L’iniziativa è realizzata in

                                                       Associazione O.N.L.U.S.
             ...
I l g i o r n al i n o c o n t i en e
                              Certo!We Can!!!
    Associazione              Ci prese...
Certo! We can!!!
                                         di don Rossano Santoro
Quest'anno l'appuntamento con il nostro g...
Ci presentiamo... cos'è Marco 6.31?
    Marco 6,31 è un’associazione O.N.L.U.S. che si                multicolore, necessa...
L'integrazione sociale per i disabili:
               un diritto previsto dalla legge
Caro lettore, in questo articolo par...
La più grande tutela è farli diventare visibili
                                                  di Raffaella Zizzari
   ...
in vario modo disturbata, impedendo i contatti sociali e     nasconde nelle case e nella sofferenza delle famiglie
una pro...
ritrova a commettere piccoli furti, il cui ricavato è         che la realtà carceraria è piena di tentazioni, legate alla
...
La saggezza al servizio della società: i nonni vigili
L’Auser è un’associazione di volontariato e di                traspo...
E' difficile da spiegare agli altri
                                                        di G.F.
     Sono un ragazzo d...
A tu per tu con un salentino acquisito
                                  A proposito di integrazione sociale,
            ...
Yes, I can
                                                     di Diego Minonne
     Yes I can... Sono Diego, un ragazzo ...
La filastrocca del Camposcuola
                                         di Lory Elia e Lino Paladini
Simu riati lu 30 a ma...
Il marketing e l'economia sociale
     Lo sviluppo e la crescita sociale di ogni civiltà sono       attivamente, fare leva...
Cos'è Vivere Insieme

Marco 6,31 ha un sogno, questo sogno è ...quot;Vivere insiemequot; nella comunità di

appartenenza. ...
Irripetibili
Al c u n i d i n o i s o n o c o m e l ' i n c h i o s tr o ,
               a l tr i c o m e l a c a r ta .
...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Associazione Marco 6.31 - Nona Festa del Diversamente Abile

1,604 views

Published on

Numero unico pubblicato dall' "Associazione Marco 6.31", in occasione della nona festa del diversamente abile, tenutasi a Surbo (Le), nel Maggio 2009.

Published in: Education, Health & Medicine
1 Comment
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
1,604
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
1
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Associazione Marco 6.31 - Nona Festa del Diversamente Abile

  1. 1. L’iniziativa è realizzata in Associazione O.N.L.U.S. collaborazione con il CSV SALENTO MARCO 6,31 A soste gno del pr ogetto Pubblicazione senza scopo di lucro - Numero Unico Giornata del diversamente abile 9a edizione Surbo, 22-23-24 maggio 2009
  2. 2. I l g i o r n al i n o c o n t i en e Certo!We Can!!! Associazione Ci presentiamo... cos'è Marco 6,31? L'integrazione sociale dei disabili: O.N.L.U.S. un diritto previsto dalla legge La più grande tutela Marco 6,31 è farli diventare visibili Il piacere di sentirsi LIBERI! La saggezza al servizio della società: i nonni vigili È difficile da spiegare agli altri A tu per tu con un salentino acquisito Yes, I can La filastrocca del Camposcuola Il marketing e l'economia sociale Cos'è Vivere Insieme via F.Cosma, 106 73010 Surbo (Le) c.c.p: 20334728 Questo giornalino è stato realizzato grazie alla collaborazione e agli interventi di: email: marco6.31@libero.it Associazione Auser Elisa Capone Maria Valeria Calò Cinzia Conte Gabriele D'Aurelio Lory Elia web: Giovanna Maglio Silvio Maglio Lara Marengo www.marcoseitrentuno.it Diego Minonne Piero Moscara Lino Paladini Jole Persano Alessia Rapanà don Rossano e ci trovi anche Santoro Chiara Sorrentino Paola Vergine su Facebook!!! Raffaella Zizzari i ragazzi di Marco 6,31 2 2
  3. 3. Certo! We can!!! di don Rossano Santoro Quest'anno l'appuntamento con il nostro giornalino che vivono in prima assume uno stile “a stelle e strisce”.... l'ispirazione persona questo “sogno viene, infatti, dalla campagna elettorale di Obama, neo realizzato” e che ancora eletto Presidente degli Stati Uniti: il suo messaggio di oggi continuano a speranza e cambiamento, ben si adatta alla realtà della combattere perché nostra vita associativa e non solo.... siamo al nono altre persone possano realizzarlo. appuntamento della “Festa del diversamente abile”, un Noi come associazione sentiamo molto vicine queste evento che continua a crescere e che ci permette di realtà locali: rappresentano tessere dello stesso continuare a credere nella possibilità di realizzare i mosaico, realtà con cui condividere ideali, risorse, progetti e gli obiettivi con i quali la storia di “Marco obiettivi... 6,31” ha avuto inizio.... Per chi opera quotidianamente nel campo della riabilitazione e inclusione sociale, in tutti i settori, l'incontro con l'altro rappresenta l'incontro con un limite umano, con un ostacolo a quella che la maggior parte delle persone definisce una “vita normale”, tranquilla, senza problemi... È forse possibile anche immaginare, quanto questi “ostacoli”, questi “limiti” possano condizionare l'esistenza di chi li vive sulla propria pelle. Con la coscienza di questo stato di cose, parlare di integrazione sociale significa prima di tutto essere certi Tutti insieme lavoriamo alla realizzazione di un unico di poter superare questo limite, o meglio, adattarlo per grande obiettivo: sentirci comunità, ristabilire quegli farlo divenire una risorsa e un punto di partenza. equilibri primitivi in cui tutti si preoccupano del Tornando alla campagna elettorale statunitense, il benessere di tutti, richiamando le responsabilità di colore della pelle che per tanti anni negli Usa (e non ognuno nei confronti del fratello più fragile e solo) ha rappresentato motivo di isolamento ed bisognoso. All'interno del giornalino troverete un esclusione sociale, con Obama è divenuto motivo di articolo sul marketing sociale: non ci azzardiamo a speranza e cambiamento per bianchi e neri. voler parlare di economia, non ne abbiamo gli Questa logica deve necessariamente sottostare all'agire strumenti, ma... state attenti al messaggio che vi viene di tutti coloro che credono di poter fare realmente trasmesso. Si può partecipare al benessere della integrazione: al contrario la commiserazione, il comunità in diversi modi: dedicando il proprio tempo pregiudizio e il fatalismo non permettono di vedere la al volontariato, facendo delle donazioni o sposando le luce alla fine del vicolo, non permettono di sperare e cause sociali come filosofia di vita personale e credere in un reale recupero e cambiamento. Da all'interno del proprio universo lavorativo o aziendale. cristiani, crediamo nella resurrezione di Cristo... se Se ancora oggi possiamo continuare a sognare, se Cristo ha vinto la morte, allora noi dobbiamo credere possiamo continuare a vedere luci di speranza, se realmente nella forza delle nostre azioni e saper sperare possiamo credere di costruire realmente una comunità in un continuo cambiamento, in un continuo in cui tutti si sentono capaci di fare qualcosa per gli progredire. Insomma, WE CAN! altri e sono certi di poter contare sull'aiuto di qualcuno, Quest'anno, poi, il gruppo dei volontari ha voluto dobbiamo ringraziare tutti coloro, grandi e piccini, gridare a gran voce questa verità e, poiché più voci uomini e donne, che operano instancabilmente alla fanno più rumore di una sola, l'invito a parlare di realizzazione del GRANDE SOGNO AMERICANO. integrazione è stato rivolto ad alcune realtà associative YES, WE CAN!!! e a persone appartenenti alla nostra comunità cittadina Buona lettura. 3 3
  4. 4. Ci presentiamo... cos'è Marco 6.31? Marco 6,31 è un’associazione O.N.L.U.S. che si multicolore, necessariamente insieme Una vita occupa di disabilità. È presente nel territorio di Surbo multicolore è molto meglio di una vita monocolore. da dieci anni e nasce dalla volontà di un gruppo di Per chiunque.” (Fausto Barbarito) famiglie di condividere la loro esperienza speciale, la disabilità all’interno del proprio nucleo familiare. È proprio con la voglia di creare un “tessuto multicolore” che abbiamo dato vita a quest’avventura. Quel “necessariamente insieme” è risuonato per noi come un monito che ci ha aperto gli occhi verso le... - realtà associative del territorio che lavorano quotidianamente nell’ambito dell’integrazione sociale... - realtà umane che nel rispetto del valore e dell’individualità di ognuno incontrano, condividono, riconoscono... - realtà fatte di persone coraggiose, che nell’accogliere L’attività quotidiana dell’associazione consente ai l’altro sono in grado di mettersi in discussione, ragazzi con particolari patologie di allontanarsi dalla consapevoli che quel cambiamento rappresenta prima famiglia per qualche ora, permettendo loro di di tutto un arricchimento di se e dell’altro e non una socializzare e di sviluppare una propria personalità al perdita della propria individualità... di là del contesto familiare. Le attività svolte nel corso della mattinata sono di tipo didattico. Nel pomeriggio, - realtà che condividono esperienze, risorse, emozioni, invece, si svolgono attività di tipo ludico e artistico con momenti di difficoltà e di successo, piccole e grandi il fine di sviluppare la creatività dei ragazzi che soddisfazioni che contribuiscono alla realizzazione di frequentano l’associazione. Queste iniziative sono state sogni comuni... e sono possibili grazie alle decine di volontari che negli anni si sono succedute e che hanno messo a - realtà che riconoscono il valore dell’altro come disposizione il proprio tempo e le proprie capacità. Per ricchezza e risorsa per l’intera comunità. questa ragione, chiunque volesse mettere a disposizione anche solo un’ora del proprio tempo, può contattare l’associazione utilizzando l’indirizzo di posta elettronica marco6.31@libero.it o può venirci a trovare in via F. Cosma, 106 a Surbo. Altro obiettivo dell’associazione, attraverso il progetto “Vivere Insieme”, è la creazione di una casa-famiglia l residenziale che consenta ai ragazzi di poter rimanere nel contesto di appartenenza nel caso in cui la famiglia dovesse venir meno. Il tema che abbiamo deciso di trattare quest’anno è La nostra azione mira a far si che l’integrazione sociale. Vi spieghiamo le nostre ragioni... l’integrazione diventi un’effettiva e reale cooperazione delle diversità presenti sul “Integrazione può voler dire solo rispettare se stessi in territorio!!! quanto tali, conoscere il proprio colore, rispettare il colore degli altri e aver voglia di fare un tessuto 4
  5. 5. L'integrazione sociale per i disabili: un diritto previsto dalla legge Caro lettore, in questo articolo parliamo di disabilità. magari dopo anche agire. Sicuramente sai cos’è la disabilità e probabilmente fai Se ti guardi intorno ciò che vedi è una serie di persone parte di quella categoria di gente che non vive in prima diverse, ognuna caratterizzata da delle particolarità e persona il problema. Ma qualcosa a cui forse non pensi capacità specifiche. Ogni persona ha delle potenzialità, è che, purtroppo, la vita è un susseguirsi di eventi c’è chi è più dotato e chi meno, ma ciò che è inattesi, che possono farci guardare negli occhi la importante è che ognuna di queste potenzialità è disabilità in maniera molto più vicina di quanto fondamentale per costruire un contesto migliore. Ciò avevamo previsto. Questo è un pensiero che che vogliamo è uno stato di cose che tutti abbiano ovviamente ti sconvolge, ma serve a farti capire che in contribuito a costruire, a prescindere da dove siano quest’articolo non parliamo di qualcosa di lontano ma nati, da quanti soldi posseggano, dal fatto di essere o di una problematica che riguarda tutti. meno disabili. Il compito di ognuno di noi è quello di guardare al di là dei limiti precostituiti dalla società ed individuare le potenzialità di chi non ha ancora avuto modo di esprimerle. Nessuno può dirci quello che possiamo o non possiamo fare, nessuno può dirci se abbiamo o meno le capacità per fare qualcosa, se non noi, nel momento in cui ci siamo messi alla prova. Esiste un'abbondante normativa a livello nazionale e comunitario che dichiara e tutela i diritti del diversamente abile, promuovendo tutte le possibilità di partecipazione alla vita sociale: dagli strumenti predisposti per l'integrazione scolastica e universitaria, alle agevolazioni per l'assunzione di soggetti diversamente abili; arrivando fino all'adeguamento di impianti sportivi, mezzi di trasporto e locali pubblici, in materia di abbattimento delle barriere architettoniche, per garantire anche il diritto allo sport e al tempo libero. Quindi, partendo da una normativa Partendo da questo presupposto e dal fatto che nel già esistente, quello che è necessario modificare è la momento in cui nasciamo la società ci conferisce gli mentalità di chi compone la società. stessi diritti, forse è il caso che ognuno di noi vada al di là della superficialità che contraddistingue chi si sente lontano da questa realtà. È importante che ognuno di “Ecco che si compie la beffa noi abbia le stesse opportunità, a prescindere dal morale oltre al danno economico. Ci contesto d’origine, dal conto in banca e dalle si ritrova a sbattere contro un muro problematiche individuali. di gomma che fa rimbalzare il diversamente abile nella solitudine domestica.” Come vedi queste sono proibizioni che riguardano tutti, ma in particolar modo chi è disabile. Perché chi è P i e ro disabile è sottoposto a degli ulteriori limiti da parte della società, che riguardano più la visione che la comunità ha sull’argomento che le reali potenzialità del Ognuno di noi ha contribuito a consolidare questi disabile. pregiudizi, ed ognuno di noi ha la possibilità ed il Il compito di ognuno di noi è più semplice di quanto dovere di modificare questa situazione. crediamo. A noi spetta aprire la mente e riflettere, e 5
  6. 6. La più grande tutela è farli diventare visibili di Raffaella Zizzari Un’intervista alla dott.ssa Maria Valeria Calò, In cosa consistono le azioni terapeutiche? responsabile del Settore Disabilità della Comunità C’è un’arte di curare che passa attraverso la Emmanuel, da più di 20 anni impegnata al servizio dei somministrazione di farmaci - che non deve mai essere più deboli. usata a danno dell’essere umano - e un altro modo di curare che passa attraverso l’attenzione al corpo come sede del pensiero, dei sentimenti e delle emozioni, Dott.ssa Calò, i disturbi mentali costituiscono non solo nonché come movimento, respiro, danza, arte, gioco e un problema di sanità pubblica ma anche di benessere colore; ci sono approcci individuali, e approcci che sociale. Condivide questa constatazione? vanno al gruppo avvalendosi delle scienze sociologiche Certamente siamo di fronte a un fenomeno che, e antropologiche. crescendo sempre più, esprime il male di essere di più fasce sociali - bambini, giovani, anziani - che Quali sono i potenziali fattori di rischio per queste subiscono la pressione di una comunicazione veloce, patologie? martellante, che impedisce una “traduzione” personale Tra i principali fattori di rischio senz’altro annovererei e creativa e che, avendo obiettivi massificanti, travolge i fattori geografici e storico-culturali; mancanza di un la persona lasciandola confusa e in ricerca dentro/fuori, solido “entroterra” affettivo e sociale: con una miriade di “voci di sirene” che propongono famiglia/relazioni/ruolo sociale; patrimonio genetico rimedi rapidi a una domanda di senso che è più deficitario; controllo sociale e modelli sociali rigidi; profonda e nascosta. Chi ascolta la domanda, poi, deve esasperato bisogno di protagonismo. rispondere e chi risponde si assume, insieme alla consapevolezza dei rischi, la responsabilità che tale scelta comporta. La crescente consapevolezza dell’aumento dell’incidenza e della sofferenza che circonda i disturbi mentali ha reso necessarie azioni di prevenzione oltre che di cura di queste patologie. Secondo la Sua esperienza, professionale e umana, qual è il modo migliore per prevenire le malattie e i disturbi mentali? La cura e la ricerca scientifica sono una spinta al cambiamento sociale e all’approccio terapeutico umanizzante con la persona sofferente. Il modo migliore per prevenire? 1) Dare al neonato/a una famiglia consapevole e capace di ascoltare e perdere Quali sono le ripercussioni di un disturbo mentale sulla tempo insieme; 2) dare al bambino/a la possibilità di vita di una persona? esserlo insieme a genitori adulti, presenti, capaci di L’aspetto più evidente è la chiusura con la relativa giocare, dialogare e raccontare la vita; 3) avere la perdita di articolazione sociale. Si arriva a ciò dopo possibilità di studiare, avere risposte, conoscere e tanti fallimenti all’interno del proprio nucleo familiare scoprire se stessi e il mondo; 4) avere amici/che, avere e nel contesto frequentato all’esterno: scuola, e dare amore; 5) avere un lavoro stabile e una casa; 6) università, lavoro. C’è una perdita di stima di sé molto avere una vecchiaia serena insieme ai propri familiari; forte, tale da abbandonare pian piano ogni contatto con 7) combattere perché davanti al bivio, vincendo ogni l’esterno da cui ci si può sentire spiati e perseguitati. paura, sappiamo scegliere un mondo condiviso da forti Le dinamiche interne possono sfociare in azioni e deboli, in cui ci sia posto per “l’altro” e in cui le aggressive verbali e in actings-out diretti, il più delle regole siano l’interfaccia delle opportunità riservate ad volte, verso un familiare che si ritiene responsabile del ogni persona uomo/donna, vecchio/bambino. proprio stato. In genere è la vita di relazione che viene 6 6
  7. 7. in vario modo disturbata, impedendo i contatti sociali e nasconde nelle case e nella sofferenza delle famiglie una produttività costante e soddisfacente nel tempo. Il che aspettano, il più delle volte nell’impotenza e nella dolore interno e la perdita affettiva è enorme e a volte delusione, il riconoscimento di una cittadinanza di cui insostenibile per la persona malata e per chi le vive si parla solo nelle dispute politiche. accanto. Come tutelare quelle persone che, invisibili alla società, vivono il dramma di una malattia mentale? La più grande tutela è farle diventare visibili in tutti i modi. Il pubblico e il privato come possono collaborare per avviare percorsi di inclusione e tutela di queste persone? Pubblico e privato possono collaborare riconoscendo le reciproche peculiarità e lavorando insieme al rafforzamento e consolidamento delle risorse di ciascuno per assicurare agli utenti una ricchezza e diversità di interventi che li tenga fuori dall’isolamento Qual è la situazione sul nostro territorio? e metta in rete le loro risorse. La fotografia attuale è sotto gli occhi di tutti: zone di confusione e malessere dove tutto è sfocato, piccole L’assenza o la debolezza di politiche di welfare e di zone chiare e pulite dove si distinguono cose e persone, accoglienza o integrazione diventano causa esse stesse e zone di colore acceso e brillante dentro una festa di di patologia e sofferenza? suoni e movimento di cui (non) si sa chi pagherà il Certo, oggi si parla di “nuova cronicità” che si conto. Il piacere… di sentirsi LIBERI! a tu per tu con chi si è liberato dalla droga Incontriamo P. in un’assolata mattinata primaverile: il giorni riusciva a vedere solo nei fine settimana: nel luogo fissato per l’incontro è il Centro “Le Sorgenti” poco tempo trascorso insieme, il padre lo riempiva di della Comunità Emmanuel dove vive sottoposto ad una attenzioni, cercando di ripagare le sue assenze con un misura alternativa al regime carcerario alla quale è affetto “soffocante”… in questa situazione e raggiunta stato destinato dopo aver scelto di cominciare un l’età adolescenziale, P. ha cominciato a frequentare un percorso di recupero e riabilitazione dalla gruppo di suoi pari, cercando in loro il consenso e tossicodipendenza. l’affetto che non riceveva in famiglia. P. viene da Napoli, ha poco più di 30 anni, sposato, Per farsi accettare, P. separato, ex cocainomane… P. ha cominciato usando la assume i comportamenti cocaina per provarne l’effetto, ma poi ha continuato a del gruppo e imita il loro farne uso per 17 anni! Ci racconta la sua storia per modo di vestire… ma lo farci capire quali sono stati i motivi delle sue scelte stile del gruppo, legato sbagliate… P. ha perso la madre a 9 anni, ma ha al possesso di capi cominciato a sentire la sua mancanza verso i 12 anni, griffati, è difficile da quando si è reso conto dell’affetto che gli mancava. Ha mantenere per un ragaz- continuato a vivere con la sorella, che ancora oggi zo come P. che viene da una famiglia con modeste chiama “mamma” e con il padre, che lavorando tutti i condizioni economiche… è per questo motivo che P. si 7 7
  8. 8. ritrova a commettere piccoli furti, il cui ricavato è che la realtà carceraria è piena di tentazioni, legate alla destinato non solo all’acquisto di capi firmati, ma presenza di altre persone che continuano a fare uso di anche di hashish e marjuana, di cui P. comincia a far sostanze stupefacenti… in Comunità invece P. sposta il uso all’età di 14 anni. piacere dell’uso della droga su altre azioni che possano Quando P. conosce la cocaina, lavora come far bene a sé e agli altri. Paradossalmente P. si sentiva falegname… inizia con una frequenza di un tiro a più “libero” in carcere che ora in Comunità: le regole settimana, ma arrivando a consumarne fino a 12 che gli sono state imposte inizialmente pesavano, ma grammi al giorno… con una spesa ingente, che un ora sono divenute fondamentali perché permettono a P. lavoro di falegname non gli permetteva di sostenere. È di convivere e confrontarsi con gli altri. qui che P. decide di compiere il SALTO DI QUALITÁ: Mentre facciamo l’intervista, arrivano alcune il passato di spacciatore, la realtà in cui vive e i debiti scolaresche che si preparano ad ascoltare la accumulati non offrono alternative se non riprendere a testimonianza di P.: così gli chiediamo quali emozioni spacciare o compiere altri reati. si provino nel parlare ad un gruppo di adolescenti della propria esperienza. P. vede nei ragazzi che incontra gli occhi delle sue bambine a cui vorrebbe poter dare dei consigli sulle loro scelte di vita… e soprattutto ci dice che “ora riesco a fare profondamente qualcosa… mi sento libero dalle sostanze, libero dai pregiudizi, libero dalle maschere, libero di parlare di me, libero di ascoltare e di lasciarmi ascoltare”. P. ci spiega che prima i suoi pensieri passavano dal cervello all’istinto, gli mancava il passaggio del cuore… ora, invece, P. prova realmente delle emozioni! Quando l’educatore viene a riprendersi P., gli poniamo un’ultima domanda: “Come vedi il tuo futuro?”. E P. risponde: “Ancora non ho raggiunto la cima per guardare bene l’orizzonte. Oggi sento di voler fare del Ora P. si trova a scontare una pena di 9 anni per rapina, bene a me stesso e agli altri. Mi sto affezionando a P. è in attesa della decisione del giudice, decisione che questo posto, lo sento come se fosse la mia famiglia”. condizionerà il suo destino: ritornare in carcere o GRAZIE P. E IN BOCCA AL LUPO! restare in comunità, comunque sempre a scontare la sua pena, sotto la stretto controllo del Magistrato di Sorveglianza… P. corre in qualsiasi momento il rischio di ritornare immediatamente in carcere nel momento in cui non rispetti il programma terapeutico. La scelta di P. di abbandonare la droga è una scelta maturata durante la latitanza: dopo la rapina, P. si era rifugiato con sua moglie e le sue due figlie in un luogo protetto, ma che privava lui e la sua famiglia della libertà di vivere… guardando le figlie in quella situazione, ha rivissuto i momenti tristi e di vuoto della sua infanzia e ha deciso di costituirsi per il bene della famiglia. Grazie al contatto con il Ser.T., dopo essersi costituito, P. comincia un percorso di rieducazione e recupero... È dall’incontro con educatori e psicologi che in P. nasce il desiderio e l’esigenza non più dell’uso di sostanze, ma della possibilità di parlare di sé e lasciarsi ascoltare e aiutare. P. ci racconta che in carcere il percorso pedagogico inizia solo dopo sei mesi dall’ingresso e 8
  9. 9. La saggezza al servizio della società: i nonni vigili L’Auser è un’associazione di volontariato e di trasporto presso strutture sanitarie per visite mediche e promozione sociale, impegnata a valorizzare gli anziani terapie, il disbrigo di pratiche burocratiche. e a far crescere il loro ruolo attivo nella società. Si propone di: - contrastare ogni forma di esclusione sociale; - migliorare la qualità della vita; - diffondere la cultura e la pratica della solidarietà e della partecipazione; - valorizzare l’esperienza, le capacità, la creatività e le idee degli anziani; - sviluppare i rapporti di solidarietà e scambio con le generazioni più giovani. È stata costituita nel 1989 ed è presente in tutte le L’Auser è membro del Comitato Consultivo Misto per regioni italiane con una fitta rete di sedi e circoli. monitorare il servizio sanitario nella nostra provincia A Lecce opera dal 2004 e ha avviato una serie di ed è presente presso l'Ospedale “V. Fazzi” in importanti attività sia in forma autonoma che in collaborazione con il Centro per il Diritto alla Salute, convenzione e collaborazione con le amministrazioni offrendo accoglienza e ascolto, e fornendo locali. informazioni a tutti coloro che ne hanno bisogno, senza Di grande valore civico è il servizio svolto alcuna discriminazione. quotidianamente dai nonni vigili davanti alle scuole e Per i suoi iscritti promuove attività di carattere talvolta anche in occasione di manifestazioni ed culturale: corsi di informatica, mostre, corsi formativi escursioni organizzate dai diversi Istituti Scolastici. ed informativi di vario genere, ginnastica per la terza età, e attività ricreative quali cene sociali, tombolate, serate di ballo, biciclettate. Nell’ambito del “turismo sociale” organizza gite, visite guidate, viaggi e soggiorni termali, in sicurezza, a prezzi accessibili e in buona compagnia. Per fronteggiare le numerose richieste che provengono dal territorio, l’Associazione ha aperto anche nuove sedi in provincia: a Porto Cesareo, Monteroni, Andrano, Nardò, Racale, Sannicola. Dal punto di vista finanziario l’Associazione si regge sul tesseramento, sul ricavato di iniziative varie, sulle offerte volontarie e mediante il sostegno di sponsor. Attraverso la rete del Filo d’Argento, il telefono della solidarietà, amico degli anziani, l’Auser contrasta solitudine ed emarginazione. Per molti anziani Ben 30 volontari rispondono alle chiamate e assistono l’Auser è come un a domicilio gli anziani in difficoltà, offrendo faro acceso!!! compagnia, amicizia, conforto, e soprattutto aiuto concreto per affrontare e risolvere problemi pratici quali la spesa giornaliera e l’acquisto di farmaci, il Auser: via Verona, 10 - Lecce tel. 0832/453281 auserlecce@virgilio.it 9
  10. 10. E' difficile da spiegare agli altri di G.F. Sono un ragazzo di 30 anni il mio problema è l’essere il coraggio di dire veramente chi ero!! Diverso!! Non un Malato, non un Extraterrestre, ma solo un Omosessuale. Sì, Diverso; voi forse vi domanderete: cosa significa? Sono Omosessuale! Infatti, è difficile da spiegare agli altri, ma soprattutto essere accettato, specie in un piccolo paese con gente piena di pregiudizi. È grande la paura di essere scoperto e rifiutato in un posto di lavoro, nelle associazioni, nella società... soprattutto paura che la gente ti metta da parte. Paura e pregiudizio! Sì, queste le parole che mi frullavano nella testa. Insomma, la mia vita una continua lotta! Medici, psicologi: per me un continuo calvario. La gente, tutto quello che mi stava attorno: era tremendo, mi sentivo additato, ignorato, ghettizzato, tanto da mettermi una corazza, una maschera. Con i miei migliori amici e con la mia famiglia dovevo Il problema, ora, era dirlo a casa. Unico figlio maschio, essere e fare l’attore per non fare capire il mio essere per cui i genitori, si aspettavano il mio matrimonio, la Diverso. Poiché tutti si preoccupavano del mio essere nascita di nipoti... purtroppo io queste cose non potevo infelice, ero arrivato a mettermi da parte, a reprimere la darle!!! mia natura, anche a me stesso. Mia madre, un’ amica... la cosa mi suonò strana. Dissi: “è fatta!!!” Purtroppo, non fu così; il silenzio, la solitudine che per un po’ sembravano svaniti, diventarono i miei compagni per tre mesi. A questo punto, la decisione di andare via da casa, farla finita. Al silenzio, e alla solitudine, si aggiunse l’alcool, compagno che mi capiva, mi rendeva felice per un po’, ma, nello stesso tempo, mi rovinava e mi isolava sempre di più. Finalmente mia madre un giorno mi abbracciò e mi sussurrò “anche se diverso sei pur sempre mio figlio e ti voglio bene”. Da quel giorno non sono un Diverso, Ghettizzato, Malato, ma un Omosessuale felice Credetemi, una situazione tragica... l’essere DIVERSO, e fiero di esserlo, inserito nel lavoro, tra gli OMOSESSUALE. Il mio tempo libero lo trascorrevo amici, e nella società. sempre in solitudine e avevo paura di uscire allo scoperto... La battaglia non è finita Poi, dieci anni fa, la svolta! Parlando con delle mie È difficile da spiegare agli altri amiche sono riuscito a togliere la maschera, trovando ma se si vuole si può FARE. 10 1
  11. 11. A tu per tu con un salentino acquisito A proposito di integrazione sociale, intervista a chi ci ha raggiunti nel lontano 1992 di ritornare in Albania. Finché non mi è stato proposto “Yes, we can !!!” ... Si può di spostarmi a Lecce per riprendere gli allenamenti fare, tutto si può fare! Basta in occasione dei giochi olimpici di Spagna del ’92. Lì avere forza, coraggio, e sarei stato raggiunto dalla Federazione sportiva del mio soprattutto, avere tanta voglia Paese. Durante il periodo dell’allenamento a Lecce ho di lavorare. avuto modo di stringere molte amicizie. Sono state loro Questo è il messaggio che abbiamo recepito noi ad aiutarmi quando ho saputo che la nazionale albanese volontari di Marco 6,31 qualche giorno fa, quando non sarebbe più venuta. Mi hanno trovato un lavoro in siamo andati ad ascoltare la storia di un ragazzo un bar e dopo qualche tempo ho regolarizzato la mia albanese che qui è riuscito ad inserirsi in maniera posizione ottenendo il permesso di soggiorno. Ho ottimale. Tra le tante storie di razzismo e delinquenza lavorato per anni, ed un giorno ho deciso che era che la TV ci propone quotidianamente, ci è sembrato arrivato il momento di avviare una mia attività. Così ho opportuno raccontare la storia di chi ha vissuto un aperto una pizzeria. percorso totalmente differente. Di chi non ha assaporato sulla propria pelle la discriminazione, ma solo rispetto, per il fatto d’essere un uomo rispettoso del prossimo. Non inseriamo il suo nome in quest’articolo perchè non è questo ad essere importante. Questa è la storia di un uomo, ma potrebbe anche essere la storia di tanti. Quando è arrivato in Italia? Cosa l’ha spinta a venire qui? Sono arrivato in Italia nel 1992 per partecipare ai campionati europei indoor di salto con l'asta, dopo aver conseguito il primato in questa disciplina in Albania. Nel periodo che ha trascorso in Italia ha mai subito degli episodi di discriminazione? Nel mio Paese frequentavo la scuola per diventare In questi anni io ho sempre lavorato duramente. Ho insegnante di educazione fisica, ma nonostante i cercato di imparare un mestiere e mi sono impegnato a sacrifici, la prospettiva di vita futura era comunque al portarlo avanti nel miglior modo possibile. Ho di sotto delle mie aspettative. Per questa ragione, rispettato le persone che ho incontrato durante il mio quando le gare sportive sono terminate, ho deciso di percorso qui. Ho cercato di sorridere sempre, rimanere in Italia per cercare di costruirmi una vita che nonostante le difficoltà. Per queste ragioni ho ricevuto potesse regalarmi un futuro più sereno. Avevo un amico il rispetto e l’affetto delle persone in cui mi sono a Viterbo e sono stato tre mesi da lui. Dal momento che imbattuto. Perciò... niente discriminazione. Io sono un la ragione per cui ero entrato in questo Paese erano le individuo come tutti gli altri, con i miei pregi e i miei gare di salto con l’asta, una volta terminate queste io difetti... niente di più! sono diventato un clandestino. Per questa ragione durante i tre mesi trascorsi a Viterbo non sono mai riusci- to a lavorare. Scorag- giato, avevo deciso 11 1
  12. 12. Yes, I can di Diego Minonne Yes I can... Sono Diego, un ragazzo diversamente abile A mio padre avevano spiegato che il mio sangue di Surbo, nella provincia di Lecce, e vi vorrei coagulava troppo presto e si formavano nel cervello dei raccontare la mia storia. Io sono nato il 23 novembre grumi che ostruivano qualche vena capillare, così mi 1978 ed ero un bambino come tutti gli altri; poi, però, paralizzavo momentaneamente. all’età di due anni, ho avuto un’emiparesi al lato destro: L’unica cura proposta era a base di aspirina, per ricoverato in ospedale in Germania, dopo approfonditi impedire al sangue di coagulare. Da allora non mi sono accertamenti, non sono riusciti comunque ad mai più ripreso, anzi con il passare degli anni individuarne la causa. peggioravo in continuazione: gli arti superiori si Attraverso la ginnastica riabilitativa, mi sono ristabilito ritraevano e le mani si chiudevano; gli arti inferiori completamente. Purtroppo, l’anno successivo invece si storcevano all’interno. l’emiparesi è ricomparsa, al lato opposto: ho ripetuto tutti gli accertamenti dell’anno precedente e ancora una L’anno scorso, 2008, sono stato operato prima al piede volta i risultati sono stati negativi. Sono stato quindi sinistro e successivamente al piede destro: ora sono in trasferito in una clinica universitaria, per eseguire attesa di fare la ginnastica riabilitativa, sperando di ulteriori e più esaustivi accertamenti. Avevano proposto essere autosufficiente almeno nella deambulazione. a mio padre di sottopormi ad un’angiografia Io... quando ero piccolo, non capivo e mi sentivo a digitalizzata con mezzo di contrasto. Il rischio cui disagio verso gli altri, ma ora ho capito i miei problemi potevo andare incontro, sottoponendomi a quest’esame, e li affronto, senza abbattermi, guardando sempre al era, in un caso su un milione, di rimanere futuro e non pensando al passato della mia vita. Ora momentaneamente leso: rassicurato da questo, mio sono molto contento: gli interventi subiti, all’inizio mi padre accettò la proposta. spaventavano, non sapevo come sarebbero stati.... ma Al risveglio però abbiamo avuto una brutta sorpresa: poi ho preso coraggio e li ho affrontati, senza paura, secondo loro il caso su un milione si era verificato sapendo che avrei camminato. (secondo loro). Allora....YES, I CAN! 12
  13. 13. La filastrocca del Camposcuola di Lory Elia e Lino Paladini Simu riati lu 30 a matina, tutti belli frischi e beati, ieu, FINISCE QQUAI, AURI GUAI!!! la Lory e la Valentina e tutta la compagnia Surbina. L’Anna noscia, cu stae ncuddhiata, allu Dariu ni scappata, se ncinucchia sullu viale e allu scinucchiu se fice male. Ma nci pensa Don Rossanu cu ni face passare la dolore, coronando il loro amore. Povera Gigiola, pensandu ca te l’Annasia liberata, sangu!!! Ntorna a iddhra sia ncuddhrata e lu Vitu disperatu,furmine! Te nu sguardu nu fose degnatu!!! Stamatina tuttu paria bellu e beatu, tutti in piscina cu ritimu e cu scherzamu, na saietta è tuccatu ni pigghiamu. Poveru Pieru, tuttu mpauratu e cu tutta l’ ansia ha tuccatu cu spetta l’ambulanza, fusci fusci generale ca lu Frangiscu ulìanu cu lu portanu all’ospedale, ca pe’ na crisi ca n’ ha rriata, ni scunzata a tutti la sciurnata, Tuttu paria bellu e beatu, ma st’ annu nu m’ aggiu tratu. specialmente allu Vitu ca cullu Frangiscu ha patitu. L’animazione paria bella, ma pe mie e l’auri na grande Beh! Moi, tra nu cuntu, na paura e na risata, menu delusione. male comu ni l’ha mandata. Ma nu spiccia a quai!!! Quistu è statu sulu nu suntu,ca nu se po’ dire tuttu intra Giurnu dopu giurnu anu ’ncignati li guai; mo bu stu cuntu. cuntu! ’Na matina m’aggiu zatu, aggiu sciutu alla capa mia: me disse…. Linu mia, stanotte n’infernu a casa mia!!! Infatti cussi’ ia successu!!! Lu putimu chiamare lu campuscola te la STITICHEZZA e STANCHEZZA. Tra prugne, magnesie, perette e polverine nun bu ticu la capa e la Cinzia poverine. Valentina, poveretta, tinia dentro di sé una purpetta. La Simona na TRAVIATA, basta can u scia cu caca, na fiata fascia la MADONNA ADDOLORATA. La Gina insieme a mesciu Vittoriu, tra passeggiate e bacettini anu fatti li sposini, ma na sira la Gina, poveretta, ni fisce pigghiare na saietta... la pressione, Sulu li fatti chiu salienti, mamma mia n'iti fattu tirare OHIMEH!!! Raggiunse la vetta!!! lu camposcola cu lli Dienti. Nu sulu quistu, puru la capu ni girau e tra vomiti e L’annu sci ene nu sapimu sci lu campu lu facimu. polverine, alla luna di miele posero fine. Lu Vittoriu TUTTU L’ANNU CI PINZAMU E BETIMU CE poverettu, rimase sulu an capu allu liettu. E NU DECIDE D. ROSSANU!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 13
  14. 14. Il marketing e l'economia sociale Lo sviluppo e la crescita sociale di ogni civiltà sono attivamente, fare leva su di esse per aumentare la sempre stati animati dallo scambio delle merci e dalla competitività dell’azienda e le possibilità di successo. redistribuzione delle risorse. Affinchè tale In concreto, le politiche del diversity management redistribuzione avvenisse equamente enti locali ed possono manifestarsi in diversi modi: iniziative per istituzioni hanno intrapreso la cosiddetta “economia l’assunzione di soggetti disabili, adozione di forme di sociale”, una serie di azioni positive finalizzate alla lavoro flessibile, borse di studio per persone con alti promozione del benessere sociale della comunità. potenziali di sviluppo, corsi di formazione, ecc... Negli ultimi anni anche le imprese, spinte da un L’adozione di queste politiche, oltre ad apportare un ambiente ad alta concorrenzialità, hanno intrapreso arricchimento dal punto di vista umano, garantisce una iniziative che potessero produrre spontaneamente serie di benefici per le aziende che decidono di migliori risultati sociali. intraprendere questo tipo di percorso: migliore immagine/reputazione nell'ambiente; relazioni durature con clienti e fornitori; ambiente lavorativo sereno e motivante; riduzione dei contenziosi esterni ed interni; maggiore facilità di reperire finanziamenti; migliori relazioni con enti pubblici; maggiori contributi pubblici per la responsabilità dell'impresa. Uno strumento usato dalle aziende per raggiungere questi obiettivi è il “marketing sociale”, cioè l'utilizzo delle tecniche del marketing per spingere un gruppo ad adottare dei comportamenti che tutelino il benessere Ciò di cui abbiamo trattato sinora riguarda lo sviluppo della comunità in ogni aspetto. Spesso questo dal punto di vista sociale e da quello economico. strumento si accompagna ad azioni di vendita legate ad L’attenzione a questi temi, associata ad un maggior uno scopo sociale: il prodotto dell'impresa assume così riguardo verso le problematiche di natura ambientale, una “etichetta sociale” che informa il consumatore del costituisce il fondamento dello “sviluppo sostenibile”. fine che viene perseguito. Per fare un esempio, una Con ciò intendiamo il soddisfacimento dei bisogni nota catena distributiva ha creato una serie di prodotti attuali senza compromettere la possibilità delle “equo-solidali” con l'obiettivo di sostenere progetti di generazioni future di soddisfare i propri bisogni. cooperazione capaci di garantire ai produttori dei Paesi Affinché si realizzi quanto descritto è necessario che in via di sviluppo lavoro ed equa remunerazione. tutto ciò diventi visione comune di ognuno di noi, e All'interno del contesto di responsabilità sociale che in particolare le aziende assumano la d'impresa, si inserisce il “diversity management”, che è responsabilità sociale quale obiettivo indispensabile una modalità gestionale orientata a conoscere e delle loro politiche di marketing. valorizzare le differenze delle persone dentro l'azienda. La diversità non ha un significato astratto, ma si riferisce a caratteristiche concrete delle persone, che si manifestano negli stili di lavoro o nelle diverse esigenze. Adottare la prospettiva del diversity management significa, in particolare, riconoscere queste differenze: non ignorarle o rifiutarle, ma gestirle 14 1
  15. 15. Cos'è Vivere Insieme Marco 6,31 ha un sogno, questo sogno è ...quot;Vivere insiemequot; nella comunità di appartenenza. La nostra associazione, oltre ad essere un punto di riferimento quotidiano per i diversamente abili e per le famiglie, ha anche uno scopo più grande. Quello di aiutare iI disabile a prospettarsi una quot;vita normalequot; inserita nel contesto in cui è nato e cresciuto. Contiamo di centrare quest'obiettivo attraverso la creazione di una struttura di accoglienza per brevi periodi e per emergenze ed una casa - famiglia residenziale. Una casa - famiglia che sia garanzia di un futuro certo e che risponda alle esigenze dei ragazzi. Il Centro, pur non godendo ancora di finanziamenti pubblici, sta portando avanti il suo progetto grazie all'opera dei soci, dei genitori e dei volontari, ed attraverso il sostegno economico della beneficenza. L'ASSOCIAZIONE o.n.l.u.s. Marco 6,31 saluta e ringrazia tutti coloro che durante l'anno la sostengono. Se desiderate anche voi sostenere le attività ed il progetto dell'Associazione Marco 6,31, vi ricordiamo che è possibile contribuire attraverso il nostro c.c.p. 20334728 intestato a Marco 6,31 o.n.l.u.s. per il progetto quot;Vivere Insiemequot;. Vi informiamo che la somma da voi versata è deducibile dalla dichiarazione dei redditi, allegando semplicemente la copia della ricevuta. È possibile inoltre sostenerci destinando il 5 per mille della dichiarazione dei redditi. E' sufficiente apporre nel riquadro quot;Aquot; in alto a sinistra, già predisposto sui modelli di dichiarazione, il codice fiscale 93065060753. 15 1
  16. 16. Irripetibili Al c u n i d i n o i s o n o c o m e l ' i n c h i o s tr o , a l tr i c o m e l a c a r ta . E s e n o n fo s s e p e r i l n e r o d i qu e l l i , qu a l c u n o t r a n o i s a r e b b e m u t o ; e s e n o n f o s s e p e r i l b i a n c o d i qu e s t i , qu a l c u n o t r a n o i s a r e b b e c i e c o . S e c i f o s s e r o d u e u o m i n i u gu a l i , i l m o nd o n o n s a r e b b e gr a n d e a b b a s t a n z a d a c o n te n e r l i . (Kahlil Gibran, Le parole non dette)

×