M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo

WHAT A
COINCIDENCE!
Jerry M. Bur...
PAROLE CHIAVE
SIMILARITÀ: uno dei fattori che influenzano la simpatia; siamo più
disponibili con le persone che riteniamo s...
INTRODUZIONE

FRITZ HEIDER (1958)
!
Le

somiglianze accidentali spesso creano un legame tra due persone
se quest’associazi...
OBIETTIVI E IPOTESI
Dopo un confronto con la letteratura scientifica, gli autori hanno
indagato se le somiglianze accidenta...
GLI STUDI
SINGLE-BLIND CONTROL PROCEDURE

1°

2°

3°

4°

BIRTHDAY	


NAME	


FINGERPRINT	


FINGERPRINT	


VALENZA

FORZA...
1° STUDIO

Condivisione della data di nascita (1/365) sufficiente a creare una
percezione di relazione unitaria tra gli ind...
RISULTATI 1° STUDIO
GRUPPO	


SPERIMENTALE

SI	

62,2%

NO	

37,8%

M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, ...
2° STUDIO

Condivisione del nome di battesimo, situazione più comune rispetto alla precedente.	

!
PARTECIPANTI: 82 studen...
RISULTATI 2° STUDIO

3	


CONDIZIONI

S

1) Volontaria con stesso nome della partecipante	


$ 2,07	


!

S

!

2) Ragazza...
3° STUDIO

Similarità delle impronte digitali. 	

!
PARTECIPANTI: 88 studenti non laureati (83 donne 5 uomini).	

!
PROCED...
CONDIZIONI 3° STUDIO

3	


CONDIZIONI

S

1) Il partecipante e il complice tipo raro 2%	


28/88	


!

S

!

2) Il parteci...
RISULTATI 3° STUDIO
S

S

GRUPPO	

CONDIZIONE 1

GRUPPO	

CONDIZIONE 2

SI	

82,1%

SI	

54,8%

NO	

17,9%

M. Bravi (+ Ta...
4° STUDIO

Similarità delle impronte digitali, influenza sul feeling	

!
PARTECIPANTI: 80 studenti non laureati (76 donne 4...
CONDIZIONI 4° STUDIO

3	


CONDIZIONI
1) Il partecipante e il complice tipo raro 2%	

!

S

2) Il partecipante e il compli...
RISULTATI 4° STUDIO
S

S

GRUPPO	

CONDIZIONE 1

GRUPPO	

CONDIZIONE 2

GRUPPO	

CONTROLLO 3

23,46

20,79

19,56

M. Brav...
DISCUSSIONE GENERALE
Gli studi confermano come la percezione di una similarità, anche se
casuale, ha effetti di incremento...
LIMITI EVIDENZIATI DAGLI AUTORI

Le evidenze mostrano quanto l’effetto sia pervasivo; tuttavia
caratteristiche salienti de...
LIMITI EVIDENZIATI DAL GRUPPO SIMPATIA

1°
2°
3°
4°

BIRTHDAY	


EFFETTO

INFORMAZIONE NON SPONTANEA
NAME	


VALENZA

DISC...
POSSIBILI SVILUPPI FUTURI
Solo nei primi studi, con partecipanti donne, viene specificato che il complice è dello
stesso se...
DOMANDE?
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

WHATA COINCIDENCE!

392 views

Published on

WHATA COINCIDENCE!
The effect of incidental similarity on compliance.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
392
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

WHATA COINCIDENCE!

  1. 1. M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo WHAT A COINCIDENCE! Jerry M. Burger Nicole Messian Shebani Patel Alicia del Prado Carmen Anderson Santa Clara University (2004) The effect of incidental similarity on compliance. Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 01/19
  2. 2. PAROLE CHIAVE SIMILARITÀ: uno dei fattori che influenzano la simpatia; siamo più disponibili con le persone che riteniamo simili a noi. ! RELAZIONE UNITARIA: si crea quando si è consapevoli che l’aspetto in comune non sia condiviso da altri. ! RICHIESTA: domanda usata come pretesto per lo studio. ! ACCONDISCENDENZA: disponibilità a compiere una richiesta. M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 02/19
  3. 3. INTRODUZIONE FRITZ HEIDER (1958) ! Le somiglianze accidentali spesso creano un legame tra due persone se quest’associazione è percepita come una relazione unitaria. La consapevolezza che due persone condividono una relazione unitaria è sufficiente per generare attrazione. M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 03/19
  4. 4. OBIETTIVI E IPOTESI Dopo un confronto con la letteratura scientifica, gli autori hanno indagato se le somiglianze accidentali hanno un effetto sull’accondiscendenza. ! La similarità, generando un clima di “amicizia e simpatia”, può ridurre la distanza psicologica interpersonale. ! La similarità accidentale non porta ad avere più attenzione al contenuto delle domande, ma rafforza la compliance. M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 04/19
  5. 5. GLI STUDI SINGLE-BLIND CONTROL PROCEDURE 1° 2° 3° 4° BIRTHDAY NAME FINGERPRINT FINGERPRINT VALENZA FORZA FEELING EFFETTO M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 05/19
  6. 6. 1° STUDIO Condivisione della data di nascita (1/365) sufficiente a creare una percezione di relazione unitaria tra gli individui. ! PARTECIPANTI: 75 studentesse non laureate. ! PROCEDURA: Alle partecipanti si affianca una complice dello sperimentatore, con l'obiettivo di dichiarare la stessa data di nascita del soggetto. A fine esperimento, la complice propone al soggetto di leggere un compito di otto pagine, per poi commentarlo in forma scritta. M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 06/19
  7. 7. RISULTATI 1° STUDIO GRUPPO SPERIMENTALE SI 62,2% NO 37,8% M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo GRUPPO CONTROLLO SI 34,2% NO 65,8% Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 07/19
  8. 8. 2° STUDIO Condivisione del nome di battesimo, situazione più comune rispetto alla precedente. ! PARTECIPANTI: 82 studentesse non laureate. ! PROCEDURA: Le partecipanti sono state invitate a portare in laboratorio alcuni oggetti per un test sul loro utilizzo. Una volta terminato, la volontaria (complice) di una fondazione per la cura della fibrosi cistica chiede alla partecipante una donazione. ! 3 CONDIZIONI: Assegnazione casuale. M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 08/19
  9. 9. RISULTATI 2° STUDIO 3 CONDIZIONI S 1) Volontaria con stesso nome della partecipante $ 2,07 ! S ! 2) Ragazza malata con stesso nome della partecipante 3) Gruppo di controllo $ 0,81 ! $ 1,00 Media delle donazioni M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 09/19
  10. 10. 3° STUDIO Similarità delle impronte digitali. ! PARTECIPANTI: 88 studenti non laureati (83 donne 5 uomini). ! PROCEDURA: Dopo aver effettuato un esperimento di correlazione fra le impronte digitali e le personalità dei soggetti divisi in gruppi simili, un complice propone al partecipante di leggere un testo di otto pagine, per poi commentarlo in forma scritta ! 3 CONDIZIONI: Assegnazione casuale. M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 10/19
  11. 11. CONDIZIONI 3° STUDIO 3 CONDIZIONI S 1) Il partecipante e il complice tipo raro 2% 28/88 ! S ! 2) Il partecipante e il complice tipo comune 80% 3) Gruppo di controllo M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo 31/88 ! 29/88 Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 11/19
  12. 12. RISULTATI 3° STUDIO S S GRUPPO CONDIZIONE 1 GRUPPO CONDIZIONE 2 SI 82,1% SI 54,8% NO 17,9% M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo GRUPPO CONTROLLO 3 SI 34,2% NO 45,2% NO 65,8% Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 12/19
  13. 13. 4° STUDIO Similarità delle impronte digitali, influenza sul feeling ! PARTECIPANTI: 80 studenti non laureati (76 donne 4 uomini). ! PROCEDURA: Al partecipante e al complice viene chiesto di rispondere ad un questionario con tre domande per tre argomenti (3x3) riguardante: caratteristiche del test, dello sperimentatore e del secondo partecipante (complice). Non c’è una richiesta finale da parte del complice. ! 3 CONDIZIONI: Assegnazione casuale. M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 13/19
  14. 14. CONDIZIONI 4° STUDIO 3 CONDIZIONI 1) Il partecipante e il complice tipo raro 2% ! S 2) Il partecipante e il complice tipo comune 80% 3) Gruppo di controllo M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 3 gruppi come nello studio 3 S 14/19
  15. 15. RISULTATI 4° STUDIO S S GRUPPO CONDIZIONE 1 GRUPPO CONDIZIONE 2 GRUPPO CONTROLLO 3 23,46 20,79 19,56 M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 15/19
  16. 16. DISCUSSIONE GENERALE Gli studi confermano come la percezione di una similarità, anche se casuale, ha effetti di incremento della “compliance”. ! I partecipanti si comportano amichevolmente con i complici degli sperimentatori grazie all’innesco di associazioni positive. ! Per risparmio cognitivo nel processare informazioni ci si basa su euristiche. ! Il fenomeno associativo è conforme a diversi modelli: gruppi minimi (Tajefel, 1970 )e implicit partisanship (Greenwald, Pickrell e Farnham, 2002). M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 16/19
  17. 17. LIMITI EVIDENZIATI DAGLI AUTORI Le evidenze mostrano quanto l’effetto sia pervasivo; tuttavia caratteristiche salienti delle situazioni potrebbero attivare percorsi cognitivi più riflessivi e invertire l’andamento del fenomeno. ! Dimensione della richiesta (prezzo della richiesta). ! Effetti di genere (non contemplati nello studio). M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 17/19
  18. 18. LIMITI EVIDENZIATI DAL GRUPPO SIMPATIA 1° 2° 3° 4° BIRTHDAY EFFETTO INFORMAZIONE NON SPONTANEA NAME VALENZA DISCREPANZA FOTO/VOLONTARIA FINGERPRINT FORZA DIFFICILE RISCONTRO NEL QUOTIDIANO, METODO PER LABORATORIO FINGERPRINT FEELING DIFFICILE RISCONTRO NEL QUOTIDIANO, METODO PER LABORATORIO M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 18/19
  19. 19. POSSIBILI SVILUPPI FUTURI Solo nei primi studi, con partecipanti donne, viene specificato che il complice è dello stesso sesso. Quando, negli studi successivi, entrano in laboratorio anche maschi, non viene specificato il sesso del complice. ! In caso di partecipanti maschi con complice maschio: gli studi cercano di attenuare attrazioni di genere, mettendo un complice dello stesso sesso. Questo svaluta l’orientamento sessuale. Possibile indagine sugli effetti di similarità tenendo conto dell’orientamento sessuale. ! In caso di partecipante maschio con complice femmina: sottovalutazione della similarità nel genere maschile. ! Le ricerche future possono verificare la similarità fra maschi e compararle ai risultati ottenuti per il genere femminile. M. Bravi (+ Tato), S. Forte, F. Frigerio, C. Pergamo, G. Ranno, C. Redaelli, V. Riccardo Università degli Studi Milano-Bicocca a.a. 2013-2014 Atteggiamenti e Opinioni - Prof. Silvia Mari - Dott. Paolo Riva 19/19
  20. 20. DOMANDE?

×