Successfully reported this slideshow.
Prevenire il diabete mellito tipo2 ? E’ possibile ? Evidenze e strategie  Dottor  Ennio La Rocca HSR G Giglio di Cefalù
Classificazione eziologica del diabete mellito <ul><li>Tipo 1 </li></ul><ul><ul><li>autoimmune </li></ul></ul><ul><ul><li>...
Criteri per la diagnosi di IGT, IFG, DM IGT: intolleranza ai carboidrati IFG: alterata glicemia a digiuno DM: diabete mell...
Diabete mellito: definizione I Condizione patologica eterogenea caratterizzata da  profonde e complesse alterazioni del me...
 
Metabolismo <ul><li>Il  metabolismo  è il complesso delle  reazioni chimiche   e fisiche che avvengono in un  organismo  o...
 
Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Familiarità per diabete (genitori, fratelli, figli) </li></ul>
Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Obesità o sovrappeso associate a sedentarietà </li></ul>
Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2:  La Razza,  Gli aspetti genetici
Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Età superiore a  45 anni </li></ul>
Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Ipertensione arteriosa </li></ul>
Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Storia di diabete mellito gestazionale o macrosomia </li></ul>
Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Storia di IGT o IFG </li></ul><ul><li>Dislipidemia (TG>250 ...
Fattori di rischio per diabete tipo 2 (non modificabili) <ul><li>Etnia (ispanici, asiatici, indiani Pima) </li></ul><ul><l...
<ul><li>Ipertensione arteriosa (>140/90 mmhg) </li></ul><ul><li>Dislipidemia (TG>250 mg/dl, HDL<35 mg/dl) </li></ul><ul><l...
Test di autovalutazione del rischio <ul><li>BMI >27 si=5 </li></ul><ul><li>Età >65 e sedentarietà si=5 </li></ul><ul><li>E...
Test di screening per il diabete mellito (prevenzione secondaria) <ul><li>Il test di screening consigliato per la diagnosi...
<ul><li>Se la glicemia plasmatica a digiuno >126 mg/dl  si può porre diagnosi di diabete mellito, avendo cura di confermar...
<ul><li>Se la glicemia >110 ma <125 mg/dl l’iter diagnostico dovrebbe essere completato con l’OGTT a 75 gr di glucosio. </...
 
<ul><li>Nei soggetti senza fattori di rischio  e di  età >45 anni la glicemia a digiuno -qualora normale in un primo contr...
<ul><li>Nei soggetti a rischio  il test deve  essere eseguito prima dei 45 anni e comunque ripetuto ogni anno. </li></ul>T...
<ul><li>Nei soggetti ad  alto rischio  per diabete (più fattori associati) si può valutare la possibilità di eseguire dire...
Il diabete tipo 2 si può prevenire…..
Strategie di Prevenzione La  OMS  ha deciso di adottare una  “Strategia globale sulla Dieta, Attività fisica e la Salute” ...
<ul><li>Agenti farmacologici in caso di IGT* </li></ul><ul><ul><li>Olristat (studio Xendos), Acarbosio (studio STOP-NIDDM)...
<ul><li>Dieta ipoglicidica </li></ul><ul><ul><li>Tre-cinque pasti con calorie personalizzate </li></ul></ul><ul><li>Terapi...
Identificare un paziente con insulino-resistenza 1 . National Institutes of Health.  Third Report of the National Choleste...
Costi del diabete <ul><li>2.800 euro in media a paziente in Italia, cioè 8,5 miliardi di euro l'anno.  </li></ul><ul><li>N...
Le dimensioni del problema 1)CDC, National Center for Health Statistics, National Health and Nutrition Examination Survey....
The worldwide prevalence of type 2 diabetes is increasing at an alarming rate 143 154 300 0 50 100 150 200 250 300 1997 20...
obesità 100 % 0 Funzione beta cellulare % IGT/IFG Anni dalla diagnosi Iperglicemia postprandiale Diabete mellito tipo 2 - ...
Le complicanze microvascolari 1. UKPDS Group.  Diabetes Res  1990;  13 : 1–11. 2. The Hypertension in Diabetes Study Group...
Le complicanze macrovascolari 1. Wingard DL  et al .  Diabetes Care  1993;  16 : 1022–5. 2. UKPDS Group.  Diabetes Res  19...
GRAZIE Di questo passo non ci sarai alla festa del mio 97 compleanno !
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Ennio La Rocca, Prevenire il diabete mellito

2,181 views

Published on

  • Be the first to comment

Ennio La Rocca, Prevenire il diabete mellito

  1. 1. Prevenire il diabete mellito tipo2 ? E’ possibile ? Evidenze e strategie Dottor Ennio La Rocca HSR G Giglio di Cefalù
  2. 2. Classificazione eziologica del diabete mellito <ul><li>Tipo 1 </li></ul><ul><ul><li>autoimmune </li></ul></ul><ul><ul><li>idiopatico </li></ul></ul><ul><li>Tipo 2 </li></ul><ul><ul><li>Prevalente insulino-resistenza </li></ul></ul><ul><ul><li>Prevalente difetto di secrezione insulinica </li></ul></ul><ul><li>Diabete gestazionale </li></ul><ul><li>LADA (Latent Autoimmune Diabetes in Adults) </li></ul><ul><li>Altri tipi di diabete </li></ul><ul><ul><li>Endocrinopatie, difetti genetici della betacellula, secondario ad infezioni, patologie pancreas esocrino, sindromi associate a diabete, ecc. </li></ul></ul>
  3. 3. Criteri per la diagnosi di IGT, IFG, DM IGT: intolleranza ai carboidrati IFG: alterata glicemia a digiuno DM: diabete mellito OGGT: carico orale di glucosio >200 >140 e <200 <140 Glicemia 2h post-OGTT >126 >110 e <126 <110 Glicemia a Digiuno Diabete (mg/dl) Intolleranza (mg/dl) Normoglicemia (mg/dl)
  4. 4. Diabete mellito: definizione I Condizione patologica eterogenea caratterizzata da profonde e complesse alterazioni del metabolismo, che hanno in comune l’iperglicemia, ma riconoscono cause diverse dovute a carenza assoluta (Diabete insulino-dipendente) o relativa (Diabete non insulino-dipendente) di insulina.
  5. 6. Metabolismo <ul><li>Il metabolismo è il complesso delle reazioni chimiche e fisiche che avvengono in un organismo o in una sua parte. Queste trasformazioni della materia sono reversibili e sono legate a variazioni della condizione energetica. </li></ul>
  6. 8. Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Familiarità per diabete (genitori, fratelli, figli) </li></ul>
  7. 9. Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Obesità o sovrappeso associate a sedentarietà </li></ul>
  8. 10. Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2: La Razza, Gli aspetti genetici
  9. 11. Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Età superiore a 45 anni </li></ul>
  10. 12. Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Ipertensione arteriosa </li></ul>
  11. 13. Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Storia di diabete mellito gestazionale o macrosomia </li></ul>
  12. 14. Fattori di rischio maggiori per diabete mellito tipo 2 <ul><li>Storia di IGT o IFG </li></ul><ul><li>Dislipidemia (TG>250 mg/dl, HDL <40 mg/dl </li></ul><ul><li>Condizioni associate a resistenza insulinica (PCOs) </li></ul>
  13. 15. Fattori di rischio per diabete tipo 2 (non modificabili) <ul><li>Etnia (ispanici, asiatici, indiani Pima) </li></ul><ul><li>Eta >45 anni </li></ul><ul><li>Familiarità I° per diabete tipo 2 </li></ul><ul><li>Donne che hanno partorito feti macrosomici </li></ul><ul><li>Pregresso diabete gestazionale </li></ul><ul><li>Peso alla nascita >4Kg o <2.5Kg </li></ul><ul><li>Storia di aborti multipli </li></ul>
  14. 16. <ul><li>Ipertensione arteriosa (>140/90 mmhg) </li></ul><ul><li>Dislipidemia (TG>250 mg/dl, HDL<35 mg/dl) </li></ul><ul><li>Sovrappeso o obesità (BMI>27) </li></ul><ul><li>Sedentarietà </li></ul><ul><li>Abitudini alimentari (dieta ipercalorica/iperlipidica) </li></ul><ul><li>IFG o IGT </li></ul><ul><li>Iperinsulinemia </li></ul>Fattori di rischio per diabete tipo 2 (modificabili) IGT: intolleranza ai carboidrati IFG: alterata glicemia a digiuno
  15. 17. Test di autovalutazione del rischio <ul><li>BMI >27 si=5 </li></ul><ul><li>Età >65 e sedentarietà si=5 </li></ul><ul><li>Età 45-65 si=5 </li></ul><ul><li>Età >65 anni si=9 </li></ul><ul><li>Anamnesi di macrosomia si=1 </li></ul><ul><li>Fratello o sorella diabetici si=1 </li></ul><ul><li>Genitore diabetico si=1 </li></ul>Punteggio: 3-9 basso rischio; >10 alto rischio
  16. 18. Test di screening per il diabete mellito (prevenzione secondaria) <ul><li>Il test di screening consigliato per la diagnosi di diabete è la glicemia plasmatica a digiuno (Fasting Plasma Glucose). </li></ul>
  17. 19. <ul><li>Se la glicemia plasmatica a digiuno >126 mg/dl si può porre diagnosi di diabete mellito, avendo cura di confermare il risultato in altra giornata. </li></ul>Test di screening per il diabete mellito (prevenzione secondaria)
  18. 20. <ul><li>Se la glicemia >110 ma <125 mg/dl l’iter diagnostico dovrebbe essere completato con l’OGTT a 75 gr di glucosio. </li></ul>Test di screening per il diabete mellito (prevenzione secondaria)
  19. 22. <ul><li>Nei soggetti senza fattori di rischio e di età >45 anni la glicemia a digiuno -qualora normale in un primo controllo – dovrebbe essere ripetuta ogni tre anni. </li></ul>Test di screening per il diabete mellito (prevenzione secondaria)
  20. 23. <ul><li>Nei soggetti a rischio il test deve essere eseguito prima dei 45 anni e comunque ripetuto ogni anno. </li></ul>Test di screening per il diabete mellito (prevenzione secondaria)
  21. 24. <ul><li>Nei soggetti ad alto rischio per diabete (più fattori associati) si può valutare la possibilità di eseguire direttamente l’OGTT. </li></ul>Test di screening per il diabete mellito (prevenzione secondaria)
  22. 25. Il diabete tipo 2 si può prevenire…..
  23. 26. Strategie di Prevenzione La OMS ha deciso di adottare una “Strategia globale sulla Dieta, Attività fisica e la Salute” , (Assemblea Mondiale della Sanità del maggio 2002) Il NIH (National Institute of Health-USA) ha elaborato le linee guida su “Identificazione, Valutazione e Trattamento del sovrappeso e dell’obesità negli adulti” Il Ministero della Salute italiano ha dedicato un Progetto-obiettivo 9 specifico all’interno del Piano Sanitario Nazionale 2002-2004, dal titolo “Promuovere gli stili di vita salutari, la prevenzione e la comunicazione pubblica sulla salute”
  24. 27. <ul><li>Agenti farmacologici in caso di IGT* </li></ul><ul><ul><li>Olristat (studio Xendos), Acarbosio (studio STOP-NIDDM), Metformina (DPP) </li></ul></ul>
  25. 28. <ul><li>Dieta ipoglicidica </li></ul><ul><ul><li>Tre-cinque pasti con calorie personalizzate </li></ul></ul><ul><li>Terapia ipoglicemizzante orale </li></ul><ul><ul><li>Antiperglicemici e/o ipoglicemizzanti puri </li></ul></ul><ul><li>Terapia insulinica </li></ul><ul><ul><li>Schemi insulinici multiniettivi </li></ul></ul><ul><li>Misure aggiuntive </li></ul><ul><ul><li>Trattamento dei fattori di rischio associati </li></ul></ul><ul><ul><li>Educazione all’autocontrollo e alla autogestione </li></ul></ul>Il diabete tipo 2 si può curare…..
  26. 29. Identificare un paziente con insulino-resistenza 1 . National Institutes of Health. Third Report of the National Cholesterol Education Program Expert Panel on Detection, Evaluation and Treatment of High Blood Cholesterol in Adults (Adult Treatment Panel III). National Institutes for Health, 2001. <ul><li>Obesità addominale: </li></ul><ul><li>circonferenza addominale > 102 cm nell’uomo, > 88 cm nella donna </li></ul><ul><li>Pressione arteriosa > 130/85 mmHg </li></ul><ul><li>Glicemia a digiuno > 109,8 mg/dL </li></ul><ul><li>Colesterolo HDL: </li></ul><ul><li>< 18,72 mg/dL nell’uomo, </li></ul><ul><li>< 23,22 mg/dL nella donna </li></ul><ul><li>Trigliceridi > 30,42 mg/dL </li></ul>Criteri per la diagnosi di sindrome metabolica:
  27. 30. Costi del diabete <ul><li>2.800 euro in media a paziente in Italia, cioè 8,5 miliardi di euro l'anno. </li></ul><ul><li>Necessità della prevenzione </li></ul>
  28. 31. Le dimensioni del problema 1)CDC, National Center for Health Statistics, National Health and Nutrition Examination Survey. Health, United States, 2002. Flegal et. al. JAMA. 2002;288:1723-7. NIH, National Heart, Lung, and Blood Institute, Clinical Guidelines on the Identification, Evaluation and Treatment of Overweight and Obesity in Adults, 1998. 2) Gallus S, Colombo P, Scarpino V, Zuccaro P, Negri E, Apolone G, Vecchia CL, Overweight and obesity in italian adults 2004, and an overview of trends since 1983, Eur J clin Nutr. 2006 Oct; 60 (10): 1174- 1179 3) Cacciari E, Milani S, Balsamo A, Dalmacco F, De Luca F, Chiarelli F, Pasquino AM, Tonini G, Vanelli M, Italian cross-sectional growth charts for height, weight and BMI, Eur J Clin Nutr 2002; 56:171-180. Ad oggi in Italia ci sono 15 milioni di persone sovrappeso e 4 milioni di obesi 1 2% (m) 1% (f) 17% (m) 10% (f) Bambini e adolescenti 3 8,2% 31,3% Adulti 2 IT AL IA 15,4% 17% Bambini e adolescenti 1 31,1% 64,5% Adulti 1 U. S. A. Obesi Sovrappeso Fasce di età
  29. 32. The worldwide prevalence of type 2 diabetes is increasing at an alarming rate 143 154 300 0 50 100 150 200 250 300 1997 2000 2025 Kumanyika et al. Int J Obes 2002 Year Adults (million) worldwide with type 2 diabetes
  30. 33. obesità 100 % 0 Funzione beta cellulare % IGT/IFG Anni dalla diagnosi Iperglicemia postprandiale Diabete mellito tipo 2 - 12 -10 -6 –2 0 2 6 10 14 Diabete mellito tipo 2 Diabete mellito tipo 2 Storia naturale del DMT2 Iperglicemia non controllata
  31. 34. Le complicanze microvascolari 1. UKPDS Group. Diabetes Res 1990; 13 : 1–11. 2. The Hypertension in Diabetes Study Group. J Hypertens 1993; 11 : 309–317. Disfunzione Erettile 1 20% Retinopatia 1 21% Neuropatia 1 12% Nefropatia 2 18%
  32. 35. Le complicanze macrovascolari 1. Wingard DL et al . Diabetes Care 1993; 16 : 1022–5. 2. UKPDS Group. Diabetes Res 1990; 13 : 1–11. Ipertensione arteriosa 2 Precedente anamnesi positiva di ictus 1 Anomalie all’ECG 2 Assenza dei polsi periferici 2 18% 1 3 % 7% 35% Claudicatio intermittens 1 4.5%
  33. 36. GRAZIE Di questo passo non ci sarai alla festa del mio 97 compleanno !

×