Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Livio Lo Verso Le cessazioni dei contratti a tempo indeterminato al tempo del Jobs Act

44,434 views

Published on

MILeS2016 | Milano, 5 ottobre 2016 - Impresa, Lavoro e Società 2016
Ad un anno di distanza dall'introduzione del contratto a tutele crescenti, attraverso la lettura delle
comunicazioni obbligatorie di avviamento e cessazione di Città Metropolitana di Milano, vengono cercati i
primi effetti sulla durata dei nuovi rapporti di lavoro. Sebbene l'efficacia della nuova normativa potrà essere
valutata pienamente solo al termine della erogazione della agevolazione fiscale collegata, già adesso si
riscontrano alcuni significavi effetti. L'analisi effettuata considera gli avviamenti del trimestre marzo-aprilemaggio
2015, i primi con il nuovo regime, comparandoli con il medesimo periodo dell'anno precedente,
verificando sia i volumi che le durate dei contratti stipulati nei due periodi. I dati del trimestre dell'anno in
corso vengono presentati come ulteriore comparazione, ma non possono essere impiegati per validare la
tenuta temporale (eccetto marzo). Rispetto alla mera analisi del rapporto tra avviamenti e cessazioni, si
evidenzia come la variazione legislativa abbia rivitalizzato questa forma contrattuale, anche dal punto di vista
del saldo tra avviamenti e cessazioni. Probabilmente a causa del limitato periodo di osservazione l'effetto
maggiore ed incontrovertibile lo si registra nella ricomposizione delle cause di cessazione con la netta crescita dei licenziamenti individuali.

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Livio Lo Verso Le cessazioni dei contratti a tempo indeterminato al tempo del Jobs Act

  1. 1. “Le cessazioni dei contratti a tempo indeterminato al tempo del Jobs Act” Livio Lo Verso (l.loverso@cittametropolitana.milano.it) Osservatorio Mercato del Lavoro Andamento complessivo degli avviamenti e delle cessazioni a tempo indeterminato Nei tre trimestri considerati i volumi complessivi degli avviamenti e cessazioni dei contratti a tempo indeterminato sono variati significativamente. Solo nel 2014, prima dell'introduzione del contratto a tutele crescenti il saldo tra i due valori è stato negativo. Per un approfondimento si veda il sito dell'OML: Job Trend e l'approfondimento dedicato presentato in Università Bicocca A) - Lo studio ha consentito di verificare che l’introduzione del contratto a tutele crescenti unitamente agli sgravi contributivi associati ha rilanciato l’impiego di questa forma contrattuale dal 2014 al 2015. B) - La rimozione del vincolo del reintegro, attualmente, non ha comportato la crescita complessiva delle cessazioni rispetto agli avviamenti. C) - Le cessazioni legate a licenziamento individuale hanno accresciuto la propria incidenza raggiungendo quella delle dimissioni volontarie. Andamento complessivo 30.546 AvviamentiAvviamenti a tempoa tempo indeterminatoindeterminato 38.048 marzo-aprile-maggio 2015 marzo-aprile-maggio 2014 Rilevare eventuali effetti sulla durata dei rapporti di lavoro, ad un anno di distanza, dalla introduzione del contratto a tutele crescenti e degli sgravi fiscali. L’analisi esposta segue tre livelli: A) i volumi complessivi, B) comparazione su tre anni, C) lettura dei motivi delle cessazioni. ANALISI Il riscontro delle cessazioni viene fatto a 6 mesi e a 12 mesi dalla data di avviamento. L'analisi è condotta sulla base degli avviamenti a tempo indeterminato comunicati nel trimestre aprile-maggio. AnalisilongitudinaleIperiodidi rilevazione 1 2 3 ISTAT | MILeS2016 | Milano - Impresa, Lavoro e Società 2016 Un cambiamento nella composizione più che nei volumi I volumi complessivi delle cessazioni nei tre periodi considerati non sono cambiati significativamente, mentre la loro composizione ha subito una sostanziale variazione, l'incidenza delle cessazioni dovute a licenziamenti individuali è progressivamente aumentata: 2014 – 27,4% 2015 – 31,6% 2016 – 46,4% Causadellacessazione 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 Motovo cessazione V.A. Dimissioni Licenziamento -5.000 0 5.000 10.000 15.000 20.000 25.000 30.000 35.000 40.000 45.000 comparazione dei tre trimestri marzo-aprile-maggio avviamenti cessazioni saldo OBIETTIVO 11.010 marzo 2016 CessazioniCessazioni a 6 mesia 6 mesi 8.933 marzo-agosto 2015 marzo-agosto 2014 marzo-agosto 2016 23,5% 7.299 23,9% 2.368 21,5% CessazioniCessazioni a 12 mesia 12 mesi 14.364 marzo 2014 - febbraio 2015 37,5% 11.393 37,3% marzo 2015 - febbraio 2016 CONCLUSIONI A) B) C)

×