Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
La metafora
della rete
SIRQ Obiettivi
Mettere in grado le scuole di
migliorare didattica e gestione
Renderle autonome
SIRQ è una rete creata dal basso,
nasce a Torino ma ha una
articolazione interregionale
Vito Infante Torino
16/4/2013
SIRQ nasce nel 2001
sull’onda di tre esigenze:
1 Migliorare la didattica coinvolgendo i
docenti
2 Verificare l’applicabili...
SIRQ - SAPERI
Organi:
Consiglio direttivo,
2 Comitati Tecnico Scientifici Ricerche,
Marchio,
Albo Auditor SAPERI,
Elenchi ...
SIRQ
Servizi Formativi (accreditati
MIUR)
Formazione e tutoring per:
Anno 2015/16
164 ore a 1470 docenti
In Piemonte, Emil...
Ricerche concluse e
partner:
Difficoltà di apprendimento in
matematica (con Università e Politecnico
Torino)
Sistema quali...
MARCHIO COLLETTIVO NAZIONALE
SAPERI
per la Qualità e l’Eccellenza della scuola
Brevettato nel 2006 dall’USR
Piemonte
e ges...
MARCHIO COLLETTIVO NAZIONALE
SAPERI
La spinta al riconoscimento della qualità
«Peer review»
Audit biennali.
Stakeholder in...
SIRQ SAPERI
Ricerche in atto
i-SAPERI
–
Autovalutazione
formativa
docenti
(LISACA Salerno)
LEAN THINKING
SAPERI
EUROPEO
Ecosostenibilità
Cambiamento e
miglioramento
Il parco
delle
Eccellenze
SIRQ SAPERI
Pubblicazioni
ISO 9004 per la scuola – Ed TQM Milano
Notizie della scuola – Ed Tecnodid
Napoli
Saperi, Alice, ...
Che cosa abbiamo
imparato quest’anno
RAV e PM d’istituto
Tutti debbono conoscerli
Vito Infante Torino
16/4/2013
I profili e il cambiamento
Esiti e processi 1 2 3 4 5 6 7
Risultati scolastici O
Risultati nelle prove standardizzate O
Co...
I profili e il cambiamento
Esiti e processi 1 2 3 4 5 6 7
Risultati scolastici O
Risultati nelle prove standardizzate O
Co...
Spesso le scuole (classi) si sono poste lo stesso
punto d’arrivo «B»
Ma dallo stato A allo stato B si hanno molti
percorsi...
CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO DI UNA
SCUOLA
TEMPO
P
R
E
S
T
A
Z
FLESSIBILITA’
CONTROLLO
CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO
SAPERI MISURA LE FASI PDCA
TEMPO
P
R
E
S
T
A
Z
FLESSIBILITA’
CONTROLLO
CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO
TEMPO
P
R
E
S
T
A
Z
FLESSIBILITA’
CONTROLLO
CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO
TEMPO
P
R
E
S
T
A
Z
FLESSIBILITA’
CONTROLLO
CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO
TEMPO
P
R
E
S
T
A
Z
FLESSIBILITA’
CONTROLLO
CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO
TEMPO
P
R
E
S
T
A
Z
FLESSIBILITA’
CONTROLLO
CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO
TEMPO
P
R
E
S
T
A
Z
FLESSIBILITA’
CONTROLLO
CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO
TEMPO
P
R
E
S
T
A
Z
FLESSIBILITA’
CONTROLLO
Per il miglioramento…Team
complementari
Direzione
FS FS
CQ
FS
Fondamentale è diffondere a tutti i
livelli la conoscenza di alcuni
strumenti della Q, ad esempio
…il ciclo PDCA
del migli...
Il ciclo del miglioramento
Project changement
Il cambiamento va attentamente
progettato pianificato riesaminato
migliorato
Project changement
Il cambiamento va attentamente
progettato pianificato riesaminato
migliorato
Project changement
Il cambiamento va attentamente
progettato pianificato riesaminato
migliorato
Il ciclo di miglioramento è un
frattale ?
Rimodulare l’attività degli OOCC
e dei docenti
(Lean Thinking?)
CD
? Rete di
professionisti
Trasformare i …
I CC/CI e i
dipartimenti
devono lavorare
sulla «vision»
Fascia bassa media alta
Data una situazione in
ingresso…
risultato finale
attesoDefinire la vision
Con l’avvio del SNV anche i
processi vanno rimodellati e
indirizzati agli esiti da migliorare…
Monitorati, controllati e
r...
L’insegnamento-apprendimento è il
processo principale
la non-qualita’ nasce nei processi
Vito INFANTE SIRQ
la non-qualita’ nasce nei processi
Vito INFANTE SIRQ
1
0
9
8
7
6
5
4
3
2
1
Matematica Latino ecc
Gli indicatori, il riesame e il MQ
dei controlli
(modello DRR 230?)
Il coinvolgimento è un processo
lento
Il coinvolgimento e la valorizzazione delle persone
come processo
Il coinvolgimento e la valorizzazione delle persone
Il coinvolgimento e la valorizzazione delle persone
Il coinvolgimento e la valorizzazione delle persone
Sviluppare:
Clima positivo
Rispetto reciproco
Fiducia nelle reciproche capacità
Collaborazione e collegialità
Evitare conflitti distruttivi
Il ruolo fondamentale della
Commissione autovalutazione e
miglioramento
«Difensore civico»?
Ragionare per dati di fatto ed
evidenze, pur sapendo che non
sono tutto…..
Nel riesame periodico del sistema
di gestione e degli esiti cercare con
attenzione le cause della non
qualità
Distinguere le cause accidentali da
quelle sistematiche
Confronto tra classi
Es classi prime
Individuare le poche cause
che sono responsabili del maggior
numero degli effetti
Pareto
N errori per pagina
Doppie accenti uso H ce-cie ghe ghi cqu cu qu
80%
PARETO
Regola 80/20
Poche sono le
cause importanti
A...
E per finire…
SIRQ E LA STORIA DEL
CALABRONE
SIRQ E LA STORIA DEL
CALABRONE
In base alle leggi della fisica il
calabrone non dovrebbe volare
SIRQ E LA STORIA DEL
CALABRONE
ma lui non lo sa
E …vola lo
stesso!!!
La rete delle
reti
Se non
condivid
ono
scopi e
struttura
le reti
non
possono
collegars
i tra di
loro
Strutture simili
Lo statuto della RRProtocollo d’intesa 29/9/2015 tra SIRQ, FARO, AU.MI.RE e AICQ Nazionale (Education)
OBIETTIVI
Nell’ambi...
Proposte
Mettere in comune le esperienze
Condividere link sui siti
Sviluppare progetti nazionali
Sperimentazioni comuni
Co...
Requisiti:
Consistenza
minima
Sito
Scopi
coerenti
Durata nel
tempo
Management del
cambiamento
Tempi Risorse
Qualità
Scopo
Perché dobbiamo avere una scuola
più snella «lean»
A parità di qualità se si migliora la gestione
delle risorse si possono mantenere o ridurre
i tempi: Il coinvolgimento di ...
Vito infante, Nodi e trame di eccellenza in rete
Vito infante, Nodi e trame di eccellenza in rete
Vito infante, Nodi e trame di eccellenza in rete
Vito infante, Nodi e trame di eccellenza in rete
Vito infante, Nodi e trame di eccellenza in rete
Vito infante, Nodi e trame di eccellenza in rete
Vito infante, Nodi e trame di eccellenza in rete
Vito infante, Nodi e trame di eccellenza in rete
Vito infante, Nodi e trame di eccellenza in rete
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Vito infante, Nodi e trame di eccellenza in rete

194 views

Published on

Convegno Nazionale della Rete delle Reti

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Vito infante, Nodi e trame di eccellenza in rete

  1. 1. La metafora della rete
  2. 2. SIRQ Obiettivi Mettere in grado le scuole di migliorare didattica e gestione Renderle autonome
  3. 3. SIRQ è una rete creata dal basso, nasce a Torino ma ha una articolazione interregionale Vito Infante Torino 16/4/2013
  4. 4. SIRQ nasce nel 2001 sull’onda di tre esigenze: 1 Migliorare la didattica coinvolgendo i docenti 2 Verificare l’applicabilità dei SGQ ISO 3 Ottenere l’accreditamento regionale Vito Infante Torino 16/4/2013
  5. 5. SIRQ - SAPERI Organi: Consiglio direttivo, 2 Comitati Tecnico Scientifici Ricerche, Marchio, Albo Auditor SAPERI, Elenchi Esperti e Docenti (didattica, ISO, accreditamento, EFQM/ CAF) Comitato Interistituzionale Centro gestionale: Torino Altri centri: Milano, Bergamo, Roma,
  6. 6. SIRQ Servizi Formativi (accreditati MIUR) Formazione e tutoring per: Anno 2015/16 164 ore a 1470 docenti In Piemonte, Emilia Romagna, Campania, Sardegna E audit formativi SAPERI in 12 regioni e 24 Scuole
  7. 7. Ricerche concluse e partner: Difficoltà di apprendimento in matematica (con Università e Politecnico Torino) Sistema qualità ISO 9004 - scuola (con AICQ scuola) Alice nel paese della qualità (AICQ scuola PI, USR, CCNL) Nell’aula la scuola (Università, AICQ scuola, USR PI)
  8. 8. MARCHIO COLLETTIVO NAZIONALE SAPERI per la Qualità e l’Eccellenza della scuola Brevettato nel 2006 dall’USR Piemonte e gestito da SIRQ Per andare oltre la ISO, l’EFQM, gli accreditamenti…e dare centralità alla didattica , al suo miglioramento
  9. 9. MARCHIO COLLETTIVO NAZIONALE SAPERI La spinta al riconoscimento della qualità «Peer review» Audit biennali. Stakeholder in rappresentanza nazionale Forte spinta al miglioramento, Coinvolgimento e rimotivazione Albo AUDITOR ed Esperti autovalutazione. Protocolli approvati e validati
  10. 10. SIRQ SAPERI Ricerche in atto
  11. 11. i-SAPERI – Autovalutazione formativa docenti (LISACA Salerno)
  12. 12. LEAN THINKING SAPERI EUROPEO Ecosostenibilità Cambiamento e miglioramento
  13. 13. Il parco delle Eccellenze
  14. 14. SIRQ SAPERI Pubblicazioni ISO 9004 per la scuola – Ed TQM Milano Notizie della scuola – Ed Tecnodid Napoli Saperi, Alice, Nell’aula la scuola, Cambiamento SGQ – Spaggiari Parma (con AICQ S Bologna) Autovalutazione ecc con AICQ GLSNV – Maggioli Articoli su Scuola e Didattica, Rassegna
  15. 15. Che cosa abbiamo imparato quest’anno
  16. 16. RAV e PM d’istituto Tutti debbono conoscerli Vito Infante Torino 16/4/2013
  17. 17. I profili e il cambiamento Esiti e processi 1 2 3 4 5 6 7 Risultati scolastici O Risultati nelle prove standardizzate O Competenze chiave e di cittadinanza O Risultati a distanza O Curricolo, progettazione, valutazione O Ambiente di apprendimento O Inclusione e differenziazione O Continuità e orientamento O Strategia e organizzazione Sviluppo e valorizzaz.risorse umane O Territorio e rapporti con le famiglie O
  18. 18. I profili e il cambiamento Esiti e processi 1 2 3 4 5 6 7 Risultati scolastici O Risultati nelle prove standardizzate O Competenze chiave e di cittadinanza O Risultati a distanza O Curricolo, progettazione, valutazione O Ambiente di apprendimento O Inclusione e differenziazione O Continuità e orientamento O Strategia e organizzazione Sviluppo e valorizzaz.risorse umane O Territorio e rapporti con le famiglie O
  19. 19. Spesso le scuole (classi) si sono poste lo stesso punto d’arrivo «B» Ma dallo stato A allo stato B si hanno molti percorsi possibili (trasformazioni) Il Cambiamento di un sistema A B Vito Infante Forum sul lago 26,27/(/ 2013 Forum di Stresa: le storie delle scuole
  20. 20. CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO DI UNA SCUOLA TEMPO P R E S T A Z FLESSIBILITA’ CONTROLLO
  21. 21. CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO SAPERI MISURA LE FASI PDCA TEMPO P R E S T A Z FLESSIBILITA’ CONTROLLO
  22. 22. CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO TEMPO P R E S T A Z FLESSIBILITA’ CONTROLLO
  23. 23. CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO TEMPO P R E S T A Z FLESSIBILITA’ CONTROLLO
  24. 24. CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO TEMPO P R E S T A Z FLESSIBILITA’ CONTROLLO
  25. 25. CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO TEMPO P R E S T A Z FLESSIBILITA’ CONTROLLO
  26. 26. CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO TEMPO P R E S T A Z FLESSIBILITA’ CONTROLLO
  27. 27. CICLO DI VITA E CAMBIAMENTO TEMPO P R E S T A Z FLESSIBILITA’ CONTROLLO
  28. 28. Per il miglioramento…Team complementari
  29. 29. Direzione FS FS CQ FS
  30. 30. Fondamentale è diffondere a tutti i livelli la conoscenza di alcuni strumenti della Q, ad esempio …il ciclo PDCA del miglioramento
  31. 31. Il ciclo del miglioramento
  32. 32. Project changement Il cambiamento va attentamente progettato pianificato riesaminato migliorato
  33. 33. Project changement Il cambiamento va attentamente progettato pianificato riesaminato migliorato
  34. 34. Project changement Il cambiamento va attentamente progettato pianificato riesaminato migliorato
  35. 35. Il ciclo di miglioramento è un frattale ?
  36. 36. Rimodulare l’attività degli OOCC e dei docenti (Lean Thinking?)
  37. 37. CD ? Rete di professionisti Trasformare i …
  38. 38. I CC/CI e i dipartimenti devono lavorare sulla «vision»
  39. 39. Fascia bassa media alta Data una situazione in ingresso… risultato finale attesoDefinire la vision
  40. 40. Con l’avvio del SNV anche i processi vanno rimodellati e indirizzati agli esiti da migliorare… Monitorati, controllati e riesaminati…
  41. 41. L’insegnamento-apprendimento è il processo principale la non-qualita’ nasce nei processi Vito INFANTE SIRQ
  42. 42. la non-qualita’ nasce nei processi Vito INFANTE SIRQ
  43. 43. 1 0 9 8 7 6 5 4 3 2 1 Matematica Latino ecc
  44. 44. Gli indicatori, il riesame e il MQ dei controlli (modello DRR 230?)
  45. 45. Il coinvolgimento è un processo lento
  46. 46. Il coinvolgimento e la valorizzazione delle persone come processo
  47. 47. Il coinvolgimento e la valorizzazione delle persone
  48. 48. Il coinvolgimento e la valorizzazione delle persone
  49. 49. Il coinvolgimento e la valorizzazione delle persone
  50. 50. Sviluppare: Clima positivo Rispetto reciproco Fiducia nelle reciproche capacità Collaborazione e collegialità
  51. 51. Evitare conflitti distruttivi
  52. 52. Il ruolo fondamentale della Commissione autovalutazione e miglioramento
  53. 53. «Difensore civico»?
  54. 54. Ragionare per dati di fatto ed evidenze, pur sapendo che non sono tutto…..
  55. 55. Nel riesame periodico del sistema di gestione e degli esiti cercare con attenzione le cause della non qualità
  56. 56. Distinguere le cause accidentali da quelle sistematiche
  57. 57. Confronto tra classi Es classi prime
  58. 58. Individuare le poche cause che sono responsabili del maggior numero degli effetti Pareto
  59. 59. N errori per pagina Doppie accenti uso H ce-cie ghe ghi cqu cu qu 80% PARETO Regola 80/20 Poche sono le cause importanti Agire per gradi
  60. 60. E per finire…
  61. 61. SIRQ E LA STORIA DEL CALABRONE
  62. 62. SIRQ E LA STORIA DEL CALABRONE In base alle leggi della fisica il calabrone non dovrebbe volare
  63. 63. SIRQ E LA STORIA DEL CALABRONE ma lui non lo sa E …vola lo stesso!!!
  64. 64. La rete delle reti
  65. 65. Se non condivid ono scopi e struttura le reti non possono collegars i tra di loro
  66. 66. Strutture simili
  67. 67. Lo statuto della RRProtocollo d’intesa 29/9/2015 tra SIRQ, FARO, AU.MI.RE e AICQ Nazionale (Education) OBIETTIVI Nell’ambito delle proprie competenze, senza oneri finanziari e in piena autonomia, le Reti aderenti si impegnano a: -creare uno spazio libero per la circolazione delle idee e delle iniziative delle reti -diffondere la Cultura della Qualità, della rendicontazione sociale e dell’ecosostenibilità -mettere in comune le migliori pratiche sviluppate all’interno delle singole reti -diffondere attività di ricerca, formazione, tutoring su temi condivisi -organizzare periodicamente eventi comuni di condivisione e confronto - rafforzare il raccordo tra la scuola e ambienti culturali afferenti al mondo della ricerca e del lavoro su tematiche innovative L’accordo prevede la nomina di un Comitato per il coordinamento
  68. 68. Proposte Mettere in comune le esperienze Condividere link sui siti Sviluppare progetti nazionali Sperimentazioni comuni Convegni e seminari Coinvolgimento partner istituzionali e non Rete di esperti per la formazione e il miglioramento
  69. 69. Requisiti: Consistenza minima Sito Scopi coerenti Durata nel tempo
  70. 70. Management del cambiamento
  71. 71. Tempi Risorse Qualità Scopo Perché dobbiamo avere una scuola più snella «lean»
  72. 72. A parità di qualità se si migliora la gestione delle risorse si possono mantenere o ridurre i tempi: Il coinvolgimento di tutti Tempi Migliorare la gestione delle risorse Qualità Scopo

×