Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Ginevra de Maio, Annalisa Frigenti, Mariastella Fulgione, Stefania Lombardi, Ornella Pellegrino, Daniela Ruffolo, Antonietta Russo

26 views

Published on

Caleidoscopio di creatività e culture nella Rete LISACA

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Ginevra de Maio, Annalisa Frigenti, Mariastella Fulgione, Stefania Lombardi, Ornella Pellegrino, Daniela Ruffolo, Antonietta Russo

  1. 1. Caleidoscopio di creatività e culture nella Rete LISACA Palermo, Educandato Statale «Maria Adelaide» 30 maggio 2018 Ginevra de Maio, Annalisa Frigenti, Maristella Fulgione, Stefania Lombardi, Ornella Pellegrino, Daniela Ruffolo, Antonietta Russo
  2. 2. LA RETE LI.SA.CA. dal 2015 circa 50 scuole della provincia di Salerno – scuola capofila IC San Tommaso D’Aquino di Salerno IL LAVORO SUL MIGLIORAMENTO Convegni Formazione docenti Confronto fra pari Benchlearning Protocolli d’intesa con enti ed Università
  3. 3. La cultura «dell’altro» Laboratorio di inclusione e creatività Un tuffo nel passato…per riemergere nel futuro» L’accoglienza degli alunni adottati Maggio Mese della Legalità Progetto Educhange: the world in a classroom L’unicità delle diversità Cantiamo diversamente , cantiamo oltre i confini IL LAVORO DELLE SCUOLE DELLA RETE
  4. 4. I.C. SAN TOMMASO D’AQUINO SALERNO DS ANNALISA FRIGENTI PROGETTO ERASMUS+ Culture and History without Borders: Success in Diversity, Diversity in Success CONOSCERE E COMPRENDERE CULTURE DIVERSE, DIVERSITA’ COME SUCCESSO Conoscere cultura e storia di Paesi diversi, condividere momenti con studenti di differenti nazionalità e lavorare ad un progetto comune, per far comprendere che la diversità è un vantaggio. La scuola diventa una comunità ancora più ampia nella quale insegnanti, alunni, genitori e collaboratori operano insieme per il raggiungimento del successo di ognuno e di tutti.
  5. 5. FINALITA’ STIMOLARE LA MOTIVAZIONE “CONTAGIARE L’ENTUSIASMO” ACQUISIRE COMPETENZE CHIAVE STUDENTI DOCENTI PERSONALE COMUNICAZIONE NELLA LINGUA STRANIERA COMPETENZE DIGITALI IMPARARE A IMPARARE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHESPIRITO DI INIZIATIVA E IMPRENDITORIALITA’ CONOSCERE E COMPRENDERE CULTURE DIVERSE DIVERSITA’ COME SUCCESSO
  6. 6. PUNTI DI FORZA COLLABORAZIONE - CONDIVISIONE -CONVIVIALITA’ -VOGLIA DI FARE E DI MIGLIORARE -RICADUTE POSITIVE SULL’IMMAGINE DELLA SCUOLA Il sentirsi finalmente cittadini europei La voglia di avvicinarsi allo studio delle lingua da parte di tutto il personale La voglia di mostrare il lavoro quotidiano da parte dei docenti e del personale Il Maggiore utilizzo di attività laboratoriali La pianificazione del miglioramento Non c’è distanza che possa separare una vera amicizia… Forti legami rimangono e sfidano il tempo… perché hanno una sola casa: il cuore…. (Colette Haddad)
  7. 7. CPIA Salerno Laboratorio di inclusione e creatività Dirigente Scolastico Prof.ssa Ornella Pellegrino
  8. 8. JOB PLACEMENT - Percorso interculturale di orientamento e sostegno alla riqualificazione professionale – street food and beverage con contaminazioni etniche Laboratorio enogastronomico a carattere multiculturale capace di promuovere il tema dello street food come risorsa del nostro patrimonio gastronomico-culturale
  9. 9. JOB PLACEMENT - Percorso interculturale di orientamento e sostegno alla riqualificazione professionale
  10. 10. The Blue Helmets of the Sea “The blue helmets of the sea” ha previsto l’istituzione di una task force di esperti del mare per la salvaguardia degli oceani e operativi nella tutela e il recupero dei tesori custoditi nei fondali. Il corso di formazione per attività subacquee è stato diretto ai migranti di varie nazionalità e a giovani comunitari. I caschi blu del mare saranno operativi in Italia, in Europa e nel mondo, a servizio della comunità.
  11. 11. The Blue Helmets of the Sea
  12. 12. Ri - Scatti
  13. 13. TOP SKILLS FOR JOB Il Progetto integra formazione e dimensione culturale, sociale ed economica del territorio della provincia di Salerno. MODULI: ❖ Archeoturismo: Agro Nocerino - Sarnese ❖ Archeoturismo: Area Salerno - Valle del Sele ❖ Il Casaro ❖ La Pasta fresca e secca: teoria e pratica ❖ La Pizza napoletana ❖ Tecniche di pasticceria ❖ Aspiranti sommelier
  14. 14. “Un tuffo nel passato...” per riemergere nel futuro dallo sguardo del poeta allo sguardo dello scienziato “Sotto lo stesso cielo...la Terra gira... ma io non cado” Direzione Didattica di Montecorvino Rovella – Montecorvino Rovella (SA) Dirigente Scolastico: Prof.ssa Maria Antonietta Russo
  15. 15. Un tuffo nel passato... per riemergere nel futuro dallo sguardo del poeta allo sguardo dello scienziato Attraverso le filastrocche per i bimbi della scuola dell’infanzia e le poesie d’autore degli alunni della primaria, vogliamo creare le condizioni affinchè tutti interiorizzino concetti che nel tempo assumeranno sempre maggiore valenza. Il passero solitario Soldat i L’Infinito Autunn o Imitazion e Il sabato del villaggio La quiete dopo la tempesta San Martino del Carso Dei sepolcri Milite ignoto
  16. 16. ZIETTA LIÙ ADA NEGRI GIOSUÈ CARDUCCI GIOVANNI PASCOLI GIACOMO LEOPARDI GUIDO GOZZANO RENZO PEZZANI GIUSEPPE UNGARETTI UGO FOSCOLO GABRIELE D’ANNUNZIO SCUOLA DELL’INFANZIA E CLASSI PRIME Ottobre; L'albero s'addormenta; Piove; Dicembre; Natale; Filastrocca di qua que qui; Febbraio; Mascherine; Aprite il cuore; Se fossi; Noi ragazzi CLASSI SECONDE Piove; Cade la neve: tutt’intorno è pace; Tempo; Un bimbo abbandonato; La ciocca bianca; Nel paese di mia madre; Primule; Rami di pesco; Pasqua; Le prime violette; Estate; La bimba CLASSI TERZE San Martino; Pianto antico; Maggiolata CLASSI QUARTE Nella nebbia; Il tuono; Il lampo; La cavalla storna; Le ciaramelle; La mia sera; 10 Agosto; L’aquilone Preghiera per l’eroe (classi terze) Gli alberi (classi quinte) La notte santa Pastori; Acqua La Foglia (classi terze) CLASSI QUINTE La quiete dopo la tempesta; La sera del dì di festa; Il sabato del villaggio; Imitazione; Brilla nell’aria Dei Sepolcri; A Zacinto; Alla sera Soldati; San Martino del Carso La nostra raccolta di poesie
  17. 17. “Sotto lo stesso cielo… ...la terra gira ma io non cado” La Direzione Didattica di Montecorvino Rovella è capofila di una rete di 13 istituzioni scolastiche che condividono un percorso formativo in ambito astronomico finalizzato allo sviluppo del pensiero scientifico ed alla consapevolezza che la terra è solo un frammento di un «infinito» ancora da esplorare.Scuola dell’Infanzia: conoscenza del Cosmo attraverso il corpo e la sensorialità, l'osservazione, il disegno, la matematica, la logica, la sperimentazione scientifica, il racconto, il mito, la leggenda, la musica, la ciclicità del tempo Scuola Primaria - Classi prime: Esplorazione del Sistema Solare Classi seconde: Il Sole – le Stelle/Il tempo ciclico Conoscenza del Sole – della Luna e delle Stelle, tramite la conoscenza dell’avvicendarsi del giorno e della notte nelle quattro stagioni Classi terze: La luna – Da Galileo alla.. Poesia Conoscenza della luna da diversi punti di vista…..Tra scienza – mito – leggenda – poesia Classi quarte: due diversi momenti di realizzazione, uno nelle normali attività curricolari ed uno in ampliamento dell'offerta formativa rivolto agli alunni particolarmente interessati al fine di valorizzare le eccellenze. Obiettivi del percorso: acquisizione di informazioni sui corpi celesti e le loro caratteristiche principali, catalogazione delle stelle per luminosità e loro individuazione nella volta celeste, conoscenza del Sistema Solare e della via LatteaClassi quinte: Ricostruire e interpretare il movimento dei diversi oggetti celesti. I pianeti. I movimenti della Terra intorno al sole. Il Sistema Solare
  18. 18. Dalla Scuola dell’infanzia... ...alla Scuola Primaria...
  19. 19. Progetto Educhange: the world in a classroom Progetto trasversale che coinvolge diverse discipline secondo la metodologia CLIL su tematiche attuali di rilevanza globale Progetto supportato dal MIUR Direzione Didattica Don Milani – Giffoni Valle Piana (Sa) Dirigente Scolastico – Prof.ssa Daniela Ruffolo “EduChange” – una iniziativa di AIESEC, la più grande organizzazione studentesca del mondo 2 studenti universitari stranieri parlanti inglese sono stati ospiti per 6 settimane di famiglie della scuola In cambio hanno affiancato i docenti in attività in inglese nelle classi
  20. 20. Le tematiche trattate Geografia Musica Scienze Matematica Ambiente Multiculturalità
  21. 21. Portare il mondo in classe Confrontarsi con culture lontane e sconosciute….intercultura fin da piccoli I compagni di altre nazionalità ed etnie…..una ricchezza per tutti ……e tanto tanto inglese!
  22. 22. La nostra esperienza in una miniclip La festa di arrivederci con le famiglie La parola ai genitori di altre nazionalità e culture
  23. 23. MAGGIO – MESE DELLA LEGALITA’ Stefania LOMBARDI – Daniela ROMANO IV Circolo Cava – Giovanna ANCORA NIGLIO Pres. UNICEF Sez. Salerno La Rete va Verso una Scuola AMICA Approfondire Gli obiettivi globali per lo sviluppo sostenibile che i 193 Stati Membri dell’O.N.U. hanno sottoscritto Promuovere Le competenze chiave e di cittadinanza - l’autonomia e l’identità degli alunni valorizzando i talenti e le diversità di ciascuno Mostre Spettacoli Laboratori Incontri Inclusione
  24. 24. LABORATORI Stefania LOMBARDI – Daniela ROMANO IV Circolo Cava – Giovanna ANCORA NIGLIO Pres. UNICEF Sez. Salerno La PIGOTTA Video
  25. 25. Stefania LOMBARDI – Daniela ROMANO IV Circolo Cava – Giovanna ANCORA NIGLIO Pres. UNICEF Sez. Salerno Bambini migranti, bambini sperduti Bimbi nigeriani accolti dalla casa di riposo San Felice dei Cappuccini di Cava de Tirreni hanno trascorso la loro giornata con i bambini della scuola Il Barcone della Solidarietà costruito dai ragazzi dell’associazio ne cattolica di Vietri La presidente dell’UNICEF sez. di Salerno, illustra le attività dell’organizzazi one Genitori al lavoro per ricostruire la scenografia dello sbarco dei migranti
  26. 26. L’ORCHESTRA Stefania LOMBARDI – Daniela ROMANO IV Circolo Cava – Giovanna ANCORA NIGLIO Pres. UNICEF Sez. Salerno L’ORCHESTRA DELLA SCUOLA PRIMARIA DIRETTA DA UNA RISORSA INTERNA DELLA SCUOLA , ORNELLA NASTI In una classe dove la presenza di un alunno diversamente abile suscitava paure per l’incolumità degli alunni, il bambino riuscendo ad avere un ruolo all’interno dell’orchestra con la stessa impulsività che prima lo spingeva ad essere aggressivo solleva in aria un compagno più timido godendo del suo successo. La tensione si allenta, i genitori sono entusiasti. Abbiamo trovato il canale giusto
  27. 27. RISULTATI ? Stefania LOMBARDI – Daniela ROMANO IV Circolo Cava – Giovanna ANCORA NIGLIO Pres. UNICEF Sez. Salerno Le classi aperte sono diventate irrinunciabili, facendo dialogare bambini e bambine, genitori, esperti, associazioni di volontariato, chiesa, docenti, stranieri. Ogni bambino ha potuto tradurre conoscenze e abilità acquisite in compiti di realtà sentendosi competente e felice. La scuola che vorrei è proprio così. I HAVE A DREAM
  28. 28. “Cantiamo diversamente, Cantiamo oltre i confini” La nostra comunità scolastica, appartenente alla rete nazionale ”Scuole Senza Zaino”, si ispira in toto ai valori fondamentali del sistema: ospitalità, responsabilità, comunità. Queste pratiche garantiscono la realizzazione di una scuola inclusiva e in una scuola come quella di San Marzano S/, a forte flusso migratorio, il successo della scuola comunità-accogliente si è realizzato innanzitutto per mezzo della MUSICA, prima disciplina capace di realizzare un apprendimento ed un orientamento motivazionale.
  29. 29. Cantiamo Diversamente La musica e il canto sono l’unica chiave capace di interpretare e penetrare le diverse realtà, di superare i sentimenti negativi e amplificare quelli positivi.
  30. 30. Cantiamo insieme oltre i Confini Il laboratorio musicale è lo spazio autentico per creare la comunicazione e condividere le emozioni dei diversi colori e diverse abilità
  31. 31. La cultura dell’inclusione L’unicità delle diversità VADEMECUM PER LA QUALITA’ E IL MIGLIORAMENTO DELL’INCLUSIONE Istituto comprensivo Giovanni Paolo II di Salerno SCUOLA POLO PER INCLUSIONE – Ambito SA23 - già CTI Centro territoriale per l’Inclusione Dirigente scolastico Prof.ssa Maristella D.R.Fulgione
  32. 32. CAPITOLI AUTOANALISI PER IL MIGLIORAMENTO E LA QUALITA’ DELL’INCLUSIONE METODOLOGIE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI INCLUSIVITA’ DI ISTITUTO PIANO DI MIGLIORAMENTO INCLUSIONE
  33. 33. MODALITA’ OPERATIVE E VALUTAZIONE DOCUMENTAZIONE ASPETTI ORGANIZZATIVI GESTIONALI PAI PIANO ANNUALE INCLUSIONE PROTOCOLLI ACCOGLIENZAALUNNI DISABILI ALUNNI CON DSA ALUNNI STRANIERI ALUNNI ADOTTATI METODOLOGIE Decreto legislativo 13 aprile 2017 n. 66 Norme per la promozione dell’inclusione scolastica…. GLIR- Gruppo lavoro interistituzionale regionale presso USR GIT – Gruppo Inclusione territoriale GLI – Gruppo lavoro Inclusione SCUOLE POLO PER L’INCLUSIONE PER OGNI AMBITO TERRITORIALE
  34. 34. Azioni in rete Rilevazione del fenomeno nelle scuole LISACA Formazione in rete per i Referenti e i docenti di classi con alunni adottati, attravers Scuola e adozione: le Linee di indirizzo e la complessità del fenomeno Problematiche di natura psicopedagogica e cognitiva Strategie operative: progettare e valutare, affrontare i temi sensibili, coinvolgere i genitori in percorsi di classe Ginevra de Majo - Andrea Starace - Luisa Sica Paese di provenienza Numero di alunni, età e classe Modalità di inserimento e difficoltà incontrate
  35. 35. Azioni in rete AMBITI DI LAVORO BUROCRATICO AMMINISTRATIVO - Fase di iscrizione - Documentazione e dati sensibili - Assegnazione alla classe - Tempi e modalità di inserimento COMUNICATVO RELAZIONALE - Raccolta informazioni - Colloqui Strutturati con la famiglia - Pre-accoglienza - Accoglienza - Percorsi di inclusione - Continuità EDUCATIVO DIDATTICO - Concordare strategie educative specifiche - Analisi dei libri di testo - Stesura di eventuale PDP - Concordare con i genitori e/o gli specialisti percorsi in classe - Corsi L2 specifici e progetti di Intercultura MODELLO PER LA RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI Dati da acquisire: - Tipo di adozione e provenienza - Dati anagrafici - Data di ingresso in famiglia - Pregressa scolarizzazione - Riferimenti dei Servizi Territoriali Ginevra de Majo - Andrea Starace - Luisa Sica di un Protocollo di accoglienza «aperto» assi da adattare alla propria realtà
  36. 36. Le scuole della rete Li.sa.ca. INSIEME per promuovere una generazione creativa che sia rispettosa della propria e dell’altrui cultura Grazie

×