Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
20/05/14	
  
1	
  
Adolescenti	
  e	
  Dipendenze	
  
Dott.	
  Pasquale	
  Saviano	
  
Psicologo	
  -­‐	
  Psicoterapeuta	...
20/05/14	
  
2	
  
Il	
  periodo	
  adolescenziale	
  rappresenta	
  sicuramente	
  uno	
  fra	
  i	
  più	
  tormentati	
...
20/05/14	
  
3	
  
L’ansia	
  di	
  crescere,	
  di	
  ritrovarsi	
  adulti	
  li	
  porta	
  ad	
  una	
  continua	
  ric...
20/05/14	
  
4	
  
La	
  ricerca	
  e	
  l’assunzione	
  di	
  sostante	
  stupefacenti,	
  o	
  la	
  dipendenza,	
  più	...
20/05/14	
  
5	
  
L’accresciuta	
  disponibilità	
  di	
  delle	
  sostanze	
  ed	
  il	
  ridimensionamento	
  del	
  
p...
20/05/14	
  
6	
  
Le	
   aspettative	
   rispetto	
   alle	
   droghe	
   sono	
   mutate	
   nel	
   corso	
   del	
   t...
20/05/14	
  
7	
  
Anche	
   la	
   noia,	
   l’anedonia	
   e	
   l’insofferenza	
   che	
   caratterizzano	
   i	
   grup...
20/05/14	
  
8	
  
Il	
  nuovo	
  adolescente	
  è	
  un	
  “Narciso”	
  che	
  «ha	
  bisogno	
  di	
  vedere	
  riflessa	...
20/05/14	
  
9	
  
	
  
LA	
  FAMIGLIA	
  
(cosa	
  fare?)	
  
	
  
E’	
   innanzitutto	
   necessario	
   sviluppare	
   ...
20/05/14	
  
10	
  
	
  
LA	
  FAMIGLIA	
  
(cosa	
  fare?)	
  
	
  
PREVENIRE	
  
Significa	
  avere	
  una	
  conoscenza	...
20/05/14	
  
11	
  
	
  
LA	
  FAMIGLIA	
  
(cosa	
  fare?)	
  
	
  
COME	
  AGIRE?	
  
Non	
   compassionare	
   il	
   r...
20/05/14	
  
12	
  
	
  
LA	
  FAMIGLIA	
  
(cosa	
  fare?)	
  
	
  
COME	
  AGIRE?	
  
Si	
   ricordi	
   infine	
   che	
...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Adolescenti e dipendenze.ppt

4,699 views

Published on

Published in: Education
  • Be the first to comment

Adolescenti e dipendenze.ppt

  1. 1. 20/05/14   1   Adolescenti  e  Dipendenze   Dott.  Pasquale  Saviano   Psicologo  -­‐  Psicoterapeuta   Il  disagio  e  la  voglia  di  evasione  dei  giovani  trovano  spesso  sfogo  nella   droga  o  nelle  dipendenze  più  in  generale,  che  spesso  provocano  danni   tremendi  ai  giovani  che  ne  risultano  assolutamente  inconsapevoli   Molteplici  sono  le  cause  che  portano  ad  un  avvicinamento  verso  qualcosa   che  alla  fine  si  rivela  dannoso  per  un  adolescente:  società  deviata,  malata,   che  non  crede  più  nei  valori,  deformata  da  immagini  e  modelli  sempre  più   falsi,  frustrata,  egoista…   Ma  ciò  che  più  influisce  sui  comportamenti  autolesionisti  e  dannosi  per  gli   adolescenti  è  quel  senso  di  noia,  di  nichilismo  in  cui  i  giovani  sono  caduti   negli  ultimi  decenni   Le   mille   comodità   create   dalla   modernità,   dal   progresso,   sono   assolutamente   effimere,   rincorrere   qualcosa   che   dopo   un   giorno   è   già   obsoleto,   a   lungo   andare   diventa   frustrante   e   quindi   porta   ad   un   disinteresse  generico  e  generale  verso  tutto  e  tutti   savianopasquale@hotmail.com  
  2. 2. 20/05/14   2   Il  periodo  adolescenziale  rappresenta  sicuramente  uno  fra  i  più  tormentati   di   tutta   la   vita   di   un   uomo.   La   varie   forme   di   disagio   che   si   trovano   a   sperimentare  gli  adolescenti  sono  mutate  nel  corso  degli  anni     Le  difficoltà  psico-­‐comportamentali  che  si  rilevano  oggi  nei  giovani  sono   totalmente   nuove   e   molto   intense,   non   facilmente   distinguibili   in   situazioni   ordinarie   e   formali   ma   sicuramente   rilevabili   attraverso   un   minimo  ascolto  ed  attenzione  verso  i  loro  comportamenti,  atteggiamenti   e  mentalità   Molto  di  questo  malessere  va  imputato  alla  società  ed  alla  sua  evoluzione,   ma   non   bisogna   dimenticarsi   che   le   relazioni   nella   famiglia   sono   cambiate,   aumentando   la   disattenzione   verso   quegli   aspetti   puramente   affettivi  ed  emozionali  caratteristici  della  crescita  di  un  adolescente     savianopasquale@hotmail.com   L’abitudine   genera   apatia,   “dolore”,   noia,   insoddisfazione,   senso   di   incompletezza.     Risulta  paradossale  che  in  un  epoca  in  cui  si  ha  tutto,  la  noia  riesca  a  predominare   favorendo  la  ricerca  di  alternative  futili  e  dannose   La   ricerca   di   qualcosa   di   alternativo   è   mosso,   in   buona   sostanza,   dalla   ricerca  di  una  fuga,  da  qualcosa  che  va  stretto,  li  rinchiude,  li  imprigiona,  li   soffoca   Ciò   è   legato   alla   fase   che   questi   ragazzi   vivono,   caratterizzata   da   instabilità   emotiva   e   psicofisiologica,   continui   cambiamenti   fisici   e   strutturali,  senso  di  solitudine,  consapevolezza  di  un’identità  indefinita…   I  falsi  miti  creati  dalla  società,  da  amici  più  grandi,  da  figure  di  riferimento   non   sempre   all’altezza   di   rappresentare   un   esempio   portano   inevitabilmente   i   giovani   adolescenti   a   cercare   di   trasgredire   per   dimostrare  a  se  stessi  ed  anche  agli  altri  di  essere  all’altezza   savianopasquale@hotmail.com  
  3. 3. 20/05/14   3   L’ansia  di  crescere,  di  ritrovarsi  adulti  li  porta  ad  una  continua  ricerca  di   metodi   che   aumentino   la   convinzione   propria   ed   altrui   di   essere   cresciuti,  di  aver  raggiunto  il  punto  successivo  della  loro  vita  e  di  essere   “immortali”   I  dati  sono  allarmanti,  in  crescita  esponenziale  di  anno  in  anno   Su  100  adolescenti:   Ê 30  fumano  (in  maggior  numero  donne);   Ê Il  30%  divide  il  tempo  fra  bar  e  discoteche   Ê Un  buon  20%  si  annoia  davanti  alla  tv   Ê Il  16%  si  ubriaca  per  “trovare  un’altra  dimensione”   Tra  questi,  almeno  il  40%  assume  droghe  e  sostanze  stupefacenti  non   sempre  leggere  per  “andare  fuori  di  testa”   savianopasquale@hotmail.com   Il  punto  di  partenza  è  semplice,  si  parte  dall’alcol,  dalle  sigarette,  trovate   in  casa,  e  velocemente  si  passa  ad  hashish,  marijuana,  droghe  via  via  più   pesanti  e  più  dannose   Ciò  che  ancora  di  più  crea  stupore,  purtroppo  è  la  percentuale  di  ragazzine   rispetto  ai  maschi  che  entra  in  giri  di  uso  e  di  abuso  di  sostanze  poco  chiari   Siamo  di  fronte  ad  un  soggetto  sicuramente  più  debole,  più  insicuro,  con   maggiore   instabilità   d’animo,   un   soggetto   che   vive   dentro   di   sé   la   necessità   inculcata   dalla   società   di   aderire   a   certi   canoni,   di   emulare   i   compagni  maschi,  di  dimostrare  di  non  “essere  inferiori”   Un  soggetto  che  anche  in  famiglia  vive  una  maggiore  conflittualità  con  i   genitori   Un  soggetto  che  vive  costantemente  con  la  voglia  e  la  curiosità  di  provare   qualcosa   di   diverso   e   che   spesso   all’interno   del   gruppo   si   autoconvince   che  quella  è  la  strada  migliore  e  meno  pericolosa   savianopasquale@hotmail.com  
  4. 4. 20/05/14   4   La  ricerca  e  l’assunzione  di  sostante  stupefacenti,  o  la  dipendenza,  più  in   generale   è   facilmente   ascrivibile,   in   quest’ottica   ad   una   necessità   di   “automedicazione”   non   rivolto   verso   un   reale   malessere   psichico,   bensì   corrispondente  ad  una  generalizzata  condizione  di  malessere   Accanto   ad   un   senso   di   malessere   spesso   ritroviamo   specifici   deficit   a   livello   dell’elaborazione   e   dell’espressione   delle   emozioni,   della   percezione  dei  propri  stati  interni  e  dell’adeguatezza  psichica  e  corporea   alle  pressanti  richieste  del  mondo  esterno   Il   primo   approccio   all’uso   di   sostanze,   non   è   strettamente   legato   alla   volontà   dell’adolescente   o   semplicemente   alla   pressione   da   parte   del   gruppo,  ma  vanno  tenute  in  considerazione:  aggressività,  capacità  di  far   fronte   allo   stress,   bassa   autostima,   senso   di   autoefficacia   fallimentare,   scarso  supporto  dei  genitori,  scarso  rendimento  scolastico,  affiliazione  a   gruppi  o  soggetti  devianti   savianopasquale@hotmail.com   Mentre  in  passato  il  consumo  di  droghe  o  alcol  risultava  circoscritto  ad   alcune   categorie   di   persone   o   a   determinati   ceti   sociali,   oggi   si   sta   assistendo   ad   una   massificazione   del   fenomeno   che   si   sta   insinuando   all’interno  di  tutte  le  fasce  socio-­‐economiche  della  popolazione   I  più  coinvolti  in  questo  fenomeno  risultano  essere  i  giovani  che  sempre   più  precocemente  entrano  in  contatto  con  le  varie  sostanze   Ciò,  inevitabilmente  comporta  l’aumento  dell’insorgenza  di  disturbi  legati   all’uso  e  l’abuso  di  sostanze  e  ad  un  passaggio  dalle  droghe  più  “leggere”  a   quelle  più  “pesanti”   I   risultati   statistici   sono   chiari;   in   una   popolazione   studentesca   di   età   compresa  tra  i  15  ed  i  19  anni  e  che  va  sempre  più  modificandosi  rispetto   all’abbassamento  dell’età  di  inizio  abbiamo:   Alcol   68,1%   -­‐   Tabacco   48,4%   -­‐   Cannabis   23%   -­‐   Psicofarmaci   (senza   prescrizione   medica)   7,5%   -­‐   Cocaina   4,2%   -­‐   Stimolanti   (amfetamine,   ecstasy,   ecc…)   3,2%   -­‐  Allucinogeni   (lsd,   funghetti,   ecc…)   2,7%   -­‐   Eroina   1,4%  -­‐  Anabolizzanti  (senza  prescrizione  medica)  0,67%   savianopasquale@hotmail.com  
  5. 5. 20/05/14   5   L’accresciuta  disponibilità  di  delle  sostanze  ed  il  ridimensionamento  del   prezzo   di   vendita   ha   contribuito   a   rendere   le   sostanze   stupefacenti   sempre  più  alla  portata  di  tutti   Fra   i   giovani   si   registra   sempre   più   un   aumento   di   consumo   di   energy-­‐ drink,   nella   cui   composizione   ritroviamo   sostanze   altamente   eccitanti,   come   la   caffeina   o   la   taurina,   che   ad   alti   e   prolungati   dosaggi   possono   causare  seri  disturbi  psicofisici   Il   tutto   è   legato   comunque   alla   collocazione   nell’immaginario   adolescenziale  di  queste  sostanze   Molte   droghe   sono   considerate   dai   giovani   come   semplici   sostanze   ricreazionale,  da  consumare  in  compagnia  di  amici  in  modo  più  o  meno   episodico,   ciò   perché   la   dipendenza   viene   associata   ad   un   consumo   elevato  e  quotidiano   savianopasquale@hotmail.com   Inoltre  la  diversificazione  delle  caratteristiche  psico-­‐biologiche  porta  alla   convinzione  che  una  tantum  non  potrà  fare  male  quanto  l’uso  sistematico   ed  a  grandi  dosi   In  quest’ottica,  dettata  da  mistificazioni,  falsi  concetti  e  messaggi  ambigui   dei   media,   la   cocaina   è   considerata   da   molti   giovani   non   pericolosa   e   facilmente  controllabile,  l’ecstasy  un  innocente  svago  del  fine  settimana,   l’alcol  una  normale  abitudine  e  lo  spinello  un  innocuo  e  rilassante  piacere   Da  alcuni  anni  nei  ragazzi  si  è  fatta  largo  la  convinzione  che  esistano  due   universi   relativi   alla   droga:   da   un   lato   quelle   dello   svago,   del   fine   settimana   (ecstasy,   cocaina,   hashish,   marijuana,   alcol,   tabacco)   facilmente  conciliabili  con  una  vita  normale  fatta  di  lavoro  e  di  studio  e   dall’altra   quelle   legate   alle   dipendenze   (eroina,   crack),   legate   ad   un   contesto  sociale  degradato,  e  quindi  da  discriminare  (ciò  è  anche  legato  al   tipo  di  assunzione  ed  allo  stato  in  cui  si  cade  dopo  averle  assunte)   savianopasquale@hotmail.com  
  6. 6. 20/05/14   6   Le   aspettative   rispetto   alle   droghe   sono   mutate   nel   corso   del   tempo   passando  da  una  volontà  di  annullare  la  propria  identità  personale,  spesso   per  fuggire  ai  problemi  che  affliggevano  l’individuo  oggi,  c’è  un’esigenza   contraria   Le  sostanze  allucinogene  sembrano  essere  l’unica  strada  che  permette  ai   giovani  di  oggi  di  riuscire  a  percepire  appieno  il  proprio  Sé,  di  entrare  in   contatto  con  quella  parte  di  sé  sconosciuta  ed  oscura   Ciò,   favorisce,   in   alcuni,   la   risposta   a   quelle   imperanti   esigenze   di   comunicazione   interpersonale,   causate   dal   progressivo   impoverimento   delle  relazioni,  dall’ansia  e  dal  diffuso  maladattamento  sociale   Tutto   ciò   che   ruota   intorno   agli   adolescenti   oggi   è   finalizzato   al   raggiungimento   di   questo   scopo,   cercare   una   nuova   modalità   comunicativa   per   far   fronte   all’impoverimento   delle   relazioni   e   delle   normali  comunicazioni  tra  persone     savianopasquale@hotmail.com   Le  modificazioni  degli  stati  di  coscienza  indotte  dalle  droghe  indicano  il  profondo   vuoto  lasciato  dal  crollo  delle  ideologie  e  dalla  crisi  della  religione,  appagando   anche   se   solo   parzialmente   ed   in   maniera   artificiale,   quel   latente   bisogno   di   trascendenza  ,  spiritualità  e  introspezione  che  ne  è  derivato   L’uso   di   sostanze   può   risultare   spesso   anche   collegato   alla   difficoltà   ad   accettarsi  per  quello  che  si  è,  con  le  proprie  caratteristiche,  i  propri  limiti  e   difetti   I   ragazzi   attraverso   l’uso   di   sostanze,   mirano   a   raggiungere   l’immagine   ideale   di   se   stessi,   plasmando   il   proprio   corpo   e   la   propria   psiche   su   un’modello  ideale,  presentandosi  fisicamente  perfetti,  psicologicamente   forti  e  sereni   Sono  le  sempre  più  pressanti  richieste  della  società  che  glielo  impongono.   Vi  è  spesso  una  vera  e  propria  impossibilità  ad  accettare  i  propri  limiti,  a   piacersi   nonostante   i   difetti   ed   a   mostrare   gli   aspetti   più   intimi   della   propria   interiorità,   molto   spesso   l'ansia,   l'incertezza   e   le   paure   hanno   il   sopravvento   savianopasquale@hotmail.com  
  7. 7. 20/05/14   7   Anche   la   noia,   l’anedonia   e   l’insofferenza   che   caratterizzano   i   gruppi   di   ragazzi  li  spinge  a  cercare  nelle  droghe  quella  soluzione  alle  richieste  di   una  società  che  gli  manda  costantemente  messaggi  contrastanti   Sono  proprio  i  repentini  mutamenti  della  società  attuale  i  responsabili  di   aspettative   legate   all’uso   di   sostanze   come   panacea   di   tutti   i   mali.   L’attuale  società  ha  insegnato  ai  nostri  giovani  la  possibilità  di  trovare  un   rimedio   immediato   ed   indolore   a   qualsiasi   male.   Ha   fatto   degli   show   televisivi   i   mezzi   privilegiati   per   esperire   emozioni,   ha   trasformato   la   superficialità  e  l’apparenza  in  prerogative  di  vita   Tutto  questo  limita  drasticamente  i  vissuti  emozionali  che  in  adolescenza   rappresentano  una  componente  molto  importante  per  lo  sviluppo  di  una   personalità  sana   I  sogni,  i  progetti  di  vita,  le  aspettative  sono  state  private  dei  loro  valori   più  profondi  andando  a  minare  quello  sviluppo  cognitivo  adolescenziale   che  favorisce  la  crescita     savianopasquale@hotmail.com   A  questo  punto  risulta  lecito  supporre  che  i  ragazzi  attraverso  le  droghe   cerchino  di  riappropriarsi  di  emozioni  e  sentimenti  che  sempre  più  spesso   la   nostra   società   gli   nega,   senza   però   accorgersi   che   così   facendo   rischiano  di  perdere  per  sempre  ciò  che  assiduamente  vanno  ricercando   FUMO   In  Italia  i  fumatori  iniziano  tra  gli  11  ed  i  14  anni,  e  tra  i  15  e  24  sono  per  il   25,3%  maschi  e  per  il  18,4%  femmine   È  stata  messa  in  evidenza  la  forte  correlazione  tra  il  titolo  di  studio  basso   dei  genitori  e  l’abitudine  al  fumo  nei  maschi.     Il  31,6%  dei  ragazzi  che  fumano  ha  entrambi  i  genitori  che  fumano,  per  le   ragazze  è  stata  registrata  una  maggiore  propensione  a  fumare  quando  in   famiglia  fuma  la  madre   I  maggiori  fattori  di  influenza  al  fumo  sono  legati  al  gruppo  di  pari,  al  fatto   di  provare  “per  avere  piacere”     savianopasquale@hotmail.com  
  8. 8. 20/05/14   8   Il  nuovo  adolescente  è  un  “Narciso”  che  «ha  bisogno  di  vedere  riflessa  la   propria   immagine   nello   specchio   sociale,   nel   consenso   del   gruppo,   nella   valutazione  dei  docenti,  nell’affetto  della  madre  e  del  padre»    L’«evidentissima  tendenza  narcisistica  di  questa  generazione»  appare  collegata  ai   cambiamenti  del  modello  educativo  della  famiglia  degli  ultimi  decenni:  adorato   da   tutti   come   «un   cucciolo   d’oro»   e   non   più   considerato   come   un   «piccolo   selvaggio  da  civilizzare»  è  stato  cresciuto  dai  genitori  con  la  convinzione  che,  in   ragione  della  sua  «natura  …  buona  e  per  nulla  antisociale»,  non  serviranno  castighi   e   regole,   ma   solo   tanto   affetto   da   parte   di   adulti   che   amano,   proteggono,   assecondano  in  tutto   Una  particolare  «fragilità»  -­‐  caratteristica  propria  degli  oggetti  preziosi,  unici  e   delicati  -­‐  lo  connota   «Il  bisogno  di  curare  la  loro  bellezza  li  rende  permalosi,  esposti  al  rischio  di  sentirsi   poco   apprezzati,   umiliati   e   mortificati   da   un   ambiente   che   non   dà   loro   il   giusto   riconoscimento.  Quindi  fragili  perché  esposti  alla  delusione  derivante  dal  divario  fra   aspettative  di  riconoscimento  e  trattamento  reale  da  parte  di  insegnanti,  coetanei,   genitori.   Fragili   perché   addolorati   dall’umiliazione   e   dal   rischio   di   doversi   troppo   spesso  vergognare  del  proprio  corpo  e  della  propria,  a  volte  irrimediabile,  invisibilità   sociale.»     savianopasquale@hotmail.com   L’adolescente  oggi,  fragile  e  spavaldo         A   sconcertare   gli   adulti   è   «l’ambiguo   impasto»   di   questa   fragilità   con   una   singolare   spavalderia:   senza   essere   arroganti   o   rifiutarne   l’autorità,   gli   adolescenti   si   mostrano   indifferenti,   inalberano   nei   loro   confronti   una   sorta   di   «denigrazione   preventiva»;   esibiscono   «il   culto   della   propria   persona   in   spregio   alla   deferenza   attesa   dagli   adulti   trasformati  in  spettatori».  Tendono  a  sottrarre  «credibilità  e  soprattutto  …  potere  simbolico»   oltre  che  agli  adulti  anche  alle  istituzioni;  alla  scuola,  in  particolare:   «L’istituzione  alla  quale  più  di  tutte  gli  adolescenti  di  oggi  hanno  sottratto  quasi  totalmente  il   valore  simbolico  di  cui  godeva  in  passato  è  la  scuola,  ridotta  a  un  edificio  e  un  insieme  di  adulti   deputati  a  erogare  un  servizio.  Gli  adolescenti  di  oggi  entrano  e  escono  dalla  loro  scuola  con   indifferenza  e  padronanza;  non  ne  hanno  paura,  non  si  sentono  in  colpa  se  non  hanno  fatto  i   compiti.  Ma  nello  stesso  tempo  non  esagerano:  sono  solo  spavaldi,  non  trasgressivi;  non  la   attaccano,  la  sopportano,  ma  la  scuola  non  deve  esagerare.  In  questo  porre  un  limite  alle   richieste   onnivore   della   scuola   esercitano   un   livello   elevato   di   spavalderia.   Così   facendo,   difatti,  si  liberano  del  potere  segreto  della  scuola,  che  è  sempre  consistito  nel  sottrarre  quasi   tutto  il  tempo  ai  giovani,  anche  quando  il  portone  è  chiuso  e  professori  e  bidelli  sono  dediti  ad   altro.»   Gli   adulti   (siano   genitori,   insegnanti,   educatori,   poliziotti   o   allenatori   …)   ottengono   rispetto,   attenzione   e   confidenza   solo   se   dimostrano   di   possedere   competenza   nelle   relazioni,   «di   conoscere   il   loro   mestiere   e   di   sapere   spiegare   bene   a   cosa   serve   la   loro   funzione».   savianopasquale@hotmail.com  
  9. 9. 20/05/14   9     LA  FAMIGLIA   (cosa  fare?)     E’   innanzitutto   necessario   sviluppare   un   rapporto   con   i   propri   figli   basato   soprattutto  sul  dialogo   È   necessario   essere   informati   sull’argomento   e   parlarne   apertamente   con   i   figli     Non  è  utile  essere  troppo  permissivi,  sia  pensando:  «è  giusto  che  facciano  le   loro  esperienze»,  né  «non  è  facile  essere  genitori  al  giorno  d’oggi»   Neanche   atteggiamenti   troppo   rigidi   con   elevati   divieti   portano   buoni   risultati   In   definitiva,   è   utile   cominciare   a   confrontarsi   con   i   propri   figli   alle   prime   avvisaglie,   in   modo   chiaro,   semplice,   ma   mantenendo   una   comunicazione   chiara  e  risolutiva  nel  rispetto  dei  ruoli  genitore/figlio   savianopasquale@hotmail.com     LA  FAMIGLIA   (cosa  fare?)     PREVENIRE   Significa  agire  in  modo  che  un  danno  non  si  manifesti   Non  significa  preoccuparsi  del  ragazzo  che  inizia  a  far  uso  di  droga,  alcol,  tabacco,   ma  occuparsi  di  lui  prima  che  ciò  avvenga  ed  adoperarsi  perché  ciò  non  avvenga   Significa  preparare  l’adolescente,  il  giovane  ad  affrontare  la  realtà  della  vita,  della   quale  la  droga,  come  problema  fa  parte.  Fa  prevenzione  chi  educa;  in  primo  luogo   i  genitori,  che  devono  occuparsi  del  benessere  fisico  e  psichico  del  ragazzo   Significa   conoscere   il   proprio   figlio,   vivere   con   lui,   assumere   la   responsabilità   della  sua  educazione  senza  deleghe  (scuola  ed  altre  agenzie  di  socializzazione)   questo  difficile  compito   Conoscere  realmente  il  problema  e  non  semplicemente  «aver  paura»  di  qualcosa   che  in  realtà  non  si  conosce.  Solo  una  chiara  e  diffusa  cultura  contraria  alla  droga   può  consentire  una  prevenzione  efficace   savianopasquale@hotmail.com  
  10. 10. 20/05/14   10     LA  FAMIGLIA   (cosa  fare?)     PREVENIRE   Significa  avere  una  conoscenza  seppur  schematica  e  basilare  che  favorisca   la   formazione   di   una   propria   opinione   rispetto   al   problema   così   da   superare  quel  timore  insito  in  ogni  genitore  di  parlare  di  droga  con  i  figli,   scegliendo  anche  tempi  e  modalità  giuste   Significa  educare  secondo  valori  non  solo  «predicati»  ma  anche  condivisi   e  vissuti  quotidianamente.   Significa  non  sottrarre  i  figli  ai  sacrifici  che  la  vita  richiede,  farli  partecipi   delle  difficoltà  della  vita  di  tutti  i  giorni  e  responsabili  delle  proprie  azioni   Renderli  critici  di  fronte  alle  situazioni  ed  abituarli  a  ragionare,  in  modo   chiaro  e  personale  rendendoli  consapevoli  dei  loro  diritti  e  coscienti  dei   loro  doveri   savianopasquale@hotmail.com     LA  FAMIGLIA   (cosa  fare?)     COME  AGIRE?   È  utile  non  drammatizzare  ed  affrontare  il  problema  con  il  giovane  solo   dopo  aver  consultato  un  esperto  in  materia   Approcci  errati  possono  compromettere  la  situazione  e  far  precipitare  il   rapporto   Essere  più  presenti;  rendersi  conto  che  i  ragazzi  anche  se  insofferenti  al   controllo  dei  genitori  hanno  il  bisogno  di  sentire  che  la  famiglia  si  prende   cura  di  loro   Non  concedere  eccessiva  libertà:  ricordare  che  “il  fare  esperienze”  deve   essere  inteso  in  diretto  rapporto  alle  responsabilità  che  l’età  di  un  ragazzo   consente,  non  come  un  facile  “alibi”  per  il  genitore   savianopasquale@hotmail.com  
  11. 11. 20/05/14   11     LA  FAMIGLIA   (cosa  fare?)     COME  AGIRE?   Non   compassionare   il   ragazzo,   né   fornire   alibi   al   suo   comportamento   accusando  se  stessi,  o  chiamando  in  causa  particolari  situazioni  familiari,   o  attribuendo  solo  a  cattive  compagnie,  problemi  scolastici  o  di  lavoro,   una   possibile   giustificazione.  Va   sottolineato   che   la   droga   non   risolve   il   problema,  ma  lo  esaspera   Sarà  opportuno  valutare  quale  o  quali,  tra  i  propri  atteggiamenti,  possono   avere  contribuito  a  creare  situazioni  di  disagio,  e  cercare  di  modificarli.  La   droga   può   essere   un’alternativa   alla   mancanza   di   affetto   o   alla   scarsa     disponibilità  del  genitore,  talvolta  propenso  ad  accontentare  il  figlio  con   promesse  e  regali  piuttosto  che  a  “vivere  insieme”  anche  parte  del  tempo   libero;   può   rappresentare   una   soluzione   a   problemi   che   il   ragazzo   non   riesce  ad  affrontare,  o  un’evasione  da  una  situazione  non  ha  accettata   savianopasquale@hotmail.com     LA  FAMIGLIA   (cosa  fare?)     COME  AGIRE?   Rendersi   conto   che   alcuni   atteggiamenti   dell’adulto   messi   in   atto   in   modo   non   consapevole   possono   costituire   continuamente   un   modello   (quanti   tra   noi  usano  tabacco  o  alcolici  senza  sapere  abbandonare  questa  abitudine,  o   ricorrono   immediatamente   ai   farmaci,   incapaci   di   sopportare   anche   il   più   piccolo  malessere?)   L’uso  della  droga  rappresenta  comunque  un  messaggio  lanciato  da  parte  del   ragazzo,  messaggio  che  deve  essere  raccolto  e  interpretato  con  equilibrio   Occorre   non   dimostrarsi   offesi,   atterriti,   o   peggio   indifferenti;   spesso   è   difficile   instaurare   un   rapporto   positivo   con   il   figlio:   per   questa   ragione   i   genitori  non  possono  fare  esclusivo  assegnamento  sulle  proprie  forze   savianopasquale@hotmail.com  
  12. 12. 20/05/14   12     LA  FAMIGLIA   (cosa  fare?)     COME  AGIRE?   Si   ricordi   infine   che   alla   base   di   ogni   relazione   valida   sarà   pur   sempre   il   continuo   colloquio,   che   consente   sì   di   ascoltare   con   affetto   e   comprensione   i   problemi   e   le   esigenze   del   ragazzo,   ma   questo  deve  avvenire  con  il  presupposto  di  un  totale  e  netto  rifiuto   di  una  qualsiasi  “filosofia  della  droga”   L’atteggiamento  rassegnato  della  nostra  società,  che  accetta  come   ineluttabile   ogni   forma   di   devianza   (droga,   violenza,   criminalità,   ecc.),  può  infatti  costituire  un  pericolo  maggiore  della  droga  stessa   savianopasquale@hotmail.com   BIBLIOGRAFIA   AA  VV.,  2005,  Prevenire  l'uso  di  droghe  tra  i  bambini  e  gli  adolescenti.   Una   guida   per   genitori,   educatori   e   amministratori   basata   sulla   ricerca   scientifica,  National  Institute  on  Drug  Abuse,  USA     Pietropolli   Charmet   G.,   2009,   Fragile   e   spavaldo.   Ritratto   dell'adolescente  di  oggi,  Laterza,  Bari   savianopasquale@hotmail.com  

×