Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Mirella paglialunga, e reti-camente-snv e le scuole delle reti

182 views

Published on

Convegno Nazionale La Rete delle Reti

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Mirella paglialunga, e reti-camente-snv e le scuole delle reti

  1. 1. Palermo, 1° Convegno Reti delle Reti 20 maggio 2016 Reti di Scuole: crediti, esperienze e prospettive di valorizzazione in funzione dei processi di riforma E-RETI-CAMENTE: SNV e le Scuole delle Reti Mirella Paglialunga coordinatrice regionale rete AU.MI.RE.
  2. 2. L’evoluzione dell’AUTONOMIA e l’identità delle RETI A quasi vent’anni dalla L. 59/97 e dal DPR 275/99 • Diffusione/dispersione, non sempre appropriata, delle esperienze condotte dalle reti • Moltiplicazione delle reti, spesso dedicate a progetti puntiformi • Scuole impegnate su molteplici reti • Reti etero-dirette: standardizzazione e regolamentazione capillare di ogni aspetto dall’esterno
  3. 3. L.56/14 Interessante processo di riforma in corso: insediamenti territoriali delle pubbliche amministrazioni
  4. 4. L. 107/15 Torna a promuove la costituzione di reti di scuole • Valorizzare le risorse professionali • Gestire in comune funzioni amministrative • Realizzare progetti o iniziative didattiche, sportive, culturali sulla base di accordi • Definire ambiti territoriali come riferimento alla politica degli organici: “istituzionalizzazione” delle reti di scuole con funzioni e deleghe che investono funzioni amministrative più estese
  5. 5. due“modalità ” di essere rete 1- La scuola autonoma “filiale” del MIUR: terminale di una catena di comando cui è assegnata una autonomia operativa ed un quadro di responsabilità connesse. 2-La scuola autonoma come “impresa sociale”: • principio di sussidiarietà • produzione di servizio/istruzione • rendiconto ai cittadini stessi.
  6. 6. caratteristiche della prima modalità Tendenza alla ri-centralizzazione dei meccanismi decisionali dell’amministrazione Revisione delle strutture decentrate in chiave “funzionale” piuttosto che di articolazione di poteri decisionali.
  7. 7. Caratteristiche della seconda modalità Rete come interlocutore sociale che supera i limiti che caratterizzano la singola istituzione scolastica: limiti economici debolezza di: • risorse • competenze scientifiche tecniche professionali
  8. 8. Quale ruolo per le reti Strategia e strumenti per contrastare: la loro “riduzione” istituzionale la dispersione puntiforme la condizione di subalternità al Ministero ed alle “sue” strutture.
  9. 9. • Cosa ha rappresentato e rappresenta la rete regionale AU.MI.RE. • Quale modello ha interpretato • Quale significato ha realizzato • Quali sono le prospettive
  10. 10. Prospettive per LA RETE DELLE RETI COORDINATE PER LA COSTRUZIONE della RETE DELLE RETI: logica “reticolare”, interistituzionale, di ricerca, di protagonismo, di esperienza, di confronto, di interlocuzione
  11. 11. 1^ coordinata La ricerca di “ ECONOMIA DI SCALA” che consenta alle reti di: -esprimere livelli di “padronanza” di risorse umane e materiali, economiche ed organizzative -“agire” un’identità ed una potenza di intervento riconosciuta in campo di ricerca e di sviluppo delle risorse umane (formazione, consulenza, ricerca) -superare l’orientamento “puntiforme” e la pluralità dispersa di questi anni, senza sacrificarne l’istanza di protagonismo e socializzazione.
  12. 12. 2^ coordinata Scelte di configurazione giuridica appropriata / sussidiarietà e terzo settore: “associazioni professionali” “consorzi”, “fondazioni” “onlus” per ottenere tre presidii strategici:
  13. 13. 1-Dare alla rete delle reti i criteri e gli strumenti di gestione (organizzativa ed economica) del Codice Civile, superando i vincoli formalistici del Diritto Amministrativo
  14. 14. 2-Configurare le reti come soggetti (composti da enti pubblici) che operano nella società civile (in tema di istruzione e formazione), raccogliendo risorse da essa e “restituendo” forme di rendicontazione sociale che recuperino senso al valore della partecipazione dei cittadini 3-”Sganciare” la rete da logiche di asservimento
  15. 15. 3^ coordinata Dare attuazione concreta ad una affermazione di principio della Costituzione (art.117) che definendo la ripartizione dei poteri legislativi (Stato e Regioni) afferma un ruolo “istituzionale” (fatta salva..) all’autonomia delle istituzioni scolastiche. Consolidare e strutturare il “terzo interlocutore” (altrimenti “debole” tra soggetti “forti”) costituisce il senso profondo dell’impegno a qualificare le strutture di rete.
  16. 16. Istanze fondamentali dell’autonomia – delle reti valorizzazione della cittadinanza miglioramento della produttività della azione amministrativa vicinanza ai cittadini esercizio della funzione di partecipazione controllo
  17. 17. • In tema di istruzione, formazione e cultura, le Reti sono “ponte” tra società civile (interessi, impegni, bisogni, disponibilità individuali e collettive) e le istituzioni.
  18. 18. 4^ coordinata Assicurare protagonismo alle reti nel rapporto con il Ministero e la Pubblica Amministrazione in un dialogo capace di qualificare le reti stesse come soggetti da “tenere in conto”.
  19. 19. La rete delle reti
  20. 20. PROPOSTA Le autonome esperienze di autoanalisi e autovalutazione presenti nelle reti qui convenute, possono/devono proporsi come risorse e ausilio per realizzare criticamente il processo e, con il conforto della ricerca e l’ applicazione sul campo, correggere il modello ed il protocollo interpretato e realizzato finora nella costruzione del SNV.
  21. 21. appropriazione della cultura della valutazione In tale percorso, le reti di scuole in supporto alle istituzioni scolastiche esplorano il versante della “formazione” in diverse direzioni
  22. 22. I SOGGETTI DELLA FORMAZIONE
  23. 23. LA FORMAZIONELA FORMAZIONE • Dare vita a formazione “mirata” su alcuni elementi di “debolezza diffusa” che sono emersi in questa fase (RAV - indicazione delle priorità - definizione del miglioramento). Se ne indicano ALCUNI temi:
  24. 24. • 1-Formazione ed addestramento alla lettura analitica e diagnostica degli esiti delle rilevazioni INVALSI e del rapporto corretto e pertinente tra la loro lettura diagnostica e la definizione di priorità e processi di miglioramento. • 1-Formazione ed addestramento alla lettura analitica e diagnostica degli esiti delle rilevazioni INVALSI e del rapporto corretto e pertinente tra la loro lettura diagnostica e la definizione di priorità e processi di miglioramento.
  25. 25. 2-Esplorazione del campo relativo alle “competenze di cittadinanza” per ora deserto di indicatori e criteri di valutazione confrontabili a livello sistemico. 2-Esplorazione del campo relativo alle “competenze di cittadinanza” per ora deserto di indicatori e criteri di valutazione confrontabili a livello sistemico.
  26. 26. 3-Interpretazione ed uso non deterministico dei modelli standardizzati di programmazione del miglioramento, riconducendo quest’ultimo alla sua leggibilità sociale e diffusa ed al valore fondamentale della sua rendicontabilità.
  27. 27. 4-Anticipare la fase prevista nell’impianto del SNV, dedicata allo sviluppo della Rendicontazione Sociale, per ora lasciata sullo sfondo della tempistica e della definizione di strumenti.
  28. 28. • L’impegno è quello di rielaborare e consolidare ipotesi e “modelli”, anche sulla base di opportune sperimentazioni (già effettuate ed in atto ) in modo di alimentare con il supporto della ricerca sul campo il processo della definizione prevista di un “modello nazionale” e di contribuire ad ovviare ad un doppio rischio:
  29. 29. • La rendicontazione sociale interpretata dalle scuole in termini di adempimento . Rischio inevitabile, nel momento in cui tale impegno si trasmetta come “comando” dal centro alla periferia. In questo caso andando incontro ad una contraddizione esiziale proprio per il significato intrinseco del Bilancio Sociale
  30. 30. • La rendicontazione sociale interpretata semplicemente come “trasparenza e pubblicità” degli atti e delle realizzazioni. Il rischio di una interpretazione riduttiva che è presente nella pratica amministrativa che trascura la necessità di rendere intellegibile, condivisa, significativa, finalizzata la comunicazione e interazione con i cittadini attraverso la costruzione di strumenti e procedure ad hoc, capaci di superare il formalismo spesso opaco degli “atti pubblici”.
  31. 31. Nella filosofia delle reti La modalità e lo sviluppo di modelli appropriati di Rendicontazione Sociale rappresenta un elemento fondamentalmente “identitario”
  32. 32. La rete delle reti Rrisorsa aggiuntiva per l’esplorazione dell’autonomia di ricerca e di innovazione, • Interlocutore più forte e più riconosciuto da parte delle istituzioni • Confronto di best practices • Scambio di professionalità e di esperti • Banca dati e di servizi

×