Ferraro seminario faro 04 05- 2012

711 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
711
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ferraro seminario faro 04 05- 2012

  1. 1. M.I.U.R   Unione EuropeaSalvatore Ferraro
  2. 2. AG   CT   CL   EN   ME   PA   RG   SR   TP   CS   RC   TOT   D.D.   2   4   1   26   3   2   2   40   I.C.   3   9   2   3   25   3   4   2   51  S.S.1°     1   2   1   13   1   1   19  S.S.2°     2   1   3   7   5   1   19   TOT   6   17    1   4   6   71   12   4   4   1   3   129  
  3. 3.   Mancato confronto fra scuola e società, fra cultura e conoscenza contemporanea.  Mancanza di una visione d’insieme del sistema scolastico nazionale e conseguente mancanza di una identità specifica dei vari segmenti scolastici.  Disorientamento e scarsa condivisione rispetto al ruolo delle competenze e dei relativi traguardi da perseguire.  Inadeguatezza della pratiche di progettazione formativa.
  4. 4.   Crescita del know how  Abbattimento della dispersione scolastica  Generalizzazione dei processi di inclusione  Organizzazione più funzionale  Attenzione ai processi e alle procedure  Migliore qualità del servizio offerto  Crescita della cultura della valutazione  Necessità di monitorare e archiviare i dati  Efficace comunicazione con gli stakeholder
  5. 5.   Contesto educativo idoneo alla crescita e alla maturazione dello studente.  Offerta formativa condivisa a livello d’Istituto, attraverso la costruzione di un curricolo orientato alla promozione delle competenze degli studenti.  Progettazione funzionale alla messa in atto dell’offerta formativa e curricolare.  Progettazione didattica, sia coordinata che individuale, adeguata ai traguardi di apprendimento e di comportamento da far raggiungere agli alunni (quegli alunni!).  Azione educativa, didattica e metodologica efficace, motivante, flessibilmente adeguata e adeguabile alle differenti caratteristiche degli studenti.
  6. 6.   Qualistrumenti può mettere in atto il Dirigente scolastico per promuovere sia l’autoanalisi, sia la valutazione esterna (INVALSI)?  Come superare i limiti normativi e la debolezza degli organi collegiali (riforma Aprea)?  Come la valutazione può promuovere innovazione?  Come confrontarsi con la certificazione delle competenze?

×