Inquinamento e rischi idrogeologici in Liguria

959 views

Published on

Tecnologia. IC Rivarolo, 3aM by Matilde

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
959
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
351
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Inquinamento e rischi idrogeologici in Liguria

  1. 1. INQUINAMENTO E RISCHIIDROGEOLOGICI IN LIGURIAI.C. RIVAROLOCLASSE 3MMatilde. M.
  2. 2. LE ALLUVIONI IN LIGURIALa Liguria è una regione ad altissimo rischioambientale, sempre più spesso verso la finedell’estate sia la Riviera di Levante che quelladi Ponente vengono colpite da violentealluvioni.
  3. 3. COME ERA LA LIGURIACINQUANTA ANNI FAGran parte del territorio era coltivato dacontadini, veri maestri nei terrazzamenti, nellacostruzione di muri a secco e di canali cheservivano per il drenaggio delle acque.
  4. 4. COSA È SUCCESSO?Dopo la seconda guerra mondiale conl’abbandono delle campagne e lacementificazione il rischio alluvioni èdiventato molto concreto e la nostraregione ha conosciuto durante questiultimi decenni molti di questi eventi apartire dal 1970.
  5. 5. OTTOBRE 1970Genova, viene messa a dura prova condanni gravissimi.La pioggia cadutaabbondandemente fece esondare leacque dei torrenti e dei fiumi e durantela loro corsa verso il mare travolseroponti, abitazioni, strade.Alcune persone persero la vita, solodopo alcuni mesi la situazione nellanostra città tornò quasi normale.
  6. 6. 27 SETTEMBRE 1992Questa volta è Savona ad essere piùcolpita, le acque deitorrenti portarono a valle tronchi,pietrisco e perfino il sistema fognariosaltò, perché non fu in grado di smaltire lapioggia caduta abbondantementenell’arco di poche ore e la città rimaseinvasa dal fango che arrivava trascinatodall’acqua dalle montagne vicine.
  7. 7. 4 NOVEMBRE 2011Questa volta è ancora Genova ad esserecolpita da un’ altra catastrofe ambientale.Sei morti rappresentano il bilanciocomplessivo di questa alluvione.Forse tutto questo si sarebbe potuto evitarese il torrente Fereggiano fosse stato ripulitoin tempo dai rifiuti, da tronchi d’alberi e datutto ciò che ostacolò il deflusso delle sueacque.
  8. 8. GENOVA GUARDA AL FUTURO MA…Nonostante le varie catastrofi ambientali e ildissesto idrogeologico Genova ha aderito a duegrandi progetti: la TAV e la GRONDALa prima opera, potrebbe rappresentareun’opportunità, in quanto metterebbe incomunicazione la città con tutto il Nord Italia,l’Europa settentrionale e il Mediterraneo, ma haanche aspetti negativiTracciato TAV
  9. 9. ASPETTI POSITIVI E NEGATIVI DELLA TAV•Miglioramento deltrasporto regionale.• Riduzione delcosto del servizio.•L’aspetto del paesaggiodi tutta la ValPolceveracambierebbe persempre.• Le polveri d’amiantorappresenterebbero unvero e proprio pericolo.• Se la TAV nonvenisse terminataentro il 2018 iltrasporto merci sisposterebbe verso ilnord Europa conricadute pesanti sullaeconomia della città
  10. 10. COS’È LA GRONDA ?La GRONDA è un’ infrastruttura, che mira a potenziare ilnodo autostradale genovese.E’ un ponte che passando all’interno dell’entroterrapermetterebbe di collegare direttamente l’autostrada A26con l’A10 e con l’A7. Questa infrastruttura anche segrandiosa sconvolgerebbe la situazione attuale della ValPolcevera.
  11. 11. EFFETTI DELLA GRONDAOltre 250 mila genovesi rischierebbero di respirare polveridi amianto durante la fase di realizzazione delle gallerie. Ilprogetto prevede che la GRONDA sia lunga 19Km tra cui17Km scavati via monte per realizzare il traforo checollega i caselli delle autostrade.Fibre di amianto al microscopio Tracciato gronda
  12. 12. CONCLUSIONILa Liguria è una regione esposta a tanti rischi.Il suo territorio è formato in gran parte da rocce tenerea base di argilla per cui bisogna curarlo in modoparticolare per evitare catastrofi ambientali comequelli descrittiCLASSE 3MMatilde. M.
  13. 13. PrecisazioneLe informazioni, i testi inseriti e le immagini diquesta presentazione sono fornitiesclusivamente a titolo indicativo e a scopodidattico (Legge 22 aprile 1941 n. 633, art. 70comma 1 bis).

×