Successfully reported this slideshow.
Agrigento, 16 giugno 2014
Processo di rilevazione
e indagine di valutazione
Anna Pia M. Mirto
Ufficio territoriale per la ...
Sommario
 Introduzione
 Innovazioni di metodo e tecniche dei censimenti economici
 Organizzazione della rete di rilevaz...
Introduzione
Il Censimento dell’industria e dei servizi 2011 è stato caratterizzato da numerose innovazioni di metodo, tec...
Principali innovazioni
 Censimento assistito da archivi
 Contenuti informativi inediti
 Consegna da parte del vettore p...
La rete di rilevazione a livello nazionale
18 Uffici Regionali di Censimento
166 Responsabili Istat Territoriali
Esecuzion...
L’organizzazione della rete di rilevazione in Sicilia
Composizione delle risorse umane degli UPC, per profilo assegnato –
...
La spedizione postale
Esito della spedizione postale dei questionari per Ufficio Provinciale di Censimento –
Valori percen...
La restituzione dei questionari compilati
Andamento della restituzione dei questionari in Sicilia e in Italia per periodo ...
La restituzione dei questionari compilati
Solleciti ai non rispondenti per periodo della rilevazione –
Valori assoluti e p...
La restituzione dei questionari compilati
Questionari restituiti per canale e UPC – Valori assoluti, percentuali e posizio...
L’indagine di valutazione IValCIS
 Periodo di rilevazione: dal 5 al 21 febbraio 2014
 Rete di rilevazione: sedi territor...
La mappa degli UPC
Distribuzione in terzili per carico di unità medie per UPC (imprese e non profit)
CIS 2011
La Sicilia
a...
Principali risultati
Grado di soddisfazione degli UPC per la rilevazione censuaria sulle imprese e sulle
istituzioni non p...
Principali risultati
Grado di adeguatezza degli Upc sugli aspetti organizzativi
(valori medi nella scala da 1 = minimo a 6...
Principali risultati
Grado di soddisfazione degli UPC per la formazione ricevuta
(valori medi nella scala da 1 = minimo a ...
Principali risultati
Grado di soddisfazione degli UPC per l’assistenza ricevuta dall’URC e dall’Istat centrale
(valori med...
Principali risultati
Grado d’influenza delle principali innovazioni sulla riuscita delle operazioni
censuarie (valori medi...
Principali risultati
Grado di utilità delle innovazioni adottate nella rilevazione imprese e non profit
(valori medi nella...
1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0
1.Proprietà contr. Gest.
2. Risorse umane
3. Relazioni dell'impresa
4. Mercato
5. Innovazione
6. F...
Principali risultati
Grado di chiarezza ed efficacia dei materiali di supporto alla rilevazione
censuaria (valori medi nel...
Principali risultati
Grado di adeguatezza di SGR come supporto alla rilevazione censuaria
(valori medi nella scala da 1 = ...
Principali risultati
Grado d’interesse dell’Ente camerale nei confronti del CIS e grado di utilità del
coinvolgimento dell...
Principali risultati
Il diamante del CIS 2011 – Sicilia e Italia
(valori medi nella scala da 1 = soddisfazione minima a 6 ...
Grazie per l’attenzione.
mirto@istat.it
Agrigento, 16 giugno 2014
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Anna Pia M. Mirto - Processo di rilevazione e indagine di valutazione

25,386 views

Published on

Il processo della rilevazione CIS 2011 è stato caratterizzato da numerose innovazioni. Si è trattato di un censimento paperless per le istituzioni pubbliche mentre per le altre unità la restituzione è stata multicanale: Web (58%), Rilevatori (24%), CCIAA (12%) e Uffici postali (6%). Il tasso di risposta del censimento imprese e non profit è stato dell’83% (85% in Italia).
Le nuove scelte adottate sul fronte organizzativo e metodologico sono state sottoposte a un’indagine di valutazione ex-post (IValCIS) volta a conoscere il giudizio formulato dagli operatori censuari attraverso la somministrazione di un questionario web alle CCIAA. La valutazione degli operatori (nella scala da 1 a 6) è risultata elevata sia con riferimento alle imprese (5,6) che al non profit (5,4). Il principale punto di forza ha riguardato l’organizzazione generale (5,8).

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Anna Pia M. Mirto - Processo di rilevazione e indagine di valutazione

  1. 1. Agrigento, 16 giugno 2014 Processo di rilevazione e indagine di valutazione Anna Pia M. Mirto Ufficio territoriale per la Sicilia Istat 9° Censimento dell’industria e dei servizi e Censimento delle Istituzioni non profit Check-up della Sicilia alla luce dei dati censuari
  2. 2. Sommario  Introduzione  Innovazioni di metodo e tecniche dei censimenti economici  Organizzazione della rete di rilevazione  Esito della spedizione postale  Restituzione dei questionari compilati  Aspetti generali dell’indagine IValCIS: metodologia e unità di rilevazione  Oggetto dell’indagine di valutazione  Principali risultati per la Sicilia Agrigento, 16 giugno 2014
  3. 3. Introduzione Il Censimento dell’industria e dei servizi 2011 è stato caratterizzato da numerose innovazioni di metodo, tecniche e organizzative che hanno segnato una svolta nel percorso evolutivo dei censimenti economici italiani La realizzazione delle rilevazioni sulle imprese e sulle istituzioni non profit è stata affidata al sistema camerale all’interno del quale sono stati costituiti gli Uffici Provinciali di Censimento (UPC) coordinati dall’Ufficio di statistica di Unioncamere Le innovazioni introdotte e l’ottima performance della rete di rilevazione hanno permesso di anticipare rispetto al passato la restituzione delle informazioni Le nuove scelte adottate sono state sottoposte a un’indagine di valutazione ex-post (IValCIS) volta a conoscere il giudizio formulato dagli operatori censuari Agrigento, 16 giugno 2014
  4. 4. Principali innovazioni  Censimento assistito da archivi  Contenuti informativi inediti  Consegna da parte del vettore postale  Restituzione multicanale (con recupero mancate risposte da parte dei rilevatori)  Utilizzo PEC ed e-mail per solleciti e diffide  Sistema di Gestione della Rilevazione (SGR) Agrigento, 16 giugno 2014
  5. 5. La rete di rilevazione a livello nazionale 18 Uffici Regionali di Censimento 166 Responsabili Istat Territoriali Esecuzione delle operazioni censuarie e coordinamento di 2.917 operatori 103 Uffici Provinciali di Censimento 2 UNIONCAMERE Regionali 99 CCIAA Provinciali Servizi di statistica delle Province autonome di Trento e Bolzano Agrigento, 16 giugno 2014
  6. 6. L’organizzazione della rete di rilevazione in Sicilia Composizione delle risorse umane degli UPC, per profilo assegnato – Valori assoluti e percentuali UFFICI O PROVINCIALE DI CENSIMENTO Responsabile e altro personale di staff Coordinatori Rilevatori Operatori di back office Totale Totale % interni alla CCIAA Media questionari per rilevatore Trapani 4 2 15 50,0 297 3 24 Palermo 1 4 37 100,0 305 3 45 Messina 1 2 23 91,3 302 3 29 Agrigento 2 2 14 100,0 318 7 25 Caltanissetta 1 1 9 100,0 302 9 20 Enna 1 1 6 33,3 307 0 8 Catania 1 3 30 100,0 339 5 39 Ragusa 1 1 12 100,0 282 1 15 Siracusa 1 1 16 100,0 252 0 18 Sicilia 13 17 162 90,1 304 31 223 Italia 268 193 2.257 47,0 329 199 2.917 Fonte: SGR Agrigento, 16 giugno 2014
  7. 7. La spedizione postale Esito della spedizione postale dei questionari per Ufficio Provinciale di Censimento – Valori percentuali sul totale delle unità in lista La spedizione dei questionari alle imprese e alle istituzioni non profit presenti nelle liste pre-censuarie è stata realizzata da Poste Italiane a partire dal 3 settembre 2012. La consegna dei questionari in Sicilia ha avuto un esito positivo nel 74 per cento dei casi (media italiana 81 per cento). Imprese 91% (92% Italia), Non profit 68% (75% Italia). Agrigento, 16 giugno 2014
  8. 8. La restituzione dei questionari compilati Andamento della restituzione dei questionari in Sicilia e in Italia per periodo della rilevazione – Variazioni percentuali tra periodi di rilevazione 20-set 27-set 08-ott 15-ott 22-ott 29-ott 05-nov 12-nov 19-nov 26-nov 03-dic 10-dic 17-dic 20-dic 28-feb Sicilia 2,5 4,4 8,2 11,2 15,6 19,5 22,0 27,6 31,7 36,9 45,9 53,0 61,7 72,4 82,8 Italia 4,2 7,4 13,6 17,9 24,4 29,3 32,5 37,6 41,6 46,6 54,9 60,7 68,2 77,2 84,9 CHIUSURA rilevazione di campo Accertamenti violazione obbligo risposta Agrigento, 16 giugno 2014
  9. 9. La restituzione dei questionari compilati Solleciti ai non rispondenti per periodo della rilevazione – Valori assoluti e percentuali sul totale dei solleciti del periodo UFFICIO PROVINCIALE DI CENSIMENTO I Sollecito PEC (16-18/10/ 2012) II Sollecito PEC (16-19/11/2012) III Sollecito PEC (30/11/2012) Sollecito postale (6/11/2012)    Totale (v.a.) Di cui imprese (%) Di cui non profit (%) Totale (v.a.) Di cui imprese (%) Di cui non profit (%)    Trapani 630 86,8 13,2 428 326 2.039 15,4 84,6 Palermo 1.499 81,5 18,5 1.210 980 4.774 15,5 84,5 Messina 759 80,6 19,4 595 495 3.298 15,7 84,3 Agrigento 510 76,9 23,1 398 267 2.014 10,5 89,5 Caltanissetta 307 84,4 15,6 240 182 1.323 13,2 86,8 Enna 153 75,2 24,8 116 94 853 9,1 90,9 Catania 1.719 79,4 20,6 1.393 1.036 6.437 11,0 89,0 Ragusa 502 85,3 14,7 361 260 1.486 15,6 84,4 Siracusa 510 88,0 12,0 400 308 2.724 10,0 90,0 Sicilia 6.589 81,8 18,2 5.141 3.948 24.948 13,0 87,0   Italia 125.989 92,3 7,7 86.742 63.611 293.863 13,9 86,1   A livello nazionale sono stati realizzati oltre 570 mila solleciti alle unità non rispondenti, di cui 276 mila via PEC (48 per cento). In Sicilia, i solleciti sono stati circa 41 mila, con un’incidenza dei solleciti elettronici (39 per cento) inferiore al dato nazionale. Agrigento, 16 giugno 2014
  10. 10. La restituzione dei questionari compilati Questionari restituiti per canale e UPC – Valori assoluti, percentuali e posizione nella graduatoria nazionale per tasso di restituzione dei questionari via web UFFICIO PROVINCIALE DI CENSIMENTO Web Uffici postali UPC Rilevatori Totale v.a. % Pos. v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % Trapani 1.956 54,4 87° 262 7,3 496 13,8 879 24,5 3.593 100.0 Palermo 5.018 54,2 88° 463 5,0 1.214 13,1 2.556 27,6 9.251 100.0 Messina 3.771 72,5 13° 484 9,3 410 7,9 539 10,4 5.204 100.0 Agrigento 1.677 41,0 102° 306 7,5 230 5,6 1.878 45,9 4.091 100.0 Caltanissetta 1.473 63,9 51° 171 7,4 354 15,4 308 13,4 2.306 100.0 Enna 637 37,6 104° 126 7,4 205 12,1 725 42,8 1.693 100.0 Catania 5.314 64,3 49° 306 3,7 912 11,0 1.729 20,9 8.261 100.0 Ragusa 1.864 63,1 54° 91 3,1 311 10,5 686 23,2 2.952 100.0 Siracusa 2.075 60,3 66° 238 6,9 663 19,3 463 13,5 3.439 100.0 Sicilia 23.785 58,3 - 2.447 6,0 4.795 11,8 9.763 23,9 40.790 100.0 Italia 418.385 66,4 - 69.987 11,1 86.701 13,8 54.687 8,7 629.760 100,0 Agrigento, 16 giugno 2014
  11. 11. L’indagine di valutazione IValCIS  Periodo di rilevazione: dal 5 al 21 febbraio 2014  Rete di rilevazione: sedi territoriali Istat [d’intesa con Unioncamere Nazionale]  Unità di rilevazione: i 103 UPC costituiti sul territorio di rilevazione  Metodologia: somministrazione con modalità CAWI tramite il software open source LimeSurvey ai 103 UPC delle regioni e delle province autonome di un questionario di autovalutazione articolato in nove sezioni  Contenuti informativi: processo di rilevazione, formazione ricevuta, giudizio sulle innovazioni, chiarezza questionari e materiali, SGR, prospettive future  Tasso di risposta: 100 per cento!  Analisi: per regione, media Italia e ripartizione, terzile di riferimento. Agrigento, 16 giugno 2014
  12. 12. La mappa degli UPC Distribuzione in terzili per carico di unità medie per UPC (imprese e non profit) CIS 2011 La Sicilia appartiene al secondo terzile La Sicilia appartiene al secondo terzile Agrigento, 16 giugno 2014
  13. 13. Principali risultati Grado di soddisfazione degli UPC per la rilevazione censuaria sulle imprese e sulle istituzioni non profit e per il personale impegnato (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Sicilia Sud e Isole Italia Grado soddisfazione UPC Non profit Imprese 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Rilevatori interni Rilevatori esterni Coordinatori Back office Altro Grado soddisfazione per il Personale UPC Sicilia Italia I giudizi per gli UPC della Sicilia sono più favorevoli rispetto a quelli medi della ripartizione di appartenenza e dell’Italia in complesso. Il grado di soddisfazione degli operatori degli UPC siciliani è superiore al dato nazionale: in particolare, per i rilevatori esterni il grado di soddisfazione è più elevato rispetto a quelli interni e che, tra le diverse figure di personale, i coordinatori sono quelli “meno soddisfatti”. I giudizi per gli UPC della Sicilia sono più favorevoli rispetto a quelli medi della ripartizione di appartenenza e dell’Italia in complesso. Il grado di soddisfazione degli operatori degli UPC siciliani è superiore al dato nazionale: in particolare, per i rilevatori esterni il grado di soddisfazione è più elevato rispetto a quelli interni e che, tra le diverse figure di personale, i coordinatori sono quelli “meno soddisfatti”. Agrigento, 16 giugno 2014
  14. 14. Principali risultati Grado di adeguatezza degli Upc sugli aspetti organizzativi (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) Giudizi più favorevoli per gli UPC delle regioni del 2° terzile: standard organizzativo più bilanciato tra le risorse impiegate e le unità rilevate. Giudizi più favorevoli per gli UPC delle regioni del 2° terzile: standard organizzativo più bilanciato tra le risorse impiegate e le unità rilevate. Agrigento, 16 giugno 2014
  15. 15. Principali risultati Grado di soddisfazione degli UPC per la formazione ricevuta (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) I giudizi degli UPC delle regioni appartenenti al secondo terzile (cui peraltro appartiene la Sicilia) più favorevoli degli altri due gruppi. I giudizi degli UPC delle regioni appartenenti al secondo terzile (cui peraltro appartiene la Sicilia) più favorevoli degli altri due gruppi. Agrigento, 16 giugno 2014
  16. 16. Principali risultati Grado di soddisfazione degli UPC per l’assistenza ricevuta dall’URC e dall’Istat centrale (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tempestività Risoluzione problematiche URC Italia Sicilia 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tempestività Risoluzione problematiche ISTAT Italia Sicilia Gli UPC della Sicilia sono assolutamente soddisfatti dell’assistenza ricevuta dall’URC sia per la risoluzione delle problematiche (5,6) sia in termini di tempestività (5,3); le valutazioni sono, inoltre, più favorevoli rispetto a quelle registrate mediamente dalle altre regioni d’Italia. Anche con riferimento all’assistenza ricevuta dall’Istat centrale si registra un giudizio ampiamente favorevole in termini sia di tempestività (5,8) che di risoluzione delle problematiche (5,7). Gli UPC della Sicilia sono assolutamente soddisfatti dell’assistenza ricevuta dall’URC sia per la risoluzione delle problematiche (5,6) sia in termini di tempestività (5,3); le valutazioni sono, inoltre, più favorevoli rispetto a quelle registrate mediamente dalle altre regioni d’Italia. Anche con riferimento all’assistenza ricevuta dall’Istat centrale si registra un giudizio ampiamente favorevole in termini sia di tempestività (5,8) che di risoluzione delle problematiche (5,7). Agrigento, 16 giugno 2014
  17. 17. Principali risultati Grado d’influenza delle principali innovazioni sulla riuscita delle operazioni censuarie (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) Gli UPC delle regioni appartenenti al terzile centrale registrano valutazioni più favorevoli rispetto al gradimento delle innovazioni, apprezzando particolarmente la restituzione multicanale. Gli UPC delle regioni appartenenti al terzile centrale registrano valutazioni più favorevoli rispetto al gradimento delle innovazioni, apprezzando particolarmente la restituzione multicanale. Agrigento, 16 giugno 2014
  18. 18. Principali risultati Grado di utilità delle innovazioni adottate nella rilevazione imprese e non profit (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Modellidiversi Q-S e Q-X Restituzione multicanale Utilizzo info da archivio Utilizzo PEC Imprese Italia Sicilia 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Contenuti nuovi Registrazione ul Utilizzo info da archivio Utilizzo PEC Non profit Italia Sicilia Le innovazioni che si accreditano con il maggiore grado di utilità tra gli UPC della Sicilia sono la restituzione multicanale nella rilevazione sulle imprese e la registrazione delle unità locali per il non profit. Da segnalare inoltre che, le valutazioni per la regione sono più favorevoli rispetto a quelle medie nazionali. I giudizi meno lusinghieri vengono espressi, invece, nei riguardi dello scarso utilizzo della Pec da parte delle istituzioni non profit (4,1). Le innovazioni che si accreditano con il maggiore grado di utilità tra gli UPC della Sicilia sono la restituzione multicanale nella rilevazione sulle imprese e la registrazione delle unità locali per il non profit. Da segnalare inoltre che, le valutazioni per la regione sono più favorevoli rispetto a quelle medie nazionali. I giudizi meno lusinghieri vengono espressi, invece, nei riguardi dello scarso utilizzo della Pec da parte delle istituzioni non profit (4,1). Agrigento, 16 giugno 2014
  19. 19. 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 1.Proprietà contr. Gest. 2. Risorse umane 3. Relazioni dell'impresa 4. Mercato 5. Innovazione 6. Finanza 7. Internaz. Prod. Imprese Italia Sicilia 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 1. Statodi attività 2. Struttura organizz. 3. Risorse umane 4. Risorse economiche 5. Attività 6. Struttura terr. : UL Non profit Italia Sicilia Principali risultati Grado di chiarezza dei contenuti informativi del questionario della rilevazione imprese e non profit (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) Per le imprese, i contenuti informativi del questionario presentano in Sicilia una certa omogeneità di valutazione del grado di chiarezza delle diverse sezioni, con apprezzamenti lievemente più elevati per la Sezione delle “Risorse umane”. Per le non profit, i contenuti informativi del questionario presentano una maggiore variabilità nella percezione del livello di chiarezza delle diverse sezioni: la 5 sulle “Attività” è risultata la più chiara nei giudizi degli UPC siciliani (5,3), la sezione 4 sulle “Risorse economiche” la meno chiara riguardo la formulazione dei quesiti. Per le imprese, i contenuti informativi del questionario presentano in Sicilia una certa omogeneità di valutazione del grado di chiarezza delle diverse sezioni, con apprezzamenti lievemente più elevati per la Sezione delle “Risorse umane”. Per le non profit, i contenuti informativi del questionario presentano una maggiore variabilità nella percezione del livello di chiarezza delle diverse sezioni: la 5 sulle “Attività” è risultata la più chiara nei giudizi degli UPC siciliani (5,3), la sezione 4 sulle “Risorse economiche” la meno chiara riguardo la formulazione dei quesiti. Agrigento, 16 giugno 2014
  20. 20. Principali risultati Grado di chiarezza ed efficacia dei materiali di supporto alla rilevazione censuaria (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) Gli UPC delle regioni del terzile intermedio apprezzano soprattutto le Circolari e la Newsletter (5,1). Gli UPC delle regioni del terzile intermedio apprezzano soprattutto le Circolari e la Newsletter (5,1). Agrigento, 16 giugno 2014
  21. 21. Principali risultati Grado di adeguatezza di SGR come supporto alla rilevazione censuaria (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) Le percezioni nei tre gruppi di terzili segnalano,un giudizio sui livelli di adeguatezza di SGR crescente al crescere della complessità organizzativa degli UPC. Le percezioni nei tre gruppi di terzili segnalano,un giudizio sui livelli di adeguatezza di SGR crescente al crescere della complessità organizzativa degli UPC. Agrigento, 16 giugno 2014
  22. 22. Principali risultati Grado d’interesse dell’Ente camerale nei confronti del CIS e grado di utilità del coinvolgimento dell’Ente nelle future rilevazioni censuarie* (valori medi nella scala da 1 = minimo a 6 = massimo) (*) La dimensione delle bolle è proporzionale al numero medio di unità per UPC nell’ambito delle regioni. La Sicilia si posiziona nella parte destra del primo quadrante, dimostrando un elevato interesse alle possibili future occasioni di rilevazione nel settore. La Sicilia si posiziona nella parte destra del primo quadrante, dimostrando un elevato interesse alle possibili future occasioni di rilevazione nel settore. Agrigento, 16 giugno 2014
  23. 23. Principali risultati Il diamante del CIS 2011 – Sicilia e Italia (valori medi nella scala da 1 = soddisfazione minima a 6 = soddisfazione massima) 5,5 5,8 4,6 5,1 1 2 3 4 5 6 Soddisfazione UPC Sicilia Organizzazione Innovazioni Formazione 5,3 5,3 4,3 4,6 1 2 3 4 5 6 Soddisfazione UPC Italia Organizzazione Innovazioni Formazione Gli aspetti organizzativi si confermano tra i principali punti di forza della rilevazione, il giudizio sulle innovazioni è invece di interpretazione non univoca: premia l’utilizzo di SGR ma segnala criticità nell’utilizzo delle liste precensuarie soprattutto per il non profit e nella consegna dei questionari da parte del vettore postale. Il grado generale di soddisfazione degli UPC della Sicilia è ancora più positivo di quello nazionale e i giudizi sulla formazione sono più favorevoli rispetto a quelli mediamente espressi dal resto d’Italia Gli aspetti organizzativi si confermano tra i principali punti di forza della rilevazione, il giudizio sulle innovazioni è invece di interpretazione non univoca: premia l’utilizzo di SGR ma segnala criticità nell’utilizzo delle liste precensuarie soprattutto per il non profit e nella consegna dei questionari da parte del vettore postale. Il grado generale di soddisfazione degli UPC della Sicilia è ancora più positivo di quello nazionale e i giudizi sulla formazione sono più favorevoli rispetto a quelli mediamente espressi dal resto d’Italia Agrigento, 16 giugno 2014
  24. 24. Grazie per l’attenzione. mirto@istat.it Agrigento, 16 giugno 2014

×