Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Eva Pietrantoni, L'esperienza in Istat negli ultimi anni in materia di salute e sicurezza

25 views

Published on

Convegno Istat Roma, Aula Magna 20.11.19
Salute e Sicurezza nella PA: dall’applicazione della normativa ai nuovi sistemi di gestione
via Cesare Balbo 16

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Eva Pietrantoni, L'esperienza in Istat negli ultimi anni in materia di salute e sicurezza

  1. 1. L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza 20-11-2019 Istat – Roma, via Balbo,16 Eva Pietrantonio Dirigente tecnologo responsabile linea attività miglioramento continuo della salute e sicurezza
  2. 2. L’Istituto nazionale di statistica, ente di ricerca pubblico, è il principale produttore di statistica ufficiale a supporto dei cittadini e dei decisori pubblici. • 6 Sedi Romane con circa 2000 • Sedi territoriali di piccole dimensioni presenti nelle regioni 2 L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Opera in piena autonomia e in continua interazione con il mondo accademico e scientifico.
  3. 3. 3 Datore di Lavoro : Direttore Generale Servizio Prevenzione e Protezione: RSPP, ASPP, Medico competente Responsabile SGSL Responsabile Piano di Manutenzione e Controllo Amianto Responsabile sicurezza antincendio delle sedi Istat di Roma responsabile materia rischi interferenziali con cantieri Dirigenti ai sensi del D.lgs. 81/08 Direttori Centrali, Direttori Dipartimento delibera DGEN Preposti ai sensi del D.lgs. 81/08 Dirigenti Servizi Responsabili di sedi Addetti al monitoraggio delle sedi Responsabili tecnici delle sedi Addetti agli interventi tecnici nelle sedi Rappresentati Lavoratori Sicurezza Assetto organizzativo della sicurezza in ISTAT sedi romane: ruoli e funzioni L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  4. 4. 4 CDG Ufficio di coordinam ento del Direttore Generale • Supporto ai compiti del datore di lavoro di cui all'art.33 del d.lgs 81/2008 - SPP • Gestione logistica e dei servizi logistici degli immobili delle sedi romane (presidio/monitoraggio, vigilanza, pulizia, facchinaggio) • attività di controllo di gestione • attività di comunicazione interna • attività connesse alle relazioni sindacali DCRU Direzione Centrale Risorse Umane • Gestione, organizzazione e registrazione delle visite mediche preventive e periodiche trasmissione dei giudizi di idoneità e conservazione delle cartelle sanitarie e di rischio • Organizzazione della formazione obbligatoria e di promozione della salute e sicurezza sul lavoro e conservazione della relativa documentazione • Analisi del clima organizzativo • Gestione e registrazione degli infortuni sul lavoro L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 Assetto organizzativo della sicurezza in ISTAT sedi romane: ruoli e funzioni
  5. 5. 5 Assetto organizzativo della sicurezza in ISTAT sedi romane: ruoli e funzioni DCA A Direzio ne Central e Affari Ammin istrativ i • Appalti di lavoro, forniture e servizi strumentali di ogni natura • Gestione tecnica e controllo delle manutenzioni edili ordinarie/straordinarie degli immobili e impianti speciali e tecnologici, delle attrezzature e dei presidi e relativa tenuta della documentazione di ogni natura • Aggiornamento amministrativo del DUVRI per gli appalti/contratti di forniture, servizi e lavori ai sensi dell'art.26 del d.lgs 81/2008 • Gestione ed inventario del patrimonio mobiliare (ad eccezione dei beni informatici) e del patrimonio immobiliare ivi inclusa la gestione e l'aggiornamento delle planimetrie con le caratteristiche degli ambienti/impianti • Supporto tecnico amministrativo per le attività del responsabile del piano di manutenzione e controllo dell'amianto delle sedi DCIT • Beni Informatici: attrezzature di lavoro e software L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 Assetto organizzativo della sicurezza in ISTAT sedi romane: ruoli e funzioni
  6. 6. Uffici, CED, magazzini-depositi, locali tecnici, bar-mensa, biblioteca, aula magna, ufficio posta , sale riunioni ecc. Mansioni di rischio: 6 L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 • Bibliotecario • Centralinista • Operatore tecnico piccola manutenzione • Magazziniere • Impiegato/telelavoratoreVDT • Archivista • Addetto sistemi informatici operatore tecnico • Smistatore posta Ambienti
  7. 7. Fino al 2011 la prevenzione della salute e sicurezza dei lavoratori era percepita in Istituto prevalentemente come adempimenti formali in alcuni casi piuttosto generici e non sempre aderenti all’organizzazione complessa dell’Istituto. Nel 2011 è iniziato un percorso di rafforzamento e sviluppo delle azioni della prevenzione attraverso trasformazioni di rilievo che hanno consentito un significativo miglioramento negli anni. • Definizione in con atti ufficiali (atti organizzativi, delibere, ODS, regolamenti, DVR, PES) all’interno dell’organigramma dell’Istituto ruoli, compiti e funzioni delle strutture e i relativi compiti in materia di salute e sicurezza sul lavoro 7 L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  8. 8. Adozione di procedure gestionali per la definizione e controllo dei processi principali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e recepimento nel SGSL con pubblicazione del manuale SGSL 8 Adozione di procedure (1/2) L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 Procedure Gestionali controllate dal SGSL: • Identificazione dei pericoli e valutazione del rischio • Gestione della Comunicazione: Formazione ed Informazione • Gestione dei dispositivi di protezione individuale • Gestione infortuni e incidenti • Gestione sorveglianza sanitaria • Preparazione e risposta alle emergenze • Gestione dei Rischi Interferenziali • Manutenzione Immobili e Impianti • Gestione risorse strumentali
  9. 9. Adozione di procedure tecniche di prevenzione 9 L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 Procedure Tecniche • Uso dei videoterminali VDT • Movimentazione manuale dei carichi MMC • Uso di scale • Rischio elettrico • Scale, pavimenti e scalette • Fotocopiatrici, stampanti, scanner, fax • Oggetti taglienti, appuntiti • Infortuni in caso di incendio • Cassetta di pronto soccorso • Archivi automatizzati Procedure delle emergenze • Piano di Emergenza PDE Adozione di procedure (2/2)
  10. 10. Integrazione del piano formativo obbligatorio con momenti di sensibilizzazione:  Corsi neoassunti in aggiunta alla formazione obbligatoria prima della destinazione all’attività  Corso per responsabili di sede sia per quanto concerne i compiti specifici sia per le funzioni del d.lgs. 81/08 relative alla funzione di preposto e per la gestione delle emergenze in quanto assolvono alla funzione di caposquadra 10 Formazione e informazione del personale (1/4) L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  11. 11. • Informazioni puntuali e dettagliate attraverso il sito • Addestramento alla gestione delle emergenze attraverso simulazioni di esercitazioni realistiche con partecipazione attiva e un’organizzazione complessa (capi-squadra e vice capisquadra) con circa 200 addetti. • Informazione continua da parte del SPP e del MC ai lavoratori e alle strutture dell’Istituto 11 Formazione e informazione del personale (2/4) L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  12. 12. Sito web Salute e sicurezza Informazioni puntuali e dettagliate attraverso; il sito dedicato in cui viene resa disponibile a tutto il personale e alle figure coinvolte la documentazione necessaria (DVR, DUVRI, PES, procedure, verbali sopralluogo MC, flyer, ecc.), i quadri sinottici, fogli informativi, il flyer ecc. 12 L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 Formazione e informazione del personale (4/4)
  13. 13. 13 Formazione e informazione del personale (3/4) L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  14. 14. • Sostituzione di alcuni immobili • Manutenzioni ordinarie e straordinarie e di adeguamento • Sviluppo dell’attività della due diligence immobiliare relativa documentazione • Riduzione significativa dei materiali contenenti amianto, eliminazione degli impianti dismessi e bonifica di altri materiali, verifica con campionamenti in aria dell’assenza di fibre, aggiornamento del Piano di Manutenzione e Controllo dell’Amianto 14 Miglioramento degli immobili L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  15. 15. • Riorganizzazione delle postazioni di lavoro rispetto alle sorgenti di luce naturale e miglioramento dei layout • Sopralluoghi capillari del medico competente con la partecipazione del SPP, RLS, ufficio tecnico degli ambienti per la risoluzione delle non conformità • Monitoraggio continuo degli ambienti con figure deputate: responsabili di sede per il corretto funzionamento delle sedi • Potenziamento della segnaletica • Misure di igiene industriale, radon, illuminazione, microclima, formaldeide, fibre di amianto, legionella nella rete idrica, CEM, 15 Miglioramento degli ambienti di lavoro (1/3) L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  16. 16. • Potenziamento delle protezioni anti-caduta: parapetti, corrimano, strisce antiscivolo, protezioni sui lucernai ecc. • Installazione dissuasori e reti anti-volatili • Ristrutturazione delle mense, parcheggio della sede di Via Tuscolana • Adozione di un Piano delle misure di adeguamento: mappatura e rilievo tramite supporti esterni degli interventi da effettuare 16 Miglioramento degli ambienti di lavoro (2/3) L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  17. 17. • Sostituzione progressiva e rinnovamento delle attrezzature di lavoro e degli arredi vetusti con caratteristiche ergonomiche superiori (regolazione video, regolazione scrivanie, sedie ergonomiche, postazioni di lavoro, monitor a bassa emissione, toner con componenti a basso pericolo, filtri particolato per stampanti, • Acquisizione di presidi speciali in caso di necessità (mouse verticali, tastiere a visibilità potenziata, software speciali per non vedenti o ipovedenti • Utilizzo corretto delle attrezzature di lavoro con addestramento specifico per quelle non comuni 17 Miglioramento delle attrezzature di lavoro L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  18. 18. • Riduzione della movimentazione manuale dei carichi modificando le modalità di lavoro (uso di servizi di facchinaggio, eliminazione muletti, riduzione dei carichi), eliminazione del materiale dismesso e da macero, digitalizzazione dei processi, dismissione di attrezzature • Riduzione dei rischi nelle attività di piccola manutenzione interna (procedure di lavoro specifiche per garantire livelli di esposizione e rumore e vibrazioni inferiori ai livelli di azione) • Eliminazione di alcuni prodotti (toner e prodotti della piccola manutenzione) in funzione delle VR e classificazioni • Eliminazione utilizzo di scale e scalette • Monitoraggio degli infortuni e analisi delle loro cause.18 Trasformazione delle modalità di lavoro con riduzione dei rischi L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  19. 19. • Coinvolgimento dei dirigenti e preposti per il rispetto delle misure di prevenzione e protezione e dell’attuazione delle azioni correttive • Messa a disposizione dei dirigenti e preposti della documentazione della sicurezza • Partecipazione dei lavoratori durante i sopralluoghi degli ambienti di lavoro da parte del medico competente e delle prove di emergenza 19 Coinvolgimento delle figure preposte e dei lavoratori L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  20. 20. 20 Sorveglianza sanitaria e attività del medico competente • Aggiornamento dei protocolli di sorveglianza sanitaria con le attività e controllo sanitario per quasi la totalità dei dipendenti per attività di VDT • Coinvolgimento da parte del MC in fase di visita dei lavoratori • Sopralluoghi specifici nelle sedi da parte del MC per la definizione delle misure di prevenzione e protezione • Identificazione delle caratteristiche ergonomiche delle attrezzature L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  21. 21. • Riduzione dei rischi interferenziali ed elaborazione di una procedura specifica per lavori e servizi per l’aggiornamento del DUVRI (disponibile sempre aggiornato sul portale Istat) • coinvolgimento delle figure contrattuali nella verifica dell’attuazione delle misure di prevenzione e protezione e nella definizione delle modalità di lavoro meno impattanti • Designazione di figura specifica, formata per la riduzione dei rischi interferenziali da lavori • Analisi approfondita degli scenari di rischio 21 Rischi interferenziali L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  22. 22. • Minore alterazione delle postazioni di lavoro da parte del personale • Minore accumulo di carta negli ambienti e nei corridoi • Miglioramento del rispetto al divieto di fumo • Riduzione della cattiva abitudine dell'uso di elettrodomestici personali • Effetti positivi della formazione generale e specifica sui comportamenti dei lavoratori e acquisizione di consapevolezza (maggiore partecipazione alle prove d'esodo, ai corsi formativi, consapevolezza della necessità, per alcune mansioni, della sorveglianza sanitaria e delle misure di prevenzione e protezione) 22 Miglioramento comportamenti e riduzione delle relative non conformità (1/2) L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  23. 23. 23 Adozione e perfezionamento dei modelli e metodologie di valutazione dei rischi e aggiornamento continuo dei DVR Aggiornamento della valutazione dei rischi: • Rischi generali per la salute e la sicurezza: L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 Urto, Schiacciamento, Scivolamento, Taglio, Caduta, strutturali e impiantistici, ergonomici, di processo e organizzativi ecc. • Rischi specifici per la salute e la sicurezza: Incendio, rischio ATEX, Microclima, Illuminazione, Lavori In quota, Attrezzature, Macchinari di lavoro, Impianti ed attrezzature elettriche, Movimentazione manuale dei carichi (sollevamento, traino e spinta, posture incongrue e movimenti ripetitivi degli arti superiori), Apparecchiature munite di videoterminale, Rumore, Vibrazioni meccaniche, Campi elettromagnetici, Radiazioni ottiche artificiali, Agenti chimici, Agenti cancerogeni e mutageni, Amianto, Radon, Agenti biologici, Biologico Legionella, Lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento, Stress lavoro-correlato, Sismico, Luoghi di Lavoro, Itinere
  24. 24. Specifiche per fattore di rischio ad es.: 24 Metodologie per la valutazione dei rischi L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 Pericolo Metodo di valutazione Chimico Algoritmo movarisch per salute, organo bersaglio per cumulativi, titolo IX dlgs 81/08 capo I amianto Versar per manufatto valutazione per confronto esposizione popolazione (e misure in SEM) titolo IX dlgs 81/08 capo III cancerog eno valutazione formaldeide per confronto esposizione popolazione e misure secondo UNI 689 titolo IX dlgs 81/08 capo II ROA Le linee guida, contenute negli orientamenti CEE, giustificazione sorgenti titolo VIII dlgs 81/08 rumore Le linee guida, contenute negli orientamenti CEE, giustificazione sorgenti e calcolo Rispetto LA(8) dai dati tecnici titolo VIII dlgs 81/08 vibrazioni Le linee guida, contenute negli orientamenti CEE, giustificazione sorgenti e calcolo Rispetto LA(8) dai dati tecnici titolo VIII dlgs 81/08 macchine Le linee guida, contenute negli orientamenti CEE, norma UNI EN ISO 14121-1:2007
  25. 25. Definizione delle strategie per il campionamento e delle metodologie per la misura dei fattori di rischio volte alla verifica dell’efficienza delle misure di prevenzione e protezione messe in atto 25 Campionamento e delle metodologie per la misura dei fattori di rischio Misure di igiene industriale: L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 • Radon • Illuminazione • Microclima • Formaldeide • Fibre di amianto • Legionella nella rete idrica • Campi elettromagnetici
  26. 26. 26 Inserimento dei rischi per la salute e sicurezza nel monitoraggio dei rischi organizzativi-gestionali Rischio Macroattività Struttura responsabile Comportamento Descrizione indicatore Rischio Residuo Inadegu ato o mancato rispetto degli adempi menti di legge relativi Gestione del patrimonio mobiliare e immobiliare; gestione tecnica, amministrativa e controllo delle manutenzioni ordin. e straord. di impianti, attrezzature e relativa documentazione di legge DCAP Ritardi nell'adeguamento normativo della due diligence immobiliare % di nc non gestite Medio Gestione e registrazione degli infortuni sul lavoro e della relativa comunicazione all'INAIL DCRU Incompleta registrazione n° infortuni registrati /n° di infortuni comunicati Medio Attuazione delle MPPdefinite dal datore di lavoro in materia di salute e sicurezza sul lavoro tutte le direzioni Ritardi o inadeguata attuazione delle MPP report di monitoraggi o Medio L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  27. 27. 27 Adozione di DPI per ridurre rischi residui e in attività saltuarie e occasionali DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) Facciale Filtrante Guanti in Lattice / Nitrile Guanti antistatic i Scarpe antinfortu nistiche Guanti in pelle bovina Elmetto protetti vo Occhiali anti- scheggia Tuta da lavoro Bibliotecario X X X Smistatore Corrispondenza X X X X Magazziniere X X X X X Archivista X X X Operatore Tecnico: Addetto Sistemi Informativi, Telefonia, Tecnico Ufficio Tecnico, Responsabili di Sede, RPMCA X X X X X Operatore Tecnico Piccola Manutenzione X X X X X X L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  28. 28. 28 Consultazione RLS art. 50 • Preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, alla individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nella azienda o unità produttiva • Sulla designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione, alla attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, alla evacuazione dei luoghi di lavoro e del medico competente • In merito all’organizzazione della formazione L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  29. 29. 29 Monitoraggio del SGSL Processo Input Output Frequenza monitoraggio Sorveglianza sanitaria Dati sulle visite mediche effettuate/da fare Report DCRU Mensile Formazione obbligatoria Dati sui corsi effettuati/da fare Report DCRU Mensile Gestione delle non conformità tecnico/strutturali e comportamentali Documento PMA e PMP, Verbali di sopralluogo Medico Competente, altre segnalazioni Unico registro non conformità per ogni sede Report RSGSL Trimestrale Periodicamente vengono monitorati i processi principali dal SGSL E’ aumentata significativamente per ogni sede la percentuale di non conformità immediatamente gestite, la cui risoluzione viene avviata alla segnalazione: L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019
  30. 30. Conclusioni L’Istituto ha potuto conseguire un rilevante miglioramento in quanto ha definito efficacemente e formalmente l’organizzazione della sicurezza, elaborato procedure gestionali e tecniche per il controllo e monitoraggio dei processi incrementando conoscenza, consapevolezza, miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro e cultura nell’intera organizzazione con l’azione sinergica, attiva, efficace di tutte le figure e strutture (Dipartimenti, Direzioni, Dirigenti, Preposti, Responsabili di Sede, Responsabili tecnici di sede, RLS, addetti alle squadre di emergenza, SPP, medico competente, responsabile PMCA, responsabile antiincendio, lavoratori ecc.,). L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 31
  31. 31. L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Grazie!!! L’esperienza in Istat degli ultimi anni in materia di salute e sicurezza Roma, 20.11.2019 31

×