La dominante - specimen antologico

1,164 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,164
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La dominante - specimen antologico

  1. 1. ATTO TERZOBruno, di nuovo in manette, è inginocchiato sopra il cuscinetto. Sul suo volto spiccano tre ricciolidi biacca: uno sulla fronte e uno su entrambe le guance. Milla gli sta accanto e glieli spalma concura su tutta la faccia.Bruno: Allora, è finita la commedia?Milla: Scherzi? Abbiamo appena cominciato.Bruno: Che altro hai intenzione di fare?Milla: Adesso vedrai.Bruno: Non ti basta ancora?Milla: No, l’appetito vien mangiando. Non ti muovere, che mi fai le grinze… Bruno (urlando, con improvviso furore): Ohhh! E basta, cazzo! Che mi stai mettendo? Che vuoldire ‘sta roba?Milla: Fermo, che si rovina.Bruno: Lasciami stare, non mi toccare, stronza.Milla (resta un attimo spiazzata, poi subito reagisce, piegandogli la testa all’ingiù, con violenza):Ehi, non alzare la cresta, sai? Che succede, ci ribelliamo? Lo sai che non mi piacciono lenovità…Attento che il conto cresce, diventa sempre più salato…(rabbonendosi, con voce suadente)Non farlo mai più (gli dà un leggero scappellotto sulla nuca), piccolo sciocchino…Milla riprende a spalmare.Bruno:..Io non riesco a capire che colpa ho da scontare per meritare tutto questo… Milla: Niente per tutto questo. Nessuna colpa. Non si scontano colpe quando si gioca. Perché…tulo sai, no? Questo è solo un gioco, nulla di più. Ti ho fatto il solletico, finora. Stiamo scherzando.La pena della tua colpa può essere solo la morte – o forse nemmeno quella…qualcosa di ancora piùgrande, se esiste…nessun male, nessun dolore, ti merita davvero…Bruno: Mi fai schifo.Milla: Ehi, ti ho già avvisato: stai attento a non tirare troppo la corda!Bruno: …Ma perché ci siamo sposati? Milla: E’ quello che mi chiedo sempre anch’io. Per convenienza, credo. Ci faceva comodo, cisiamo fatti i conti in tasca…te, non potevi continuare a spendere milioni con le puttane d’alto bordo,immaginandoti – mentre ci scopavi – che fossero tua madre (e sì che troppo caro ti costava, quelvizietto!)…quanto a me…ero rimasta sola al mondo, e avevo bisogno di farmi mantenere daqualcuno, di aggrapparmi a una boa nel mare mosso delle mie incertezze…avevo bisogno di dare
  2. 2. ordine alla mia vita, di sistemarmi, insomma. Stabilità, serenità, dolci pigrizie e buone abitudini. E’l’età che ti porta a volere questo…sai, cominci a sentire il peso degli anni, ad averne paura…iltempo ti scorre addosso e ti lascia ferite croniche, che non riesci più a disinfettare…hai bisogno didurare, di fermare le cose che ti sfuggon tra le mani…Bruno: Oggi pare incredibile, eppure è esistito – mi sembra – un tempo che noiMilla (interrompendolo): Un tempo lontano, Bruno: il tempo dell’illusione.Bruno: …che noi si andava addirittura a gonfie vele…Milla (ironica): Bum!Bruno: …Sì, sì, a gonfie vele…e adesso?Milla: E’ la storia di tutte le storie, Bruno: la storia di ogni amore.Bruno: …Ma era vero forse, l’amore, se ricordi!?… Milla: Era la maschera ipocrita per nascondere la faccia mostruosa dei nostri egoismi. Ci si amavaper la pena di noi stessi.Bruno: …Mi sembravi la persona giusta.Milla: E’ così che sempre si dice.Bruno: Ma siamo mai stati felici, io e te? Neanche un attimo? Milla: Felici come possono esserlo due ciechi che non vedono il mondo e lo dipingono coi coloridella mente, se lo immaginano più bello di come è. Felici come chi scambia i sogni per la realtàvera. Come se ti metti in costume solo perché uno squarcio di sereno ha fatto capolino tra montagnedi nuvole nere, e ti illudi che il cielo sia tutto azzurro e che ti possa abbronzare. Ma quei raggi disole durano un istante. E ci resti fregato, te ne accorgi poco dopo. Che è già troppo tardi perriparare. I vestiti che avevi non li trovi più, qualcuno li ha fatti sparire. Si resta nudi a tremare difreddo.Bruno: Potevi dirlo subito. Esiste il divorzio. Si può cancellare tutto e cominciare daccapo. Milla: No, no che non si può. Il bivio è lontano, ormai. La tua vita è decisa, è una strada a sensounico, e devi andare avanti: tornare indietro non è possibile. Uno sbaglio non si cancella, resta persempre.Bruno: Eppure da fidanzati ci stavi bene con me…Milla: Con il fantasma che di te m’ero creata, con quello che volevo che fossi, con le speranze chemi davi. Poi tua madre si mise in mezzo…o meglio me ne accorsi, ché c’era sempre stata: invisibilema c’era, come adesso… Bruno: Mamma ti voleva bene, sei tu che non l’hai mai capita. Non hai mai fatto un passo versolei, verso di me, verso nessuno al mondo. Sei buona solo a giudicare, a dare colpe, a stabilirecondanne e infliggere castighi…avresti proprio bisogno di una bella lezione…
  3. 3. Milla (pizzicandogli le guance, con tono aggressivo - man mano a sfumare): Ohh, zitto, sa?…Staischerzando con il fuoco…Guarda che ti distruggo, ti spappolo, ti squarto in due, ti passo altritacarne, ti lesso nell’acqua bollente…Non prenderti mai più la libertà di dirmi chi sono o chi nonsono… Milla raccoglie da terra la parrucca rossa e ricciuta, lasciata dalla Madre, e comincia aspazzolarla dolcemente con un pettine.Bruno (dopo lunga pausa): …Perché hai paura di saperlo, chi sei: ecco la verità. Ci vorrebbedavvero che mamma tornasse al mondo per darti una bella lezione. Milla: Non può, è troppo occupata. E’ la più grande puttana dell’aldilà. E’ richiestissima, sai? Nonla lasciano un attimo in pace. Dì un po’: che ne diresti di andarla a trovare, stanotte stessa? Dài, tipresenti, chiedi di lei…vedrai che a te, fa un prezzo speciale… Bruno: Ecco, vedi, più fai così e più tradisci la tua debolezza. Credi di trionfare, ma non capisciche stai perdendo…Ti sto battendo, Milla: ti sto battendo! Sei un cane braccato, ormai, col fiatogrosso in gola: attacchi per non subire, per ritardare di qualche attimo la sconfitta, ma in fondo losai che non c’è scampo, per te. E adesso su, forza: incazzati, picchiami, fammi quello che tipare…non ho paura di te. Milla: Credilo, se ti fa piacere. Le tue chiacchiere non possono nulla contro i miei fatti. Io, sonopiù forte. In quanto donna, in quanto nuora, in quanto moglie. Io, Milla De Angelis…senti comesuona: Milla De Angelis…Bruno: In Cavallari.Milla: No: De Angelis e basta. Io, sono più forte.Bruno: E allora perché per picchiarmi hai bisogno di mettermi le manette? Milla (accusando il colpo): …per…ma per materializzare una tua condizione dello spirito, sì: perdarti la possibilità di non dover accusare te stesso per il fatto di non reagire, almeno puoi sempredire: “Beh, giusto perché mi hai messo le manette, altrimenti vedresti”. Volevo solo risparmiartiun’umiliazione in più…ma te, come sempre, non capisci i miei segni d’affetto…Comunque, se nongradisci, possiamo sempre rimediare (gli toglie le manette)…Ecco: sei libero…ma questo comevedi non cambia assolutamente nulla…manette o non manette - ascoltami bene - tu sei nato persubire: sei la miliardesima parte dello zero, ed io debbo trasformarti nella tua verità, affinché tupossa diventare per davvero ciò che sei…Tu conterai qualcosa il trentadue ottembre del sempremai:il giorno che il sole nascerà ad Ovest e viaggerà in cielo a braccetto con la luna…il giorno che idelfini voleranno nel silenzio delle nuvole, e le aquile nuoteranno negli abissi del mare…Bruno, smanioso di sgranchirsi, fa per alzarsi. Milla: Ehi, attento: non ti mettere strane idee in testa…Ci sono ancora due colpi qui (accarezza disfuggita la pistola), e sono ansiosi di fotterti…Bruno ricade ginocchioni sul cuscinetto.Milla (come trionfante): …Ahah, mi fai proprio ridere…Se tu sei un uomo…
  4. 4. Bruno (rassegnato, come in un sospiro): Lo sono…Milla: …io sono ancora innamorata di te…Bruno: Lo sei.Milla: …e tua madre è la vergine che siede alla destra del Signore…Bruno: Lo è. Forse. Milla: Lo siamo tutti, sempre, quello che non vorremmo essere. Però lei, tua madre, il Signore se latrova nel letto: la chiama quando ha voglia di cosare…e non gli siede alla destra ma sopra, acavalcioni…Bruno (urlando): Smettila di bestemmiare. E lascia perdere mia madre, porca puttana! Milla: Lo vedi? Sei tu stesso che la bestemmi! Non riesci proprio ad accettare che tua madre è lapiù grande puttana nella storia passata presente e futura dell’universo…la sporca battona degliinferi, la sfavillante squillo dei cieli. Si fa tutto, lei, non rifiuta niente: cherubini, arcangeli, stanti,sante, anime del Purgatorio, demoni, draghi, serpenti, chimere, grifoni, idre, arpie, baccanti, pianeti,comete, nebulose, luce, buio, aria, acqua, tempo e spazio: ogni unico istante, ogni singolocentimetro, ogni minimo elemento di questa grande esistenza ha conosciuto la dolce consolazionedel suo passaggio. E’ risaputo, ormai: fin laggiù, nelle più sperdute e lontane costellazioni. Del restolei è una brava professionista, non c’è che dire: è sempre stato il suo mestiere, no? I clienti lei lispupazza e li stravizia, e loro restano contenti e si passano parola, l’uno con l’altro, curiosi diprovare, ansiosi di rifare. La vogliono tutti, la chiamano ovunque. Una moda, una mania. E quindi èsempre in giro, con l’agenda zeppa di appuntamenti, a calmare il dolore del mondo. Un’infermiera,una benefattrice.Bruno: Sei una gran figlia di puttana.Milla: Non è possibile, non sono tua sorella.Bruno: Pagherai tutto. Milla: Certo, come te, come tua madre. Però voi prima di me. Tua madre era gelosa, m’avevaodiato fin dal primo istante. Non per quello che ero – io o un’altra faceva lo stesso…no: per quelloche rappresentavo, a prescindere. Ero la nuora, capisci? La donna rivale che accedeva al pivellinodel figlio e glielo portava via…un sequestro legalizzato, un abominio benedetto dalla chiesa.Quando nascesti tua madre giurò a se stessa di fargliela pagare a tuo padre per averla messa incintasenza volerlo, e alla donna che un giorno ti avrebbe sposato…Bruno: Maledetto giorno. Milla: …dal momento che eri suo, dovevi esserlo per tutta la vita…Senti un po’, te lo ricordi comeè morta tua madre? La trovaste fulminata dal phon nella vasca da bagno. Bene, credo sia giusto tusappia la verità, adesso che la stai per raggiungere… non fu una disgrazia, no: fui io a buttarglielonell’acqua mentre si lavava…Bruno: …Non ci credo: se fosse vero non verresti a dirmelo.
  5. 5. Milla: Io te l’ho detto, padrone tu di non crederci. Qualche attimo di silenzio.Bruno: …e…perché l’avresti fatto? Milla: E me lo chiedi pure? Un po’ perché non ne potevo più della sua gelosia. Ma soprattutto perpunire te, la tua vomitosa sudditanza, la vostra dannata coalizione…Perché non avevi mai avuto lepalle per difendermi di fronte alle sue menzogne, anche se sapevi che avevo ragione…Volevostrapparti una volta per tutte alle sue cosce: c’eri nato e cresciuto in mezzo, le ostetriche si eranodimenticate di portarti via…Volevo vedere se senza quel punto di riferimento mi avresti rispettatacome moglie, o addirittura mi avresti messo al posto suo. Così avvenne, infatti. Ero stufa diprenderle, volevo darne un po’ anch’io. Diciamo pure che ero a mia volta gelosa di tua madre, delpotere che aveva su di te…(notando la perplessità di Bruno) Cos’è, non mi sembri ancoraconvinto…proprio non riesci a credere che abbia ammazzato tua madre?Bruno: Se lo credessi davvero non staresti lì a sparare cazzate. Ti avrei già massacrato.Milla (in tono di sfida): E allora fallo, su, perché è vero…Bruno (urlando): No!Milla (più forte): Sì!Bruno (ancora più forte, ma debole, internamente rotto da commozione): Noo!Milla (ancora più forte, asciutta): Sìì! Qualche attimo di silenzio.Bruno: A questo siamo ridotti…Cristo, ma perché sei diventata così?Milla: Lo sono sempre stata.Bruno: Ma che volevi da me? Che speravi quando mi dicesti di sì, sia stramaledetto quel giorno! Milla (accalorata): Tu mi dovevi dare tutto quello che la vita non mi aveva dato, tutto quello cheio stessa non potevo darmi. Dovevi farmi sentire donna. Soffocarmi di baci, deliziarmi di brididolci, coprirmi di fiori, carezze, regali, attenzioni sempre nuove. Stupirmi con la tua mente, liberarei sogni che avevo nel cuore, portarmi ogni giorno via da questo mondo di merda…(commovendosi)Volevo avere dei figli, ma il tuo seme era fasullo e guasto, non ce la facevi a mettermi incinta,neanche a quello eri buono. Volevo essere Regina di un Re, non schiava di una pecora…(riacquistando decisione) Io, non tua madre, meritavo di essere La Dominante, la donna sulpiedistallo, il trono in cima al mondo, servita e riverita…Mi hai deluso, Bruno.Bruno: …Va beh, ma ora che posso fare?Milla: Per intanto infilati questa (gli porge la parrucca).Bruno (sistemandosela in testa): Poi?
  6. 6. Milla: Poi niente, non c’è più niente da fare, ormai. Troppo tardi. Solo una cosa, forse, ed è la piùimportante: pagare il conto.Bruno: Quale conto?Milla continua a truccare Bruno: rossetto sulle labbra e contorni di matita. Milla: Devi pagare la colpa di esserci, di avermi incontrato e illuso. Una lingua di fuoco per ognioffesa che m’hai dato: sei messo male, Bruno Cavallari! Ti vedo già cenere…Ha sul groppone lamorte di due donne, la tua diletta madre e la tua diletta amante. Per colpa tua le ammazzai: sei tu ilvero assassino. Passi per tua madre – ne ho liberato il mondo, dovrebbero farmi unmonumento…ma la Bertelli, quella povera ragazza…sapessi che pena ogni volta che cipenso…Sfogai su di lei parte della mia rabbia perché ebbe la sventura e l’imprudenza di capitarmiper prima sotto tiro. E invece te, te, non lei, avrei dovuto fare a pezzi! Anche se la sua morte èservita comunque a qualcosa, e questo glielo devo finché campo. Quella notte passata con lei nelporcile è stata uno squillo di luce, nel buio più sporco e nero dell’anima mia: mi ha svelato zonenascoste che non credevo di avere…(abbassa la voce) Ho capito di essere lesbica…E’ questo ilgrande equivoco di fondo, la distorsione della mia vita, capisci? E’ lì la radice di tutto. L’avevadetto tua madre, del resto, e fu l’unica volta che ebbe ragione! Ma adesso, sai… (abbassa la voce)Io son convinta che la Bertelli si nasconde dentro l’aria di questa casa…Si muove leggera,scivolando tra le faglie del suo cuore. Percepisco la sua presenza. Mi segue, mi osserva dal vuoto,coi suoi occhi di ragazza innamorata…Si è persa nel controspazio, sai? Nell’inversa ragionedell’essere, nel rovescio delle cose. Una volta ci sono andata vicino e ho avuto tanta paura dicaderci dentro…laggiù è solo silenzio e orrore e nulla e perdizione, e il tempo non esiste. E’ unmondo buio e capovolto, ma da qualche parte riserva un’uscita, che apre sul mondo della luce…ela Bertelli si aggira inquieta per trovare lo spiraglio… è senza pace, poverina, e mi chiede aiuto: èrimasta impigliata in questo limbo, io devo liberarla… …Ecco fatto, un ultimo tocco, là…e adesso il naso rosso (gli mette un naso rosso daclown)…perfetto!Bruno: Da che m’hai combinato? Milla: Da clown, cos’altro sennò? Non eri un clown, forse, nel Gran Circo di tua madre?…Cosìadesso tu ti alzi e cominci a ballare in tondo attorno a questo cerchio immaginario… Bruno si alza e lentamente, molto goffamente, comincia a trotterellare in cerchio attorno alcuscinetto.Milla (battendo le mani): Coraggio, su…un po’ più veloce, bravo…e adesso ripeti con me Grandissima puttana del cielo e della terraBruno: Ce l’hai con mamma, vero?Milla: Ma certo! Ripeti, forza!Bruno: No!Milla (minacciandolo con la pistola): Ripeti ché t’ammazzo!
  7. 7. Bruno: Va beh, basta che ti calmi. Com’era? Milla parlerà con tono solenne e deciso, ma la sua convinzione andrà man mano a spegnersi, lasua voce sempre più stravolta e strana. Bruno ripeterà le battute durante i giri di corsa, con la vocesempre più rotta dallo sforzo, ansante, mentre sorgerà di nuovo il “sottofondo” (cigolii e gemiti),dosato in climax ascendente.Milla: Grandissima puttana del cielo e della terraBruno: Grandissima puttana del cielo e della terraMilla: In qualunque letto ti troviBruno: In qualunque letto ti troviMilla: E qualunque sia il falloBruno: E qualunque sia il falloMilla: Che ti gonfia di seme bollenteBruno: Che ti gonfia di seme bollenteMilla: Per gravidarti di rospi e serpentiBruno: Per gravidarti di rospi e serpentiMilla: Esci dal cuore dell’ariaBruno: Esci dal cuore dell’ariaMilla: Dall’infinita regione del nullaBruno: Dall’infinita regione del nullaMilla: Dall’intima regione d’ogni sua apparenzaBruno: Dall’intima regione d’ogni sua apparenzaMilla: Intercedi presso i tuoi clientiBruno: Intercedi presso i tuoi clientiMilla: Quelli più influenti: angeli e santiBruno: Angeli e santiMilla: Demoni e carontiBruno: Demoni e caronti
  8. 8. Milla: Anche Lui, se necessarioBruno: Anche Lui, se necessarioMilla: E prometti loro secoli di voglieBruno: Prometti loro secoli di voglieMilla: A tariffe eccezionaliBruno: A tariffe eccezionaliMilla: Ma torna quaggiù per un momentoBruno: Ma torna quaggiù per un momentoMilla: E libera Bertelli AnnaBruno: E libera AnnaMilla: E portala al SignoreBruno: Portala al SignoreMilla: Perché la amoBruno: Perché io la amoMilla: Ma poi torna, torna veloceBruno: Torna veloceMilla: E portami via con teBruno: E portami via con teMilla: Nella vagina rossa e putrefattaBruno: Nella vagina rossa e putrefattaMilla: Da dove, nel doloreBruno: Da dove, nel doloreMilla: Mi spingesti fuori, ad inquinare il mondoBruno: Mi spingesti fuori, ad inquinare il mondoMilla: Laggiù, in quella tomba di caldo silenzioBruno: Di caldo silenzio
  9. 9. Milla: In un mare di fuoco e di sangueBruno: Di fuoco e di sangueMilla: Dentro quel guscio di cieloBruno: Guscio di cieloMilla: Fammi al più presto ritornareBruno: RitornareMilla: E che tu possa crepareBruno: Che tu possa crepareMilla: Di nuovo e sempreBruno: Di nuovo e sempreMilla: Per tutti i falli che hai avutoBruno: AvutoMilla: E continui ad avereBruno: AvereMilla: E la tua pena sia pari alla tua colpaBruno: Pari alla tua colpaMilla: Inestinguibile, come il mio odioBruno: Come il mio odioMilla: Inestimabile, come il mio amoreBruno: AmoreMilla: Nei secoli dei secoliBruno: SecoliMilla: Fino alla fine del tempoBruno: TempoMilla: Amen
  10. 10. Nel ritmo incalzante dei cigolii, i gemiti raggiungono il loro spasimo estremo, l’estasi e la mortedell’amplesso, accompagnando le ultime battute della “preghiera”. L’orgasmo, sottolineato da unaforte luce bianca lampeggiante, che colpisce dall’alto la scena, produce il suono di una clamorosae roboante scorreggia, che seguirà a ruota l’”Amen” di Milla. Da quel momento comincerà adiffondersi per tutto il teatro un odore sempre più forte di incenso. Milla, ormai stremata, cade in ginocchio sul cuscinetto a capo chino, ansante. Bruno continua acorrerle intorno per altri tre giri, poi rallenta, si ferma un attimo, riprende, si ferma del tutto.Profondamente turbato e ansante a sua volta, con occhi spaventati, prende ad annusare l’aria.Milla (parlando come in sogno, a capo chino): …L’ho vista, sai? E’ passata proprio adesso…misorrideva…lanciava baci come fiori, benedicendo il mondo…era bella, sì, bianca di luce…alta dinuvole e di stelle…e ho sentito la forza della sua anima…l’universo è orgoglioso di lei…Bruno (annusando): Oddio…ma questo è…cazzo, ma questo è… Milla (c.s.): …E ho visto i miei bambini che mi sfioravano da dentro, ed era lei che li portava consé…mi aspettano da sempre in un giardino di luce, nel piccolo cielo che ruota al centro del miorespiro, nel cuore più profondo del mio cuore…vogliono che torni da loro, faremo festa insieme…emi dicevano mamma, anche se non sono mai nati…Bruno (c.s.): …è l’odore di mamma…senti, senti… Milla (c.s.): …E ho visto tutte le vite che sono e che potevo essere, e non c’era niente di giusto eniente di sbagliato…E ho capito di essere ogni cosa. Tutto il tempo e tutto lo spazio del mondorespira nell’anima immensa: è una mente innamorata, una madre che spera, che perdona e checomprende. Un bacio infinito, senza nome né perché. Nello stupore della mia coscienza. Non ho piùsenso…(alza la testa, guardandosi intorno con occhio fisso e sognante) Ma adesso…adesso dovesono? C’è un deserto grigio di luce oscura…(con voce man mano più alta e concitata) L’ombra simuove, i bordi si dissolvono: non c’è più limite, non c’è…ecco, è carico il diluvio, le acque gonfiesi rompono, moltitudini si affollano…il silenzio vomita rimpianti, ragioni di sogni, echi dipensieri…escono teste dal cuore del vuoto, vengono per me…occhi mi fissano, spille mitrafiggono…ho paura di queste facce, mi guardano e ridono ridono ridono, da ogni parte miaccerchiano mi spingono mi schiacciano…Aiuto, soffoco, non lasciatemi sola…(con voce infantile)Grazie, sei tornata…ti voglio bene, sai? Ma spegni questo suono, ti prego…lasciami, che fai? Dovemi porti?…Fermiamoci: ho paura di andare avanti…Restiamo qui, riscaldiamoci un po’…Tutto èvivo e vero, e splende di miracolo da dentro…Ahh, quanta luce, guarda che bello!…Volar felicisulle cose, come gabbiani nell’azzurro sole, sfiorando il pelo delle spume al vento…Ma cos’è quelpuntino nero?…E perché sei così triste?…Uffa, perché mi hai portata qui?…Ecco, vedi? Siavvicina, si allarga…E’ la bocca di un pozzo…Sento il silenzio che mi chiama dal fondo,trascinandomi con sé…Oddio, sto scivolando…Non mi lasciare, reggimi, reggimi…Milla prorompe in un urlo fortissimo, lungo, cupo, feroce, disumano.Bruno (accorrendo): Ohh, Milla…che ti prende?Milla (calma e affranta, occhi fissi, sguardo visionario): E’ tutto limpido e calmo.Bruno (scuotendola): Milla! Svegliati! Oh!Milla (c.s.): Non c’è più nulla.
  11. 11. Bruno (c.s.): Oh! Dài, non aver paura!Milla (c.s.): E’ semplice amore: mi ama, mi accetta, lo sento…Bruno (c.s.): Milla!Milla (annuisce, illuminandosi di un sorriso): Anch’io, sì.Bruno (c.s.): Oh! Svegliati!Milla (c.s.): Bene qui: mai più tornare.Bruno (c.s.): Ohh!Milla (c.s.): Sì: essere in te.Bruno (c.s.): Milla!?Milla (spegnendo il sorriso): Per sempre.Bruno (c.s.): Ohh! Mi senti?Milla: Abbracciami, ho tanto freddo.Bruno: Eh?Milla (con un fil di voce): Abbracciami. Bruno (inginocchiandosi e abbracciandola): Calma, amore, calma. Hai sentito l’odore di mamma?Esiste, esiste e ci protegge: capisci? Ti rendi conto? Da qualche dimensione ci osserva, veglia sunoi, esiste fra noi. Questo vuol dire che la vita continua, dopo la morte…Ed io che non ci ho maivoluto credere! Ma non lo diremo a nessuno: sarà il nostro piccolo grande segreto! E adessocalmati, dài…Bimba mia, hai bisogno di cure, di riposo…E poi mamma ti aiuterà, ne sonocerto…Vedrai che tutto si aggiusta, eh?…Mi ascolti, Milla? (la scuote)…Oh!… (con voce stranita)Milla, rispondi!…(urlando man mano di più) Milla! Millaaa! Oh cazzo, Dio santo aiutami,Madonna mia, aiuto, Professore, aiutooo!!! Dalla quinta di sinistra accorre bofonchiando lo Psichiatra, scomposto ed arruffato, mentreancora si sta allacciando i pantaloni.Psichiatra: …a rompermi i coglioni…Che c’è, perdio! Che succede, ancora, banda di mentecatti!Bruno indica Milla, in silenzio. Lo Psichiatra si ricompone, riacquista d’un colpo tutto il suoaplomb professionale…quindi si avvicina a Milla, la considera con occhio clinico, si curva adauscultarne il cuore, più e più volte. Psichiatra (dopo lunga pausa di preambolo, con voce distaccata e impersonale): …Ebbene è duraammetterlo ma, a quanto consta, l’esperimento…purtroppo non ha avuto il buon esito sperato. E’doveroso, a questo punto, prendere atto della dura irreversibile realtà, rassegnarsi di buon grado e,in una parola: accettarla. E’ andata male, ma tant’è: incerti del certo, rischi ponderatidell’imponderabile…Mi dispiace, Cavallari! Stia ben convinto, peraltro, che la Scienza
  12. 12. Dalle quinte, fuori campo, giunge il richiamo della Madre.Madre (languida, liquida, vogliosa e sensuale): Baby! Babyy!!Psichiatra: ...che la Scienza ha fatto...Madre (c.s.): Babyy!! Amoruccio!!! Vieni! Psichiatra (verso la quinta di sinistra): …Eccomi, arrivo!…(a Bruno) che la Scienza, dicevo, hafatto tutto il possibile! Ma proprio tutto, sa?! Si persuada! Cosa pretendere di più?Madre (c.s.): Presto, amore! Non resisto!Psichiatra: Mi dispiace: davvero! …E adesso, se permette…il dovere mi chiama di nuovo…Madre (c.s.): Baby!!Psichiatra (avviandosi verso la quinta di sinistra): …Eccomi, troia: un po’ di contegno!… Milla giace esanime tra le braccia di Bruno, il quale resta col viso affondato nei suoi capelli,mentre sale dal profondo silenzio lo stesso canto popolare del Prologo (Scena 2). I corpi dientrambi vengono raggiunti e accarezzati da un raggio di luce che piove dall’alto. Dopo una lungapausa, Bruno alza lentissimamente il capo, mentre la sua bocca vomita la smorfia di un abissale, inarticolabile urlo di silenzio. Dalla smorfia sorge un sibilante fremito (indecidibile, fra riso epianto), che diviene sempre più frenetico e profondo (Bruno guarda in alto, con il capo rivoltoall’indietro) sino a che, al culmine del climax, il palcoscenico viene ghiacciato nell’eternità di unlampo (s’interrompe di colpo il canto, cui subentra uno sfrigolio elettrico). La luce restaintensissima qualche istante; poi cala lentamente verso la penombra (mentre sfuma lo sfrigolio):dinamica che Bruno accompagna, con la parallela discesa del suo sguardo (commosso eintensamente umano) verso Milla. Bruno, infine, guarda Milla con la sorpresa e la meraviglia di chi vede per la prima volta il mare.Bruno (a Milla): …Mamma!?Poi alza lo sguardo e lo fissa davanti a sé, perso nel vuoto. BUIO Fine

×