Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Il Censimento delle acque per uso civile: 
dal prelievo alla depurazione 
Stefano Tersigni 
26 Novembre 2014
Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014 
1.Il Cens...
- Dal 1951 Istat svolge rilevazioni sulle risorse idriche per uso civile. 
- La cronologia delle rilevazioni ha permesso d...
Principali obiettivi 
Convenzione con il Dipartimento per le politiche di sviluppo e coesione - DPS 
Tra gli obiettivi del...
Organizzazione 
L’indagine preliminare sugli enti gestori 
•Periodo di indagine: 2012 
•Unità rispondenti: Aato 
•Finalità...
indata.istat.it/acqua 
Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 n...
I numeri del Censimento delle acque per uso civile 2012 
•3.040 lettere informative inviate via posta ordinaria 
•7.500 te...
Reti di distribuzione dell’acqua potabile 
I gestori operativi nel 2012 risultano 2.391, di cui l’86,2% sono gestioni in e...
Acquedotti 
Distribuzione 
Reti fognarie 
Impianti di depurazione 
Prelievo 
Trasporto 
Prelievo e trasporto di acqua 
•Ac...
Acqua prelevata per uso potabile 
8.500 
8.600 
8.700 
8.800 
8.900 
9.000 
9.100 
9.200 
9.300 
9.400 
9.500 
9.600 
1999...
Distribuzione di acqua potabile – Anno 2012 
VOLUME DI ACQUA IMMESSA IN ITALIA: 8,4 miliardi di metri cubi 
VOLUME DI ACQU...
241 
0 
50 
100 
150 
200 
250 
300 
350 
400 
450 
500 
Ue28 
La media Ue28 è di 188,2 litri per abitante al giorno 
Cens...
Dispersioni di rete 1/2 
Aumentano le dispersioni di acqua nelle reti comunali di distribuzione Dal 32,1% del 2008 al 37,4...
Dispersioni di rete - capoluoghi 2/2 
0,0 
10,0 
20,0 
30,0 
40,0 
50,0 
60,0 
70,0 
80,0 
Milano 
Trento 
Bologna 
Bolzan...
Comuni non serviti da depurazione – Anno 2012 
Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefa...
Quota di carichi inquinanti civili trattati in impianti con trattamento secondario o avanzato 
2008 
2012 
Andamento 
Piem...
FONTI DI INQUINAMENTO 
ORIGINE DEI DATI 
NOTE 
COEFF 
Popolazione residente 
Bilancio demografico e popolazione residente ...
Carichi inquinanti civili e industriali 
Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Ter...
Prossimi sviluppi 
•Nuovi riferimenti territoriali (distretto idrografico, agglomerati) 
•Integrazione con altre fonti (Re...
Distretti idrografici 
SORGENTE 
POZZO 
CORSO D'ACQUA 
LAGO NATURALE 
BACINO ARTIFICIALE 
ACQUE MARINE O SALMASTRE 
DISTRE...
I dati per agglomerato 
Uno degli obiettivi del Censimento 2012 è stato quello di raccogliere e diffondere i dati per aggl...
Gli agglomerati per regione 
REGIONI NUMERO DI AGGLOMERAT I NUMERO DI COMUNI 
Lombardia 421 1.544 
Sicilia 336 390 
T osca...
Ricognizione sugli agglomerati presso le Regioni 
Per riuscire a elaborare i dati a livello di agglomerato urbano è stato ...
I sistemi informativi sui servizi idrici 
Necessità di un sistema informativo nazionale interistituzionale utilizzabile pe...
Grazie per l’attenzione
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

S. Tersigni - Il Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione

47,154 views

Published on

I servizi idrici in Italia: sistemi informativi e governance

Published in: Education
  • Be the first to comment

S. Tersigni - Il Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione

  1. 1. Il Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione Stefano Tersigni 26 Novembre 2014
  2. 2. Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014 1.Il Censimento delle acque per uso civile 2.Il Censimento delle acque per uso civile: edizione 2012 •Obiettivi •Organizzazione •Rispondenti/Unità di analisi •Alcuni risultati 3.Prossimi sviluppi •Distretti idrografici •Agglomerati 4.Oltre il Censimento delle acque per uso civile Sommario
  3. 3. - Dal 1951 Istat svolge rilevazioni sulle risorse idriche per uso civile. - La cronologia delle rilevazioni ha permesso di sviluppare una importante base informativa, aggiornata dalle nuove normative e dalla crescente richiesta istituzionale e scientifica. -Dal 1999 la rilevazione ha subito una profonda revisione. -L’ultima edizione del Censimento fa riferimento al 2012. Il prossimo censimento nel 2016, con riferimento al 2015 Prelievi di acqua per uso potabile Reti di adduzione Reti di distribuzione Reti fognarie Impianti di depurazione delle acque reflue urbane 1951 1963 1975 1987 1993 1999 2005 2008 2012 Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014 Il Censimento delle acque per uso civile: la storia
  4. 4. Principali obiettivi Convenzione con il Dipartimento per le politiche di sviluppo e coesione - DPS Tra gli obiettivi del Censimento vi è anche quello di ottemperare alle richieste derivanti dalla convenzione tra Istat e Dipartimento per le politiche di sviluppo e coesione per la “Realizzazione e la fornitura dei dati necessari alla costruzione degli indicatori relativi agli obiettivi di servizio”, in particolare per il progetto operativo relativo agli indicatori S.10 e S.11. per le regioni del Mezzogiorno. Richieste Eurostat/Ocse Questionario «Inland Water» → Informazioni a livello nazionale Questionario «REQ – Regional environmental questionnaire» → Informazioni a livello di distretto idrografico e regionale Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014 Censimento delle acque per uso civile 2012
  5. 5. Organizzazione L’indagine preliminare sugli enti gestori •Periodo di indagine: 2012 •Unità rispondenti: Aato •Finalità: aggiornamento lista degli enti gestori operativi nel 2012 e dei servizi da essi gestiti Innovazioni censimento 2013 •Incontri informativi e di presentazione con i grandi gestori •Sistema di compilazione on line attraverso sito con protocollo di rete SSL •Personalizzazione dei questionari •Possibilità di salvataggi intermedi •Nuove variabili rilevate •Verifica misura o stima variabili quantitative •Monitoraggio e tutoraggio grandi gestori •Piano dei solleciti •Ricontatti durante la fase di controllo e correzione dei dati Focus grandi impianti di depurazione Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014 Censimento delle acque per uso civile 2012
  6. 6. indata.istat.it/acqua Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014
  7. 7. I numeri del Censimento delle acque per uso civile 2012 •3.040 lettere informative inviate via posta ordinaria •7.500 telefonate al Numero verde 800254726 attivo dall’inizio della rilevazione e ai numeri interni Istat •4.600 mail arrivate su acqua@istat.it (richiesta credenziali, informazioni, assistenza nella compilazione, chiarimenti sui quesiti) •6.400 mail inviate da Istat •8.080 mail inviate (solleciti, credenziali) tramite il sistema automatico Arco dall’indirizzo acqua@istat.it Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014
  8. 8. Reti di distribuzione dell’acqua potabile I gestori operativi nel 2012 risultano 2.391, di cui l’86,2% sono gestioni in economia (84,8% nel 2008). Si verifica, in alcuni comuni, una gestione multipla della rete, a carico pertanto di più enti gestori. Prelievi Le gestioni in economia generalmente si riducono per la presenza di gestori grossisti di acqua per uso potabile e di grandi gestori di sovra-ambito (ad es. Sorical, Molise acque, Siciliacque, Romagna Acque,…). Si riscontrano ancora fonti di approvvigionamento gestite da persone fisiche, privati che – soprattutto in alcune realtà territoriali (Sicilia, Provincia autonoma di Bolzano, Lazio) – vendono l’acqua ai gestori della distribuzione. Reti fognarie I gestori operativi nel 2012 risultano 2.789, di cui il 90,7% sono gestioni in economia (88,9% nel 2008) Depurazione È minore la presenza di gestioni in economia data la specificità del servizio di trattamento delle acque reflue urbane. Rimangono, tuttavia, in carico ai comuni soprattutto la gestione di vasche Imhoff e impianti primari. Le unità rispondenti – Enti gestori dei servizi idrici SULLE GESTIONI IN ECONOMIA Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014
  9. 9. Acquedotti Distribuzione Reti fognarie Impianti di depurazione Prelievo Trasporto Prelievo e trasporto di acqua •Acqua prelevata •Acqua potabilizzata •Acqua addotta •Acqua scambiata tra diversi gestori •Acqua fatturata all’ingrosso per i diversi usi (agricoltura, industria) Distribuzione dell’acqua potabile •Acqua immessa nelle reti di distribuzione comunali •Acqua erogata •Acqua fatturata •Acqua fatturata per usi civili •Acqua fatturata per uso agricolo •Acqua fatturata per uso industriale o per altre attività economiche •Popolazione servita •Numero e lunghezza degli allacciamenti Impianti di trattamento degli impianti di depurazione delle acque reflue urbane • Impianti in esercizio • Abitanti equivalenti civili • Abitanti equivalenti industriali • Tipologia di trattamento • Parametri caratteristici dei reflui in ingresso ed uscita dall’impianto • Focus sui grandi impianti Reti fognarie • Tipologia delle reti • Popolazione servita • Destinazione dello scarico Unità di analisi - principali variabili rilevate Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014
  10. 10. Acqua prelevata per uso potabile 8.500 8.600 8.700 8.800 8.900 9.000 9.100 9.200 9.300 9.400 9.500 9.600 1999 2005 2008 2012 Milioni di metri cubi Il volume di acqua per uso potabile derivato dall’ambiente nel 2012 è pari a 9,5 miliardi di metri cubi. 0 200 400 600 800 1.000 1.200 1.400 1.600 Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014
  11. 11. Distribuzione di acqua potabile – Anno 2012 VOLUME DI ACQUA IMMESSA IN ITALIA: 8,4 miliardi di metri cubi VOLUME DI ACQUA EROGATA IN ITALIA: 5,2 miliardi di metri cubi Il Censimento delle acque per uso civile, Stefano Tersigni – Roma, 10 gennaio 2013 0 200.000 400.000 600.000 800.000 1.000.000 1.200.000 1.400.000 1.600.000 Piemonte Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste Liguria Lombardia Bolzano - Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Acqua erogata dalle reti di distribuzione Acqua immessa nelle reti di distribuzione dati in migliaia di metri cubi
  12. 12. 241 0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 Ue28 La media Ue28 è di 188,2 litri per abitante al giorno Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014 In litri per abitante al giorno Consumo di acqua per uso potabile: l’Italia e l’Ue 28
  13. 13. Dispersioni di rete 1/2 Aumentano le dispersioni di acqua nelle reti comunali di distribuzione Dal 32,1% del 2008 al 37,4% del 2012 oVolume perso per disservizi oErrori di misura dei contatori oVolume perduto nella distribuzione oVolume sottratto senza autorizzazione Una maggiore diffusione dei contatori e di sistemi di misurazione più precisi ha evidenziato criticità prima non individuate.
  14. 14. Dispersioni di rete - capoluoghi 2/2 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0 80,0 Milano Trento Bologna Bolzano/Bozen Ancona Genova Aosta Venezia Palermo Perugia Roma Torino ITALIA Bari Napoli Trieste Firenze Potenza L'Aquila Catanzaro Cagliari Campobasso
  15. 15. Comuni non serviti da depurazione – Anno 2012 Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014
  16. 16. Quota di carichi inquinanti civili trattati in impianti con trattamento secondario o avanzato 2008 2012 Andamento Piemonte 58,0 70,9 Valle d'Aosta 56,1 58,2 Liguria 47,4 60,9 Lombardia 60,0 57,3 Trentino-Alto Adige 73,9 70,6 Bolzano/Bozen 89,7 98,2 Trento 62,5 49,7 Veneto 51,1 48,8 Friuli-Venezia Giulia 48,3 47,9 Emilia-Romagna 67,3 67,1 Toscana 54,4 51,0 Umbria 64,7 70,2 Marche 46,4 49,0 Lazio 63,4 59,6 Abruzzo 45,5 58,5 Molise 73,7 63,1 Campania 61,3 58,6 Puglia 58,6 66,3 Basilicata 61,2 62,6 Calabria 48,2 51,5 Sicilia 38,9 40,4 Sardegna 62,7 61,4 ITALIA 56,5 57,6 Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014 Rapporto percentuale Ae civili su Aetu
  17. 17. FONTI DI INQUINAMENTO ORIGINE DEI DATI NOTE COEFF Popolazione residente Bilancio demografico e popolazione residente al 31 dicembre popolazione residente media nell’anno Popolazione presente non residente Censimento Generale della popolazione e delle abitazioni popolazione domiciliata in un comune diverso da quello di residenza Popolazione in case sparse Censimento Generale della popolazione e delle abitazioni popolazione residente o domiciliata in località classificate come case sparse negativo Lavoratori e studenti pendolari Censimento Generale della popolazione e delle abitazioni popolazione che dichiara di spostarsi quotidianamente dal comune di residenza o domicilio in altro comune per motivi di lavoro o di studio 8/24 per i lavoratori 6/24 per gli studenti Popolazione potenziale presente in strutture alberghiere Capacità degli esercizi ricettivi (numero di posti letto) disponibilità dei posti letto nelle strutture alberghiere Popolazione potenziale presente in abitazioni private Censimento Generale della popolazione e delle abitazioni abitazioni vuote per il numero medio presenti in quelle occupate 0,8 Abitanti equivalenti relativi alle attività di servizio di ristorazione e bar Archivio Asia unità locali coefficiente Irsa-Cnr Abitanti equivalenti relativi alla micro industria Archivio Asia unità locali coefficiente Irsa-Cnr Abitanti equivalenti relativi alla piccola, media e grande industria Archivio Asia unità locali coefficiente Irsa-Cnr Stima dei carichi inquinanti potenziali Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014
  18. 18. Carichi inquinanti civili e industriali Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014 in impianti di depurazione con trattamento secondario e avanzato
  19. 19. Prossimi sviluppi •Nuovi riferimenti territoriali (distretto idrografico, agglomerati) •Integrazione con altre fonti (Regioni, Ispra, Mattm, Aeegsi) Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014
  20. 20. Distretti idrografici SORGENTE POZZO CORSO D'ACQUA LAGO NATURALE BACINO ARTIFICIALE ACQUE MARINE O SALMASTRE DISTRETTI IDROGRAFICI Sorgente Pozzo Acque superficiali Acque marine o salmastre Totale Alpi Orientali 401.415 642.344 75.045 - 1.118.804 Appennino Centrale 999.252 310.708 32.971 - 1.342.931 Appennino Meridionale 1.078.154 882.801 278.736 - 2.239.691 Appennino Settentrionale 169.857 475.915 307.781 1.020 954.572 Bacino Pilota del Serchio 8.321 22.048 14 - 30.383 Padano 416.494 1.844.086 229.728 - 2.490.309 Sardegna 13.380 34.292 250.226 - 297.898 Sicilia 159.386 326.906 126.905 12.600 625.797 Extra territoriali 7.380 548 - - 7.928 ITALIA 3.253.640 4.539.648 1.301.406 13.619 9.108.313 Volumi in migliaia di metri cubi – Anno 2008 PRELIEVO DA SORGENTE < = 500 501 - 15.000 15.001 - 100.000 100.001- 500.000 500.001 - 2.000.000 < = 500 501 - 15.000 15.001 - 100.000 100.001- 500.000 500.001 - 2.000.000 < = 500 501 - 15.000 15.001 - 100.000 100.001- 500.000 500.001 - 2.000.000 PRELIEVO DA POZZO PRELIEVO DA ACQUE SUPERFICIALI (migliaia di metri cubi/anno) (migliaia di metri cubi/anno) (migliaia di metri cubi/anno)
  21. 21. I dati per agglomerato Uno degli obiettivi del Censimento 2012 è stato quello di raccogliere e diffondere i dati per agglomerato Problematiche - I gestori non sempre conoscono gli agglomerati definiti dalle regioni sul proprio territorio di competenza. - Per una dettagliata analisi dimensionale (per esempio, abitanti equivalenti serviti dagli impianti di depurazione) è necessario conoscere con precisione i limiti territoriali degli agglomerati. Il Censimento delle acque per uso civile, Stefano Tersigni – Roma, 10 gennaio 2013
  22. 22. Gli agglomerati per regione REGIONI NUMERO DI AGGLOMERAT I NUMERO DI COMUNI Lombardia 421 1.544 Sicilia 336 390 T oscana 259 287 Calabria 254 409 Sardegna 243 377 Veneto 223 581 Emilia-Romagna 213 348 Lazio 195 378 Piemonte 176 1.206 Puglia 171 258 Campania 152 551 Abruzzo 145 305 Basilicata 131 131 Marche 94 239 Friuli-Venezia Giulia 82 218 Liguria 63 235 T rento 58 217 Umbria 44 92 Molise 41 136 Bolzano 34 116 Valle d'Aosta 18 74 Fonte: Ispra, 2012 Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014
  23. 23. Ricognizione sugli agglomerati presso le Regioni Per riuscire a elaborare i dati a livello di agglomerato urbano è stato necessario acquisire informazioni integrative rispetto a quelle contenute nel sistema informativo dell’Ispra. Il Censimento delle acque per uso civile, Stefano Tersigni – Roma, 10 gennaio 2013 Le informazioni richieste alle Regioni sono state: •georefenziazione dei limiti degli agglomerati •metodologie per la stima degli a.e.
  24. 24. I sistemi informativi sui servizi idrici Necessità di un sistema informativo nazionale interistituzionale utilizzabile per diversi fini: conoscitivo, regolazione, governance. Aspetti prioritari –Acquisizione di dati presso gli enti gestori il più possibile unica al fine di •ridurre il carico sui rispondenti •condividere definizioni e metadati •abbattere i costi –Condivisione ed utilizzo di dati da archivi amministrativi; –Integrazione di informazioni tra aspetti infrastrutturali e gestionali/economici –Controlli di qualità dei dati –Diffusione dell’informazione (Portale interistituzionale sull’acqua) Oltre il Censimento dell’acqua per uso civile Censimento delle acque per uso civile: dal prelievo alla depurazione, Stefano Tersigni – Roma, 26 novembre 2014
  25. 25. Grazie per l’attenzione

×