Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La storia nella porcellana

Lezione di storia del servizio in tavola tra fine Seicento e inizio Ottocento attraverso la porcellana, soprattutto del Museo di palazzo Pitti. Adatto alle classi dell'istituto alberghiero. esclusivo uso didattico. Con fonti.

  • Login to see the comments

  • Be the first to like this

La storia nella porcellana

  1. 1. La Storia passa (anche) dalla porcellana Un percorso culturale attraverso le collezioni del Casino del Cavaliere di Palazzo Pitti
  2. 2. L’Illuminismo in cucina e in sala Nasce nel periodo delle Guerre di Successione (Trattato di Utrecht, prima metà del Settecento) Buon gusto fa rima con sobrietà: sempre meno grandi e ricchi arrosti, sempre più cibi leggeri, come il pesce, i molluschi, i crostacei.
  3. 3. Qui nell’immagine una sontuosa “natura morta” del 1627 Una via di mezzo tra la ricchezza del Seicento e la sobrietà del Settecento. Il pennuto imbandito non è più un pavone (troppo ricco e passato do moda) ma il tacchino (gallo d’India), divenuto di gran moda con la scoperta dell’America.
  4. 4. Il nuovo gusto si orienta verso pollame, cacciagione minuta E forse è dovuto a questa moda la scelta iconografica del vasellame. Nella foto un servito da tè del 1810, in pieno gusto napoleonico.
  5. 5. La nuova cucina non deve addormentare ma rendere vigili e vigorosi Ecco quindi il successo del caffè, ricco di “virtù risvegliativa”
  6. 6. In Italia, il protagonista di questo nuovo “manifesto illuminista” è Pietro Verri Nel suo giornale “Il Caffè” si propose di scuotere tradizioni e pregiudizi sociali, letterari, scientifici, trattando argomenti di economia, agronomia, storia naturale, medicina ecc. Nella lingua gli scrittori si permisero grande libertà, curandosi solo del vigore del pensiero. Durò solo due anni (1764-1766) ma lasciò un’impronta notevole.
  7. 7. Nell’immagine, Pietro e Alessandro Verri, Cesare Beccaria ed altri intellettuali
  8. 8. Le spedizioni in Oriente diffondono il gusto per le “cineserie” Porcellana di Meissen, 1799- 1803
  9. 9. Dopo la chiusura del Museo delle porcellane di Doccia a Sesto F.no La raccolta omogenea di Pitti consiste principalmente delle porcellane da tavola usate dalle case regnanti che si sono succedute in Toscana (Medici, Lorena, Savoia), delle quali rispecchia fedelmente il gusto. Possiamo quindi immaginarci, attraverso tre secoli, il tenore dei banchetti … ma anche delle colazioni!
  10. 10. Nel Settecento la mostra di piatti e vasellame cadde in disuso, perché oscurata dalla comparsa del centrotavola, all’inizio con finalità pratiche per poi diventare puramente decorativo.
  11. 11. In questo periodo arrivarono alcune novità funzionali: il piatto con i bordi
  12. 12. il piatto fondo al posto della scodella
  13. 13. i candelabri
  14. 14. La posateria decorata. Qui nell’immagine, una rarità del Museo Bardini: Posate dei primi del Seicento
  15. 15. La comparsa dei servizi da cioccolata e da caffè
  16. 16. Il XVIII sec. vide anche il progressivo allargarsi alla borghesia delle usanze a tavola che fino a quel momento erano state ad esclusivo appannaggio dell’aristocrazia. Cominciarono a venire prodotti i cosiddetti "servizi", cioè insieme di oggetti per più commensali, fabbricati ieri come oggi per sei o dodici persone.
  17. 17. Il XVIII secolo pone l'attenzione non soltanto ai piatti, che sono d'argento o di porcellane pregiate, ma anche alla biancheria, con le fantasiose piegature dei tovaglioli e delle tovaglie bianche, sempre di tessuto pregiato. Tuttavia i bicchieri e i contenitori del vino non vengono posti sulla tavola, ma su un piano di servizio, da dove un servitore mesce il liquido e lo serve al convitato.
  18. 18. ABBIAMO UN TRATTATO SULLA PIEGATURA DEI TOVAGLIOLI, DEL SEC. XVII
  19. 19. L’astro napoleonico illumina tutta Europa Qui un ritratto dell’Imperatore dei Francesi su porcellana
  20. 20. Napoleone pone sua sorella a capo del Granducato di Toscana. Dapprima principessa di Lucca e Piombino (1805-1809) e poi granduchessa di Toscana (1809-1814), Elisa promosse un rinnovato interesse per le arti di cui da tempo si sentiva la mancanza. Il suo mecenatismo non soltanto richiamò a Firenze scultori, pittori e musicisti, ma sostenne anche le industrie artigiane toscane, incentivando la lavorazione della seta, della mobilia e della porcellana.
  21. 21. DONO AD ELISA DA PARTE DI NAPOLEONE: PORCELLANA DI SÈVRES
  22. 22. La collezione di Elisa è immensa e deliziosa: cestini per frutta, formaggere…
  23. 23. Tazzine con ritratti in bisquit, secondo il gusto dell’epoca
  24. 24. La manifattura Ginori di Doccia attiva dal 1737 lavorava anche per rimpiazzare i pezzi andati rotti arrivando a copiare perfettamente gli oggetti delle più rinomate porcellane del mondo (Meissen, Sèvres)
  25. 25. Purtroppo da qualche anno Lo splendido e ricchissimo Museo di Doccia (Sesto F.no) è chiuso: fallito! una vera perdita per Firenze perché, come abbiamo visto, Studiare la storia attraverso la porcellana si può!
  26. 26. Grazie per l’attenzione. Fonti (consultate nel pomeriggio del 19 marzo 2017) http://www.artereview.it/news-mostre/tra-lusso-ed-eleganza-le-porcellane-ginori-alla-corte-di-napoleone- bonaparte/9101 • http://lnx.whipart.it/html/modules.php?name=News&file=article&sid=1217 • http://www.arteindiretta.it/il-bello-del-gusto.htm • http://lafirenzedefiorentini.blogspot.it/ • http://www.baroque.it/cucina-barocca/ • http://ilpiccolo.gelocal.it/tempo-libero/arte-e- fotografia/evento/le_forme_e_i_rituali_dei_pasti_dal_settecento_al_novecento-114378.html • http://www.tavoleadarte.it/blog_centrotavola.html • Voce “Pietro Verri” di Treccani on line • Immagini di Wikicommons

×