La	
  rendicontazione	
  sociale	
  delle	
  
Is0tuzioni	
  scolas0che	
  come	
  
occasione	
  di	
  trasparenza,	
  di	
...
IL	
  PROCEDIMENTO	
  DI	
  VALUTAZIONE	
  
(art.6	
  DPR	
  80/2013)	
  
AUTOVALUTAZIONE	
  
Analisi	
  da0	
  forni0	
  ...
GLI	
  ARTICOLI	
  DEL	
  REGOLAMENTO	
  
ART.	
  6	
  –	
  IL	
  PROCEDIMENTO	
  DI	
  VALUTAZIONE	
  
d)	
  rendicontazi...
LA	
  RENDICONTAZIONE	
  SOCIALE	
  
ILLUSTRARE	
  COSA	
  SI	
  È	
  FATTO	
  NELL’ESERCIZIO	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	...
LE	
  RADICI	
  
L'abvità	
  amministra0va	
  persegue	
  i	
  fini	
  determina0	
  dalla	
  legge	
  
ed	
  è	
  re[a	
  ...
LE	
  RADICI	
  
Eguaglianza,	
  imparzialità,	
  con0nuità,	
  diri[o	
  di	
  scelta,	
  
partecipazione,	
  efficienza,	
...
DIRETTIVA	
  DEL	
  MINISTRO	
  PER	
  LA	
  FUNZIONE	
  PUBBLICA	
  
17	
  Febbraio	
  2006	
  
DAR	
  CONTO	
  DEL	
  CO...
DIRETTIVA	
  DEL	
  MINISTRO	
  PER	
  LA	
  FUNZIONE	
  PUBBLICA	
  
17	
  Febbraio	
  2006	
  
Il	
  bilancio	
  sociale...
DIRETTIVA	
  DEL	
  MINISTRO	
  PER	
  LA	
  FUNZIONE	
  PUBBLICA	
  
17	
  Febbraio	
  2006	
  
IL	
  BILANCIO	
  SOCIALE...
DIRETTIVA	
  DEL	
  MINISTRO	
  PER	
  LA	
  FUNZIONE	
  PUBBLICA	
  
17	
  Febbraio	
  2006	
  
PRESUPPOSTI	
  PER	
  L’	...
DIRETTIVA	
  DEL	
  MINISTRO	
  PER	
  LA	
  FUNZIONE	
  PUBBLICA	
  
17	
  Febbraio	
  2006	
  
POSSIBILE	
  STRUTTURA	
 ...
DIRETTIVA	
  DEL	
  MINISTRO	
  PER	
  LA	
  FUNZIONE	
  PUBBLICA	
  
17	
  Febbraio	
  2006	
  
FASI	
  
1. Definizione	
 ...
CONCETTI	
  CORRELATI	
  
RESPONSABILITÀ	
  	
  
ETICA	
  	
  	
  	
  	
  	
  
CREAZIONE	
  DI	
  
VALORE	
  PUBBLICO	
  
...
INFLUSSI	
  RECENTI	
  
DECRETO	
  LEGISLATIVO	
  N.	
  150/2009,	
  art.	
  4	
  
Le	
  fasi	
  di	
  ges0one	
  del	
  c...
STRUTTURA	
  	
  E	
  CONTENUTI	
  DEL	
  PIANO	
  DELLA	
  PERFORMANCE	
  
(Delibera	
  CiVIT	
  n.	
  112/2010)	
  
1.  ...
INFORMAZIONI	
  DI	
  INTERESSE	
  PER	
  I	
  CITTADINI	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  
E	
  ...
L’IDENTITÀ	
  DELL’ORGANIZZAZIONE	
  
	
  (Delibera	
  CiVIT	
  n.	
  112/2010)	
  
L’AMMINISTRAZIONE	
  
IN	
  CIFRE	
  
...
ANALISI	
  DEL	
  CONTESTO	
  
	
  (Delibera	
  CiVIT	
  n.	
  112/2010)	
  	
  
ESTERNO	
   INTERNO	
  
VARIABILI	
  DI	
...
GLI	
  OBIETTIVI	
  STRATEGICI	
  
	
  (Delibera	
  CiVIT	
  n.	
  112/2010)	
  
OBIETTIVI	
  DI	
  PARTICOLARE	
  RILEVAN...
GLI	
  OBIETTIVI	
  OPERATIVI	
  
	
  (Delibera	
  CiVIT	
  n.	
  112/2010)	
  
OGNI	
  OBIETTIVO	
  STRATEGICO	
  E’	
  A...
ASSICURARE	
  LA	
  COMPRENSIBILITÀ	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
  	
 ...
CONTESTUALIZZAZIONE	
  DEL	
  BILANCIO	
  SOCIALE	
  
NELLA	
  SCUOLA	
  
Il	
  bilancio	
  sociale	
  è	
  una	
  sorta	
...
ESEMPI	
  DI	
  STRUTTURA	
  
La	
  scuola	
  rende	
  conto.	
  Idee	
  e	
  strumen1	
  per	
  la	
  costruzione	
  del	...
VANTAGGI	
  PER	
  LA	
  SCUOLA	
  
CRESCITA	
  DI	
  CONSAPEVOLEZZA	
  E	
  
RESPONSABILIZZAZIONE	
  
SVILUPPO	
  CULTURA...
NODI	
  CRITICI	
  
EVITARE	
  RISCHIO	
  AUTOCELEBRAZIONE	
  
COSTRUIRE	
  RAPPORTI	
  DI	
  SENSO	
  TRA	
  MISSION,	
  ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Dino cristanini, bilancio sociale

777 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
777
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
47
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Dino cristanini, bilancio sociale

  1. 1. La  rendicontazione  sociale  delle   Is0tuzioni  scolas0che  come   occasione  di  trasparenza,  di   racconto  comunica0vo,  di   miglioramento  e  di  condivisione   Dino  Cristanini   Palermo,  21  maggio  2014  
  2. 2. IL  PROCEDIMENTO  DI  VALUTAZIONE   (art.6  DPR  80/2013)   AUTOVALUTAZIONE   Analisi  da0  forni0  da  sistema  informa0vo   Miur  e  da  Invalsi     Rapporto  di  autovalutazione  sulla  base  di   quadro  rif.  fornito  da  Invalsi  +  elemen0   significa0vi  individua0  da  scuola   Formulazione  piano  miglioramento   VALUTAZIONE  ESTERNA   Individuazione  scuole  da  verificare   Visite  nuclei  valutazione  esterna   Ridefinizione  piani  miglioramento   AZIONI  DI  MIGLIORAMENTO   Anche  con  supporto  Indire,  università,   en0  di  ricerca,  associazioni  professionali  e   culturali   RENDICONTAZIONE  SOCIALE   Pubblicazione  e  diffusione  risulta0   raggiun0  
  3. 3. GLI  ARTICOLI  DEL  REGOLAMENTO   ART.  6  –  IL  PROCEDIMENTO  DI  VALUTAZIONE   d)  rendicontazione  sociale  delle  is0tuzioni  scolas0che    1)  pubblicazione,  diffusione  dei  risulta0  raggiun0,  a[raverso   indicatori  e  da0  comparabili,  sia  in  una  dimensione  di   trasparenza  sia  in  una  dimensione  di  condivisione  e   promozione  al  miglioramento  del  servizio  con  la  comunità  di   appartenenza.    
  4. 4. LA  RENDICONTAZIONE  SOCIALE   ILLUSTRARE  COSA  SI  È  FATTO  NELL’ESERCIZIO                                 DI  UNA  RESPONSABILITÀ  PUBBLICA   SPIEGARE  IN  QUALE  CONTESTO  SI  È  OPERATO,                           LE  SCELTE  EFFETTUATE,  LE  RISORSE  UTILIZZATE,                     I  RISULTATI  OTTENUTI   RENDERE  TRASPARENTE  E  INTELLIGIBILE  L’AZIONE   DELLA  PUBBLICA  AMMINISTRAZIONE,     CONSENTIRE  AI  DIVERSI  INTERLOCUTORI                                                         DI  COMPRENDERNE  E  VALUTARNE  GLI  EFFETTI  
  5. 5. LE  RADICI   L'abvità  amministra0va  persegue  i  fini  determina0  dalla  legge   ed  è  re[a  da  criteri  di  economicità,  di  efficacia  e  di  pubblicità   Legge  7  agosto  1990,  n.  241,  Nuove  norme  in  materia  di  procedimento   amministra1vo  e  di  diri2o  di  accesso  ai  documen1  amministra1vi   v.  ora  anche  D.Lgs.  14  marzo  2013,  n.33,  Riordino  della  disciplina  riguardante  gli   obblighi  di  pubblicità,  trasparenza  e  diffusione  di  informazioni  da  parte  delle   pubbliche  amministrazioni   La  trasparenza  è  intesa  come  accessibilità  totale  delle   informazioni  concernen0  l'organizzazione  e  l'abvità  delle   pubbliche  amministrazioni,  allo  scopo  di  favorire  forme   diffuse  di  controllo  sul  perseguimento  delle  funzioni   is0tuzionali  e  sull'u0lizzo  delle  risorse  pubbliche  
  6. 6. LE  RADICI   Eguaglianza,  imparzialità,  con0nuità,  diri[o  di  scelta,   partecipazione,  efficienza,  efficacia,  adozione  di   standard  e  di  piani  per  il  miglioramento  progressivo   degli  standard,  semplificazione  delle  procedure,   informazione  agli  uten0,  rappor0  di  rispe[o  e   cortesia  nei  confron0  degli  uten0,  dovere  di   valutare  la  qualità  dei  servizi   Direbva  del  Presidente  del  Consiglio  dei  Ministri  del  27  gennaio  1994   Principi  sull’erogazione  dei  servizi  pubblici    
  7. 7. DIRETTIVA  DEL  MINISTRO  PER  LA  FUNZIONE  PUBBLICA   17  Febbraio  2006   DAR  CONTO  DEL  COMPLESSO  DELLE  ATTIVITÀ   DELL’AMMINISTRAZIONE  E  RAPPRESENTARE   IN  UN  QUADRO  UNITARIO  IL  RAPPORTO  TRA   VISIONE  POLITICA,  OBIETTIVI,  RISORSE  E   RISULTATI.  
  8. 8. DIRETTIVA  DEL  MINISTRO  PER  LA  FUNZIONE  PUBBLICA   17  Febbraio  2006   Il  bilancio  sociale  è  definibile  come  il   documento,  da  realizzare  con  cadenza   periodica,  nel  quale  l’amministrazione   riferisce,  a  beneficio  di  tub  i  suoi   interlocutori  priva0  e  pubblici,  le  scelte   operate,  le  abvità  svolte  e  i  servizi  resi,   dando  conto  delle  risorse  a  tal  fine  u0lizzate,   descrivendo  i  suoi  processi  decisionali  e   opera0vi.  
  9. 9. DIRETTIVA  DEL  MINISTRO  PER  LA  FUNZIONE  PUBBLICA   17  Febbraio  2006   IL  BILANCIO  SOCIALE  PUÒ  CONTRIBUIRE  A  MIGLIORARE:   •  la  dimensione  contabile,  in  quanto  può  integrare  e  rivitalizzare  il  sistema  di   rendicontazione  dell’uso  delle  risorse  economico-­‐finanziarie  già  ado[ato   secondo  le  diverse  discipline  norma0ve  vigen0;     •  la  dimensione  comunica0va,  ponendosi,  per  il  suo  contenuto,  al  centro  delle   relazioni  con  i  portatori  di  interesse;     •  la  dimensione  della  responsabilità  poli0ca,  poiché  si  inserisce  nel  sistema  della   rappresentanza,  a[raverso  una  maggiore  trasparenza  e  visibilità  delle  scelte   poli0che  e  una  possibilità  di  valutazione  della  capacità  di  governo;     •  la  dimensione  di  funzionamento,  in  quanto  responsabilizza  le  amministrazioni   alla  sostenibilità  della  spesa  pubblica,  anche  con  riferimento  ai  nuovi  vincoli  pos0   dal  pa[o  di  stabilità  europeo  e  dalle  azioni  di  risanamento  del  deficit  pubblico;     •  la  dimensione  strategico-­‐organizza0va,  come  strumento  efficace  per  riorientare,   nell’obca  del  ci[adino,  i  processi  di  pianificazione,  programmazione  e  controllo   e  per  ripensare  l’asse[o  organizza0vo  dell’ente;     •  la  dimensione  professionale,  in  quanto  orienta  l’organizzazione  del  lavoro                                               alla  consapevolezza  e  al  miglioramento  dei  risulta0  prodob  per  i  des0natari,   valorizzando  e  sviluppando  le  competenze  e  le  professionalità  e  fornendo                                       nuove  occasioni  di  mo0vazione  e  di  responsabilizzazione  degli  operatori.    
  10. 10. DIRETTIVA  DEL  MINISTRO  PER  LA  FUNZIONE  PUBBLICA   17  Febbraio  2006   PRESUPPOSTI  PER  L’  ADOZIONE  DEL  BILANCIO  SOCIALE   •  chiara  formulazione  dei  valori  e  delle  finalità  che  presiedono   alla  propria  azione  e  iden0ficazione  dei  programmi,  piani  e   progeb  in  cui  si  ar0cola   •  a[ribuzione  delle  responsabilità  poli0che  e  dirigenziali   •  esistenza  di  un  sistema  informa0vo  in  grado  di  supportare   efficacemente  l’abvità  di  rendicontazione     •  coinvolgimento  interno  degli  organi  di  governo  e  della   stru[ura  amministra0va   •   coinvolgimento  della  comunità  nella  valutazione  degli  esi0  e   nella  individuazione  degli  obiebvi  di  miglioramento     •  allineamento  e  integrazione  degli  strumen0  di   programmazione,  controllo,  valutazione  e  rendicontazione   ado[a0  dall’amministrazione     •  con0nuità  dell’inizia0va  
  11. 11. DIRETTIVA  DEL  MINISTRO  PER  LA  FUNZIONE  PUBBLICA   17  Febbraio  2006   POSSIBILE  STRUTTURA     Presentazione  iniziale  del  documento       Nota  metodologica  sul  processo  di  rendicontazione       Informazioni  rela0ve  ai  seguen0  ambi0:   •  valori  di  riferimento,  visione  e  programma   dell’amministrazione:  l’amministrazione  esplicita  la  propria   iden0tà  a[raverso  i  valori,  la  missione  e  la  visione  che   orientano  la  sua  azione,  chiarisce  gli  indirizzi  che  intende   perseguire  e  le  priorità  di  intervento   •  poli0che  e  servizi  resi:  l’amministrazione  rende  conto  del   proprio  operato  nelle  diverse  aree  di  intervento  e  dei   risulta0  consegui0  in  relazione  agli  obiebvi  dichiara0   •  risorse  disponibili  e  u0lizzate:  l’amministrazione  dà  conto   delle  risorse  u0lizzate,  delle  azioni  poste  in  essere  e  dei   risulta0  consegui0  con  la  loro  ges0one.    
  12. 12. DIRETTIVA  DEL  MINISTRO  PER  LA  FUNZIONE  PUBBLICA   17  Febbraio  2006   FASI   1. Definizione  del  sistema  di  rendicontazione,  ovvero  della  sua  stru[ura  di  base,   in  cui  si  esplicita  la  visione  e  il  programma  dell’amministrazione  e  le  diverse  aree   di  rendicontazione,  definendo  per  ciascuna  di  esse  gli  elemen0  informa0vi  e  gli   indicatori  necessari.   2. Rilevazione  delle  informazioni,  ovvero  la  raccolta  delle  informazioni  e  dei  da0,   che  deve  necessariamente  essere  integrata  con  il  proprio  sistema  di   programmazione  e  controllo.   3. Redazione  e  approvazione  del  documento,  ovvero  la  stru[urazione  delle   informazioni  qualita0ve  e  quan0ta0ve  in  un  documento  dell’organo  di  governo   dell’amministrazione.   4. Comunicazione  del  bilancio  sociale,  ovvero  la  pianificazione  e  la  realizzazione   delle  azioni  di  diffusione  e  di  partecipazione  del  bilancio  sociale  all’interno  e   all’esterno  dell’amministrazione.  
  13. 13. CONCETTI  CORRELATI   RESPONSABILITÀ     ETICA             CREAZIONE  DI   VALORE  PUBBLICO   TRASPARENZA   COMUNICAZIONE   INFORMAZIONE   INTERAZIONE   APERTURA   COLLABORAZIONE   PARTECIPAZIONE   MIGLIORAMENTO  
  14. 14. INFLUSSI  RECENTI   DECRETO  LEGISLATIVO  N.  150/2009,  art.  4   Le  fasi  di  ges0one  del  ciclo  della  performance   a)  definizione  e  assegnazione  degli  obiebvi  che  si  intendono   raggiungere,  dei  valori  a[esi  di  risultato  e  dei  rispebvi  indicatori   b)  collegamento  tra  gli  obiebvi  e  l’allocazione  delle  risorse   c)  monitoraggio  in  corso  di  esercizio  e  abvazione  di  eventuali   interven0  correbvi   d)  misurazione  e  valutazione  della  performance,  organizza0va                         e  individuale         e)  u0lizzo  dei  sistemi  premian0,  secondo  criteri  di  valorizzazione         del  merito   f)  rendicontazione  dei  risulta0  agli  organi  di  indirizzo  poli0co-­‐ amministra0vo,  ai  ver0ci  delle  amministrazioni,  nonché                                   ai  competen0  organi  esterni,  ai  ci[adini,  ai  soggeb  interessa0,             agli  uten0  e  ai  des0natari  dei  servizi  
  15. 15. STRUTTURA    E  CONTENUTI  DEL  PIANO  DELLA  PERFORMANCE   (Delibera  CiVIT  n.  112/2010)   1.  Presentazione  del  Piano  e  indice   2.  Informazioni  di  interesse  per  i  ci[adini  e  gli   stakeholder  esterni   3.  Definizione  dell’iden0tà  dell’organizzazione   4.  Analisi  del  contesto  esterno  e  interno   5.  Definizione  degli  obiebvi  strategici  e  delle  strategie   6.  Definizione  degli  obiebvi  opera0vi   7.  Comunicazione  del  Piano  all’interno  e  all’esterno.             Il  processo  seguito  e  le  azioni  di  miglioramento   8.  Allega0  tecnici  
  16. 16. INFORMAZIONI  DI  INTERESSE  PER  I  CITTADINI                               E  GLI  STAKEHOLDER  ESTERNI    (Delibera  CiVIT  n.  112/2010)     CHI  SIAMO   PRINCIPALI  CARATTERISTICHE   ORGANIZZATIVE  E  GESTIONALI     DELL’AMMINISTRAZIONE   COSA  FACCIAMO   PRINCIPALI  AREE  DI  INTERVENTO   OUTCOME  E  RISULTATI  DI  INTERESSE     PER  GLI  STAKEHOLDER   COME  OPERIAMO   MODALITA’  OPERATIVE     DI  PERSEGUIMENTO     DEGLI  OUTCOME  
  17. 17. L’IDENTITÀ  DELL’ORGANIZZAZIONE    (Delibera  CiVIT  n.  112/2010)   L’AMMINISTRAZIONE   IN  CIFRE   NUMERO  DIPENDENTI   RISORSE  FINANZIARIE  ASSEGNATE   NUMERO  STRUTTURE  TERRITORIALI   UTENTI  SERVITI   ……   IL  MANDATO  ISTITUZIONALE   E  LA  MISSIONE   ATTRIBUZIONI  E  COMPETENZE   ISTITUZIONALI   MISSIONE  (INTERPRETAZIONE  DEL   MANDATO):  cosa  vogliamo  fare  e  perché   lo  facciamo.  CAPISALDI  CHE  GUIDANO  LA   DEFINIZIONE  DEGLI  OBIETTIVI   L’ALBERO     DELLA  PERFORMANCE   MAPPA  LOGICA  CHE  RAPPRESENTA  I   LEGAMI  TRA  MANDATO  ISTITUZIONALE,   MISSIONE,  AREE  STRATEGICHE,  OBIETTIVI   STRATEGICI  E  PIANI  OPERATIVI  
  18. 18. ANALISI  DEL  CONTESTO    (Delibera  CiVIT  n.  112/2010)     ESTERNO   INTERNO   VARIABILI  DI  TIPO    ECONOMICO,    SOCIALE,     TECNOLOGICO,  AMBIENTALE   STAKEHOLDER  CHE   -­‐ CONTRIBUISCONO  ALLA  REALIZZAZIONE   DELLA  MISSIONE  ISTITUZIONALE   -­‐   POSSONO  INFLUENZARE  IL   RAGGIUNGIMENTO  DEGLI  OBIETTIVI   -­‐   VENGONO  INFLUENZATI  DALLE  SCELTE  E   DALLE  ATTIVITA’    DELL’  AMMINISTRAZIONE   POSSIBILI  PARTER   ORGANIZZAZIONE   RISORSE  STRUMENTALI     ED  ECONOMICHE   RISORSE  UMANE   SALUTE  FINANZIARIA  
  19. 19. GLI  OBIETTIVI  STRATEGICI    (Delibera  CiVIT  n.  112/2010)   OBIETTIVI  DI  PARTICOLARE  RILEVANZA  RISPETTO                         AI  BISOGNI  E  ALLE  ATTESE  DEGLI  STAKEHOLDER   TRADUCONO  L’IDENTITA’  IN  OBIETTIVI     GLI  OBIETTIVI  DI  EFFICACIA  ED  EFFICIENZA   DELL’ATTIVITA’  ISTITUZIONALE  ORDINARIA  HANNO   CARATTERE  PERMANENTE   AGLI  OBIETTIVI  STRATEGICI  SONO  COLLEGATI     UNO  O  PIU’  INDICATORI  
  20. 20. GLI  OBIETTIVI  OPERATIVI    (Delibera  CiVIT  n.  112/2010)   OGNI  OBIETTIVO  STRATEGICO  E’  ARTICOLATO  IN  OBIETTIVI   OPERATIVI   PER  OGNI  OBIETTIVO  OPERATIVO  OCCORRE  DEFINIRE  AZIONI,   TEMPI,  RISORSE,  RESPONSABILITA’   AD  OGNI  OBIETTIVO  OPERATIVO  OCCORRE  ASSOCIARE  UNO  O   PIU’  INDICATORI   AD  OGNI  INDICATORE  OCCORRE  ASSOCIARE  UN  TARGET   (VALORE  PROGRAMMATO  O  ATTESO)  
  21. 21. ASSICURARE  LA  COMPRENSIBILITÀ                                                                                         DELLA  RAPPRESENTAZIONE  DELLA  PERFORMANCE    (Delibera  CiVIT  n.  112/2010)   RENDERE  ESPLICITA  E  COMPRENSIBILE  LA  PERFORMANCE   ATTESA,  OSSIA  IL  CONTRIBUTO  CHE  L’AMMINISTRAZIONE   INTENDE  APPORTARE  ATTRAVERSO  LA  PROPRIA  AZIONE  ALLA   SODDISFAZIONE  DEI  BISOGNI  DELLA  COLLETTIVITÀ   REDIGERE  IL  DOCUMENTO  IN  MANIERA  TALE  DA  CONSENTIRE   UNA  FACILE  LETTURA  E  COMPRENSIONE  DEI  SUOI  CONTENUTI,   PRESTANDO  PARTICOLARE  ATTENZIONE  AL  LINGUAGGIO,  AL   LIVELLO  DI  SINTESI  ED  ALLE  MODALITÀ  DI  STRUTTURAZIONE   DELLE  INFORMAZIONI  
  22. 22. CONTESTUALIZZAZIONE  DEL  BILANCIO  SOCIALE   NELLA  SCUOLA   Il  bilancio  sociale  è  una  sorta  di  tessuto   connebvo  che  interpreta  e  legge  in   maniera  diversa  i  documen0  già   esisten0   La  scuola  rende  conto.  Idee  e  strumen1  per  la  costruzione  del  bilancio   sociale,  (2011),  Ricerca  promossa  dall’USR  per  la  Lombardia,  Pearson   Bruno  Mondadori  
  23. 23. ESEMPI  DI  STRUTTURA   La  scuola  rende  conto.  Idee  e  strumen1  per  la  costruzione  del  bilancio  sociale,  (2011),   Ricerca  promossa  dall’USR  per  la  Lombardia,  Pearson  Bruno  Mondadori   PRESENTAZIONE  E  NOTE  METODOLOGICHE   Parte  I-­‐  L’iden0tà  is0tuzionale   Il  profilo  storico-­‐evolu0vo    -­‐    La  comunità  di  appartenenza:analisi  del  contesto  di  riferimento  -­‐     Le  a[ese  e  il  supporto  degli  stakeholder  della  scuola  -­‐    Gli  stakeholder  primari:  background  socio-­‐ economico  e  culturale  degli  studen0    -­‐    La  missione,  i  valori  condivisi  e  la  visione  di  sviluppo  -­‐                                                                 L’  asse[o  is0tuzionale  e  organizza0vo   Parte  II-­‐  Le  scelte  e  i  risulta0   Gli  apprendimen0  degli  studen0:  l’impegno  della  scuola  nello  sviluppo  delle  conoscenze  di  base  ;  la   promozione  del  saper  fare  e  delle  abilità  tecnico-­‐applica0ve;  iI  contributo  alla  formazione  delle   competenze  trasversali  degli  studen0  -­‐  Lo  sviluppo  delle  risorse  umane  e  della  professionalità   interabva  -­‐  La  costruzione  di  relazioni  coopera0ve  con  gli  stakeholder  -­‐    Lo  sviluppo  organizza0vo   della  scuola   Parte  III-­‐  Le  risorse  economiche  e  finanziarie   Gli  equilibri  della  ges0one  finanziaria:  indici  del  risultato  di  amministrazione,  indici  di  efficienza  del   processo  amministra0vo,  indici  di  diversificazione  delle  entrate,  indici  di  capacità  imprenditoriale     Il  sistema  del  valore  economico:  mappa  stakeholder/risorse  economiche/obiebvi  strategici  della   scuola,  mappa  stakeholder/risorse  economiche/centri  di  costo  della  scuola,  mappa  stakeholder/ risorse  economiche/centri  di  responsabilità  sociale  della  scuola  
  24. 24. VANTAGGI  PER  LA  SCUOLA   CRESCITA  DI  CONSAPEVOLEZZA  E   RESPONSABILIZZAZIONE   SVILUPPO  CULTURA  DELLA  VALUTAZIONE   SPINTA  AL  MIGLIORAMENTO  CONTINUO   LEGITTIMAZIONE  SOCIALE  E  REPUTAZIONE  
  25. 25. NODI  CRITICI   EVITARE  RISCHIO  AUTOCELEBRAZIONE   COSTRUIRE  RAPPORTI  DI  SENSO  TRA  MISSION,  USO   DELLE  RISORSE,  ESITI  CONSEGUITI   FOCALIZZARE  GLI  OBIETTIVI  STRATEGICI   INDIVIDUARE  INDICATORI  DI  PERFORMANCE                                                     SIGNIFICATIVI  E  CONFRONTABILI   UTILIZZARE  DATI  VALIDI  E  ATTENDIBILI  

×