Accessibilità dei Contenuti per il Web secondo il W3C: Introduzione alle WCAG 1.0 e Quick Tips

4,427 views

Published on

"Content is accessible when it may be used by someone with a
disability" dal Glossario WCAG

L'Accessibilità è un argomento attuale. Su Internet, come nella realtà, non mancano le barriere architettoniche, in questo caso digitali. Imparare a conoscerle e a rimuoverle aiuta non solo gli utenti che non sono in grado di vedere, ascoltare o muoversi ma tutta la comunità, per un esperienza più ampia di Internet. Il talk, totalmente dedicato alle Linee Guida WCAG 1.0, si propone come punto di riflessione sull'Accessibilità.

Published in: Economy & Finance
0 Comments
5 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
4,427
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
42
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
5
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Accessibilità dei Contenuti per il Web secondo il W3C: Introduzione alle WCAG 1.0 e Quick Tips

  1. 1. Introduzione alle WCAG 1.0 Accessibilità dei Contenuti per il Web secondo il W3C Simone Onofri [email_address] “ La forza del Web sta nella sua universalità. L’accesso da parte di chiunque, indipendentemente dalle disabilità , ne è un aspetto essenziale ” Linux Day Roma: 28 Ottobre 2006 presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
  2. 2. Sommario del Talk <ul><li>Cos’è l’Accessibilità </li></ul><ul><li>L’impatto delle WCAG sull’Italia e il ruolo dell’IWA </li></ul><ul><li>Cosa sono le Linee Guida </li></ul><ul><li>Consigli brevi per siti accecssibili </li></ul><ul><li>Conclusioni </li></ul><ul><li>Un invito… </li></ul>
  3. 3. Cos’è l’accessibilità <ul><li>Il termine “accessibile” </li></ul><ul><li>La WAI e il W3C </li></ul><ul><li>Raccomandazioni per l’Accessibilità </li></ul><ul><li>Il lavoro continua… </li></ul><ul><li>A chi si rivolgono le WCAG? </li></ul><ul><li>Chi ne trae beneficio? </li></ul><ul><li>Un analisi approfondita </li></ul>
  4. 4. Il termine “accessibile” <ul><li>accessibile: agg. 1 cui si può accedere; raggiungibile: un luogo accessibile; una città non accessibile dal mare ' un prezzo accessibile, (fig.) modico 2 (fig.) detto di persona, cordiale, alla mano 3 (fig.) comprensibile: concetto accessibile. </li></ul>Due Significati importanti: cui si può accedere comprensibile
  5. 5. La WAI e il W3C <ul><li>Motto della WAI: </li></ul><ul><li>“ La forza del Web sta nella sua universalità. L’accesso da parte di chiunque, indipendentemente dalle disabilità , ne è un aspetto essenziale” </li></ul>Motto del W3C: “ Guidare il World Wide Web fino al massimo del suo potenziale ”
  6. 6. Raccomandazioni per l’Accessibilità <ul><li>Linee Guida per l’Accessibilità dei Contenuti del Web ( WCAG 1.0 - Web Content Accessibility Guidelines) </li></ul><ul><li>Linee Guida degli Strumenti di Sviluppo ( ATAG 1.0 - Authoring Tool Accessibility Guidelines) </li></ul><ul><li>Linee Guida per l’accessibilità degli Interpreti ( UAAG 1.0 - User Agent Accessibility Guidelines) </li></ul>
  7. 7. Il lavoro continua… <ul><li>Linguaggio per la Reportistica e la Valutazione ( EARL - Evaluation and Report Language) </li></ul><ul><li>Applicazioni per Internet Complesse ed Accessibili ( WAI-ARIA - Accessible Rich Internet Applications) </li></ul><ul><li>Linee Guida per l’Accessibilità dei Contenuti del Web Seconda Versione ( WCAG 2.0 - Web Content Accessibility Guidelines) </li></ul>
  8. 8. A chi si rivolgono le WCAG? <ul><li>Sviluppatori di Contenuto per il Web (Programmatori, Designer, Redattori). </li></ul><ul><li>Sviluppatori di Strumenti per la creazione di siti Web. </li></ul><ul><li>Sviluppatori di Strumenti per la valutazione dell'accessibilità del Web. </li></ul>“ Contenuto” E’ tutto ciò che si dice all'utente mediante il linguaggio naturale, il testo, le immagini, i suoni, i filmati, le animazioni etc…
  9. 9. Chi ne trae beneficio? <ul><li>Persone che non sono in grado di vedere, ascoltare, muoversi o che non riescono a trattare alcune tipologie di informazioni facilmente o totalmente. </li></ul><ul><li>Persone che hanno difficoltà nella lettura e nella comprensione del testo. </li></ul><ul><li>Persone che non sono in grado di usare una tastiera o un mouse . </li></ul><ul><li>Persone che usano un dispositivo testuale , uno schermo di piccole dimensioni o una connessione a internet lenta . </li></ul><ul><li>Persone che non parlano o non capiscono bene la lingua in cui è scritto il documento. </li></ul><ul><li>Persone che sono in situazioni particolari in cui gli occhi, le orecchie o le mani sono impegnate . (es. durante la guida, mentre si lavora in un ambiente rumoroso…) </li></ul><ul><li>Persone che hanno browser datato rispetto alla versione corrente, un browser totalmente differente oppure vocale , o un altro sistema operativo . </li></ul>
  10. 10. Analisi approfondita <ul><li>Si prescinde dalla definizione tipica di disabile. </li></ul><ul><li>Le persone che utilizzano dispositivi palmari ad avanzata tecnologia, con schermi piccoli. </li></ul><ul><li>Tutti possiamo trovarci, ci si augura momentaneamente , in situazioni di oggettiva disabilità </li></ul><ul><li>Stanchezza fisica (occhi) e mentale dopo molte ore di lavoro </li></ul><ul><li>Collegarsi al Web da una camera d’albergo usando la linea analogica o il GPRS </li></ul><ul><li>A TUTTI giova l’Accessibilità </li></ul>
  11. 11. L'impatto delle WCAG sull'Italia e il ruolo dell'IWA <ul><li>L’influenza Internazionale delle WCAG </li></ul><ul><li>L’impatto sull’Italia </li></ul><ul><li>Legge 9 gennaio 2004 n. 4 detta Legge Stanca </li></ul><ul><li>Perché l’IWA? </li></ul>
  12. 12. L’influenza Internazionale delle WCAG <ul><li>Australia </li></ul><ul><li>Canada </li></ul><ul><li>Danimarca </li></ul><ul><li>Europa </li></ul><ul><li>Finlandia </li></ul><ul><li>Francia </li></ul><ul><li>Germania </li></ul><ul><li>Hong Kong </li></ul><ul><li>India </li></ul><ul><li>Irlanda </li></ul><ul><li>Israele </li></ul><ul><li>Italia </li></ul><ul><li>Giappone </li></ul><ul><li>Nuova Zelanda </li></ul><ul><li>Portogallo </li></ul><ul><li>Regno Unito </li></ul><ul><li>Spagna </li></ul><ul><li>Svizzera </li></ul><ul><li>Stati Uniti d’America </li></ul>
  13. 13. L’impatto sull’Italia <ul><li>“ Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge” </li></ul>Art 3, Costituzione Italiana Ma ogni cittadino è uguale davanti un sito web? No!
  14. 14. Legge 9 gennaio 2004 n. 4 detta Legge Stanca <ul><li>Legge in materia di accessibilità all’avanguardia </li></ul><ul><li>Consulenza e collaborazione dell’ IWA </li></ul><ul><li>Ispirata o quanto indicato nelle Raccomandazioni del W3C ed in particolare in quelle del progetto WAI . </li></ul><ul><li>Sezione 508 del Rehabilitation Act degli USA. </li></ul><ul><li>Standard e specifiche tecniche dalla ISO ( International Organization for Standardization ). </li></ul><ul><li>Esperienze acquisite nell’ambito della Pubblica Amministrazione </li></ul>http://www.pubbliaccesso.gov.it/normative/legge_20040109_n4.htm
  15. 15. Perché l’IWA? <ul><li>&quot;Member&quot; del consorzio W3C . </li></ul><ul><li>Sono soci IWA/HWG gli italiani che operano nei gruppi di lavoro del W3C in materia di accessibilità: </li></ul><ul><ul><li>Marco Bertoni </li></ul></ul><ul><ul><li>Roberto Castaldo </li></ul></ul><ul><ul><li>Roberto Ellero </li></ul></ul><ul><ul><li>Luca Mascaro </li></ul></ul><ul><ul><li>Sebastiano Nutarelli </li></ul></ul><ul><ul><li>Pasquale Popolizio </li></ul></ul><ul><ul><li>Roberto Scano </li></ul></ul>http://www.iwa-italy.org/
  16. 16. Le Linee Guida per L’Accessibilità dei Contenuti per il Web <ul><li>I principi per un Design Accessibile e le linee guida </li></ul><ul><li>Come sono organizzate le Linee Guida </li></ul><ul><li>Priorità e Conformità </li></ul><ul><li>Il processo di conformità e alcuni fraintendimenti </li></ul>http://www.w3.org/TR/WAI-WEBCONTENT/
  17. 17. Principi per un Design Accessibile “cui si può accedere” <ul><li>Assicurare una trasformazione elegante </li></ul><ul><li>“ Seguendo queste linee guida, gli sviluppatori di contenuti sono in grado di creare pagine che si trasformano con eleganza. Le pagine che si trasformano con eleganza rimangono accessibili nonostante le limitazioni” </li></ul><ul><li>Separare il contenuto dalla presentazione . </li></ul><ul><li>Fornire del testo che possa essere reso dai browser e lettori di schermo . </li></ul><ul><li>Creare contenuti fruibili indipendentemente da capacità visive e uditive . </li></ul><ul><li>Creare contenuti fruibili indipendentemente dall’hardware utilizzato. </li></ul><ul><li>Dalla 1 alla 11: “cui si può accedere” </li></ul>
  18. 18. Linee Guida “cui si può accedere” – 1 <ul><li>1. Fornite alternative equivalenti per il contenuto audio e visivo. </li></ul><ul><li>2. Non fate affidamento solo sul colore. </li></ul><ul><li>3. Usate i marcatori e fogli di stile e fatelo in modo corretto. </li></ul><ul><li>4. Chiarite l'uso dei linguaggi naturali. </li></ul><ul><li>5. Create tabelle che si trasformino in maniera corretta ed elegante. </li></ul><ul><li>6. Assicuratevi che le pagine che utilizzano nuove tecnologie si trasformino in maniera elegante e corretta. </li></ul>
  19. 19. Linee Guida “cui si può accedere” – 2 <ul><li>7. Assicuratevi che l'utente possa tenere sotto controllo i cambiamenti di contenuto nel corso del tempo. </li></ul><ul><li>8. Assicurate l'accessibilità diretta delle interfacce utente incorporate. </li></ul><ul><li>9. Progettate per garantire l'indipendenza da dispositivo. </li></ul><ul><li>10. Usate soluzioni provvisorie. </li></ul><ul><li>11. Usate le tecnologie e le raccomandazioni del W3C. </li></ul>
  20. 20. Principi per un Design Accessibile – “comprensibile” <ul><li>Rendere il contenuto comprensibile e navigabile </li></ul><ul><li>“ Gli sviluppatori di contenuti dovrebbero rendere il contenuto comprensibile e navigabile. Questo comprende, oltre all'adozione di un linguaggio chiaro e semplice, il fornire meccanismi facilmente comprensibili per la navigazione all'interno della stessa pagina e tra pagine diverse.” </li></ul><ul><li>Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile . </li></ul><ul><li>Garantire un sistema di navigazione chiaro e coerente. </li></ul><ul><li>Dare all’utente un sistema di orientamento all’interno del sito. </li></ul><ul><li>Dare all’utente la capacità di saltare i gruppi di collegamenti . </li></ul><ul><li>Dalla 12 alla 14: “comprensibile” </li></ul>
  21. 21. Linee Guida “comprensibile” <ul><li>12. Fornite le informazioni per la contestualizzazione e l'orientamento. </li></ul><ul><li>13. Fornite chiari meccanismi di navigazione. </li></ul><ul><li>14. Assicuratevi che i documenti siano chiari e semplici. </li></ul>
  22. 22. Come sono organizzate le Linee Guida <ul><li>14 Linee Guida </li></ul><ul><li>56 Punti di Controllo </li></ul><ul><li>Tecniche Base, HTML e CSS </li></ul><ul><li>Per ogni punto di controllo, le WCAG prevedono un sistema di priorità su tre livelli a seconda dell'impatto che tale punto ha sull'accessibilità. </li></ul><ul><li>Dobbiamo inoltre ricordare che: </li></ul><ul><li>L’accessibilità per TUTTI, al 100% è pura teoria; lo scopo ragionevole sarà quello di garantire il maggior livello di fruibilità al maggior numero possibile di utenti </li></ul>
  23. 23. Priorità e Conformità <ul><li>Punti di controllo di priorità 1 . Devono (“ must ”) essere soddisfatti. Non soddisfarli rende i relativi contenuti del tutto inaccessibili per alcune categorie di utenti. </li></ul><ul><li>Punti di controllo di priorità 2 . Dovrebbero (“ should ”) essere soddisfatti. Non soddisfarli rende difficoltoso o molto difficoltoso l’accesso ai contenuti per alcune categorie di utenti. </li></ul><ul><li>Punti di controllo di priorità 3 . Possono (“ may ”) essere soddisfatti. Non soddisfarli rende i relativi contenuti meno facili da utilizzare ma non inaccessibili. </li></ul>http://www.w3.org/WAI/WCAG1-Conformance.html
  24. 24. Il processo di conformità e alcuni fraintendimenti <ul><li>Spesso, in particolare per quello che in italiano intendiamo come “ sviluppatore ”, si pensa che solo chi si occupa di sviluppare un sito web ( programmatori , designer , architetti di interfaccia …) sia responsabile dell’accessibilità. E che dopo aver controllato che il codice (HTML, CSS) sia conforme il lavoro si può dichiarare concluso. Non è così. </li></ul><ul><li>E’ un concetto più ampio che prevede la collaborazione indispensabile di tutte quelle figure che conosciamo meglio come Redattori Web e di chiunque si occupi di aggiornare un contenuto. </li></ul><ul><li>L’accessibilità del Web è dal punto di vista dello sviluppatore la continua ricerca di soluzioni migliori di quella adottata in precedenza. Raccogliendo i consigli e l’esperienza degli utenti. </li></ul>
  25. 25. Brevi consigli per creare dei siti web accessibili <ul><li>I consigli brevi riassumono a grandi linee i contenuti più importanti delle WCAG ma non le rappresentano in tutto e per tutto </li></ul>Vedremo ora alcuni esempi… http://www.w3.org/WAI/References/QuickTips/
  26. 26. 1. Immagini ed animazioni <ul><li>Utilizzare l’attrbuto alt per descrivere la funzione di ogni elemento grafico </li></ul>alt mancante – viene reso il nome del file alt=“” – viene ignorata l’immagine alt=“Logo del sito” alt=“Logo del Linux Day 2006 di Roma” alt=“Logo del Linux Day 2006 di Roma: Il pinguino con la toga e la coroncina di alloro accanto al Colosseo” http://www.linuxdayroma.org/
  27. 27. 2. Immagini cliccabili <ul><li>Utilizzare l’elemento map e descrivere le zone attive </li></ul><map name= “ previsioni_italia ” > <area shape= “ poly ” href= “ /lazio/ ” alt= “ Lazio ” … <area shape= “ poly ” href= “ /toscana/ ” alt= “ Toscana ” … <p> <a href= “ /lazio/” title= “ Previsioni per il Lazio ” … <a href= “ /toscana/ ” titlet= “ Previsioni per la Toscana”…
  28. 28. 3. Multimedia <ul><li>Fornire sottotitoli e trascrizioni per l’audio, e descrizione dei filmati </li></ul><!DOCTYPE smil PUBLIC &quot;-//W3C//DTD SMIL 2.0//EN&quot; &quot;http://www.w3.org/2001/SMIL20/WD/SMIL20.dtd&quot;> <smil xmlns=&quot;http://www.w3.org/2001/SMIL20/Language&quot;> … <video src=&quot;…&quot; region=&quot;video&quot; title=&quot;video&quot;/> <textstream src=&quot;…&quot; region=&quot;captions&quot; title=&quot;captions&quot;/> http://ncam.wgbh.org/webaccess/magpie/
  29. 29. 4. Collegamenti ipertestuali <ul><li>Utilizzare enunciati che conservino il loro senso al di fuori del contesto. Per esempio evitare “cliccare qui” </li></ul><a href=&quot;…&quot; title=&quot;Iscrizione ai Talk&quot;>Iscrizione ai Talk</a> … <a href=&quot;…&quot; title=“clicca qui”>Clicca qui!!!</a> Nel caso del secondo collegamento, preso fuori dal contesto, non sappiamo dove ci possa portare. Inoltre inserire correttamente i testi dei collegamenti aiuta anche i motori di ricerca che associato ai collegamenti quelle parole
  30. 30. 5. Organizzazione <ul><li>Utilizzare titoli, liste e una struttura coerente. Utilizzare CSS per l’impaginazione </li></ul>http://www.csszengarden.com
  31. 31. 6. Figure e diagrammi <ul><li>Descriverli all’interno della pagina o utilizzare l’attributo longdesc </li></ul>Anche utilizzando l’alt, il significato di questo grafico potrebbe non essere chiaro. E’ consigliabile una descrizione in pagina o tramite il longdesc http://www.getfirefox.com/
  32. 32. 7. Scipt, applet e plug-in <ul><li>Fornire una pagina alternativa quando tali funzionalità sono inaccessibili o non supportate </li></ul><object classid=&quot;java:pianoincl.class&quot; width=&quot;500&quot; height=&quot;500&quot;> <object data=“pianoincl.mpeg&quot; type=&quot;video/mpeg&quot;> <object data=&quot;Pressure.gif&quot; type=&quot;image/gif&quot;> Le forze in un piano inclinato... </object> </object > </object >
  33. 33. 8. Cornici (frames) <ul><li>Utilizzare noframes e titoli significativi </li></ul>Non è comunque consigliabile usare i frame, peggiora la navigazione, l’indicizzazione e l’utente non può facilmente usare un segnalibro
  34. 34. 9. Tabelle <ul><li>Facilitare la lettura in linea. Riassumere </li></ul>lynx è uno dei migliori programmi per controllare la corretta linearizzazione di una tabella http://lynx.browser.org/
  35. 35. 10. Verificare il lavoro <ul><li>Validare. Utilizzare gli strumenti, la lista di controllo e le linee guida di: </li></ul><ul><li>http://www.w3.org/TR/WCAG </li></ul>http://validator.w3.org/
  36. 36. Conclusioni <ul><li>L’accessibilità giova a tutti </li></ul><ul><li>Non esiste l’accessibilità assoluta </li></ul><ul><li>Multidisciplinare </li></ul><ul><li>Aumento del riferimento dei visitatori </li></ul><ul><li>Alleggerimento del carico del server </li></ul><ul><li>Minor tempo per gli aggiornamenti </li></ul><ul><li>Miglioramento dell’indicizzazione </li></ul><ul><li>Stare al passo con la legislazione </li></ul>
  37. 37. Un invito… <ul><li>Lezioni gratuite di informatica on-line </li></ul><ul><li>più di 6300 studenti </li></ul><ul><li>Voip, Erp, CCNA, RadioLinux, Phishing, Pharming, Accessibilità Web, AJAX Diritto penale informatico… </li></ul><ul><li>Per la divulgazione libera dell'informazione. </li></ul>http://www.oilproject.org
  38. 38. Altro invito… sempre gratuito <ul><li>Oltre i sottotitoli: pensare l'accessibilità del multimedia come investimento sul significato </li></ul><ul><li>Approfondimenti sull'accessibilità dei contenuti multimediali </li></ul><ul><li>lunedì 20 novembre 2006 </li></ul><ul><li>Università Roma 3 – Lettere e Filosofia </li></ul><ul><li>Roberto Ellero </li></ul><ul><li>9.30 - 13.30 / 14.30 - 16.30 </li></ul>http://education.iwa-italy.org

×