Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Portfolio silvia lannutti

633 views

Published on

Hi. My name is Silvia.
I'm an Italian graphic designer.

I moved to London to look for a stimulanting job experience that could help me grown in this field.

These are some of my previous works.

I like compare my opinions with others, so if you have some suggestion, I'd be glad to know.

Hope to hear you soon :)
All the best
Silvia

Published in: Design
  • Be the first to comment

Portfolio silvia lannutti

  1. 1. portfolio 2012
  2. 2. lively curious smilingmail open-mindedsilvia.lannutti love challenges@gmail.commob.074 2898 3002skypes.lannutti
  3. 3. Black and white logoto be printed on a wood boxIndigo | OrtoChefJanuary 2012
  4. 4. Logo and corporate image for a new italian restaurant Piunti e Virgole | BoccaBuona - October 2010
  5. 5. 7. 2. 3.1. Business card | 2. Ad for web | 3. Invitation card | 4. Cover for menù | sei invitato all’inaugurazione 28 novembre dalle ore 19 con aperitivi e tanti assaggi dalla cucina prossima 5. Cover for counter | 6. Sign | 7. Poster next opening apertura 28.11.2010 Via degli Usberti, 5 - Bologna INVITO Tel. 051 221750 osteriaboccabuona@gmail.com CHIUSA IL MARTEDÌ- TAVERNETTA PER LE VOSTRE FESTE 1. 6. 4. Chiusa il martedì Tavernetta per le vostre feste Via degli Usberti, 5 - 40121 Bologna - T. 051 221750 Cell. 349 2279135 - osteriaboccabuona@gmail.com 5. MENÙ
  6. 6. Logo to be used as signature for his photosMe | Farnè FrancescoJanuary 2012
  7. 7. Africa è giugno tempo dove il concetto del 2012 notte perde di significato calendario dove il colore della silenzio marzo2012febbraio2013 è veramente nero, ma non fa paura dove il morte è essere veramente solo con te stesso dove la povertà è quotidianità, ma la si affronta senza eccessiva paura dove la assume una definizione assai diversa occhi da quella cui siamo abiutati a pensare. Semplicemente osservando gli , perle nere così espressive, capisci quanta vita e quanta forza trasmettano, nonostante tutto. vita. nz Per noi, amare l’Africa significa mare la kayfra 1 v 2 s 3 d 4 l 5 m m 6 7 g 8 v 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 s d l m m g v s d l m m g v s d l m m g v s febbraio 2013 Questo è il terzo anno che realizziamo il calendario de Gli Occhi Della Speranza e vogliamo ringraziare tutti voi che acquistandolo in questi anni avete contribuito allo sviluppo di grandi progetti. GRAZIE! Il nostro amore per l’Africa e per lo Zambia è sempre più grande e sempre più forte è la fiducia nell’organizzazione Onlus Gli Occhi Della Speranza che in questi anni ha portato a compimento i progetti iniziati ed ha gettato le basi per nuove iniziative. A Solwezi, nel nord dello Zambia, nella Missione di St.Francis, è stato installato un importante impianto idrico che sfrutta l’acqua (che fortunatamente non manca in questa zona) e fa sì che venga erogata regolarmente all’ospedale, al lebbrosario, alla scuola ed al convento. Nella Missione di St.Joseph a Kalulushi, la preziosissima Suor Carmela continua da oltre 40 anni a gestire il collegio che ospita 150 ragazzi sordomuti. Si occupa del loro vitto e alloggio assicurandosi di avere sempre cibo, vestiti e materiale didattico a sufficienza per tutti e veglia sulla regolarità delle lezioni. A St. Joseph inoltre, chiunque abbia il desiderio di “toccare con mano” la realtà zambiana locale, può alloggiare qualche giorno avendo così la possibilità di contribuire personalmente e di vedere quanto sia fondamentale la forza di Suor Carmela e di tutte le persone che l’aiutano. A Kitwe, l’orfanotrofio di St.Martin continua ad essere la casa di bambini da zero a quindici anni. Fotografie Sono accuditi con amore da Suor Regina e dalle sue collaboratrici: mangiano regolarmente, vengono curati e vanno a scuola grazie al sostegno delle offerte internazionali. È possibile contribuire alla Franz & Katia loro crescita tramite adozioni a distanza. Già molti bimbi sono stati adottati da famiglie italiane. Nel dicembre 2009 abbiamo personalmente dato inizio ai lavori per l’ampliamento della scuola di Chi desidera dare ulteriori contributi Kachema Musuma Comunity School a Chingola, che attualmente conta 700 bambini molto poveri può effettuare un versamento sul C/C 000013180005 e disagiati. Nello scorso dicembre 2011 siamo tornati ed abbiamo piacevolmente constatato che Banca Popolare di Cortona, Ag. Castiglion Fiorentino (AR) www.kayfranz.com i lavori sono terminati e le nuove aule sono pronte per essere utilizzate. Abbiamo preso accordi IBAN: IT 92 S 05496 71410 000013180005 www.flickr.com/photos/franz1969/ affinchè si sviluppi un progetto alimentare rivolto ai bambini della scuola. L’azienda agricola intestato a “Gli Occhi della Speranza - Onlus” francescofarne1969@gmail.com gestita dalle Suore Battistine, poco distante, ha incrementato la produzione di verdura, polli e maiali grazie al sostegno dell’associazione. In futuro una parte della produzione verrà utilizzata Codice fiscale associazione: 92045780514 kayfranz@hotmail.com per alimentare giornalmente i bambini a scuola. GLI OCCHI DELLA SPERANZA onlus Progetto grafico Silvia Lannutti Gli Occhi Della Speranza continuerà a sostenere tutti i progetti finalizzati al miglioramento della qualità della vita, finanziandoli e seguendoli direttamente, senza intermediari, ma tramite www.occhidellasperanza.it www.silvialannutti.altervista.org chiunque abbia voglia di portare il proprio personale contriibuto. info@occhidellasperanza.it silvia.lannutti@libero.it calendario Il ricavato della vendita di questo calendario verà devoluto all’associazione1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 marzo2012febbraio2013 Gli Occhi della Speranza onlusv s d l m m g v s d l m m g v s d l m m g v s d l m m g3rd edition charity calendarMe | Farnè Francesco - January 2012
  8. 8. 1. Della conclusione nell’esercizio in esame dei progetti e delle principali attività poste in es- sere dalla Fondazione, si è invece già dato ampiamente conto nel bilancio di mandato 2005- 1. Della conclusione nell’esercizio in esame dei progetti e delle principali attività poste in es- sere dalla Fondazione, si è invece già dato ampiamente conto nel bilancio di mandato 2005- 2010 presentato nel maggio del 2010 alla vigilia del rinnovo del Consiglio di IndirizzoL’esercizio 2010 presentato nel maggio del 2010 alla vigilia del rinnovo del Consiglio di IndirizzoL’esercizio esaminato è caratterizzato da una significativa diminuzione delle risorse disponibilie, in misura esaminato è caratterizzato da una significativa diminuzione delle risorse disponibilie, in misura Relazione minore, di quelle erogate. In valori assoluti si registra una flessione di 10.523.091 euro nei proventi Relazione minore, di quelle erogate. In valori assoluti si registra una flessione di 10.523.091 euro nei proventi del Presidente netti e di 2.259149 nelle erogazioni. Si tratta di una diminuzione vistosa ma controllata nelle sue del Presidente netti e di 2.259149 nelle erogazioni. Si tratta di una diminuzione vistosa ma controllata nelle sue implicazioni, perché a fronte del 30% in meno di proventi sta la riduzione dell’ 11% del totale eroga- implicazioni, perché a fronte del 30% in meno di proventi sta la riduzione dell’ 11% del totale eroga- to, in conformità agli orientamenti espressi nel DPP 2010 di contenere il più possibile la riduzione to, in conformità agli orientamenti espressi nel DPP 2010 di contenere il più possibile la riduzione delle erogazioni sul territorio. delle erogazioni sul territorio. La tendenza appena rilevata, peraltro destinata a stabilizzarsi su livelli ancora più bassi negli anni La tendenza appena rilevata, peraltro destinata a stabilizzarsi su livelli ancora più bassi negli anni successivi (nel corrente esercizio, come da DPP 2011, 13,5 milioni) ha anche implicazioni qualitative successivi (nel corrente esercizio, come da DPP 2011, 13,5 milioni) ha anche implicazioni qualitative che meritano di essere sottolineate. che meritano di essere sottolineate. La prima concerne i soggetti istituzionali. Malgrado la riduzione, operata nel 2010, del 10% delle La prima concerne i soggetti istituzionali. Malgrado la riduzione, operata nel 2010, del 10% delle risorse loro destinate, la quota assorbita da questi ultimi rispetto al totale delle erogazioni è au- risorse loro destinate, la quota assorbita da questi ultimi rispetto al totale delle erogazioni è au- mentata nello stesso anno a 41.3% (nel 2009, 37.2%), ed è dunque correlativamente risultata più mentata nello stesso anno a 41.3% (nel 2009, 37.2%), ed è dunque correlativamente risultata più contenuta la quota delle risorse assegnate alla società civile, scesa al 58.7% rispetto al precedente contenuta la quota delle risorse assegnate alla società civile, scesa al 58.7% rispetto al precedente 62.8%. Il dato, certo non trascurabile, per un verso va ponderato nella considerazione che alcune 62.8%. Il dato, certo non trascurabile, per un verso va ponderato nella considerazione che alcune delle più significative misure anticrisi, specie quelle per esigenze più acute, passano per i soggetti FON DAZION E DE L MONTE › 20° B I LANCIO DI M ISSION E 2010 FON DAZION E DE L MONTE › 20° B I LANCIO DI M ISSION E 2010 delle più significative misure anticrisi, specie quelle per esigenze più acute, passano per i soggetti istituzionali. istituzionali. Da registrare inoltre il buon andamento dei fondi ad hoc (giovani, situazioni acute di crisi), mentre Da registrare inoltre il buon andamento dei fondi ad hoc (giovani, situazioni acute di crisi), mentre va sottolineato il dato che proprio la promozione e la progettazione di interventi sociali innovativi va sottolineato il dato che proprio la promozione e la progettazione di interventi sociali innovativi (dei quali “Casa Nova” rappresenta un esempio particolarmente positivo) può comportare tempi (dei quali “Casa Nova” rappresenta un esempio particolarmente positivo) può comportare tempi di intervento più lunghi e anche qualche ritardo specie se il quadro istituzionale non è pienamente di intervento più lunghi e anche qualche ritardo specie se il quadro istituzionale non è pienamente definito, come avvenuto nell’area bolognese.° definito, come avvenuto nell’area bolognese. La sostanziale stabilità delle spese di funzionamento, correlata invece al deciso contenimento delle La sostanziale stabilità delle spese di funzionamento, correlata invece al deciso contenimento delleFON DAZION E DE L MONTE › risorse destinate alle erogazioni, comporta infine una incidenza crescente e dunque un rapporto risorse destinate alle erogazioni, comporta infine una incidenza crescente e dunque un rapporto più sfavorevole delle prime sulle seconde. più sfavorevole delle prime sulle seconde. 2. Venendo ai dati quantitativi riguardanti le erogazioni, nel 2010 il totale deliberato è risul- tato di 18.440.570 euro (DPP 10, 17.891.547) e il totale del reddito destinato 17.917.790, di 2. Venendo ai dati quantitativi riguardanti le erogazioni, nel 2010 il totale deliberato è risul- tato di 18.440.570 euro (DPP 10, 17.891.547) e il totale del reddito destinato 17.917.790, di cui 13.018.013 ai settori rilevanti, dunque molto al di sopra del limite minimo stabilito dalla legge cui 13.018.013 ai settori rilevanti, dunque molto al di sopra del limite minimo stabilito dalla legge (50% reddito residuo: nel nostro caso, 8.960.711) (1). (50% reddito residuo: nel nostro caso, 8.960.711) (1). Il deliberato in percentuale per macro-aree, in base al raffronto tra gli esercizi 2009 e 2010 segnala Il deliberato in percentuale per macro-aree, in base al raffronto tra gli esercizi 2009 e 2010 segnala La relazione del Presidente è dedicata, come di consueto, agli l’incremento della cultura a 41.2% (rispetto al 36.1% dell’anno precedente), i contenuti scostamen- La relazione del Presidente è dedicata, come di consueto, agli l’incremento della cultura a 41.2% (rispetto al 36.1% dell’anno precedente), i contenuti scostamen- ti - della Ricerca in aumento, 12.6% rispetto al 9.3%, e dello Sviluppo Locale in diminuzione 9.3% a elementi generali e d’insieme dell’attività della Fondazione nel ti - della Ricerca in aumento, 12.6% rispetto al 9.3%, e dello Sviluppo Locale in diminuzione 9.3% a elementi generali e d’insieme dell’attività della Fondazione nel fronte del 10.5% - e la significativa riduzione del Sociale a 36.9% rispetto al 44.1%. fronte del 10.5% - e la significativa riduzione del Sociale a 36.9% rispetto al 44.1%. 2010: per le relazioni più specifiche relative alle macro aree di 2010: per le relazioni più specifiche relative alle macro aree di Tali dinamiche e la particolare asimmetria tra le aree del Sociale e della Cultura in parte sono rife- Tali dinamiche e la particolare asimmetria tra le aree del Sociale e della Cultura in parte sono rife- intervento (cultura, ricerca scientifica e tecnologica, servizi alla intervento (cultura, ricerca scientifica e tecnologica, servizi alla ribili a dati puramente contabili, e vanno dunque ridimensionate, e per altro verso richiedono un ribili a dati puramente contabili, e vanno dunque ridimensionate, e per altro verso richiedono un persona e solidarietà, sviluppo locale) e alla parte finanziaria, si particolare approfondimento. persona e solidarietà, sviluppo locale) e alla parte finanziaria, si particolare approfondimento. rinvia alle apposite sezioni dedicate del presente bilancio. Il ridimensionamento, peraltro già significativamente operato come si evince nella tabella ove si dà rinvia alle apposite sezioni dedicate del presente bilancio. Il ridimensionamento, peraltro già significativamente operato come si evince nella tabella ove si dà conto dell’impiego dei soli fondi correnti, è dovuto alla concorrenza di due fattori di ordine conta- conto dell’impiego dei soli fondi correnti, è dovuto alla concorrenza di due fattori di ordine conta- bile: l’utilizzazione dei fondi a disposizione, cioè di risorse a residuo dall’esercizio precedente per bile: l’utilizzazione dei fondi a disposizione, cioè di risorse a residuo dall’esercizio precedente per lo stesso settore (consistenti e utilizzate dalla Cultura nel 2010, assenti nel Sociale) e il rinvio, mo- lo stesso settore (consistenti e utilizzate dalla Cultura nel 2010, assenti nel Sociale) e il rinvio, mo- tivato dalle più varie ragioni tecniche e operative, di consistenti erogazioni ai primi giorni del nuovo tivato dalle più varie ragioni tecniche e operative, di consistenti erogazioni ai primi giorni del nuovo esercizio: nel gennaio 2011, per il Sociale, che proprio per questo nell’esercizio in corso disporrà di risorse aggiuntive per circa 300.000 euro. Dunque le due macro-aree hanno agito in senso diame- 1 Il bilancio consuntivo dell’esercizio 2010, in ragione di innovazioni introdotte in sede nazionale nel corso dell’anno, colloca il contributo destinato alla Fondazione per il Sud (298.581 euro) tra le erogazioni, dalle quali 1 Il bilancio consuntivo dell’esercizio 2010, in ragione di innovazioni introdotte in sede nazionale nel corso in precedenza era escluso in quanto configurato come extra-accantonamento aggiuntivo rispetto all’1/15 di cui dell’anno, colloca il contributo destinato alla Fondazione per il Sud (298.581 euro) tra le erogazioni, dalle quali alla legge 266/1991. Il che si ripercuote ovviamente sul raffronto con gli esercizi precedenti. in precedenza era escluso in quanto configurato come extra-accantonamento aggiuntivo rispetto all’1/15 di cui alla legge 266/1991. Il che si ripercuote ovviamente sul raffronto con gli esercizi precedenti.8 11 13 3.2.1 Anche nel corso del 2010 notevole e’ risultato l’impegno della Fondazione in riferimento al settore Cultura per favorire lo sviluppo produttivo e la divulgazione nella realtà sociale delle Arte e Cultura migliori espressioni musicali e teatrali. E’ parso, infatti, indispensabile - a fronte della difficile congiuntura economica e del conseguente calo dei finanziamenti a tutti i livelli - sostenere una Anche nel corso del 2010 notevole e’ risultato l’impegno della Fondazione in riferimento al dimensione artistica che affonda profondamente le sue radici nella tradizione più antica dei settore Cultura per favorire lo sviluppo produttivo e la divulgazione nella realtà sociale delle nostri territori. E questo tanto al livello delle più avanzate sperimentazioni e dei generi più colti, migliori espressioni musicali e teatrali. E’ parso, infatti, indispensabile - a fronte della difficile quanto proponendosi di cogliere le richieste provenienti dagli ambiti più popolari, da sempre congiuntura economica e del conseguente calo dei finanziamenti a tutti i livelli - sostenere una comunque sensibili al linguaggio universale della musica e, altrettanto, al fascino delle rappre- dimensione artistica che affonda profondamente le sue radici nella tradizione più antica dei sentazioni teatrali, siano esse in musica, in prosa, o affidate ai ritmi della danza. nostri territori. E questo tanto al livello delle più avanzate sperimentazioni e dei generi più colti, Musica operistica, dunque, non meno che sinfonica o da camera; ma insieme jazz e il nostro can- quanto proponendosi di cogliere le richieste provenienti dagli ambiti più popolari, da sempre to popolare sovente posto a confronto con le esperienze di altri ambienti culturali e sociali in un comunque sensibili al linguaggio universale della musica e, altrettanto, al fascino delle rappre- intreccio di musicalità diverse e in grado di fecondi intrecci, capaci di instaurare un dialogo che sentazioni teatrali, siano esse in musica, in prosa, o affidate ai ritmi della danza. può andare oltre la pur importante dimensione artistica. In questo aiutata, pure, la Fondazione Musica operistica, dunque, non meno che sinfonica o da camera; ma insieme jazz e il nostro can- dal suo antico e proficuo rapporto con le numerose associazioni di volontariato cittadine dedite to popolare sovente posto a confronto con le esperienze di altri ambienti culturali e sociali in un ad iniziative culturali, spesso rivolte proprio a realizzare iniziative nel campo della musica. intreccio di musicalità diverse e in grado di fecondi intrecci, capaci di instaurare un dialogo che Inoltre e’ proprio in questo settore che trova la sua migliore attuazione la sempre esplicitata e può andare oltre la pur importante dimensione artistica. In questo aiutata, pure, la Fondazione realizzata volontà della Fondazione di favorire la formazione delle giovani generazioni, cui si ri- dal suo antico e proficuo rapporto con le numerose associazioni di volontariato cittadine dedite volge, ad esempio, la Scuola dell’ Opera, la corale Euridice, la Bernstein School, la scuola di tea- FON DAZION E DE L MONTE › 20° B I LANCIO DI M ISSION E 2010 ad iniziative culturali, spesso rivolte proprio a realizzare iniziative nel campo della musica. tro Galante Garrone, il progetto Provincia all’Opera e , soprattutto, la prosecuzione del ”Progetto Inoltre e’ proprio in questo settore che trova la sua migliore attuazione la sempre esplicitata e Giovani”, avviato con l’Antoniano di Bologna, in grado di mettere a disposizione di complessi realizzata volontà della Fondazione di favorire la formazione delle giovani generazioni, cui si ri- musicali giovanili spazi gratuiti per il loro addestramento, accompagnati da un tutoraggio affi- volge, ad esempio, la Scuola dell’ Opera, la corale Euridice, la Bernstein School, la scuola di tea- dato ad un professionista quale Jimmy Villotti e punteggiato da incontri seminariali con alcuni tro Galante Garrone, il progetto Provincia all’Opera e , soprattutto, la prosecuzione del ”Progetto noti esponenti dei vari settori della musica leggera. Giovani”, avviato con l’Antoniano di Bologna, in grado di mettere a disposizione di complessi Tutti le migliori rassegne musicali di Bologna e di Ravenna, nonché tutti i più importanti teatri, ° musicali giovanili spazi gratuiti per il loro addestramento, accompagnati da un tutoraggio affi- hanno ricevuto contributi (questi ultimi valutandone anche le performance ) e a questi non pote- FON DAZION E DE L MONTE › dato ad un professionista quale Jimmy Villotti e punteggiato da incontri seminariali con alcuni va non aggiungersi il particolare supporto al lavoro formativo svolto dalla Cineteca in un ambito noti esponenti dei vari settori della musica leggera. di così rilevante attrattiva per i giovani, quale quello cinematografico. Tutti le migliori rassegne musicali di Bologna e di Ravenna, nonché tutti i più importanti teatri, Doveroso e partecipe e’ stato anche per quest’anno il contributo offerto dalla Fondazione a man- hanno ricevuto contributi (questi ultimi valutandone anche le performance ) e a questi non pote- tenere vitale e ad incrementare il ricchissimo patrimonio artistico e culturale presente nei nostri va non aggiungersi il particolare supporto al lavoro formativo svolto dalla Cineteca in un ambito luoghi di conservazione, dai musei alle biblioteche, a centri studi spesso di rilevanza internazio-Paging up balancePiunti e Virgole | Fondazione del MonteOctober - November 2011 20 21

×