Sogni, visioni e immagini di Sandra Marinsalta

1,768 views

Published on

L’obiettivo principale di questo lungo capitolo del libro è un primissimo passo per iniziare a comprendere, con l’aiuto dello Spirito Santo, il compito dei sogni e delle visioni bibliche nella nostra vita.

Published in: Spiritual
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,768
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
12
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sogni, visioni e immagini di Sandra Marinsalta

  1. 1. Sandra Marinsalta SOGNI, VISIONI E IMMAGINI LA MAESTRIA BIBLICA NEI MESSAGGI ONIRICI “divinamente avvertito in sogno, si rifugiò nel territorio della Galilea” (Matteo 2:22) “… aveva il sigillo del Dio vivente (Apocalisse 7:2) L’Eterno dichiara: “avverrà che io spargerò il mio Spirito, su ogni persona; i vostrifigli e le vostre figlie profetizzeranno, i vostri vecchi faranno dei sogni, e i vostri giovaniavranno delle visioni. Anche sui servi e sulle serve spargerò in quei giorni il mio Spirito. Faròprodigi nei cieli e sulla terra: sangue, fuoco, e colonne di fumo” (Gioele 2:28-30; Atti 2:17-19).I vecchi sono i maturi spiritualmente; riceveranno profezie, sogni e visioni, tutti i servi e leserve che custodiscono un cuore giovane per il Signore. Abbiamo una delle più solenni promesse dell’Eterno; una delle tante Sue garanzie dimandare copiosamente lo Spirito Santo sulla terra in svariatissime e incantevoli modalità. E’la descrizione poderosa del riversamento dello Spirito Santo su noi. Questa bellissima, incoraggiante e consolante profezia biblica ha incominciato adavverarsi grandemente il giorno della Pentecoste, duemila anni fa, quando è nata la Chiesa diCristo con tutti i carismi donati dallo Spirito Santo (Atti 2). Si tratta comunque di un processodi adempimento continuo. Difatti in questo preciso periodo storico, tempo della grazia, la grande profezia appenacitata, si sta verificando con un’intensità sorprendente, sbalorditiva. Dicono gli esperti dellaBibbia che una volta che la profezia entra nel processo di adempimento non può esserefermata da nessuno. Tanta gente non ha ancora compreso che il Grande Risveglio spirituale è in corso, intutta la terra, in un modo straordinario. Molteplici persone, distratte da attività terrene,soprattutto mondane, che architetta il nemico con ingegno e acume, non hanno fatto ancorauna scelta di fede vera. Noi intercessori, figli del Dio Vivente, stiamo pregando intensamente per chi pensa diconoscere Dio ma non ha avuto ancora la pregiata esperienza. Preghiamo per chi dimostrapanico per le novità spirituali, per i perduti, per gli increduli, per quelli che credono solo in ciòche toccano e vedono i loro sensi fisici. Preghiamo per le persone troppo razionali, per i tiepidi e per i legalisti religiosi, e ancheper quelli che si credono cristiani, ma contristano continuamente le manifestazioni dello Spirito Pagina 1 di 19
  2. 2. Sandra MarinsaltaSanto; questi ultimi sono i famosi cristiani nominali, spesso sopraffatti dalla paura del diveniree dalla trasformazione spirituale. Il giorno della Pentecoste il fuoco divino scese come nell’Esodo; questa volta, però lalegge di Dio fu scritta nei cuori spirituali dei presenti, piuttosto che su tavole di pietra e tuttinacquero meravigliosamente di nuovo. Un grande sorpasso spirituale per tutta l’umanità. L’Eterno lo aveva promesso più volte nella Sua Parola: “Vi darò un cuore nuovo e metterò dentrodi voi uno spirito nuovo; toglierò dalla vostra carne il cuore di pietra e vi darò un cuore dicarne” (Ezechiele 36:26). I semi divini sono stati continuamente seminati, innaffiati, santificati e finalmente sonosbocciati; il popolo di Dio è cosi nato di nuovo, germogliato dallo Spirito Santo: “Oh,profondità della ricchezza, della sapienza e della scienza di Dio! Quanto inscrutabili sono i Suoigiudizi e ininvestigabili le Sue vie!” (Romani 1:33). Lo Spirito Santo è lo Spirito di Verità. LoSpirito di Dio è uno Spirito Vivente. Che benedizione abbondante e straordinaria! Questa grande verità ci sta costantemente rincorrendo ma noi esseri terreni non lasappiamo riconoscere appieno; questa solenne verità è contenuta nelle viventi e straordinarieParole della Sacra Scrittura. Il nostro bene è stare vicini a Dio Padre. Difatti l’Evangelo non è nient’altro che Amoredivino; la sua priorità è assoluta perché il Verbo è Cristo, il Verbo è Dio (Giovanni 1:1). Ilnostro rifugio sicuro è dimorare nel Cortile dove Dio passeggia con noi. I sogni, le visioni e le immagini sono soprattutto esperienze visive spirituali: vedere epossedere. Vedere con gli occhi dello spirito. Si tratta di essere sommamente e integralmenteresponsabili perché siamo stati scelti dall’Onnipotente per lavorare e fruire nel campo di DioPadre, nella Sua straordinaria vigna. Possedere nel terreno di Dio Padre momentaneamente, far fruttare i talenti personalicon onestà (cf Matteo 25:16), ma senza dimenticare di ri-consegnare ogni giorno tutto a Dio,senza oblii calcolati, senza distrazioni, senza fare proselitismo, perché tutto quello che Lui ci dàè un meraviglioso prestito. Tutto appartiene all’Eterno, noi siamo solo gli amministratori, imomentanei procuratori delle Sue grazie divine per servirLo con correttezza, onore e rigore. Grande sollievo sapere e vivere questa verità, in modo profondo e concreto! Chi lavoratenacemente e ininterrottamente per il Regno di Dio e segue i comandi e le Sue normative,conosce lo Spirito Santo, penetra con rispetto, nobiltà e purezza nei segreti di Dio Padre;ascolta il Suo unico e inconfondibile linguaggio; vive collegato e unito con le Sue profonditàeterne. “Benedirò il Signore che mi consiglia; anche il mio cuore m’istruisce di notte” (Salmo16:7): chi presta attenzione e medita sulla propria vita onirica (oneiros: atto del sognare), sa moltobene che l’Eterno ci istruisce anche nel nostro naturale assopimento. Oppure durante quel sonnoparticolare che Lui ci procura momentaneamente per parlarci o operare delle cose veramenteimportanti. E’ l’attimo, a dir poco misterioso, in cui Dio Padre agisce; è successo in Adamo per crearela donna (cf Genesi 2:21). E’ avvenuto anche con Abrahamo (cf 15:12): in quei frangenti DioPadre Gli ha comunicato molti eventi notevoli sui suoi futuri discendenti. “Tutti dormivano, perché il Signore aveva fatto cadere su di loro un sonno profondo”(1Samuele 26:12): l’Eterno usa questa meravigliosa facoltà umana per facilitare alcune particolarimissioni delle Sue schiere. Esistono, a tale proposito, testimonianze innumerevoli, ampie eprofonde in questo specifico settore, quasi inverosimili. Pagina 2 di 19
  3. 3. Sandra Marinsalta SPIRITO ANIMA E CORPO Prima di entrare nell’argomento è bene specificare che purtroppo ci sono molte personecredenti che pensano a se stesse come creature formate da due parti solamente: anima ecorpo. Le persone che continuano ad avere questa ridottissima e sbagliatissima meta-cognizione continuano a confondere a ingarbugliare e a mescolare le proprie reazioni emotive(confusione intellettuale) con la preziosissima vita spirituale. Esse sono sfere ben distinte.Universi che devono comunicare con armonia e collaborazione, ma da osservare e vivere conun’adeguata e commisurata “divisione” (Ebrei 4:12). L’essere umano è SPIRITO, ANIMA e CORPO (1 Tessal. 5:23). Paolo ci comunica che noisiamo una trinità. Si tratta della triplice natura dell’essere umano. “Parola del Signore che hadisteso i cieli e la terra, e che ha formato lo SPIRITO dell’uomo dentro di lui” (Zaccaria 12:1). Maria, la madre di Gesù, ci comunica nel suo magnifico cantico: “L’ANIMA mia magnificail Signore, e lo SPIRITO mio esulta in Dio, mio Salvatore” (Luca 1:46). “E’ lo Spirito chevivifica; la carne non è di alcuna utilità” (Giovanni 6:63). Non occorre essere colti per capiretali cose, basta leggere il grande Libro di Dio. Noi umani siamo uno spirito; abbiamo un’anima e un corpo. Dio Padre si preoccupamolto dello sviluppo del nostro spirito perché solo così l’anima si RINNOVA, lo segue consottomissione e prende il carattere dello spirito e non della carne: “infatti ciò che brama lacarne è inimicizia contro Dio” (Romani 8:7). Molti docenti biblici identificano lo spirito dell’uomo con l’inconscio e molte volte con lapsiche profonda; con queste particolari espressioni ci troviamo sempre nella sfera dell’anima,dove abitano le emozioni, l’inconscio, il subconscio, la volontà terrena, la fede emotiva,l’intelletto, l’immaginazione, l’amore umano-terreno, i sentimenti e la memoria. Le emozioni dell’amore terreno sono spesso macchiate di egoismo. L’anima è la sededella personalità, qui prendono forma anche i pensieri, gli ideali, le scelte e i giudizi. L’animacon tutte le sue caratteristiche, appena elencate, inizia a svilupparsi adagio nella sua vita intra-uterina. Mentre lo spirito incomincia a vivere, appena la cellula maschile incontra quellafemminile: qui il Soffio di Dio Padre interviene subito. Incomincia la Vita, inizia il miracolo. Se è diventato uno SPIRITO RISORTO, il cristiano, “è spirito vivificante” (1Corinzi15:45). L’Amore di Dio vive nel nostro spirito ed è eterno. La straordinaria esperienza dellanuova nascita avviene nel nostro spirito. La “fede di Dio” (Marco 11:22), vive solo nel cuoredel nostro spirito personale e si nutre della Parola. Verità assoluta. Il nostro spirito è quella parte che è stata creata a immagine e somiglianza di Dio. Tuttol’essere è una combinazione di Cielo e terra: “Ma quel che rende intelligente l’uomo e lo spirito,è il soffio dell’Onnipotente” (Giobbe 32:8). Difatti quando si ama con l’Amore di Dio Padre, siistaura l’armonia e la gioia in noi e allora tutte le porte interiori si spalancano e tutte lebenedizioni del Cielo sono pronte per fare ingresso e risiedere in noi. Spesso ci troviamo di fronte a persone che si permettono di maneggiare e stravolgerequello che viene dallo spirito, perché non conoscono il proprio spirito e tanto meno lo SpiritoSanto. La guida primaria dovrebbe essere dello spirito personale che si è collegatoadeguatamente con lo Spirito di Dio. Pagina 3 di 19
  4. 4. Sandra Marinsalta Quando abbiamo ricevuto nel cuore Gesù come nostro Salvatore e Redentore, il nostrospirito personale è risuscitato. Solo il nostro spirito si può ricongiungere con Dio Padre. Solo ilnostro spirito può adorare Gesù il Cristo. Solo con lo spirito, aperto all’Altissimo, si diventaesseri spirituali superiori. Se è l’anima che ha assunto il comando, diamo spazio, nella nostramente, al nemico che s’infiltra tranquillamente per lavorare e farci del male. Qui l’anima non èstata rinnovata. Anche i sogni e le visioni, in questo caso, possono essere danneggiati dal nemico di Dio;ma le persone battezzate nello Spirito Santo, sanno molto bene come non farsi attaccare eingannare. E’ il pregevole e importante compito dello Spirito Santo di dirigere e condurre ilnostro spirito che a sua volta GOVERNA con ordine e cortesia la nostra anima e il nostro corpo. Lo Spirito di Dio vuole riempirci, modellarci, usarci grandemente; siamo così dei vericristiani, veri adoratori, seduti “nei luoghi celesti in Cristo Gesù” (Efesini 2:6). La nostra animaquando ha fatto la scelta, collabora con il nostro spirito, lo deve fare con attenzione, premura eriguardo, ma non deve mai essere la protagonista. Con l’entrata di Gesù Cristo in noi, con lanuova nascita, non siamo più un’anima controllata dal corpo (la carne) ma siamo un’ animacontrollata e guidata dallo Spirito Santo. Che straordinaria bellezza, che incanto! I SOGNI NELLA CULTURA ANTICA Fin dai tempi antichi l’essere umano ha sempre cercato di comprendere e usare al meglio ilsogno onirico. A quel tempo esisteva ovunque la credenza che la signora terra fosse la madre ditutti i sogni. Nell’Antica Grecia gli esseri umani che stavano poco bene usavano recarsi nel tempiodel dio della salute chiamato Asclepio, dove “seminavano” e “incubavano” un sogno onirico.Incubare significa propriamente “dormire nel santuario”. Dopo svariati riti come lavarsi bene che è segno di purificazione e pregare, dormivano insale apposite, tipo cliniche, situate all’ interno del tempio chiamate Abaton, per ricevere nel sonnoun sogno curativo e dopo aver ricevuto il messaggio particolare richiesto al loro dio, esso venivainterpretato e “usato” propriamente dal sacerdote del tempio che era anche medico, ed essi qualchevolta guarivano. La loro testimonianza del fatto era contestualmente incisa su tavolette di argilla. Alcune diesse sono arrivate anche a noi. Oggi i cristiani sanno molto bene che Asclepio era un idolocontrassegnato da un serpente; un intrigo di convenzione ideato dalla mente carnale, limitata eoffuscata dell’essere umano, senza il vero Dio. ”In quel giorno, gli uomini getteranno ai topi e aipipistrelli gli idoli d’argento e d’oro, che si erano fatti per adorarli; ed entreranno nelle fessure dellerocce e nei crepacci delle rupi per sottrarsi al terrore del Signore e allo splendore della sua maestà,quando egli sorgerà per far tremare la terra” (Isaia 2:20-21). Altra grande profezia dell’Eterno. Questa ricercata e artefatta procedura avveniva anche a Roma, nell’isola Tiberinadove in un tempo molto lontano, era situato il tempio pagano del dio medico. Alla luce dellaBibbia possiamo dire che questa non era una vera guarigione. Non si trattava di unaguarigione divina, neanche parziale. Si trattava di una guarigione della carne, non spirituale. Non avvenivano ravvedimenti,consacrazioni e purificazione dall’Onnipotente. Le persone non sperimentavano per niente la“nuova nascita”. Inoltre l’eventuale guarigione arrivava dalla “sponda” del male. Pagina 4 di 19
  5. 5. Sandra Marinsalta Nascere di nuovo, dare il proprio cuore a Gesù, abbiamo detto, che è ilmiracolo più grande per noi cristiani; è l’avvenimento più maestoso e imponente di tutte leguarigioni descritte nella Bibbia. E’ la guarigione interiore più grandiosa. Solo così GesùCristo, il Messia, l’Unto di Dio è al centro della nostra vita. Lui ci ha dato giustificazione,redenzione e noi siamo entrati con grazia in un Regno nuovo. ALCUNI SOGNI NELLA BIBBIA Per quanto riguarda la Sacra Bibbia, possiamo attestare che esistono innumerevoli passiche parlano di sogni e visioni con delle istruzioni dell’Eterno, per un chiaro discernimentodivino. Chi la legge con serietà e attenzione, accompagnato dall’Insegnante più eccelsodell’universo che è lo Spirito Santo, comprende come questo sacro Libro di Dio ci istruisce condovizia di particolari, su come riconoscere le visioni e i sogni che vengono dallo Spirito di Dio,quelli che vengono dalla psiche (anima) e quelli dove agiscono interferenze del nemico. Molti cultori e studiosi della Bibbia, purtroppo, liquidano questo fenomeno dicendo chenon bisogna ascoltare i sogni ma “Guai a colui che contesta il Creatore” (Isaia 45:9). Difatti chinon prende i sogni sul serio, non accetta seriamente neanche se stesso e gli altri nella totalità. La sacra spiegazione, nella Parola, non è assolutamente così superficiale e sbrigativa. E’molto più ampia e profonda, necessariamente deve essere compresa. E’ Parola di Dio perciòdegna di un vivido intendimento spirituale e un ascolto del cuore con accordo e consonanza. Inverità esiste un’enorme differenza tra sentire, ascoltare, meditare e proclamare. Tutto è molto più limpido quando siamo stati battezzati nello Spirito Santo dal MaestroGesù e di conseguenza abbiamo fatto una seria divisione tra ciò che viene dall’anima e ciò cheè competenza dello spirito. Questa sana operazione può farla solo il Padre Celeste attraverso laSua Parola. Per questo è importantissimo leggere la Sacra Scrittura, un’autorevole regola difede e di condotta, unica, incontrovertibile e infallibile. Proclama chiaramente l’Eterno: “Pensano forse di far dimenticare il mio nome al miopopolo con i loro sogni che si raccontano l’un l’altro, come i loro padri dimenticarono il mionome per Baal? IL PROFETA CHE HA AVUTO UN SOGNO, RACCONTI IL SOGNO; COLUI CHEHA UDITO LA MIA PAROLA, RIFERISCA LA MIA PAROLA FEDELMENTE” (Geremia 23:28). In queste ultime parole scritturali si evince chiaramente che i sogni e le rivelazioniraccontati fedelmente sono approvati dal Signore. Alcuni versetti più avanti l’Eternoammonisce e chiarisce: “Ecco, io vengo contro quelli che profetizzano sogni falsi, che liraccontano e traviano il mio popolo con le loro menzogne e con la loro temerarietà, sebbene ionon li abbia mandati e non abbia dato alcun ordine” (Geremia 23:32). Questo passo ci dice cheè molto chiaro che esistono delle persone vanitose, corrotte che amano primeggiare. Questepersone alterano e manipolavano i sogni con furbizia e meticolosità. Pensano forse di nonessere controllati dall’Eterno? I sogni leali, puntuali e autentici, raccontati fedelmente, sono un grande dono di Dio; ilpopolo non deve trasformarli e modificarli per un tornaconto personale, fallato e deviatolontano dalle Sue bellissime e fedelissime parole, immagini e similitudini. Perciò la Parola di Dio, se letta con lo spirito innestato allo Spirito di Dio, spiega cheabbiamo: 1- I veri sogni e le vere visioni che vengono dallo Spirito Santo. Come abbiamo vistoDio Padre Onnipotente ci suggerisce di raccontarli e testimoniarli fedelmente. Essi sono sempreaccompagnati da tanta gioia, giubilo, letizia e festosità: li riconosciamo subito, anche perchésono abbinati dai colori dell’arcobaleno, straordinari e pieni di significato. Le visioni e i sogni Pagina 5 di 19
  6. 6. Sandra Marinsaltache vengono da Dio sono profetici, d’ incoraggiamento, consolazione, edificazione,ammonimento ed insegnamento. 2- I sogni che vengono dal proprio essere; desideri personali che possiamo ancheprovocare, chiamati sogni della psiche o dell’anima (cf Geremia 23:16). Esistono delle tecnichesecolari chiamate “Come incubare i sogni”, e “Come seminare i sogni”, ed è così che essivengono molto spesso distorti, trasformati, saccheggiati e ricostruiti dagli umani a propriovantaggio con un profitto personale sconveniente. Sono tecniche molto antiche ma sono usateampiamente anche oggi. Qui l’anima si presenta confusa e per niente fedele se non ha datoancora il comando prioritario allo spirito. 3- I sogni con interferenze e intromissioni del nemico di Dio. Lui fa dei piani perfidi emalvagi per noi, spesso i sogni ci raccontano quello che lui sta progettando per la nostra vita.Il nemico vuole attaccare e stravolgere i sogni fedeli delle persone, desidera malvagiamentefar ammalare il popolo dell’Eterno, per esempio con l’insonnia. Spesso ci vuole ingannare.Gesù ci informa chiaramente che lui è il padre della menzogna; viene per rubare, uccideredistruggere. Mostra sempre molta invidia dei bellissimi doni che il Padre fa ai Suoi figli. Noi figli del Dio vivente, possiamo contrastare gli iniqui propositi del nemico con unostrumento possente e prodigioso che è la preghiera costante, la lode e l’adorazione. Questisogni si riconoscono quasi subito perché essi ci portano tanta paura, turbamento, confusione espesso spavento. Dobbiamo fare molta attenzione ai metodi del nemico, egli inizia a lavorarecon astuzia sempre dall’esterno da noi, come ha fatto con Giobbe. Mentre Dio Padre opera con noi, figli, iniziando sempre, dall’interno ovvero nel nostrospirito, la parte più preziosa. Se seguiamo gli ordinamenti dell’Onnipotente, i Suoi decreti, Egli ci aiutaprodigiosamente, ci conferisce qualcosa di speciale, ci fornisce il Suo cibo prelibato, la mannaceleste. Il Padre fa questo importante lavoro nel segreto, anche mentre noi dormiamo,camminiamo per la casa, nel nostro cortile. L’Eterno ci dà il Suo cibo senza che ce neaccorgiamo. Importante è far entrare quest’alimento in noi tenendo sempre i canali (sensispirituali) puliti, integri. Questa è la vita in abbondanza di cui parla Gesù nella Sua Parola. E’ bene discernere, distinguere sempre lo Spirito di Dio, lo spirito dell’uomo carnale equello del maligno. L’Eterno ci istruisce molto bene nella Sua Parola come intendere e decifrare i sognionirici. Ci consegna delle chiavi pregiate per farlo. Usiamole accuratamente. “In pace micoricherò e in pace dormirò, perché tu solo, o Signore, mi fai abitare al sicuro” (Salmo 4:8).“Sarai fiducioso perché avrai speranza; ti guarderai bene attorno e ti coricherai sicuro” (Giobbe11:18). Prima di coricarci è bene ostacolare il nemico di Dio meditando i Salmi 91 e 121 nelloSpirito. Il seguente brano è tratto da una vibrante pagina della Sacra Scrittura. Esso ci spiegaun bellissimo colloquio che avviene tra l’ Eterno e il re Salomone che accade in sogno: “Il re sirecò a Gabaon per offrirvi sacrifici, perché quello era il principale fra gli alti luoghi; e su quell’altare Salomone offrì mille olocausti. A Gabaon l’Eterno apparve di notte, in sogno, aSalomone, Dio gli disse: “Chiedi ciò che vuoi che io ti conceda”...Salomone rispose: “Dàdunque al tuo servo un cuore intelligente, perché io possa amministrare la giustizia per il tuopopolo e discernere il bene dal male”... Dio rispose: “ecco, io faccio come tu hai detto; e ti doun cuore saggio e intelligente: nessuno è stato simile a te nel passato, e nessuno sarà simile ate in futuro… “SALOMONE SI SVEGLIO’ E CAPI’ CHE ERA UN SOGNO” (1 Re 3:4-5; 9;12;15). Alcuni commentatori della Bibbia sostengono che Salomone presso il santuario ha“incubato” un sogno, ma la Parola di Dio non ne parla per nulla. La cosa principale eimportante, per noi veri cristiani, è che l’Eterno ha risposto subito a Salomone; era un suo Pagina 6 di 19
  7. 7. Sandra Marinsaltadesiderio impellente vista la sua giovane età e il suo grande compito. L’Eterno promette aSalomone, in sogno, prosperità spirituale e una grande abbondanza materiale e protezione intutte le aree della sua vita. Tutto si è adempiuto puntualmente per lungo tempo. E’ biblico. IlRe Salomone, figlio del re Davide, è stato il re più saggio e più ricco di Israele. Ora possiamo dare uno sguardo profetico, per quanto riguarda questo interessantetema, al monumentale libro di Giobbe che proclama: ”Dio ci parla ora in un modo ora in unaltro: ma non gli si presta attenzione. Parla per via di sogni, di visioni notturne, quando unsonno profondo cade sui mortali, quando sui loro letti cadono assopiti; allora egli apre gliorecchi e dà loro in segreto degli ammonimenti” (Giobbe 33:14-19). Noi esseri umani portiamo sicuramente molto ritardo nel capire quello che Dio ci vuoledire dal cielo e quello che il Padre desidera fare per il suo amato popolo eletto. Questi versiparlano chiaramente di sogni e di visioni ma pochissima gente, anche oggi, riesce a distinguerebene un sogno da una visione, non è descritto neanche nei libri accademici in modo chiaro edistinto. Dovremmo essere molto umili per dichiarare che non sappiamo tutto. Molte persone asseriscono erroneamente che i sogni avvengano di notte e le visioni digiorno, ma non è così schematico, anche le Scritture ci raccontano che le cose stannodiversamente. Questa straordinaria scrittura ci parla di “sonno profondo” (33:15) che cade suimortali quando stanno assopiti sui loro letti; pertanto in questo libro ispirato, “soffiato” dalloSpirito di Dio, sicché sacro, scritto da migliaia di anni, qualcuno dice che è il libro più anticodella Bibbia, è molto chiaro che l’attività onirica avviene quando siamo in FASE REM cioèdurante il “sonno profondo” come dichiara attualmente anche l’ambito scientifico(neurofisiologia). Non ci dobbiamo sorprendere da questo insegnamento profetico, tanto antico e tantomoderno insieme, perché la Bibbia ha sempre avuto ragione, è il Libro dell’Eterno. GLI AMMONIMENTI BIBLICI Nel testo di Giobbe il termine biblico “ammonimenti” (33:16), ha un significato notevolee oltremodo intenso e penetrante. Gli ammonimenti sono delle esortazioni, dei segni pregiatiche il Divino fa scaturire dalla nostra interiorità, essi sono nel nostro “bagaglio” interiore,protetti da sempre; essi dormono, ma appena vengono alla luce e si svegliano del tutto noi liriconosciamo con le nostre pregevoli qualità come la nostra consapevolezza e il nostrodiscernimento spirituale, la nostra prodigiosa “logica” divina. Come gli ammonimenti sisvegliano, noi siamo pronti a metterli in atto. Li identifichiamo, li ravvisiamo perché li abbiamo difesi, nutriti per anni, portano ilravvedimento, la luce, la vita vera; sono i nostri piccini, i nostri gioielli che abbiamo tenuticon noi senza troppa responsabilità e coscienza, però sapevamo che erano tanto preziosi.Questo significa che abbiamo a livello interiore tutto quello che ci serve per seguire i decreti, icomandi del Padre. Noi possiamo diventare figli del Dio Vivente, ma qualcuno purtroppo nonl’ha compreso ancora. Dopo la venuta di Gesù Cristo non abbiamo più bisogno delle tavole di pietra, dove èscritta la legge perché lo Spirito Santo ci ha comunicato che questi ammonimenti divini sonoscritti dentro di noi, essi sono nel nostro spirito, sulle tavole del nostro cuore sensibile. IlSignore lo aveva ampiamente promesso. Per grazia di Dio se gli prestiamo un po’ di attenzione essi vengono fuori dal nostronascondiglio; le gemme sbocciano e diventano come dei “fiori messaggeri”. Angeli. Difatti, gli Pagina 7 di 19
  8. 8. Sandra Marinsaltaammonimenti divini, sono paragonati anche a dei boccioli spirituali che se “irrigati” e tutelaticon dedizione vengono a darci la libertà in Cristo. E’ l’Amore annunciato nel Vangelo. Dio Padre ci incita a ritornare al primo amore (cf Apocalisse 2:4) e di non dubitare laverità ma di dubitare il dubbio perché esso è delimitato e insufficiente. Abbiamo principalmentedue tipi di dubbio, un dubbio negativo che porta all’incredulità e un dubbio positivo che ci facercare Dio Padre con tutto il cuore, esso rafforza la vera fede, non ci fa cadere nella passività. Qualche volta il dubbio si manifesta, non per incredulità, ma solo come richiesta di aiutoa Dio. L’incredulità, per il pianeta spirituale, è comunque il più grave dei nostricomportamenti e atteggiamenti; può generare depressione e diventare un grosso veicolo chediamo involontariamente al nemico per operare nella nostra mente con facilità. Unico strumento che afferma la verità e dissolve ogni dubbio è la Sacra Bibbia; leggerla,meditarla e memorizzarla è sicuramente un piacere e un onore e tanta salute: “Figlio mio, staattento alle mie parole, inclina l’orecchio ai miei detti; non si allontanino mai dai tuoi occhi,conservali in fondo al cuore; poiché sono vita per quelli che li trovano, salute per tutto il lorocorpo” (Proverbi 4:20-22). La Sacra Bibbia è l’unica autorità normativa e il resto è secondario.Dice Gesù con tanto amore: “Le parole che io vi ho dette sono spirito e vita” (Giovanni 6:63). Alcuni testi scritturali ci dicono che Dio “sigilla” gli ammonimenti: “Egli, allora, si rivelaall’orecchio dell’uomo e vi sigilla gli ammonimenti che Egli lancia” (Giobbe 33:16). Sigillo, dallatino = sigillum. Primariamente sigillo è un segno di qualcosa che deve accadere, una sorta difirma regale. Nella Parola abbiamo la “firma” di Dio; con essa Egli desidera dare ai suoi dilettifigli, con un linguaggio tenerissimo come quello di una madre, i Suoi provvedimenti e i Suoidecreti per il loro benessere, ordine, bellezza, salute, prosperità, consolazione e soprattutto laloro salvezza eterna. Questi doni giungono a noi al tempo stabilito dalla volontà dall’Eterno nondalla nostra. Quando accettiamo lo Spirito Santo, siamo sigillati, diventiamo gli eredidell’Onnipotente. A volte Dio “sigilla” anche un nostro sogno o una nostra visione spirituale perproteggerci, difenderci da una “conoscenza” ancora troppo ardita, impetuosa e soprattuttoprecoce per noi; essa potrebbe farci diventare inadeguati, stranamente supponenti e saccenti.Dio Padre conserva la comprensione di quei sogni per il Suo tempo stabilito. Ecco perché alcunimiei sogni spirituali, molto consistenti e accesi, non sono riuscita a decodificare: Dio non mi haancora dato il significato. Egli ci difende e ci protegge da un’eventuale congettura sbagliata, ci lascia nellariflessione più intensa e penetrante: si tratta comunque di un ammonimento d’amore chenasce dal rigore divino. Dio ci mantiene lontani dall’orgoglio, non perché non desidera per noi,figli il vero discernimento di quello che Lui ci manda a dire, ma perché quel particolaremateriale divino lo dobbiamo cullare, farci amicizia, finche non è arrivato il momento adattoper noi, la preparazione giusta, un balzo di qualità spirituale per capire il messaggio delloSpirito Santo, perché tutto avviene a modo Suo e a tempo Suo. E’ importante comprendereche il Padre Celeste non rivela tutto subito. Nel campo spirituale c’è un ordine straordinario che noi esseri piccoli e fragili ancoranon riusciamo a ratificare e decifrare bene. Dobbiamo attendere il tempo di Dio. Perché?Questa proficua disposizione la Sacra Scrittura la spiega chiaramente così: “Per distoglierel’uomo dal suo modo di agire e tenere lontano da lui la superbia; per salvargli l’anima dallafossa, la vita dalla freccia mortale” (Giobbe 33:17-18). I messaggi del Padre, i Suoi decreti, leSue leggi sono per il nostro recupero, la nostra salvezza totale, la nostra fioritura spirituale, lanostra edificazione. E’ tutto semplicemente glorioso! Sigillare significa anche “timbrare” o stampare qualcosa, per esempio lo Spirito Santostampa la Sua Parola nei nostri cuori. “In Lui anche voi, dopo aver udito la Parola della verità,l’evangelo della vostra salvezza, e aver creduto, siete stati sigillati con lo Spirito Santo della Pagina 8 di 19
  9. 9. Sandra Marinsaltapromessa” (Efesini 1:13). Chi ignora quei sigilli divini, trascura le opere e le grazie di DioPadre. Noi siamo sigillati con lo Spirito Santo ed anche la vita onirica, le visioni e le profezieche vengono dal Cielo. Tutto è contrassegnato da questa rispettabilità e dignità poiché noicredenti, essendo progenie di Dio, non siamo più creature, ma siamo diventati figli (cf Giovanni1:12). Abbiamo una completezza e un’identità precisa e di conseguenza piena autorità per ilRegno dei cieli. Gesù Cristo con la Sua opera compiuta ci ha regalato questa preziosa identità eautorità spirituale. Lo Spirito Santo “sigilla” e preserva i nostri sogni e le nostre visioni per conoscere il lorosignificato ricco e completo nel periodo più propizio; a volte subito, a volte dopo qualche tempoperché la grande portata conoscitiva potrebbe farci diventare superbi. Spesso in una visione o in un sogno sono insiti svariatissimi simboli e significati, non cidobbiamo illudere di aver colto proprio tutta la portata “conoscitiva” anche se contestualmentelo Spirito Santo ci ha spiegato i codici, i significati biblici. Lui ci dice solo quello che siamoequipaggiati a comprendere in quel determinato momento della nostra crescita spirituale.Abbiamo detto che i doni sono dello Spirito Santo, non appartengono a noi, è solo unprivilegiato prestito, uno splendido “favore” che viene dal Regno. Noi siamo solo dei semplici delegati terreni, dei canali dei beni celesti. Esistono gliorgogliosi e i manipolatori spirituali; è chiaro che con questo comportamento iniquo abbiamo ache fare con una fede emotiva, una radice velenosa e qualcuno non coperto può essereingannato facilmente. Spesso il significato di certi nostri sogni e visioni, è parziale perché Dio lo staproteggendo nel Suo grembo: “e ti terrò come un sigillo, perché io ti ho scelto” dice il Signoredegli eserciti” (Aggeo 2:23b). Dio Padre ci ha scelto, è innegabile: dobbiamo mantenere, inmerito, una coscienza illuminata dallo Spirito Santo, una responsabilità degna e lucida,consapevole e retta. Dobbiamo saper attendere e avere piena fiducia del Suo operato. “Egli haformato il cuore di tutti” (Salmo 33:15a). Un’altra scrittura potente ci suggerisce: “Il Signore disse: ‘Ascoltate le mie parole. Se cisarà un vostro profeta, io, il Signore in visione a lui mi rivelerò, in sogno parlerò con lui”(Numeri 12:6). Le profezie, i sogni e le visioni sono sempre in stretto accordo; se vengono daDio, i messaggi insiti, non si disconfermano mai. Dio istruisce e informa il Suo popolo di continuo in diversi modi. E’ asserito inoltre: “Eglidà un premio a quelli che ama, mentre essi dormono” (Salmo 127:2b). “Quando ti coricherai,non avrai paura; starai a letto e il tuo sonno sarà dolce” (Proverbi 3:24). Molta gente si chiede: “Perché esiste la vita onirica nell’esistenza dell’essere umano?”Le persone genuinamente cristiane, quelle che leggono assiduamente la Parola, hanno larisposta spirituale più giusta. Il Padre vuole prepararci, informarci in svariati modi, perché laSacra Scrittura non è solo una storia bellissima che annuncia la salvezza eterna, ma èsoprattutto il Libro della Rivelazione divina e i simboli dei sogni e della Parola di Dio sonoperenni e universali. La Bibbia ci parla di ravvedimento, di recupero, della giustificazione, della redenzione,della restaurazione, della rigenerazione e continua santificazione dell’uomo caduto perché ilRegno, che Adamo aveva venduto al nemico, è arrivato con Gesù sulla terra. “Ravvedeteviperché il regno dei Cieli è vicino” (Matteo 4:17) ci dice con tanta passione il Maestro: “e quelliche ha predestinati li ha pure chiamati; e quelli che ha chiamati li ha pure giustificati; e quelliche ha giustificati li ha pure glorificati” (Romani 8:30). Pagina 9 di 19
  10. 10. Sandra Marinsalta LA CREATIVITA’ DIVINA DEI SOGNI BIBLICI “I saggi furono avvertiti in sogno” (Matteo 2:12) “Là vi sarà una strada maestra, una via che sarà chiamata ‘la Via Santa’; nessunimpuro vi passerà; essa sarà soltanto per quelli che seguiranno la ‘Via’; …. vi cammineranno iredenti” (Isaia35:8-9). Le tecniche per interpretare i sogni a livello scientifico sono metodi e procedimentiprecisi, quasi matematici. E noi umani di fronte al sogno, ci troviamo davanti ad unaoperazione che va risolta secondo le leggi e le regole dell’onirologia (scienza che tratta deisogni). Personalmente non m’interessano più, da qualche tempo in modo notevole, leinterpretazioni dei sogni che vengono solo dalla psiche, essa è terrena, spesso confusa,specialmente se si è sottomessa alla carne. Ora m’interessano prevalentemente i sogni chevengono dallo spirito che è risorto perché esso si è miracolosamente innestato e collegatoallo Spirito di Dio, alla Sua Volontà Suprema. Quest’assunto sovviene dal mio spirito quando realizzo e osservo che il mio tempio èentrato nel Tempio di Dio. E’ diventato UNO con il Redentore. Difatti nella preghierasacerdotale Gesù prega al Padre: “affinché siano UNO come NOI” (Giovanni 17:11); “perchévoi tutti siete UNO in Cristo Gesù” (Galati 3:28). In queste parole si ravvedono tanti significatispirituali profondi incontrastabili e inoppugnabili. Esistono svariatissime interpretazioni scientifiche in merito ai sogni che vengono dallapsiche, molto interessanti, ma esse non sono in conformità e allineamento con la Scrittura. Chilegge diligentemente la Parola con il cuore aperto e con gli occhi spirituali non ha più bisognodi questi metodi didattici, questi programmi schematici e riduttivi, specialmente coloro chevivono continuamente la Pentecoste. Questi procedimenti sono sicuramente un valido aiuto per i non cristiani ma i sogni chevengono dallo Spirito Santo non hanno bisogno di tanta interpretazione perché sono biblici. Quii messaggi che ci arrivano spesso sono chiari, concisi ed anche concreti, non si presentanoannunci coperti e traslati, sono segnali sereni e trasparenti. Le risposte che cerchiamo perdecifrarli sono nella Parola di Dio: investighiamola con coraggio e audacia. Come riconoscere e identificare un sogno che procede dallo Spirito Santo, unodall’anima (psiche) e uno che è intralciato dal nemico? 1 - Primariamente dovremmo chiedere Guida divina al Padre della Luce. Nel senso che ci dobbiamo affidare allo Spirito Santo, lasciarci condurre con fiducia, con tutto il nostro essere. 2 - Dobbiamo vivere in profondità la Parola di Dio, ben radicati e saldi e aggrapparci continuamente alle promesse di Dio. 3 - Le rivelazioni dello Spirito Santo, le Sue parole, le visioni, le trame del sogno inviate al nostro spirito, devono corrispondere e coincidere armoniosamente con la Parola di Dio (Gesù Figlio di Dio), con la Parola fatta carne (Gesù Figlio dell’Uomo) e con il Logos diventato Rhema attraverso le rivelazioni dello Spirito Santo. Queste preziosissime dimensioni si devono incontrare, intrecciare e fondere per una conferma continua. Per sapere con certezza se siamo guidati dallo Spirito Santo, dobbiamo confrontare,giudiziosamente, ogni atteggiamento, ogni parola, ogni pensiero, ogni nostra scelta con i Pagina 10 di 19
  11. 11. Sandra Marinsaltaprincipi e i decreti della Scrittura. Per i battezzati nello Spirito Santo questo compito èabbastanza semplice e spontaneo. Sappiamo di essere nello Spirito di Dio. Sappiamo che imetodi terreni possono evolvere o regredire ma le leggi di Dio, i principi dell’Eterno, MAI:ESSI SONO PERFETTI ED ETERNI. Dobbiamo collaborare e dipendere dallo Spirito Santo ed eleggerLo nostro Maestro,nostra Guida Suprema. Inoltre le visioni e i sogni che vengono da Dio portano una gioia grande(la gioia del Cielo non della terra) ed in più sono straordinariamente colorati. Dio Padre èanche colore. Dovremmo scrutare e considerare, con fiducia, i sette colori dell’arcobaleno, icolori biblici. I colori della salute mentale e spirituale. Sono colori principe. Mentre i colori: nero, marrone e grigio sono i colori della depressione in genere. Unassunto che vale anche per i sogni. A tale proposito, sono state fatte molte ricerchescientifiche, anche sui bambini, che lo confermano ampiamente. Questi sono i primi elementi per discernere. L’ ARCOBALENO BIBLICO CI INSEGNA Abbiamo detto che l’Eterno ha usato l’arcobaleno come veicolo, come ponte, cometramite, nella Sua Parola, per parlarci del Suo maestoso Patto operato con tutta la Suaumanità e la terra: “L’ arcobaleno dunque sarà nelle nuvole e io lo guarderò per ricordarmi delpatto perpetuo fra Dio e ogni essere vivente” (Genesi 9:16). Ezechiele paragona l’immagine della gloria di Dio all’arcobaleno (cf Ezechiele 1:28).Giovanni vede, più volte, l’universo spirituale contrassegnato dall’arcobaleno (cf Apocalisse4:3;10:1). Ricordiamo con enorme piacere che la sintesi dei sette colori dell’arcobaleno è ilbianco. Non dimentico che quando frequentavo le scuole medie e il professore di scienze ci feceosservare un esperimento importantissimo per me già allora. Aveva in mano una ruota dicartone pitturata con tutti i colori dell’arcobaleno, la faceva girare velocemente con unamacchina speciale e come la ruota girava, i colori diventavano bianchissimi. Quando la ruota sifermava, ricomparivano tutti i colori dell’arcobaleno. Il fenomeno alquanto prodigioso non èsolo spirituale, è anche scientifico. I bellissimi colori dell’arcobaleno sono sette: rosso, arancio, giallo, verde, azzurro,indaco e viola. Sono i colori più incantevoli e ridenti della natura. La luce che illumina la terra ècostituita da questi sette colori. La meravigliosa luce regale che ci invia lo Spirito Santo èformata dai succitati colori: “grazia a voi e pace da colui che è, che era e che viene, dai settespiriti che erano davanti al suo trono” (Apocalisse 1:4). Le lampade che si trovano di fronte al Trono di Dio sono sette (cf Apocalisse 4:5).Rappresentano le sette manifestazioni dello Spirito di Dio che conosciamo. Da sempre sette è ilnumero del riposo, della completezza, della pienezza e della perfezione. Nella Bibbia questonumero lo troviamo assiduamente (735 volte). Per il delicatissimo lavoro di discernimento spirituale, sopra descritto, dovremmocontemporaneamente pregare molto, meditare la Parola e chiedere allo Spirito Santo l’intendimento divino e la sapienza che viene dall’Alto. “Daniele aveva il dono di interpretareogni specie di visioni e di sogni” (Daniele 1:17); il grande profeta biblico pregava, digiunava eleggeva con perseveranza i rotoli sacri (9:1-3). Pagina 11 di 19
  12. 12. Sandra Marinsalta Daniele era un essere integralmente e interamente eletto, il Cielo lo chiama: “Daniele,uomo molto amato” (10:11). Il suo cuore era ispirato dallo Spirito di Dio. Il suo spiritopersonale era collegato costantemente con l’ Eterno. Noi comunichiamo con il mondo materialeper mezzo del corpo e dell’anima con tutte le loro innumerevoli proprietà e abilità. Invececomunichiamo con l’universo spirituale per mezzo del pregiatissimo spirito. I libri accademici ci comunicano che il sogno con tutte le sue peculiari caratteristiche èuniversale e per tutte le culture spirituali è un messaggio inviato dal loro Dio. ”Saul consultòl’Eterno, ma l’Eterno non gli rispose né tramite i sogni, né mediante l’urim, né per mezzo deiprofeti” (1 Samuele 28:6). Questo passo molto triste, riguardo alla vita del re Saul che avevadisubbidito a Dio e non si era ravveduto sinceramente, ma molto istruttivo per chi leggeaccuratamente e scrupolosamente la Parola, ci suggerisce che a quel tempo i sogni erano comele profezie e le rivelazioni da Dio. Anche il termine urim significa rivelazione, verità e luce. ALCUNI STUDI SCIENTIFICI Esiste una notevole differenza tra sogni onirici e visioni. I sogni sono i più conosciuti eanche i più frequenti nelle persone. E’ pressoché impossibile non sognare: è un bisognofisiologico molto importante per il benessere umano in generale. Difatti scienziati medici ericercatori, di questo interessante settore, hanno dimostrato e confermato ampiamente larilevanza della vita onirica per la salute mentale e psicologica dell’essere. In alcuni esperimenti scientifici, i neurologi ricercatori, toglievano parzialmente ocompletamente negli individui presi in esame, l’attività onirica e costatavano che trascorso deltempo in questo stato essi andavano incontro a squilibri mentali. Quest’aspetto ci fa rifletteremolto sull’importanza di questo fenomeno umano a livello fisiologico ed anche spirituale. La scienza medica neurofisiologica ha accertato, da ottanta anni circa a questa parte,con macchinari ricercati ed esperimenti accurati, che noi esseri umani sogniamo tutte le notti;produciamo da quattro a cinque sogni ogni notte circa, dipende anche dalle ore di sonno edall’età anagrafica. La mente con il sogno onirico si ristora, elimina scorie psichiche, tossine psichicheaccumulate durante la giornata appena trascorsa. Con la scoperta della fase REM (Rapid EyeMovement: movimento oculare rapido), è stato dimostrato scientificamente, che gli esseriumani sognano attraversando, ogni notte, delle fasi particolari descritte accuratamente neilibri scientifici accademici. L’attività onirica avviene quando il sonno è più profondo come descrive anche il libro diGiobbe e come asserisce copiosamente oggi la ricerca scientifica. Ci sono persone che dicono dinon sognare per niente, il motivo è che non ricordano e anche perché non sono ben aggiornatein questo interessante ambito e su quello che accade all’essere umano nella sua interiorità. Alcuni non ricordano perché non prestano attenzione a questa misteriosa e avvincentemanifestazione della vita personale. “Prestare attenzione a un fenomeno attiva il fenomenostesso”: un aforisma pratico molto aderente e pertinente per la vita onirica. Durante gli esperimenti soggetti adulti, agganciati a dei sensori speciali, erano svegliatidurante le fasi del sogno (sonno Rem), precisamente durante la fase del “sonno profondo”,fase del movimento oculare rapido e nell’80% dei casi i soggetti dichiaravano di aver sognatointensamente. Gli occhi, dietro le palpebre, nel momento del sogno, si muovono andando Pagina 12 di 19
  13. 13. Sandra Marinsaltaavanti e indietro come se stessero assistendo alla scena di un film e il battito del cuore ènotevolmente più accelerato, anche l’attività psicogalvanica è leggermente alterata in queifrangenti. I sogni onirici, anche se sono investigati ampiamente dalla scienza medica, sonoesperienze personalissime, i nostri pensieri sono come tradotti in immagini e simboli:linguaggi universali. Qui si tratta di un segreto da svelare perché tutto l’essere umano è unmistero grande. Sono sorpresa nel sentire che cultori della Parola spesso non parlano bene dei sogninotturni, forse per paura; invece questa facoltà umana è sicuramente un grande dono o“favore” che ci ha fatto l’Onnipotente. Un dono che si deve investigare con correttezza eonestà. Anche chi fa ricerca scientifica secolare, deve sapere fermamente che quello che noncomprendiamo poggia sul mistero, altrimenti si va incontro a grosse problematiche. Ogni notte, le persone, vivono quattro o cinque fasi di sonno distinte, di circa novantaminuti ogni fase: in ognuno di questi periodi avviene un sogno onirico. La ricerca scientifica haaccertato che il primo sogno della notte dura circa dieci minuti, il seguente sogno venti minuti,cosi via, fino ad arrivare a quello della mattinata che dura circa quaranta o quarantacinqueminuti. Quest’ultimo sogno della notte è il più lungo, più profondo, più ricco di emozioni, disensazioni, per questo è quello che si ricorda più facilmente. La trama del sogno è consideratauna gradevole lettera che viene “inviata” alla nostra coscienza dal nostro essere più profondo(inconscio). I sogni onirici sono abbastanza facili da comprendere per chi ha fatto un training dimeditazione sui simboli e conosce bene il linguaggio delle parabole. E’ favorito chi osservaaccuratamente il mondo circostante: regno minerale, vegetale, animale ed etico-umano. E perchi è dotato di una curiosità acuta e originale. Rilevante è la “testimonianza interiore” che ciporge il fratello cui abbiamo interpretato il sogno. Essi contengono significati metaforici, sovrapposti, tracce di storie diversificate, valoriantichi e moderni. Le trame dei sogni sono spesso delle incredibili storie, hanno in genere uninizio, una dinamica, abbastanza lunga e una lisi ovvero una conclusione. Un sogno onirico si può interpretare anche in settanta modalità, ma la direzione,l’indirizzo delle metafore e dei simboli ovvero la spiegazione psicologica e pedagogica è sempreorientata verso lo stesso “sentiero clinico”: l’inclinazione e la “tendenza” sono simili. Si puòcambiare il metodo d’interpretazione del sogno stesso ma il suo messaggio, la suaattualizzazione e il suo indirizzo sono di solito gli stessi. Il simbolo contiene significati immensi,stratificati, il discorso razionale al paragone è limitato. Da esso si evince se vive, in quella determinata persona, presa in esame, una sorta dipatologia psicologica o psichiatrica, qualunque sia il metodo onirico di approccio clinico, essa sievidenzia in modo abbastanza chiaro comunque. Attraverso un sogno o una serie di sogni sipuò vedere se una persona soffre di problemi psichiatrici, psicologici e sociali e quant’altro,dove è arrivato il soggetto in esame con il suo progresso evolutivo, la sua crescita emozionale,nonché LA SUA CRESCITA SPIRITUALE. Con una serie di sogni si può rilevare, anche se il soggetto in esame, gode di ottimasalute e benessere in tutti i campi della sua vita. E’ confortante sapere che nel contenutodella traccia del sogno, il pensiero dell’individuo agisce come se andasse alla ricerca diaccorgimenti, espedienti, attraverso i quali possono collegarsi all’idea del BENE. Lode alCreatore! E’ interessante conoscere dove è arrivata la scienza medica nella sua ricerca, dei prodiginaturali della persona. Questa dissertazione è sicuramente avvincente ma sappiamo che essa è Pagina 13 di 19
  14. 14. Sandra Marinsaltaparecchio parziale per noi cristiani nati di nuovo; manca l’essenziale, manca il discernimento,l’intendimento, l’intuizione dell’ “uomo interiore” (Efesini 3:16). Manca il CENTRO che è ilCRISTO, non l’uomo. Quando l’essere umano vive con grazia il “CRISTO DENTRO DI ME”questa assenza la constata fortemente. DISTINGUERE SOGNI E VISIONI Per comprendere i sogni e le visioni in un modo esclusivamente spirituale dobbiamoleggere molto la Sacra Scrittura, abbiamo detto, specialmente le parabole che ci ha regalatoGesù, perché così assorbiamo e assimiliamo facilmente le leggi spirituali dell’illustrazione edelle similitudini usate da Gesù il Maestro dei maestri. Mentre le visioni le producono solo una cerchia ristretta di persone, dicono i grandi servie serve di Dio che hanno ricevuto il dono di comprendere la vita onirica e le visioni dellepersone, come gli antichi saggi della Bibbia. Visioni e sogni spirituali-biblici ci fanno intenderemaggiormente il piano di Dio Padre Onnipotente e la Sua Natura. Le visioni si distinguono dai sogni onirici perché avvengono generalmente da svegli;sono chiare, distinte e dirette, molto, molto eloquenti e significative. Quando arriva una visionebiblica, subito si avvertono il potere e l’amore dello Spirito Santo: Gesù Cristo, nella Suagrande misericordia, desidera condividere la bellezza del Suo Regno con noi. Esse non hannomolto a che fare con i sogni perché sono più intense e reali, sono molto evidenti, non lascianonessun dubbio. Nelle visioni ci sono meno metafore e più particolari rispetto ai sogni onirici, esse sonopiù condensate e nitide. Nel settore spirituale si presentano con molte differenze individuali. Levisioni hanno insito un messaggio molto grande per la propria vita spirituale e quella degli altri.Molto spesso le persone ci raccontano che sono, in quei secondi, come in estasi. Ci riferiscePietro a tale proposito: ”Io ero nella città di Ioppe in preghiera e, rapito in estasi, ebbi unavisione” (Atti 11:5). Le visioni possono arrivare anche all’interno di un sogno, com’è avvenuto al profetaDaniele, in questi casi bisogna saperle riconoscere, distinguere. Daniele ricevette delle visionidentro un sogno: “Daniele ebbe un sogno, mentre era a letto, ed ebbe delle visioni nella suamente” (Daniele 7:1). La modalità la decide lo Spirito Santo perché tutto dipende dalla finalitàdella visione. Qualche volta lo Spirito Santo ci dà subito il significato della visone stessa. Altrevolte, dall’Alto è indicato di attendere, ai figli di Dio, per la progressione del significato. Molto spesso avviene un improvviso rapimento dello spirito, specialmente quando icontenuti della visione sono tutti del Regno, come nel mio caso. Mentre le immaginiassomigliano alle visioni solo che sopraggiungono quando si è completamente svegli con occhiaperti, molto spesso durante la predicazione della Parola di Dio e durante le “parole diconoscenza”. Sono tutti doni dello Spirito Santo. ”Ora a ognuno è data la manifestazione delloSpirito Santo per il bene comune” (1Corinzi 12:7). Le scienze umane come la neurologia e la psichiatria ci informano che in linea generalenon si sogna per nulla appena s’incomincia a dormire, s’inizia a sognare solo dopo almenotrenta minuti circa dall’inizio del sonno. So per esperienza che non tutti verificano questaprocedura, compresa la sottoscritta che incomincia a sognare immediatamente con l’arrivo delsonno e che ricorda spesso un suo sogno anche se dorme solo dieci secondi. A tale proposito un servo di Dio avendo fatto studi accurati in questi settori, ha asseritoche la manifestazione (diversamente da quello che dice la scienza) è possibile ma avviene solo Pagina 14 di 19
  15. 15. Sandra Marinsaltase una persona abiti in una profonda vita interiore, il suo ego è stato sostituito con il Cristo.Quando il credente ha separato diligentemente l’uomo psichico da quello spirituale, ha dato laGuida giusta, ha collocato lo spirito al centro della sua vita, ha “incontrato” dentro di sé l’Unità,il Divino, il Cristo, l’Eternità. In passato avevo cercato assiduamente spiegazioni nelle scienze umane, per questamia peculiare fenomenologia che vige in me da sempre, ma non ne ho trovate. Ora sonoabbastanza soddisfatta di questi precisi insegnamenti, inoltre nel mio ambiente attuale conoscoalcune persone che vivono tranquillamente questa simpatica caratteristica spirituale. I processi, della vita onirica, derivano in massima parte dall’attività dell’emisferocerebrale destro. Studiosi e ricercatori sul sonno e sogno hanno scoperto che vi è una peculiaredifferenza nella generazione delle onde alfa degli emisferi destro e sinistro di un cervellonormale; ulteriori ricerche indicano che le due metà sono specializzate in due tipi diversi dipensiero. L’emisfero sinistro si specializza in attività numeriche, verbali, lineari, logiche escientifiche, mentre quello destro in quelle artistiche, spaziali, non lineari, emozionali, intuitivee persino spirituali. A queste ultime attività dell’emisfero cerebrale destro è annoverato ancheil sogno onirico poiché i sogni sono “visivi”, non razionali, pre-verbali, molto creativi. Essi sonobasati sul pensiero associativo, inoltre non ricorrono a sequenze spazio-temporali logiche. E’ importante rilevare che l’emisfero cerebrale sinistro comanda la nostra parte destra eviceversa. Alcune persone usano molto di più uno dei due emisferi. Comunque l’individuocompleto è colui in grado di utilizzare tutto il suo potenziale emisferico, chi usa entrambi gliemisferi cerebrali con saggezza, sia le capacità razionali, pragmatiche sia quelle intuitive espirituali. Se vogliamo raggiungere un equilibrio esistenziale ideale, ottimale, dovremmo saperutilizzare con facilità e armonia tutto quanto Dio Padre ci ha donato. E’ bene sapere che gli esseri umani sono equipaggiati di sensi fisici, sensi psichici esensi spirituali. I sensi fisici li conosciamo tutti, s’incominciano a studiare e a elencare durantela scuola elementare. In genere, per la scienza medica, i sogni notturni sono “generati” daisensi psichici; nel senso che essi vengono dalla psiche (anima = dal greco psiche). Mentre i sensi spirituali sono menzionati e connotati come i canali dello Spirito in noi. Icristiani hanno aperto le antenne per i sensi spirituali dell’udito, dell’olfatto, della vista, deltatto, del gusto. Le persone attente e unte nello spirito hanno il giudizio e l’intendimento spirituali piùgiusti per dare il taglio adeguato nel separare con grazia e garbo quello che viene dall’animae quello che viene dallo Spirito. ”Infatti, la parola di Dio è vivente ed efficace, più affilata diqualunque spada a doppio taglio, e penetrante fino a dividere l’anima dallo spirito, le giunturedalle midolla; essa giudica i sentimenti e i pensieri del cuore” (Ebrei 4:12). La separazione fra l’anima e lo spirito è indispensabile per entrare nella vita spiritualeglobale: è biblico. I credenti che non sono più carnali devono arrivare a possederla non piùa livello di lettura o conoscenza ma mediante l’esperienza diretta e personale. Come vediamo èLA PAROLA SANTA CHE CI CHIEDE DI DIVIDERLI. Solo Dio con la Sua Parola ci aiuta a farlo. Alcuni agenti acquisiti dall’anima possono dare inquinamento e di conseguenza farassopire il nostro spirito, specialmente se essa è sottoposta alla carne; ma quando abbiamosperimentato questa speciale e necessaria divisione la nostra comunione, la nostra coscienza,la nostra capacità intuitiva (funzioni dello spirito), aumentano moltissimo. Lo Spirito Santodivide, per farci comprendere le leggi di Dio, MA POI RIUNISCE. Pagina 15 di 19
  16. 16. Sandra Marinsalta Il nostro Consigliere, il nostro Paracleto abita nel nostro essere perciò le Sue istruzionici vengono dall’interno. Dobbiamo cercare la guida sempre interiormente. Guidare in ebraicosignifica illuminare, brillare, scintillare. Quando i sogni, le visioni e le immagini bibliche vengono dallo Spirito Santo, c’è unappuntamento, un incontro divino tra lo Spirito di Dio e il nostro spirito. Le nostre profondità siagganciano a quelle di Dio. Si compenetrano. E’ glorioso! I cristiani che sono arrivati a questamaturità spirituale hanno ricevuto una benedizione speciale dall’Alto; hanno raggiunto nel lorocuore la sapienza dell’ uomo interiore descritto da Paolo nelle sue lettere. Io in Cristo; Cristoin me. Nel libro di Giobbe è spiegato che Dio Padre ci parla anche attraverso i sogni e le visioniper salvarci, proteggerci e consolarci, ma Lui vuol darci molto più di questo. Procedendoattraverso il nostro processo di crescita e protezione, quando ci sopraggiunge un sogno o unavisione, specialmente se essi sono squisitamente spirituali-biblici, siamo portati a pensare checi debba essere un valido motivo, per cui Dio Padre ce li ha consegnati. La nostra personalespiegazione spirituale dipende (aiutati dallo Spirito Santo) dal tipo di periodo di prova o dideserto o burrone o valle oscura che stiamo attraversando. Personalmente, camminando appartata nella valle delle lacrime, mi sono chiesta piùvolte: “come è possibile che mi stia succedendo tutto questo: Tu oh Dio mi hai donato la fede,mi hai dato delle parole profetiche, delle visioni di luce grandiose, delle immagini e dellerivelazioni bibliche bellissime, ma nella mia vita sta succedendo esattamente il contrario diquello che mi hai promesso! Perché Padre mio? ” Ora so, dopo tanti studi biblici, letture, meditazioni e convivenze con lo Spirito Santonella valle del pianto, che vivere questo singolare processo è soavemente scritturale. Bastaricordare tutta la storia di Giuseppe e i suoi fratelli, a lui è successo di vivere, per lungo tempo,il contrario di quello che desiderava e di quello che raccontavano i suoi sogni e di quello cheaveva pianificato l’Eterno per la sua vita connessa alla grande missione del suo popolo. Giuseppe nella sua fede forte e genuina quante volte avrà gridato all’Eterno: ”Perché mista succedendo l’esatto contrario di quello che mi hai promesso?” Ma la sua enorme fiducia inun Dio grande e potente l’ ha reso paziente, saldo e risoluto con un carattere spirituale fortecome voleva l’Eterno. I suoi sogni sono morti, sono transitati insieme con lui nella fossa, nellavalle oscura e lo Spirito di Dio, sempre vigile, li ha autenticamente e spontaneamente risorti.Ci troviamo di fronte ad uno dei tanti decreti, assetti, disposizioni e linguaggi dello SpiritoSanto. Come sempre vorrei prendere spunto dalla santa Parola: ”Giuseppe fece un sogno, elo raccontò ai suoi fratelli; allora questi lo odiarono più che mai. Egli disse loro: ‘Ascoltate, viprego, il sogno che ho fatto. Noi stavamo legando dei covoni in mezzo ai campi, ed ecco il miocovone si alzò e restò diritto; i vostri covoni si radunarono intorno al mio covone e gli siinchinarono davanti’. Allora i suoi fratelli gli dissero: ‘Regnerai forse tu su di noi o cidominerai?’. E lo odiarono ancora di più a causa dei suoi sogni e delle sue parole.” (Genesi37:5-8). I fratelli di Giuseppe sapevano benissimo che quei covoni avevano a che fare con loro. Aquel tempo i sogni erano come diamanti rari che procedessero dal Cielo. Il fatto potevasembrare già clamoroso ma se leggiamo il versetto nove vediamo che Giuseppe fece un altrosogno e lo raccontò ai suoi fratelli dicendo: “Ho fatto un altro sogno! Il sole e la luna e undicistelle s’inchinarono davanti a me” (Genesi 37:9). La nostra inclinazione naturale è complicare ilsogno, amplificarlo nel comprenderlo, ma più lo rendiamo esteso, più difficile sarà capirlo.Dobbiamo ridurlo nella sua forma naturale più semplice e agevole. I fratelli capirono anche che i loro sforzi si dovevano piegare, vanificare davanti aGiuseppe; ma la cosa più sorprendente è che circa quindici anni dopo il grano è la veramotivazione che li ha fatti andare in Egitto e incontrarsi con lui dopo averlo venduto. Pagina 16 di 19
  17. 17. Sandra Marinsalta A causa di questo grano, i fratelli, s’inchinarono tutti al cospetto del viceré dell’Egitto(Giuseppe). Lui ancora non sapeva esattamente questo a quel tempo ma i fratelli capirono lavera essenza di quel sogno: “noi ci dovremmo inchinare a te, i nostri sforzi saranno tutti per latua gloria e il tuo onore! No, di certo”. I killer di quei sogni, quindi, incominciarono a fermareGiuseppe; ma la Mano di Dio Onnipotente non si può fermare o bloccare. Difatti, quandoarriviamo al significato dell’adempimento personale dei sogni di Giuseppe, realizziamo il perchél’Eterno gli abbia dato il sogno o la visione del grano e non di un’altra cosa. L’Onnipotente usa anche i dettagli del sogno per portarlo a un compimento totale. InGiuseppe tutto si è adempiuto perfettamente. Solo dopo la realizzazione dei sogni spirituali eratutto molto chiaro per lui. Così è per tutti i figli di Dio. Per ogni sogno, visione o profezia chericeviamo, più grande è la chiarezza, maggiore è il costo, nel senso che Dio Padre ci mettecontinuamente alla prova duramente. In altre parole prima che la grande promessa, insita nel sogno profetico, si realizzidovremmo vivere una grossa esperienza di dolore, di rifiuto e di umiliazione profonda che siqualifica come l’esatto contrario di quello che ci ha promesso l’Eterno a Suo tempo. Durante il tragitto, dell’affascinante storia biblica, Giuseppe ha spiegato altri sogniprofetici fino a decifrare e illustrare il sogno specifico del faraone che lo avrebbe portato adiventare viceré d’Egitto. Qualcuno può chiedersi: ma come ha fatto Giuseppe a essere cosìchiaro, conciso e soprattutto profetico nell’esaminare quel sogno? Ogni volta c’è stata la rivelazione dello Spirito Santo. “Giuseppe rispose al faraonedicendo: ”Non sono io, ma sarà Dio che darà al faraone una risposta favorevole” (Genesi41:16). Replica straordinaria degna di un figlio di Dio. I nostri desideri dovrebbero essere i desideri che l’ Eterno ha per noi. La Sua volontàdovrebbe essere anche la nostra. Prima che la grande promessa biblica si avveri, succederà achiunque l’ ha abbracciata con coraggio e sottomissione a Dio, di vivere una situazionecontrapposta, con grande amore e dolore per la prova stessa. Dietro la montagna dolorosa c’è una grande luce, c’è la gloria di Dio Padre che ciaspetta. Le cadute fanno parte del processo e dello sviluppo dell’andamento. “Tutti i sentieridel Signore sono bontà e verità per quelli che osservano il suo patto e le sue testimonianze”(Salmo 25:10). Anche i nostri sogni onirici e le nostre visioni spirituali appassiscono, muoiono erifioriscono con noi, ci danno indicazioni, avvertenze pregiate che dobbiamo saper cogliere conla conoscenza spirituale. Essi risorgono meravigliosamente solo se seguiamo attentamentee diligentemente con amore tutte le ordinanze della Parola. “La luce spunta nelle tenebre pergli onesti, per chi è misericordioso, pietoso e giusto” (Salmo 112:4). Questo succede perché, non solo Gesù ci sta cogliendo ma perché noi stiamoafferrando le sacre e preziosissime promesse della Bibbia. Essa contiene migliaia di promessee noi le dobbiamo abbracciare tutte, le dobbiamo proclamare tutte. Personalmente le desiderotutte e l’ annuncio tutte con perseveranza. Tutte le cose cooperano al bene: questa grande promessa biblica è anche per me. E’amore divino. Non possiamo scappare da questo tipo di amore. E’ un esemplare di amore cheDio Padre dimostra a noi Suoi diletti figli costantemente. La nostra preghiera quotidiana è divittoria assoluta. “Io ti darò i tesori nascosti nelle tenebre, le ricchezze riposte in luoghisegreti, affinché tu riconosca che io sono il Signore che ti chiama per nome, il Dio d’Israele”(Isaia 45:3). Non dobbiamo mai smettere di sognare. Pagina 17 di 19
  18. 18. Sandra Marinsalta MESSAGGI PROFETICI NELLE VISIONI DI LUCE “I cieli si aprirono, ed io ebbi delle visioni divine” (Ezechiele 1:1) L’ Eterno mi proteggeva, ero e sono sotto il Sangue di Cristo, Lui mi aveva vestita conun vestito spirituale nuovo, ero avvolta e protetta dal Sangue dell’Agnello di Dio, ero permeatae vestita di luce. A livello spirituale ero una donna risorta, la mia carne era morta, le mievecchie aspirazioni erano sepolte, ero una nuova creatura, la mia volontà era ed è lavolontà di Dio Padre. Il mio spirito ancora bambino cresceva splendidamente, lo nutrivo tutti igiorni con il pane di Gesù. Ero consapevolmente redenta. Nel Sangue di Gesù c’è un’infinita emisteriosa potenza. Ricevo una visione notevolmente confortante, sono nel mio letto, sveglia con gli occhi chiusi, è l’alba, di colpo vedo il volto di me stessa illuminato a un metro e mezzo di distanza. Un volto rinnovato, molto disteso, tranquillo e rilassato. Nonostante le malattie mi sento compenetrata dalla pace di Gesù. Improvvisamente dagli occhi chiusi vedo uscire una luce bianca immensa, si muove con eleganza e stile, è sfolgorante (non terrena) con grandi e lunghi raggi che potevano vedere solo i miei occhi spirituali. E’ una delizia, una festa divina, una sorpresa immane, una gioia santa molto lunga: “Allora i giusti risplenderanno come il sole nel Regno del Padre loro” (Matteo 13.43). Ero immersa in una quiete beata. Dio Padre Onnipotente sapeva bene che non potevo piangere con gli occhi fisici ma solocon il mio cuore, con la mia anima e il mio spirito. Non producevo lacrime e questo era moltodoloroso e frustrante; un residuo fastidioso dell’intervento chirurgico. Che prezzo stavopagando! Gesù Cristo, mio migliore amico, mio compagno celeste, mi conosce perfettamente perquesto mi ha fatto questo grande regalo. Questa era una visione che veniva dallo SpiritoSanto, non ha bisogno di spiegazioni elaborate, non occorrono, la matrice è divina: “ma orasiete luce nel Signore” (Efesini 5:8) dice Paolo con amore. Come m’incoraggiava e mitranquillizzava il Consolatore! Che Gentiluomo, che Artista, che Sapienza divina! Egli misorprende continuamente. “Ma tutte queste cose è l’unico e il medesimo Spirito che le operadistribuendole a ciascuno come vuole” (1Cor.12:11). Ho ricevuto questa visione diverse volte, si differenziava solo nel colore della luce, avolte essa è celeste chiaro, indaco o solo bianca. Alcune notti successive vedo in visione, con gli occhi chiusi, la scatola, dove ripongo l’aloe per gli impacchi agli occhi. Le dimensioni della scatola sono di circa venti centimetri di diametro; essa si presenta subito, davanti al mio essere come un fulmine, tutta illuminata di luce bianchissima, non statica ma essa danza e vibra molto lentamente con grazia davanti al mio volto. Sembra un diamante non terreno. Non riesco a descrivere l’armonia dei movimenti. E’ tutto inenarrabile, non completamente accessibile. Inizialmente sembra il sole a mezzogiorno, ma poi diventa più grande e diversa del sole. Sono i sensi spirituali che vedono, gli occhi psichici e fisici si accecherebbero. I raggi colpiscono le mie mani, il mio viso, i miei sensi spirituali, ancora una volta stupiti per questo raro fenomeno. La luce divina riempie di beatitudine traboccante il mio cuore. Difatti questa luce beatissima irradia ovunque poi m’invade nell’intimo. E’ una Pagina 18 di 19
  19. 19. Sandra Marinsalta visita dello Spirito Santo. Sono sempre stupita, anche se il Signore mi ha donato cinquemila e cinquecento visioni di luce circa. Benedetto sia l’Eterno. Questi eventi prodigiosi mi hanno fatto pensare ancora una volta alla “perfettaguarigione” che aspettavo con pazienza. Nello stesso giorno sento, attraverso la televisionecristiana, un pastore profeta che racconta che ha ricevuto dallo Spirito Santo delle visioni dimiracoli creativi che stanno avvenendo in tutta la terra. Per me era la conferma divina cheaspettavo. Lo Spirito Santo ha una Sua volontà ed è sempre il protagonista dell’universo e delcosmo. Dopo sette anni di attesa, le lacrime sono tornate senza nessuna cura medica. Chemeraviglia! La visione era profetica. Dio Padre ha solennemente premiato la mia fede, la miagrande calma e pazienza. Non servono altri commenti. “Abbiate in mente le cose di lassù, nonquelle che sono sulla terra” (Colossesi 3:2), ci suggerisce Paolo di Tarso. La lettura continua della Sacra Parola era per me un bisogno immenso; incredibile per lagente profana. Che letizia, che gioia sapere e costatare che la Parola non inganna mai. La Parola diDio non crea mai confusione, edifica, conforta, educa, chiarisce, separa ciò che è vile da ciòche è santo. Provo costantemente un amore immenso per lo Spirito Santo e soffro terribilmente, ilmio cuore sanguina, quando mi accorgo che qualcuno lo rattrista; Gli chiedo scusa per mestessa e per l’offesa che sta ricevendo da un mio simile. “Perché la nostra momentanea,leggera afflizione ci produce un sempre più grande smisurato peso eterno in gloria, mentreabbiamo lo sguardo intento non alle cose che si vedono, ma a quelle che non si vedono; poichéle cose che si vedono sono per un tempo, ma quelle che non si vedono sono eterne” (2Corinzi4:17-18). Quando conosciamo lo Spirito Santo personalmente, vediamo di là del processotemporale: “Egli svela le cose profonde e nascoste; conosce ciò che è nelle tenebre, e la luceabita con lui” (Daniele 2:22). Loderò il Signore Gesù finché vivrò, salmeggerò e adorerò ilmio Dio finché esisterò. Non tornerò mai indietro. Ricordo costantemente il seme che da sé germoglia e si sviluppa. Spiega Gesù ilMaestro: “Il Regno di Dio è come un uomo che getti il seme nel terreno, e dorma e si alzi, lanotte e il giorno; il seme intanto germoglia e cresce senza che egli sappia come. La terra dase stessa dà il suo frutto: prima l’erba, poi la spiga, poi nella spiga il grano ben formato”(Marco 4:26-28). Il Cielo e la terra sono sempre legati, uniti: ecco un’altra spiegazione del simbolodell’arcobaleno. Difatti il contesto di questa parabola è agricolo ma la musica e il canto è delCielo. Qui sulla terra ogni suono dell’adorazione al Redentore proviene dal Trono. Nondobbiamo mai dimenticare che l’adorazione, fatta nello spirito, promuove la presenza di Dio.Amen. “In Lui era la Vita, e la vita era la luce degli uomini” (Giovanni 1:4) Sandra Marinsalta 07/08/2009 Pagina 19 di 19

×