Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Il linguaggio della pubblicità

6,171 views

Published on

  • Be the first to comment

Il linguaggio della pubblicità

  1. 1. LA PUBBLICITÀ
  2. 2. I linguaggi della pubblicità • Linguaggio iconico: immagini, colori e logo • Linguaggio verbale • Linguaggio musicale e gestuale
  3. 3. Linguaggio iconico  le immagini centro il prodotto è sempre al
  4. 4. Linguaggio iconico I colori Verde e azzurro = natura pulita, ambiente … calma, generosità, equilibrio 
  5. 5. Blu = la notte e il relax Viola = la calma, riflessione, libera immaginazione
  6. 6. Rosso = emozione, passione, calore, azione, mo vimento Arancione= bontà d’animo, serenità, gioia
  7. 7. Giallo = preziosità ed eleganza
  8. 8. Tonalità incolori: Bianco= pulizia, purezza, igiene Nero intensifica le emozioni
  9. 9.  Il logo, simbolo dell’azienda produttrice del prodotto, si memorizza facilmente. Proviamo?
  10. 10. Linguaggio musicale e http://www.youtube.com/watch?v=IKOnI6ysXTw
  11. 11. gestuale http://www.youtube.com/watch?v=TB5rPXc0JKE
  12. 12. Linguaggio verbale  Lo slogan È l’elemento che collega l’immagine al prodotto, attira l’attenzione ed ha la sua forza nel linguaggio
  13. 13. Linguaggio verbale Per fare colpo sul potenziale consumatore, la pubblicità ricorre a tutte le risorse linguistiche esistenti. Ne citeremo alcune:  L’uso dei possessivi e dei pronomi personali per sottolineare il legame esclusivo tra il prodotto e ogni singolo
  14. 14. Linguaggio verbale  Uso di forme assolute di comparativo e superlativo: il massimo, il meglio
  15. 15. Linguaggio verbale  L’uso di alterati (arci, extra-, maxi-, pluri, super-, ultra-, …)  L’uso dei composti, tra cui le “parole macedonia”
  16. 16. Linguaggio verbale  L’aggiunta di suffissi che danno vita a neologismi
  17. 17. Linguaggio verbale  Ricorso ad altre lingue: - alle lingue classiche per nobilitare il prodotto (Ypsilon, Alfa Delta); - ai dialetti e all’italiano regionale per garantire la genuinità ai linguaggi scientifici per infondere fiducia; - alle lingue straniere; -
  18. 18. Linguaggio verbale  Le figure retoriche suddivise in quattro grandi gruppi:  1. ripetizione  2. contrapposizione  3. sostituzione  4. coesistenza di più significati
  19. 19. Ripetizione  Di suoni o sillabe Ava, come lava (detersivo) Arte, armonie, atmosfere (Missoni) Ceres, c’è (birra)  Di parole o strutture di frase Piano piano, buono buono (dolciumi)  Di significati e concetti Altissima, Purissima, Levissima (acqua) Veste, riveste, traveste (copridivani)
  20. 20. Contrapposizione  Tra suoni Fiesta ti tenta tre volte tanto (dolciumi)  Tra parole e nella struttura della frase Né unti, né punti (repellenti per insetti) http://www.youtube.com/watch?v=2kjjQiRo5oA  Tra concetti Qualità senza risparmio o risparmio senza qualità? (detersivo) La fine dell’armadietto, l’inizio della fantasia (arredamenti)
  21. 21. Sostituzione Del suono Delicata a te (acqua) La birra che birrei (birra) Internet per Totti (telefonia)  http://www.youtube.com/watch?v=XQHi17hkd6Q   Di parole o di strutture di frase Che cosa vuoi di più dalla vita? Un lucano (liquori) Che mondo sarebbe senza Nutella? Di concetti Metti un tigre nel motore (carburanti) Virgilio, il bello di internet
  22. 22. Coesistenza di più significati Ogni giorno in tutto il mondo aumentano gli investimenti. Non c’è più rispetto per i pedoni (trading) Per le donne il calcio è di rigore (integratori alimentari) Scusa, ma come fai a leggere al buio? – Ho fatto le scuole serali (telefonia)
  23. 23. Ecco altri esempi di figure retoriche: IPERBOLE, esagerazione ELLISSI, soppressione di elementi
  24. 24. METAFORA, due termini messi in relazione da caratteristiche comuni PERSONIFICAZIONE, attri buizione a cose di sentimenti o azioni proprie delle persone
  25. 25. SINESTESIA, associazione di termini appartenenti a sfere sensoriali diverse SINEDDOCHE, nomina di una parte per il tutto, il singolare per il plurale…
  26. 26. Abbondano i doppi sensi e i giochi di parole. Guarda …,
  27. 27. ascolta e divertiti…!!! http://www.youtube.com/watch?v=lpg1aZPaqf M http://www.youtube.com/watch?v=oUn4-6huLOM http://www.youtube.com/watch?v=KF-qdo73XDE
  28. 28. Ma … lo scopo della pubblicità non è solo convincere ad acquistare una merce, ma serve anche a rendere noto al pubblico: 1. un evento 2. un servizio (pubblicità progresso) 3. una persona 4. un partito (propaganda elettorale)
  29. 29. Le informazioni, i testi inseriti e le immagini di questa presentazione sono forniti esclusivamente a titolo indicativo e a scopo didattico (Legge 22 aprile 1941 n. 633, art. 70 comma 1 bis).
  30. 30. Adesso preparate voi una campagna pubblicitaria, commerciale o sociale a voi la scelta.

×