Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

UX writing manifesto (Italian) - Serena Giust #wmf19

315 views

Published on

Quali sono i principi guida per chi si occupa di UX writing?

Published in: Design
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

UX writing manifesto (Italian) - Serena Giust #wmf19

  1. 1. UX Writing Manifesto 10 principi da cui partire @serenagiust #wmf19 Rimini, 20 giugno 2019
  2. 2. UX writer e team leader Mi prendo cura delle parole che scrivo e delle persone con cui lavoro. Tra le altre cose: ● sono pesci senza ascendente perché mamma non si ricorda a che ora sono nata ● mi sveglio alle cinque di mattina per andare a CrossFit alle sei, senza ragione ● ho preso questa cosa della color palette troppo sul serio e compro tutto beige
  3. 3. Il mio viaggio fino a qui 1990 C’era una volta… Treviso, Italia 2009 Università di Scienze e Tecnologie Multimediali Udine, Italia 2013 Copywriter e Social Media Specialist Bibione.com
  4. 4. 2013 Master in Digital Economics and Entrepreneurship H-Farm, Italia 2014 Influencer Marketing Copywriter Social Media Manager Trivago, Germania OGGI UX writer Team Leader Booking.com, Paesi Bassi
  5. 5. Scrivere micro testi che: - guidano nella navigazione all’interno di siti internet o applicazioni - aiutano le persone a compiere azioni nella maniera più semplice ed efficace possibile - informano l’utente di quel che sta accadendo ora sul sito e settano le aspettative sul cosa accadrà dopo - convertono Di cosa mi occupo: UX Writing
  6. 6. Micro testi, macro impatto Non sempre testi belli da scrivere, non sempre facili da costruire. Piccoli nelle dimensioni ma grandi nell’impatto che hanno sulla esperienza utente e sugli obiettivi del business stesso.
  7. 7. Un anno fa - il mio primo intervento sul tema UX Writing in Italia - tante connessioni nate, nuovi colleghi e amici - la pazza idea di scriverci un libro
  8. 8. “If there’s a book that you want to read, but it hasn’t been written yet, then you must write it” Toni Morrison
  9. 9. Scrivere è un casino.
  10. 10. UX Writing Manifesto Scrivi con cura testi...
  11. 11. Inclusivi e accessibili, per tutti ● Inclusivo evita l’uso di parole o espressioni che escludono determinati gruppi di persone ● Accessibile facile da leggere e da capire per chiunque, in qualsiasi contesto
  12. 12. One billion Sono un miliardo le persone che soffrono di qualche forma di disabilità. Circa il 15% della popolazione mondiale, The World Bank, 2019.
  13. 13. Riguarda un po’ tutti Stefano Ottaviani (@ste8) | Twitter
  14. 14. Permanente Temporanea Situazionale Toccare Un braccio solo Infortunio al braccio Neo genitore Vedere Cieco Cataratta Luce forte Ascoltare Sordo Infezione all’orecchio Ufficio rumoroso Parlare Muto Laringite Accento forte Disabilità
  15. 15. Universal Design ~ Universal Writing Accessibile ed inclusivo. Per qualsiasi persona, che abbia una disabilità o meno. Progettare e scrivere in maniera accessibile e inclusiva porta un beneficio a tutti.
  16. 16. Il pelapatate Nasce nel 1990, come me. Ed è uno dei migliori esempi di design inclusivo ed accessibile, pensato per chi soffre di artrite. A quasi tre decenni dalla sua uscita, mantiene un punteggio di 4,8 su 5 stelle su Amazon. img: fastcompany.com -The untold story of the vegetable peeler that changed the world
  17. 17. The Curb-Cut Effect Il primo scivolo per l’accesso ai marciapiedi venne installato in Michigan nel 1945, per aiutare i veterani disabili della seconda guerra mondiale. Da allora si è diffuso nel mondo aiutando tutti: genitori che spingono la carrozzina, persone in viaggio con valigie pesanti, ragazzi in bicicletta e molti altri. [Questo è lo scivolo di Haarlem, dove passo io tutti i giorni]
  18. 18. I sottotitoli e le ricette di pollo Nel 1972, lo chef francese Julia Child, in un programma televisivo americano, insegnò agli spettatori una delle sue pregiate ricette di pollo. Quella fu la prima volta che gli americani non udenti potevano godere di un programma televisivo nazionale attraverso l'uso di didascalie. Da allora, le didascalie accompagnano tutti, compresa me. Quando sono in treno e non posso sentire l’audio, quando guardo un film in lingua originale perché ascoltare solo mi stanca. photo credit WGBH/NCAM
  19. 19. The adult literacy crisis “The Organization for Economic Cooperation and Development found that 50 percent of U.S. adults can't read a book written at an eighth-grade level” l'Ocse in un focus sulle «Adult skills» sostiene che la percentuale dei 16-65enni italiani con scarse capacità di lettura e comprensione di un testo arriva al 28%
  20. 20. WWW.SERENAGIUST.COM Come scrivere testi accessibili a tutti?
  21. 21. Chiari, non trasparenti https://medium.com/google-design/a-fish-in-your-ear-134deed70268 Non date mai per scontato che gli utenti capiscono quello che state illustrando o scrivendo. Voi conoscete bene il vostro prodotto, loro probabilmente no. Aggiungete il testo se possibile alle vostre icone, chi usa uno lettore dello schermo vi ringrazierà.
  22. 22. Concisi, meno è meglio Siamo oberati di contenuti, dobbiamo sforzarci di utilizzare poche parole, con significato. Focalizzatevi su un messaggio alla volta, non unitene troppi insieme. Cercate di inserire le parole chiave all’inizio della frase. Ricordatevi di chi vi legge con screen reader.
  23. 23. Informativi, con direzione Descrivete le azioni: cosa sta accadendo nel sito o cosa avverrà dopo il click sul pulsante. Descrivete i requisiti di input, come il numero di lettere e i caratteri speciali per la password. Se si verifica un errore: scrivete di cosa si tratta e come risolverlo. Evitate di dare indicazioni direzionali tipo “clicca qui sotto / nel link a destra / sul pulsante verde”
  24. 24. Naturali, come a voce Scrivete sempre in maniera naturale, senza tecnicismi, senza troppe parole in lingua straniera o non di uso comune. Evitate le abbreviazioni e i simboli, a meno che non siano ampiamente riconosciuti.
  25. 25. Strutturati, che si trovino Strutturate bene le vostre informazioni, in maniera semplice e lineare. Titoli e sottotitoli aiutano a scansionare la pagina e decidere se leggere o meno. Metteteli in ordine se possibile: H1, H2, H3... Ricordate che gli utenti con problemi di vista tendono a fare zoom in pagina, per ingrandire i caratteri. Il testo deve essere leggibile anche se ingrandito del 200%
  26. 26. Coerenti, se no è caos Usate le stesse parole per identificare le stesse azioni. Tenete sempre conto delle diverse pagine del sito, diverse piattaforme, diversi prodotti. Cercate di evitare di mescolare aggettivi e pronomi (mio, tuo, nostro, vostro…) creano confusione. Attenzione a maiuscole e punteggiatura.
  27. 27. Mirati, non affollati Gli spazi vuoti aiutano a dare rilevanza al testo e renderlo più leggibile. Lasciate spazio alle parole che contano davvero, a volte basta davvero poco per trasmettere un messaggio.
  28. 28. Umani, con carattere Cercate di definire i valori l'identità della vostra azienda o del vostro brand. Stabilite il giusto tono di voce, rendetevi memorabili. I testi “devono parlare” come dice Valentina. Parlare a tutti, nessuno escluso.
  29. 29. Ponderati, bada bene Occhio alla simpatia, può essere un’arma a doppio taglio. Non sappiamo mai con certezza con chi stiamo parlando e che livello di sensibilità ci sia per un determinato argomento. E ricordate: inclusivi e accessibili, sempre.
  30. 30. Ricapitolando
  31. 31. Le parole sono il nostro strumento più potente, abbiatene cura.
  32. 32. WWW.SERENAGIUST.COM Grazie Mille ♥ Per chi vuole raggiungermi allo stand Hoepli, sarò felice di firmare copie del mio libro (scontato del 20% per #wmf) Ah! Ho anche portato degli adesivi per diffondere lo UX Writing negli uffici d’Italia :) ne trovate un po’ allo stand e un po’ da me. @SERENAGIUST /SERENA.GIUST @SERENA.GIUST /SERENA.GIUST gruppo FB: Microcopy & UX Writing Italia

×