Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

A. Terracina, I sistemi di gestione della sicurezza,dalla norma OHSAS 18001 alla UNI ISO 45001

26 views

Published on

Convegno Istat Roma, Aula Magna 20.11.19
Salute e Sicurezza nella PA: dall’applicazione della normativa ai nuovi sistemi di gestione
via Cesare Balbo 16

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

A. Terracina, I sistemi di gestione della sicurezza,dalla norma OHSAS 18001 alla UNI ISO 45001

  1. 1. I sistemi di gestione della sicurezza dalla norma OHSAS 18001 alla UNI ISO 45001 ROMA 20 Novembre 2019 Antonio Terracina
  2. 2. 2 STANDARD DI GESTIONE DELLA SICUREZZA OHSAS 18001
  3. 3. SISTEMI DI GESTIONE, questi (mis)conosciuti Come li immaginiamo 3 Come li viviamo
  4. 4. 4 BS OHSAS 18001 vs UNI ISO 45001 • Il cambiamento principale è che la nuova norma utilizza la HLS e si concentra sull'interazione tra l'organizzazione e il suo ambiente di business, mentre OHSAS 18001 si focalizza sulla gestione dei pericoli OH&S e altre questioni interne. • Gli standard divergono però anche per molti altri aspetti, tra cui: 1. ISO 45001 si basa sui processi la OHSAS 18001 si basa sulle procedure 2. ISO 45001 considera sia i rischi che le opportunità // OHSAS 18001 si occupa esclusivamente di rischi per la SSL 3. ISO 45001 considera le parti interessate con maggior enfasi della OHSAS 18001 Il cambiamento è significativo ma sebbene i due standard differiscano nel loro approccio, un sistema di gestione stabilito in conformità con OHSAS 18001 costituisce una solida base per la migrazione alla ISO 45001
  5. 5. 5 STRUTTURA DELLA ISO 45001 La struttura di alto livello della ISO 45001 si allinea con gli altri nuovi standard di sistemi di gestione sviluppati da ISO. La High Level Structure (HLS): 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Contesto dell’organizzazione 5. Leadership 6. Pianificazione 7. Supporto 8. Operatività 9. Valutazione delle prestazioni 10. Miglioramento Le sezioni 4, 5, 9 e 10 differiscono dagli attuali sistemi di gestione ISO
  6. 6. Gli altri aspetti comuni e le implicazioni Integrabile con ISO 9000:15 e ISO 14001:15
  7. 7. 7 IMPLICAZIONI DELLA HLS • Struttura • Alcuni termini • Alcune definizioni • Alcune parti di testo Sono uguali in tutte le norme
  8. 8. 8 IMPLICAZIONI DELLA HLS • Struttura • Alcuni termini • Alcune definizioni • Alcune parti di testo Sono uguali in tutte le norme
  9. 9. 9 L’approccio basato sul rischio • Risk Management: la storia • Il risk management è un modello gestionale nato nei primi anni del 1900, nel mondo finanziario e del credito. Dal 2015 il concetto di risk management è incluso in tutte le norme di sistema di gestione aziendale (es. sistemi di gestione qualità, ambiente, sicurezza, …) .
  10. 10. 10 Composto da:  Requisiti  Annex: guida interpretativa (non guida all’implementazione)  NA Appendice – Riferimenti legislativi nazionali L’articolazione I contenuti dell’annex sono inderogabili per una implementazione completa ed efficace anche se non costituiscono «requisiti».
  11. 11. 11 L’APPROCCIO PDCA
  12. 12. 12 L’APPROCCIO PDCA
  13. 13. LA LEADERSHIP 13 • Gli aspetti di salute e sicurezza devono fare parte del sistema di gestione aziendale. Pertanto le responsabilità per gli aspetti di salute e sicurezza non possono essere delegate ad un «safety manager» ma devono essere integrate nell’operatività (in tutto il ciclo PDCA) • Le responsabilità sono assegnate ai ruoli chiave e gli aspetti di sicurezza sono trattati con maggiore integrazione nei processi aziendali • Le prestazioni in materia di salute e sicurezza sono prese in considerazione in sede di pianificazione strategica e gli obiettivi di sicurezza devono essere compatibili con le direzioni strategiche.
  14. 14. Consultazione e partecipazione dei lavoratori L'organizzazione deve stabilire, attuare e mantenere uno o più processi per la consultazione e la partecipazione dei lavoratori a tutti i livelli e funzioni applicabili e, ove istituiti, dei rappresentanti dei lavoratori, nello sviluppo, pianificazione, attuazione, valutazione delle prestazioni e delle azioni per il miglioramento del sistema di gestione per la SSL. L'organizzazione deve: a. fornire modalità, tempo, formazione e risorse necessarie per la consultazione e la partecipazione; b. fornire un accesso tempestivo a informazioni chiare, comprensibili e pertinenti sul sistema di gestione per la SSL; c. individuare ed eliminare gli ostacoli o le barriere alla partecipazione e ridurre al minimo quelli che non possono essere rimossi; 14
  15. 15. 15 Sul piano sostanziale e giuridico Come vorrebbero essere:
  16. 16. I costi della non sicurezza È necessario distinguere tra • Costi manifesti • Costi nascosti L’European Agency for Safety and Health at Work stima che: Rapporto 1/11
  17. 17. 17 Strumenti economici per la prevenzione ISI OT 23 DM 27/2/19 Inail ha strutturato un sistema di incentivazione economica alla prevenzione
  18. 18. 18 Efficacia degli SGSL
  19. 19. Conclusioni • I sistemi di gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro sono il metodo più efficace oggi noto per fare prevenzione. • La norma ISO 45001 si propone finalmente di colmare il Gap esistente tra le norme ISO. • La facilità di integrazione con la ISO 9000 e la ISO 14001 non potrà che contribuire a diffondere la gestione sistemica degli aspetti di salute e sicurezza sul lavoro • Vale il principio della « regola dell’arte» • Diminuisce i costi relativi alla «non sicurezza» • Aiuta le aziende a dotarsi di di un modello organizzativo con efficacia esimente ai sensi del D.lgs 231/01 DIMINUISCE INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI
  20. 20. Antonio Terracina a.terracina@inail.it 20

×