Fse 09d - rumore

1,037 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,037
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
51
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Fse 09d - rumore

  1. 1. Impatto rumore e agenti fisici
  2. 2. Rumore E’ uno dei rischi più diffusi ed ubiquitari Varia in base al reparto e alla tipologia di lavoro. L'ipoacusia da rumore di natura profes- sionale è la malattia professionale più frequente collegata al rumore.
  3. 3. Caratteristica fondamentale di ogni suono sono la intensità e la frequenza: nel sistema internazionale di misura (S.I.) l'intensità è proporzionale alla pressione dell'onda e la frequenza al numero di oscillazioni al secondo di questa (misurate in hertz, Hz). Si può in prima approssimazione associare l'intensità al volume e la frequenza alle  note musicali. Rumore
  4. 4. Il nostro orecchio può percepire suo- ni che vanno dai  20 (gravi) ai 20000 (acuti) Hz. All'interno di questa ban- da di frequenze varia la sensibilità di ognuno di noi. Rumore
  5. 5. Effetti :i principali effetti extrauditivi del rumore segnalati a livello epidemiologico riguardano l’apparato cardiovascolare, con aumentata incidenza di ipertensione arteriosa, modificazioni elettrocardiografiche e della frequenza cardiaca sino all' infarto miocardico, l’apparato gastroenterico. Rumore
  6. 6. <ul><li>Effetti uditivi </li></ul><ul><li>Ipoacusia – può essere causata da: </li></ul><ul><li>Farmaci ototossici (amicacina, gentamicina); </li></ul><ul><li>Età; </li></ul><ul><li>esposizione a rumore. </li></ul>Rumore
  7. 7. Psicoacustica Suono : è una variazione di pressione nell'aria che determina un'onda acustica a carattere regolare e periodico in grado di provocare una sensa-zione uditiva. R umore : viene distinto dal suono perché genera- to da onde acustiche a carattere irregolare e non periodico percepite psicologicamente co- me sensazioni uditive sgradevoli e fastidiose. Rumore
  8. 8. Eppure hanno la stessa origine, nel senso che entrambi sono il risultato di energia meccanica emessa da una sorgente che si propaga in un mezzo (solido, liquido o gassoso) sotto forma di vibrazioni. Rumore
  9. 9. Esempio di rumore trasmesso per via aerea p Rumore
  10. 10. <ul><li>Valutazione del rumore. </li></ul><ul><li>Può essere necessario: </li></ul><ul><li>Misurazione del rumore </li></ul><ul><li>Fonometri e dosimetri </li></ul><ul><li>Adozione di misure tecniche, procedurali, organizzative , </li></ul><ul><li>Forma prioritaria eliminazione del rischio </li></ul>Rumore
  11. 11. Riduzione del rischio Rischio residuo Informazione, Formazione, Sorveglianza sanitaria D.P.I. Rumore
  12. 12. Esempio di spettro sonoro generato da un gruppo frigorigeno a 1,5 m di distanza dai ventilatori
  13. 13. Relazione tra componenti impiantistici ed impatto acustico componente dell’impianti localizzazione tipica tipo di impatto rilevanza impatto G ruppi frigorigeni condensati ad acqua e bruciatori l ocali centrale frigorigena e termica nell’interrato o in altro locale interno dell’edificio sugli ambienti interni adiacenti generalmente non elevata in locale separato dell’edificio sull’ambiente esterno generalmente non elevata Torri evaporative, gruppi frigorigeni condensati ad aria in copertura o al suolo in esterno sull’ambiente esterno elevata Elettroventilatori dell’unità di trattamento dell’aria (UTA) e di espulsione nell’interrato o in altro locale interno dell’edificio s ugli ambienti interni adiacenti e nei locali serviti dall’impianto media in copertura o in locale separato dell’edificio sull’ambiente esterno e nei locali serviti dall’impianto media T ubazioni, elettropompe e condotte dell’aria in cavedi, in controsoffitti e talvolta in vista sugli ambienti interni generalmente non elevata Unità terminali (bocchette, anemostati, ventilconvettori, ecc.) negli ambienti serviti dall’impianto sugli ambienti stessi può essere significativa
  14. 14. La propagazione sonora del rumore generato da impianti Un aspetto fondamentale è la collocazione spaziale delle macchine. In un uno spazio di conformazione semisferica , la quantità di energia emessa risulta incrementata di 3 dB rispetto a quella emessa in campo libero. In uno spazio delimitato da due superfici riflettenti (appoggiata su solaio e prossima ad un muro verticale), l’energia emessa incrementa di 6 dB . In un angolo di muratura l’energia emessa incrementa di 9 dB .
  15. 15. Strategie per il contenimento dell’impatto acustico <ul><li>Interventi sulla sorgente di rumore (silenziamento dei componenti rumorosi); </li></ul><ul><li>Interventi sul percorso di propagazione sonora del suono dalla sorgente ai ricettori disturbati (barriere fonoisolanti). </li></ul>
  16. 16. Interventi sulla sorgente
  17. 17. Interventi sulla sorgente Tipologia macchine Modalità d’intervento Condizionatori Macchina e condotti con bassa turbolenza, contenuta velocità e resistenza al moto dei fluidi Condizionatori Installare filtri acustici alle prese ed agli scarichi dell’aria Macchine in genere Macchine e tubazioni sospese o appoggiate su supporti antivibranti, solette portanti d’appoggio pesanti e rigide Torri di raffreddamento e condensatori ad aria Installare le macchine lontano da ricettori sensibili o prevedere incapsulaggio e pavimenti galleggianti Condotte dell’aria Limitare le curve, i cambi di direzione,i bruschi allargamenti e restringimenti di sezione, realizzare gli stessi secondo le norme UNI 10381-1 e 2 Gruppi condensati ad acqua Macchine e tubazioni sospese o appoggiate su supporti antivibranti, prevedere incapsulaggio Elettropompe Antivibranti d’appoggio e sui giunti di collegamento alle tubazioni Tubazioni Antivibranti di sospensione, sui tratti verticali e orizzontali, attraversamenti dotati di manicotti in materiale elastico Ventilatori Punto di lavoro alla massima efficienza, spazi adeguati davanti alla presa d’aria, serranda e silenziatori sufficientemente lontani dalla presa e mandata dell’aria, giunti antivibranti ai collegamenti delle condotte di ripresa e mandata, appoggi su giunti antivibranti, pulegge regolabili per motori di maggior potenza.
  18. 18. Interventi sul percorso di propagazione alcune soluzioni per limitare la diffrazione sonora che interessa il bordo superiore della barriera
  19. 19. Caso studio Appoggio in neoprene Barriera acustica Barriera acustica
  20. 20. Potenza sonora dei gruppi frigorigeni
  21. 21. Senza barriere in copertura
  22. 22. Con barriere in copertura
  23. 23. Le vibrazioni meccaniche sono prodotte dal movimento oscillatorio di un corpo intorno ad una posizione di equilibrio; esse sono essenzialmente caratterizzate dall'asse di ingresso (x, y, z), dalla frequenza (Hz), dall'ampiezza (accelerazione in m/s2), e dal tempo di esposizione. Vibrazioni
  24. 24. <ul><li>L'esposizione dell'uomo alle vibra- </li></ul><ul><li>zioni è aumentata progressivamente </li></ul><ul><li>con lo sviluppo della meccanizzazio- </li></ul><ul><li>ne industriale ed agricola e con lo </li></ul><ul><li>impiego crescente dei mezzi di tra- </li></ul><ul><li>sporto. </li></ul>Vibrazioni
  25. 25. Vibrazioni al corpo intero : il corpo umano viene sollecitato nella sua totalità della struttura che vibra attraverso la superficie di appoggio (guida di automezzi) Vibrazione del sistema mano braccio : utensili vibranti, macchine ad aria compressa, elettro-utensili (smerigliatrici, trapani, frese etc.) Vibrazioni:tipologie
  26. 26. Vibrazioni mano braccio
  27. 27. Z X Y Vibrazioni
  28. 28. La grandezza rilevata è l’accelerazione come valore r.m.s. (Valore quadratico medio) ponderato in frequenza campionato nell’intervallo di frequenze che parte da 0,5 fino a 80 Hz. a = v/t m/sec / sec = m/sec² Vibrazione = oscillazione / sec = Hz Vibrazioni
  29. 29. Effetti riconducibili all’esposizione a vibrazione al corpo intero e frequenze caratteristiche: Alterazioni della colonna vertebrale 3-10 Hz Disturbi dell’apparato digerente 4-8 Hz Disturbi apparato riproduttivo (donna) 40-55 Hz Disturbi circolatori - Effetti cocleo-vestibolari 4-8 Hz Mal di moto < 0.5 Hz Vibrazioni
  30. 30. Riferimenti legislativi D.Lgs 81/2008 titolo VIII capo III dall’Art. 200 in poi Valutazione del rischio (All. XXXV) Eventuale misurazione Valori di riferimento Sistema mano braccio V.L. = 5 m/sec 2 V.A. = 2,5 m/sec 2 Corpo intero V.L. = 1 m/sec 2 V.A. = 0,5 m/sec 2 V.L. = valore limite V.A. = valore di attenzione Vibrazioni

×