Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Agile lean conference - Agile, Lean & Business

702 views

Published on

Agile e Lean e come si struttura il Business.

Published in: Business

Agile lean conference - Agile, Lean & Business

  1. 1. Agile, Lean & Business Cosa sono e come usarli per vivere felici! Simone Onofri - simone@agileleanconference.org Claudia Spagnuolo - claudia@agileleanconference.org
  2. 2. Cos’è Agile
  3. 3. Cenni al manifesto Agile… “Agile nasce della necessità di un’alternativa ai processi ‘pesanti’ di sviluppo software, basati su documentazione e pianificazione massiva, con lo scopo di scoprire modi migliori di creare software”
  4. 4. Cosa intendiamo per Agile? “Agile” è un termine “ombrello” che descrive un modo di lavorare collaborativo… AgilePF™ AgilePM™ Scrum SAFe™ XP CrystalAUP RAD DAD
  5. 5. Il manifesto Agile Gli individui e le interazioni più che i processi e gli strumenti
 Il software funzionante più che la documentazione esaustiva
 La collaborazione col cliente più che la negoziazione dei contratti
 Rispondere al cambiamento più che seguire un piano Ovvero, fermo restando il valore delle voci a destra,
 consideriamo più importanti le voci a sinistra.
  6. 6. Sfatiamo il falso mito: in Agile non c’è documentazione! “Abbracciamo la documentazione, ma non centinaia di pagine che nessuno gestisce e in ‘tomi’ difficilmente utilizzabili”
  7. 7. Sfatiamo il falso mito: in Agile non si pianifica! “Facciamo la pianificazione, ma ne riconosciamo i limiti in un ambiente turbolento.”
  8. 8. Sfatiamo il falso mito: Agile è Scrum! Agile != Scrum
  9. 9. Framework e metodologie a confronto CC-­‐BY-­‐NC-­‐ND  Simone    Onofri  e  Claudia  Spagnuolo Gestione del Team e del Prodotto Gestione e Direzione del Progetto Gestione del Programma Gestione del Portafoglio Scrum Tecniche specialistiche e Delivery XP Lean* DSDM® AgilePF® DSDM® AgilePgM® DAD DSDM® AgilePM® SAFe™ PRINCE2 ® MSP® M_o_P®
  10. 10. Cos’è Lean
  11. 11. Manufacturing, Thinking, Software e… Startup! …ma sempre di Lean parliamo • 1500-1900: Studi sul miglioramento del flusso produttivo, parti di ricambio ecc.. (es. Arsenale di Venezia, militari). • 1900-1990: L’approccio Lean viene applicato al mondo manifatturiero (es. Ford, Toyota) e viene standardizzato e studiato (es. Ohno, Deming). • 1990-2005: Lean viene promosso e diventa a far parte dei “Must” della produzione. • 2006: Lean applicato al Software “Implementing Lean Software Development” di Mary e Tom Poppendieck. • 2011: Lean applicato alle Startup “Lean Startup” di Eric Ries
  12. 12. -- Eric Ries “E’ costruito su molte idee di gestione e produzione come la produzione Lean, Design Thinking, Customer Development e lo Sviluppo Agile. Un nuovo approccio per creare innovazione continua. E’ chiamato Lean Startup”
  13. 13. Quali sono i principi di Lean? • Eliminare gli sprechi • Definire il Valore dal punto di vista del cliente • Far fluire tutte le attività • Realizzare un'attività solo quando il processo a valle lo richieda • Perseguire la perfezione tramite continui miglioramenti (Kaizen)
  14. 14. …applicati al software • Eliminare gli sprechi • Integrare la qualità • Creare conoscenza • Rinviare l’impegno • Rilasciare velocemente • Rispettare le persone • Ottimizzare
  15. 15. I vantaggi di essere Agili e Lean
  16. 16. Vantaggi dell’essere Agili: Più successo Approccio Tradizionale 18% 32% 49% Hanno Successo Sfidanti Falliscono IT Project Success Survey 2013 Approccio Agile 6% 30% 64%
  17. 17. Flusso di cassa e punto di pareggio Tempo Flussodicassa Punto di Pareggio Rilascio completo Tempo Flussodicassa Rilascio 1 Rilascio 2 Rilascio 3 Punto di Pareggio Rilascio 4
  18. 18. Business is Business Perché nel business è importante identificare le priorità delle parti che compongono la soluzione/ prodotto/servizio? Perché possiamo utilizzare queste informazioni per anticipate il ROI, ridurre gli investimenti, ottimizzare alcuni rischi. CC-­‐BY-­‐NC-­‐ND  Simone    Onofri  e  Claudia  Spagnuolo
  19. 19. Scomposizione del prodotto Per poter fare il rilascio parziale è necessario scomporre in sotto-prodotti il prodotto completo da rilasciare ed identificare quali rilasciare per primi e la presenza di dipendenze. CC-­‐BY-­‐NC-­‐ND  Simone    Onofri  e  Claudia  Spagnuolo
  20. 20. Benefici dei rilasci parziali Il rilascio incrementale è utile per tutte le parti interessate, ad esempio per: •Time to market •Ottimizzazione del flusso di cassa •Feedback anticipato •Meno ri-lavorazione •Migliore qualità (rispondenza alle specifiche) CC-­‐BY-­‐NC-­‐ND  Simone    Onofri  e  Claudia  Spagnuolo

×