R. Coniglio - Imprese, istituzioni pubbliche e settore non profit in Lombardia

21,429 views

Published on

9° Censimento dell’industria e dei servizi e Censimento delle Istituzioni non profit
Check-up della Lombardia alla luce dei dati censuari

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
21,429
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

R. Coniglio - Imprese, istituzioni pubbliche e settore non profit in Lombardia

  1. 1. MILANO 5 MAGGIO 2014 Principali innovazioni e risultati del Censimento Censimento dell’industria e dei servizi 2011 ANDREA MANCINI Direttore del Dipartimento per i Censimenti e i registri amministrativi e statistici, Istat Imprese, istituzioni pubbliche e settore non profit in Lombardia 9° Censimento dell’industria e dei servizi e Censimento delle Istituzioni non profit Check-up della Lombardia alla luce dei dati censuari Rosalia Coniglio Dirigente dell’Ufficio territoriale per la Lombardia Istat
  2. 2. MILANO 5 MAGGIO 2014 Agenda  Quadro generale  Comparto imprese «Imprese: dieci anni di trasformazioni»  Comparto istituzioni non profit «Cresce il ruolo del non profit della regione»  Istituzioni pubbliche «Inversione di tendenza nella PA regionale»  Prime evidenze «Lombardia: una regione in profonda trasformazione» 2
  3. 3. MILANO 5 MAGGIO 2014 Quadro  860mila unità giuridico-economiche (18,1% sul totale nazionale)  94,4% comparto imprese (18,3% sul totale nazionale)  5,4% comparto INP (15,3% sul totale nazionale)  0,2% comparto IP (16,3% sul totale nazionale)  4milioni di addetti delle unità locali  86,9% comparto imprese (21,3% sul totale nazionale)  3,9% comparto INP (23,1% sul totale nazionale)  9,2% comparto IP (12,9% sul totale nazionale)  Dinamica occupazionale (+3,2%)  +3,4% comparto imprese  +61,2% comparto INP  -12,1% comparto IP PROVINCIA v.a. % Var. % Per 100 ab. Per 100 ab. Var. % Varese 318.499 7,9 -2,7 36,5 -9,4 Como 207.719 5,2 -1,8 35,4 -10,0 Sondrio 67.843 1,7 9,9 37,5 7,5 Milano 1.571.898 39,1 5,0 51,7 1,7 Bergamo 431.657 10,7 5,0 39,7 -5,9 Brescia 491.135 12,2 4,0 39,7 -6,8 Pavia 162.225 4,0 -1,1 30,3 -8,9 Cremona 120.227 3,0 1,9 33,6 -4,3 Mantova 153.930 3,8 1,4 37,7 -6,2 Lecco 125.437 3,1 -1,0 37,3 -8,4 Lodi 68.373 1,7 7,0 30,6 -5,5 Monza e della Brianza 302.551 7,5 3,1 36,0 -5,9 Lombardia 4.021.494 100,0 3,2 41,4 -4,0 Nord-Ovest 6.251.064 - 1,7 39,7 -3,7 Italia 19.946.950 - 2,8 33,6 -1,5 Unità giuridico economiche (Valori assoluti, valori %, variazioni %) ADDETTI UL (Valori assoluti, valori medi, valori %, variazioni %) 3
  4. 4. MILANO 5 MAGGIO 2014 COMUNI Addetti % Addetti per 100 abitanti 1° - Milano 22,0 71,1 2° - Brescia 2,7 57,5 3° - Bergamo 1,9 64,7 4° - Monza 1,3 43,9 5° - Como 1,1 53,8 6° - Varese 1,1 53,5 7° - Cinisello Balsamo 0,9 53,6 8° - Pavia 0,9 51,4 9° - Cremona 0,8 46,8 10° - Mantova 0,8 69,7 … … … Lombardia 100,0 41,4 Addetti delle unità locali delle imprese e delle istituzioni (Valori per 100 abitanti)  Distribuzione territoriale non uniforme  Concentrazione relativa di addetti nei comuni “dell’arco” definito da quelli del milanese, del bergamasco e del bresciano  Il comune mediano ha una dotazione di 27,1 addetti ogni 100 abitanti (41,4 dato regionale) 4
  5. 5. MILANO 5 MAGGIO 2014 CLASSI DI VARIAZIONE % Comuni % Addetti 2011 % Maggiori del 20% 10,0 4,2 Dal 10% al 20% 7,3 25,6 Da 0% al 10% 14,3 18,4 Dal -10% a 0% 23,4 27,6 Dal -20% al -10% 22,9 16,2 Inferiori al -20% 22,0 8,1 Lombardia 100,0 100,0 Addetti per 100 abitanti delle unità locali delle imprese e delle istituzioni (Variazioni percentuali 2011-2001)  Variazioni negative coinvolgono il 68,3% dei comuni in cui sono impiegati il 51,8% degli addetti  La variazione media regionale di addetti per abitante è di -4,0 per cento 5
  6. 6. MILANO 5 MAGGIO 2014 Imprese: dieci anni di trasformazioni  18% delle imprese e delle UL imprese del Paese  21% degli addetti delle UL imprese del Paese  23% degli addetti dipendenti delle UL imprese del Paese  Unità produttive più strutturate rispetto alle altre regioni: 4 addetti per UL (3 altre regioni) Buon dinamismo del tessuto imprenditoriale. Livelli occupazionali frenati da trasferimenti di sede, delocalizzazioni all’estero e ristrutturazioni organizzative (+3% in 10 anni) Attività economica: 2/3 degli addetti delle imprese sono impiegati nell’industria e nei servizi alle imprese Territorio  Milano: 40% degli addetti della regione  Sondrio: crescita a 2 cifre  Varese: flessione del -3,3%  Pavia: 3,1 addetti per UL (minimo regione) Attività economica (Valori %) PROVINCIA v.a. % Var. % Per UL Per UL Var. % Varese 274.020 7,8 -3,3 3,8 -9,2 Como 179.480 5,1 -2,3 3,6 -9,7 Sondrio 55.257 1,6 14,0 3,7 5,3 Milano 1.394.360 39,9 6,5 4,3 -3,1 Bergamo 380.239 10,9 4,9 4,0 -6,2 Brescia 422.316 12,1 3,6 3,8 -6,9 Pavia 129.897 3,7 -1,6 3,1 -5,5 Cremona 98.353 2,8 1,6 3,6 -4,3 Mantova 130.828 3,7 -0,3 4,0 1,5 Lecco 108.022 3,1 -2,6 3,8 -10,8 Lodi 56.664 1,6 5,3 3,6 -3,6 Monza e della Brianza 266.957 7,6 1,8 3,6 -8,8 Lombardia 3.496.393 100,0 3,4 4,0 -5,2 Nord-Ovest 5.352.058 - 1,9 3,8 -4,5 Italia 16.424.086 - 4,5 3,4 -3,6 ADDETTI UL (Valori assoluti, valori medi, valori %, variazioni %) Lombardia Italia % Imprese 811.666 4.425.950 18,3 UL imprese 883.425 4.775.856 18,5 Addetti UL 3.496.393 16.424.086 21,3 di cui dipendenti UL 2.549.353 11.304.118 22,6 Addetti per UL 4,0 3,4 6
  7. 7. MILANO 5 MAGGIO 2014 Imprese con sede nella Regione e addetti: Dimensione 0,1% 0,7% 5,1% 94,1% NUMERO DI IMPRESE 811.666 NUMERO DI ADDETTI 3.744.267 27,2% 15,2% 20,1% 37,5% 0,1% 0,4% 4,0% 95,5% NUMERO DI IMPRESE 3.614.284 NUMERO DI ADDETTI 12.679.819 18,7% 11,4% 20,3% 49,6% Altre regioni (4 addetti per impresa) Lombardia (5 addetti per impresa) 0-9 addetti 10-49 addetti 50-249 addetti 250 addetti e più 250 addetti e più 50-249 addetti 10-49 addetti 0-9 addetti 7
  8. 8. MILANO 5 MAGGIO 2014 COMUNI Peso % Rilevanza di comparto incidenza % 1° - Milano 22,1 87,6 2° - Brescia 2,4 77,6 3° - Bergamo 1,6 76,5 4° - Monza 1,2 80,0 5° - Cinisello Balsamo 1,0 92,4 6° - Como 1,0 77,7 7° - Varese 0,9 71,4 8° - San Donato Milanese 0,8 94,7 9° - Busto Arsizio 0,7 80,0 10° - Sesto San Giovanni 0,7 87,4 … … … Lombardia 100,0 86,9 Rilevanza addetti del comparto imprese (Incidenze percentuali)  Risultano meno specializzati i capoluoghi provinciali e i comuni in cui sono presenti importanti unità locali delle amministrazioni pubbliche  Il comune mediano ha una incidenza di addetti del comparto imprese del 91,1% (86,9% il dato regionale) 8
  9. 9. MILANO 5 MAGGIO 2014 CLASSI DI VARIAZIONE % Comuni % Addetti 2011 % Maggiori del 20% 15,8 7,3 Dal 10% al 20% 20,9 44,0 Da 0% al 10% 31,7 35,3 Dal -10% a 0% 17,6 11,0 Dal -20% al -10% 7,4 1,7 Inferiori al -20% 6,6 0,8 Lombardia 100,0 100,0 Dinamica delle imprese (Variazioni percentuali 2011-2001)  Variazioni negative coinvolgono il 31,7% dei comuni in cui sono attive il 13,5% delle imprese  La variazione media regionale è di +8,0% 9
  10. 10. MILANO 5 MAGGIO 2014 CLASSI DI VARIAZIONE % Comuni % Addetti 2011 % Maggiori del 20% 19,2 10,9 Dal 10% al 20% 11,5 31,0 Da 0% al 10% 20,0 21,4 Dal -10% a 0% 20,9 23,7 Dal -20% al -10% 14,6 9,4 Inferiori al -20% 13,7 3,7 Lombardia 100,0 100,0 Dinamica occupazionale (Variazioni percentuali 2011-2001)  +3,4% addetti delle UL  Accentuazionedelledinamichenegative per la metà dei comuni lombardi, in cui sonoattiviil37%degliaddetti  +43% per le UL delle srl 10
  11. 11. MILANO 5 MAGGIO 2014 Dipendenti  Nelle UL delle imprese lombarde sono impiegati quasi un quarto dei dipendenti del Paese  Vocazione direzionale: impiegati in Lombardia più di un terzo dei dirigenti del Paese. Funzione direzionale più presente nei servizi alle imprese (12,5%), nelle grandi realtà produttive (14%) e Milano e in Brianza  Quattro dipendenti su cinque sono donne nella Sanità  Più giovani nelle attività terziarie  Elevata presenza di lavoratori extra-comunitari sia a Milano, sia nei territori a più elevata specializzazione industriale Qualifica professionale (Valori %) Extra UE-27 (Valori %)Genere (Valori %) Età (Valori %) 11
  12. 12. MILANO 5 MAGGIO 2014 COMUNI Peso % Incidenza % 1° - Milano 44,6 13,6 2° - San Donato Milanese 3,8 29,0 3° - Segrate 2,2 20,9 4° - Bergamo 1,7 7,6 5° - Brescia 1,7 5,1 6° - Agrate Brianza 1,4 13,6 7° - Monza 1,4 8,7 8° - Assago 1,2 16,9 9° - Sesto San Giovanni 1,2 12,3 10° - Cinisello Balsamo 1,2 7,2 … … … Lombardia 100,0 7,2 Dipendenti con posizioni direttive (Valori percentuali)  Forte concentrazione nel milanese e in Brianza  Se il comune mediano detiene poco più di 2 figure direttive ogni cento dipendenti, il dato regionale è di oltre 7% dipendenti  È nell’ultimo decile che si trovano i comuni con un numero di direttivi maggiore rispetto al dato regionale. 12
  13. 13. MILANO 5 MAGGIO 2014 COMUNI Peso % Incidenza % 1° - Milano 23,4 18,4 2° - Brescia 2,5 19,6 3° - Bergamo 2,0 23,8 4° - Como 1,1 21,8 5° - Monza 1,0 16,9 6° - Varese 0,9 20,1 7° - Gallarate 0,8 22,1 8° - Cinisello Balsamo 0,8 12,1 9° - San Donato Milanese 0,7 14,6 10° - Sesto San Giovanni 0,7 19,1 … … … Lombardia 100,0 18,7 Dipendenti giovani - con meno di 30 anni (Valori percentuali)  il dato mediano sia in linea con il dato regionale (19 giovani ogni cento dipendenti)  la distribuzione territoriale appare non uniforme: le incidenze sono più significative nei territori esterni alla vasta area metropolitana costituita dai comuni del milanese e della Brianza 13
  14. 14. MILANO 5 MAGGIO 2014 Specializzazioni produttive  Specializzazioni produttive plurime in Lombardia  Ruolo di rilievo per il sistema industriale e i servizi alle imprese (coefficienti maggiori del dato nazionale)  Presenti terziarizzazione e delocalizzazione  Contrazione Industria e costruzioni Mercato  Tre imprese su dieci operano nei mercati internazionali  Maggiore propensione all’esposizione su mercati esteri:  per le imprese del manifatturiero  per le imprese appartenenti a divisioni regionale a più elevata specializzazione Coefficiente di localizzazione Italia = 100 Var. % Attività agricole manifatturiere 29,7 -5,9 Industria e costruzioni 107,3 -0,6 Commercio, alberghi e ristorazione 87,6 0,5 Servizi alle imprese 109,5 2,4 Istruzione 86,4 15,6 Sanità e assistenza sociale 85,4 8,6 Altri servizi 82,6 -0,8 Attività economica (Indici e variazioni %) (Variazioni %) Ambito di mercato (Valori % - imprese con struttura aziendale) 14
  15. 15. MILANO 5 MAGGIO 2014  Prima posizione per la Chimica  Specializzazione di Milano nella Direzione aziendale (coeff. loc. 425; Italia=100)  Concentrazione addetti nell’elettronica per Agrate Brianza N.B. Presentate nella tavola specializzazioni non commerciali con coeff. loc. > 100 & coeff. loc. relativo 0-1 > 0,55 & per divisioni con quota di addetti regionale > 1%. Specializzazioni (Indici e incidenza %) Coeff. Loc. (Italia=100) Addetti Incidenza % 20 - fabbricazione di prodotti chimici 191,7 1,3 13 - industrie tessili 179,0 1,5 70 - attività di direzione aziendale 161,2 1,3 26 - fabbricazione di computer e elettronica 159,7 1,1 22 - fabbricazione di articoli in gomma 151,0 1,7 28 - fabbricazione di macchinari 137,0 3,8 25 - fabbricazione di prodotti in metallo 134,8 4,5 74 - altre attività professionali, scientifiche 122,6 1,4 64 - attività di servizi finanziari 119,6 2,8 68 - attività immobiliari 114,9 2,0 66 - attività ausiliarie dei servizi finanziari 106,3 1,1 15
  16. 16. MILANO 5 MAGGIO 2014 Cresce il ruolo del non profit della regione  15% delle INP e delle UL NP del Paese  +38% in termini di dinamica delle INP - 2°regione  + 50% in termini di dinamica delle UL NP - 1°regione  17% dei volontari delle UL NP del Paese  20% dei lavoratori esterni delle UL NP del Paese  23% degli addetti delle UL NP del Paese  Incrementi significativi per il personale:  Addetti (61,2%)  Lavoratori esterni (+147,8%)  Volontari (53,4%)  Settore non profit più strutturato rispetto alle altre regioni  3 addetti per UL (2 a livello Paese)  altro personale impiegato in media superiore al nazionale  Quota maggiore di INP di maggiori dimensioni (con almeno 20 addetti)  27% delle entrate del settore nazionale  Nel 6,5% delle INP (con oltre i 500mila euro di entrate) si concentra l’88,2% delle entrate del settore regionale Lombardia Italia % Istituzioni non profit 46.141 301.191 15,3 Unità Locali non profit 53.934 347.602 15,5 Volontari 793.744 4.758.622 16,7 Lavoratori esterni 53.022 270.769 19,6 Addetti UL 157.133 680.811 23,1 Addetti per UL 2,9 2,0 Entrate 17.404.046.395 63.939.884.443 27,2 16
  17. 17. MILANO 5 MAGGIO 2014 1 – 5 addetti 6 - 19 addetti 20 – 49 addetti Italia (2 addetti per istituzione) 301.161 Istituzioni non profit 680.811 addetti 46.141 istituzioni non profit 165.794 addetti Senza addetti 86,1% Senza addetti 84,7% Le dimensioni Lombardia (4 addetti per istituzione) 8,4% 8,1% 1 – 5 addetti 5,0%8,1% 4,3%3,6% 16,2% 12,5%6 - 19 addetti 1,1% 1,6% 15,2% 13,3%20 – 49 addetti 50 addetti e oltre 0,8% 1,3% 60,5% 69,2% 50 addetti e oltre 17
  18. 18. MILANO 5 MAGGIO 2014 Specificità regionali  Concentrazione di addetti nella sanità, assistenza sociale, protezione civile, istruzione e ricerca  Un terzo delle fondazioni italiane ha sede nella regione. Occupano oltre la metà degli addetti  Le fondazioni lombarde sono le più strutturate del Paese  Crescita a tre cifre per alcune attività:  +300% le INP della Filantropia  +113% le INP della Cooperazione Forma giuridica (Incidenza %) Settore di attività (Valori %) Lombardia Italia 2011 2001 Var. % 2011 2001 Var. % Fondazioni 1.802 700 157,4 6.220 3.077 102,1 Unità Locali fondazioni 2.257 836 170,0 7.846 3.529 122,3 Addetti UL 46.088 15.277 201,7 91.783 41.332 122,1 Addetti per UL 20,4 18,3 11,7 11,7 11,7 -0,1 Fondazioni (Valori assoluti e medi, variazioni %) 18
  19. 19. MILANO 5 MAGGIO 2014 Settori ICNPO: Volontari e lavoratori retribuiti (Variazioni %) -100 -50 0 50 100 150 200 -100 -50 0 50 100 150 200 250 Tutela dei diritti e attività politica Sviluppo economico e coesione sociale Cooperazione e solidarietà internazionale Cultura, sport e ricreazione Assistenza sociale Ambiente Sanità Istruzione e ricerca Filantropia e promozione del volontariato Altre attività Religione Relazioni sindacali Variazione % 2011/1999 dei LAVORATORI RETRIBUITI Variazione%2011/1999deiVOLONTARI Alcune evidenze:  Cultura, sport e ricreazione:  63% delle INP lombarde  +61% INP  Crescita a tre cifre per volontari e lavoratori  Cooperazione:  2% delle INP lombarde  +249% crescita personale  Tutela dei diritti:  flessione a due cifre 19
  20. 20. MILANO 5 MAGGIO 2014 Lavoratori retribuiti (Valori per 1.000 abitanti)  Dotazioni più importanti nel territorio lombardo riguardano comuni e grandi centri urbani distribuiti sul territorio regionale.  Nella provincia di Milano, oltre alla dotazione più rilevante (25 lavoratori per mille ab.), si concentra la maggior parte degli occupati nel settore (36%) la cui quota sale al 48% per i soli lavoratori esterni. PROVINCIA v.a. % Per 1.000 ab. Varese 17.252 8,2 19,8 Como 12.397 5,9 21,1 Sondrio 3.538 1,7 19,6 Milano 75.862 36,1 25,0 Bergamo 19.467 9,3 17,9 Brescia 28.561 13,6 23,1 Pavia 12.360 5,9 23,1 Cremona 8.694 4,1 24,3 Mantova 8.747 4,2 21,4 Lecco 6.965 3,3 20,7 Lodi 3.667 1,7 16,4 Monza e della Brianza 12.645 6,0 15,1 Lombardia 210.155 100,0 21,7 ITALIA 951.580 - 16,0 20
  21. 21. MILANO 5 MAGGIO 2014 Volontari (Valori per 1.000 abitanti)  La dotazione di volontari è più elevata nelle province di Sondrio, Lecco e Mantova.  Nella provincia di Milano, nonostante una dotazione tra le più basse a livello regionale (69,8 volontari per mille ab.), si concentra una quota importante dei volontari nel settore (26,7%). PROVINCIA v.a. % Per 1.000 ab. Varese 63.708 8,0 73,1 Como 53.205 6,7 90,7 Sondrio 21.144 2,7 116,9 Milano 212.178 26,7 69,8 Bergamo 105.942 13,3 97,5 Brescia 113.832 14,3 92,0 Pavia 36.960 4,7 69,0 Cremona 36.598 4,6 102,3 Mantova 41.927 5,3 102,7 Lecco 35.123 4,4 104,4 Lodi 18.318 2,3 81,9 Monza e della Brianza 54.809 6,9 65,2 Lombardia 793.744 100,0 81,8 ITALIA 4.758.622 80,1 21
  22. 22. MILANO 5 MAGGIO 2014 Inversione di tendenza nella PA regionale  16,3% delle IP, tuttavia la Lombardia “pesa” in termini di Comuni il 19,1%  Comuni: il 77,6% delle IP lombarde (contro 66,3 in Italia)  12,7% delle UL IP  12,9% degli addetti UL IP  13,1% altro personale UL IP  Dimensione media in linea con il resto del Paese Quote percentuali di addetti e UL contenute rispetto agli altri comparti (imprese e istituzioni non profit) Sostenibilità  58% delle IP adotta comportamenti sostenibili per l’ambiente  93% delle IP adotta sistemi di gestione della sicurezza dei lavoratori  13,4% delle IP ha il CUG  Intranet prevalentemente per comunicazione organizzativa e amministrativa Lombardia Italia % Istituzioni pubbliche 1.987 12.183 16,3 di cui comuni 1.542 8.077 19,1 Unità Locali Istituzioni pubbliche 12.147 95.611 12,7 Addetti UL 367.968 2.842.053 12,9 Altro personale UL 16.740 127.935 13,1 Addetti per UL 30,3 29,7 22
  23. 23. MILANO 5 MAGGIO 2014 Addetti (Valori per 1.000 ab.)  Dotazioni più importanti nel territorio lombardo riguardano i capoluoghi  37,9 addetti ogni 1.000 ab. (contro 47,8 addetti ogni 1.000 ab. a livello nazionale)  In provincia di Milano un terzo degli addetti delle UL IP della regione PROVINCIA v.a. % Per 1.000 ab. Varese 31.579 8,6 36,2 Como 18.485 5,0 31,5 Sondrio 9.521 2,6 52,6 Milano 127.034 34,5 41,8 Bergamo 35.992 9,8 33,1 Brescia 45.438 12,3 36,7 Pavia 22.264 6,1 41,6 Cremona 14.627 4,0 40,9 Mantova 15.791 4,3 38,7 Lecco 11.709 3,2 34,9 Lodi 8.885 2,4 39,7 Monza e della Brianza 26.643 7,2 31,7 Lombardia 367.968 100,0 37,9 Nord Ovest 659.272 - 41,8 ITALIA 2.842.053 - 47,8 23
  24. 24. MILANO 5 MAGGIO 2014  Effetto sostituzione nella sanità: si contrae il pubblico, cresce il non profit e il comparto imprese  Presenza di sanità e assistenza sociale privata, profit e non profit, nelle aree bianche UL Addetti Amministrazione pubblica e difesa, assicurazione sociale obbligatoria -1,0 -11,3 Istruzione 4,2 -3,2 Sanità e assistenza sociale -32,2 -22,4 Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento -22,1 -9,3 Altre attività di servizi -27,0 -35,9 Altre attività 1,8 -41,9 TOTALE -6,3 -12,1 (variazione %) Addetti Sanità e assistenza sociale (Incidenza %) 24 Attività economica (Incidenza sul totale Italia - differenza in punti percentuali)
  25. 25. MILANO 5 MAGGIO 2014 Prime evidenze Lombardia: una regione in profonda trasformazione  Cresce il non profit, più snella la Pubblica Amministrazione, si ristruttura il sistema delle imprese per la crisi economica e il cambio di contesto competitivo. E' quanto emerge dalla rilevazione censuaria in Lombardia che ha coinvolto un campione significativo di imprese, oltre 46mila istituzioni non profit e 2mila istituzioni pubbliche  Dal censimento emerge una realtà regionale contraddistinta da specializzazioni produttive plurime e buon dinamismo del tessuto imprenditoriale. Rimangono però stazionari i livelli di occupazione, frenati da trasferimenti di sede, delocalizzazioni all’estero e ristrutturazioni organizzative. In Lombardia e, in particolare, nell’area milanese, si concentrano i centri decisionali delle imprese, a conferma della forte vocazione direzionale della regione  Anche in Lombardia si riduce la dimensione della P.A. a seguito degli interventi di razionalizzazione. Crescente attenzione alla sostenibilità ambientale, pratiche di rendicontazione sociale e flessibilità occupazionale caratterizzano il settore nella regione, con dinamiche spesso più accentuate rispetto al resto del Paese  Il non profit lombardo cresce a due cifre nell’ultimo decennio. La regione è al top per dimensione e crescita di istituzioni (+37,8%) e addetti alle unità locali (+61,2%). Le organizzazioni non profit lombarde sono le più strutturate del Paese, con una concentrazione di addetti nella sanità, assistenza sociale, protezione civile, istruzione e ricerca. Un terzo delle fondazioni italiane ha sede nella regione  Il dinamismo interno al sistema economico regionale si è manifestato anche con “effetti di sostituzione” tra un settore e l’altro in termini di occupazione e unità economiche. 25
  26. 26. MILANO 5 MAGGIO 2014 Documentazione I dati sono disponibili in: • I.stat, il datawarehouse dell’Istat, al tema “Censimento industria, istituzioni pubbliche e non profit 2011”. Al datawarehouse si accede sia dalla home page di www.istat.it sia dal sito dedicato http://censimentoindustriaeservizi.istat.it/. • Nel report dell’evento di Presentazione dei primi risultati del 9° Censimento generale dell’industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit Roma, 11 luglio 2013 • Nel report dell’evento Check-up della Lombardia alla luce dei dati censuari Milano, 5 Maggio 2014 26
  27. 27. MILANO 5 MAGGIO 2014 Grazie per l’attenzione ROSALIA CONIGLIO Ufficio territoriale per la Lombardia, ISTAT roconigl@istat.it 27

×