Slide nuovo regolamento 151 2011

4,490 views

Published on

Nuova normativa prevenzione incendi D.P.R. 151/2011

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
4,490
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
105
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Slide nuovo regolamento 151 2011

  1. 1. Nuovo regolamento di prevenzione incendi D.P.R. 1-8-2011 n°151 Gazzetta Ufficiale n° 218 del 22 settembre 2011 Per. Ind. Bertelli Sebastiano
  2. 2. Finalità e primi indirizzi applicativi Il provvedimento reca il nuovo regolamento di semplificazione della disciplina dei procedimenti di prevenzione incendi ed è stato adottato alla luce delle novità introdotte dalla normativa che ha introdotto la S.C.I.A. (segnalazione certificata di inizio attività.La Circolare n°4865 del 5/10/2011 ha richiamato la necessità dei primi indirizzi applicativi, emanati con la Lettera Circolare M.I. Prot. 0013061 del 06/10/2011. Il nuovo regolamento individua le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi e disciplina - per il deposito dei progetti, per lesame dei progetti, per le visite tecniche, per lapprovazione di deroghe a specifiche normative - la verifica delle condizioni di sicurezza antincendio che sono attribuite alla competenza del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.Il DPR 151/11 si applica a tutte le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi riportate nellAllegato I del regolamento stesso.
  3. 3. Le nuove attività individuate dal D. 151/2011Le attività ricomprese nellAllegato I al D.P.R. 151/2011 si suddividono in tre tipologie in relazione al rischio connesso allattività, alla presenza di specifiche regole tecniche e alle esigenze di tutela della pubblica incolumità; lordine alfabetico è correlato allaumento del rischio. A B Cbasso medio elevato
  4. 4. Schema delle nuove procedure in base alla tipologia dellattività
  5. 5. Approfondiamo le singole procedure.... ATTIVITA’ IN CATEGORIA A:-presentazione da parte del titolare dell’attività di apposita istanza al Comando prima dell’esercizio dell’attivitàmediante la S.C.I.A. (art. 4, comma 1) – modello PIN 2-2011 comprensiva di asseverazione del tecnico modello PIN 2,1-2011 e certificazioni/dichiarazioni probanti ai fini della prevenzione incendi. Alla SCIA devono essere allegati chiaramente relazione tecnica ed elaborati tecnici redatti da Tecnico abilitato.-rilascio, da parte del Comando, di ricevuta dell’avvenuta presentazione della suddetta istanza, previa verifica dellacompletezza formale dell’istanza, della documentazione e dei relativi allegati (art. 4, comma 1); ATTENZIONE: NON CE ESPRESSIONE DEL PARERE (FAVOREVOLE/CONTRARIO)-effettuazione, da parte del Comando, entro 60 giorni dal ricevimento della suddetta istanza di sopralluoghi dispostianche con il metodo a campione (art. 4, comma 2); ad oggi sono previsti come obiettivo fino al 31/12/2011 il 2% delleattività presentate entro il 31/12/2011. Allinizio di ogni anno dalla Direzione Nazionale verranno dati indirizzi sul numero disopralluoghi e le tipologie dimattività.-in caso di esito positivo del sopralluogo , rilascio da parte del Comando e a richiesta dell’interessato di copia delverbale della verifica tecnica effettuata (art. 4, comma 2);-in caso di esito negativo del sopralluogo , adozione da parte del Comando di motivati provvedimenti di divieto diprosecuzione dellattività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi dalla stessa prodotti, ad eccezione che, ove siapossibile, linteressato provvede a conformare alla normativa antincendio e ai criteri tecnici di prevenzione incendi dettaattività entro un termine di quarantacinque giorni (art. 4, comma 2); -ATTESTAZIONE DI RINNOVO PERIODICO :ogni cinque anni, invio al Comando da parte del titolare dell’attività della richiesta di rinnovo periodico di conformitàantincendio: tale richiesta è effettuata tramite una dichiarazione attestante lassenza di variazioni alle condizioni di sicurezzaantincendio corredata da documentazione ed il Comando rilascia contestuale ricevuta dellavvenuta presentazione delladichiarazione (art. 5, comma 1). MODELLI PIN 3-2011 e PIN 3,1-2011 (questultimo a firma di tecnico). NON VIENE RILASCIATO UN NUOVO C.P.I. MA UNA ATTESTAZIONE DI PRESENTAZIONE DELLISTANZA
  6. 6. Casi particolariPer i serbatoi di GPL fino a 5 m3 fino alladozione del decreto ministeriale di cui al comma 7 dellarticolo 2, allistanza di cui al comma 1 dellarticolo 4 (SCIA), presentata per la messa in esercizio dei depositi di gas di petrolio liquefatto in serbatoi fissi di capacita complessiva non superiore a 5 metri cubi non a servizio di attivita di cui allAllegato I (quindi altre attività soggette al D. 151/2011), sono allegati:a) la dichiarazione di conformita di cui allarticolo 7 del decreto del Ministro dello sviluppo economico del 22 gennaio 2008, n.37; b) una dichiarazione in cui il titolare attesta che sono state rispettate le prescrizioni vigenti in materia di prevenzione degli incendi e si impegna al rispetto degli obblighi di cui allarticolo 6 del presente regolamento; c) una planimetria del deposito, in scala idonea firmata da un professionista iscritto nel relativo albo professionale e nellambito delle specifiche competenze, o dal responsabile tecnico dellimpresa che procede allinstallazione del deposito. In pratica rimane ad oggi valida la documentazione di cui al D. 214/2006 (pur essendo questultimo abrogato). Se però lattività è individuata nellallegato I al D. 151/2011 è necessario procedere in base alla classificazione dellattività servita (A-B-C) come indicato nelle successive slide. RINNOVO: Ogni 5 anni deve essere redatta dichiarazione a firma di Tecnico o Responsabile aziendale della ditta fornitrice GPL che è stata effettuata la prevista manutenzione
  7. 7. ATTIVITA’ IN CATEGORIA B:ATTIVITA’ IN CATEGORIA B:-PROGETTO : presentazione da parte del titolare dell’attività di apposita istanza alComando per lesame dei progetti (detta VALUTAZIONE DEI PROGETTI di nuovi impianti o costruzioni nonché deiprogetti di modifiche da apportare a quelli esistenti, che comportino un aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezzaantincendio (art. 3, commi 1 e 2)-ESAME DEL PROGETTO da parte del Comando entro 30 giorni dalla presentazione. (art.3, comma 3); CE RILASCIO PARERE DA PARTE DEL COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCOpresentazione da parte del titolare dell’attività di apposita istanza al Comando prima dell’esercizio dell’attività mediantela S.C.I.A. (art. 4, comma 1)-rilascio, da parte del Comando, di ricevuta dell’avvenuta presentazione della suddettaistanza, previa verifica della completezza formale dell’istanza, della documentazione e dei relativi allegati (art. 4, comma 1);effettuazione, da parte del Comando, entro 60 giorni dal ricevimento della suddetta istanza di sopralluoghi disposti anchecon il metodo a campione (art. 4, comma 2);-in caso di esito positivo del sopralluogo , rilascio da parte del Comando e arichiesta dell’interessato di copia del verbale della verifica tecnica effettuata (art. 4, comma 2);-in caso di esito negativo delsopralluogo , adozione da parte del Comando di motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dellattività e di rimozionedegli eventuali effetti dannosi dalla stessa prodotti, ad eccezione che, ove sia possibile, linteressato provveda a conformarealla normativa antincendio e ai criteri tecnici di prevenzione incendi detta attività entro un termine di quarantacinque giorni(art. 4, comma 2); -ATTESTAZIONE DI RINNOVO PERIODICO :ogni cinque anni, invio al Comando da parte del titolare dell’attività della richiesta di rinnovo periodico di conformitàantincendio: tale richiesta è effettuata tramite una dichiarazione attestante lassenza di variazioni alle condizioni di sicurezzaantincendio corredata da documentazione ed il Comando rilascia contestuale ricevuta dellavvenuta presentazione delladichiarazione (art. 5, comma 1). MODELLI PIN 3-2011 e PIN 3,1-2011 (questultimo a firma di tecnico). VIENE RILASCIATA UNA ATTESTAZIONE DI PRESENTAZIONE DELLISTANZA COINCIDE CON LE ATTIVITA DI CATEGORIA “A”
  8. 8. ATTIVITA’ IN CATEGORIA C:ATTIVITA’ IN CATEGORIA C:-PROGETTO : presentazione da parte del titolare dell’attività di apposita istanza al Comando perlesame dei progetti (detta VALUTAZIONE DEI PROGETTI di nuovi impianti o costruzioni nonché dei progetti di modifiche daapportare a quelli esistenti, che comportino un aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio (art. 3, commi 1 e 2)-ESAME DEL PROGETTO da parte del Comando entro 30 giorni dalla presentazione. (art. 3, comma 3); CE RILASCIO PARERE DA PARTE DEL COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCOpresentazione da parte del titolare dell’attività di apposita istanza al Comando prima dell’esercizio dell’attività mediantela S.C.I.A. (art. 4, comma 1)-rilascio, da parte del Comando, di ricevuta dell’avvenuta presentazione della suddettaistanza, previa verifica della completezza formale dell’istanza, della documentazione e dei relativi allegati (art. 4, comma 1);effettuazione, da parte del Comando, entro 60 giorni dal ricevimento della suddetta istanza di sopralluoghi (art. 4,comma 3);-RILASCIO C.P.I. in caso di esito positivo del sopralluogo , entro 15 giorni dalla data di effettuazione del controllo(art. 4, comma 3);-in caso di esito negativo del sopralluogo , adozione da parte del Comando di motivati provvedimenti didivieto di prosecuzione dellattività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi dalla stessa prodotti, ad eccezione che, ovesia possibile, linteressato provveda a conformare alla normativa antincendio e ai criteri tecnici di prevenzione incendi dettaattività entro un termine di quarantacinque giorni (art. 4, comma 3); -ATTESTAZIONE DI RINNOVO PERIODICO :ogni cinque anni, invio al Comando da parte del titolare dell’attività della richiesta di rinnovo periodico di conformitàantincendio: tale richiesta è effettuata tramite una dichiarazione attestante lassenza di variazioni alle condizioni di sicurezzaantincendio corredata da documentazione ed il Comando rilascia contestuale ricevuta dellavvenuta presentazione delladichiarazione (art. 5, comma 1). MODELLI PIN 3-2011 e PIN 3,1-2011 (questultimo a firma di tecnico). NON VIENE RILASCIATO UN NUOVO C.P.I. MA UNA ATTESTAZIONE DI PRESENTAZIONE DELLISTANZA COINCIDE CON LE ATTIVITA COINCIDE CON LE ATTIVITA DI CATEGORIA “A-B” DI CATEGORIA “B”
  9. 9. Quando ci sono più attività...Per le procedure che riguardano più attività (A + B + C), in fase di valutazione del progetto le attività di tipologia A non dovranno essere indicate nel progetto da approvare, ma solo nella documentazione tecnica, indicando le eventuali interferenze con le altre attività presenti.Non dovrà essere pagato il corrispettivo previsto dalle tariffe per tali attività (tipologia A) in fase di valutazione, ma dovrà essere pagato il corrispettivo anche per tali attività in fase di presentazione della SCIA dopo il parere approvato e dovrà essere allegata la documentazione riguardante anche tali attività. La SCIALa SCIA, presentata direttamente o tramite SUAP è titolo abilitativo allesercizio dellattività AI SOLI FINI ANTINCENDIO. Il C.P.I. (ove previsto)Il C.P.I. assume valenza di: attestato del rispetto delle prescrizioni previste dalla normativa di prevenzione incendi e della sussistenza dei requisiti di sicurezza antincendio. Analogamente al verbale di visita tecnica (per i sopralluoghi a campione o in caso comunque di sopralluogo) non è più un provvedimento finale di un procedimento amministrativo, ma costituisce solo il risultato del controllo e non ha validità temporale.
  10. 10. Le principali novità in merito ai procedimenti Procedimenti volontari (solo per attività B e C)NOF (Nulla Osta di Fattibilità). Per particolari complessità nella realizzazione dellopera, può essere richiesto un parere preventivo rilasciato per 1 o più aspetti rilevanti per la prevenzione incendi.Può essere presentato un progetto di fattibilità (mod. PIN 1bis-2011) indicando laspetto o gli aspetti di prevenzione incendi in merito ai quali si chiede il Nulla Osta di Fattibilità.Verifiche in Corso DOpera Si possono chiedere al Comando per opere complesse, visite del personale VVF durante lesecuzione dellopera per aspetti rilevanti di prevenzione incendi (mod. PIN 2bis-2011).Se richiesti (in quanto volontari) tali procedimenti DEVONO comunque essere conclusi in una tempistica di 30 gg.).Gli importi per le tariffe nel transitorio saranno sempre di 44,00 €/h per le valutazioni in fase progettuale e 48,00 €/h per i sopralluoghi. Limpegno orario è indicato nella tabella allegata alla Circolare del 6/10/2011 prot. 0013061.Altra novità sarà rappresentata dalla possibilità di presentare una SCIA in caso di modifiche ad una attività (di tipo B o C, in quanto per le A è sempre consentito) quando non ci sia un aggravio di rischio. NON VIENE FATTO PERTANTO UN NUOVO SOPRALLUOGO SE NON A CAMPIONE.Per le deroghe il procedimento rimane sostanzialmente invariato. Il modello è il PIN4-2011.
  11. 11. Procedimenti nel periodo transitorio (art. 11 – D.P.R. 151/2011)Attività non più soggette ai controlliNel caso sia stata avviata una procedura per attività ad oggi non più soggette, il Comando comunicherà ai Titolari che lattività non risulta più soggetta. Nel caso non siano stati ancora rilasciati pareri non ne verranno rilasciati; verrà solo ricordato lobbligo del rispetto dei criteri generali di prevenzione incendi.Attività sempre soggette per cui è stato presentato il parere di conformità ai sensi del 37/98 e il Comando non labbia ancora rilasciatoIl parere verrà comunque rilasciato e avrà validità di VALUTAZIONE DEL PROGETTO. Dovrà essere concluso con la SCIA. Il personale del Comando effettuerà il sopralluogo per le attività soggette.Attività sempre soggette per cui è stato presentato il parere di conformità ai sensi del 37/98 e il Comando labbia rilasciato ma le opere non siano ancora terminate.Presentazione della SCIA (nella quale verrà indicato il progetto approvato). Il personale del Comando effettuerà il sopralluogo per le attività soggette.Attività sempre soggette per cui è stata presentata la richiesta rilascio CPI e la DIA.La DIA assume validità di SCIA; Il personale del Comando effettuerà il sopralluogo per le attività soggette.Attività sempre soggette per cui è stata presentata la richiesta rilascio CPI ma non la DIA.Il Comando comunicherà alle attività della possibilità di avvalersi della SCIA in un tempo massimo di 30 gg; Il personale del Comando effettuerà il sopralluogo per le attività soggette.Attività in possesso di CPI con scadenza dopo lentrata in vigore del D.P.R. 151/2011Dovrà essere presentata alla scadenza attestazione di rinnovo periodico di conformità antincendio (mod.PIN3-2011) con allegata asseverazione da parte di tecnico (mod. PIN3,1-2011) ove presenti impianti di protezione attiva antincendio con esclusione degli estintori.
  12. 12. Procedimenti nel periodo transitorio (art. 11 – D.P.R. 151/2011)Attività con scadenza C.P.I. “una tantum”Le attività che avevano scadena “una tantum” (es. ascensosi/montacarichi, civili abitazioni altezza > 24 m, ecc.) dovranno presentare attestazione di rinnovo periodico entro:6 anni dallentrata in vigore del D.P.R. 151/2011 (06/10/2017) per le attività in possesso di C.P.I. rilasciato prima dell1/1/19888 anni dallentrata in vigore del D.P.R. 151/2011 (06/10/2019) per le attività in possesso di C.P.I. rilasciato tra l1/1/1988 e il 31/12/199910 anni dallentrata in vigore del D.P.R. 151/2011 (06/10/2021) per le attività in possesso di C.P.I. rilasciato dall1/1/2000 al 6/10/2011
  13. 13. Procedimenti nel periodo transitorio (art. 11 – D.P.R. 151/2011)Attività esistenti prima non assoggettate al controllo di prevenzione incendi ed ora individuate nellAllegato 1 al D.P.R. 151/2011Presentazione della procedura prevista in relazione alla tipologia A, B, C entro 1 anno dallentrata in vigore del D.P.R. 151/2011 (06/10/2012)
  14. 14. Periodicità dei rinnoviOgni cinque anni, mediante invio al Comando da parte del titolare dell’attività della richiesta di rinnovo periodico di conformità antincendio: tale richiesta è effettuata tramite una dichiarazione attestante lassenza di variazioni alle condizioni di sicurezza antincendio corredata da documentazione ed il Comando rilascia contestuale ricevuta dellavvenuta presentazione della dichiarazione (art. 5, comma 1). MODELLI PIN 3-2011 e PIN 3.1-2011 (questultimo a firma di tecnico ove sussistano mezzi di protezione attivita di prevenzione incendi ad eccezione dei mezzi di estinzione mobili).Ogni dieci anni, con la stessa procedura di cui sopra, limitatamente alle attività 6,7,8,64,71,72,77 di cui allAllegato 1 al D.P.R. 151/2011. CASI PARTICOLARI SERBATOI DI GPL FINO A 5 mc non a servizio di attività di cui allAll. 1. La documentazione per il rinnovo di tali impianti deve essere costituita da: dichiarazione a firma di Tecnico o Responsabile aziendale della ditta fornitrice GPL che è stata effettuata la prevista manutenzione
  15. 15. Sistema tariffario nel transitorioValutazione dei progetti: 44,00 €/h. Limpegno orario di ciascuna attività è ricompreso nella tabella allegata al D.P.R. 151/2011. In caso di più attività, si sommano le ore di ciascuna attività (ad eccezione di quelle in cat. A in quanto non soggette a valutazione progetto).SCIA e controlli in corso dopera: 48,00 €/h. Limpegno orario di ciascuna attività è ricompreso nella tabella allegata al D.P.R. 151/2011. In caso di più attività, si sommano le ore di ciascuna attività.Ogni dieci anni, con la stessa procedura di cui sopra, limitatamente alle attività 6,7,8,64,71,72,77 di cui allAllegato 1 al D.P.R. 151/2011.LAttestazione di pagamento DEVE essere allegata alla procedura.
  16. 16. Documentazione da allegare ai modelli PINFino alluscita dei Decreti previsti dal D.P.R. 151/2011, la documentazione da allegare ai modelli PIN rimane quella di cui allAllegato I al D.M. 4/5/1998 e s.m.i.Per i serbatoi di gpl fino a 5 mc non a servizio dellAllegato 1 dovrà essere prodotta in fase di SCIA la documentazione prevista dal D.P.R. 12/4/2006 n°214 ovvero:- elaborato grafico in scala- certificazione corretta installazione serbatoio gpl- dichiarazione di conformità ai sensi del D. 37/2008 rilasciata dallinstallatore.
  17. 17. La trasmissione telematicaOve i SUAP abbiano attuato la trasmissione per via telematica, per le aziende è necessario procedere alla trasmissione della documentazione di cui sopra a mezzo posta certificata allindirizzo indicato dal Comune. Tutti i documenti devono essere firmati digitalmente e marcati temporalmente (estensione .p7m)Il Ministero dellInterno per le pratiche destinate ai Vigili del Fuoco con Circolare del 21/03/2011 ha specificato le tipologie dei file consentiti; sotto si riportanto quelle previste prima della firma digitale:- Il bollo deve essere assolto in modo virtuale (modello F23).- Ove sia il Tecnico a trasmettere la documentazione, deve essere prodotta DELEGA dalla persona intestataria della pratica (i modelli sono su Banca Dati Comunale).
  18. 18. Allegato 1 al D.P.R. 151/2011 (il nuovo elenco delle attività)

×