Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Condivisione di risorse e buone pratiche nel mondo della scuola

1,460 views

Published on

Presentation at LogIn-LogOut Congress
May 14th 2009
Liceo Leonardo da Vinci - Treviso (Italy)

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Condivisione di risorse e buone pratiche nel mondo della scuola

  1. 1. Serena Alvino Istituto per le Tecnologie Didattiche del CNR di Genova Condivisione di risorse e buone pratiche nel mondo della scuola CONVEGNO LogIn-LogOut 14 Maggio 2009 Liceo Leonardo da Vinci- Treviso
  2. 2. Learning Object: una tecnologia per pochi o uno strumento per molti? Risorse reperibili Auto- Docente come sul web e Autoconsistente apprendimento “facilitatore” condivise da Interoperabile docenti Reperibile Learning Risorse didattiche riusabili per Objects l’apprendimento (LO) attivo e collaborativo Conoscenza Apprendimento Non parcellizzata e Aderenza attivo, situato e strettamente decontestualizzata a standard tecnici collaborativo aderenti agli standard 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR 2
  3. 3. Una nuova ed ampia accezione di LO come strumento in più per il docente Risorse educative a supporto di Risorse educative un apprendimento attivo e aderenti agli standard. collaborativo. Maggiore astrazione dal Non strettamente aderenti agli contesto, maggiore riusabilità standard, situate nel contesto, minore riusabilità 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR 3
  4. 4. Una nuova ed ampia accezione di LO come strumento in più per il docente ESTENSIONE DEL CONCETTO DI LEARNING OBJECT A COMPENDERE DIVERSE TIPOLOGIE DI RISORSE EDUCATIVE RIUSABILI DAL DOCENTE [Alvino,2008] “Qualsiasi risorsa digitale che può essere riutilizzata per supportare l’apprendimento” [Wiley, 2000] 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR 4
  5. 5. LO come utili strumenti nella “cassetta degli attrezzi” del docente STUDENT ORIENTED LO TEACHER ORIENTED LO SCO o content only LO Modelli, schemi, buone pratiche per LO a supporto dell’appr. progettare e gestire collaborativo esperienze educative (collaborative learning activities: Lesson Plans case study, role play,) Pedagogical Design Pattern Tutoriali, Drill&Practice, Units of Learning (IMS-LD) Webquest… REPOSITORY RISORSE AUSILIARIE o DI RIFERIMENTO non nascono con fini educativi articoli, siti-web, FAQ, applicazioni, ecc. e artefatti degli studenti 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR 5
  6. 6. Le WebQuest: apprendere esplorando Per approfondire un tema: compiti da svolgere utilizzando le informazioni contenute nelle fonti messe a disposizione “un’attività orientata all’indagine in cui alcune o tutte le informazioni con cui gli studenti interagiscono provengono da risorse disponibili in Internet” [Dodge, 1995] Struttura caratteristica: • introduzione • risorse • compito • valutazione • procedura • pagina del docente  Repository di Webquest:  http://www.webquest.org/index.php  http://www.bibliolab.it/webquest.htm 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR 6
  7. 7. Lesson plan: ricreare esperienze educative nel proprio contesto Guida scritta rivolta ai docenti che formalizza e descrive una attività o una lezione su un determinato argomento. Struttura caratteristica: • introduzione • prerequisiti • dichiarazione obiettivi • tempi • definizione contenuti • risorse umane, tecniche e risorse di riferimento ed organizzative necessarie Repository di lesson plan: http://edsitement.neh.gov/ http://www.readwritethink.org/ http://www.curriki.org/xwiki/bin/view/Main/WebHome 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR 7
  8. 8. Pedagogical Design Pattern  schemi e modelli che catturano e trasferiscono buone pratiche  non istanziati su dominio di contenuti contesto o target,  modellano strategie, tecniche o problemi didattici proponendo soluzioni trasferibili a diversi contesti. Struttura caratteristica: • il problema educativo; • gli attori coinvolti; • un esempio, (es. un’attività); • il tipo di compiti e la sequenza; • il contesto in cui si può usare • informazioni a disposizione; • la soluzione proposta; • il tipo e la struttura dei gruppi  Siti che contengono PDP:  http://www.pedagogicalpatterns.org/  http://ulises.tel.uva.es/~dherleo/clfp/ 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR 8
  9. 9. Riuso di risorse e costruzione e condivisione di conoscenza analisi e valutazione riuso WQ parziale adattamento LP WQ WQ1 SCO TUT WQ D&P PDP LP arricchimento del repository con esperienze e 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR buone pratiche 9
  10. 10. Riuso di risorse e costruzione e condivisione di conoscenza analisi e valutazione istanziazione LP parziale adattamento WQ LP LP SCO TUT D&P LP 1 arricchimento del repository PDP con esperienze e 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR buone pratiche 10
  11. 11. Comunità di docenti che generano e condividono pratiche http://www.merlot.org/ http://www.curriki.org http://www.thegateway.org/ http://ariadne.cs.kuleuven.be/ 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR 11
  12. 12. Modelli e sistemi efficaci per condividere e reperire LO • Set di descrittori pedagogici e contestuali per connotare e ricercare LO con i CRITERI e i TERMINI utilizzati dai DOCENTI [Alvino et al 2008] • Application profile del LOM [IEEE,2002] • Ruolo del fruitore, funzione del LO, strategie didattiche, ecc. • Progetto europeo EContentPlus • Portale multilingue che supporta un accesso personalizzato a risorse per la teacher education • Ontologia: contesti educativi, ruoli, competenze, caratt. LO • http://www.sharetecproject.eu/ 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR 12
  13. 13. Riferimenti bibliografici  Alvino, S. (2008). Computer Supported Collaborative Learning e riusabilità: un approccio all’integrazione di risorse riusabili in processi di apprendimento collaborativo, Tesi di Dottorato, Università di Genova.  Alvino, S., Busetti, E., Forcheri, P., & Ierardi, M.G. (2006). Apprendimento in rete e risorse didattiche riusabili: un modello descrittivo delle caratteristiche pedagogiche di Learning Objects. TD – Tecnologie Didattiche, n°36, Dec. 2006, Ortona (CH): Menabò.  Alvino, S., Forcheri, P., Ierardi, M.G., & Sarti, L. (2008). A general and flexible model for the pedagogical description of learning objects. Proc. Of ED – L2L Conference in IFIP- WCC 2008  Dodge, B. (1995). Some Thoughts About WebQuests; http://webquest.sdsu.edu/about_webquests.html  IEEE - Learning Technology Standards Observatory (2002). Learning Object Metadata; http://ltsc.ieee.org/wg12/files/LOM_1484_12_1_v1_Final_Draft.pdf  TELL (2005). TELL project website; http://cosy.ted.unipi.gr/tell/  Wiley, D.A. (2000). The Instructional Use of Learning Objects; http://reusability.org/read/ 22/05/2009 Serena Alvino ITD-CNR 13
  14. 14. Grazie dell’attenzione Serena Alvino Istituto per le Tecnologie Didattiche del CNR di Genova alvino@itd.cnr.it Università degli Studi di Genova – Facoltà di Scienze della Formazione Serena.Alvino@unige.it

×