Primo incontro introduzione

377 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Primo incontro introduzione

  1. 1. Orientamento per il successo scolastico e formativo PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia 1° incontro – Introduzione
  2. 2. Lo scenario attuale <ul><li>Forti e continui cambiamenti della società e del contesto economico e culturale </li></ul><ul><li>Alcuni problemi specifici: </li></ul><ul><ul><li>la dimensione globale </li></ul></ul><ul><ul><li>il forte incremento demografico e la competitività internazionale </li></ul></ul><ul><ul><li>la rivoluzione digitale </li></ul></ul><ul><ul><li>le diversità culturali </li></ul></ul><ul><ul><li>il rinnovarsi del sapere e delle tecnologie </li></ul></ul><ul><ul><li>le continue modificazioni del mondo del lavoro </li></ul></ul><ul><li>In questo contesto : </li></ul><ul><li>Solo un forte investimento in istruzione e formazione consente una crescita del capitale umano e del livello di istruzione, la possibilità di realizzazione personale e, conseguentemente, porta al benessere individuale e sociale . </li></ul>
  3. 3. <ul><li>Il concetto chiave : </li></ul><ul><li>Un buon orientamento facilita il successo formativo e la realizzazione personale, di conseguenza favorisce la riduzione della dispersione scolastica . </li></ul><ul><li>La strategia di intervento: </li></ul><ul><li>Porre attenzione all’orientamento, formare gli insegnanti ad una dimensione orientativa basata sulla consapevolezza del soggetto, mettersi in rete con il territorio, validare e valutare le proprie azioni. </li></ul>Orientamento e successo formativo
  4. 4. <ul><li>Lisbona 2000 : Economia basata sulla conoscenza </li></ul><ul><li>Portare al 10% il tasso di abbandono scolastico, entro il 2010 . </li></ul><ul><li>Oggi: </li></ul><ul><li>Europa 2020 – Crescita intelligente, sostenibile, inclusiva </li></ul><ul><li>Affrontare il problema dell'abbandono scolastico riducendone il tasso dall'attuale 15% al 10% e aumentando la quota della popolazione di età compresa tra 30 e 34 anni che ha completato gli studi superiori dal 31% ad almeno il 40% nel 2020 </li></ul>Dagli obiettivi di Lisbona alla strategia Europa 2020
  5. 5. Il Piano di orientamento dell’USR Lombardia <ul><li>Il contesto: </li></ul><ul><li>Da anni l’orientamento è una delle priorità delle politiche scolastiche dell’USR Lombardia </li></ul><ul><li>È attivo un Tavolo sull’Orientamento dei delegati delle Università e degli Istituti di Alta Formazione con cui si condividono strategie di intervento e progetti operativi </li></ul><ul><li>E’ stato costituito un Gruppo di lavoro regionale che comprende i referenti per l’orientamento degli ambiti territoriali e Dirigenti scolastici delle diverse province </li></ul><ul><li>Con la diffusione delle “Linee guida per l’orientamento lungo tutto l’arco della vita” il MIUR ha stimolato gli USR all’elaborazione di un piano regionale per l’orientamento </li></ul><ul><li>Al centro del piano regionale è stata posta la valorizzazione del ruolo della scuola secondaria di primo grado </li></ul>
  6. 6. Il Piano di orientamento dell’USR <ul><li>Finalità : </li></ul><ul><li>Favorire la diffusione delle Linee guida per l’orientamento per condividere il valore dell’orientamento lungo tutto l’arco della vita </li></ul><ul><li>Consentire a ciascuna scuola di impostare uno proprio progetto di orientamento (di scuola o di rete di scuole) che, pur nell’autonomia delle singole istituzioni, risponda ad una comune logica regionale </li></ul><ul><li>Stimolare le scuole al monitoraggio e alla valutazione dei risultati delle proprie azioni e al miglioramento dei progetti attuati. </li></ul>
  7. 7. Il Piano di orientamento dell’USR <ul><li>Le azioni: </li></ul><ul><li>Giugno-Luglio 2010 </li></ul><ul><li>Giugno-Luglio 2010 </li></ul><ul><li>Settembre- Ottobre 2010 </li></ul><ul><li>Ottobre – Dicembre 2010 </li></ul><ul><li>da Gennaio 2011 </li></ul><ul><li>da Giugno 2011 </li></ul><ul><li>Incontri con i referenti regionali/provinciali </li></ul><ul><li>Pianificazione e progettazione degli interventi nel Tavolo regionale dei delegati dei Rettori </li></ul><ul><li>Realizzazione del percorso formativo per DS e docenti della scuola di I grado (tre incontri) </li></ul><ul><li>Progettazione e realizzazione di percorsi di orientamento nelle singole scuole o in reti di scuole </li></ul><ul><li>Verifica dell’efficacia dei progetti sulla base di indicatori definiti a livello regionale </li></ul><ul><li>Stesura di report regionali, provinciali, territoriali, di reti di scuole o di singola scuola e raccolta di buone pratiche </li></ul>Tempi Azioni di avvio del piano regionale:
  8. 8. Il percorso formativo <ul><li>PRIMO INCONTRO: </li></ul><ul><li>Ruolo e funzioni della scuola sec. di I grado </li></ul><ul><li>Il contesto normativo </li></ul><ul><li>Il quadro teorico di riferimento </li></ul><ul><li>( referente territoriale ed esperti universitari ) </li></ul><ul><li>SECONDO INCONTRO: </li></ul><ul><li>Costruzione e valutazione di un progetto di orientamento </li></ul><ul><li>Le modalità di elaborazione di un progetto di istituto / di rete </li></ul><ul><li>La verifica dell’efficacia di un progetto di orientamento (indicatori di esito) </li></ul><ul><li>( referente territoriale ed esperti universitari ) </li></ul><ul><li>TERZO INCONTRO: </li></ul><ul><li>L’offerta formativa territoriale </li></ul><ul><li>Le novità della riforma della scuola secondaria di secondo grado </li></ul><ul><li>Nuovi indirizzi e specificità territoriali </li></ul><ul><li>Tavole rotonde sui temi dell’integrazione (intercultura e disabilità) per la presentazione delle migliori esperienze delle scuole secondarie di II grado del territorio </li></ul><ul><li>( referente territoriale e Dirigenti scolastici – referenti per la disabilità e per </li></ul><ul><li>l’intercultura ) </li></ul>

×