Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Ia looking forward trends (video version)

175 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Ia looking forward trends (video version)

  1. 1. Making the traveller’s day better 11 Apr 14 Group IA Internal Auditing Looking Forward - Trends
  2. 2. 2 Group Internal Audit Internal Audit in Autogrill Group Assurance Integrata del SCIGR Continuous Auditing Sustainability Reporting Agenda Internal Auditing Looking Forward – Trends 1 2 3 4 Riflessioni5
  3. 3. 1. Internal Audit in Autogrill Group
  4. 4. 4 IA in Autogrill Group Società principali del Gruppo Food & Beverage • Settori: F&B e retail • Canali: autostrade, aeroporti, centri commerciali ed altro • Paesi: Italia e Europa Food & Beverage US • Settori: F&B e retail • Canali: autostrade, aeroporti, centri commerciali ed altro • Paesi: Nord America, Europa, Pacifico e area EAU Group Internal Audit
  5. 5. 5 IA in Autogrill Group Presenza Globale Food & Beverage Paesi Australia Austria Belgio Canada Repubblica Ceca Danimarca Egitto Francia Germania Grecia Spagna Svezia Svizzera Turchia USA Emirati 4,07 milioni di euro 2012 Group revenues in the Food & Beverage Sector 1.065 punti vendita 26 paesi Nord America e Pacifico Italia Altri Paesi Totale Autostrade 95 450 211 756 Aeroporti 98 13 31 142 Stazioni Ferroviarie - 15 39 54 Centri Commerciali 9 54 11 74 Altro - 34 5 39 Totale 202 566 297 1065 Location F&B India Irlanda Italia Malesia Nuova Zelanda Olanda Polonia Regno Unito Singapore Slovenia Group Internal Audit
  6. 6. 6 IA in Autogrill Group Audit Charter IA Policy • Vision: Elevare la consapevolezza dei rischi e dei controlli in tutta l’organizzazione utili a promuovere i valori aziendali. • Mission: Verificare l’adeguatezza del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, il suo funzionamento e la sua efficacia in tutto il Gruppo Autogrill fornendo una obiettiva valutazione agli Organi Sociali e al top management. Pilastri dell’IA Group Internal Audit
  7. 7. 7 IA in Autogrill Group Organizational Reporting Line Chairman Board of Directors Control & Risk Committee CEO Director in charge of Internal Control & Risk Management Chief Audit & CSR Executive Statutory Board Group Internal Audit
  8. 8. 2. Assurance integrata del SCIGR
  9. 9. 9 Assurance Integrata del SCIGR L’ultimo aggiornamento del Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana delle società quotate individua nel Responsabile della funzione di Internal Audit il soggetto indipendente e dotato di autonomi poteri di iniziativa per verificare in via continuativa l’operatività e l’idoneità del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, ferma restando la competenza del Consiglio di Amministrazione che, supportato dall’attività di istruttoria del Comitato Controllo e Rischi, deve valutare l’adeguatezza del sistema dei controlli nel suo complesso. Ruolo dell’Internal Audit Group Internal Audit Ruolo dell’Internal Audit sempre più centrale nella Corporate Governace delle società Elementi Caratterizzanti
  10. 10. 10 Assurance Integrata del SCIGR Gli elementi che alimentano la valutazione non derivano esclusivamente dallo svolgimento delle verifiche previste nel piano di audit approvato, ma anche dalla considerazione delle risultanze di attività di controllo e monitoraggio svolte da altre funzioni aziendali su aspetti specifici del sistema (ad esempio, Risk Management, Ambiente, Salute e Sicurezza, Qualità, ecc.). Tali soggetti, infatti, svolgono attività di controllo e talvolta di assurance, che qualora condotte attraverso metodologie e processi ritenuti affidabili da parte dell’Internal Audit, rappresentano elementi di cui l’Internal Audit non può non tenere conto nell’ambito di un sistema di controllo che sia efficace e non ridondante. Valutazione di Idoneità del Sistema Group Internal Audit Giudizio Integrato di Idoneità del SCIGR Ha ruolo di primaria importanza la definizione ed implementazione dei flussi informativi (tempistiche, contenuti, modalità) di input ed output dalla funzione di Internal Audit.
  11. 11. 11 Collegio Sindacale Consiglio di Amministrazione Comitato Controllo e Rischi Risk Management Quality Health and Safety Controllo di Gestione Dirigente Preposto ex Lg. 262/05 Legal Dept. & Contracts Corporate Affairs & Governance Administration & Finance Legal Department Responsabili di Direzione Process Owner Unità periferiche Direttori PdV 3° LIVELLO Risk Assurance 2° LIVELLO Risk Control 1° LIVELLO Risk Ownership Investment & Asset Management Risk Reporting Audit Report QSA Report Asset / investment Report 262 Situazione Contenziosi Report Amm.tivi Norme e CG Segnalazioni Attestazioni Report Mensili Assurance Integrata del SCIGR Flussi Informativi Internal Audit Group Internal Audit
  12. 12. 3. Continuous Auditing
  13. 13. 13 Continuous Auditing Continuous Auditing: “la raccolta di evidenze di audit e di anomalie su processi, transazioni, controlli e sistemi informativi da parte della Funzione Internal Audit su base continuativa o con frequenza prestabilita”. Continuous Monitoring: “sistema automatico di riscontro utilizzato dal management per monitorare che le attività e i controlli operino secondo il disegno predefinito e le transazioni e i processi si svolgano secondo le procedure esistenti”. Cenni Introduttivi Group Internal Audit
  14. 14. 14 Continuous Auditing L’obiettivo dei processi di Continuous Auditing (CA) e Continuous Monitoring (CM) é quello di fornire una maggiore trasparenza in merito alle diverse operazioni aziendali e un tempestivo flusso di reporting rispetto ad eventuali anomalie che dovessero essere riscontrate nell’ambito di un processo aziendale. CA e CM si configurano quali nuove opportunità da affiancare all’attività di Internal Audit, ed utilizzati in modo adeguato, possono aiutare le organizzazioni a gestire in modo efficace le esposizioni ai principali rischi, in quanto consentono di rilevare, monitorare e prevenire anomalie in modo più facile, completo e tempestivo rispetto agli approcci tradizionali. Obiettivi Group Internal Audit Il successo di ogni progetto di CA/CM dipende dall’attività di pianificazione e gestione della fase preliminare dello stesso
  15. 15. FASE PRELIMINARE E PIANIFICAZIONE 15 Continuous Auditing Ruolo dell’Internal Audit Group Internal Audit Definizione dei Key Indicator Identificazione fonte dei dati utili Modalità di gestione dei dati Gestione Operativa Analisi dei processi interni e dei potenziali rischi a essi collegati. Valutazione dell’efficacia delle attività di controllo in essere 1 2 3 4 Supporto al dipartimento IT nell’interpretazione delle relazioni esistenti tra i dati per la corretta definizione degli output richiesti Fruitore di una serie di warning, in termini di eventuali deviazioni riscontrate rispetto ai key indicator definiti. INTERNAL AUDIT
  16. 16. 4. Sustainability Reporting
  17. 17. 17 Sustainability Reporting Il 16 Aprile sarà discusso in Commissione Europea il progetto di legge approvato dalla Commissione Affari Legali del Parlamento Europeo inerente la Rendicontazione non Finanziaria. Obbligo di Rendicontazione Group Internal Audit Obiettivo: Migliorare la coerenza e la comparabilità delle informazioni non finanziarie divulgate nell’Unione. Incrementare la responsabilità delle aziende nei confronti di investitori, consumatori e società civile. Gestire più efficacemente i rischi. Chi: Aziende europee di interesse sociale, con più di 500 dipendenti. Come: Inclusione nella relazione finanziaria annuale di una dichiarazione non finanziaria.
  18. 18. 18 Sustainability Reporting Le informazioni minime che la relazione non finanziaria deve riportare, secondo quanto previsto dal disegno di legge, fanno riferimento a tematiche: • Ambientali • Sociali • Inerenti il personale • Rispetto dei diritti umani • Anti corruzione La relazione, deve inoltre includere una descrizione delle politiche, dei risultati e dei rischi legati alle sopra citate tematiche. Contenuto minimo della Relazione non Finanziaria Group Internal Audit
  19. 19. 19 Sustainability Reporting Le aziende interessate presumibilmente si doteranno di una funzione con ad oggetto la Corporate Social Responsibility che sarà pertanto preposta ad attività di controllo di Secondo Livello. Se approvata, l’applicazione della Direttiva comporterà un coinvolgimento dell’Internal Audit, che vedrà ampliati i sui ambiti di intervento di advisory e assurance, in qualità di funzione preposta al controllo di 3° livello. Coinvolgimento dell’Internal Audit Group Internal Audit
  20. 20. Assurance Assurance Advisory Advisory 20 Sustainability Reporting Le informazioni minime che la relazione non finanziaria deve riportare, secondo quanto previsto dal disegno di legge, fanno riferimento a tematiche: • Ambientali • Sociali • Inerenti il personale • Rispetto dei diritti umani • Anti corruzione La relazione, deve inoltre includere una descrizione delle politiche, dei risultati e dei rischi legati alle sopra citate tematiche. Opportunità per l’Internal Auditing Group Internal Audit Internal Auditing
  21. 21. 5. Riflessioni
  22. 22. 22 Riflessioni All’Auditor non viene più chiesto di verificare l’adempimento, ma di analizzare se vi siano modi migliori di fare le cose, contemperando il raggiungimento del risultato prestazionale con un costo ragionevole e gestendo al meglio i rischi connessi. In futuro ci verrà chiesto di comprendere come l’impresa, in quanto organismo vivente, abbia saputo creare gli anticorpi utili a rigenerare sé stessa e prepararsi ad essere “immanentemente antifragile”, cioè sempre in grado di percepire le proprie fragilità e reagire nei tempi e nei modi necessari per rigenerarsi, senza tuttavia rinforzarsi oltre lo stretto necessario. Anticorpi alla “fragilità” Group Internal Audit
  23. 23. Grazie per l’attenzione Silvio de Girolamo Chief Audit & CSR Executive Autogrill S.p.A. silvio.de-girolamo@autogrill.net

×