Carlotta vigliani

676 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
676
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Carlotta vigliani

  1. 1. Carlotta Vigliani, Tempo fa ....Tempo fa … ho assistito ad un seminario tra filosofi e psicoanalisti (avendo la fortuna, o l’incombenza,di avere un marito che è sia l’uno che l’altro), nel quale si raccontava questa breve storia che ora mipiace dire a voi.Il mondo, diceva il filosofo, le cose che io vivo e di cui sono parte sono un grande tessuto, enormetessuto, una grande coperta.È bello che abbia parlato di coperta perché con sé porta il senso del mistero rispetto a quel chenasconde. Il mondo si presenta a noi come la grande coperta di questo mistero, e noi abbiamo lapossibilità di sollevarla pizzicandola da un lembo, da un altro, ancora da un altro, e possiamo alzarladi pochi centimetri, di metri e metri.Sollevando una coperta già sollevata da centinaia di migliaia di anni da chi ci ha preceduto noi nonvediamo quel che c’è sotto, ma creiamo figure che hanno rilievi, avvallamenti, voragini: in questastoria l’uomo non ha fatto altro che sollevare la coperta e dire “ecco, ecco il mondo!”, il mondo perlui sono quelle pieghe che ha prodotto per curiosità, per passione, per caso, e per millenni l’umanitàsi è radunata intorno a questa stupefacente costruzione di monti e di valli.Noi non creiamo il mondo, voleva dire il filosofo, ne creiamo le forme.La fotografia è un dettaglio, un frammento di queste pieghe, un particolarissimo scorcio di uninsieme che viene colto dalla fantasia, dalla memoria, dalla cultura di chi le ha osservate.Come per ogni evento che ha la capacità di impreziosire la nostra anima è lo stupore a farci voltarelo sguardo, a farci premere l’otturatore. La piega non è più la stessa, l’intreccio tra involuzioni,vallate e voragini crea una nuova forma.Un nuovo mondo mi appare.Senza stupore anche l’immagine, come qualsiasi racconto, si riduce ad un passaggio diinformazioni. Ascoltare il seminario dei dotti mi ha insegnato che senza lo stupore di una pieganuova, senza nuovi intrecci, involuzioni, storture che rendono ogni volta differente il presentarsi ame di questo mondo, piccolo o grande che sia, allora l’insegnamento si riduce ad un passaggio diinformazioni: in questo senso il prefisso in davanti alla parola formazione si legge come non-formazione: e come ci formiamo tutti, se non attraverso momenti successivi di stupore?Gli insegnanti sono testimoni del fatto che il loro talento è prima di tutto la possibilità di farsgranare gli occhi alla sorpresa, l’unica possibilità di arrivare dritti al cuore, l’unico veicolo performare i ragazzi.

×