecipazione dei soci 3. Attività e loro organizzazione 4. Risorse umane 5. Risorse economiche 6. Reti
  4. 4. Dimensioni Indicatori (%) Struttura organizzativa Associazione riconosciuta Associazione non riconosciuta % Coop sociali Tipo A su tot. Coop. Modello di governo e partecipazione NP con soci/associati con diritto di voto NP con 3 o + assemblee all'anno NP con partecipanti assemblee >75% NP con organo direttivo Attività e loro organizzazione Continuità attività tutto anno NP con servizi destinati solo ai soci/associati NP con ambito territoriale comunale Cultura, sport e ricreazione Attività sportive Attività ricreative e di socializzazione Sanità e servizi sociali NP con unica unità locale Risorse umane NP con volontari NP con almeno 20 volontari Incidenza media volontari laureati su tot. volontari Incidenza media volontari >54 anni su tot. volontari Incidenza media volontari < 30 anni su tot. volontari Incidenza media volontari occupati su tot. volontari NP con stranieri in organico NP con lavoratori retribuiti Risorse economiche NP con bilancio per competenza economica NP con bilancio per cassa NP con entrate in euro < 5.000 NP con entrate in euro > 250.000 NP con finanziamenti da progetti Reti NP in Associazioni nazionali di secondo livello NP con patti/intese con istituzioni/imprese pubbliche NP con patti/intese con istituzioni non profit NP con patti/intese con imprese private
  5. 5. 5 Dimensioni a maggiore omogeneità interregionale e per ripartizione: le reti Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud Isole NP in Associazioni nazionali di secondo livello 61,4 62,1 60,2 60,8 63,3 NP con patti/intese con istituzioni/imprese pubbliche 21,6 21,8 21,9 19,1 19,3 NP con patti/intese con istituzioni non profit 16,5 15,8 16,4 15,7 14,9 NP con patti/intese con imprese private 7,4 8,2 9,1 7,4 6,6
  6. 6. Dimensioni a parziale omogeneità interregionale e per ripartizione: le attività e la loro organizzazione; la struttura organizzativa Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud Isole Continuità attività tutto anno 75,7 74,9 72,6 68,4 70,9 NP con servizi destinati solo ai soci/associati 38,5 39,4 41,6 39,7 37,6 Cultura, sport e ricreazione 16,8 18,0 18,9 18,8 17,8 Attività sportive 30,3 31,6 30,5 30,2 32,2 Attività ricreative e di socializzazione 16,8 18,4 15,9 14,1 13,2 Sanità e servizi sociali 11,3 8,3 9,4 10,8 12,1 NP con unica unità locale 92,4 93,1 93,1 95,3 94,6 NP con ambito territoriale comunale 65,1 65,9 65,9 67,6 66,7 Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud Isole Incidenza associazioni riconosciute su tot NP 23,4 21,1 23,0 23,2 23,2 Incidenza associazioni non riconosciute su tot NP 65,0 69,5 67,3 65,2 66,2 Incidenza Coop sociali Tipo A su tot cooperative sociali 62,6 58,8 50,9 61,2 68,3
  7. 7. Dimensioni a minore omogeneità interregionale e per ripartizione: i modelli di governo e di partecipazione; le risorse umane Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud Isole NP con soci/associati con diritto di voto 95,8 96,8 97,0 97,5 98,0 NP con 3 o + assemblee all'anno 19,3 18,1 22,3 27,0 27,9 NP con partecipanti assemblee >75% del totale soci 41,0 40,6 45,9 53,5 54,5 NP con organo direttivo 95,2 95,4 93,7 93,6 95,0 Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud Isole NP con volontari 83,6 86,3 78,5 74,3 75,4 NP con almeno 20 volontari 38,0 37,6 38,3 34,8 34,2 Incidenza media volontari laureati su tot. volontari 19,5 17,8 24,4 24,5 22,6 Incidenza media volontari >54 anni su tot. volontari 41,2 40,3 36,1 27,7 28,5 Incidenza media volontari < 30 anni su tot. volontari 16,8 17,2 20,1 26,1 25,4 Incidenza media volontari occupati su tot. volontari 54,8 56,4 55,9 51,4 49,8 NP con stranieri in organico 5,2 5,7 6,1 2,4 2,4 NP con lavoratori retribuiti 21,7 19,4 22,2 20,7 21,8
  8. 8. Dimensioni a minore omogeneità interregionale e per ripartizione: le risorse finanziarie Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud Isole NP con bilancio per competenza economica 22,4 21,4 23,5 18,6 21,2 NP con bilancio per cassa 73,0 74,4 72,1 78,2 75,9 NP con entrate in euro < 5.000 30,6 30,2 31,4 40,3 39,2 NP con entrate in euro > 250.000 9,3 7,9 8,7 5,3 6,0 NP con finanziamenti da progetti 8,3 8,9 8,5 6,7 6,9 Incidenza sulle entrate dei finanziamenti da progetti 39,3 39,3 45,2 54,0 56,5
  9. 9. Il nonprofit fra modelli di partecipazione volontaria bonding e bridging: limitate differenze territoriali Si è creato indicatore che misura quanto in ogni organizzazione i volontari tendano ad essere simili fra loro per una serie di caratteristiche (genere, età, livello di istruzione, nazionalità, condizione professionale) Indice varia da 0 (massimo livello di «Bonding») a 1 (massimo livello di «Bridging») (Putnam) Nord Ovest Nord Est Centro Sud Isole 0,336 0,334 0,336 0,322 0,325
  10. 10. Quante Italie del nonprofit? Accanto a molti elementi di omogeneità, ve ne sono vari di eterogeneità territoriale Rispetto solo a questi ultimi (risorse impiegate, modelli di partecipazione, continuità nelle attività) si è effettuata cluster analysis gerarchica (metodo Ward) Risultati: 1. Emergono chiaramente due cluster regionali distinti: - Centro-Nord (senza Lazio) - Mezzogiorno (senza Sardegna) 2. Lazio e Sardegna sono due regioni «cerniera» nel senso che mescolano caratteristiche di entrambi i modelli; il Lazio in particolare presenta spesso tratti sui generis
  11. 11. Centro-Nord (senza Lazio) Mezzogiorno (senza Sardegna) Lazio Sardegna Continuità attività tutto anno 73,4 68,9 70,4 73,8 NP con 3 o + assemblee all'anno 19,7 27,3 21,8 32,2 NP con partecipanti assemblee >75% 41,2 54,1 50,9 52,2 NP con volontari 84,9 74,1 68,7 78,5 NP con almeno 20 volontari 38,1 34,5 37,2 35,5 NP con stranieri in organico 5,5 2,4 5,4 2,6 Incidenza media volontari < 30 anni 17,2 26,4 22,4 20,3 Incidenza media volontari laureati 19,8 24,6 30,8 16,5 Incidenza media volontari occupati 55,6 51,0 55,5 51,8 NP con entrate in euro < 5.000 30,6 40,7 29,6 33,2 NP con entrate in euro > 250.000 8,2 5,5 12,3 6,3 NP con finanziamenti da progetti 8,5 6,6 10,0 7,8
  12. 12. Conclusioni 1. Vi sono molte somiglianze nei tratti assunti dal nonprofit in Italia a prescindere dal territorio in cui sono insediate le organizzazioni 2. Le differenze principali riguardano: - le risorse finanziarie (più robuste al Centro-Nord) - le risorse umane (maggiore diffusione dei volontari al Centro- Nord; più giovani ed istruiti, ma in organizzazioni più piccole e meno occupati nel Mezzogiorno) (volontari al Nord meno interessati al rapporto fra volontariato e mercato del lavoro?) - la partecipazione ai processi decisionali (più diffusa nel Mezzogiorno) 3. Emergono due cluster regionali distinti (Centro-Nord e Mezzogiorno) con due regioni «cerniera» (Lazio e Sardegna) 4. I risultati sono confermati quando li si verificano tenendo presente il settore di attività e la presenza di volontari

×