Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Gazzetta 10-9-2011 Serie A Streaming

4,625 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Gazzetta 10-9-2011 Serie A Streaming

  1. 1. www.gazzetta.it sabato 10 settembre 2011 1,50 € REDAZIONE DI MILANO VIA SOLFERINO 28 TEL. 026339 REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 TEL. 06688281 POSTE ITALIANE SPED. IN A.P. D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB M LANO Anno 115 ­ Numero 213 anno ITALIA CASA INTER VIGILIA TESA (ESCLUSI PURE RANOCCHIA E PAZZINI) PER LA TRASFERTA A PALERMO Serie A / 2ª GIORNATA Sneijder verso la panchina Ieri Domani (ore 15) MILAN­LAZIO 2­2 CHIEVO­NOVARA Oggi (ore 20.45) FIORENTINA­BOLOGNA CESENA­NAPOLI GENOA­ATALANTA Domani LECCE­UDINESE Gasperini pensa al trio Forlan­Milito­Zarate. Wes in Champions? JUVENTUS­PARMA (ore 12.30) ROMA­CAGLIARI TAIDELLI, SEU ALLE PAGINE 12­13 3 Wesley Sneijder, 27 anni, olandese IANUALE CATANIA­SIENA (ore 15) PALERMO­INTER (ore 20.45) SERIE A: PARTITI! A SAN SIRO I CAMPIONI RIMONTANO DA 0­2 A 2­2 , ... LA LAZIO INCANTA IN AVVIO: KLOSE­CISSE GOL MERAVIGLIA I rossoneri pareggiano con Ibra e Cassano, poi sprecano molto Entra Van Bommel e cambia ANTICIPO STASERA COL CESENA DI MUTU la partita. Nocerino: buona la prima. Mauri il migliore tra E’ già nuovo Napoli i laziali. Allegri contento a metà: «Mi è piaciuta la reazione Hamsik resta fuori dobbiamo migliorare in difesa» per Santana o Pandev Reja: «Arriveremo in alto». Mazzarri: «Milanesi di un altro pianeta, la griglia la fa il budget» di LUIGI GARLANDO MALFITANO, BURIOLI A PAGINA 10 I Campioni d’Italia cominciano con un passetti- no in casa loro: 2-2 con la Lazio, dopo essere stati sotto di due. La concorrenza può farsi coraggio RICORSO IL TNAS: SIAMO COMPETENTI con un paio di considerazioni: il Milan può sof- frire se affrontato con la qualità ed il coraggio mostrati dalla Lazio nella prima parte; la gestio- Festa Juve: la strana ne del turnover non è semplice e infatti il Milan in avvicinamento a Barcellona l’ha pagato. assenza di Nedved GRAZIANO, OLIVERO, PUGLIESE ALLE PAGINE 14­15 L’ARTICOLO ALLE PAG. 2­3 SERVIZI DA PAG. 2 A PAG. 9 SERIE B I VENETI PIEGANO IL BARI (1­0) w IL ROMPI PALLONE DI GENE GNOCCHI Il Padova vola in vetta Anche il Palermo vuole uno stadio di proprietà: sarà intitolato Oggi tocca al Brescia agli allenatori martiri di Zamparini. 3 Antonio Cassano, 29 anni. Per l attaccante barese una partenza sprint con un gol e un assist a San SiroBOZZANI PELUCCHI, LAFFRANCHI, BRUSA ALLE PAGINE 21­22 MONDIALI RUGBY DOMANI ALLE 5.30 F.1 IERI LE PROVE LIBERE A MONZA INIZIATIVE GAZZETTA PER LE «ROSSE» CICLISMO BATTE IL TRICOLORE VISCONTI Vai Italia provaci Hamilton e Vettel La bandiera Finalmente Basso! Esame con l’Australia subito i più veloci e il modellino Domina in montagna, All Blacks, esordio ok La Ferrari insegue della F430GTC è leader del Padania BUONGIOVANNI, PARRETTA ALLE PAGINE 32­33 ALLIEVI, CREMONESI, CRUCIANI DA PAG. 26 A PAG. 31 A € 3,99 e 5,99 più il prezzo del giornale GHISALBERTI, PERNA, SCOGNAMIGLIO PAGINE 38­3910 9 1 0> 9 771120 506000
  2. 2. LA GAZZETTA DELLO SPORT SABATO 10 SETTEMBRE 20112# SERIE A ANTICIPO 2a GIORNATA 4 MILAN LAZIO 33’ primo tempo Cassano firma il 2-2 L’inseguimento del Milan alla Lazio si I NUMERI 2 2 conclude in 13 minuti. Dallo 0-2 al 2-2 con Cassano che segna di testa in anticipo su corner FOTOPRESS 3˚ pareggio (4-3-1-2) Abbiati; Abate, Nesta, Thiago Silva, Anto- nini; Gattuso (Van Bommel dal 20 p.t.), Ambrosini, Aquilani (Nocerino dal 23 (4-2-3-1) Bizzarri; Konko, Biava, Dias, Zauri; Lede- sma, Brocchi; Mauri (Lulic dal 34 s.t.), Hernanes (Matuzalem dal 40consecutivo s.t.); Boateng (Pato dal 31 s.t.); Ibrahimo- s.t.), Cisse; Klose (Gonzalez dal 23 s.t.). in campionato vic, Cassano. PANCHINA Carrizo, Diakité, Kozak, Rocchi. fra Milan e PANCHINA Amelia, Bonera, Yepes, Ema- ALLENATORE Reja. Lazio nelle nuelson. ultime tre ESPULSI nessuno. ALLENATORE Allegri. stagioni. Il 28 ESPULSI nessuno. AMMONITI Dias per gioco scorretto. marzo 2010 finì AMMONITI Van Bommel per gioco scor- 1-1; l’1 febbraio retto, Cassano per proteste.2011 fu uno 0-0; ieri sera 2-2. GIUDIZIO 777 Primo tempo 2-2 MARCATORI Klose (L) al 12, Cisse (L) al 21, Ibrahimovic (M) al 29, Cassano (M) al 33 p.t. 14 su 85 i gol ARBITRO Rocchi di Firenze. NOTE Spettatori 18.839, incasso 565.423,00; abbonati 29.704, quota abbonati 720.795,11. In fuorigioco 4-1. Angoli 4-1. Recuperi: 1 p.t.; 5 s.t. POSSESSO PALLA PASSAGGI realizzati di testa in Serie A da Antonio MILAN 60% LAZIO 40% MILAN 508 LAZIO 330 Cassano in 280 TIRI IN PORTA TIRI FUORIpartite. 16,5% la percentuale IIIIIII III IIIIIII III di segnature MILAN 7 LAZIO 3 MILAN 7 LAZIO 3 di testa, non MOMENTI CHIAVE male per un PRIMO TEMPO SECONDO TEMPO attaccante alto c GOL! 12 Gran palla di Mauri per Klose 2 Diagonale di Cassano di poco a lato. 175 cm. che salta Nesta e mette in rete. 18 Cassano centra il palo. c GOL! 21 Cisse brucia Nesta e incorna 19 Boateng impegna Bizzarri. alle spalle di Abbiati. 21 Cisse salta Abbiati, salva Nesta. 6 i gol realizzati c GOL! 29 Aquilani a Cassano che crossa basso: irrompe Ibra. c GOL! 33 Cassano di testa su corner. 40 Ibra fugge e calcia in diagonale: Bizzarri si salva. 46 Ibra per Pato che calcia alto. da Cassano e da Ibrahimovic contro la Lazio. S La capriola di Djibril Cisse, 30 anni, dopo il raddoppio della Lazio RICHIARDI SalvAntonio Klose+Cisse, poi ci pensa Cassano La Lazio spaventa il Milan con 2 gol, risponde il barese con un assist a Ibra e il 2-2 di testa Guardiola. Ma la concorrenza che aveva promesso di ricercare è esattamente Crouch. LUIGI GARLANDO MILANO deve anche prendere atto che Rossoneri traditi più la gloria che il risultato, do- quando il Milan si arrabbia, co- dall’atteggiamento po aver trovato i gol appena ac- Real Casa Non paga l’idea di Al- me a Pechino, cambia la partita quistati al mercato (Klose, Cis- legri: la forza per la Serie A, la I Campioni d’Italia comin- in cinque minuti, perché ha cam- molle in avvio di se), ha trasmesso in realtà mes- classe per il Camp Nou. La scelta ciano con un passettino in casa pioni che sanno imporre accele- gara: Van Bommel saggi di prudenza che la squadra del turnover, va detto, era neces- loro: 2-2 con la Lazio, dopo esse- razioni impressionanti. Decisivo dà la scossa ha raccolto. Quattro gol nel pri- saria. A questo punto della sta- re stati sotto di due gol. La con- ancora una volta Cassano: gol e mo tempo. Uno dice: spettacolo gione, non è igienico affrontare correnza può farsi coraggio con assistenze. ed emozioni. Ciumbia! Anche co- in pochi giorni Lazio e Barcello- un paio di considerazioni: il Mi- Ai biancocelesti me noi come inglesi e spagnoli. na con gli stessi uomini ma, sen- lan può soffrire se affrontato con Lazio a metà Questa è la grande manca un leader Alt, calma ragazzi. I quattro gol za Seedorf e Van Bommel, la me- la qualità e il coraggio mostrati differenza con la Lazio. Il Milan sono venuti da peccati gravi del- diana muscolare del Milan va in dalla Lazio nella prima parte; la è una squadra di capitani (Van che sappia le due migliori difese del campio- difficoltà davanti alla qualità del gestione del turnover non è sem- Bommel, Ambrosini, Nesta...). gestire i cali nato scorso, irriconoscibili. Irri- centrocampo di Reja. Un giorno plice e infatti il Milan in avvicina- Se il destino si guasta, lo afferra- di tensione conoscibile Nesta, prima uccella- Galliani teorizzò: «Mai più di mento a Barcellona l’ha pagato, no e lo raddrizzano. Questa bel- to da Klose, poi bruciato in cielo due incontristi. Sono le regole rinunciando alla classe di See- la Lazio ha ottimi palleggiatori, da Cisse. Gli ha fatto eco Zauri, della Real Casa». Stasera Gattu- dorf e, in parte, Van Bommel, ma pochi leader di personalità, che ha cannato una chiusura sul so affianca Ambrosini e, con che dovranno guardare negli oc- capaci di amministrare la fortu- gol di Ibra e poi ha lasciato se- Aquilani chiuso nella morsa chi gli splendidi palleggiatori di na e impedire la sfortuna. Reja, gnare di testa Cassano, che non Mauri-Ledesma, il Milan fatica
  3. 3. SABATO 10 SETTEMBRE 2011 LA GAZZETTA DELLO SPORT 3 # LA MOVIOLA Klose di petto: Primo tempo Galliani lo esalta a tutto gol regolare il primo gol della nuova A «Non so cosa Meglio chiarire subito il dubbio, è il gol di Klose (12’ p.t.), prima rete della A 2011 12: dopo il primo controllo il pallone scivola possa fare di più» sul petto, non sul braccio come il movimento del tedesco suggeri rebbe. Bravo l’arbitro Rocchi e bravo l’assistente Romagnoli sul Col Barça chi c’è? gol di Ibrahimovic (29’ p.t.): sul fil trante di Aquilani, Biava lascia in Con Ibrahimovic l’intesa è perfetta. FantAntonio dietro il piede e tiene così in gioco ormai si è messo al pari degli altri. Ma Allegri sia Cassano sia Ibra, che riceve l’assist di FantAntonio. Van Bom avverte: «Adesso ritorna pure Robinho...» mel è il primo ammonito del 2011 12 (fallo netto su Hernanes MARCO PASOTTO gestione rossonera. Il tabellino S a centrocampo), seguito da Dias: MILANO personale di Antonio ieri sera Antonio fallo in ritardo su Boateng, Roc ha parlato molto chiaramente: Cassano, 29 chi fa correre e poi a gioco fermo un gol - e piazzare di testa quel anni, festeggia ammonisce il laziale. In generale 12’ primo tempo Si vogliono, si cercano, pallone non era per nulla sem- «alla Totti», con però è benevola la gestione dei Klose sblocca si piacciono. Se dipendesse sol- plice -, un assist recapitato di- il pollice in gialli dell’arbitro, che sbaglian Sulla palla dentro di Mauri, Klose controlla, riesce ad tanto da loro probabilmente rettamente sul piattone di bocca: una do risparmia il cartellino a Boa aggirare Nesta e di sinistro fulmina Abbiati anticipando il Zlatan Ibrahimovic e Antonio Ibrahimovic, un palo, un gol dedica al figlio teng (carica su Konko), Cassano ritorno di Thiago Silva: Lazio in vantaggio IMAGE SPORT Cassano si manderebbero sem- sfiorato con un tiro dei suoi dal- Christopher, (piede a martello su Dias) e Broc pre in campo assieme. Se lo so- la sinistra uscito per questione nato il 14 aprile chi (mani volontario da terra). An no detti, tutte le volte che ne di millimetri. Serve altro? scorso tonio comunque ammonito a par avevano l’occasione, già l’an- PEGASO tita conclusa per proteste: stava no scorso. Innamorati, e alla Nessuna Discussione Evidente- per battere l’ultimo angolo, ma luce del sole, di fronte agli al- mente no, come ha riconosciu- Rocchi fischia la fine allo scadere tri compagni di reparto. Un’in- to a fine gara anche Adriano esatto dei 5’ di recupero. tesa naturale chiara fin da su- Galliani: «Non so che cosa pos- a.fr. bito, anche quando Cassano sa fare di più - ha detto l’ammi- lottava col fiato corto e la gam- ba molle. Adesso che Antonioalla sorgente del gioco. La palla Gattuso ha imposto l’ingresso di si sta portando in pari, i risulta- Ibra: «Stavamonon sale e gli esterni neppure. Van Bommel (20’) e, con un ar- ti sono ancora più evidenti. dormendo. CiSe Aquilani non si fosse ingoiato chitetto in campo, il gioco sgor-una magia di Ibra (8’), il Diavolo ga molto meglio. Più rabbia, più Distanza sottile Quello che spic- siamo svegliati.avrebbe potuto vivere di ripar- geometrie, il Milan si gonfia, la ca è che insieme non avevano Sono contento ditenze. Invece soffre e va sotto Lazio dalla personalità di burro mai segnato. Ma quello che non aver perso»due volte. si sgonfia ed ecco che la partita conforta davvero sono le condi- svolta di brutto. Lo spostamento zioni del barese. Nell’ultimoCercasi leader La Lazio sfrutta di Hernanes sulla fascia, con re- mese di lavoro Cassano ha gua- nistratore delegato rossone-bene la supremazia e il palleggio lativo 4-4-2, per cercare di tappa- dagnato terreno nelle gerar- ro -. Si parla sempre tanto, 21’ primo tempodi qualità dei suo cinque centro- re le falle che i rossoneri ora im- chie di Allegri. L’inerzia di una troppo, di questo ragazzo. Cisse raddoppia di potenzacampisti, soprattutto a destra, bucano di corsa, equivale alla di- situazione che pareva destina- Da parte nostra, invece, su Su un altro assist di Mauri, Cisse dà un perfetto esempio didove, oltre a ingabbiare Aquila- chiarazione dello stato di crisi. ta al divorzio dal Milan è cam- di lui non ci sono mai sta- cosa significhi essere un centravanti: stacco in anticipo suni, Ledesma e Mauri raddoppia- biata dopo la bella prova con- te discussioni. Ha fatto Nesta, Abbiati immobile, pallone all’incrocio e 2-0 Lazio ANSAmo e fanno venire spesso il mal Pato no Infatti nella ripresa fa tro la Spagna. Prima di quella bene l’anno scorso, è sta-di testa ad Antonini. Da queste quasi tutto il Milan, acceso spes- partita Antonio era la quarta to determinante per lazolle nascono i lanci di Mauri so da Cassano che sfiora il gol scelta di Allegri, distante anni conquista dello scudet-che catapultano in gol Klose (2’), timbra un palo (18’) e spa- luce da Ibra, Pato e Robinho. to, e sta facendo bene an-(12’) e Cisse (21’). Nesta rivive lanca la strada a Boateng (19’). Adesso non più. Ieri sera quel- che quest’anno». Aggiun-incubi antichi, da derby con Alla Lazio capita una sola occa- la distanza lungo i minuti è di- ge Allegri: «Antonio ha ca-Montella. Ma anche la Lazio vive sione, ma enorme: Cisse fugge ventata sempre più sottile. pito di essere un giocatoreil suo. Ricordate Inter-Lazio del oltre Abbiati, addirittura, ma ha Adesso è questione di perfezio- importante per questatorneo scorso? La banda Reja in la sfiga di imbattersi in un rigur- nare la rincorsa, e non di co- squadra, e che si devevantaggio con gli avversari in gito di vero Nesta, che recupera minciare a correre. Una grossa mettere sempre in di-dieci, poi blackout e sorpasso. Ci da campione del mondo. I cambi differenza. scussione. Se potrem-risiamo. Nessuno nei tanti pal- di Reja, a cominciare da quello mo vederlo anche inleggiatori che si trasformi in lea- di Klose, sono tutti tesi a proteg- Lungimirante Quando un paio Champions? Perchéder, che abbassi il ritmo, che con- gere; Allegri invece ci prova an- di mesi fa Allegri assicurava no... Comunque a Barcel-geli la palla, che prenda in mano che con Pato, che spreca nel recu- che Cassano avrebbe potuto lona riavremo anche Ro-la gestione del vantaggio e guidi pero l’ultima occasione. Al Mi- mettersi alla pari degli altri at- binho». Se Cassano hala squadra. Così il Milan ne ap- lan forse manca qualcosa, ma il taccanti, sembrava parlasse di messo di buon umore tut-profitta, anche perché intanto punto in fondo se lo è meritato fantacalcio. Frasi buone per ti, Ibrahimovic non è pro-ha cambiato un paio di marce. con la qualità e il coraggio di ini- non svalutare il tesoretto del priamente al settimo cie- zio partita: un atteggiamento da cartellino. E invece era un’even- lo: «Siamo partiti lenti,Cassano c’è Prima marcia: molti coltivare con più convinzione. tualità che il tecnico rossonero stavamo dormen- 29’ primo tempoentrati in partita con l’anima Un consiglio al Diavolo: meglio riteneva evidentemente possi- do, poi ci siamo Ibrahimovic riapre la partitamolle, ora digrignano i denti. presentarsi belli svegli al Camp bile. Ci ha visto giusto, e se la svegliati. Sono Aquilani scavalca la difesa della Lazio con un pallonettoCresce Boateng, sale in cattedra Nou fin dal primo secondo. Rega- rincorsa si concretizzerà davve- contento che chiudendo il triangolo con Cassano, assist al centroCassano, che assiste il gol di Ibra lare 20’ anche al Barça farebbe ro, per Allegri sarà un altra non si sia per- dove Ibra è tutto solo per l’1-2 a porta vuota ANDREOLI(29’) e firma il pareggio (33’). molto male. scommessa vinta, l’ennesima, so».Seconda marcia: l’infortunio di © RIPRODUZIONE RISERVATA dei suoi primi quindici mesi di © RIPRODUZIONE RISERVATA
  4. 4. LA GAZZETTA DELLO SPORT SABATO 10 SETTEMBRE 20114
  5. 5. SABATO 10 SETTEMBRE 2011 LA GAZZETTA DELLO SPORT 5 SERIE A ANTICIPO 2a GIORNATA le Pagelle di ALESSANDRA BOCCI MILAN NESTA IN AFFANNO, THIAGO SILVA E VAN BOMMEL INDISPENSABILI6,5 omossa tattica LaDaccordo: un pari in rimonta Quando Gattuso è costretto a uscire, entra Van Bommel e si 6,5 L’allenatore Allegri Lascia a riposo alcuni titolari nella speranza di non uscire, h 7 il migliore Cassano Criticato, discusso, sopra le righe, forse per questo sidimostra che la squadra cè. piazza in mezzo, mentre martedì, col morale squarciato intende bene con Ibrahimovic. EPerò per mezzora la difesa Ambrosini scala a destra al dal Camp Nou. Ma rischia, e la alla fine, nonostante qualchegira a vuoto e le idee latitano posto dell’infortunato e Lazio trova il modo di metterlo errore di troppo, timbra ilper un lungo periodo. sfortunato Gattuso in agitazione. match a modo suo6 6,5 5 6,5 6 5,5 6 6 6 6 6,5 6Abbiati Abate Nesta Thiago Silva Antonini Gattuso Ambrosini Aquilani Boateng Ibrahimovic Van Bommel NocerinoSi è ripreso a Corre tanto e Per uno della Il vero duro In difesa Si sa, i Un altro diesel Dà qualità, Gioca un po Lintesa con Questo Milan Fa staffettatempo di sempre meglio, sua classe ogni della difesa, ondeggia giocatori non targato Milan. come ci si dove gli pare, Cassano è non può fare a con l’altro neorecord da una e mette in sbaglio è lunico che non spesso, più giovani Comincia aspetta da lui, ma lanarchia è perfetta, il meno di lui, dei acquisto mezzo un paio macroscopico. balla mai. soprattutto fanno fatica malissimo, ed entra subito giustificata feeling con il suoi falli Aquilani e dàbotta al collo di buoni cross. Si fa gabbare Anche quando sullenergico allinizio della come tutta la in partita, dalla gol nellassalto ragionati e della quello che ci siin allenamento Ogni tanto però da Klose sul Nesta gira a Mauri del primo stagione. Ma squadra, poi almeno per straripante finale un po sua calma aspetta da lui:e i suoi preso dalla primo gol, si vuoto cerca di tempo. Ma per lui la serata piano piano si quanto energia, che si meno. Però olimpica in molta energia.compagni della frenesia va scontra con chiudere la sfrutta sempre comincia male scioglie e cerca riguarda la fase riflette sui nella prima mezzo al Dimostra didifesa gli oltre la linea di Gattuso e diga, ma non la sua velocità, e finisce di rendersi utile offensiva. In compagni in mezzora si campo. Entra al poter esserefanno girare la fondo. Si dice sembra sempre è spinge molto e peggio, anche con fase difensiva difficoltà vede solo lui posto di utile in untesta. Due gol che il Camp Nou frastornato. possibile. cerca fino alla allospedale, qualche pare quello che (Pato 5,5 con i suoi Gattuso e centrocampo sia più lungo, Poi si riscatta Difficile trovare fine di produrre dopo uno proiezione in è: uno che non Quasi 20 minuti piedoni delicati. mette il che Allegrisubiti in pochi magari per lui è con una errori nelle sue il cross buono scontro con attacco. ha ancora e la palla del mastice dove vuole sempreminuti e la un vantaggio. chiusura che partite. per il Nesta. messo giù i 3 2 sprecata). serve. moltosensazione di salva il pari. vantaggio. bagagli. aggressivo.naufragio, poiun po dicalma. LAZIO MAURI INVENTA ASSIST, HERNANES NON PRODUCE, ZAURI È FUORI POSTO6 omossa tattica LaTrova due gol con la cortese Reja era partito con un 4 2 3 1 con un tridente con Mauri 6 L’allenatore Reja Un punto a San Siro contro i campioni d’Italia non è male, ma h 6,5 Mauri il migliore Produce due cross che valgono altrettanti gol. Antonini impiegacollaborazione dei difensori Hernanes e Cissè dietro Klose. la squadra si fa rimontare e lui parecchio a capire che bisognadel Milan, ma si fa Dopo il 2 2 il 4 4 2 con Mauri a si impaurisce: nel secondo mordere e non lasciargliacchiappare e piano piano destra ed Hernanes a sinistra tempo cambia modulo e la Lazio nemmeno un metro. Nellasi ritira nel suo guscio sulla linea di Brocchi e Ledesma non osa più niente. ripresa cala. (Lulic s.v.)6 5,5 5,5 6 5 5,5 6 5,5 6,5 6 5,5 s.v.Bizzarri Konko Biava Dias Zauri Ledesma Brocchi Hernanes Cisse Klose Gonzalez LulicC’era timore Va a tratti. Un Tiene tutti in Gli attaccanti Fuori posto. Prima bravo a Un ex amato da Evanescente, Crea l’illusione Un Entra al posto Al posto diperché non po’ convince, gioco sul gol di del Milan D’altra parte, gli ingabbiare il tutti, ma che come si suol raddoppiando professionista di Klose per Mauri chegiocava in un po’ no, un Ibrahimovic, ed devono capitano a tiro gioco dei non fa sconti a dire. Gioca di testa da del gol. Segna puntellare il aveva datocampionato da po’ entra è una faticare assai a turno i due milanisti, nessuno. E se poco, produce centravanti una rete dopo centrocampo tutto, ma entradue anni e deciso e un po’ leggerezza per segnare. attaccanti più cercando c’è da mordere poco, si vede vero, e la Lazio un controllo che non corre nella fase dimezzo. ma nel va a vuoto. Nei imperdonabile. Ruvido ma di pazzi del anche subito il le caviglie poco. Però sembra dolcissimo e più, ma il suo timidezza dellapareggio del minuti finali Ma nel finale, peso, a campionato, e tiro dalla all’amico poco dopo il navigare verso con un tocco contributo è Lazio.Milan non c’è lascia troppo quando il Milan differenza dei un trequartista distanza, poi Gattuso non si 2 2 ha il risultato a che resta fumoso.certo la sua spazio a viaggia in spazi compagni che fa girar la sopraffatto da tira indietro. l’occasione per sorpresa. sospetto finchécollaborazione. Antonini, che è larghi, tappa difensori non si testa a tutti per una tensione Davanti alla riportare avanti Quando Nesta non arrivaUn paio di libero di più di un buco. fa notare molto quanto si che sale difesa, fa il suo la sua squadra si riscuote l’inquadraturaparate spingere. e questo per un sposta. In mentre gli mestiere con e la butta via. dall’incubo giusta, cheimportanti difensore molto ritardo nella scudettati ordine. (Matuzalem combina meno, scagiona lanell’assalto spesso è un marcatura di cercano di s.v.) e nel finale non mano.disperato dei pregio. Cassano, che prendersi i tre riesce arossoneri. mette dentro il punti. ripetersi. 2 2. TERNA ARBITRALE: ROCCHI 6 Vede bene sugli episodi chiave, risparmia sulle ammonizioni. Fischiatissimo per non aver fatto finire l’azione del corner finale. Niccolai 6 - Romagnoli 6
  6. 6. LA GAZZETTA DELLO SPORT SABATO 10 SETTEMBRE 20116# compagno, con il quale ha da Aquilani. ll mediano del Milan SERIE A In tribuna La Quattrociocche poco dato alla luce la primogenita Aurora. Nella tribuna d’onore Il commento del mediano Aquilani, bene così commenta il suo debutto con la maglia rossonera nell’anticipo ANTICIPO debutta a San Siro c’erano anche la consigliera del Milan Barbara Berlusconi, alla «E’ un buon punto» contro la Lazio. «Ora andiamo avanti continua l’ex giocatore 2a GIORNATA L’attrice Michela Quattrociocche, 22 anni, in sua prima stagionale, Filippo Inzaghi con la fidanzata showgirl «È stata una partita intensa, volevamo vincere ma abbiamo della Juventus siamo il Milan e dobbiamo vincere. È andata tribuna a San Siro per seguire il Alessia Ventura e Robinho, preso un buon punto». Questa bene, ma abbiamo ancora tanto debutto di Alberto Aquilani, suo indisponibile. l’impressione a caldo di Alberto da lavorare».Gol e capriole, i gemelli diversi di RejaKlose e Cisse zittiscono San Siro. Il tecnico: «Mezzora straordinaria. La Lazio arriverà in alto» CISSE-SHOW ACROBAZIE E ABBRACCIO CON KLOSE DOPO IL GOLSTEFANO CIERIMILANO Erano i protagonisti più « Abbiamo giocato a viso aperto, imponendoattesi in casa laziale, i nuovi ido- al Milanli, anche se un po’ stagionati, de- il nostro ritmostinati a sostituire Zarate nel EDY REJAcuore dei tifosi. E quei due, Klo- ALLENATORE LAZIOse e Cisse, non hanno tradito leattese. Reja aveva chiesto lorodi dare alla Lazio ciò che le eramancato nella scorsa stagione:gol, personalità, carattere. E la « La serie A è come l’aspettavo: difficile,coppia franco-tedesca ha rac-colto l’invito. Con il loro stimolante, bellauno-due la squadra di Reja ha da vivereaccarezzato nella prima mezzo- DJIBRIL CISSEra di gioco il sogno di sbancare ATTACCANTE LAZIOil San Siro milanista dopo 22 an-ni. Di più, ha dato l’impressionedi essere una squadra in gradodi giocare alla pari, e forse an- Djibril Cisse, 30 anni, festeggia il gol facendo acrobazie. Poi vieneche meglio, della formazione abbracciato dal compagno Klose RICHIARDI-IPP-PIERANUNZIcampione d’Italia. Insomma, iltandem da quasi 500 gol com- soddisfatto della prova fornita ni». La prima Lazio lo ha convin- Reja soddisfatto E oltre al picco- biamo fatta. Klose e Cisse? So- tutto a loro siamo migliorati pa-plessivi (con i due di ieri sono e del gol segnato, anche se pre- to abbastanza, Cisse è sicuro lo Cassius, contento è pure Edy no due giocatori forti ed esperti recchio rispetto all’ultimo cam-saliti a 476; 248 Klose, 228 Cis- ferisco fare reti che valgono i 3 che la sua nuova squadra possa Reja. «Abbiamo giocato una Con loro possiamo andare lon- pionato. Peccato non aver con-se) ha confermato di poter far punti. Come inizio, però, non recitare un ruolo importante: mezzora, la prima, davvero tano”. servato il doppio vantaggio chevolare la Lazio e farle fare quel c’è male. La Serie A è proprio «E’ il nostro obiettivo. Col Mi- straordinaria, la squadra si è loro avevano creato. Avremmosalto di qualità per cui sono sta- come me l’aspettavo: difficile, lan abbiamo dimostrato di po- comportata esattamente come Mauri applaude Un concetto, dovuto controllare meglio lati presi da Lotito. stimolante, bella da vivere». tercela fare, ma prima di dare le avevo chiesto, giocando a vi- quest’ ultimo, che condivide il partita, cercare di colpire anco- Con Klose ha già trovato un’in- certi giudizi aspettiamo anco- so aperto, imponendo al Milan capitano Stefano Mauri, autore ra il Milan in contropiede, inve-Cisse, l’anti-Milan Dopo aver già tesa naturale. «Chiaro che dob- ra». In tribuna c’era la moglie il proprio ritmo. Poi la benzina di entrambi gli assist che hanno ce abbiamo subito il ritorno deipunito i rossoneri nella tragica biamo conoscerci meglio, pos- Jude che ha esultato per la pro- è finita ed è venuto fuori il Mi- mandato in gol il tedesco prima rossoneri. Alla fine comunqueserata di Istanbul (allora gioca- siamo quindi integrarci ulterior- dezza del marito: «Il mio amo- lan. Nel s.t. abbiamo un po’ sof- e il francese dopo: «Sono due va bene così. Il 2-2 è il risultatova col Liverpool e segnò uno mente. Però ci capiamo già ab- re è ancora cattivo sottoporta. ferto. Certo, un po’ di rammari- grandi giocatori. Hanno sem- giusto. Ce la siamo giocata a vi-dei rigori decisivi) Cisse si è ri- bastanza bene. Credo che potre- Cassius è molto felice: il papà co resta. L’importante era parti- pre segnato e continueranno a so aperto. Come inizio non c’èpetuto a San Siro. «Sono molto mo toglierci belle soddisfazio- ha segnato per lui». re con il piede giusto e ce l’ab- farlo anche qui. Grazie soprat- male per noi”.
  7. 7. SABATO 10 SETTEMBRE 2011 LA GAZZETTA DELLO SPORT 7 www.diadora.com
  8. 8. LA GAZZETTA DELLO SPORT SABATO 10 SETTEMBRE 20118 SERIE A La curva Sud rossonera ANTICIPO Omaggio omaggia le imprese di Filippo Inzaghi attraverso uno striscione: «Non c’è lista che tenga, per la Sud 2a GIORNATA a Pippo sei leggenda». Chiaro il riferimento alla scelta di Allegri di escludere dalla lista Champions il miglior marcatore italiano in Europa BOZZANI laFotonotizia A L’AVVERSARIO DEI ROSSONERI LA SOSTITUZIONE COSÌ IN CHAMPIONS E oggi il Barça Gattuso si scontra con Nesta fa le prove e finisce all’ospedale per un problema agli occhi a San Sebastian MILANO (f.d.v.) L’unica centrocampista aveva S Guardiola recupera Puyol, consolazione è che tanto non lamentato già nei giorni Martedì 13 sarebbe stato disponibile in Champions, perché deve scorsi. Gattuso è stato portato subito al ore 20.45 GRUPPO H Afellay, Maxwell e Adriano. E scontare quattro giornate di Fatebenefratelli per si parla del suo contratto squalifica per gli insulti a Joe accertamenti, dove la tac è Barcellona Jordan. Ieri Gennaro Gattuso risultata negativa. MILAN si è aggiunto alla lista degli Già nel riscaldamento il FILIPPO MARIA RICCI BARCELLONA indisponibili di Allegri. Rino è centrocampista rossonero Viktoria Plzen uscito al 20’ del primo tempo era stato avvicinato da un Bate Borisov dopo uno scontro con Nesta. massaggiatore, che gli aveva Il ritorno del capitano, la serenità di Guar- Si pensava a un guaio fisico, somministrato del collirio. diola (foto), linsidia basca. In attesa del Milan, invece si tratta di problemi di Galliani ha ammesso: «Rino martedì al Camp Nou, il Barcellona oggi gioca a vista. Un fastidio che il ci vedeva doppio». PIERANUNZI San Sebastian. Squadra allenata da un ex portie- re francese apprezzato, coraggioso ma non ecces- sivamente noto, Philippe Montanier, e allietata reva bene, noi abbiamo recupe- S dalla classe di un altro francese, Antoine Griez-Allegri rato poco la palla e abbiamo Mercoledì 14 mann, un ventenne cresciuto nella «cantera» del- preso troppi contropiede, poi ore 20.45 la Real Sociedad. Paesi Baschi e Catalogna si divi- per 65-70 minuti abbiamo at- GRUPPO A dono equamente i 6 ristoranti con 3 stelle Miche- taccato solo noi, sbagliando di- lin di Spagna e condividono idee di autonomia verse occasioni da gol». Adria- Man. City che la Spagna fatica a digerire. no Galliani condivide l’Allegri NAPOLI pensiero: «Lazio tutta avanti? Premiato Giovedì Pep Guardiola nella Giornata«Milan reattivo, Veramente nel secondo tempo non sono venuti mai su. Per co- me si erano messe le cose il 2-2 può anche andar bene, però per quello che abbiamo creato Villarreal Bayern Nazionale della Catalogna ha ricevuto la Meda- glia dOro della Generalitat, massima onorificen- za locale: non solo o non tanto per i meriti sporti- vi quanto per i valori che lallenatore del Barcello- na trasmette e difende. Una serata di grandissi-ma la difesa...» meritavamo di vincere». ma emozione vissuta con tutta la famiglia, ieri il ritorno al lavoro con alcune belle notizie: lascia- Van Bommel e i nuovi Se dalla no linfermeria in un colpo solo Puyol, Afellay, mezzora in poi si è visto un al- S Maxwell e Adriano. Benedetta pausa, verrebbe tro Milan il merito è stato so- Mercoledì 14 da dire. Pep non è daccordo: «Occhio, perché lan-Il tecnico guarda già alla sfida con il Barça: prattutto di Van Bommel, che è entrato e ha cambiato la parti- ore 20.45 GRUPPO B no passato di questi tempi dopo il 3-0 a Santan- der e la pausa internazionale abbiamo perso in ta. «Aveva fatto 18 minuti in na-«Ci serve solidità. Aquilani e Nocerino utili» zionale, per questo volevo farlo riposare — spiega Allegri —. Pe- INTER casa con lHercules» poi retrocesso, aggiungiamo noi. Resta fermo solo Piqué: «Dobbiamo trattare Trabzonspor molto bene il nostro Pau Gasol», ha detto ieri passeggiata, ma forse non rò sono contento anche della Pep. Che poi si è speso in elogi alla RealFABIANA DELLA VALLE prestazione dei nuovi: Aquilani s’aspettava che Klose e Cisse po- Lilla Sociedad, allesordio capace di vincereMILANO e Nocerino hanno fatto bene, ci tessero mandare in bambola saranno utili». Cska Mosca a Gijon. uno come Nesta. Il tecnico però È andata meglio di quat- non cerca colpevoli ma soluzio- Verso Barcellona Da stamattina Accarezzato Si comincia già a parlaretro anni fa, quando all’esordio ni, sottolinea gli errori ma si si pensa solo al Barcellona. E ai del futuro di Guardiola (con-assoluto in Serie A si beccò quat- prende anche quanto di buono giocatori da recuperare per il tratto in scadenza a giugno):tro gol, però non si può dire che ha visto nella seconda parte del- Camp Nou: la spalla di Boateng lidea di perdere un allenato-la Lazio gli porti fortuna. Bilan- la gara. «È vero, bisogna miglio- non preoccupa, ci saranno See- re così non fa dormire la Catalo-cio in parità con il Cagliari (due rare la fase difensiva, abbiamo dorf e Zambrotta, tenuti fuori gna blaugrana e il presidente Ro-vittorie e due sconfitte), ma da sempre subìto gol in questo per precauzione, quasi certa- sell continua ad accarezzare ilquando è sulla panchina del Mi- pre-campionato e ora dobbia- mente pure Robinho, che sta an- suo prezioso tecnico: «Spero di nonlan Massimiliano Allegri non mo ritrovare solidità. Però io so- cora smaltendo l’edema osseo dover mai cercare un nuovo tecni-riesce a schiodarsi dal pareggio no contento di quello che han- alla zona inguinale. Allegri spe- co». «Ringrazio il presidente per lacontro i biancocelesti. Era suc- no fatto i ragazzi, soprattutto ra di averlo, anche perché ha so- stima, ma è importante che il clubcesso due volte un anno fa ed è mi è piaciuta la reazione dopo lo quattro attaccanti in lista. non dipenda da nessuno in partico-successo ieri sera nel debutto il doppio svantaggio. Era la pri- «Non m’interessa cosa pensi lare. Se avessimo la sensazione dianomalo del 2011-12. Allegri ma partita, sapevamo che si cor- Guardiola di noi dopo questa dipendere dallallenatore non sa-aveva chiesto una vittoria per reva il rischio di pagare lo scot- partita, io sono contento», chio- remmo una società forte. Io qui stoiniettarsi autoconvinzione in to e così è stato. Non giocava- sa il tecnico. E Galliani aggiun- benissimo, però gli allenatori cam-proiezione Champions, però mo da tanto, non potevamo fa- ge: «Abbiamo dato la sensazio- biano e sarà sempre così. E co-per come si era messa alla fine re di più». Allegri si tiene il pa- ne di essere forti. Il Barcellona munque quando non ci sarò piùva bene pure il pareggio. reggio ma sottolinea che alla fi- è la squadra più forte al mondo, io verrà un altro e la squadra ne «potevamo anche vincere. ma la più titolata continuiamo non smetterà di essere forte»,Bicchiere mezzo pieno Allegri sa- Nella prima mezzora abbiamo a essere noi». ha commentato il tecnico.peva che non sarebbe stata una fatto fatica, perché la Lazio cor- Massimiliano Allegri, 44 anni PEGASO © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATAIL PREMIO LIEDHOLM ASSEGNATO ALL’EX TECNICO DI MILAN E CHELSEA CHE HA LAVORATO COL BARONE PER OTTO ANNI rando tanto. Sentirmi parago- nato a lui per il modo di ironiz-Ancelotti: «I rossoneri ancora favoriti» zare sul calcio mi rende orgo- glioso. Ma uno come Nils ci manca». In un’ipotetica griglia di partenza del campionato,«Campioni uscenti ce tutto: «Per lo stile e la signo- contrario. Le voci su di me al- Ancelotti mette in pole il Mi- rilità con cui ha sempre saputo l’Arsenal? Come vedete, sono lan («una buona campagna ac-e buon mercato affrontare vittorie e sconfitte, ancora qui. La Roma? Idem, quisti, mirata e ha vinto il tito- allontanando con sorriso ele- nessun contatto». Ancelotti lo»), fa un plauso alla JuveApplausi alla Juve» gante ogni polemica». non è in crisi di astinenza da («lo stadio di proprietà è una panchina («un periodo simile componente importante di un Voglia di calcio Un premio non serve anche da aggiornamen- club, e poi il nostro calcio haDAL NOSTRO INVIATOFILIPPO GRIMALDI alle vittorie, in campo e in pan- to professionale»), e nel frat- bisogno dei bianconeri ai verti-CUCCARO MONF. (Alessandria) china, ma a uno stile che pure tempo inizierà l’avventura di ci»), ma non crede a un Totti Ancelotti ha sempre portato commentatore per la Cham- triste: «Non penso che abbia A chi, se non a lui, Carlo avanti, in attesa di tornare ad pions su Sky. perso il sorriso per essere rima-Ancelotti, poteva essere asse- allenare dopo l’addio anticipa- sto fuori una partita... É dispia-gnata la prima edizione del to al Chelsea: «Ora sto bene co- Grazie Nils I giurati (fra i quali ciuto, ma rimane un simbolopremio «Nils Liedholm», in sì, ma mi piacerebbe continua- figura anche Alberto Cerruti della Roma e questo può basta-onore del Barone, consegnato re il mio lavoro in Inghilterra, della «Gazzetta») non hanno re». Ciao, Nils: «Non l’ho maiieri sera a Villa Boemia, la casa dove hanno una marcia in più. avuto dubbi sul nome del pre- visto arrabbiato né alzare la vo-di famiglia del tecnico svedese Da italiano mi dà fastidio dir- miato, che ringrazia così: «Lie- ce eppure è riuscito comun-scomparso quasi quattro anni lo, ma è la verità». Poi scherza: dholm mi ha fatto esordire in que a mettere qualche giocato-fa, davanti al figlio di Nils, Car- «Io dg in un club con Mou- A, ho avuto la fortuna di lavo- re al muro».lo, con una motivazione che di- rinho allenatore? Semmai il Carlo Ancelotti, 52 anni, riceve il premio da Carlo Liedholm rare con lui per otto anni impa- © RIPRODUZIONE RISERVATA

×