Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Istat, Aula Magna 13 settembre 2013 - L’economia non osservata nei conti nazionali: innovazioni nei metodi di misurazione ed elementi di analisi del fenomeno

44,694 views

Published on

A. Agostinelli, A. Puggioni "L’economia non osservata nei Conti Nazionali: gli approcci metodologici
e i principali risultati"

Published in: Education
  • Follow the link, new dating source: ♥♥♥ http://bit.ly/2u6xbL5 ♥♥♥
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Dating for everyone is here: ❶❶❶ http://bit.ly/2u6xbL5 ❶❶❶
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • DOWNLOAD FULL BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL PDF EBOOK here { https://tinyurl.com/y8nn3gmc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL EPUB Ebook here { https://tinyurl.com/y8nn3gmc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL doc Ebook here { https://tinyurl.com/y8nn3gmc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL PDF EBOOK here { https://tinyurl.com/y8nn3gmc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL EPUB Ebook here { https://tinyurl.com/y8nn3gmc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL doc Ebook here { https://tinyurl.com/y8nn3gmc } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks ......................................................................................................................... Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult,
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

Istat, Aula Magna 13 settembre 2013 - L’economia non osservata nei conti nazionali: innovazioni nei metodi di misurazione ed elementi di analisi del fenomeno

  1. 1. L’economia non osservata nei Conti Nazionali: gli approcci metodologici e i principali risultati Istat – Istituto Nazionale di Statistica Dipartimento per la Produzione Statistica Direzione Centrale per la Contabilità Nazionale A. Agostinelli, A. Puggioni Seminario: «L’economia non osservata nei conti nazionali: innovazioni nei metodi di misurazione ed elementi di analisi del fenomeno» Istat, Aula Magna - 13 Settembre 2016
  2. 2. L’economia non osservata (Non Observed Economy, NOE) è la parte di attività economica di mercato che sfugge alla osservazione diretta e pone problemi particolari nella misurazione statistica. L’economia non osservata nei CN dell’Italia: lo schema di riferimento
  3. 3. L’economia non osservata nei CN dell’Italia: la misura 48,2% 35,0% 8,8% 8,0% Sottodichiarazione Utilizzo di lavoro irregolare Altro Illegale Ammontare (mil. euro) e incidenza percentuale delle componenti dell'economia non osservata sul valore aggiunto e sul Pil. Anni 2011-2013 187.053 12,7% 189.190 13,1% 189.854 13,1% da Sottodichiarazione 93.517 6,4% 99.080 6,8% 99.399 6,9% da Lavoro irregolare 71.171 4,8% 71.509 4,9% 72.260 5,0% Altro 22.365 1,5% 18.601 1,3% 18.196 1,3% 15.486 1,1% 16.430 1,1% 16.548 1,1% 1.470.334 13,8% 1.448.021 14,2% 1.443.985 14,3% PIL 1.637.463 12,4% 1.613.265 12,7% 1.604.478 12,9% Attività illegali Valore aggiunto Anni 2011 2012 2013 Economia sommersa
  4. 4. L’economia non osservata nei CN dell’Italia: alcuni elementi chiave • Scopo inclusione della NOE nei CN → esaustività del Pil, non individuazione e quantificazione dell’evasione fiscale. • Il sommerso economico è incluso nei conti nazionali dell’Italia dal 1987. Il modello di stima sviluppato in Istat è stato preso a riferimento in ambito comunitario e di fatto adottato nelle grandi linee dai manuali internazionali. • L’adozione del SEC2010 e la revisione dei CN sono stati l’occasione per introdurre innovazioni importanti nelle stime del sommerso e per includere le attività illegali. • Contesto caratterizzato da una importante evoluzione dei processi di produzione dell’Istat: ri-orientamento delle metodologie guidato dal netto miglioramento e potenziamento delle basi informative, associato agli avanzamenti nell’utilizzo a fini statistici dei dati di fonte amministrativa e fiscale.
  5. 5. Nuove e più esaustive fonti informative Sistemi informativi integrati Istat: Frame-SBS: base dati annuale di tipo censuario che contiene informazioni individuali sui risultati economici per tutto l’universo delle imprese attive (4,4 milioni di unità). Uso massivo di dati amministrativi (Bilanci delle società di capitali, Studi di Settore, Modello Unico, IRAP) trattati a fini statistici con metodologie innovative e integrati con quelli delle due principali indagini dirette sulle imprese (PMI: campionaria sulle imprese con meno di 100 addetti; SCI: totale su quelle con 100+ addetti). Registro statistico di tipo LEED (Linked Employer-Employees Database ), che collega le imprese a tutti gli individui che, a vario titolo, partecipano alla loro attività. Alimentato da una serie di archivi amministrativi ( Archivio soci e archivio persone di impresa delle CCIAA, Archivio artigiani e commercianti e Parasubordinati INPS, archivio delle partite IVA, dichiarazioni UNICO…) Fonti amministrative utilizzate in modo diretto: 1. Archivio bilanci delle società di capitale (InfoCamere) 2. E-Mens INPS
  6. 6. Gli obiettivi:  ampliare la platea di imprese analizzate;  tenere conto dell’eterogeneità comportamentale degli imprenditori;  separare l’individuazione delle imprese sotto-dichiaranti dalla correzione della sotto-dichiarazione;  superare la scarsa sensibilità del metodo all’andamento del ciclo economico ed alle caratteristiche del contesto produttivo delle imprese;  aumentare il grado di attendibilità delle stime a livello settoriale e territoriale. L’organizzazione delle attività:  Comitato di esperti (studiosi e rappresentanti istituzionali) che ha avuto il ruolo di verificare e sottoporre a discussione le nuove tecniche di misurazione; Task force per affrontare i due aspetti centrali della stima dell’economia sommersa: la quantificazione dell’input di lavoro irregolare e la stima della sotto- dichiarazione del reddito degli imprenditori.  Da Marzo 2013 a Giugno 2014 La sottodichiarazione del valore aggiunto: il ridisegno metodologico (1/2)
  7. 7. La procedura:  Approccio metodologico di natura essenzialmente data driven: modelli di profiling delle imprese finalizzati a consentire una migliore corrispondenza fra tipologia d’impresa, modalità di comportamento e variabili esplicative e una più fine individuazione e valutazione del fenomeno.  Metodi statistici che garantiscono una stima a livello aggregato, non di singola osservazione.  3 fasi: 1. Individuazione della popolazione di imprese da sottoporre all’analisi 2. Ripartizione della popolazione in gruppi omogenei 3. Definizione, per ciascun gruppo, di un metodo di individuazione dei soggetti sotto-dichiaranti e di correzione dei relativi risultati economici. La sottodichiarazione del valore aggiunto: il ridisegno metodologico (2/2)
  8. 8. Unità economiche attive con un numero di addetti inferiore a 100, i cui valori economici sono rappresentati nel Frame-SBS (circa 4,4 milioni di imprese nel 2013). Escluse: le imprese con 100 addetti ed oltre, perché: - adottano comportamenti evasivi complessi, non limitati alla registrazione delle poste del conto economico; - le metodologie statistiche individuate per le imprese di minori dimensioni non sarebbero applicabili le imprese del settore primario: il sistema fiscale cui sono sottoposte le imprese agricole è, infatti, basato su dati catastali (reddito dominicale e reddito agrario) e caratterizzato dalla presenza di regimi forfettari, riduzioni dell’imponibile, applicazione di aliquote ridotte, che rendono difficilmente configurabile la presenza di una dichiarazione mendace del reddito d’impresa La popolazione di riferimento
  9. 9. La stratificazione della popolazione di imprese da sottoporre all’analisi La nuova procedura per la correzione della sotto-dichiarazione del valore aggiunto prevede una stratificazione della popolazione di riferimento allo scopo di individuare tipologie di imprese omogenee per:  caratteristiche strutturali ed economiche;  tipologia di comportamento relativamente all’underreporting alle quali applicare metodi specifici :  di identificazione delle imprese sotto dichiaranti  di rivalutazione della sotto dichiarazione Cinque gruppi : Gruppo 1 Unità di dimensione minima (21,5% del Frame-SBS 2013) Gruppo 2 Unità micro (59,5% del Frame-SBS 2013) Gruppo 3 Unità organizzate (5,0% del Frame-SBS 2013) Gruppo 4 Unità appartenenti a gruppi di imprese nazionali (2,2% del Frame-SBS 2013) Gruppo 5 Unità non trattabili (11,8% del Frame-SBS 2013)
  10. 10. La stratificazione della popolazione: Anno 2013 numero peso numero peso ammontare peso GRUPPO 1 939 21,5% 938 7,9% 10.341 2,5% GRUPPO 2 2.603 59,5% 5.210 44,1% 144.828 35,3% GRUPPO 3 217 5,0% 2.944 24,9% 116.766 28,4% GRUPPO 4 98 2,2% 694 5,9% 38.513 9,4% Non trattabili 515 11,8% 2.016 17,1% 100.015 24,4% Totale 4.371 100,0% 11.802 100,0% 410.463 100,0% Imprese (migliaia) Addetti (migliaia) Valore aggiunto (mil. euro)Tipologia
  11. 11. Gruppo 1: le unità di dimensione minima (circa 940.000 unità - 21,5% del FRAME-SBS 2013) Piccoli imprenditori  il lavoro dell’imprenditore è potenzialmente “sostituibile” con quello di un dipendente a parità di specializzazione, orario di lavoro e attività economica. Per ipotesi questa condizione è soddisfatta quando l’imprenditore:  non impiega fattori produttivi diversi dal proprio lavoro  non ha una dotazione di attrezzature per svolgere l’attività o essa è limitatissima Le unità del G1:  non sono società di capitale o controllate da società di capitale;  non hanno soci che non lavorano nell’impresa  aderiscono a regimi fiscali semplificati ( ex Contribuenti minimi), oppure  presentano: - Fatturato < 30.000 euro - Numero dipendenti virtualmente nullo (< 0,5 ) - Un solo indipendente La valutazione della possibile sotto dichiarazione è basata sul confronto del reddito dichiarato (utile al netto dell’IRAP) con un “reddito ombra”, definito come la soglia di indifferenza nella decisione fra lavoro imprenditoriale e lavoro dipendente (costo-opportunità dell'attività imprenditoriale).
  12. 12. Il Gruppo 1: una ulteriore partizione * agenti di commercio, promotori finanziari, tutte le attività professionali.
  13. 13. La definizione del «reddito-ombra» Reddito ombra = soglia di indifferenza nella decisione fra lavoro imprenditoriale e lavoro dipendente che rappresenta il costo-opportunità dell'attività imprenditoriale. Costo del lavoro standardizzato sulla base di una stratificazione molto fine, definita sulla base di un modello statistico (albero di regressione). Algoritmo CART (Classification And Regression Trees) che permette di stratificare le imprese in sottoinsiemi omogenei rispetto al valore della variabile- obiettivo (il costo del lavoro) Fonte: Inps-EMENS Calcolo del “reddito di riferimento” (valore soglia) all’interno di ogni strato: valore massimo tra i valori medi per addetto di costo del lavoro per le qualifiche di impiegati/quadri e operai, con contratto full- time.  GRUPPO1B  il valore soglia è rettificato per tenere conto del diverso numero di ore lavorate dall’indipendente rispetto al dipendente;  GRUPPO1C  il valore soglia è modulato tramite una funzione di profitto che tiene conto del contesto economico in cui opera l’impresa. Sei fattori di contesto: indice di concentrazione di Herfindal; intensità di capitale; demografia di impresa; tasso di irregolarità; tasso di variazione dell’occupazione; ripartizione geografica. 13
  14. 14. Gruppo 2: Unità micro (circa 2,6 mln. – 59,5% del Frame-SBS 2013)  Imprese operanti in attività economica dell’industria con un numero di addetti < 10  Imprese operanti in attività economica dei servizi di mercato con un numero di addetti < 6  presentano una struttura aziendale e una organizzazione dell’attività produttiva ridotta  impiegano anche fattori produttivi diversi dal lavoro dell’imprenditore  possono possedere minime immobilizzazioni tecniche specializzate Selezione delle sottodichiaranti  indicatori elementari desunti dai dati di bilancio, sintetizzati in un indicatore composito tramite analisi fattoriale. Individuazione della soglia discriminante (cut-off) con modello logistico. Rivalutazione del reddito  stima di un modello econometrico di redditività che si basa sulla relazione tra valore della produzione, costi fissi e costi variabili. Ipotesi  l’imprenditore si assicura un margine sui costi variabili (modello di mark-up). Si stima sulle non-sottodichiaranti un livello di profitto “normale”. Reddito stimato sotto-dichiaranti= profitto + costo del lavoro unitario (remunerazione della prestazione lavorativa dell’indipendente).Rivalutazione pari alla distanza tra reddito osservato e stimato.
  15. 15. Gruppo 3: Unità organizzate (circa 220.000 – 5,0% del Frame-SBS 2013) Include le piccole e medie imprese con una organizzazione più articolata sia dal punto di vista aziendale che nell’attività produttiva:  Imprese operanti nell’industria con un numero di addetti uguale o superiore a 10  Imprese operanti nei servizi di mercato con un numero di addetti uguale o superiore a 6 Selezione delle sottodichiaranti  indicatori elementari desunti dai dati di bilancio, sintetizzati in un indicatore composito tramite un modello di tipo fattoriale. Individuazione della soglia discriminante (cut-off) Correzione della sotto-dichiarazione  il valore aggiunto per addetto viene rivalutato in modo da rendere coerente il valore dell’indicatore composito con il suo livello di cut-off definito nella fase di individuazione delle imprese sotto-dichiaranti.
  16. 16. Gruppo 4: Unità di gruppi domestici (circa 100.000 – 2,2% del Frame-SBS 2013) Include le unità che fanno parte di gruppi di imprese residenti sul territorio nazionale, con numero di addetti inferiore a 100, senza collegamenti con imprese estere. Fonte: Registro statistico dei gruppi di imprese (ASIA gruppi) Criterio di esclusione dei gruppi: collegamenti con unità estere (con capogruppo estera o che includono unità a controllo estero) o che hanno all’interno unità di grandi dimensioni (con più di 100 addetti) Procedura analoga a quella del Gruppo 3. Unità di analisi  gruppo di impresa nel suo complesso. Valore aggiunto ottenuto «consolidando» i conti economici delle imprese appartenenti al gruppo. Rivalutazione ridistribuita tra le imprese appartenenti al gruppo sulla base del peso del valore aggiunto di ogni singola unità sul totale gruppo.
  17. 17. La stratificazione: le unità non trattabili (circa 500.000 nel 2013) Sono così definite le unità:  in cui si ipotizza che non esista underreporting:  imprese controllate da unità istituzionali che fanno parte del settore delle Amministrazioni pubbliche;  imprese operanti in particolari attività economiche, caratterizzate prevalentemente da mercati regolamentati in cui la sottodichiarazione risulta poco praticabile.  per le quali non c’è adeguata disponibilità di fonti informative:  appartengono a gruppi di imprese per i quali non si dispone di fonti esaustive e/o omogenee (gruppi di impresa non domestici).  per le quali i metodi di rivalutazione individuati risultano non applicabili:  imprese con eventi di trasformazione societaria e in particolari condizioni (procedure fallimentari, amministrazione controllata);  imprese nate nell’anno, i cui risultati economici sono fortemente condizionati dall’avviamento aziendale.  in cui si ipotizza che i valori economici siano legati a particolari condizioni:  società cooperative e consorzi di diritto privato e forme assimilabili; compravendita immobili per uso proprio 17
  18. 18. Distribuzione del valore aggiunto dichiarato e rivalutato per gruppo di imprese ( Frame-SBS fino a 99 addetti) GRUPPO 1 GRUPPO 2 GRUPPO 3 GRUPPO 4 NON TRATTABILI TOTALE A1 - industria in s.s. 0,4% 19,0% 36,0% 12,0% 32,7% 100,0% A2 - costruzioni 3,4% 50,7% 23,4% 8,0% 14,5% 100,0% A3 - commercio, trasporti e pubbl.eserc. 1,3% 34,9% 35,9% 9,3% 18,6% 100,0% A4 - servizi 5,3% 45,3% 16,2% 7,5% 25,6% 100,0% TOTALE 2,5% 35,3% 28,4% 9,4% 24,4% 100,0% GRUPPO 1 GRUPPO 2 GRUPPO 3 GRUPPO 4 NON TRATTABILI TOTALE A1 - industria in s.s. 1,2% 21,1% 36,1% 11,6% 30,1% 100,0% A2 - costruzioni 7,3% 51,7% 21,9% 7,2% 11,9% 100,0% A3 - commercio, trasporti e pubbl.eserc. 5,3% 39,0% 33,2% 8,0% 14,4% 100,0% A4 - servizi 11,5% 46,3% 15,3% 6,6% 20,4% 100,0% TOTALE 6,5% 38,2% 26,9% 8,4% 20,1% 100,0% VALORE AGGIUNTO DICHIARATO - ANNO 2013 VALORE AGGIUNTO RIVALUTATO - ANNO 2013
  19. 19. L’ammontare del valore aggiunto sotto-dichiarato nel 2013 11,0% 10,8% 40,1% 14,2% 12,8% 5,1% 6,1% Industria in s.s Costruzioni Commercio, trasporti e magazzinaggio, attività di alloggio e ristorazione Servizi professionali Altri servizi alle imprese Istruzione, sanità e assistenza sociale Altri servizi alle persone
  20. 20. Il valore aggiunto generato da input di lavoro irregolare: la stima Due fasi :  si determina l’input di lavoro irregolare, in termini di occupati, posizioni lavorative, unità di lavoro equivalenti a tempo pieno ed ore effettivamente lavorate;  si definisce il contributo in termini di valore aggiunto generato da ciascuna posizione lavorativa irregolare . La nuova procedura è stata sviluppata in modo di assicurare l’additività della stima tra la componente generata dal lavoro irregolare e la componente di rivalutazione dell’utile dell’imprenditore regolare. Sulla base di ipotesi semplificatrici, le due componenti sono state valutate separatamente, cercando di individuare la parte di reddito che l’imprenditore occulta per remunerare il lavoro irregolare impiegato nel processo produttivo Le informazioni disponibili nelle fonti non consentono di definire i profili d’impresa che utilizza il lavoro irregolare e la caratterizzazione degli input effettivamente impiegati nel processo produttivo. L’analisi è dunque effettuata per dominio e non a livello di unità produttiva, e i risultati non sono dunque riconducibili all’attività della singola unità. 72,3 miliardi nel 2013 4,5% del Pil
  21. 21. L’ammontare del valore aggiunto generato da input di lavoro irregolare nel 2013 7,0% 8,1% 9,6% 31,9%6,7% 10,7% 8,3% 17,7% Agricoltura, silvicoltura e pesca Industria Costruzioni Commercio, trasporti e magazzinaggio, attività di alloggio e ristorazione Servizi professionali Altri servizi alle imprese Istruzione, sanità e assistenza sociale Altri servizi alle persone
  22. 22. • Affitti in nero: famiglie proprietarie di immobili che li concedono in affitto (ad uso residenziale e non residenziale) senza un regolare contratto di locazione. Si confronta il livello complessivo degli affitti (residenziali e non), stimato in modo esaustivo secondo le procedure di contabilità nazionale, con la parte emersa, ossia gli affitti riscossi sia dalle imprese (come rilevati dalle indagini sui conti delle imprese), sia dalle persone fisiche (come rilevati dall’Agenzia delle Entrate). • Mance al personale: per alcuni settori (alberghi, ristoranti, servizi alla persona) devono essere incluse nel valore aggiunto del datore di lavoro e nella fase distributiva vengono trasferite ai dipendenti sotto forma di redditi da lavoro. Il valore viene stimato come percentuale del valore dei consumi dei relativi servizi. • Mis-reporting del valore aggiunto evidenziato dall’integrazione domanda-offerta: ulteriore integrazione alla stima del valore aggiunto che emerge al momento della riconciliazione fra le stime indipendenti degli aggregati dell’offerta e della domanda che porta alla definizione del livello del Prodotto interno lordo. Tale integrazione include, in proporzione non identificabile, sia effetti di carattere puramente statistico, sia componenti ascrivibili all’esistenza di una quota di economia sommersa non colta attraverso le altre procedure di correzione. Le altre componenti del sommerso economico 18,2 miliardi nel 2013 1,1% del Pil
  23. 23.  proibite dalla legge  legali ma svolte da operatori non autorizzati  incluse nei conti soltanto le attività illegali che presentano la caratteristica di scambio volontario tra soggetti: per queste si presuppone l’esistenza di un mutuo accordo tra i diversi soggetti che operano sul mercato  Poiché il concetto di attività illegale può prestarsi a interpretazioni diverse, considerate anche le specificità delle diverse legislazioni, nell’ambito del Comitato europeo sul Reddito Nazionale Lordo si sono concordate le tipologie di attività da prendere in considerazione. Decisione Comitato GNI:  produzione e commercio di droga  attività di prostituzione  contrabbando di alcol e sigarette ( in Italia alcol no) 16,5 miliardi nel 2013 1% del Pil Le attività illegali (1/2)
  24. 24. I problemi connessi all’inserimento nei conti nazionali delle attività illegali sono : • disponibilità di fonti e problemi di misura • definizione dei metodi e verifica dell’affidabilità delle stime • rischio di duplicazioni Linee guida ( semplificatrici) definite dall’Eurostat. I metodi di stima sono differenziati in base al tipo di attività illegale: • metodi che partono dalla stima della domanda, considerano prevalentemente informazioni relative agli utilizzatori finali del bene e servizio illegale, nonché i loro comportamenti di consumo. Tale approccio è usato per la stima del consumo di sostanze stupefacenti; • metodi di stima dal lato dell’offerta, utilizzano indicatori che consentono di stimare il valore della produzione a partire dalle informazioni sulle merci sequestrate o sulle unità produttive coinvolte. Tale approccio è usato per stimare gli aggregati economici relativi al contrabbando di sigarette e ai servizi di prostituzione . Le fonti utilizzate sono di natura pubblica ma non provengono da rilevazioni della statistica ufficiale. Esiste, in particolare, un variegato insieme di informazioni, dirette e indirette, di enti pubblici, organizzazioni internazionali, associazioni private e di ricerca. Le attività illegali (2/2)
  25. 25. La composizione del valore aggiunto generato dalle attività illegali Anno 2013 69,3% 21,1% 1,8% 7,8% Droga Prostituzione Contrabbando di sigarette Indotto
  26. 26. Ed ora qualche risultato di sintesi
  27. 27. Il valore aggiunto non osservato nei settori economici: peso e composizione - Anno 2013 84,9% 93,7% 76,3% 82,1% 84,2% 15,1% 6,3% 23,7% 17,9% 15,8% Agricoltura, silvicoltura e pesca Industria in s.s Costruzioni Servizi Totale economia Valore aggiunto non osservato Valore aggiunto regolare 65,0% 60,7% 46,6% 48,2% 100,0% 35,0% 39,3% 32,6% 35,0% 9,9% 8,0% 10,9% 8,8% Agricoltura, silvicoltura e pesca Industria in s.s Costruzioni Servizi Totale economia Altro sommerso Illegale Lavoro irregolare Sottodichiar azione N:B: : Il valore aggiunto dei Servizi è al netto dei fitti imputati .
  28. 28. Rispetto al valore aggiunto totale Il valore aggiunto non osservato nei servizi: il peso – Anno 2013 69,8% 76,4% 89,5% 92,6% 60,8% 30,2% 23,6% 10,5% 7,4% 39,2% Commercio, trasporti e magazzinaggio, attività di alloggio e ristorazione Servizi professionali Altri servizi alle imprese Istruzione, sanità e assistenza sociale Altri servizi alle persone Valore aggiunto non osservato Valore aggiunto regolare 69,2% 76,3% 89,1% 78,4% 56,2% 30,8% 23,7% 10,9% 21,6% 43,8% Commercio, trasporti e magazzinaggio, attività di alloggio e ristorazione Servizi professionali Altri servizi alle imprese Istruzione, sanità e assistenza sociale Altri servizi alle persone Valore aggiunto non osservato Valore aggiunto regolare Rispetto al valore aggiunto market N:B: : Il valore aggiunto dei Servizi è al netto dei fitti imputati .
  29. 29. Il valore aggiunto non osservato nei servizi: la composizione – Anno 2013 45,6% 74,4% 47,4% 45,9% 26,6% 26,4% 25,6% 28,6% 54,1% 56,2% 13,0% 24,0% 1,8% 14,9% 15,4% Commercio, trasporti e magazzinaggio, attività di alloggio e ristorazione Servizi professionali Altri servizi alle imprese Istruzione, sanità e assistenza sociale Altri servizi alle persone Illegale Altro sommerso Lavoro irregolare Sottodichiarazione N:B: : Il valore aggiunto dei Servizi è al netto dei fitti imputati .
  30. 30. Incidenza delle componenti dell'economia non osservata (NOE) sul valore aggiunto* dei settori economici e sul Pil (Valori %). Anno 2013 Settore Sotto-dichiarazione Utilizzo di lavoro irregolare Altro (fitti in nero, mance, integrazione offerta Totale sommerso Illegale Totale Noe Agricoltura, silvicoltura e pesca - 15,1 - 15,1 - 15,1 Industria in s.s. 4,1 2,2 - 6,3 - 6,3 Costruzioni 14,4 9,3 - 23,7 - 23,7 Commercio, trasporti e magazzinaggio, attività di alloggio e ristorazione 13,8 8,0 3,9 25,7 4,5 30,2 Servizi professionali 17,6 6,0 - 23,6 - 23,6 Altri servizi alle imprese * 5,0 3,0 2,5 10,5 - 10,5 Istruzione, sanità e assistenza sociale 3,4 4,0 - 7,4 - 7,4 Altri servizi alle persone 10,4 22,0 0,7 33,1 6,0 39,1 Totale* 7,6 5,5 1,4 14,5 1,3 15,8 Incidenza sul Pil 6,2 4,5 1,1 11,8 1,0 12,9 * Al netto dei fitti imputati
  31. 31. Sottodichiarazione Totale NOE Utilizzo di lavoro irregolare Incidenza % del valore aggiunto non osservato sul valore aggiunto totale nelle regioni italiane Anno 2013

×